Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Fama e fortuna” – T. M. Smith

T M Smith (2)

Titolo: Fama e fortuna
Autore: T. M. Smith
Serie: All Cocks #2
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Fama e fortuna

SINOSSI

Victor Dimir si è trasferito in America assieme ai propri genitori, quando era ancora un bambino. Sua madre e suo padre, entrambi rumeni, gli hanno insegnato il valore delle tradizioni e al tempo stesso gli hanno mostrato come diventare un accorto uomo d’affari. Ma sono state le attenzioni rivoltegli da un compagno di scuola, a far conoscere a Victor la propria sessualità. Quando ha deciso di fare coming-out con i suoi genitori, sapeva che non sarebbe stato facile, ma non si aspettava di certo che l’avrebbero addirittura disconosciuto.
Andrew Jones è cresciuto con una madre single e con la nonna, che gli hanno insegnato a vivere, nonostante un padre assente. In effetti, l’unica cosa buona che quell’uomo ha fatto per Andy è stato di comprargli una videocamera, per il tredicesimo compleanno. Quando Andrew parte per il college con una borsa di studio, per studiare fotogiornalismo, finisce per innamorarsi del proprio compagno di stanza rumeno.
I due diventano inseparabili, e cominciano un’attività insieme: un sito internet dedicato al porno gay, dove la gente sarebbe andata a guardare del porno romantico, invece del solito schifo che imperversava su internet a quel tempo. Dopo dieci anni insieme, Andrew e Victor sono ancora perfettamente felici, inconsapevoli però che manchi loro qualcosa, fino a quando non incontrarono un giovane uomo spezzato, in cerca di una famiglia.
Matthew Carlson non ha un tetto sulla testa, non ha un lavoro, ed è un uomo distrutto. A sedici anni è scappato di casa, dopo essere stato brutalmente violentato da diversi ragazzi che aveva creduto amici, e dopo essersi sentito dire dai genitori che tutto quel che era successo era stato a causa sua e del suo essere gay. Matthew negli ultimi anni ha fatto un sacco di cose diverse pur di sopravvivere, così, quando trova un volantino di All Cocks, decide di scoprire dove lo porterà. Cos’ha da perdere, dopotutto? Matthew ha delle cicatrici profonde, non visibili alla maggior parte delle persone, ma quando entra in All Cocks, sia Victor che Andrew riescono a vedere il buio nei suoi occhi. Possono anche vedere lui.
È possibile per tre uomini, che prima non sapevano quanto avessero bisogno l’uno dell’altro, superare il pregiudizio della società e trovare la loro felicità insieme?

Evelyne2

Matthew, Andrew e Victor sono i protagonisti di “Fama e Fortuna”, secondo volume della serie “All Cocks”. Chi ha letto “Gay for pay” conosce i personaggi di cui sto  parlando e si sarà già fatto un’idea delle loro personalità e dei sentimenti che li legano. Qui scopriamo come la loro relazione ha avuto inizio.
Conosciamo Andrew e Victor, che ancor prima di conoscere Matthew erano una coppia affiatata, impegnata nella gestione del loro sito porno. Sapevo che il personaggio di Andrew mi sarebbe piaciuto molto e non sono affatto rimasta delusa. Senza di lui la relazione non potrebbe andare avanti: è dolce, comprensivo e sempre disponibile per capire e aiutare il prossimo. Allo stesso tempo, però, è anche in grado di riflettere e non lasciarsi prendere dai sentimenti quando ce ne è bisogno. Victor, soprannominato Dracula da alcuni, a mio parere racchiude proprio quello che è il suo personaggio. È istintivo, scontroso e sicuramente il più dominante.
Vediamo questi due uomini insieme, dopo aver già formato un rapporto solido e duraturo. Grazie a questo, per il lettore è più semplice riuscire ad inserire Matthew. Non amo particolarmente i casi in cui il trio si viene a creare dopo che due dei protagonisti sono già stati insieme per anni, perché continuo a vedere, in qualche modo, le loro figure come le principali nella coppia. In questa storia Matthew è il personaggio più giovane e si nota molto. Ha un bagaglio sulle spalle completamente diverso rispetto agli altri due, che lo mette nella posizione di avere bisogno di entrambi costantemente. Tratto non del tutto negativo, ma che mi ha portata a pensare a lui come al “piccolo” che viene accudito. In una posizione, insomma, non del tutto alla pari e allo stesso piano di Andrew e Victor, che invece lo guidano.
Il sesso, fondamentale e molto presente in ogni libro della serie, qui è presentato diversamente. Assume quasi una connotazione più romantica. Un modo per unire i tre al di là della differenza d’età e di personalità. Molto dolce, mai volgare.

Quello che stava guardando era amore, era il sesso come sarebbe dovuto essere. Non un atto di violenza in cui qualcuno veniva maltrattato, spezzato e ferito.

È una lettura piacevole, piuttosto fluida.
Punto molto sul volume seguente, sono curiosa di scoprire la storia di Kory, personaggio che ancora non riesco a definire.

3

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Xposure” – Teodora Kostova

Teodora Kostova

Titolo: Xposure
Autore: Teodora Kostova
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: 
Xposure

SINOSSI

Può una notte di passione diventare qualcosa di cui non immaginava nemmeno avesse bisogno?
Il produttore musicale Gavin Ford è abituato a vivere la propria vita al massimo. Non ha tempo per riposarsi, divertirsi e una relazione. Fino al momento in cui collassa nel suo ufficio e il medico gli ordina di andare in vacanza e prendersela comoda.
Dopo aver avuto il tempo di rivalutare le sue priorità, Gavin torna a Londra pronto ad apportare alcuni cambiamenti al suo stile di vita.
Quando gli capita l’occasione di aiutare un amico – e divertirsi un po’ – Gavin decide di approfittarne, anche se significa passare la notte con due magnifici ballerini: Tristan e Maxim.
Quella che sembrava una notte di divertimento, diventa qualcosa di più…
Gavin sarà pronto a dare un’opportunità a quella relazione?

Evelyne2

Quest’anno Teodora Kostova ci ha deliziati con una sorpresa natalizia. Gli amanti del romance mm sicuramente avranno già sentito parlare di lei. Autrice di numerosi romanzi, stavolta ha fatto tradurre per noi un suo racconto, “Xposure”.
Gav, Tristan e Maxim sono i protagonisti di questa storia. Gav è la voce narrante e senza dubbio il personaggio che conosciamo di più. Tristan e Maxim sono due ballerini molto flessibili e sensuali, che faranno di tutto per coinvolgere l’uomo in un loro “lavoro”.

«Quei due,» indicò Tristan e Maxim, che erano insieme sul lato opposto della stanza a parlare a bassa voce. «Vogliono scoparti.»

In poche pagine, l’autrice ci presenta scene sensuali, molto sexy, con protagonista un trio niente affatto male. La flessibilità di Maxim e la sensualità di Tristan attrarranno Gav, senza che quest’ultimo possa fare nulla per riuscire a resistere. Il modo in cui sembra attratto da Tristan dalla prima pagina permette subito al lettore di iniziare ad immaginare quale sarà il finale di questa storia. Cosa vuole Tristan? Perché sembra rivolgere sempre lo sguardo verso Gav? E, soprattutto, l’inserimento di Maxim a cosa è dovuto?
Un semplice racconto che non vi deluderà. Durante la lettura un personaggio vi sembrerà di troppo ed un altro fin troppo coinvolto, ma non vi preoccupate. Con una semplicità strabiliante Teodora Kostova vi presenterà dei personaggi interessanti, su cui spero si concentrerà di nuovo in futuro. Sono molto curiosa di scoprire come diventerebbe il loro rapporto secondo il gusto dell’autrice.
Potete leggere gratuitamente questo racconto grazie all’iscrizione alla sua newsletter. Cosa aspettate?

4

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Il coraggio di sperare” – T. M. Smith

T M Smith

Titolo: Il coraggio di sperare
Autore: T. M. Smith
Serie: All Cocks #4
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Il coraggio di sapere

SINOSSI

Tristan è il secondo dei fratelli Brennan, nonché la mosca bianca della famiglia; quasi tutti gli uomini Brennan hanno infatti una carriera nei corpi di Stato, ma in quanto psicanalista Tristan sceglie di aiutare le persone in modo diverso. Tranquillo e controllato, è contento di starsene in disparte. Poi incontra due uomini, entrambi spezzati e distrutti da perdite che sono andate oltre il loro controllo.
Gabriel Simonson è in lutto per la morte del compagno. L’atto di violenza sfrenata che gli ha portato via Gio ha lasciato tutta la famiglia di All Cocks devastata, e l’unica cosa che impedisce a Gabe di annegare nella miseria è l’amicizia nata con Micah, l’ultimo modello approdato sul sito. Fatica ad andare avanti e, sotto la pressione di tutti i membri di All Cocks, acconsente a sottoporsi ad alcune sedute psicanalitiche; ma a una condizione: anche Micah deve partecipare.
Micah Solo ha familiarità con la perdita, avendo perso la gamba sinistra e molto di più in Iraq. Negli ultimi due anni è sempre stato solo, vulnerabile e alla deriva; i ricordi della guerra perseguitano i suoi sogni, invadendo anche la sua vita. Con All Cocks, Micah ha trovato l’accettazione di cui aveva bisogno e la famiglia che aveva perso, ma è ancora alla ricerca di pace e felicità.
L’amicizia fra i tre è istantanea, e l’attrazione reciproca evidente. Si girano intorno, nel desiderio di qualcosa in più, ma incerti sulla possibilità che quel sogno si realizzi. Devono accettare la vita così come si presenta, o possono permettersi di sperare in qualcosa oltre la semplice amicizia?

Evelyne2

Il coraggio di sperare” è il quarto libro della serie “All Cocks” di T.M.Smith.
Come anche nel secondo libro, ci troviamo davanti una threesome, con tre personaggi complessi come protagonisti. Tristan, Micah e Gabe sono molto diversi tra loro. Conosciamo Micah e Gabe poiché entrambi lavorano per All Cocks. Micah è uno dei loro attori, sta attraversando un momento difficile a causa del suo DSPT e l’amputazione della gamba. Gabe lavora come aiuto tecnico, poiché dopo la morte del suo compagno ha scelto di porre fine alla sua carriera di attore porno. Vivendo nella stessa casa e avendo entrambi la speranza di superare un momento difficile, i due legano molto prima che il terzo personaggio, Tristan, entri a far parte del loro trio. Questo mi è piaciuto da un lato, poiché ci permette di conoscere bene i due, ma dall’altro da diviso in due parti la storia. Abbiamo per più della metà la presentazione di Micah e Gabe come coppia, senza tener conto di Tristan, nonostante li conosca già e tutti siano coscienti dell’attrazione che li lega, anche se la cosa non viene definita con chiarezza. Motivo per cui, il forte cambiamento che avviene dopo la scelta di Tristan, loro psicologo e amico, mi ha lasciata in parte l’amaro in bocca. Ho apprezzato moltissimo il suo personaggio, anche più degli altri, ed è per questo che vedere un’evoluzione così veloce in un rapporto così particolare mi ha stupita. Mi sarei aspettata venisse data più attenzione ai passaggi che avrebbero portato all’unione dei tre e non una realizzazione, un fidanzamento con trasferimento immediati.
Mi è piaciuto molto però,  il modo in cui l’autore affronta la DSPT di Micah, con le terapie, e la sofferenza di Gabe, che non svanisce malgrado si sia innamorato di un’altra persona. L’influenza che Tristan ha sulla loro persona è incredibile. Comprendo il pensiero di uno dei personaggi quando viene posto il quesito riguardante la possibilità che i due si siano infatuato del dottore a causa dell’aiuto che lui sta dando loro per superare i momenti di crisi. Una via di mezzo tra affetto e riconoscenza. È un’idea che può dare sicuramente, ma in generale devo dire che il suo inserimento mi è piaciuto.

“Devo decidere chi voglio. A meno che, per un qualche colpo di fortuna assurdo, non riesca ad averli entrambi.”

Appaiono molti personaggi secondari, che sono stati i protagonisti dei primi libri. Non ho molto apprezzato un avvenimento in particolare che riguarda Mattie, Victor e Andrew, ma nel complesso non mi è dispiaciuto ritrovarli e vedere ancora una volta i legami che si sono venuti a creare tra loro.
Caratterizzato da molte scene di sesso, come potete immaginare, questo quarto volume segue la linea del precedenti.
Se li avete letti, vi consiglio di continuare la lettura della serie.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Amanti” – T. M. Smith

coverTitolo: Amanti
Autore: T. M. Smith
Serie: Survivor #2
Genere: Contemporaneo, Threesome, Poliziesco
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Amanti

SINOSSI

La vita non è sempre stata tenera con Shannon Dupree. All’apparenza è spensierato e spassoso, ma quando si tratta del suo passato è evasivo e riservato. Dopo essere scappato da genitori anaffettivi a soli quindici anni, Shannon finisce dritto tra le braccia del diavolo.
Rory Landers è una stella nascente del Bureau. La sua vita personale, tuttavia, non è niente di particolare. Spera di portare la sua relazione con Frank Moore al livello successivo, quando finalmente risolveranno il caso dell’omicidio Langford, ma la cosa non si risolve come previsto. Il lato positivo è l’incontro con Shannon Dupree, studente del college dallo spirito libero.
Rand Davis si ritrova quarantenne e single, da quando il suo compagno da oltre dieci anni gli è stato infedele. Prendere il comando della squadra Casi Irrisolti gli dà un po’ di tempo libero, e Rand accoglie con favore nuove amicizie all’interno della cerchia famigliare Langford-Moore. Crede che avere delle relazioni non sia nel suo destino, finché non incontra un agente strafottente e un vivace biondino che gli fanno desiderare molto di più.
Passato, presente, dolore e sofferenza si scontrano, inaugurando la possibilità di una vita e di un amore per cui valga la pena combattere. Sebbene le loro personalità non potrebbero essere più diverse, i loro tre cuori battono allo stesso ritmo. Shannon, Rory e Rand imparano la definizione di amore, impegno e forza e, se lo permetteranno, il trio troverà tutto questo e molto altro ancora… l’uno nell’altro.

Evelyne2

Devo ammettere di non aver letto il primo libro, “Sopravvissuto” (qui la nostra recensione), ma desideravo tanto conoscere Shan, Rory e Rand. Purtroppo però, non conoscere la storia mi ha reso davvero difficile in un primo momento comprendere non solo le dinamiche tra i personaggi, ma soprattutto riuscire a collegare i nomi. Non ho inoltre compreso l’inserimento del capitolo del Direttore, non avendo idea di quale fosse la sua importanza nel volume precedente. Mi era stato detto che non ci sarebbe stato alcun problema iniziando “Amanti” senza aver prima conosciuto la storia di Taylor e Frank, ma non è stato così.
Ho già letto libri di questa autrice e ancora una volta ho apprezzato la caratterizzazione dei personaggi, inseriti in una storia dalla trama articolata. Mi è piaciuto l’avanzare negli anni dei primi capitoli del volume, osservando ognuno dei tre protagonisti in un anno diverso, così da avere una panoramica del loro passato. Mi ha permesso anche di farmi un’idea di cosa potessi aspettarmi da loro e i vari collegamenti tra le indagini di Rory, il passato di Shan e la scelta di Rand di iniziare un nuovo capitolo della propria vita.

Non so se voglio strozzarlo o baciarlo, pensò, stringendo le labbra per trattenersi dal sorridere come un idiota. L’agente speciale Rory Landers era un enigma. Uno che Rand aveva intenzione di sbrogliare, pezzo per pezzo.

Ognuno a modo suo affronta un cambiamento e anche se lo affrontano in momenti differenti, tutti e tre si congiungono, chiudendo un ciclo iniziato anni prima.
Rory è senza ombra di dubbio il protagonista che più ho apprezzato. Se affascinata dalla sua figura flessuosa e sensuale o dalla sua personalità, non saprei dirlo. Il modo in cui fa suo il dolore di Shan mi ha commossa. Tra i tre, Rory è sicuramente il personaggio con un passato e una personalità che grava molto meno sulla coppia e successivamente sul trio.
Shan, al contrario, è sicuramente il centro di ogni problema all’interno del trio. Rispecchia pienamente l’idea del twink giovane, ballerino e mingherlino. Questo mi ha in qualche modo portata ad apprezzare maggiormente gli altri due, anche se non ho affatto disprezzato il suo personaggio, molto dolce e intuitivo in alcuni momenti. Il suo passato rimane al centro di quelle che sono le vicende del trio, rimanendo quindi sempre un gradino più in alto, a mio parere, rispetto a Rory e Rand.
Inizialmente avevo qualche dubbio riguardo il personaggio di Rand. Avendo lasciato in precedenza il suo compagno per averlo scoperto a tradire, trovavo davvero strano l’inserimento di questo personaggio all’interno di una coppia già consolidata. Lo vedevo in qualche modo intenzionato a frapporsi tra loro, considerando sempre la sua propensione verso Shan, nonostante trascorre la maggior parte del tempo in compagnia di Rory. Fortunatamente però mi sono ricreduta in parte, vedendo la caratterizzazione completa di questo personaggio e soprattutto realistica. Aspetto fondamentale se si vuole raccontare una storia simile. La sua figura, molto più autoritaria rispetto a quella di Rory o Shan, ha reso sorprendente la sua presa di posizione e la sua reazione poi, in un momento di sconforto.

“Quindi, qualunque idea ti stia girando in quel tuo testone, faresti meglio a essere davvero sicuro prima di iniziare”. Rand annuì, accettando la logica. “A meno che tu non stia pensando di corteggiare entrambi.”

Un momento che però non mi è piaciuto affatto, è stato il primo grande passo dell’avanzamento nelle indagini. Non posso dirvi quale, altrimenti eliminerei il colpo di scena, ma sono rimasta delusa da come l’autrice ha scelto di incastrare l’antagonista e di come non fosse per niente in linea con il suo personaggio e il suo lavoro. Essendo sempre stato molto capace in tutti quegli anni di nascondere le prove, fare un errore di tale portata è inverosimile.
Davvero carino il riferimento alla trilogia dello stesso autore, “All Cocks“, specialmente ai protagonisti del secondo volume, che rispecchiano in alcuni aspetti Shan, Rory e Rand.
La fine delle indagini mi ha soddisfatta, recuperando il tentennamento iniziale che avevo avuto.
Il giudizio finale è positivo, con la speranza di un seguito meritevole, dovendo affrontare la storia di un personaggio molto intrigante e che sicuramente creerà non pochi problemi per il proseguo.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Omega, fuori fa freddo” – Coyote Starr

Titolo: Omega, fuori fa freddo
Autore: Coyote Starr
Genere: Contemporaneo, Mutaforma, Threesome, Mpreg
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Omega, fuori fa freddo

SINOSSI

Il loro amore lo salverà dal freddo

Un Omega in fuga

Da tutta la vita, il mutaforma lince omega Noah Kimbrough sa quale sia il suo ruolo: essere ingravidato dall’alfa dominante che controlla il branco di New York. Ma quando giunge il momento di adempiere il suo obbligo, Noah non riesce a sopportare il pensiero di una vita senza amore. Perciò scappa.
Ora è in fuga e l’intero branco di New York è sulle sue tracce, l’ha seguito fino in Pennsylvania. Noah sa che lo cattureranno e quando lo faranno, la sua punizione sarà severa. Ma poi capita per caso in una cittadina e, meraviglia delle meraviglie, il suo vecchio branco la evita e passa oltre.

Due Alfa che hanno bisogno di un Terzo

Gli alfa Kord Harmon ed Elijah Baker amano la loro vita insieme ma entrambi pensano che sarebbe ancora meglio con un terzo, e l’opportunità di costruire una famiglia. Perciò, quando Noah piomba nelle loro vite, colgono al balzo l’occasione di aiutarlo a fuggire dal suo vecchio branco. Con loro, Noah ha finalmente la possibilità di rifarsi dal gelo della sua vita infelice e di godersi il calore del vero amore.
Ma la vita di Noah è stata traumatica, e Kord ed Elijah non sono affatto sicuri di avere quel che ci vuole a fargli superare il passato. Insieme, dovranno capire se l’amore di due alfa buoni e la magia di una piccola cittadina possano guarire le ferite di Naoh… e se riusciranno mai a costruire la famiglia che tanto desiderano.

Evelyne2

La valle ha un’energia strana che la anima, e tende a diventare ciò di cui ognuno ha bisogno, al momento giusto.

Noah, Elijah e Kord son i protagonisti di “Omega, fuori fa freddo” di Coyote Starr.
Noah, omega costretto a diventare il nuovo compagno di letto del suo alfa, fugge dalla colonia di linci e raggiunge la magica Vale Valley. In un luogo apparentemente protetto da un incantesimo sconosciuto, Noah è finalmente al sicuro.  Quando due alfa si prendono cura di lui e lo accolgono nella loro casa, tutto sembra andare al posto giusto. Impiegherà del tempo per riuscire ad accettare la sua nuova libertà e l’affetto dei due.
Quando Elijah incontra un giovane omega per strada, il suo primo pensiero è in riferimento alla magia della sua valle, che ancora una volta gli ha mostrato un possibile futuro ricco di amore e gioia.  Dopo aver presentato Noah al suo amante, riconoscerlo come il loro atteso omega è un passo davvero breve.
Le paure del ragazzo lo seguono sin lì e chissà se riuscirà a superare il suo passato e lasciare spazio al suo futuro.

No. Fermarmi lì era troppo allettante. E non potevo sopportare il pensiero di stare a guardare quei due così felici insieme e rimanere a bocca asciutta. Meglio muoversi, andare da qualche parte dove forse un giorno troverò un compagno tutto per me. Sarei rimasto soltanto finché non avessi recuperato le forze che avevo perso scappando da Darius.

Kord, Elijah e Noah sono personaggi davvero singolari. Con poche pagine l’autore è stato in grado di presentarli egregiamente, anche se mi sarebbero piaciute più descrizioni fisiche, per poter immagine con più facilità anche i due alfa.
L’atmosfera magica e suggestiva di Vale Valley aleggia intorno a loro e li accompagna fino alla fine. Mi è piaciuto molto questo lato magico della storia. Le loro anime si riconoscono e si accettano, il loro passato si intreccia e persino i loro desideri si uniscono in un unico essere.

Sapevo che era da folli. Ogni persona con un briciolo di logica avrebbe ragionato. Ma noi non seguiamo la logica. Viviamo a Vale Valley e la magia della Valle mi sussurra che lui ci appartiene.

È una storia davvero piacevole, breve e coinvolgente. Un M-preg singolare, che mette in evidenza il desiderio di due uomini di diventare padri e di un giovane alla ricerca di se stesso e della libertà che gli è sempre stata negata.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Traduttrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Misfits” – Garrett Leigh

Titolo: Misfits
Autore: Garrett Leigh
Serie: Urban Soul #1
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Misfits

SINOSSI

Il ristoratore Tom Fearnes ama il suo compagno Cass da una vita, ma spesso il lavoro li tiene lontani l’uno dall’altro. Quando conosce un sorprendente ragazzo di nome Jake nel vivace quartiere di Camden Town, il loro primo e inebriante incontro prende una piega inaspettata.
Il giorno in cui si risveglia nel letto di Tom, Jake Thompson non riesce a credere di essere stato così fortunato. Tom è splendido, gentile e… impegnato. Scoprire che l’uomo vive una relazione aperta lo sconvolge, ma lui è una tentazione troppo forte e, quando le difficoltà lo spingono a dover accettare l’aiuto di Tom, Jake si ritrova in mezzo a due uomini che hanno smarrito la loro strada.
Cass Pearson è un’anima inquieta. Ama Tom con tutto se stesso, ma a volte pensa di non avere nulla da offrirgli. Jake gli appare, dunque, come la soluzione perfetta. Rischia tutto ciò che ha pur di far mettere Jake e Tom assieme, ma il ragazzo resiste, scettico, fino a quando l’oscurità del passato di Cass torna a farsi viva.
A quel punto, Jake capirà di essere lui quello forte, e di dover combattere per riportare la luce nelle vite dei due uomini che ha imparato ad amare.

Evelyne2

Quando ho letto per la prima volta la sinossi di “Misfits” di Garrett Leigh ero un po’ dubbiosa. Nonostante io ami le Threesome, nella maggior parte dei casi faccio molta fatica ad entrare in sintonia con la storia, ma soprattutto con i protagonisti. Questo è uno di quei casi in cui, inizialmente, è stato proprio così. Il personaggio di Tom mi ha dato del filo da torcere e riuscire ad inserire Jake nella coppia già formata di Cass e Tom è stato difficile.
Storie in cui tre protagonisti si conoscono e innamorano, fino a diventare un trio ben consolidato o quasi. È in casi come questi che la capacità dell’autrice è fondamentale per mostrare il realismo e la concreta possibilità che ciò possa avvenire. È stato proprio questo a farmi amare pian piano i protagonisti e accettare la loro relazione.

«Ma ora vivete assieme?»
«Sì, ma di tanto in tanto rimorchiamo altri uomini. A volte anche assieme, ma è raro.»
«Perché?»
«Non troviamo spesso qualcuno che piaccia a tutti e due.»

Inizialmente ero esitante, non riuscivo a comprendere come Tom e Cass potessero amarsi e allo stesso tempo accettare di andare a letto o avere relazioni con altri uomini. Mi ha sorpresa come l’autrice sia stata in grado di evidenziare l’amore tra i due e consolidare ancor di più il loro legame anche dopo che Tom va a letto con Jake. L’inserimento graduale di Cass nella relazione ed il fatto che sia proprio il suo personaggio a creare un trio che nessuno di loro avrebbe mai sospettato mi ha sorpresa. Io per prima, leggendo, non avrei mai saputo dire come questi tre personaggi potessero legare tanto, eppure l’autrice mi ha fatto ricredere e mi ha donato una storia entusiasmante e intrigante sotto molteplici aspetti.

L’uomo interruppe il bacio e gli prese il mento. «Non devi fare nulla che non ti vada, intesi? Questa cosa tra noi due… mi basta questo per stanotte. Ti voglio, ma posso aspettare. Aspetterò. Con Tom… […] Con Tom puoi fare ciò che ti piace. Non preoccuparti per me… o di ciò che penso, ciò che provo. Siate tu e Tom, assieme, come deve essere.»

Tom è un personaggio intrigante, anche se forse tra i tre è il più semplice da inquadrare ed è anche stato quello che ho apprezzato meno. Non perché non sia interessante, tutt’altro. Semplicemente, mi ha sempre lasciato in un limbo. È dolce e farebbe di tutto per l’uomo che ama, ma il suo allontanamento da Cass e successivamente da Jake in alcuni momenti, lo ha reso più umano anche se più distante.
Cass è senza dubbio quello che ho amato sin da subito. Anche se in un primo momento non avevo idea di quale potesse essere il suo passato ed il suo personaggio rimane in disparte per quasi metà libro, sapevo che lo avrei adorato qualsiasi cosa fosse accaduta. Il suo dolore, la sua passione per la cucina e la sua empatia mi hanno intrigata e coinvolta. Ho tifato e pianto per lui, in particolare nell’ultima parte della storia.

Per il resto del tempo, appariva stanco e triste, come se portasse sulle spalle il peso di tutto il mondo, e Jake lo aveva anche sentito blaterale nel sonno, di notte. Non diceva parole comprensibili, ma la sofferenza in quel borbottio feriva il suo cuore. Qualcosa stava facendo a pezzi Cass.

Jake… è impossibile non apprezzate un personaggio come lui. Non mi aspettavo l’inserimento di un disturbo così incisivo nella storia e che fosse proprio questo personaggio a rivelarsi poi la colonna portante della loro relazione. Mi ha sorpresa molto e mi ha fatto accettare ancor di più il legame che si viene a creare tra i protagonisti. Specialmente il modo in cui Cass riesce a comprenderlo senza neanche averlo mai conosciuto e l’accettazione istantanea di Tom ad ogni sua frase.

«Idiota. Mi piace il tuo fondoschiena. Merda.» Jake si schiaffeggiò la bocca.
Tom rise. «Gentile da parte tua.»
Jake rimase immobile per alcuni secondi, quindi lasciò cadere la mano. «Scusa. Però hai sul serio un bel culo.»

Tra tutti i libri che ho letto, questo è senz’altro uno di quelli che difficilmente si dimentica. Il modo in cui l’autrice affronta la sindrome di Jake, lascia un segno profondo in chi si immedesima nei personaggi tanto da sentire su di sé le difficoltà di un giovane alle prese con gli ostacoli della vita. Per non parlare del passato di Cass e dell’amore di Tom, descritti magnificamente.
Consiglio a tutti la lettura di questo libro, ma vi avverto. Preparatevi ad affrontare una storia fuori dagli schemi e forte, così come lo sono i tre protagonisti. Se avete intenzione di leggerla a cuor leggerlo e non dare peso all’attenzione con cui l’autrice tratta un tema così particolare e delicato, allora non è la lettura per voi.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Non così innocente” – Morgan Noel

Titolo: Non così innocente
Autore: Morgan Noel
Genere: Contemporaneo, Thresome
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Non così innocente

SINOSSI

La vita di Bartholomew è perfetta. Ha un lavoro che ama, è impegnato in una relazione con il suo amorevole fidanzato che apprezza le sue tendenze nevrotiche, l’ansia sociale e l’imbarazzo generale. Non è tutto rose e fiori, ma il loro piccolo appartamento in città e il gatto che hanno salvato dal rifugio ci si avvicinano.
La tranquillità domestica viene disturbata quando il suo fidanzato, Kyle, porta nel loro santuario un amico del liceo molto sexy, facendo sì che entrambi si domandino se, forse, la parola “perfezione” non significhi fare del buon sesso.

Lady Marmelade2

Mew è un ragazzo timido e riservato, molto dolce e tranquillo. Lavora in un un non precisato locale e convive con il fidanzato Kyle, un praticante legale, e l’ingombrante compagnia di un gatto bianco e nero, Bootsie. Mew si pensava più da cane che da gatto, ma appena posato lo sguardo su quella palla di pelo arruffata è stato amore a prima vista, tanto che credo proprio che Bootsie pensi di essere lei il vero fidanzato di Mew!
Mew è una persona schiva e riservata forse per colpa dell’educazione rigida ricevuta da bambino e dall’essere cresciuto in mezzo al nulla. Non è il tipico ragazzo gay appariscente, effeminato o caciarone; si limita a vivere in maniera sobria e tranquilla la sua relazione con Kyle, che ama alla follia. Tanto da accettare la “scomoda” compagnia di un vecchio amico di Kyle rimasto senza un tetto sulla testa. Vivono in un appartamento minuscolo, ma il divano è libero e Adam ha davvero bisogno del loro aiuto per rimettersi in carreggiata…
Mew è stato subito affascinato dal misterioso amico di Adam, tanto che in lui sta avendo luogo una specie di guerra: a momenti è scontroso e scocciato dalla sua presenza in casa, ma un attimo dopo si scopre a osservare di nascosto il fisico alto e muscoloso del ragazzo, senza farsi notare: povero illuso! Cerca invano di stargli lontano, di tenerlo a distanza, passare il meno tempo possibile lontano da lui, ma sembra che Kyle lo faccia apposta a lasciarlo da solo con lui… Chissà poi il perché?
Ah si certo: probabilmente vuole farli legale, ma conoscendo Mew dovrebbe sapere benissimo che per il ragazzo non è facile. Mew non è abituato a gestire lo stress che una persona nuova porta nella sua vita: è metodico, abitudinario, quasi noioso nella sua routine. Ha il terrore di venire abbandonato dal fidanzato se non accetterà di ospitare a data da destinarsi il suo amico, quindi cede e cerca di conoscerlo meglio, anche perché più tempo passa con lui più si sente attratto da lui:

“Non avrebbe immaginato che si sarebbe sentito al sicuro tra le braccia di un detenuto, che gli accarezzava la schiena su e giù come se fosse un bambino turbato che aveva bisogno del conforto di sua madre. «Vorrei poter essere così. Libero, senza dovermi preoccupare di cosa pensa la gente,» aggiunse, prendendo lentamente consapevolezza del fatto che stesse parlando molto e apertamente, mentre quello in cui cercava di nascondersi non era il petto di Kyle, ma era uno molto più grande e muscoloso.”

Già dall’entrata in scena di Adam avevo capito cosa aveva in mente Kyle e dove voleva andare a parare, quindi tutto il libro ruota intorno a cosa deciderà di fare Mew al riguardo.
Una lettura piacevole, leggera, senza grandi drammi, che però non mi ha convinta del tutto.
Non conoscevo questa autrice quindi non ho un’idea precisa sul suo tipo di stile, o meglio su come di solito gestita la storia e i suoi personaggi, quindi al momento devo dire che ho letto con piacere il libro ma che appunto sono rimasta con molti interrogativi che riguardano sia la storia che i personaggi.
Ora mi spiego meglio: il libro è scritto bene ma manca una vera caratterizzazione dei personaggi. Forse con un paio di informazioni in più il libro sarebbe risultato più completo: il passato di Adam viene fuori, ma è nebuloso, così come quello di Kyle. Non si sa perché si siano persi di vista; su Kyle sappiamo solo che lavoro fa, ma non come ci è arrivato; Mew non ho ancora capito se lavori in un bar, in un negozio o altro, sappiamo che è stato abbandonato dai genitori dopo il coming out, ma non sappiamo nulla di come la sua storia d’amore con Kyle sia iniziata…
Mew risulta comunque il personaggio più caratterizzato, ma la sua fobia di essere preso per un semplice ragazzo “vanilla” alla fine mi ha un po’ rallentato la lettura.
Con quel termine di solito di identifica il sesso tradizionale, prevedibile, quello monotono che fanno le coppie che ormai stanno insieme da una vita, quasi a volerlo denigrare, facendo spesso sentire Mew inadeguato e alla continua lotto contro il suo essere troppo nella norma e scontato.
Mew era convinto di avere già tutto quello che gli serviva nella vita, ovvero casa, fidanzato e gatto; era convinto di essere noioso a letto e poco intraprendente, e invece la vita ci sorprende sempre mettendoci ogni giorno alla prova, perché a volte l’amore non è proprio convenzionale!
Pur trattando di striscio la possibilità di intraprendere una relazione a tre, il libro non contiene troppe scene di sesso.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Major Arcana” – Federica Soprani & Vittoria Corella

Titolo: Major Arcana
Autore: Federica Soprani & Vittoria Corella
Serie: Victorian Solstice #0
Genere: Storico, Noir, Threesome
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Major Arcana

SINOSSI

Prima di “Victorian Solstice” c’erano un Mago, un Medium e una donna libera.
Poi gli Arcani hanno parlato.
Prima che qualcosa cominci occorre che qualcos’altro finisca.
Questa è la fine di tutto. Per il principio bisogna aspettare Jonas Marlowe.

Per i contenuti trattati la lettura è consigliata a un pubblico maggiorenne e privo di pregiudizi.

Slanif2

Jericho Marmaduke Shelmardine e Cristophe Safire si incontrano per la prima volta in un teatro, poco prima dell’inizio di uno spettacolo. Cristophe sta ammaliando tutti con le sue prodezze e il suo sorriso da canaglia, mentre Jericho è placido accanto a Lady Hornfield, in attesa di compiacerla come la donna si aspetta che faccia.
Tra i due scatta subito qualcosa, sin dal primo sguardo, e Safire, essendo abituato a ottenere sempre ciò che vuole, invita Jericho nella sua suite dove c’è anche la sua assistente, Valentina Casanova. La scusa ufficiale sarebbe un incontro di lavoro. Quella ufficiosa, tuttavia, è consumare la forte attrazione che ha sentito sin dal primo istante scorrere tra di loro. Vigendo un accorto tra il Mago e Valentina di condivisione degli amanti, basta che siano per una sola notte e che siano di bell’aspetto, la donna è lieta di avere un così bel ragazzo tutto per loro in quella grigia notte londinese.
Ma cosa succederà quando il grande Mago Cristophe Safire non riuscirà a lasciare andare Jericho Marmaduke Sherlmardine e quella che doveva essere solo l’avventura di una notte, si trasformerà in qualcosa di duraturo e, pare, definitivo?
Tra sogni rivelatori e desideri di vendetta, il prologo della serie “Victorian Solstice” prende corpo sotto i nostri occhi, fino alla sua tragica conclusione, che pare inevitabile, eppure lascia atterriti per la frivolezza e crudeltà di certe scelte, spinte solo da gelosie infantili e capricci.

A modo loro, lo sapevano. S’avvicinava la tempesta, dopo la calma e l’ebrezza. Da qualche parte, sopra le loro teste, in un punto preciso del loro immediato futuro, il tempo stava per finire. D’altronde si sa, la candela che brilla più intensa brucia prima, e la loro era la luce di tutte le luci, migliaia di fiammelle che avevano generato una stella danzante. E ora la stella iniziava a implodere.

Nonostante questo volume sia cronologicamente antecedente a “Victorian Solstice” (qui la nostra recensione), io vi consiglio di leggerlo comunque dopo, perché così non vi toglierà la curiosità di sapere determinate cose del romanzo principale e vi farà mantenere un certo velo di mistero su alcuni dettagli che si intuiscono, ma di cui non si ha la certezza fino a questa novella.
È stato bello conoscere più a fondo Cristophe e Valentina, che tanto se ne era parlato in “Victorian Solstice”, ma che per forza di cose non avevamo conosciuto a fondo. Soprattutto il Mago impariamo a conoscerlo meglio, a capirne lo spirito e gli atteggiamenti; nonché vediamo confermata quella crudeltà che pare caratterizzare la sua assistente Valentina e che respiriamo nel primo volume della serie come un refolo d’aria pungente.

Quegli occhi erano come un abisso vorticante. Un lago vivente sul cui fondo dormivano mostri.

In questo prologo non vediamo lo svolgersi di un’indagine criminosa, non nel modo classico del termine. Assistiamo a un crimine, uno dei peggiori, ma “dal di dentro”, vivendolo tramite la mente di vittima, carnefice e spettatore.
Una novella breve ma intensa, che vi consiglio assolutamente di leggere per avere un quadro ancora più completo di questa bellissima serie.

4

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Welcome to the circus” – Sara Coccimiglio

Titolo: Welcome to the circus
Autore: Sara Coccimiglio
Serie: Carnival #1
Genere: Contemporaneo, possibili scene Threesome
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Welcome to the circus

SINOSSI

Samuel ha fatto tante scelte sbagliate nella vita, ma fidarsi di Judah è stata decisamente la peggiore. E ora non può che incolpare se stesso se per rimediare è costretto a vendere il proprio corpo al Carnival Circus, una casa di piacere ai limiti della sanità mentale dove tutto è controllato da regole che nessuno ha mai scritto. Gli intrattenitori che abitano nel Carnival – manipolatori, sensuali ed incredibilmente belli – coi quali è costretto suo malgrado a convivere, faranno di tutto per fargli capire quanto poco conosce se stesso e per dimostrargli quali sono i suoi veri desideri. A Samuel rimane una sola cosa da fare. Anzi due: continuare a ripetersi chi è davvero e non lasciar avvicinare nessuno. Ma cosa succede se un sensuale prostituto con l’aspetto di un principe e l’anima di un boia ti porge su un piatto d’argento una valida ragione per essere sconsiderato?

Evelyne2

All’improvviso l’uomo si fermò e vidi che eravamo davanti a una specie di tenda di velluto color porpora. O color sangue. Si voltò verso di me. L’espressione sul suo viso era inquietante. Mi guardava come se il fuoco eterno avesse potuto divorarmi se solo mi fossi mosso di un altro passo. «Questo è quello che ti aspetta finché non riuscirai a saldare il tuo debito.» Con una mano spostò la tenda rossa per permettermi di vedere ciò che c’era al di là. «Welcome to the Circus.»

Quando ho iniziato “Welcome to the Circus” di Sara Coccimiglio, non avevo molto tempo da dedicare alla lettura ed ero convinta l’avrei terminata almeno dopo una settimana. Così, mi sono ritrovata a leggere a notte fonda, senza mai interrompermi, per scoprire cosa avrebbe fatto Helios.
Ricca di colpi di scena, è sicuramente una delle letture più belle che ho avuto il piacere di leggere quest’anno. Avevo letto qualcosa di Sara Coccimiglio, ma tutte le volte terminavo la lettura con il pensiero che mancasse qualcosa. Nel primo volume della serie “Carnival”, ho trovato quel qualcosa.
Samuel, voce narrante di questa prima parte, si risveglia al Carnival dopo aver derubato un uomo molto potente. Le prospettive non sono ottime per lui e nei primi giorni il terrore non lo lascia andare neanche per un momento. Quando inizia a conoscere i ragazzi che vivono insieme a lui, comprende la vera natura del Carnival. Il modo in cui lo scopre però, lascia un segno nella sua anima, che mai potrà rimarginarsi davvero.
Paris, Enea, Effie, Ares, Caronte, Zeus, Omero, Judah… Ogni personaggio è caratterizzato alla perfezione, partendo dal loro nome. Quando ho scoperto che ognuno di loro avrebbe avuto il nome di un personaggio della letteratura classica, ho fatto ancora più attenzione alle loro descrizioni, per capire quanto davvero li rispecchiassero. Ebbene, complimenti all’autrice! Questo è sicuramente l’aspetto che mi ha intrigata sin dall’inizio. Un modo originale per caratterizzare i personaggi e tenerli impressi nella mente del lettore.

Paris si alzò in piedi e mi si avvicinò. Mi accorsi che mi superava in altezza di cinque o sei centimetri, doveva essere più o meno un metro e ottanta. Con due dita mi sfiorò i capelli biondi lunghi fino alle spalle e ancora bagnati. «Helios,» propose.
Ci fu un attimo di silenzio. «Helios,» ripeté Zeus, poi annuì. «Il Dio del Sole. Rispecchia alla perfezione i suoi capelli biondi e gli occhi azzurri. Mi piace. Che Helios sia.»

Ely è sicuramente un bel personaggio, ma ognuno di loro ha qualcosa che me li ha fatti amare, persino Judah. Sono molto diversi, alcuni non li conosciamo ancora abbastanza da poter dare un giustizio, ma abbiamo già una vaga idea di come potrebbero essere. Molti accenni ad eventi passati ci permettono di crearci una piccola storia da noi, immaginando cosa potrebbe essere successo.
I tre personaggi messi maggiormente in risalto sono sicuramente Paris, Enea ed Effie. Anche se per motivi diversi, hanno un ruolo fondamentale per Helios. Paris in particolare, l’ho amato e odiato in alcuni momenti. Sa essere inaspettato, romantico e crudele. Enea invece è enigmatico, intelligente e molto percettivo. E Effie, il dolce e sincero Effie, vi farà sorridere e piangere per il suo passato ed i suoi sentimenti.
Le loro storie, molto differenti, si intrecciano in un unico punto, il Carnival Circus.

«Cos’ha questo posto che non va?» chiesi a bassa voce, più rivolto a me stesso che a lui. «Fino a due giorni fa non avrei neanche mai pensato di poter mettere in discussione i miei gusti sessuali. Ora, invece, non so neanche più chi sono.»
«Questo posto tira fuori il peggio delle persone,» concordò lui con voce calma. «O il meglio. Dipende da quale prospettiva la guardi.»

Il sesso è sicuramente uno degli aspetti più importanti e dopo aver letto anche solo il primo capitolo capirete il perché. Non voglio anticiparvi nulla, ma la passione e la sensualità sono all’ordine del giorno al Carnival Circus.
Ho grandi aspettative per i prossimi volumi della serie. Ho varie idee su come potrebbe evolversi la storia e non vedo l’ora di scoprire chi sarà il prossimo protagonista!
Sicuramente una lettura da non perdere.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Nudi” – K. M. Neuhold

Titolo: Nudi
Autore: K. M. Neuhold
Serie: Heathens Ink #2
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,10€
Link all’acquisto: Nudi

SINOSSI

«Non avrei mai pensato di poter desiderare così tanto qualcuno come desidero Nash, ma poi ho incontrato te.» ~ Royal

Quando avevo sedici anni, sono stato colpito da una terribile maledizione: mi sono innamorato del mio migliore amico etero. Non avrei mai pensato di poter andare oltre i miei sentimenti per Nash, e di trovare qualcuno che potesse ricambiare il mio amore, fino al giorno in cui un bellissimo marine si è accomodato sulla mia sedia e mi ha chiesto di tatuarlo. Mi sto innamorando velocemente di Zade, ma i miei sentimenti per Nash sono ancora molto forti. Ma quando la vita inizia a farsi complicata, e Nash pronuncia quelle parole che mai mi sarei aspettato di sentire, l’unica cosa che voglio è trovare un modo di far funzionare la cosa… insieme.

«E se ti dicessi che non dovrai mai fare una scelta?» ~ Zade

Pensavo che sarei rimasto nei Marine per tutta la vita, era quello il piano. Ma dopo un evento traumatico, non sono riuscito ad arruolarmi di nuovo. Confuso e insicuro su cosa fare dopo, ho chiamato il mio migliore amico per avere un posto dove stare. Ciò che non mi aspettavo era che il ragazzo del mio migliore amico mi appioppasse un tatuatore sexy per tenermi occupato. Royal è tutto quello che ho sempre voluto, e anche il suo coinquilino, Nash, inizia a piacermi.

«Un paio di settimane fa credevo di essere etero. Adesso sto in mezzo a due uomini sudati. Non posso dire di avere mezze misure.» ~ Nash

Ovviamente ho notato che il mio migliore amico Royal è davvero un bellissimo ragazzo. Ce li ho gli occhi, ma ciò non vuol dire che mi piacciano gli uomini. Anche se, quando inizio a notare quanto sia sexy Zade, il suo nuovo ragazzo, comincio a pormi delle domande. Per non parlare dei sogni che continuo ad avere su tutti e tre insieme. Sono disposto a provare, se lo vogliono anche loro.

Lady Marmelade2

Non ho mai storto il naso davanti alla scelta di una persona di avere più di un partner nella vita: se tutti sono d’accordo, che male c’è?
Certo la logistica è un po’ complicata e farsi accettare dalla società non è sempre facile, ma io sono sempre stata per il “vivi e lascia vivere”; se non fai male a nessuno, chi sono gli altri per giudicare i tuoi sentimenti?
Trovare la propria anima gemella è veramente difficile, io per esempio ho passato glia ‘anta e ancora ci sto lavorando, trovarne poi due persone che riescono a completarti è davvero un terno al lotto, eppure esistono ragazzi! Ho conosciuto qualche “terzetto” nella vita reale e li ho trovati dolcissimi!
Come avrete capito questo libro ha tre protagonisti, non una coppia. Tutti e tre sono molto carismatici, ognuno ha una personalità molto ben delineata e insieme funzionano alla grande, anche se uno dei tre ancora non sa di essere bisessuale. Sto parlando di Nash, che si rende conto di quello che prova solo nel momento in cui gli viene “rubato” da qualcuno, per la precisione da un aitante ex marine, Zade, dal fisico mozzafiato e dal cuore grande, che ha deciso di lasciare il corpo dopo aver perso una persona a lui molto cara.
Zade è una vecchia conoscenza di uno dei protagonisti del primo libro della serie Thane; si è appena trasferito e cerca casa e un nuovo lavoro, anche se non ha ancora deciso cosa farà. Non ha problemi finanziari, visto che servendo per il suo paese ha messo via un bel gruzzoletto, e al momento è ospite del divano dell’ex commilitone.
Complice lo zampino di Madden, il fidanzato di Thane, Zade comincia a uscire con Royal, il migliore amico di Nash fin dall’infanzia, di cui Royal è da sempre innamorato.
Ho deciso di far intervenire ora tutti e tre per meglio spiegarvi che tipo di personalità abbiano. Eccoli:

Nash: “Non sono mai rimasto con nessuna, perché devo ancora incontrare una ragazza conla quale preferirei passare il tempo, invece che trascorrerlo con Royal. Sembra che una parte importante di una relazione stabile sia il voler stare in compagnia di quella persona… Se riesco a trovare una ragazza che mi piace abbastanza da non farmi fare questi pensieri, la sposo subito… Catalogo ogni centimetro tatuato della sua pelle. La maggior parte glieli ho fatti io e questo mi fa gonfiare di orgoglio possessivo. L’ho tatuato, l’ho protetto per tutta la vita, l’ho amato senza mai rendermene conto.”

Royal: “Il mio cuore ha una fitta di dolore e desiderio. Non si tratta nemmeno di sesso… beh, non solamente di sesso. Farei qualunque cosa per potermi avvicinare e toccarlo, dirgli cosa abbia sempre significato lui per me… Zade, invece, potrebbe amarmi, potremmo avere un futuro insieme. Ho bisogno di mettere Nash nel contesto di amicizia a cui appartiene e dimenticare quei sentimenti romantici che non mi hanno mai portato a niente di produttivo.

Zade: “Non ho mai pensato che sia produttivo essere geloso di qualcosa che ho già,» rispondo, scrollando le spalle. Rifletto se dirgli che sono poliamoroso, ma forse è meglio rimandare a un altro giorno.”

Il libro è narrato in prima persona dal punto di vista di tutti e tre gli uomini e la narrazione è ben calibrata, non c’è confusione e si riesce a seguire molto bene il loro “percorso” per diventare una famiglia.
Ci sono molte scene di sesso nel libro, tutte molto sexy e ben amalgamate alla storia.
Si potrebbe pensare che una Threesome il sesso sia sempre preponderante rispetto ai sentimenti, ma ciò non è assolutamente vero! In passato ho letto storie a tre in cui non c’erano scene esplicite di sesso, ma ripeto non è questo il caso.
C’è molta carne al fuoco in questo libro, oltre a trattate la storia dei tre uomini ci vengono date informazioni sulla storia di Madden e Thane, una specie di completamento del loro percorso iniziato in “Salvami“; l’introduzione di un paio di personaggi molto intriganti e particolari, uno dei quali è molto legato a Royal, e si intuisce che bolle qualcosa in pentola per Adam e gli altri ragazzi del negozio di tatuaggi!
Una serie molto intrigante insomma, che penso potrà accontentare molto i lettori italiani, perché è molto varia, spazia in temi toccanti come la violenza domestica, ma che ha anche una vena di pazzia e ilarità viste tutte le sfide e scommesse assurde che si lanciano Zade e Royal!
Il riassunto è questo insomma:

Zade è forte e fiero, ma ha bisogno di me per lenire qualcosa di profondo dentro di lui. È sarcastico e si lancia a capofitto in tutto. Non avrei mai pensato che avrei conosciuto un uomo che sarebbe stato disposto ad affrontare qualunque sfida io gli lanciassi, anche la più stupida, e che facesse altrettanto con me sfidando i miei limiti. Poi c’è Nash. È il mio migliore amico, il mio eroe, l’uomo che mi ha rapito il cuore da quando avevo sedici anni. Nash è gentile e tranquillo. Acquieta il caos che adoro creare. Mi compensa. E anche lui ha bisogno di me.

Chi mi regala un Zade o un Nash?

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice