Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Non è ancora finita?” – L. A. Witt

L A Witt

Titolo: Non è ancora finita?
Autore: L. A. Witt
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,53€
Link all’acquisto: Non è ancora finita?

SINOSSI

Rhys Powell e Derek Scott stanno divorziando. Hanno commesso errori, hanno superato limiti, e non si può più tornare indietro. Entrambi sono esausti e pronti ad andare avanti con le loro vite.
Ma la loro figlia sta per sposarsi. Per non rovinarle il matrimonio, Derek e Rhys decidono di tenere nascosto il divorzio e fingere di essere ancora la coppia felice che tutti si immaginano.
E fra un intenso viaggio in auto e l’amore e la gioia del matrimonio… Derek e Rhys potrebbero ricordare perché si erano innamorati l’uno dell’altro.
Si stanno solo illudendo? O riaccendere quella scintilla potrebbe davvero illuminare la via verso il perdono?

Francesca2

Non è ancora finita?” è l’ennesimo lavoro riuscito di L. A. Witt.
Una storia semplice ma di grande impatto emozionale che vede protagonisti due uomini che hanno vissuto insieme per più di dieci anni e che ora sono arrivati ad un punto di non ritorno.
Rhys e Derek sono una coppia da diversi anni. Sposati e con una figlia, Vanessa, stanno però affrontando un momento critico del loro matrimonio. A causa di un errore forse imperdonabile, la loro relazione sembra essere arrivata al capolinea. Non sopportano più l’uno la presenza dell’altro, si evitano e fanno fatica anche a parlare. Il divorzio a questo punto pare l’unica soluzione per mettere fine ad una situazione diventata insostenibile.
Rhys e Derek però non hanno fatto i conti col destino e un viaggio in macchina, unito all’amore per la propria figlia, farà da catalizzatore e smuoverà finalmente le acque. Ma gli errori del passato rimangono, e la fiducia va ricostruita. Ci riusciranno?
Bello questo ultimo lavoro della Witt. Una storia intensa, che parla di amore, fiducia e seconde possibilità. Una storia che si avvicina alla realtà che in molti vivono e che quindi coinvolge il lettore e lo appassiona dall’inizio alla fine.
I due protagonisti sono ben caratterizzati anche grazie alle voci narranti di entrambi. Verosimile la storia, appassionate le scene d’amore. Un romanzo ben scritto che ci farà piangere, emozionare e soprattutto, ci porterà a tifare per questa coppia di uomini che hanno ancora molto da dare a loro stessi.

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Una sculacciata per Natale” – L. A. Witt

41FGO+yUoyL

Titolo: Una sculacciata per Natale
Autore: L. A. Witt
Genere: Contemporaneo, Festività, lieve BDSM
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Una sculacciata per Natale

SINOSSI

Nate non ha affatto voglia di partecipare all’annuale cenone di Natale con i suoi parenti, durante il quale ignoreranno o insulteranno il suo compagno, nonché suo Dominatore. Stephen cerca di distrarre Nate con la promessa, e la minaccia, di una sculacciata con un bastone di zucchero lungo un metro. Cosa si spezzerà prima: la determinazione di Nate o il bastone di zucchero?

Francesca2

Una sculacciata per Natale” è un raccontino simpatico e piacevole da leggere durante le festività natalizie. Il fatto poi che sia scritto da L. A. Witt non fa altro che aumentare l’entusiasmo! Già dal titolo possiamo intuire che stiamo per leggere una storia erotica e, chi ama questa autrice, sa bene che in quanto ad erotismo non delude mai!
Nate e Stephen sono una coppia da cinque anni. Nonostante il loro rapporto dal di fuori possa sembrare “ordinario” in realtà è ben lontano da esserlo. Difatti le loro dinamiche di coppia si basano su una relazione Dom/Sub consolidata e ben strutturata.
In occasione della vigilia di Natale, Stephen deciderà di aiutare Nate a sciogliere lo stress che l’imminente incontro con la sua famiglia ogni anno gli causa. E, per fare questo, si avvarrà di uno strumento davvero particolare, capace di mandare Nate fuori di testa anche solo dall’odore.. ma è solo un modo per divertirsi? Un gioco di ruolo fine a se stesso? Assolutamente no. Anche se in solo una manciata di pagine, L. A. Witt si conferma una vera maestra nel raccontare l’amore profondo, creando un atmosfera erotica da brividi ma senza dimenticarsi dei sentimenti che nei veri rapporti BDSM non devono mai mancare.

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: quixote edizioni, Recensioni

Recensione “Broken” – Nicola Haken

Broken-6x9Front-Italian-1800x2700

Titolo: Broken
Autore: Nicola Haken
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Broken

SINOSSI

Quando Theodore Davenport decide di smetterla con i lavori banali, e intraprendere una vera carriera, entra con entusiasmo alla Holden House Publishing, determinato a ottenere ciò che vuole. Tutto va secondo i piani: prende confidenza con il suo ruolo, conosce nuovi amici e sogna di arrivare al successo.
Finché non conosce James Holden, amministratore delegato della Holden House.
James Holden non riesce a smettere di pensare all’incontro della settimana precedente con un ragazzo timido, nel bagno di un club, e non appena scopre che l’uomo che tormenta i suoi sogni è uno dei suoi impiegati, non può evitare di rincorrerlo.
Solo per divertirsi… è questo che James ripete a se stesso. Non può affezionarsi a qualcuno che non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti, perlomeno non quando avrà scoperto il suo segreto. James crede che nessuno meriti il fardello di essere legato a lui. È un uomo complicato. Danneggiato. Difficile. Problematico.
Spezzato.
Theodore sarà abbastanza forte da affrontare i demoni di James? Domanda ancora più importante… lo sarà James?

Francesca2

Broken“, di Nicola Haken è una storia che lascia il segno. Pubblicato dalla Quixote Edizioni, è il biglietto da visita con il quale si presenta in Italia questa nuova talentuosa autrice.
Avevo grandi aspettative su questo libro. Ormai chi mi conosce lo sa, amo le storie tormentante in cui i protagonisti devono fare i conti con situazioni difficili, che li pongono di fronte a scelte e a nuovi modi di vedere la vita.
Broken” è un libro che ci da tutto questo e anche di più. Narrato dalla voce di entrambi i protagonisti, Theo e James, entrano subito a gamba tesa nel nostro cuore. E anche  nelle loro rispettive vite, se devo essere sincera. Infatti, il loro primo incontro, è davvero esplosivo.
Theo è un giovane ragazzo che inizia a lavorare alla Holden House, una delle case editrici più importanti del paese. È bravo, volenteroso e nasconde un segreto… è anche lui uno scrittore. Nonostante un inizio un po’ burrascoso, Theo si ambienta bene nel nuovo ufficio e il suo carattere positivo e cordiale lo porta a fare subito nuove amicizie. Amicizie con le quali si troverà a condividere serate in discoteca… ed è proprio durante una di queste serate che Theo si scontra con un uomo bello, sexy e terribilmente autoritario. Ciò che Theo non sa è che questo misterioso uomo è il suo capo, James Holden ed è tutto fuorché un tipo ordinario.
I due iniziano una relazione fatta di piccoli grandi passi. James è un uomo particolare che nasconde un segreto importante, che lo tormenta da quando è un bambino, e che è quasi impossibile da far comprendere a chi gli sta intorno. Riuscirà a parlarne con Theo? Malgrado la loro relazione sia iniziata come una avventura di una notte… può essere, finalmente, arrivato l’uomo giusto per James?
È difficile recensire una storia come questa. “Broken“, sicuramente, si classifica come un libro complesso e molto, molto tormentato. È la prima volta, per me, in cui ho a che fare con questa patologia: la malattia mentale. E già per questo mi sento di fare i complimenti all’autrice per aver deciso di affrontare un tema così difficile e spinoso. C’è stata ricerca, approfondimento e accuratezza nel raccontare un animo tormentato come quello di James.
All’inizio il libro parte in modo lento, quasi pigro. I due si conoscono, si piacciono, sono attratti l’uno dall’altro… ma, ovviamente, sono profondamente diversi. Theo è un bravo ragazzo, giovane ed entusiasta della vita. Ha una famiglia unita alle spalle ed è pronto a realizzare il suo sogno, lavorare nel mondo dell’editoria. Questa esaltazione si scontra, però, con la figura di James non solo a livello lavorativo, ma soprattutto personale. La loro relazione sembra destinata a rimanere su un piano fisico; il modo di comportarsi di James infatti sembra voler dimostrare al mondo che lui non vuole legami. Ma in realtà, dietro a tutto ciò, c’è l’impossibilità di volersi affezionare a qualcuno, la difficoltà di lasciarsi andare, di permettere a chiunque di conoscere la profondità della sua anima. Perché questo vorrebbe dire aprirsi, spalancare il proprio cuore e lasciare che Theo entri e veda cosa c’è nell’animo straziato di James.
Posso dire che “Broken” si divide in due parti: la prima, un po’ più lenta, è dedicata ad entrambi i personaggi, a loro incontro e al modo in cui affrontano la loro relazione. È ricca di scene di sesso, ben descritte e contestualizzate che ci fanno capire ancora di più il carattere dei due protagonisti; la seconda parte invece, è quella che ti strazia il cuore e che bisogna prendere a piccole dosi. C’è un momento in cui tutto cambia, che l’atmosfera diventa più tesa e tutto acquista un nuovo significato. È il punto di non ritorno, quello che ci fa entrare nell’animo di James e che, torno a complimentarmi, è descritto in modo magistrale.
Le paure, il tormento interiore, il dolore e il male di vivere… la sofferenza profonda, quella che strazia l’anima, che impedisce di trovare anche solo una ragione per vivere… è questo, che l’autrice ci mette di fronte. Un James diverso, spoglio delle sue barriere, dove la fragilità dell’animo umano viene a galla. Sicuramente è il protagonista indiscusso di tutto il libro, ed è un grande personaggio che forse all’inizio si tende ad odiare un po’, ma che alla fine ci fa innamorare di lui. E Theo? Riuscirà ad affrontare questo enorme demone chiamato bipolarismo?
L’incredibile forza di questo libro è il fatto che la malattia mentale viene raccontata su due fronti. Dalla parte di chi ne soffre e da quella di chi assiste e ama. Ed è stata trattata in modo eccellente in entrambi i punti di vista.
Un eccellente lavoro, appassionato, ben scritto e accurato. Ottima anche la traduzione e l’editing. Sicuramente consigliato a chi ama le storie difficili, a lieto fine, ma che ci lasciano dentro un segno indelebile e ci fanno capire che per qualcuno il mondo, là fuori, è davvero difficile da affrontare.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Come una filastrocca” – Mathias P. Sagan

Mathias P Sagan

Titolo: Come una filastrocca
Autore: Mathias P. Sagan
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,10€
Link all’acquisto: Come una filastrocca

SINOSSI

A trent’anni, Corentin scappa dalla vita che si è costruito. Le domande che ha cominciato a porsi gli fanno abbandonare il compagno con cui ha vissuto per sette anni e un lavoro che gli piace.
Corentin non è felice. Pensa di aver sbagliato tutto nella sua vita.
Ritorna a vivere con sua madre, nella stessa casa dove è cresciuto, luogo in cui non mette piede da quindici anni e ritrova David, il suo migliore amico d’infanzia. Oltre a sua madre, ritrova anche Corinne, la madre di David, e la sorella di lui, Charlotte, con il figlio quattordicenne.
Nel corso degli anni, Corentin è diventato po’ arrogante, ha un ego smisurato e ha sviluppato un forte pregiudizio riguardo le persone modeste, tanto che per gli altri il suo comportamento è al limite del detestabile.
Nonostante ciò, cerca di adattarsi alla nuova vita. Non si dice forse che la felicità si trova nei luoghi più impensabili?

Francesca2

Come una filastrocca” è il primo libro di Mathias P. Sagan che leggo. Ero un po’ titubante, all’inizio, perché sono una persona che da molto peso al titolo di un libro e questo, sono sincera, non mi ispirava particolarmente. Mi immaginavo una storia romantica, dolce e fin troppo zuccherosa, di quelle che ti fanno venire gli occhi a cuore ma che poi, almeno a me, mi vengono a noia. E invece. Complimenti. Ma tanti tanti tanti.
Come una filastrocca” si inserisce prepotentemente tra i più bei libri letti nell’ultimo periodo. E sì, ne avevo davvero bisogno.
La storia di Corentin e David mi ha preso si dall’inizio. La narrazione in prima persona mi ha conquistata subito e lo stile, il ritmo e la personalità di Corentin mi hanno stregata. Incatenata alle pagine fino alla fine.
Corentin è un ragazzo di trent’anni che, dopo una storia durata 7 anni, decide di tornare a casa da sua mamma. È una decisione difficile per un uomo abituato alla propria indipendenza ma dopo ben quindici anni di assenza, Corentin sente di doverlo fare. Tornare a casa. In un paesino della Normandia, dove tutti conoscono tutti e le porte delle case non vengono chiuse a chiave.
Il ritorno, però, nasconde non pochi imprevisti. Primo fra tutti l’incontro con David, amico di infanzia, che si è trasformato in un uomo affascinante e… arrabbiato! Sì, perché Corentin, andandosene via, ha fatto soffrire moltissime persone e non si è mai guardato indietro. Ora è tornato per restare? O per creare scompiglio nell’equilibrio che si è creato dopo la sua partenza, tanti anni prima? Il bello è che neanche Corentin, o TinTin, lo sa davvero.
Da qui, inizia un bellissimo viaggio. Un viaggio nel ritorno alle origini, nella scoperta di una nuova famiglia allargata, nell’amore e nel calore degli abbracci, nella dolcezza che si nasconde nelle piccole cose. Cose di cui presto, Corentin, non potrà più fare a meno.
È bellissimo, vedere il cambiamenti di questo protagonista. Cambiamento nelle abitudini, nelle idee e nelle opinioni e nei… sentimenti. L’amicizia con David sembra non poter tornare ad essere quella di un tempo ma la connessione che c’è tra loro è magica e troppo forte. Forse, nonostante i tanti anni passati e i numerosi errori, la corda che li tiene uniti non si è mai spezzata. E se anche l’amore ci mettesse lo zampino?
La storia di Corentin e David mi ha davvero ipnotizzata. Un ritmo narrativo incalzante, mai noioso e una trama ricca di colpi di scena (alcuni forse un po’ forzati) che rendono la lettura divertente a tratti un po’ rocambolesca e molto appassionante.
Scene d’amore, a mio avviso, superlative. Un amore che nasce piano, su basi solide, che sboccia nel cuore dei protagonisti e li avvicina gradualmente sempre di più fino a renderli indivisibili.
Come una filastrocca” è una storia d’amore. Ma è anche una storia d’amicizia, di ritorno alle origini, di riscoperta di se stessi e dei valori della famiglia. È una storia adatta per gli animi romantici ma senza essere stucchevole.
Un plauso particolare all’ambientazione evocativa e ben descritta.
Bravissimo l’autore, ottima la traduzione e l’editing. Leggerò sicuramente altro di Mathias P. Sagan!

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Allineamento perfetto” – Silvia Violet

Silvia Violet

Titolo: Allineamento perfetto
Autore: Silvia Violet
Serie: Thorne & Dash #3
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale, lieve BDSM
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,50€
Link all’acquisto: Allineamento perfetto

SINOSSI

Thorne ha chiesto a Riley di sposarlo e lui ha accettato.
Aveva pensato che fosse tutto lì. Avrebbero fatto un bel viaggio, si sarebbero sposati e avrebbero trascorso una settimana crogiolandosi in un albergo a cinque stelle con escursioni occasionali in ristoranti favolosi.
Riley ha immaginato un matrimonio tradizionale con tutti i crismi. Con i loro amici e familiari. A Natale.
Thorne ha acconsentito riluttante e quello che ne deriva è un turbinio di pianificazione matrimoniale. Allo stesso tempo, Thorne sta lottando con un cliente recalcitrante e Riley e la sua partner in affari, Susan, sono logorati dalle ristrutturazioni e dalla programmazione per l’apertura della loro panetteria. Stress su stress fanno dubitare a Riley e Thorne della loro relazione e un fraintendimento considerevole riduce quasi al silenzio le campane nuziali.
Quando raggiungeranno il loro lieto fine, si meriteranno entrambi tutto il romanticismo che hanno sognato.

Francesca2

Allineamento professionale” è il terzo volume dedicato alla storia di Dash e Thorne scritto da Silvia Violet e tradotto da Quixote Translation. Ho amato molto i primi due volumi e non sono rimasta delusa da questo ultimo che conclude in modo dolce e romantico la storia di questi due personaggi.
Riley e Thorne, infatti, sono ad un punto di svolta: Thorne ha finalmente trovato il coraggio di chiedere a Riley di sposarlo e il ragazzo ha acconsentito. Adesso devono però affrontare tutta una serie di situazioni che metteranno a dura prova il loro equilibrio. Soprattutto per Thorne che a volte si sente insicuro a causa della differenza d’età, sarà difficile accettare e trovare un compromesso con i bisogni del suo giovane fidanzato. Ma anche Riley è chiamato a diventare adulto e a non mettere i propri desideri davanti a tutto… Riusciranno a non spezzare il loro legame?
Non c’è niente da fare, io amo le storie con il Gap Generazionale e Silvia Violet con questo ultimo lavoro mi ha fatto di nuovo sognare!
Come già detto nella recensione del primo capitolo, l’autrice sa districarsi perfettamente in una narrazione ritmata e affatto noiosa. I due pov in terza persona danno un ottima visione di insieme e il perfetto equilibrio tra introspezione, dialoghi e narrazione rende il tutto piacevole e appassionante. Le scene hot sono molte e dettagliate ma non mi sono venute a noia, anzi! C’è anche un pizzico di BDSM che da un tocco di piccantezza e di giocosità che ho apprezzato molto.
Non ci sono grandi temi in questo libro, nessun contenuto troppo serio o di grandi riflessioni, ma posso dire che rispetto ad altre storie dello stesso genere ho apprezzato moltissimo lo stile di Silvia Violet.
E per questo voglio premiare l’autrice che è riuscita a scrivere una storia che sa far emozionare e l’ha curata con amore fino alla fine.
La storia di Riley e Thorne mi ha appassionato, la loro dolcezza mi ha commosso e il loro amore mi ha fatto palpitare.
Insomma gli ingredienti ci sono tutti quindi se non lo avete ancora fatto vi consiglio di iniziare questa serie davvero appassionante e sono sicura che non rimarrete delusi !

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Barebones” – Nykyo

Titolo: Barebones
Autore: Nykyo
Genere: Storico
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Barebones

SINOSSI

Mar dei Caraibi, 1669. Il Capitano Lennox ha appena affondato una nave nemica e riportato a bordo del suo vascello un ricco bottino, ma non trae alcun piacere da quell’effimera vittoria.
Il suo animo è segnato da una profonda cicatrice, proprio come il suo viso. Ha scordato il calore e la tenerezza. Non crede nell’amicizia, non cerca legami. Tutto ciò che desidera è la vendetta.
Nessuno tra i suoi uomini è in grado di capirlo fino in fondo. Almeno fino all’arrivo di Jack Smith, l’ultimo acquisto della ciurma, il giovane uomo che tiene sempre la schiena ben dritta, anche se ha provato sulla propria pelle il morso della frusta. Forse lui potrebbe comprendere.
Lennox lo osserva e prova emozioni contrastanti. Jack risveglia i suoi sensi, lo incuriosisce, riesce ad abbattere le sue difese. Il Capitano ne è quasi spaventato. Ha una missione da compiere, un giuramento al quale tenere fede, non può lasciarsi distrarre.
Eppure non c’è scampo. Jack lo travolge con la forza di una tempesta. Lo spinge a porsi domande scomode. Il passato conta più del presente? Davvero per quelli come lui non esiste un futuro? È sensato sperare ancora nella felicità?
Trovare le risposte a questi interrogativi, per Edward Lennox sarà l’impresa più rischiosa di tutte.

Francesca2

La Triskell Edizioni è una casa editrice poliedrica, innovativa e all’avanguardia e sta per presentarci un romanzo che definirlo un gioiello unico e inimitabile è probabilmente riduttivo. Un incontro tra diversi generi, una trama che ti lascia col fiato sospeso e due protagonisti che non si possono non amare. Il tutto condito da un’ambientazione storica fuori dalle righe e da tutto ciò che, nel genere MM, si è letto fino ad ora.
Vi ho incuriosito? Bene. Allora mettetevi comodi perché sto per parlarvi di “Barebones“, di Nykyo.
Come ho già accennato, “Barebones” non è il classico MM. Anzi, di classico non ha davvero nulla. Basta leggere le prime righe e si viene catapultati in un’altra epoca, una di quelle che si leggono poco e che, cavolo se ci piacciono.
Una sola parola: PIRATI.
Ebbene sì. L’autrice che ci aveva stregato con “Sogno di una notte” (qui la nostra recensione), stavolta si è giocata il tutto e per tutto e ci ha raccontato una storia avvincente, a tratti drammatica, ricca di colpi di scena ma con un unico filo conduttore: l’amore.
Perché quello non deve mancare mai e, nonostante stiamo parlando di un libro che ruota attorno ad un galeone che solca mari pericolosi, che combatte con cannoni, pugnali e fioretti… I due protagonisti non potranno non ammaliarci con le loro storie e l’amore che piano piano si impadronirà di loro. E di noi.
Siamo nel 1669, nel Mar dei Caraibi.
Edward Lennox, il capitano della Barebones, è un uomo indurito dalla vita e dalla sua posizione, pronto a tutto pur di vendicarsi di chi gli ha rovinato l’esistenza e portato via l’amore. È duro, si, ma anche giusto e lo dimostra ogni giorno guidando il suo vascello e coordinando la sua ciurma.
Ma il capitano Lennox non è pronto per ciò che sta per accadere sulla sua nave.
L’arrivo di Jack, un garzone prelevato da una nave nemica, sconvolgerà il suo mondo e gli restituirà ciò che da tempo ha perduto.
Anche Jack non ha avuto una vita facile ed è intenzionato a riscattarsi, a mostrare quello che sa fare a Lennox e al resto della ciurma perché non gli era mai successo di sentirsi accettato come in quel momento.
Jack vuole fare diventare la Barebones la sua casa definitiva e per fare questo deve entrare nell’equipaggio e nelle grazie del comandante.
Sarà un viaggio lungo, avventuroso non privo di colpi di scena e di momenti adrenalinici arricchiti da descrizioni talmente vivide da catapultarti proprio lì, sulla nave, insieme ai protagonisti.
Odori, suoni, immagini… L’autrice riesce a rendere in modo perfetto l’ambientazione e l’atmosfera rendendo la lettura di “Barebones” un’esperienza unica ed emozionante fatta di tante piccole cose che ci faranno affezionare non solo ad Ed e Jack ma anche agli altri membri della ciurma.
L’amore tra i due nascerà lentamente, accarezzato prima dall’amicizia, poi dal bisogno e dal desiderio, per finire in un mare di altruismo, condivisione, passione e infine, amore.
E ce lo farà sudare il lieto fine Nykyo, ma l’attesa e i colpi al cuore saranno ricompensati ampiamente.
E, alla fine, ci sembrerà di aver salpato insieme a loro e ci mancheranno ogni giorno di più. La lettura di “Barebones” non può che essere associata ad un viaggio. Un viaggio nel tempo, perfetto, avventuroso, dolce e a volte anche romantico, passionale e sensuale.
Le scene d’amore si alternano tra lussuria desiderio e dolcezza, fino a sfociare in un oceano di serenità. Quella che tutti vogliamo per i due protagonisti.
Un plauso devo assolutamente farlo alle illustrazioni di Amaerise. Belle, bellissime… Perfette come tutto il romanzo. E mi permetto di suggerire alla Triskell Edizioni di avvalersi di questi supporti visivi più spesso perché danno un valore aggiunto alle storie rendendole davvero uniche.
Non mi rimane che complimentarmi ancora con l’autrice, spronandola a continuare a raccontarci storie di questo tipo perché questo talento va coltivato e in Italia ne abbiamo bisogno davvero tanto.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Parole” – John Inman

Titolo: Parole
Autore: John Inman
Genere: Contemporaneo, Mistery, Suspance
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: 6,15€
Link all’acquisto: Parole

SINOSSI

Il mondo di scrittori, lettori e recensori è una famiglia unita e intrecciata di amici, appassionati e fanatici della narrativa. È questo il mondo di Milo Cook e Logan Hunter, che vivono per gli scambi creativi e la condivisione di storie e idee e vanno fieri del loro sconfinato amore per i libri e le parole che li animano.
Ma certe volte le parole possono ferire. E quando succede, è inevitabile doverne pagare il prezzo.
Con ogni nuova tenera scoperta romantica, l’amore tra Milo e Logan cresce. Ma prima di placarsi, ciò che accade nel loro mondo trasforma la loro vita in una folle corsa per salvare se stessi e le persone che hanno vicino.
Chi avrebbe mai sospettato che qualcosa di meraviglioso come la parola scritta potesse diventare un catalizzatore di vendetta e, infine, di omicidio?

Francesca2

Inman non sbaglia un colpo. Un autore eccezionale, con uno stile elegante, garbato, degno dei più importanti scrittori internazionali. Un autore poliedrico, capace di passare dal romance al poliziesco, dal trhriller al noir, dal contemporaneo al suspance. Insomma, uno scrittore con la S maiuscola che, ancora una volta, mi ha fatto amare il suo stile narrativo dalla prima all’ultima… parola.
Parole” , edito da Dreamispinner Press, è il suo ultimo lavoro. Dopo aver letto “Vendetta” (qui la nostra recensione) e “Impatto” (qui la nostra recensione), le mie aspettative erano decisamente molto alte e non sono state deluse. La storia è coinvolgente alla massima potenza, soprattutto se si conosce e si vive l’ambiente “editoriale”. Che voi siate scrittori, lettori o recensori, vi avviso: questa storia vi lascerà il segno.
Milo e Logan si incontrano per caso, anche se condividono lo stesso ambito lavorativo: Milo è uno scrittore che sta cercando di emergere, Logan un recensore che cura uno dei più importanti blog di recensioni. Hanno molte cose in comune e l’attrazione reciproca troppo forte da poter essere controllata. Non solo a livello fisico ma anche e soprattutto mentale, i due condividono la stessa passione per i libri e sembrano essere fatti l’uno per l’altro. Entrambi, però, hanno un passato difficile alle spalle. Milo deve fare i conti con un ex che sembra voler tornare alla carica, ma è soprattutto Logan quello a dover lottare contro i fantasmi di un passato doloroso. Nonostante le remore, le paure e i timori legati all’inizio di una nuova relazione, però, i due cominciano a sintonizzarsi sulla stessa lunghezza d’onda e il sentimento che sboccia è qualcosa di autentico e così forte da spazzare via tutte le incertezze.
Quello però a cui non sono preparati, è l’entrata in scena di un assassino pericoloso che sembra avercela con i recensori, quelli più critici, quasi al limite dell’offensivo, e che ben presto si troveranno ad essere loro stessi vittime e carnefici dei loro stessi destini.
A differenza dei suoi precedenti lavori, ho trovato “Parole” più un romance che un suspance. La componente poliziesca c’è ed è inserita in modo accattivante e perfetto all’interno del contesto. I punti di vista sono ben tre, infatti, quello dei due protagonisti Milo e Logan e quello del misterioso assassino che solo alla fine verrà rivelato. La maestria di Inman ci porta a fare diverse congetture durante la lettura, anche se la storia d’amore rimane in primo piano per tutto il tempo. Per quanto mi riguarda adoro sia i libri dove la componente poliziesca è predominante, sia quelli in cui è secondaria. Se scritti in modo convincente, entrambe le tipologie possono dare grandi soddisfazioni. È il caso di “Parole”. Sono rimasta coinvolta nella lettura dalla prima all’ultima pagina, ho amato moltissimo il modo in cui il sentimento tra Milo e Logan nasce e si consolida senza forzature. Le scene d’amore sono eleganti, mai volgari, a volte solo accennate ma sempre ricche di sentimento. E questo è qualcosa di davvero bello e innovativo in un libro MM, dove spesso il sesso troppo marcato va a rovinare l’intero lavoro.
Inman, in questo, è davvero un maestro. Come lo è stato nel costruire una trama ricca di colpi di scena, coinvolgente e appassionante, con un ritmo che incalza e non abbandona mai il lettore.
Non posso che promuovere questa sua ultima fatica e mettermi comoda in attesa del suo prossimo lavoro. Ah, dimenticavo… mi rivolgo ai miei colleghi recensori.. non potete ASSOLUTAMENTE perdervelo!!!

45


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Articoli, dreamspinnerpress, quixote edizioni, Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Must Read 2018: le migliori letture del blog

Per concludere l’anno in bellezza, abbiamo pensato di chiamare a raccolta tutto lo staff e creare per ognuna delle nostre ragazze, una top 3 dei migliori libri letti (e recensiti per il blog) quest’anno. Quelli che ci sono rimasti nel cuore in modo speciale e che ci hanno emozionato profondamente, a volte fino alle lacrime.
Queste sono le nostre classifiche! Enjoy!

FRANCESCA

51qk5pokuzlSpencer Cohen 3” di N. R. Walker
Grazie N. R. Walker, per questa storia d’amore. Per aver creato un personaggio che è un caleidoscopio di emozioni. Passionale, ironico, graffiante, divertente. Profondo.
E ora, che ti ho lasciato andare, Spencer, non mi rimane altro che aspettare. Cosa? Il momento giusto per leggerti di nuovo. Per ritrovare una nuova occasione per innamorarmi di te. Ancora.
Qui la recensione completa

51ihawiyrmlI resti di Billy” di Jamie Fessenden
I resti di Billy” è una storia cruda, straziante, dolorosa. Ma è anche una storia d’amore, di perdono, di devozione. È una storia di guarigione. Ma questo non la rende meno forte, anzi. Fa male, ma il dolore a volte è il catalizzatore che ci spinge verso un sentimento più alto, più nobile, quasi magico. E “I resti di Billy” fa proprio questo. Ci porta giù, in fondo al pozzo, dove ci mostra la cattiveria dell’animo umano, la debolezza, la malattia, il disgusto. Dove ci sbatte in faccia la follia dell’uomo e la sua insanità mentale. Poi, quando tutto ci sembra inutile e rischiamo che l’ansia e l’angoscia ci stiano per soffocare… Ci tende una mano. Per farci tornare su, in superficie, dove ad attenderci c’è l’amore, il perdono, la vita.
Ma certo, non saremo più gli stessi.
Qui la recensione completa

41fmfbqj8blMai un eroe” di Marie Sexton
Con uno stile impeccabile e un ritmo ipnotico che non mi ha fatto staccare gli occhi dalle pagine fino alla fine, “Mai un eroe” svetta nella mia classifica personale dei libri più belli ed emozionanti letti nel 2018. Poche pagine, ma intense e pregne di significato che ti lasciano un senso di pace e di amore che ti accompagna per tutta la giornata.
Qui la recensione completa


LADY MARMALADE

o-la-lunga-strada-tortuosaLa lunga strada tortuosa” di T. J. Klune
La strada per Bear, Otter e Kid di sicuro non è stata facile: spesso in salita e piena di curve, di ostacoli e rallentamenti, ma ce l’hanno fatta e con le unghie e coi denti hanno raggiunto la felicità che gli spettava.
Ragazzi avevo bisogno di voi, talmente tanto che mi avete fatto venire voglia di trovare un amore come il vostro!
Qui la recensione completa

cover500-9Sotto un cielo di cenere” di Brandon Witt
La pubblicazione di gay romance in Italia è in continua crescita; faccio davvero fatica a stare dietro a tutte le uscite, ma ci sono certi autori che sono disposta ad aspettare anche anni perché escano con un nuovo libro. Li leggi per caso e poi vai a cercarli sul web, a seguirli sui social; ti senti partecipe della loro vita e l’attesa per l’uscita del prossimo libro. Finisci per chiederti: “Ma perché non l’ho letto prima?”.
Brandon Witt è questo per me: un autore che so mi farà versare fiumi di lacrime, ma che so già anche che in ogni suo libro arriverà a toccare la mia anima nel profondo.
Qui la recensione completa

o-firmato-il-tuo-agente-spettraleFirmato: il tuo Agente Spettrale” di S. E. Harmon
Il romanzo è un mix fenomenale di amore, poliziesco e paranormal. Non è facile amalgamare così bene questi generi, si potrebbe scadere nel già letto perdendo di originalità ed è qui che entra in gioco la vena ironica della Harmon che dà una marcia in più al libro.
I personaggi che crea sono accattivanti, affascinanti, complessi; adulti con problemi irrisolti alle spalle ma che non si piangono mai addosso. Non sono ragazzini, ma uomini forti e determinati che rimangono impressi al lettore.
Qui la recensione completa


EVELYNE

514wlxxsqolLa guarigione” di Melissa Collins
Profondo, struggente, rimane impresso come pochi libri riescono a fare. Il lettore vive e soffre al fianco dei protagonisti, li vede e li sente come fosse anch’egli parte della storia. “La guarigione” di Melissa Collins è una lettura da non perdere. Non prendetela alla leggera, perché i temi trattati non sono facili da digerire, soprattutto per chi, come me, quando legge si immedesima nei protagonisti e sente il loro dolore come se fosse il proprio.
Qui la recensione completa

51qjqogcuqlIncontrastato” di Aimee Nicole Walker & Nicholas Bella
Questa storia mi è entrata dentro, ho sofferto con i protagonisti ed ho gioito quando le cose per loro hanno iniziato a mettersi bene.
Ciò che caratterizza questa storia e lo differenzia dalle altre, secondo me, è l’amore. Malgrado le difficoltà e la possibilità di andare avanti, se abbiamo sperimentato davvero questo sentimento, non si può dimenticare. La passione e l’eccitazione nascono grazie ad un solo sguardo, a volte, ma l’amore vero ha bisogno di tempo, costanza e perdono per essere coltivato.
Qui la recensione completa

41jogwfooglRock – La mia roccia” di Anyta Sunday
Rock – La mia roccia”, è una piccola perla.
La cura con cui l’autrice ha descritto le rocce, tanto amate da Cooper, mi ha sorpresa. La loro storia e la loro forma, ma in particolare il loro significato. Ogni roccia porta con sé emozioni, colori e ricordi.
L’amicizia, l’amore e l’affetto familiare, è su questi sentimenti che Anyta Sunday ha basato la sua storia. Una storia incredibile, arricchita da momenti struggenti e coinvolgenti, che fanno sentire il lettore parte della storia.
Qui la recensione completa


SLANIF

51ddf0Lv2TLRattlesnake – Serpente a sonagli” di Kim Fielding
Da dove posso iniziare a parlare di un libro che mi ha emozionata fino alle lacrime? “Rattlesnake” non è solo UN romanzo. “Rattlesnake” per me è IL romanzo. Quello che ti emoziona, ti lacera l’anima, ti fa scoprire parti di te stessa che non conoscevi e ti mette di fronte a verità magari dolorose, ma che fanno sì che tu possa maturare.
Ho sempre trovato straordinario che un romanzo possa aiutarti a crescere, e difficilmente ho avuto modo di trovarmi di fronte a questa incredibile opportunità, ma quando succede faccio in modo di assaporare il momento e di godermi ogni pagina, assorbendone il contenuto come una spugna assorbe l’acqua.
Rattlesnake – Serpente a sonagli” è un libro che VA letto. Senza “se” e senza “ma”.
Qui la recensione completa

46073041_1927850163951106_689983442380652544_nQuel che resta” di Garrett Leigh
È il primo libro di Garrett Leigh che leggo e l’ho apprezzato tantissimo. Nonostante all’inizio il prologo mi avesse lasciata un po’ così, andando avanti con la lettura ho amato sempre di più la storia e i suoi personaggi. Ho apprezzato fortemente l’amore indelebile che aleggia in ogni pagina e che accompagna Rupert e Jodi nella loro nuova realtà, ma anche l’aspetto di realismo che ha caratterizzato l’incidente di Jodi, così come la sua riabilitazione e le prospettive di vita futura. Non è tutto rosa e fiori, non ci sono guarigioni Miracolose né niente del genere. È tutto improntato su qualcosa di molto più tangibile e reale, che fa provare un po’ di amarezza nel lettore, ma che al contempo fa apprezzare le scelte della Leigh di non scendere nel sentimentale a tutti i costi e di dare comunque un lieto fine a due personaggi che ne hanno dovute affrontare tante.
Un romanzo delicato, dolce, romantico e sofferto che consiglio assolutamente.
Qui la recensione completa

510-Dt-Rc-Sem-LA casa per Natale” di L. A. Witt
A casa per Natale” è una dolcissima e romantica novella di Natale, piena di amore e speranza, che ci mostra quanto sia difficile per chi torna da situazioni tanto disperate il riambientarsi nella vita da civile. Ci mostra come, con l’aiuto di quelli a cui teniamo e con la forza stessa dell’amore, riusciamo a superare qualsiasi difficoltà e momento, senza mai abbandonare la speranza, anche quando questa pare drammaticamente lontana.
Un romanzo breve ma intenso, ricco di sentimento e malinconia.
Qui la recensione completa


ADELESH

cover500-1Prime volte” di K. C. Wells
È forse la prima volta che leggo un libro e mi rendo conto di essere arrivata alla fine senza aver annotato neanche una parola, troppo presa dalla storia e dai personaggi per interrompere la lettura anche solo per un secondo. Cosa che, in definitiva, non è stata affatto un male, visto che mi ha offerto la scusa perfetta per leggerlo una seconda volta e gustarmelo fino in fondo.
Qui la recensione completa

o-qpid-italianoQ*pid” di Xavier Mayne
Quando ho iniziato questo libro mi aspettavo una storia complicata e difficile da “digerire”. Qualcosa più interessante dal punto di vista sociologico che da quello romantico. Invece la trama è ben costruita e i protagonisti, i personaggi secondari, gli amici dei protagonisti, gli amici degli amici dei protagonisti, perfino i tecnici che lavorano per far funzionare Archer… sono ben caratterizzati, indipendentemente dal ruolo che rivestono all’interno nella storia.
Allo stesso modo, ho apprezzato il viaggio introspettivo di entrambi i protagonisti, i loro timori nel veder crollare quella che all’apparenza era una certezza incrollabile (l’eterosessualità), la loro reticenza a lasciarsi andare con qualcuno dello stesso sesso e sì, perfino il modo in cui alla fine si avvicinano l’uno all’altro da un punto di vista sessuale, cauti e con tanta tanta tanta curiosità.
Qui la recensione completa

solo-per-teSolo per te” di Andrew Grey
Anche se i temi trattati sono importanti e a volte negativi – la religione, il lutto, il rapporto padre-figlio, il primo amore –, il libro non risulta né pesante né difficile da digerire. Al contrario, ho trovato una storia dolce e profonda che permette al lettore di tirare fuori la propria vena romantica e tifare senza sosta affinché i due protagonisti possano ottenere il loro lieto fine.
Qui la recensione completa


All’anno prossimo con le nuove letture e le nostre recensioni a riguardo, così come i “Dietro le quinte” che vi aspettano ogni mercoledì qui sul blog, dove ospitiamo autrici italiane per un’intervista e tantissime curiosità.
Inoltre, vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Pagina FacebookInstagram (dove inseriamo anche citazioni e card di riferimento che non potete perdervi!), Twitter (nuovissimo e aperto da poco!) e ovviamente Goodreads!

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Stregato dalla luna” – Piper Vaughn & M. J. O’Shea

46197217_1930542183681904_4308779545751715840_nTitolo: Stregato dalla luna
Autore: Pper Vaughn & M. J. O’Shea
Serie: Lucky Moon #3
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: €4,99
Link all’acquisto: Stregato dalla luna

SINOSSI

Surya Patel è il batterista di una popolarissima band, i Moonlight. Quando la casa discografica gli propone una collaborazione con i Luck, la band con cui erano andati in tournée l’anno prima, dovrebbe essere più che felice. Tranne per una cosa: durante il tour era andato a letto con il manager dei Luck, per poi scappare nel cuore della notte. Se ne era pentito fin da subito, ma sa che avere intorno Emmanuel lo porterà solo alla rovina. Sfortunatamente per lui, la persona che l’etichetta manda a persuaderlo, con paroline dolci, ad aderire alla collaborazione è proprio Em in persona.
Emmanuel Cortez aveva speso mesi a tentare di dimenticare la notte più bollente della sua vita, la notte in cui era andato a letto con Surya. È già passato un anno, ma nemmeno la morte della sua amatissima nonna e il conseguente problema con la sua famiglia riescono a tenere lontani i ricordi. Adesso, però, è ora di essere professionali. Il suo lavoro consiste nel convincere Surya a collaborare con i Luck, niente di più, ma una giornata passata insieme porta a un’altra notte di passione. Questa volta, però, è Em a scappare.
Inaspettatamente, Surya ha un ripensamento: non è più soddisfatto di una sola notte, lo vuole per sempre.

recensionefra

Ed eccoci giunti al terzo capitolo dell’amatissima serie “Lucky Moon”, firmata da Piper Vaughn e M. J. O’Shea.
Ok, non è un segreto, adoro queste due autrici. Mi sono innamorata del loro stile quando ho letto “La mia piccolina” (qui la nostra recensione), e ho continuato a seguirle con passione e dedizione nelle loro pubblicazioni successive. Inutile dire che questa serie sulle boy band mi ha letteralmente stregato! Ed è un azzeccato gioco di parole per introdurre la recensione del loro ultimo lavoro targato Triskell Edizioni: “Stregato dalla luna“.
Il primo libro della serie l’ho letteralmente adorato. La storia di Jessi e Shane (qui la nostra recensione de “Al chiaro di luna“)  mi ha fatto arrabbiare, soffrire e sognare allo stesso tempo. Stessa cosa per il secondo volume, “Il più fortuntato” (qui la nostra recensione), in cui le autrici si concentrano nella sofferta storia di Nick Ventura. Oggi mi trovo a parlarvi, invece, delle avventure di Em, manager dei Luck, e di Suyra, batterista dei Moonlight. Insomma, due destini forse un po’ già scritti che si intrecciano e ci regalano una storia degna delle migliori bromance mai sognate!
Em e Surya sono colleghi alla lontana. Le loro strade si incontrano ogni qual volta le due boy band sono chiamate a collaborare insieme, il che accade abbastanza spesso. E, ogni volta che si trovano a lavorare fianco a fianco, i due cadono in un vortice di attrazione che fanno fatica a gestire. E, difatti, cedono alla passione per ben due volte. Ma, in entrambe le occasioni, non riescono ad affrontare la cosa come due persone adulte, e si rifugiano nella fuga pur di non guardare in faccia la realtà.
Così, quando le due band sono chiamate a collaborare di nuovo e Surya è costretto a trasferirsi a New York e a stare vicino costantemente a Em, le loro vite tornano a intrecciarsi e stavolta sarà davvero dura combattere contro i sentimenti che li legano. Ma, ovviamente, le cose non vanno per il verso giusto. La paura del coming out e le insicurezze che pervadono entrambi li faranno allontanare, costringendoli a fare i conti in modo doloroso con i loro sentimenti e le loro emozioni.
Questo terzo capitolo della serie è un perfetto romanzo in stile bromance. I due protagonisti, sebbene sappiamo che la passione reciproca li ha già uniti sotto le coperte, tentano in tutto e per tutto di diventare amici, bypassando i veri sentimenti che  provano l’uno per l’altro. Entrambi troppo paurosi, timorosi e testardi per ammetterlo, sia Em che Surya, si nascondo dietro la facciata dell’amicizia ma questo li aiuterà ad alimentare quell’amore che provano da tempo e che si sta piano piano facendo strada nei loro cuori.
Il romanzo è, come sempre, ben scritto e fluido, perfetto per chi ama le storie ambientate nel mondo della musica anche se in questo caso non è in primo piano. Per chi ha adorato i libri precedenti, sarà sicuramente felice di sapere che in questo ritroviamo sia Jessie e Shane che Nick e Luka. Entrambe le coppie sono super felici e innamorate e aiuteranno i nostri protagonisti a scoprire le loro carte e a spingerli l’uno verso l’altro.
Rispetto agli altri libri della serie, ho trovato “Stregato dalla luna” più sottotono. Ho fatto difficoltà a immaginarmi l’aspetto fisico dei personaggi e tutta la storia mi è parsa non proprio orginalissima come invece avevo trovato le altre due (soprattutto la prima). Diciamo che mentre leggevo, mi immaginavo già cosa sarebbe accaduto e il mio intuito non si è sbagliato.
Le scene d’amore sono parecchie e davvero bollenti, ma anche qui avrei aggiunto un pizzico di fantasia in più, un lasciarsi andare diverso, una riconferma della fiducia reciproca e una voglia di scoprire nuove strade insieme.
A parte queste piccole segnalazioni, però, ho letto “Stregato dalla luna” molto volentieri e spero davvero di trovare di nuovo queste due autrici molto presto in una nuova collaborazione.

PIACEVOLE

 

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Quel che luccica” – Kate Sherwood

o-quel-che-luccicaTitolo: Quel che luccica
Autore: Kate Sherwood
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: €6,08
Link all’acquisto: Quel che luccica

SINOSSI

Non importa quanto provi a convincersi: Liam, architetto di successo a New York, non ha mai dimenticato Ben, il suo primo amore. All’avvicinarsi dei quarant’anni, Liam sente che nella sua vita manca qualcosa. Riuscirà a rimediare al suo più grande errore, quello che gli ha lasciato un vuoto che nessun successo lavorativo potrà mai riempire? O la paura di sbagliare di nuovo gli impedirà di avere la vita che sogna?
Liam e Ben sono stati amici da ragazzi e poi fidanzati all’università. Quando però Liam lo ha tradito, Ben si è imposto di tagliare i ponti con lui e di andare avanti con la propria vita. Abita ancora nella cittadina in cui sono cresciuti e dove fa l’insegnante, ma quella non è l’esistenza che sognava da ragazzo. Eppure, quando Liam riappare a North Falls, Ben non se la sente di rimettere il cuore in gioco. Non può permettersi di farsi conquistare ancora da lui dopo tutta la fatica fatta per dimenticarlo.
Nessuno dei due sembra voler mettere una pietra sul passato e affrontare l’ansia di un nuovo inizio. Non vogliono innamorarsi di nuovo, ma a volte l’amore bussa, anche quando non lo si è invitato.

recensionefra

Non ho mai negato di essere una fan di Kate Sherwood. Ho letto tutti i suoi lavori e ho amato particolarmente la serie “Un cavallo nell’ombra”, di cui vi parlo in questo articolo. Ciò che mi ha fatto amare subito questa autrice è lo stile. Originale, curato, quasi un po’ arcaico. Nessun dettaglio lasciato a se stesso, nessuna sbavatura, nessuna crepa nel suo stile narrativo. Per quanto mi riguarda tecnicamente parlando i suoi libri sono perfetti.
Quel che luccica”, edito dalla Dreamspinnerpress, non ha deluso le mie aspettative. Scritto egregiamente, con quelle piccole grandi sfumature che contraddistinguono il suo personalissimo stile, la Sherwood ha saputo creare una bella storia di un amore ritrovato.
Ben e Liam sono stati insieme al liceo. Due ragazzi alle prime armi, che ancora non conoscono il vero significato dell’amore, si sono incontrati e hanno stretto un’amicizia così forte da trasformarsi presto in qualcosa di più. Ma il posto in cui vivono, una cittadina alla periferia di New York, non ha rafforzato il loro sentimento e li ha portati di fronte a un bivio. Bivio che li ha divisi irrimediabilmente e definitivamente anche a causa delle scelte sbagliate di Liam, il più ambizioso dei due.
E così, quindici anni dopo, Ben è diventato un insegnante e vive ancora in quella stessa cittadina in cui è nato, mentre Liam è un architetto di successo in procinto di dare una svolta alla sua carriera e vive a New York.
Ma, fondamentalmente, sono entrambi soli. Non hanno mai trovato qualcuno che catturasse il loro cuore, non come avevano fatto l’uno con l’altro anni prima. In poche parole, si sentono ancora legati e la reazione che entrambi hanno quando si rivedono dopo tutti quegli anni, gli farà capire tante cose. Nonostante si ostinino a combattere queste emozioni, i due protagonisti saranno costretti a capitolare e a lasciare che la verità prenda possesso dei loro cuori definitivamente.
Un guasto alla macchina e i rimpianti di Liam li porteranno di nuovo a incontrarsi e a fare i conti con un passato che nessuno dei due ha dimenticato, nonostante sia trascorso tanto tempo. Degli amici un po’ impiccioni e uno zio sentimentale faranno da catalizzatore ai due testoni, che si ostinano a non lasciarsi andare ai sentimenti.
Rispetto agli altri lavori di Kate Sherwood, “Quel che luccica”, ha un ritmo un po’ più blando. È una storia costruita in modo molto realistico, nessun istalove per i due protagonisti, ma una cottura molto lenta fatta di tanti dubbi e domande che, a parer mio, ho trovato legittimi. Tecnicamente, per quanto riguarda stile e trama, è un libro perfetto che però pecca un po’, appunto, sul ritmo che a volte si perde un po’ in dialoghi troppo lunghi e in alcuni casi ridondanti.
Tenere le scene d’amore che non sono affatto in primo piano, ennesimo segno che l’autrice ha voluto scrivere un libro che parlava di sentimenti e di amore ritrovato, di nuove possibilità e di perdono.
Una storia dedicata a chi ama gli amori mai finiti, quelli che come dice un famoso cantante “fanno dei giri immensi e poi ritornano”, cosa che trovo affascinante e di grande impatto emotivo.

MOLTO BELLO