Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Attraverso il fuoco” – Felice Stevens

Felice Stevens (1)

Titolo: Attraverso il fuoco
Autore: Felice Stevens
Serie: Through Hell and Back #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Attraverso il fuoco

SINOSSI

Anni dopo essere fuggito da una famiglia affidataria violenta, Asher Davis si sente ancora in colpa per aver abbandonato i fratelli acquisiti. Si è creato la fama di essere un avvocato spietato e potente. Ha raggiunto la vetta del successo contro ogni aspettativa, costruendosi una vita di potere e controllo e prendendosi tutto ciò che desidera.
Il dottor Drew Klein si è sempre incolpato per la morte dei genitori e si è ritirato in un guscio di solitudine, limitandosi ad attraversare passivamente i vari momenti della vita. Dopo un disastroso e breve matrimonio, Drew abbandona la carriera come chirurgo plastico per fondare una clinica per giovani ragazzi maltrattati. Questa decisione avrà più ripercussioni di quelle che avrebbe mai potuto immaginare, soprattutto quando il misterioso e sensuale Ash Davis si offre come volontario.
Anche se Drew non è gay, Ash si sente inspiegabilmente attratto da lui. Giura a se stesso di portarselo a letto e poi dimenticarsene, come fa con qualsiasi uomo. Tuttavia, la natura dolce e premurosa di Drew e la sua inaspettata passionalità colpiscono e spaventano Ash, che mette in dubbio il proprio diritto alla felicità. E quando Ash fa amicizia con un giovane maltrattato che involontariamente mette in pericolo la clinica, minacciando la sicurezza di Drew e della sua adorata nonna, Ash scopre che non c’è nulla che non sacrificherebbe per proteggere quell’amore che non avrebbe mai pensato di trovare.

Francesca2

Attraverso il fuoco” di Felice Stevens, edito da Triskell Edizioni, è il libro giusto per chi ama le storie sofferte.
I due protagonisti, Ash e Drew, hanno un passato difficile e per Ash anche molto doloroso, ma hanno entrambi bisogno dell’amore nelle loro vite per poter ricominciare a vivere.
Asher è un uomo spietato. Avvocato di successo, cinico e senza scrupoli, non ha spazio per i sentimenti nella sua vita impegnata. L’unica cosa a cui tiene è il suo lavoro. Gli uomini con cui esce occupano solo qualche ora delle sue serate e non esita a cancellarli non appena hanno finito di dargli piacere. La sua reputazione lo rende un bravo avvocato, ma un pessimo partito. Tutto è sotto controllo nella vita di Ash da quando ha conquistato il suo posto nello studio per cui lavora. La sua infanzia è fatta di abusi e violenza, e deve essere dimenticata. Anche se c’è qualcuno che proprio non riesce a dimenticare, e cioè i suoi due fratelli adottivi, che ha abbandonato quando a diciotto anni è scappato dalla casa famiglia a cui era stato affidato. Quindi, Ash in realtà un cuore ce l’ha. Bisogna solo trovarlo.
Drew sta cercando di rimettere insieme la sua vita. È un chirurgo plastico, gentile e altruista, circondato da amici e da una famiglia che lo ama. Il divorzio dalla sua ex moglie non è altro che un passo necessario per ricominciare da zero. C’è però un progetto che lo assorbe totalmente da qualche mese e nel quale ha coinvolto Jordan e Mike, i suoi due più cari amici: l’apertura di una clinica per ragazzi in difficoltà. Dedicata a tutti quei ragazzi e ragazze che hanno bisogno di essere curati e ascoltati e che troppo spesso vengono emarginati dalla società.
Per questo motivo, Drew decide di chiedere ad Ash di far parte di questo progetto. Nonostante sia l’avvocato della moglie, ne comprende subito il valore e la bravura e gli propone di entrare a far parte del progetto della clinica. Ciò che però Drew non sa, è che il controllo di Ash è venuto meno, di fronte a lui. C’è stato qualcosa, nel loro primo incontro, che ha fatto tremare le barriere dell’avvocato senza scrupoli e che porterà i due uomini ad avvicinarsi sempre di più.
Ho trovato questa storia ben costruita e coinvolgente. Amo i personaggi come Ash: spietati nel lavoro e disillusi. Quelli che pensano di non meritarsi una seconda possibilità, che combattono contro i sentimenti per poi arrendersi e lasciarsi andare. Tra i due protagonisti, infatti, ho preferito di gran lunga lui a Drew che invece è un uomo più prevedibile, attaccato alla famiglia (il che è comprensibile, visto che ha perso i genitori quando era un ragazzo) e meno interessante.
La loro storia nasce lentamente. Per fortuna, questo non è un libro in cui i rapporti fisici prevaricano sui sentimenti. Prima sboccia l’amicizia, e solo alla fine entrambi si arrendono all’amore che li lega.
Il romanzo è ricco di avvenimenti e non è quindi solo incentrato sulla storia d’amore. Forse l’autrice ha voluto mettere un po’ troppa carne al fuoco. Anche i personaggi secondari sono parecchi: gli amici di Drew, Jordan e Mike, sua sorella Rachel e la dolcissima nonna Ester trovano tutti un posto più o meno considerevole nella storia. Jordan, in special modo, ha un peso particolarmente rilevante nel rapporto tra Ash e Drew e non in modo positivo.
Il ritmo narrativo è abbastanza veloce, ma il libro è lungo e secondo avrebbe potuto essere più fluido se l’autrice avesse alleggerito un po’ la trama. Nonostante questo, si legge con piacere.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Rebound” – L. A. Witt

L A Witt (1)

Titolo: Sei sempre stato mio
Autore: L. A. Witt
Serie: Hockey Arcobaleno #1
Genere: Contemporaneo, Sportivo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 6,36€
Link all’acquisto: Rebound

SINOSSI

Un padre single quarantenne, una star dell’hockey di poco più di vent’anni, e un sacco di casini. Cosa potrebbe andare storto?

L’agente Geoff Logan ha già abbastanza problemi. Il suo stipendio da poliziotto e la pensione da Marines non sono sufficienti per sbarcare il lunario. Ha ferite di guerra e demoni che non hanno intenzione di andarsene. I suoi figli adolescenti sono, beh, degli adolescenti, e sono furiosi perché ha lasciato il fidanzato che adoravano. Non gliene va bene una.
L’attaccante dei Seattle Snowhawks, Asher Crowe, ha tutto. Una paga a sei zeri. Una villa vicino al lago. Una relazione stabile e amorevole con un ragazzo stupendo. Almeno, è quello che il mondo crede. Fra le mura di casa, sta vivendo l’inferno e, quando finalmente trova il coraggio di lasciarlo, il suo ragazzo rifiuta di accettare la fine della loro relazione.
Una chiamata alla polizia, e le strade di Geoff e Asher si incrociano. Ma la scintilla che scocca fra loro è una semplice questione di attrazione? Spiriti affini? O solo una coppia di cuori solitari alla ricerca di una distrazione eccitante?
E, anche se non fosse solo attrazione fisica, esiste davvero un futuro per due uomini che appartengono a mondi tanto diversi, soprattutto quando il passato torna a bussare alla porta?

Francesca2

Rebound“, l’ultimo lavoro di L. A. Witt, accontenta tutti coloro che hanno chiesto a gran voce un libro mm ambientato nel mondo dell’Hokey! Lo stavamo aspettando e finalmente è arrivato!
È stata una lettura piacevole, come ormai ci ha abituato questa autrice, e sono sicura verrà apprezzata da moltissimi suoi fan.
Geoff è un poliziotto che si trova per caso a dover sedare una lite tra Asher, un campione di Hokey, e il suo fidanzato (ormai ex) Nathan. Geoff capisce subito che dietro la discussione tra i due si nasconde molto di più. Lo capisce dall’atteggiamento e dallo sguardo impaurito di Asher, ma anche grazie al fatto che lui stesso ha fatto i conti con episodi di violenza domestica.
Tra Asher e Geoff scatta subito qualcosa. È innegabile infatti che ci sia una connessione molto forte che va oltre l’attrazione fisica. Asher per la prima volta si sente capito, e trova in Geoff un sostegno forte e un porto sicuro su cui fare affidamento. Non è facile per lui aprirsi, ma la dolcezza di Geoff e la sua sicurezza lo aiutano a riemergere lentamente.
La loro relazione inizia su una base un po’ traballante. Entrambi feriti dalle loro precedenti relazioni che non riescono a lasciarsi alle spalle, entrambi troppo insicuri di se stessi per poter pensare di  impegnarsi di nuovo. Ma l’attrazione è forte e li aiuterà ad avvicinarsi sia fisicamente che psicologicamente e, piano piano, a fare cadere le loro barriere.
Rebound” è una storia che attraversa un terreno difficile quanto impervio. Tratta un argomento molto ostico, ma sempre attuale e lo fa con tatto e delicatezza. Sto parlando della violenza domestica, sia fisica che psicologica. L’autrice, ancora una volta, sa appassionare il lettore facendo entrare subito in empatia con i protagonisti, Geoff e Asher, che a parer mio sono una coppia bellissima. Vent’anni di differenza che non pesano affatto sulla loro relazione, due lavori all’opposto e che caratteri che a volte si scontrano ma più spesso si comprendono. La forza di Geoff, la sua maturità e sicurezza, compensano l’inesperienza e l’ingenuità di Asher rendendo il loro legame a prova di forza.
Pur essendo ambiento nel mondo dell’hockey, però, lo sport in “Rebound” rimane solo un elemento di contorno lasciando il focus sulla relazione tra i due protagonisti.
Tanta introspezione e ben descritta nei due pov alternati di Geoff e Asher con grande attenzione alle loro emozioni e al percorso che entrambi intraprendono per guarire dalle loro vecchie ferite. Anche il sesso, in questa relazione, assume caratteristiche particolari ma la maestria dell’autrice nel descrivere le scene d’amore non ci fa rimpiangere nulla.
Un buon lavoro, tradotto come sempre bene da Cornelia Grey, anche se non entra nella mia personale top ten di L. A. Witt. È una lettura piacevole, come ho già detto, non banale ma anzi, ricca di contenuti e argomenti seri trattati con garbo e dolcezza.

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Jumping Jude” – Luxy Lennox

Lucy Lennox

Titolo: Jumping Jude
Autore: Lucy Lennox
Serie: Made Marian #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Jumping Jude

SINOSSI

Jude: Raggiungere la vetta della classifica della musica country scatena la pazzia, e nessuno è più folle del mio ex. Purtroppo, le minacce di rivelare la mia omosessualità stanno aumentando. E qui entra in gioco la guardia del corpo dei miei sogni.

Probabilmente sarei infastidito da quella presenza costante, se la sua attenzione per il mio corpo non fosse così… ah… meticolosa. Adesso devo preoccuparmi di non rivelare la verità su di me davanti a milioni di fan se, in pubblico, non riuscissi a tenere le mani a posto.

Derek: Sono un ex-Marine trasformato in una specie di babysitter. Se sarò costretto a sentire Jude cantare un’altra volta la sua mega-hit Bluebell, potrei ucciderlo con le mie stesse mani, e dopo sei anni nelle Forze Speciali, so come utilizzare un’arma. Purtroppo, lo sa anche lui. Ma il suo arsenale include addominali scolpiti e corde vocali micidiali.

Ho affrontato pistole, coltelli, esplosivi, eppure è Jude Marian che potrebbe farmi finire in ginocchio.

Francesca2

Jumping Jude” di Lucie Lennox, è il terzo volume che racconta le avventure dei fratelli Marian. Dopo Blue e Jamie, questa volta tocca a Jude, la rock star bella e tenebrosa, che abbiamo già intravisto nel primo libro della serie.
Jude è il leader del gruppo Jude and the Saint. È un ragazzo schivo, riservato e anche un po’ introverso, e cerca in tutti i modi di vivere la sua notorietà con responsabilità e giudizio. Nessun eccesso, nella sua vita, nessuno scandalo. Jude ha deciso che l’immagine che vuole dare di se stesso deve essere pulita e trasparente.
Per questo ha deciso di non fare coming out.
Derek Wolfe è un ex marines che ha deciso di dedicare la sua vita alla protezione privata. E, quando viene assegnato come guardia del corpo di Jude, tutto sembra andare come lui desidera. Anche perché il suo protetto si rivela un uomo interessante, simpatico, umano.
La connessione tra i due sfocia in un’amicizia. Le solitudini si fondono e entrambi iniziano a guardarsi con occhi diversi. È bello, potersi fidare di qualcuno… Ma sono davvero pronti?
Questo terzo libro della Lennox è diventato uno dei miei preferiti. Intanto non è un segreto che ho un debole per le rock star, appena esce un libro che ha come protagonista un cantante bello e dannato mi ci fiondo sopra alla velocità della luce! E “Jumping Jude” non ha fatto differenza!
Ho apprezzato molto il personaggio di Jude. Artista eclettico per eccellenza, forte e carismatico, ma anche gentile e vulnerabile. Difficile entrare nel suo cuore che tiene blindato anche a causa di una vecchia delusione che lo ha ferito tanti anni prima. La vita dell’artista poi si sa non è facile. Sempre in movimento, sempre sotto i riflettori della stampa. Ogni aspetto privato diventa pubblico, ogni movimento. È difficile potessi fidare di qualcuno… Ma Jude riesce a farlo . A fidarsi di Derek. E Derek è egli stesso un personaggio che spacca. Un uomo che appare tutto d un pezzo, forte e massiccio, ma che dentro è un tenerone e ha tanta voglia di essere amato.
Queste due solitudini quando si incontrano e si concedono di fidarsi l’una dell’altra faranno faville, soprattutto sotto le coperte! L’erotismo la fa da padrone in questo terzo libro, Jude e Derek sono una bomba sexy insieme, anche se forse alleggerire un pochino questo aspetto sarebbe stato meglio. LA storia sfiora diversi argomenti, ma come anche gli altri due libri, si mantiene su contenuti leggeri e d’evasione. Nessun dramma, niente angst. Questo fa di “Jumping Jude” il libro perfetto per chi vuole passare qualche ora di evasione con una storia romantica e bollente.
Personalmente l’ho apprezzato molto, forse un po’ lento nella seconda parte, ma si legge volentieri, e per ora si classifica al primo posto nella mia personale classifica di questa serie che, sono sicura, ha ancora molto da farci scoprire. D’altra parte il clan dei Marian ha ancora molto membri!

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, ultra edizioni

Recensione “Papà per scelta” – Carlo Tumino & Christian De Florio

Carlo & Christian

Titolo: Papà per scelta
Autore: Carlo Tumino & Christian De Florio
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Ultra Edizioni
Prezzo: 10,99€
Link all’acquisto: Papà per scelta

SINOSSI

Carlo è un inguaribile sognatore. Christian un eterno pragmatico. Due mondi apparentemente inconciliabili che si incontrano per la prima volta su una spiaggia romagnola, dove scatta il colpo di fulmine. Due caratteri antitetici, accomunati da un enorme sogno proibito nel cassetto: diventare padre. Una scelta coraggiosa, che prende forma qualche anno dopo con la nascita di Julian e Sebastian, catapultando la coppia in una giostra di emozioni. L’ansia da prestazione tipica dei neogenitori si alterna alla volontà di proteggere il futuro di una famiglia tutta al maschile, in un Paese che ostenta la necessità di cambiamento pur continuando a guardare il diverso con diffidenza. Papà per scelta è un viaggio alla scoperta di una genitorialità non convenzionale, in cui ogni giorno si rivela una fucina di momenti straordinari per intensità ed emozione. Un percorso in cui Julian e Sebastian imparano a conoscere il mondo, mentre Carlo e Christian scelgono di viverlo a cuore spalancato, come se il presente fosse l’unica finestra temporale possibile. In questo diario di bordo i due papà vanno alla ricerca della loro normalità senza modelli di riferimento, evidenziando che la bella e faticosa avventura neonatale non è tanto diversa da quella di molte altre famiglie. Sullo sfondo appare una società più comprensiva e aperta di quanto ci si aspetti, spesso già lontana dall’approccio conservatore delle istituzioni. I protagonisti ci restituiscono una realtà dove l’amore sembra essere tutto quello di cui una famiglia ha bisogno. Oltre a tre etti abbondanti di pazienza e un paio di litri di caffè al giorno.

Francesca2

Papà per scelta“, edito da Ultra Edizioni,  è un libro che tutti dovrebbero leggere. Non è solo la storia di come è nata una famiglia, ma è anche un viaggio nell’intimità di una coppia che decide di buttarsi nella sfida più difficile che possa esistere : quella di mettere al mondo un figlio.
Carlo e Christian sono una coppia come tante: due città, un po’ di differenza d’età, due lavori e tante cose in comune. Così, come tanti altri, decidono di provare a stare insieme  e a coltivare questo sentimento che li unisce.
Qualche anno dopo si sposano, coronando il loro sogno. Ma alla loro unione manca ancora qualcosa… Quel tassello, quel pezzo del puzzle che rende perfetto in quadro.
Carlo e Christian sono felici… Ma non sono completi.
E così, grazie alla Super Mamma K., riescono a mettere a posto tutto quei tasselli completando finalmente il dipinto delle loro vite.
L’arrivo di Julian e Sebastian da inizio  alla loro meravigliosa avventura di cui ci hanno fatto partecipi, dapprima solo sui social, poi anche in questo libro, in cui si mettono a nudo provando a raccontarci la loro idea di famiglia. Vi stupirà scoprire che non si discosta per niente da quella in cui siamo abituati a credere… Anzi!
Io stessa, mamma con due bambini, mi sono trovata a sorridere, a commuovermi o a ridere a crepapelle leggendo le disavventure e i piccoli drammi quotidiani che i nostri due papà ci raccontano.
Come ho già detto, “Papà per scelta” è un viaggio e come tutti in viaggi non è scevro da imprevisti e scivolate. Che poi sono quelle che ognuno di noi ha affrontato durante il momento in cui si passa da individui separati e contrapposti, a famiglia unita e complementare. Le notti insonni, le pappe, i pannolini… Per arrivare alle gite al parco . Sembra tutto semplice e scontato , ma davvero lo è? È difficile, è faticoso, soprattutto se ci si deve scontrare giornalmente con pregiudizi e opinioni non richieste. Che la famiglia di Carlo, Christian, Sebastian e Julian non si collochi all’interno di un modello tradizionale è appurato. Ma chi siamo noi per giudicare? E se qualcuno gridasse allo scandalo gli consiglierei semplicemente di aprire la mente e di leggere anche solo qualche paragrafo di questa storia!
Ruolo fondamentale in questa avventura lo hanno avuto sicuramente i nonni. Mamme e papà vecchio stampo che non hanno esitato ad accogliere dapprima l’amore dei loro figli e poi… L’arrivo dei due terremoti! Perché Juju e Seba sono due forze della natura! Simili fisicamente ma tanto diversi caratterialmente, si mettono d’impiego per rendere frenetiche le giornate di papà Carlo e i rientri di papà Christian! Ma i loro visini sbarazzini non nascondono nulla, e la dolcezza e la serenità che esprimono con le loro risate e i gridolini di gioia non sono altro che lo specchio di una famiglia felice che si sta dando così tanto amore da scoppiare.
Non è forse questo, il senso della vita? Il percorso che quasi tutte le coppie decidono di percorrere insieme? Il cammino verso un identità completa, dove tre è meglio di due, e quattro, cinque, sei… Ancora meglio!
Non c’è scampo. Se decidete di entrare in questa caotica famiglia non potete non rimanerne affascinati. Coccole, giochi, baci sbavosi e abbracci! Ecco cosa dovete aspettarvi dai Papà per scelta!
Perché è vero, diventare genitori è una scelta, ma chi e come amare qualcuno… No!
Complimenti a Carlo e Christian, che hanno ignorato quei rumori di sottofondo fastidiosi e non richiesti, e si sono lanciati nell’avventura più bella, rocambolesca, imprevista, mocciolosa, divertente, spavalda, spensierata e perfetta della loro vita!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Il sorriso di Jesse” – Angelique Jurd

Angelique Jurd

Titolo: Il sorrido di Jesse
Autore: Angelique Jurd
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Il sorriso si Jesse

SINOSSI

Jesse Peterson ha ventisei anni e ama lavorare in un negozio di animali. Ama i gatti, i cani e in particolar modo Sniffles, il coniglio. Quello che non ama è il modo in cui le persone danno per scontato che sia ritardato. Che non riesca a occuparsi di se stesso, che non sia un uomo.
Perciò quando un nuovo cliente, venuto a comprare cibo per il suo gatto, gli chiede di uscire, Jesse fa fatica a capirne il motivo. Lui sa di non essere stupido, ma nessun altro sembra capirlo. La gente vede in lui solo un giovane attraente, il cui sorriso sembra la cosa più brillante che possiede.
Drew Oliver non è “le altre persone”. Insegnante di liceo con una storia di decisioni personali sbagliate, Drew è paziente, affettuoso, e non gli importa che Jesse sia diverso. Vuole solo farlo sorridere il più possibile.
Sembrano tutti avere un’opinione sulle differenze tra Drew e Jesse, e pochi sembrano notare le cose che hanno in comune. Può la loro relazione sopravvivere allo scrutinio e al giudizio di chiunque attorno a loro? E quando una delle pessime scelte di Drew torna dal passato, l’amore sarà sufficiente per aiutarli a sopravvivere a quello che succederà?

Francesca2

Il sorriso di Jessie” è senza ombra di dubbio un romanzo difficile. Pubblicato in Italia grazie alla Quixote Edizioni, è in assoluto il primo lavoro che leggo di questa autrice. E che lavoro!
Vi dico subito che stiamo parlando di oltre 500 pagine nel formato digitale, perciò se cercate un libro con il quale trascorrere una piacevole serata questo non fa di certo per voi. Non mi riferisco solo alla mole non indifferente, ma anche e soprattutto all’argomento trattato. Vediamo di capire insieme se questo libro mi è piaciuto o no perché, sono sincera, ancora non l’ho compreso neanche io.
Partiamo dalla trama. Drew è un professore che insegna inglese al liceo. È un uomo di trentaquattro anni dolce, garbato e affascinate. Purtroppo, però, la vita non è stata generosa con lui e la sua ultima relazione con David, è finita male sotto ogni punto di vista. Ma Drew l’ha superata e vuole ricominciare da capo e quando incontra Jessie qualcosa dentro di lui si smuove. Ed ecco il nostro piccolo grande uomo. Jessie, il secondo protagonista, ha ventisette anni e si porta addosso un fardello non indifferente: dislessia, autismo, disturbo ossessivo compulsivo, una sindrome di cui non riesco a ricordare il nome e.. dulcis in fundo, un lieve ritardo mentale. Ci si potrebbe aspettare che una persona affetta da tutte queste patologia non sia autosufficiente, ma non è il caso di Jessie. Lui ha un lavoro, una casa sua e una vita nella quale si destreggia benissimo. È forte, determinato e bellissimo. E Drew non può non rimanerne colpito.
I due iniziano a frequentarsi e si innamorano quasi subito. Stare con Jess può sembrare facile ma non lo è affatto e Drew è costretto a fare i conti con i piccoli grandi drammi che assalgono il suo compagno nella vita quotidiana. Ma è davvero possibile per Jessie condurre una vita normale? E Drew è in grado di affrontare tutto ciò che circonda il suo ragazzo speciale?
Ho apprezzato molto il personaggio di Drew. intelligente, perspicace, adulto. Consapevole. Ma anche affettuoso, sensuale, dolce e paziente. Insomma l’uomo che tutte vorremmo. Jessie di per contro, mi ha suscitato sentimenti contrastanti. L’ho amato molto per la sua vulnerabilità e la sua forza, ma non sono riuscita a “pensarlo” come un ragazzo speciale. A me, leggendo il libro, dava l’idea di un ragazzo normale magari con più di qualche stranezza e debolezza, ma nulla di così difficile da gestire. O meglio, in alcuni momenti sembrava completamente normale, in altri regrediva in uno stato fin troppo alterato. L’autrice ha voluto lei stessa dare questa doppia lettura? Non lo so, sta di fatto che non sono riuscita ad entrare in empatia con lui.
Inoltre la lunghezza del libro mi ha portato a considerare il fatto che forse si poteva rendere il tutto più compatto alleggerendo alcune parti. Perché per alcuni aspetti la storia di Drew e Jessie è un po’ un istalove, e scorre veloce, mentre per altri rallenta perdendo il ritmo.
Anche la parte finale l’ho trovata un po’ sopra le righe, anche se capisco lo scopo dell’autrice. Chi mi conosce lo sa, io amo particolarmente i libri che parlano di disabilità. In questo caso ho apprezzato il messaggio che penso l’autrice ha voluto comunicare e cioè che chiunque può condurre una vita normale se supportato dall’amore di un compagno, dalla condivisione e dalla comprensione. Forse, mi aspettavo qualcosa di diverso e per questo non sono rimasta completamente soddisfatta, ma “Il sorriso di Jessie” rimane un bel libro, toccante e dolce che sa toccare le corde giuste del cuore.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Non è ancora finita?” – L. A. Witt

L A Witt

Titolo: Non è ancora finita?
Autore: L. A. Witt
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,53€
Link all’acquisto: Non è ancora finita?

SINOSSI

Rhys Powell e Derek Scott stanno divorziando. Hanno commesso errori, hanno superato limiti, e non si può più tornare indietro. Entrambi sono esausti e pronti ad andare avanti con le loro vite.
Ma la loro figlia sta per sposarsi. Per non rovinarle il matrimonio, Derek e Rhys decidono di tenere nascosto il divorzio e fingere di essere ancora la coppia felice che tutti si immaginano.
E fra un intenso viaggio in auto e l’amore e la gioia del matrimonio… Derek e Rhys potrebbero ricordare perché si erano innamorati l’uno dell’altro.
Si stanno solo illudendo? O riaccendere quella scintilla potrebbe davvero illuminare la via verso il perdono?

Francesca2

Non è ancora finita?” è l’ennesimo lavoro riuscito di L. A. Witt.
Una storia semplice ma di grande impatto emozionale che vede protagonisti due uomini che hanno vissuto insieme per più di dieci anni e che ora sono arrivati ad un punto di non ritorno.
Rhys e Derek sono una coppia da diversi anni. Sposati e con una figlia, Vanessa, stanno però affrontando un momento critico del loro matrimonio. A causa di un errore forse imperdonabile, la loro relazione sembra essere arrivata al capolinea. Non sopportano più l’uno la presenza dell’altro, si evitano e fanno fatica anche a parlare. Il divorzio a questo punto pare l’unica soluzione per mettere fine ad una situazione diventata insostenibile.
Rhys e Derek però non hanno fatto i conti col destino e un viaggio in macchina, unito all’amore per la propria figlia, farà da catalizzatore e smuoverà finalmente le acque. Ma gli errori del passato rimangono, e la fiducia va ricostruita. Ci riusciranno?
Bello questo ultimo lavoro della Witt. Una storia intensa, che parla di amore, fiducia e seconde possibilità. Una storia che si avvicina alla realtà che in molti vivono e che quindi coinvolge il lettore e lo appassiona dall’inizio alla fine.
I due protagonisti sono ben caratterizzati anche grazie alle voci narranti di entrambi. Verosimile la storia, appassionate le scene d’amore. Un romanzo ben scritto che ci farà piangere, emozionare e soprattutto, ci porterà a tifare per questa coppia di uomini che hanno ancora molto da dare a loro stessi.

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Una sculacciata per Natale” – L. A. Witt

41FGO+yUoyL

Titolo: Una sculacciata per Natale
Autore: L. A. Witt
Genere: Contemporaneo, Festività, lieve BDSM
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Una sculacciata per Natale

SINOSSI

Nate non ha affatto voglia di partecipare all’annuale cenone di Natale con i suoi parenti, durante il quale ignoreranno o insulteranno il suo compagno, nonché suo Dominatore. Stephen cerca di distrarre Nate con la promessa, e la minaccia, di una sculacciata con un bastone di zucchero lungo un metro. Cosa si spezzerà prima: la determinazione di Nate o il bastone di zucchero?

Francesca2

Una sculacciata per Natale” è un raccontino simpatico e piacevole da leggere durante le festività natalizie. Il fatto poi che sia scritto da L. A. Witt non fa altro che aumentare l’entusiasmo! Già dal titolo possiamo intuire che stiamo per leggere una storia erotica e, chi ama questa autrice, sa bene che in quanto ad erotismo non delude mai!
Nate e Stephen sono una coppia da cinque anni. Nonostante il loro rapporto dal di fuori possa sembrare “ordinario” in realtà è ben lontano da esserlo. Difatti le loro dinamiche di coppia si basano su una relazione Dom/Sub consolidata e ben strutturata.
In occasione della vigilia di Natale, Stephen deciderà di aiutare Nate a sciogliere lo stress che l’imminente incontro con la sua famiglia ogni anno gli causa. E, per fare questo, si avvarrà di uno strumento davvero particolare, capace di mandare Nate fuori di testa anche solo dall’odore.. ma è solo un modo per divertirsi? Un gioco di ruolo fine a se stesso? Assolutamente no. Anche se in solo una manciata di pagine, L. A. Witt si conferma una vera maestra nel raccontare l’amore profondo, creando un atmosfera erotica da brividi ma senza dimenticarsi dei sentimenti che nei veri rapporti BDSM non devono mai mancare.

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Broken” – Nicola Haken

Broken-6x9Front-Italian-1800x2700

Titolo: Broken
Autore: Nicola Haken
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Broken

SINOSSI

Quando Theodore Davenport decide di smetterla con i lavori banali, e intraprendere una vera carriera, entra con entusiasmo alla Holden House Publishing, determinato a ottenere ciò che vuole. Tutto va secondo i piani: prende confidenza con il suo ruolo, conosce nuovi amici e sogna di arrivare al successo.
Finché non conosce James Holden, amministratore delegato della Holden House.
James Holden non riesce a smettere di pensare all’incontro della settimana precedente con un ragazzo timido, nel bagno di un club, e non appena scopre che l’uomo che tormenta i suoi sogni è uno dei suoi impiegati, non può evitare di rincorrerlo.
Solo per divertirsi… è questo che James ripete a se stesso. Non può affezionarsi a qualcuno che non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti, perlomeno non quando avrà scoperto il suo segreto. James crede che nessuno meriti il fardello di essere legato a lui. È un uomo complicato. Danneggiato. Difficile. Problematico.
Spezzato.
Theodore sarà abbastanza forte da affrontare i demoni di James? Domanda ancora più importante… lo sarà James?

Francesca2

Broken“, di Nicola Haken è una storia che lascia il segno. Pubblicato dalla Quixote Edizioni, è il biglietto da visita con il quale si presenta in Italia questa nuova talentuosa autrice.
Avevo grandi aspettative su questo libro. Ormai chi mi conosce lo sa, amo le storie tormentante in cui i protagonisti devono fare i conti con situazioni difficili, che li pongono di fronte a scelte e a nuovi modi di vedere la vita.
Broken” è un libro che ci da tutto questo e anche di più. Narrato dalla voce di entrambi i protagonisti, Theo e James, entrano subito a gamba tesa nel nostro cuore. E anche  nelle loro rispettive vite, se devo essere sincera. Infatti, il loro primo incontro, è davvero esplosivo.
Theo è un giovane ragazzo che inizia a lavorare alla Holden House, una delle case editrici più importanti del paese. È bravo, volenteroso e nasconde un segreto… è anche lui uno scrittore. Nonostante un inizio un po’ burrascoso, Theo si ambienta bene nel nuovo ufficio e il suo carattere positivo e cordiale lo porta a fare subito nuove amicizie. Amicizie con le quali si troverà a condividere serate in discoteca… ed è proprio durante una di queste serate che Theo si scontra con un uomo bello, sexy e terribilmente autoritario. Ciò che Theo non sa è che questo misterioso uomo è il suo capo, James Holden ed è tutto fuorché un tipo ordinario.
I due iniziano una relazione fatta di piccoli grandi passi. James è un uomo particolare che nasconde un segreto importante, che lo tormenta da quando è un bambino, e che è quasi impossibile da far comprendere a chi gli sta intorno. Riuscirà a parlarne con Theo? Malgrado la loro relazione sia iniziata come una avventura di una notte… può essere, finalmente, arrivato l’uomo giusto per James?
È difficile recensire una storia come questa. “Broken“, sicuramente, si classifica come un libro complesso e molto, molto tormentato. È la prima volta, per me, in cui ho a che fare con questa patologia: la malattia mentale. E già per questo mi sento di fare i complimenti all’autrice per aver deciso di affrontare un tema così difficile e spinoso. C’è stata ricerca, approfondimento e accuratezza nel raccontare un animo tormentato come quello di James.
All’inizio il libro parte in modo lento, quasi pigro. I due si conoscono, si piacciono, sono attratti l’uno dall’altro… ma, ovviamente, sono profondamente diversi. Theo è un bravo ragazzo, giovane ed entusiasta della vita. Ha una famiglia unita alle spalle ed è pronto a realizzare il suo sogno, lavorare nel mondo dell’editoria. Questa esaltazione si scontra, però, con la figura di James non solo a livello lavorativo, ma soprattutto personale. La loro relazione sembra destinata a rimanere su un piano fisico; il modo di comportarsi di James infatti sembra voler dimostrare al mondo che lui non vuole legami. Ma in realtà, dietro a tutto ciò, c’è l’impossibilità di volersi affezionare a qualcuno, la difficoltà di lasciarsi andare, di permettere a chiunque di conoscere la profondità della sua anima. Perché questo vorrebbe dire aprirsi, spalancare il proprio cuore e lasciare che Theo entri e veda cosa c’è nell’animo straziato di James.
Posso dire che “Broken” si divide in due parti: la prima, un po’ più lenta, è dedicata ad entrambi i personaggi, a loro incontro e al modo in cui affrontano la loro relazione. È ricca di scene di sesso, ben descritte e contestualizzate che ci fanno capire ancora di più il carattere dei due protagonisti; la seconda parte invece, è quella che ti strazia il cuore e che bisogna prendere a piccole dosi. C’è un momento in cui tutto cambia, che l’atmosfera diventa più tesa e tutto acquista un nuovo significato. È il punto di non ritorno, quello che ci fa entrare nell’animo di James e che, torno a complimentarmi, è descritto in modo magistrale.
Le paure, il tormento interiore, il dolore e il male di vivere… la sofferenza profonda, quella che strazia l’anima, che impedisce di trovare anche solo una ragione per vivere… è questo, che l’autrice ci mette di fronte. Un James diverso, spoglio delle sue barriere, dove la fragilità dell’animo umano viene a galla. Sicuramente è il protagonista indiscusso di tutto il libro, ed è un grande personaggio che forse all’inizio si tende ad odiare un po’, ma che alla fine ci fa innamorare di lui. E Theo? Riuscirà ad affrontare questo enorme demone chiamato bipolarismo?
L’incredibile forza di questo libro è il fatto che la malattia mentale viene raccontata su due fronti. Dalla parte di chi ne soffre e da quella di chi assiste e ama. Ed è stata trattata in modo eccellente in entrambi i punti di vista.
Un eccellente lavoro, appassionato, ben scritto e accurato. Ottima anche la traduzione e l’editing. Sicuramente consigliato a chi ama le storie difficili, a lieto fine, ma che ci lasciano dentro un segno indelebile e ci fanno capire che per qualcuno il mondo, là fuori, è davvero difficile da affrontare.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Come una filastrocca” – Mathias P. Sagan

Mathias P Sagan

Titolo: Come una filastrocca
Autore: Mathias P. Sagan
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,10€
Link all’acquisto: Come una filastrocca

SINOSSI

A trent’anni, Corentin scappa dalla vita che si è costruito. Le domande che ha cominciato a porsi gli fanno abbandonare il compagno con cui ha vissuto per sette anni e un lavoro che gli piace.
Corentin non è felice. Pensa di aver sbagliato tutto nella sua vita.
Ritorna a vivere con sua madre, nella stessa casa dove è cresciuto, luogo in cui non mette piede da quindici anni e ritrova David, il suo migliore amico d’infanzia. Oltre a sua madre, ritrova anche Corinne, la madre di David, e la sorella di lui, Charlotte, con il figlio quattordicenne.
Nel corso degli anni, Corentin è diventato po’ arrogante, ha un ego smisurato e ha sviluppato un forte pregiudizio riguardo le persone modeste, tanto che per gli altri il suo comportamento è al limite del detestabile.
Nonostante ciò, cerca di adattarsi alla nuova vita. Non si dice forse che la felicità si trova nei luoghi più impensabili?

Francesca2

Come una filastrocca” è il primo libro di Mathias P. Sagan che leggo. Ero un po’ titubante, all’inizio, perché sono una persona che da molto peso al titolo di un libro e questo, sono sincera, non mi ispirava particolarmente. Mi immaginavo una storia romantica, dolce e fin troppo zuccherosa, di quelle che ti fanno venire gli occhi a cuore ma che poi, almeno a me, mi vengono a noia. E invece. Complimenti. Ma tanti tanti tanti.
Come una filastrocca” si inserisce prepotentemente tra i più bei libri letti nell’ultimo periodo. E sì, ne avevo davvero bisogno.
La storia di Corentin e David mi ha preso si dall’inizio. La narrazione in prima persona mi ha conquistata subito e lo stile, il ritmo e la personalità di Corentin mi hanno stregata. Incatenata alle pagine fino alla fine.
Corentin è un ragazzo di trent’anni che, dopo una storia durata 7 anni, decide di tornare a casa da sua mamma. È una decisione difficile per un uomo abituato alla propria indipendenza ma dopo ben quindici anni di assenza, Corentin sente di doverlo fare. Tornare a casa. In un paesino della Normandia, dove tutti conoscono tutti e le porte delle case non vengono chiuse a chiave.
Il ritorno, però, nasconde non pochi imprevisti. Primo fra tutti l’incontro con David, amico di infanzia, che si è trasformato in un uomo affascinante e… arrabbiato! Sì, perché Corentin, andandosene via, ha fatto soffrire moltissime persone e non si è mai guardato indietro. Ora è tornato per restare? O per creare scompiglio nell’equilibrio che si è creato dopo la sua partenza, tanti anni prima? Il bello è che neanche Corentin, o TinTin, lo sa davvero.
Da qui, inizia un bellissimo viaggio. Un viaggio nel ritorno alle origini, nella scoperta di una nuova famiglia allargata, nell’amore e nel calore degli abbracci, nella dolcezza che si nasconde nelle piccole cose. Cose di cui presto, Corentin, non potrà più fare a meno.
È bellissimo, vedere il cambiamenti di questo protagonista. Cambiamento nelle abitudini, nelle idee e nelle opinioni e nei… sentimenti. L’amicizia con David sembra non poter tornare ad essere quella di un tempo ma la connessione che c’è tra loro è magica e troppo forte. Forse, nonostante i tanti anni passati e i numerosi errori, la corda che li tiene uniti non si è mai spezzata. E se anche l’amore ci mettesse lo zampino?
La storia di Corentin e David mi ha davvero ipnotizzata. Un ritmo narrativo incalzante, mai noioso e una trama ricca di colpi di scena (alcuni forse un po’ forzati) che rendono la lettura divertente a tratti un po’ rocambolesca e molto appassionante.
Scene d’amore, a mio avviso, superlative. Un amore che nasce piano, su basi solide, che sboccia nel cuore dei protagonisti e li avvicina gradualmente sempre di più fino a renderli indivisibili.
Come una filastrocca” è una storia d’amore. Ma è anche una storia d’amicizia, di ritorno alle origini, di riscoperta di se stessi e dei valori della famiglia. È una storia adatta per gli animi romantici ma senza essere stucchevole.
Un plauso particolare all’ambientazione evocativa e ben descritta.
Bravissimo l’autore, ottima la traduzione e l’editing. Leggerò sicuramente altro di Mathias P. Sagan!

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Allineamento perfetto” – Silvia Violet

Silvia Violet

Titolo: Allineamento perfetto
Autore: Silvia Violet
Serie: Thorne & Dash #3
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale, lieve BDSM
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,50€
Link all’acquisto: Allineamento perfetto

SINOSSI

Thorne ha chiesto a Riley di sposarlo e lui ha accettato.
Aveva pensato che fosse tutto lì. Avrebbero fatto un bel viaggio, si sarebbero sposati e avrebbero trascorso una settimana crogiolandosi in un albergo a cinque stelle con escursioni occasionali in ristoranti favolosi.
Riley ha immaginato un matrimonio tradizionale con tutti i crismi. Con i loro amici e familiari. A Natale.
Thorne ha acconsentito riluttante e quello che ne deriva è un turbinio di pianificazione matrimoniale. Allo stesso tempo, Thorne sta lottando con un cliente recalcitrante e Riley e la sua partner in affari, Susan, sono logorati dalle ristrutturazioni e dalla programmazione per l’apertura della loro panetteria. Stress su stress fanno dubitare a Riley e Thorne della loro relazione e un fraintendimento considerevole riduce quasi al silenzio le campane nuziali.
Quando raggiungeranno il loro lieto fine, si meriteranno entrambi tutto il romanticismo che hanno sognato.

Francesca2

Allineamento professionale” è il terzo volume dedicato alla storia di Dash e Thorne scritto da Silvia Violet e tradotto da Quixote Translation. Ho amato molto i primi due volumi e non sono rimasta delusa da questo ultimo che conclude in modo dolce e romantico la storia di questi due personaggi.
Riley e Thorne, infatti, sono ad un punto di svolta: Thorne ha finalmente trovato il coraggio di chiedere a Riley di sposarlo e il ragazzo ha acconsentito. Adesso devono però affrontare tutta una serie di situazioni che metteranno a dura prova il loro equilibrio. Soprattutto per Thorne che a volte si sente insicuro a causa della differenza d’età, sarà difficile accettare e trovare un compromesso con i bisogni del suo giovane fidanzato. Ma anche Riley è chiamato a diventare adulto e a non mettere i propri desideri davanti a tutto… Riusciranno a non spezzare il loro legame?
Non c’è niente da fare, io amo le storie con il Gap Generazionale e Silvia Violet con questo ultimo lavoro mi ha fatto di nuovo sognare!
Come già detto nella recensione del primo capitolo, l’autrice sa districarsi perfettamente in una narrazione ritmata e affatto noiosa. I due pov in terza persona danno un ottima visione di insieme e il perfetto equilibrio tra introspezione, dialoghi e narrazione rende il tutto piacevole e appassionante. Le scene hot sono molte e dettagliate ma non mi sono venute a noia, anzi! C’è anche un pizzico di BDSM che da un tocco di piccantezza e di giocosità che ho apprezzato molto.
Non ci sono grandi temi in questo libro, nessun contenuto troppo serio o di grandi riflessioni, ma posso dire che rispetto ad altre storie dello stesso genere ho apprezzato moltissimo lo stile di Silvia Violet.
E per questo voglio premiare l’autrice che è riuscita a scrivere una storia che sa far emozionare e l’ha curata con amore fino alla fine.
La storia di Riley e Thorne mi ha appassionato, la loro dolcezza mi ha commosso e il loro amore mi ha fatto palpitare.
Insomma gli ingredienti ci sono tutti quindi se non lo avete ancora fatto vi consiglio di iniziare questa serie davvero appassionante e sono sicura che non rimarrete delusi !

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice