Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un vero compagno” – Patricia Logan

Titolo: Un vero compagno
Autore: Patricia Logan
Serie: Prosper Woods Chronicles #1
Genere: Paranormal, Vampiri, Mutaforma, Maghi/Streghe
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Un vero compagno

SINOSSI

Quando mi ero trasferito a Prosper Woods, California, un paio di settimane prima, avevo grandi progetti per una vita tranquilla. Diciamo solo che le cose non erano andate esattamente come mi aspettavo. Per prima cosa, come nuovo sceriffo, non avevo previsto di indagare su un omicidio il giorno successivo al mio arrivo. E secondo, nessuno mi aveva detto che le creature soprannaturali esistevano davvero. All’inizio non ci avevo creduto, ma quando Vincent Lasco mi aveva improvvisamente sorriso con una bocca piena di zanne, le cose si erano fatte interessanti.
Una vita tranquilla in una piccola città!

Nel momento in cui avevo deciso di portarmi a casa lo sceriffo Romeo Harmon per un giro tra le lenzuola, avevo capito che nascondere la mia vera natura era un grosso errore. D’altronde le cose non andavano mai come mi aspettavo. La semplice e anonima vita che avevo sperato di condurre a Prosper Woods mi era scoppiata in faccia nel modo più poetico e spettacolare. Non solo, il ragazzo non era nemmeno consapevole di avere dei segreti. Sembrava quasi impossibile che avesse passato tutta la vita senza conoscere la sua vera natura, ma nel suo caso so che era vero.
I soprannaturali sono ovunque!

Prosper Woods aveva un paio di nuovi residenti che, a prima vista, sembravano inadatti alla vita di una piccola città. In poco tempo però, avevo capito che erano perfetti per la città… Forse l’unica cosa giusta di quello strano posto. Sorprendentemente, si erano ben inseriti.
Le cose stanno per diventare interessanti!

“Vivevo in città da meno di tre settimane e già capivo quanto fosse folle Prosper Woods. Amavo quel posto, ma di sicuro non mi sarei mai aspettato di trovarmi di fronte a una città piena di mutaforma, vampiri e lupi mannari… Oh, e un vecchio stregone irascibile.”

Ecco, ho scelto di iniziare la mia recensione con questo estratto del protagonista perché riassume bene il concetto generale: è fondamentale allargare i propri orizzonti mentali se si vuole conoscere questa piccola cittadina, i suoi strambi abitanti e apprezzare la trama di questo libro!
Anzitutto, se non volete sgradite anticipazioni, vi consiglio prima di recuperare il prequel di questa serie, ossia “Un vero cavaliere”. Il volume è uscito qualche mese fa e, pur non essendo molto lungo, aveva l’importante funzione di introdurci in questa strana città, incastonata fra le foreste di sequoie della California, e soprattutto darci una carrellata dei suoi molti e bizzarri cittadini, a partire dai nostri protagonisti che si incontrano e si scoprono anime destinate.
Il vampiro ultracentenario Vincent e lo sceriffo unicorno Romeo proseguono qui la loro storia d’amore, regalandoci attimi molto dolci e altrettanto piccanti fra le lenzuola. Il loro punto di vista alternato ci fa cogliere ogni aspetto della narrazione.
Anche l’addestramento di Rome con la sua nuova natura incantata fa progressi, ma non è facile rapportarsi con inattesi superpoteri magici.
A complicare la vita dello sceriffo c’è la scoperta di un nuovo cadavere con tutti i quesiti che il ritrovamento smuove, ma anche il rapporto guastato con i licantropi – che sono nemici giurati dei vampiri e dei bulli in città – con a capo un Alpha cattivo e meschino, sta arrivando come tutti i nodi al pettine.
Il volume è un insieme di fatti e sentimenti che sono ben amalgamati: si alternano momenti divertenti, irriverenti e leggeri ad altri più drammatici, crudi o tristi e dolorosi, senza mai scadere nel troppo.
Le lettere folli all’editore del giornale locale, se si uniscono i puntini fra varie intuizioni, sono meno pazze del previsto, o almeno a me è parso di cogliere dei collegamenti che all’inizio mi erano sfuggiti fra un vaneggiamento e l’altro.
Un pensiero speciale va al piccolo fantasma infelice, e leggendo capirete il perché.
L’unica pecca è forse la ridondanza di alcuni dialoghi che ripetono un po’ un ragionamento attiguo, che in certi punti mi sono sembrati superflui, ma in generale la storia è piacevole e ve la consiglio, in attesa del prossimo volume.

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Monte Natale” – Garrett Leigh

Titolo: Monte Natale
Autore: Garrett Leigh
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Monte Natale

SINOSSI

Un agente di sorveglianza per la libertà vigilata che si occupa del figlio del fratello morto. Un grande gigante gentile ferito e con il cuore più tenero del mondo.

Rami: Il dolce Fen Hawthorne è quello che preferisco del lavoro in prigione. Con le sue spalle larghe e il suo sorriso solare. Il suo flirtare ammiccante. E poi gli piaccio quanto lui piace a me. Un passo verso qualcosa in più sembra inevitabile… finché la vita non ci mette lo zampino.
Un giorno sono lì, poi non ci sono più, e non è che le seconde possibilità esistano davvero quando la tua auto si rompe nel bel mezzo di una montagna immersa nella neve, vero?
E poi non ricordo affatto di aver flirtato con un boscaiolo barbuto, solo di averne sognato uno.

Fen: I sogni diventano mai realtà?
Il Monte Natale è la mia casa. Ma è anche l’unico posto sulla Terra in cui non mi aspetterei mai di rivedere Rami Stone… E invece ora sono bloccato dalla neve con lui. Intrappolati e con solo un fuoco scoppiettante a farci compagnia: è una fantasia che si avvera. L’aria si fa più densa della neve e i diciotto mesi durante i quali siamo stati separati svaniscono.
Ma di pari passo con la neve che si scioglie c’è la foschia che si dirada. E Rami mi parla di un bagaglio che ha sulle spalle.
Però anche io ne ho uno, e se sono qui è perché sono pronto per il lavoro pesante.
Sono qui per il mio per sempre.

Con l’arrivo dei primi freddi, è stato piacevole immergersi in una lettura che parla di paesaggi mozzafiato, di neve a palate, di caminetti caldi e stanze accoglienti, di amore e seconde possibilità.
Garrett Leigh mi ha tenuto compagnia per alcune sere e devo dire che è stata una lettura davvero gradevole, una storia di Natale che però non parla solo di dolcezza e amenità varie, ma affronta temi importanti e delicati. La sua trama, con qualche scossone ben piantato, tiene alte la curiosità e l’attenzione fino alla fine.
Fen Hawthorne e Rami Stone si conoscono a causa del loro lavoro presso la prigione di Manchester, dove il primo è una guardia carceraria e l’altro è un agente di sorveglianza per la libertà vigilata che si occupa di aiutare i detenuti, che stanno finendo o hanno finito la loro pena, a reintegrarsi nel mondo.
Anche se potrebbe esserci dell’interesse reciproco, i due non osano nulla per molto tempo e proprio quando sembra che una proposta ammiccante possa smuovere le acque, la vita ci si mette in mezzo, sconvolgendo le loro esistenze.
Un anno e mezzo dopo, scopriamo che Rami non ha mai potuto dar seguito a quell’invito, perché un evento drammatico ha cambiato l’asse della sua esistenza e si è ritrovato di colpo padre del nipote neonato, che ha cresciuto, in quel lasso di tempo, fra mille sacrifici.
Anche Fen non lavora più in carcere a seguito di un fatto grave, ma Rami non sa cosa sia successo realmente e occuparsi del piccolo Charlie e del proprio lavoro lo sta logorando a tal punto che, in un impeto di follia e sfinimento psicofisico, Rami carica il nipote in auto e parte alla volta di Monte Natale, una montagna lontana e difficile da raggiungere, dove sulla cima vive la sorella in stile Heidi con la sua famiglia.
Rami non ha pensato alla sua vecchia auto inadatta e alla tempesta di neve, quando si inerpica dove osano solo le aquile e perciò rimane bloccato, disperato e solo… Fino a che, miracolosamente, qualcuno appare a salvarlo, e quel qualcuno è proprio Fen, che gli offre rifugio, conforto e quel batticuore che credeva perso per sempre.
Ecco, la parte che ho riassunto non è altro che l’inizio di questo viaggio natalizio, perché la storia è molto di più e racconta di tutta la permanenza di Rami a Monte Natale. Per quelli che non amassero le ambientazioni da carcere, posso dire che le citazioni sono brevi e la storia si svolge tutta fra montagne, neve e aria all’aperto.
Rami e Fen hanno due bagagli pesanti, animi feriti e scelte da fare non facili, sia a livello personale sia come eventuale coppia. I temi delicati menzionati sono solo citati, quindi non credo possano urtare la sensibilità dei lettori, ma nello stesso tempo servono a rendere questa storia un po’ meno zuccherosa e più realistica nei drammi che capitano agli uomini comuni.
Ho amato le varie descrizioni dei paesaggi e la caratterizzazione di ogni personaggio di questa storia, soprattutto Fen mi ha conquistata con la sua dolcezza e la bontà d’animo, ma tutta la famiglia rimasta di Rami è deliziosa: una sorella impicciona e di buon cuore, un cognato ottimista e tuttofare, dei nipoti simpaticissimi e affettuosi. Il piccolo Charlie merita un abbraccio tutto suo.
Spero che questo libro possa piacervi tanto quanto ha appassionato me, perché è ben tradotto e ha una bellissima trama.

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “E mai nessuno potrà mettersi tra me e te” – Gennj Cappelletto

Titolo: E mai nessuno potrà mettersi tra me e te
Autore: Gennj Cappelletto
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: E mai nessuno potrà mettersi tra me e te

SINOSSI

A 14 anni William Thompson ha un ridicolo taglio di capelli, l’apparecchio ai denti, gli occhiali, la reputazione da nerd e le idee confuse riguardo alla propria sessualità. È in quell’anno che incontra per la prima volta Edward Sherwood, un nuovo amico di suo fratello, e la sua confusione sessuale sembra dipanarsi di colpo: potrebbe decisamente essere gay.
A quasi 18 anni William non ha più l’apparecchio per i denti, ma indossa ancora gli occhiali e continua ad essere un nerd con pochi amici e una cotta imbarazzante e del tutto fuori luogo per il migliore amico di suo fratello. Amare Ed è facile come respirare ma fin troppo doloroso; Edward è fuori dalla sua portata e non solo perché è etero fino al midollo, ma anche perché è più grande e più in gamba di lui, così William decide di dimenticarlo, partecipare alle feste, cercarsi un ragazzo… Certo non si sarebbe mai aspettato le crisi di gelosia in piena regola di Edward che forse, sotto sotto, non è poi così etero. Ma frequentare un ragazzo che si rifiuta di uscire dall’armadio non è facile e spesso le delusioni sono più grandi dei traguardi raggiunti, ecco allora che un volo per un’università dall’altra parte del mondo sembra la soluzione ideale per tagliare i ponti con l’unico ragazzo che probabilmente non potrà mai avere sul serio.
A 25 anni William può dire di aver chiuso con il passato: ha una deliziosa figlioletta che sta crescendo da solo in modo encomiabile, ha appena ottenuto un fantastico lavoro come biologo marino nell’illustre acquario della sua città, e non ha motivo di preoccuparsi che qualcuno ricompaia nella sua vita, soprattutto dopo sette anni trascorsi senza contatti. Ecco perché quasi gli prende un colpo quando, il primo giorno di scuola di sua figlia, scopre che il suo nuovo maestro è un certo Edward Sherwood…

Avete presente quando, leggendo una sinossi, vi fate una certa idea della storia che andrete a leggere? Beh, scorrendo la scansione temporale che presenta questo libro, mi ero immaginata un paio di capitoli con Will da ragazzino, un altro paio a diciott’anni e poi che la storia fosse centrata sul presente.
Invece sono stata piacevolmente smentita, perché il volume è un perfetto esempio di slice of life, ossia pezzetti di vita quotidiana che scandiscono la storia d’amore fra Will e Edward giorno dopo giorno, anno dopo anno, fino a raggiungere i suddetti traguardi, suddivisi equamente in 400 pagine che hanno saputo coinvolgermi e mantenere alta la mia attenzione, dimostrando un buon ritmo e uno stile ironico e accattivante che mi ha conquistata.
Il quattordicenne Will è un nerd basso ed esile, che conta gli amici veri sulle dita di una mano monca e ha una grossa confusione in testa sulla propria sessualità fino a che, un giorno d’estate, non riceve letteralmente un colpo in testa da Edward Sherwoood – un nuovo amico di suo fratello Stephen – che con una pallonata in faccia gli fa capire un sacco di cose. 
Will si innamora di lui istantaneamente, inanellando infinite figuracce e balbettamenti, ed è così per molto tempo. Will culla amorevolmente questo sentimento impossibile per Ed, che è etero e, peggio ancora, lo considera un fratellino acquisito, dato il legame stretto con Stephen.
Certo, è difficile rimanere indifferenti davanti a Edward, che oltre a essere bello è pure gentile, sensibile e generoso… ed è per questo che Will cerca invano di farsene una ragione, provando sulla propria pelle a costruire una vita propria… fino a quando, inaspettatamente, Edward Sherwoood si scopre bisessuale, ma non basta questo per raggiungere la felicità, giusto?
William ha un gran patire in questo libro, anche se ha dalla sua un’intelligenza spiccata e tanta determinazione, tre amici preziosi e un fratello che, pur pungolandolo, sotto sotto lo ama e lo protegge. Ho amato la caratterizzazione del protagonista, l’ironia che usa come arma, l’animo buono e gentile.
Anche Edward è un bel personaggio, con la giusta dose di turbamenti e dubbi che lo rendono molto umano, anche se fa venire voglia di prenderlo a ceffoni un paio di volte, assieme a William, beninteso.
Gli amici di Will e la piccola Lily meritano una menzione a parte, li ho adorati tutti anche se per ragioni diverse, ma indubbiamente arricchiscono la trama con la loro presenza.
Non mi resta che consigliarvene la lettura, mentre io vado a recuperare il primo libro di quest’autrice, che terrò d’occhio perché ha uno stile e delle idee che apprezzo molto.

4.5

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Hexmaker – Il Creaincantesimi” – Jordan L. Hawk

Titolo: Hexmaker
Autore: Jordan L. Hawk
Serie: Hexbreaker #2
Genere: Storico, Poliziesco, Mutaforma, Paranormal, Maghi, lieve BDSM
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Hexmaker

SINOSSI

Un poliziotto austero e conservatore. Un ladro allegro e spensierato. Un milionario ucciso.

Il mutaforma volpe Malachi ruba per uno dei più grossi gruppi criminali della città di New York. Ma quando assiste all’omicidio di un milionario, l’unica persona che può tenerlo al sicuro è il dottor Owen Yates, incantatore forense della Polizia Magica Metropolitana… nonché lo stregone di Malachi.
Owen inorridisce nello scoprire che il suo famiglio è un rozzo ladro. E, ancora peggio, Malachi minaccia di scatenare i desideri più profondi del mago… desideri che Owen non può soddisfare, essendo destinato a un matrimonio combinato per solidificare la ricchezza della famiglia Yates.
Così stipulano un patto: Malachi sarà l’amante e il partner di Owen fino al giorno del matrimonio. Ma mentre la caccia all’assassino li porta dai bassifondi affollati fino alle ville della Fifth Avenue, Owen comincia a rendersi conto che Malachi comanda il suo cuore proprio come il suo corpo.
Con le forze oscure che si stringono intorno a loro, Owen deve decidere se piegarsi al dovere, o rischiare tutto per l’uomo che ama.

Lady Marmelade2

Ho trovato questo secondo volume un pizzico meno incisivo del primo, anche se devo ammettere che ho sempre difficoltà con il secondo volume di una serie, soprattutto se il primo volume mi colpisce molto, proprio come era successo.
I protagonisti stavolta sono un famiglio ladro, che assume le sembianze di una bellissima e scaltra volpe, il giovane e irriverente Malachi e un dipendente, ma ancora per poco, della Polizia Magica, ovvero il timido e riservato Dottor Yates, un incantatore.
I due non potrebbero essere più diversi visto che Owen è di famiglia ricca e aristocratica, al vertice della vita magica e sociale della città, mentre Mal non è altro che un giovane allontanato dai suoi stessi genitori perché considerato un abominio, finito in un orfanotrofio e poi sotto la protezione della regina dei ladruncoli di strada.
Owen e Mal sono entrambi impreparati a conoscere la loro controparte magica; mai si sarebbero aspettati di finire l’uno con l’altro, legati per la vita, anche perché, tra pochi giorni, Owen dovrà sposarsi per il buon nome e prosperità della sua altolocata famiglia.
Che dire poi dello shock di Mal, costretto a stare con il nemico di sempre? Un piedipiatti ragazzi! Per di più ligio al dovere, serio, posato, onesto che finisce a legarsi con un ladro che è addirittura accusato di omicidio!
Il disastro sembra davvero dietro l’angolo.
Anche se Owen tra pochi giorni prenderà moglie non riesce a dimenticare il suo incontro con Mal, perché il giovane poliziotto ha un segreto:

“Non riusciva a smettere di pensare allo snello giovane dai capelli rossi, dagli occhi di ambra e con quel sorriso astuto da volpe. Perché nessuno degli uomini con cui era stato gli somigliava? Intelligente e sfacciato. Affatto intimidito da Owen… “Il suo dovere non era più solo quello di essere il migliore del corso all’università e poi il miglior incantatore della PMM. Il suo dovere era diventato quello di essere l’erede degli Yates, con tutto quello che comprendeva.”

Owen ha deciso di sacrificarsi per la famiglia e di reprimere il suo vero io proprio ora che ha trovato qualcuno con cui esprimere davvero se stesso, soprattutto nella sfera sessuale. Ha confessando al suo famiglio cosa davvero vorrebbe avere da una relazione, perché il timido incantatore ha dei desideri particolari, che aggiungono alla storia dei dettagli che possiamo definire come la base del BDSM: molto velato, non aspettatevi pratiche estreme, ma il rapporto che si instaura tra i due è davvero particolare.
Anche Mal è molto combattuto: da sempre cerca di sopravvivere con le sue stesse forze, nell’attesa di trovare lo stregone che lo proteggerà, che penserà a tenerlo al caldo e con la pancia piene, invece che arrabattarsi a borseggiare per rimediare qualcosa.
Mal non è grande e grosso come il suo amico Nick che rifugge il legame con gli stregoni; non è facile essere una piccola volpe:

“Nick non l’avrebbe fatto. Non avrebbe mai barattato la sua libertà per qualcosa. Neanche per la sua stessa vita. E di certo non per un letto morbido o una colazione abbondante… Era diverso se eri una volpe, un gatto o un uccello, qualcosa di piccolo che poteva essere chiuso in gabbia a morire di fame fino a che non cedeva.”

Non dovete però pensare che Mal sia indifeso: tutt’altro! Il ragazzo sa vendere cara la propria pelliccia e non manca occasione per essere irriverente, saccente, sboccato e senza vergogna!
Un personaggio simpatico e intrigante ma che mi è sembrato meno accattivante di Cicero, il protagonista famiglio del primo volume.
Anche Owen è un bel personaggio, ovviamente tormentato come lo era Tom, l’incantatore di Cicero, ma anche lui è meno d’impatto di Tom.
I suoi tormenti mi sono sembrati più stereotipati, qualcosa di già letto altrove.
Ovviamente quando il destino fa incontrare un famiglio e il suo stregone, c’è poco da fare, è inutile combatterlo, perché tra i due si crea qualcosa di unico e irripetibile con un’altra persona:

“Poteva sentire il legame come una specie di calore nel petto, accoccolato dietro al cuore. La sensazione era sconcertante e lui faceva del suo meglio per ignorarla.”

L’indagine sull’omicidio segue di pari passo la crescita del rapporto tra Owen e Mal, forse un tantino prevedibile, ma con qualche sprazzo di suspense; se cercate bene gli indizi ci sono tutti per capire chi si nasconde dietro l’oscurità e il gelo che si sta per abbattere un’altra volta su New York…
Nel complesso un libro piacevole, che scorre bene e che getta le basi per i prossimi due volumi che avranno per protagonisti i famigli che sono già apparsi nella serie: avevo già capito chi fossero prima di andare come sempre a sbirciare sul web!

4

In questo secondo volume della serie “Hexworld“, collocato un po’ dopo rispetto a dove ci eravamo lasciati, ritorniamo in una New York d’inizio Novecento, dove esseri umani, maghi e famigli coesistono, dove la magia è usata quotidianamente e i maghi devono trovare il proprio animale magico mutaforma per creare un sodalizio magico perfetto.
Abbiamo già avuto modo di conoscere il dottor Owen Yates, incantatore forense della Polizia Magica Metropolitana (PMM), un uomo che, seppur molto ricco, è devotamente consacrato al suo lavoro per risolvere i crimini tramite gli incantesimi.
Individuo di poche parole e pragmatico, Owen sa di essere un privilegiato ed è pronto a onorare i doveri che la sua casata gli impone, anche se questo comporta le imminenti dimissioni dall’amato impiego e contrarre un matrimonio combinato, con una donna che rispetta ma non ama, per il bene della dinastia Yates.
A pochi giorni dalla cerimonia che svolterà la sua esistenza, è l’incontro fortuito con la volpe mutaforma Malachi a cambiare però la sua vita… perché è l’essere a lui destinato da sempre.
Mal è un famiglio di origine irlandese che abita nella parte sbagliata della città: è un giovane ladro povero, che vive di espedienti e furti… ma non ama la violenza.
Incastrato sulla scena di un crimine efferato, Mal è costretto a difendersi a collaborare con Owen e l’odiata polizia, confessando la verità sul loro legame al suo mago.
La trama è un coinvolgente giallo investigativo che si dipana per scoprire il colpevole e tutte le sottotrame; ci saranno degli interessanti colpi di scena e azione, ma anche la parte sentimentale/introspettiva è discreta.
Per mio gusto personale, non ho amato particolarmente la parte di dominanza/sottomissione sviluppata durante le scene intime, ma comprendo che fossero funzionali alla caratterizzazione dei personaggi. Emotivamente, mi sono trovata più coinvolta con le coppie precedenti di questa serie, (forse a causa dei pochi giorni concessi loro per conoscersi e legare), ma anche Mal e Owen sono gradevoli insieme e mi auguro di ritrovarli.
È stato piacevole rintracciare sia i protagonisti del primo libro sia quelli della novella, che qui sono preziosi aiutanti.
Se non l’avete ancora fatto, vi consiglio di recuperarli e poi leggere quest’avventura storica e paranormale.

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Avvolti dalle nuvole” – V. L. Locey

Titolo: Avvolti dalle nuvole
Autore: V. L. Locey
Serie: Secondo Liam #4.5
Genere: Contemporaneo, Sportivo, Transgender
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: 0,99€
Link all’acquisto: Avvolti dalle nuvole

SINOSSI

Sono destinati a rimanere “solo amici” per sempre o sono ancora in tempo per scoprire l’amore?

Jamie Palmer aspetta di incontrare il suo Mr. Perfezione da un sacco di tempo. Cavolo, a dirla tutta sono secoli che aspetta di trovare uno straccio di uomo decente con cui uscire! Visti i timidi sguardi di apprezzamento che gli lancia un certo difensore finlandese dei Ravens di Pittsburgh, pensava di averlo trovato. Sono passati mesi, tuttavia, da quando Heikko è tornato negli Stati Uniti e i due sono ancora bloccati nella friend zone. Forse era solo una pia illusione di Jamie pensare che un giocatore di hockey così grosso e turbolento potesse innamorarsi di un uomo trans con una profonda passione per i film degli anni Sessanta e le sneaker più raffinate.
Heikko Keto sta passando un momentaccio poiché la squadra sta attraversando un doloroso processo di ricostruzione. I Ravens hanno difficoltà a trovare la via della porta e il suo nuovo compagno in difesa è un pagliaccio che non capisce mai quando è il momento di fare le persone serie. La sua vita personale non va molto meglio: sono mesi che si arrovella per cercare di capire chi è e mentre lui combatte contro se stesso, l’uomo che gli ha rubato il cuore parla di app di incontri e di andare a cena con un nuovo cliente. Riuscirà Heikko a trovare il coraggio di ammettere al mondo – e a Jamie – che è stanco di vivere ai margini di quella che potrebbe essere la storia d’amore della sua vita?

Premesso che questo è uno spin-off della saga originale, e che i protagonisti sono diversi, l’ho trovata una chicca arricchente che dà la giusta conclusione.
Jamie e Heikko sono un regalo inatteso in questa serie che ho amato molto fin dal primo libro. Li avevamo già intravisti nel precedente volume, l’ultimo dedicato a Mike e Bryn, che ora hanno la loro famiglia felice.
Jamie e Heikko sono bellissimi insieme, anche se la loro relazione è travagliata e complicata, e soprattutto devono accettare che niente è facile quando si ama e che si devono affrontare tanti problemi: Jamie ha sofferto molto nelle relazioni passate per la sua transessualità e teme che anche Heikko scappi da lui, come tutti gli uomini con cui ha provato a uscire in precedenza, finendo per ferirlo; mentre il nostro giocatore deve fare chiarezza con se stesso e accettare la propria bisessualità, cosa che fino a questo momento non aveva mai pensato di essere.
Heikko è grande e grosso e intimorente, ma devo dire che mi hanno conquistato la sua dolcezza, la gentilezza, l’animo limpido e un po’ ingenuo. È un grosso orso di peluche ed è impossibile non volerlo coccolare! Jamie non è da meno, ma amo ogni personaggio creato da questa autrice, quindi sono di parte.
È stato bello rivedere i nostri vecchi eroi, qui in veste di preziosi aiutanti per questi due adorabili imbranati.
La storia non è molto lunga – poco più di cento pagine – ma ve la consiglio: è da leggere come completamento di una bellissima serie, ma anche da solo se cercate una storia breve ma dolcissima.

4.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Il Demone si nasconde nei dettagli” – Meghan Maslow

Titolo: Il Demone si nasconde nei dettagli
Autore: Meghan Maslow
Serie: Charm City Chronicles #1
Genere: Fantasy, Paranormal, Mutaforma, Demoni, Diavoli, Fae, Vampiri, Fate, Maghi, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Il Demone si nasconde nei dettagli

SINOSSI

Poe Dupin, corvo mutaforma e ladro extraordinaire, è nei guai con la G maiuscola. Non solo è stato colto con le penne nel vasetto della marmellata durante il suo ultimo colpo, ma quel buono a nulla del suo patrigno, l’alfa, sembra determinato a distruggere il loro intero stormo. E Baltimora può essere molte cose, ma non è una città che perdona.
Quando il suo patrigno mette di nuovo lo stormo in pericolo, Poe non vede altra soluzione che fare un patto con l’unico demone che risiede a Charm City, Tommy Tittoti. Le voci dicono che Tommy divora le anime di quegli sciocchi che hanno a che fare con lui. Tre strike e sei fuori. Ma a Poe l’anima non è mai servita granché. Se per salvare la sua gente deve sacrificarla, allora il gioco vale la candela.
Tommy non è affatto come lui si aspettava. Avete presente com’è fatto un demone, no? Enorme, con le corna, peloso e terrificante… Ecco, scordatevelo. Tommy è biondo, bellissimo, ha un perfetto sedere rotondo e una voce melodiosa che invita Poe a giocare con lui. Uno di quei tipi da favola che si vedono sulle app per incontri. È davvero un figo stratosferico, nonostante sia un assassino senza scrupoli.
Poe non è un santo, ma Tommy… beh, lui è più un diavolo che un demone. Eppure, il nostro corvo mutaforma non riesce proprio a tenere le ali lontano dal fuoco. Dopo un primo patto ne segue un altro, e quando un terzo grave problema colpisce i corvi, Poe scopre di essersi innamorato dell’unica persona che può farlo morire con uno sguardo, letteralmente. O magari saranno le fiamme a divorarli entrambi.

In una Baltimora alternativa a quella che conosciamo, umani ed entità sovrannaturali coabitano. I quartieri vengono divisi fra degli esseri magici che li governano e in essi vi risiedono colonie di animali mutaforma, fra cui il nostro protagonista, Poe, che manda avanti la baracca del suo stormo al posto del patrigno, l’Alpha, che non è altro che un ubriacone violento, scialacquatore di soldi ed egoista pericoloso.
Poe gestisce una gioielleria, ma è con dei lavoretti di furti su commissione che sfama la sua gente e paga le bollette, saldando anche i continui debiti di gioco del suo ‘amato’ patrigno.
Ho amato Poe dal primo momento: il suo senso del dovere e il suo animo nobile e pronto al sacrificio per il bene chi di ama è stato capace di scaldarmi il cuore. In particolare, l’amore verso i due piccoli fratellastri è encomiabile, ma a volte non basta e neppure sacrificare tutto ciò che ha è sufficiente.
Disperato, Poe va incontro a guai sicuri stringendo più di un patto con un demone affascinante e pericolosissimo: Tommy mi ha lasciato di stucco con la sua caratterizzazione!
Sotto una patina angelica, non bisogna dimenticare la sua vera natura demoniaca, e Tommy ce lo ricorda spesso che la sua indole chiede e pretende anche ciò che lui non vorrebbe, ma è costretto a soddisfarla per non stare male. Posso dirvi solo che Tommy è stata una vera sorpresa su più fronti e non si può non innamorarsi di lui.
Credo che quest’autrice sia diventata una certezza per me. Ho amato tutto il libro, i protagonisti fantastici e pure i personaggi di contorno che non sono da meno. È un romanzo completo che consiglio se cercate una storia sovrannaturale, mutaforma, con colpi di scena, azione, sentimenti e amore dolce e sensuale. Tommy e Poe non vi deluderanno!

5
Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Sotto le cicatrici” – Mary Durante

Titolo: Sotto le cicatrici
Autore: Mary Durante
Genere: Contemporaneo, lieve BDSM, Gap Generazionale, Mafia Romance
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Sotto le cicatrici

SINOSSI

Quando Malcolm incontra Luka Marev, il nuovo killer della gang rivale, lo inquadra subito come un pericolo: abile con i coltelli, insolente, completamente pazzo.
La scelta più saggia sarebbe ucciderlo o stargli lontano. Certo, sarebbe tutto più semplice se le loro gang non avessero appena scelto di unire le forze in una tregua, forzandoli a una collaborazione sul filo del rasoio.
O se Luka, con la sua faccia d’angelo, il fisico androgino e gli occhi innocenti fin troppo propensi a cercarlo, non fosse l’esatta incarnazione delle sue fantasie erotiche.

Quando Luka conosce Malcolm Davis, due particolari gli si imprimono sulla retina: la cicatrice che gli deturpa una guancia e gli occhi da predatore.
Potrebbe svelare il mistero che quel gigante rappresenta, sedurlo o ucciderlo. Per lui sono tre scelte ugualmente intriganti, con cui spezzare la monotonia della missione a cui ha dedicato la vita.
Quando le ombre del suo passato tornano a galla, ciò che doveva essere un semplice diversivo si rivela invece un gioco pericoloso, da cui non è certo di poter uscire vincitore. Ma il rischio è metà del divertimento, giusto?

Ho già detto in passato quanto io apprezzi la capacità di Mary Durante di spaziare fra trame più leggere (come le commedie) e altre più cupe e drammatiche senza mai alterare il suo talento e questo libro ne è l’ennesima riprova: è molto diverso dall’ultimo suo che ho letto, ma l’ho amato in egual misura.
Fin dalle prime righe si entra nel bel mezzo di un mondo spietato, adrenalinico e pericolosissimo: quello delle gang di strada, dove la vita è appesa a un filo e basta un minimo sgarro inconsapevole per morire.
L’autrice riporta sia in calce alla sinossi sia nelle prime pagine gli avvertimenti per gli argomenti trattati di modo da renderla una lettura consapevole, anche se personalmente credo che tutti dovrebbero darle una possibilità perché è una piccola perla.
Malcolm e Luka, i nostri protagonisti, sono due uomini in apparenza molto diversi fra loro. Malcom ha trentasei anni e una corporatura imponente, il viso sfregiato e muscoli che fanno paura. Al soldo dei Gladiator da molti anni, è un esecutore silenzioso, affidabile e infallibile, temuto e invidiato dai suoi simili.
Luka è un ventiduenne esile, androgino, affascinante e irriverente. Un’arma letale camuffata fin troppo bene che è stata assoldata dagli Hell’s Spawn di recente e contro la sua volontà, nel momento in cui gli è stato chiesto se morire o vivere per loro.
Malcolm e Luka, due sicari al soldo di due bande rivali in una New York malavitosa, dedita allo spaccio e ad affari loschi. Prima o poi dovranno scontrarsi e uccidersi, ma una tregua temporanea fra le loro gang, per sconfiggere un nemico comune, li costringe a collaborare in una serie di appostamenti, sera dopo sera, che trasforma la loro reciproca diffidenza in qualcos’altro, qualcosa di azzardato e insperato.
Ho amato la loro evoluzione, come l’autrice abbia sapientemente descritto questi uomini – abituati a contare solo su sé stessi – abbassare cautamente le armi, piano piano, e fidarsi contro ogni buonsenso, rischiare e imparare a desiderare del tempo con l’altro, osare sognare un futuro precluso, una felicità negata per tipi come loro.
Ho amato ogni scena intima, dal mero sfogo carnale all’evoluzione in piccole tenerezze accennate e rubate; ogni momento è molto hot, condito da sottomissione e dominanza che, anziché stonare con i loro caratteri forti, non fa altro che valorizzare la poliedricità dell’essere umano e i suoi bisogni.
Malcolm e Luka sanno che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo e di non avere alternative in una vita a senso unico.

Era sempre stato un uomo senza passato, un assassino senza futuro. Ma sotto le dita di Malcolm riusciva a vivere il presente. E il presente era fuoco.

Ma a volte può arrivare l’opportunità insperata, oppure bisogna fabbricarsela, la propria occasione, con la stessa determinazione spartiacque fra vivere e morire. Malcolm e Luka non sono brava gente, non sono ‘i buoni’ nel senso comune del termine. Ma incastrati in vite che non hanno scelto, persino per due cuori induriti dentro corpi pieni di cicatrici può esserci posto per l’amore e la felicità.
Non mi resta che consigliarvelo caldamente.

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “I Demoni lo fanno meglio” – Louisa Masters

Titolo: I Demoni lo fanno meglio
Autore: Louisa Masters
Genere: Paranormal, Vampiri, Mutaforma, Diavoli, Sci-Fi, Urban Fantasy, Maghi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: I Demoni lo fanno meglio

SINOSSI

Lavoro per Lucifero. Anche se non è così avventuroso e satanico come sembra.
La verità è che sono un semplice assistente amministrativo che ha accettato un lavoro che sembrava interessante e si è ritrovato a lavorare per il GCC. Sono l’unico umano dell’ufficio e devo gestire una mandria scatenata di mutaforma e demoni.
Trascorro anche molto tempo a evitare Gideon Bailey, il demone con cui ho passato una notte di fuoco prima di accettare il lavoro. Mi odia e vorrei evitare di essere ammazzato. Però mi è stata offerta una promozione che mi porterà a lavorare con lui, quindi dobbiamo farcela passare entrambi.
Come se non bastasse, ci sono diversi casi di persone scomparse. Persone incinte. In giro si vocifera che ci sia qualcuno che sta facendo esperimenti genetici. Mettere fine a tutto ciò è più importante della tensione sessuale che io e Gideon cerchiamo di ignorare… giusto?

Sam è un uomo alla soglia dei quarant’anni che non ha legami sentimentali né amicizie strette e si annoia fra le scartoffie del suo ufficio. Per questo è in cerca di un nuovo impiego un po’ più movimentato e accattivante.
Quando riceve una proposta per un colloquio presso il GCC, descritto come un’attività per un ente governativo, Sam crede di avere le allucinazioni perché intravvede esseri non esattamente umani né animali di taglie normali, ma l’impiego sembra stuzzicante e lui accetta.
È così che il nostro protagonista scopre un mondo incredibile dove la religione e i testi sacri, così come le comuni convinzioni, hanno altre verità da raccontare e accettare. Divinità e demoni, vampiri e mutaforma sono reali e presenti, convivono con gli umani ma questi ultimi sono perlopiù ignari, dopo guerre millenarie e scontri per la supremazia.
Sam è l’unico umano del GCC ma sa supervisionare il suo team e fa bene il suo lavoro… fino a quando gli viene proposto un avanzamento di carriera che lo costringerebbe a lavorare gomito a gomito con Gideon Bailey, un demone con cui ha passato un’unica notte prima di approdare al GCC ma che, rivisto nei corridoi della loro sede, si è dimostrato tutt’altro che amichevole.
Gideon non è l’unico problema da gestire, perché il loro team scopre un caso di rapimenti multipli con finalità agghiaccianti che potrebbe compromettere l’equilibrio di tutti gli esseri viventi… e vi tocca leggerlo per sapere cosa succederà!
Prima di tutto, devo dire che questo primo libro della serie mi è piaciuto molto, anche se due cose non mi hanno convinta appieno.
Uno è il titolo – lo stesso dell’opera originale – che trovo un po’ fuorviante e riduttivo. Facendo il verso a un notorio motto, mi sarei aspettata una cosa molto ammiccante e forse erotica, invece è molto più di questo e la trama non è certo incentrata fra le lenzuola. Ci sono parti hot molto coinvolgenti, sì, ma la storia è molto di più e la parte sensuale non è certo il fulcro.
È una storia molto ironica, con un protagonista sarcastico, divertente, impacciato ma coraggioso e un po’ spericolato. Sam è davvero ben caratterizzato, così come tutti gli altri personaggi, e c’è una trama che alterna figuracce a investigazioni, rapimenti e lotte. È un romanzo completo e concluso, anche se è solo il primo e i prossimi volumi punteranno su altri protagonisti conosciuti qui.
Il secondo dubbio che ho è strettamente un’interpretazione personale. Dato che la narrazione è sempre dal punto di vista di Sam, mi è sfuggita l’evoluzione amorosa di Gideon, che da odio passa all’attrazione e all’amore. Può essere che io sia stata ignara dei segnali come Sam, ma mi è rimasta la sensazione di essermi persa un passaggio. Questo però non mi ha impedito di godermi la storia che per me è un 4 stelle abbondanti e che vi consiglio se volete avventura ma anche farvi qualche risata.

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “To the moon and back: dammi la Luna” – Maria Antonietta

Titolo: To the moon and back: dammi la Luna
Autore: Maria Antonietta
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: To the moon and back: dammi la Luna

SINOSSI

Gabriele Mida, in arte Re Mida, è un cantante di venticinque anni. Performer eclettico e determinato, ma con un fondo di fragilità, sembra riuscire a trasformare in oro tutto ciò che tocca. Leonardo Venier è un giornalista quarantatreenne, cinico, disilluso e con un matrimonio fallito alle spalle.
Quando Leonardo incontra Gabriele nel corso del programma Quindici giorni con una Star è deciso, con la sua penna biforcuta, a distruggere il musicista sotto l’occhio attento delle telecamere. Una lotta senza esclusione di colpi durante la quale però Leonardo conoscerà il vero Gabriele.
È davvero tutto oro quello che riluce? Toccherà a Leonardo scoprire il segreto di Re Mida.

Quando ho letto la sinossi ammetto di essermi incuriosita alquanto, perché ho un debole per le storie con personaggi famosi inventati, e qui c’è anche un bell’age gap che è quasi di vent’anni fra i protagonisti. Posso dirvi già da ora che la lettura mi è piaciuta parecchio. Ho amato quest’ambientazione veneziana che mescola elementi che tutti conoscono – vaporetti, gondole, calli – a una collocazione di Venezia ritoccata, non ben definita, con più macchine e strade di quello a cui sono mi abituata nella mia esperienza di vita veneziana. La storia è ambientata in un’Italia attuale ma forse parallela alla nostra, oppure un po’ più avanti nel tempo, non ci è dato saperlo, ma si ricava da piccoli particolari.
Re Mida è un personaggio istrionico, chiassoso, colorato, provocatorio. Un cantante che sta scalando la vetta del successo tramutando in oro ogni cosa che fa. È una macchina per fare soldi, idolatrato dai fans scatenati e invidiato dagli altri gruppi musicali e case discografiche rivali.
Eppure Re Mida nasconde dei segreti, bugie e fragilità che occulta a fatica, ma con ostinazione, dietro maschere e ceroni. Gabriele vuole che il mondo veda il Re, non il giovane uomo che c’è dietro con le sue cicatrici e i suoi istinti “sbagliati”.
A differenza del mondo che rimane stregato da lui, il giornalista Leonardo Venier coglie la sua essenza al primo approccio, non si fa intortare dal glitter e dalle stelline luccicose. Leonardo ha le spalle larghe e una lunga carriera fulgida che purtroppo è stata spezzata prematuramente ed è finito dalle stelle alle stalle. Sfortunatamente non solo la sua situazione lavorativa fa schifo, ma anche sul versante familiare ci sono gravi problemi che lui non sa come risolvere, tranne accettare un vile ricatto o perdere tutto per restare con la coscienza pulita.
Intrighi, inganni e malvagità intorbidiscono l’acqua della laguna e non solo… ma dovete leggerlo per scoprire cosa succede!
To the Moon and back – Dammi la Luna” è una storia fresca, a suo modo abbastanza originale nel panorama m/m. L’autrice non fa mistero nel considerare Achille Lauro una fonte ispiratrice fin dalla dedica, ma leggendo io mi sono immaginata paralleli anche altri personaggi famosi attuali.
La trama tocca vari argomenti, ma soprattutto racconta la complessità di una vita sotto i riflettori così come le apparenze fuorvianti, parla anche del mondo del giornalismo vero e del gossip, parla delle difficoltà di essere se stessi in tempi e luoghi sbagliati. Ma parla anche di seconde possibilità e di ricerca di felicità e ho amato come sono stati caratterizzati i protagonisti e non solo. In questa moderna rivisitazione del mito di Re Mida, è stato piacevole conoscere Gabriele e Leo e le loro (dis)avventure, perciò ve ne consiglio la lettura.

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un vero cavaliere” – Patricia Logan

Titolo: Un vero cavaliere
Autore: Patricia Logan
Serie: Prosper Woods Chronicles #0.5
Genere: Paranormal, Vampiri, Mutaforma, Maghi/Streghe
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Un vero cavaliere

SINOSSI

Mi chiamo Romeo Harmon e sono il nuovo sceriffo di Prosper Woods, una piccola città della California nel bel mezzo della foresta di sequoie. La gente di qui mi dice che la città non è cambiata molto da quando sono state installate le linee elettriche e i telefoni. È un posto pittoresco con un cinema che proietta vecchi classici, un saloon con una scelta decente di birre, un emporio con un vecchio brontolone dietro la cassa, una stazione di servizio con un giovane meccanico brufoloso e un bed and breakfast che attrae turisti che spendono soldi.
Penso che mi piacerà qui.

Il mio nome è Vincent Lasco. Ho cercato a lungo un nuovo posto dove sistemarmi. La mia natura mi costringe a mettere dei paletti e ricominciare ogni vent’anni o giù di lì, prima che la gente si renda conto che non invecchio. Prosper Woods ha tutto quello che un uomo come me potrebbe desiderare. Ci sono pochi umani qui, ma non importa. Sono così vecchio che non ho bisogno di mangiare molto spesso e non c’è motivo di espormi alla gente del posto che spero un giorno diventerà mia amica.
Penso che mi piacerà qui.

In città ci sono delle facce nuove. Prosper Woods è un bel posto finché si è di passaggio. Mi chiedo quanto tempo questa gente si fermerà una volta che avrà scoperto cosa sta realmente accadendo qui. A ogni modo…
Non credo che gli piacerà qui.

Quando ho letto la sinossi del libro avevo subodorato la possibilità che uno dei protagonisti fosse un essere sovrannaturale, ma non mi aspettavo un assortimento di mutaforma vari: vampiri, licantropi, maghi ed esseri leggendari a vario titolo… e me ne sono innamorata! Questo prequel ha proprio stuzzicato la mia fame verso questa serie.
Fin dalle prime righe capiamo che è una storia un po’ fuori dagli schemi: ogni capitolo è introdotto da un articolo del giornale locale con delle lettere spedite dai lettori a dir poco bizzarre… e poco dopo veniamo catapultati fra licantropi e altri mutaforma che scorrazzano fra le grandi foreste di sequoie, le zone più impervie e isolate della California, per seguire il loro istinto di gioco e caccia.
I vari punti di vista sono indicati a inizio capitolo, quindi non c’è pericolo di fare confusione, anche se ammetto che questo volume introduttivo della serie ha parecchi personaggi da ricordare.
Il primo protagonista che incontriamo è il nuovo sceriffo di Prosper Woods, Romeo Harmon, in arrivo da Los Angeles e più che propenso ad adattarsi alla piccola cittadina che sembra rimasta indietro di un secolo rispetto all’evoluzione del mondo: un posto minuscolo e tranquillo e in apparenza facile da amministrare… peccato che Rome non sappia che quello è un ricettacolo di esseri sovrannaturali e magici e problemi!
L’altro nostro eroe è un antico vampiro ultrasecolare che ogni vent’anni si sposta verso nuovi lidi, ovvero quando la gente nota che non invecchia oltre la sua sempiterna età. Aprire negozi di antiquariato è la sua copertura e trovare una casa con delle specifiche tecniche che lo soddisfino non è un problema per Vincent Lasco, a cui i soldi non mancano. Vince ha regole tutte sue e mi è piaciuto come cerchi di elevarsi da semplice succhiasangue nel suo rapporto con gli umani.
Rome e Vince arrivano contemporaneamente in città e al loro primo incontro fanno letteralmente scintille. Bruciando un po’ le tappe, i due hanno modo di conoscersi e svelarsi, ma la pace dura poco perché un terribile omicidio guasta la pace di Rome e trascina direttamente Vince nei guai.
In questo prequel conosciamo le basi della serie e i personaggi, ma pur non essendo molto lungo è davvero godibile. Non gli ho dato 5 stelle ma quasi, perché l’innamoramento e il legame fra Romeo e Vincent mi sono parsi un po’ troppo veloci, ma per il resto c’è tutto: sentimenti, azione, imprevisti, siparietti divertenti e colpi di scena che non ti aspetti. Non vedo l’ora che arrivi il prossimo volume!

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice