Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Un fidanzato per Natale” – R. J. Scott

R J Scott

Titolo: Un fidanzato per Natale
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,49€
Link all’acquisto: Un fidanzato per Natale

SINOSSI

Derek sta per affrontare un altro Natale in cui sente la propria vita fuori controllo. Ha un nuovo lavoro che non sente come suo, e dei genitori che vorrebbero solo vederlo sistemato. Tutto ciò che gli serve è una sorta di cuscinetto temporaneo per le feste a cui deve presenziare, e perché i suoi lo lascino in pace.
Ed entra in scena Luke.
A Luke mancano ventimila dollari per concludere la ristrutturazione dell’Halligans, il bar di famiglia nel New York Financial District. Un favore fatto a un amico lo porta a recitare la parte del fidanzato di un tizio con più soldi che buonsenso.
Ma quando lo spirito del Natale fa la sua magia e i due uomini iniziano a innamorarsi davvero, Derek fugge spaventato e Luke sente di aver bisogno di spazio.
Non importa che ostacoli metti sulla strada dell’amore, né quanto scappi nella direzione opposta; quando meno te l’aspetti, che tu lo voglia o no, l’amore arriva comunque.

Slanif2

Derek Henderson è subentrato alla gestione dell’agenzia pubblicitaria che era del padre e ancor prima del nonno dopo una breve gavetta, ritrovandosi però intrappolato nel ruolo di “Capo” e distante da tutto il resto del personale. Odia quella situazione tanto quanto odia che la madre voglia per forza trovargli un fidanzato. Perciò come sopperire a tutto questo? Circa l’azienda non ne ha idea, ma per il fidanzato è facile: basta inventarsene uno, così sua madre non tenterà di organizzargli qualche appuntamento con i figli di qualche sua amica facoltosa.
Tutto facile, giusto? Sbagliato. Perché quando i signori Henderson decidono di venire in città e di conoscere il fantomatico Marcus – il vigile del fuoco salva gattini che Derek si è inventato – il ragazzo si ritrova con le spalle al muro.
La sua soluzione? Affittare un uomo in un’agenzia di escort e fingere per quattro appuntamenti che quella persona sia Marcus.
Il prescelto a ricoprire il ruolo è Luke Davers, che in realtà non lavora per l’agenzia del suo amico Alan, ma che ha un disperato bisogno di soldi per rimettere a posto il bar che gli ha lasciato in eredità suo padre e che spera diventi il suo nuovo lavoro visto che ha dovuto abbandonare il precedente per un infortunio grave che lo ha reso claudicante.
Quella che è iniziata come una finzione, potrà mai trasformarsi in qualcosa di più?
È così che inizia la storia di Derek e Luke, che si dimostrano: il primo qualcuno abituato a ottenere tutto quello che vuole senza il minimo sforzo e ad arrabbiarsi pure per questo, facendo il melodrammatico e accusando gli altri di non tenere veramente in considerazione le sue idee e i suoi desideri, quando lui per primo non si mette mai in gioco e non dice mai come la pensa, usando un atteggiamento passivo-aggressivo con tutti e scaricando sugli altri le sue frustrazioni. Il secondo avrebbe un background molto bello, ma viene in un certo senso soffocato dal bisogno di Derek di essere una prima donna, risultando quasi rilegato sullo sfondo.
L’idea di base sarebbe stata anche carina, ma il problema secondo me è che ci sono tanti argomenti solo accennati e nessuno approfondito. C’è il “La” per tante cose interessanti, ma nessuna viene scavata a fondo. Il passato di Luke e la storia del padre, il rapporto di Derek coi genitori e con i suoi ex, la storia del lavoro precedente di Luke… Ci sono tanti dettagli che, in un romanzo molto più lungo, sarebbero stati ampliati a sufficienza e avrebbero fatto tutta un’altra figura, per così dire. Qui risultano solo accenni che lasciano l’insofferenza di non saperne maggiormente a riguardo.
Anche il rapporto che si forma tra i due è, per quel che l’ho percepito io, freddo. Mi sono parsi distaccati per tutto il tempo, come se finissero insieme perché a Luke fa pena Derek e Derek vede in carne e ossa tutte le sue fantasie, senza preoccuparsi di come sia Luke e senza rendersi davvero conto che non è Marcus. Non hanno niente in comune, né traspare mai che si piacciano abbastanza da giustificare una relazione romantica, a parte la compatibilità sessuale. Onestamente ho letto coinvolgimenti emotivi molto migliori, da parte di questa autrice.
In sostanza, benché io ami sempre i romanzi a tematica Natalizia, questo non è davvero riuscito a convincermi, apparendomi freddo come la neve che cade dal cielo.

3

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Natale a New York” – R. J. Scott

R J Scott (4)

Titolo: Natale a New York
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Natale a New York

SINOSSI

È passato molto tempo dall’ultima volta in cui Christian Matthews ha visto Daniel Bailey. Si erano incontrati all’università: Chris era all’ultimo anno e, in veste di assistente alla cattedra di letteratura, dava ripetizioni alla matricola Daniel che a tutto pensava meno che allo studio.
Sette anni dopo, Chris sta cercando di restare a galla dopo che la scuola privata per la quale lavorava gli ha chiesto di abbandonare la sua posizione e l’ha minacciato di far scoppiare uno scandalo. Non ha un lavoro, non ha soldi e deve affidarsi al buon cuore dell’amica Amelia per riuscire a sbarcare il lunario e avere un posto dove dormire. Gli servirebbe un vero e proprio miracolo di Natale perché quell’ultimo anno si rivelasse qualcosa di completamente diverso da un totale fallimento.
Poi arriva Daniel e all’improvviso tutto sembra di nuovo possibile. Chris si rende conto che non solo lo desidera ancora con tutto se stesso, ma questa volta potrebbe addirittura trovare il coraggio di confessargli ciò che prova.

Hikaru2

Chi ama i nerd un po’ sfigati alzi la mano. Ecco, voi (noi) amerete tantissimo Chris.
E come potrebbe essere altrimenti? Ha sempre lavorato sodo, è riuscito a trovare il lavoro dei suoi sogni in una delle scuole private più rinomate di tutto lo Stato ed è partito dal basso, senza nessun aggancio. Ah! E poi è innamorato dal college di Daniel, lo studente più bello a cui abbia mai fatto ripetizioni.
Certo, quest’ultimo non ne è esattamente a conoscenza, ma suvvia! Sono dettagli, questi.
Il destino però sembra non essere stato per nulla buono, con Chris. Si è visto portare via tutto.
Ho detto “sembra” con cognizione di causa (fidatevi, io l’ho letto!) perché all’improvviso Daniel ricompare nella sua vita. Ed è ancora più bello, ancora più sexy, oltre a essere un uomo in divisa. Chi resiste alla divisa? Chris no, decisamente no.
Tutto sembra funzionare, finalmente. Tutto sembra tornare al suo posto; quando il passato di Chris torna a farsi vedere! Ma questa volta c’è Daniel. Sarà un bene o no? E forse quello non è nemmeno l’unica prova che dovranno superare, ma Natale è vicino, e a Natale tutto può succedere.
Chris è un personaggio schivo, non crede che le cose belle possono accadere a lui, ha avuto una brutta batosta e non riesce più a fidarsi. Daniel sa quello che vuole e non ha paura di andare a prenderselo. Formano una bella coppia. Anche se presi singolarmente sono molto differenti, c’è un sentimento serio e forte che li lega. Quello, i cupcake di una meravigliosa Amelia e l’amicizia salda di Alex.
Una storia romantica, ma in cui non mancano i colpi di scena. Perfetta per questo periodo, per tutti quelli che aspettano Natale e per coloro convinti che l’amore sia dietro ogni angolo. Romanticoni e romanticone, lo leggerete in un attimo, ve lo assicuro!

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Il Miracolo di Natale” – R. J. Scott

R J Scott (2)

Titolo: Il Miracolo di Natale
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,49€
Link all’acquisto: Il Miracolo di Natale

SINOSSI

Il Natale è il periodo dell’anno in cui tutti dovrebbero essere più generosi. Cosa fare, quindi, quando tutto ciò che si riceve è indifferenza?

Per Zachary Weston Natale significa dormire su una panchina nel sagrato di una chiesa, sotto alla neve e senza nessuna speranza per il futuro. Cacciato di casa a causa della sua omosessualità, Zach si ritrova senza soldi e senza un posto dove andare. Finché uno sconosciuto non gli dimostra che lo spirito del Natale non è morto.
Ben Hamilton è un novellino appena assunto dalla stazione di polizia del paese in cui è cresciuto. La notte della Vigilia, trova un giovane sconosciuto addormentato su una panchina. Sarà capace di compiere per lui un autentico miracolo di Natale?

Hikaru2

A volte rifugiarsi nei sogni sembra l’unica possibilità per sopravvivere a una realtà troppo brutta, per allontanare il dolore mentale e quello fisico.
E poi la realtà torna prepotente, eppure qualcosa sembra che stia cambiando.
Zach non ci vuole credere. Non vuole credere in Ben, non vuole credere nella sua famiglia perfetta, non vuole credere di potersi fidare.
Se la propria famiglia non l’ha voluto, come può volerlo qualcun altro?
Ma a Natale possono succedere piccoli (ma in realtà a volte neanche tanto piccoli) Miracoli.
La vita può cambiare, e se ci si crede davvero, se ci si impegna, allora davvero tutto può avere un lieto fine, anche se si deve passare per un lutto prima.
La novella, di centodue pagine, si legge velocemente. Non mancano i momenti “caldi” ma anche teneri. La famiglia è il nucleo centrale, e del resto se hai una famiglia che ti ama alle spalle, nulla è impossibile. Poco importa se è la famiglia di sangue o meno. A volte la famiglia è quella che ti apre le porte e ti rimette in piedi quando nemmeno tu ti daresti un centesimo di fiducia.
Un romanzo breve ma molto carino e con un bellissimo messaggio di fondo. Consigliato!

4

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Un Principe a Natale” – R. J. Scott

R J Scott (3)

Titolo: Un Principe a Natale
Autore: R. J. Scott
Serie: The Christmas Angel #7
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Un Principe a Natale

SINOSSI

Il principe Raphael, il figlio più giovane della famiglia reale di Montaunoit, è il custode della storia del suo Paese. A un’asta di Sotheby’s, soffia da sotto il naso del curatore Marc Chandler un oggetto che non vuole nemmeno. Solo perché può farlo.
Incontrare il bel curatore del British Museum mette sottosopra il mondo di Raphael e, quando la lussuria si trasforma in amore, il principe capisce che è giunto il momento di cambiare.
Può Marc essere davvero l’uomo che mostrerà a Raphael che non deve continuare a essere un principe solitario e che si può sempre scegliere la via dell’amore?

Slanif2

Marc Chandler è uno storico e curatore al British Museum di Londra. Ama il suo lavoro e vuole a tutti i costi aggiudicarsi quel grosso baule all’asta contenente documenti della vita rurale di un tempo che potrebbero svelare molto sulle abitudini di vita dell’epoca.
Peccato che alla stessa asta sia presente anche il Principe Raphael-Alessandro Millard di Montaunoit, che compra la cassa per ripicca e la soffia a Marc, che se ne risente e finisce per chiamarlo con epiteti molto poco Regali.
Dopodiché, le loro strade si dividono.
O almeno è quello che crede Marc.
Perché nonostante sia stato tutto fuorché rispettoso dello status di Raphael, il Principe è rimasto affascinato da quello storico con gli occhi grigi e gli occhiali da nerd, e vuole assolutamente rivederlo.
Cosa si inventerà per poterlo fare?

Mi affascinava, mi soggiogacva e non potevo fare nulla per spezzare l’incantesimo.

Ultimo volume della serie dedicata all’Angelo di Natale, in questo settimo volume torniamo ad avere la presenza dell’Angelo più costante e più “magica”, cosa che ho apprezzato e che sono felice di aver ritrovato almeno alla fine della serie dopo che nel mezzo si era un po’ persa questa cosa.
Marc e Raphael sono due personaggi interessanti, e la storia è molto intrigante, però secondo me si è perso un po’ il potenziale. Ci sono accenni a tante cose interessanti, e se fossero state ampliate e approfondite a mio avviso il romanzo avrebbe avuto quella spinta in più che un po’ gli manca. Dà il là a tante cose, ma le lascia tutte sul vago, ed è un vero peccato, perché soprattutto il mistero finale sarebbe stato molto interessante da indagare!
Nel complesso, comunque, una storia dolce e carina con un contesto regale diverso dal solito e che nonostante non sia tra le mie ambientazioni preferite, ho trovato gradevole.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Il Natale del Texas” – R. J. Scott

R J Scott

Titolo: Il Natale del Texas
Autore: R. J. Scott
Serie: Texas #5
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Il Natale del Texas

SINOSSI

Perseguitato da un passato che non sembra intenzionato a lasciarlo, Liam trova finalmente un porto sicuro al Double D. Lavorando con i cavalli di Jack, sotto la guida sicura di Robbie, Liam cerca di sfuggire a ricordi talmente dolorosi da lasciare il segno… ma quando Marcus piomba nella sua vita, tutto sembra ribaltarsi, e Liam scopre che la strada verso la felicità passa anche attraverso l’imprevedibile.
Intanto, la famiglia di Jack e Riley si allarga: tra crisi adolescenziali, pannolini, tate e gli sforzi della coppia per adottare il piccolo Max, si dimostra più unita che mai, mentre l’amore tra il cowboy e il petroliere diventa ogni giorno sempre più profondo, nonostante le difficoltà.

Lady Marmelade2

Jack e Riley sono tornati con tutta la loro numerosa famiglia, fatta di legami di sangue e acquisita, che non ha intenzione si smettere di crescere, in fondo:

A volte, un uomo non desiderava altro che un po’ di pace, un senso e uno scopo nella sua vita.

Nessuno come i due uomini ha preso più alla lettera queste parole; si danno il cambio per accudire i gemelli, la non più piccola Hayley, ormai alla soglia dell’adolescenza, e non vedono l’ora che il piccolo Max entri a far parte ufficialmente della famiglia.
Nuovi personaggi fanno capolino anche in questo volume: la nuova tata Carol, dolce, comprensiva e materna, e due vecchie conoscenze del volume precedente, Marcus il ragazzo che ha “permesso” Jack e Riley di avere i gemelli, e il taciturno Liam, l’ultimo acquisto del D.
Liam è un ragazzo schivo e silenzioso; ha un talento naturale nell’accudire e capire i cavalli, come se sussurrasse loro direttamente al cuore. Liam sta scappando dal suo passato, ha conosciuto già troppa sofferenza nella sua breve vita, ma al D si sente finalmente al sicuro.
Liam è tanto bello quanto timido, non vuole risaltare e cerca in tutti i modi di non attirare l’attenzione, ma è impossibile non notarlo, così alto, magro con vestiti troppo grandi e consumati per la sua fisicità:

«Hai tutta la vita davanti. Comportati da giovane, divertiti, lascia che gli uomini ti fissino tutta la notte.»
«Non voglio che la gente mi guardi,» rispose lui, la voce rotta.

Marcus ha notato da subito il ragazzo, ma non sa come fare per avvicinarlo; non vuole spaventarlo, farlo scappare, le sue intenzioni sono serie, ma hanno quasi nove anni di differenza e non sa da cosa stia scappando il ragazzo. I suoi tentativi di invito a cena sono dolcissimi e tra poco andranno a segno:

Aveva scorto il dolore nell’espressione di Liam, la fiamma della rabbia in quei suoi bellissimi occhi grigi, e voleva saperne di più…
«Abbastanza da sapere che potresti fargli bene. A Liam piace come lo stuzzichi. Lo fai sorridere, anche se non lo lascia intendere, e tollera la tua insistenza. Devi mostrargli come si vive senza paura, proprio come Eli ha fatto con me.»

Adoro le serie lunghe sugli stessi personaggi, vedere la loro crescita di volume in volume, cosa faranno, come sapranno mantenere vivo il loro rapporto; certo il rischio di allungare il brodo c’è, ma devo dire che questa serie non corre rischio. Aver messo accanto ai protagonisti di tutta la serie altri personaggi, che trovano la loro via e amore, arricchisce la trama e annulla il rischio di essere ripetitivi.
Jack e Riley sono sempre più belli, più maturi e completi; si ritagliano focose sessioni di sesso e si supportano l’un l’altro; sono bellissimi soprattutto quando mettono a nudo i loro sentimenti:

«Non puoi farmi del male,» ripeté sottovoce. «Solo amarmi.»
«È proprio così,» borbottò Jack, assonato. «Sempre.»

Anche Robbie e Eli sono presenti nel libro, e anche su di loro scopriamo dei tasselli in più; la Scott non abbandona davvero mai i suoi ragazzi!
Robbie e Liam sono molto simili, si capiscono al volo e Robbie ha capito subito che quando sarà pronto il ragazzo si aprirà con loro.
Il nuovo progetto di Jack, aprire il D ai ragazzi con disabilità per aiutarli con la pet terapy, è lo step naturale visti i frutti che Liam e Max stanno traendo dal lavoro con i cavalli.
Marcus mi è stato da subito simpatico, è davvero cotto del riservato Liam, e nonostante Liam continui a dargli il ben servito, non demorde perché mai in vita sua aveva sentito così forte il bisogno di prendersi cura di qualcuno:

Voleva guardare dentro il ragazzo. Voleva più baci. Voleva che Liam sorridesse tutto il tempo. Niente di difficile. Giusto?
Nessuno s’innamorava a prima vista. Ciò che provava per il ragazzo si poteva riassumere in un senso di responsabilità, affetto, passione e un misto malsano di rabbia e odio verso chiunque gli avesse fatto del male.

Liam è molto più forte di quello che crede, sta ricominciando a vivere e a fidarsi degli altri, quello che gli serviva era solo sentirsi amato e accettato, e poi è impossibile resistere a quel piccoletto che continua a ronzargli intorno:

«Provi qualcosa per me, qua dentro? Parlo solo di attrazione. O forse vuoi semplicemente divertirti? O magari potremmo essere amici? A me va bene tutto.»
Liam annuì. Appoggiò la mano su quella dell’uomo. «Attrazione. Bisogno. Amicizia. Ma quello che non posso sopportare è la pietà sul tuo volto. Promettimi che non proverai mai pietà per me.»

Il passato tornerà a tormentarlo ma stavolta c’è qualcuna dalla sua parte: il clan Campbell-Hayes!
Non aspettatevi un vero e proprio romanzo a tema natalizio, a discapito del titolo, ma una storia che ci traghetta verso il Natale, che ci mostra che i regali più belli non sono quelli più costosi, ma quelli fatti col cuore come quello che sta preparando Jack a Riley. Cosa ci può regalar a chi ha già tutto? Non vi resta che leggere il libro per saperlo!

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Prima stagione” – R. J. Scott & V. L. Locey

cover500

Titolo: Prima stagione
Autore: R. J. Scott & V. L. Locey
Serie: Harrisburg Railers #2
Genere: Contemporaneo, Sportivo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4.99€
Link all’acquisto: Prima stagione

SINOSSI

Layton vuole il successo, Adler desidera una famiglia. Come può l’amore rendere possibili entrambe le cose?

Layton Foxx lavora sodo per ciò che ha realizzato. L’appartamento, la carriera, la possibilità di farsi un nome e lasciare il segno… deve tutto ai sacrifici che ha fatto. Con una tragedia alle spalle, non desidera e non ha bisogno dell’amore. Poi conosce Adler Lockhart, estroversa e sexy ala degli Harrisburg Railers, e di colpo non può sfuggire all’amore nemmeno volendo.
A Adler Lockhart ogni cosa è sempre stata servita su un piatto d’argento. Macchine, ville, soldi, la retta nelle migliori università private della Ivy League. L’unica cosa che gli manca sono dei genitori che si prendano cura di lui, o l’amore di un brav’uomo. Poi Layton entra nella sua vita privilegiata e gli mostra come può essere il vero amore.

Lady Marmelade2

La velocità con cui stanno arrivando le serie m/m in Italia è in continuo aumento, non conosce sosta e per i poveri traduttori è un vero e proprio tour de force! Specialmente in occasioni di fiere ed eventi libreschi.
Inutile dire che i lettori sono più che contenti di ciò e da quello che ho visto la settimana scorsa a Roma – c’ero anche io al Rare Rome 2019, in incognito ovviamente – gli amanti del genere m/m sono in continuo aumento e appartengono a ogni fascia d’età.
Le autrici del genere male to male erano pochine, confido in futuro che altre penne del settore giungano a noi, ma hanno tenuto banco nella giornata! I lettori italiani si sono avvicinati ai loro tavoli con libri portati da casa, presi proprio per la ghiotta occasione, perché l’emozione di avere un libro autografato da un autore che viene dall’altra parte del mondo è qualcosa che i grandi lettori non riescono a spiegare a chi non legge.
Chi non ha portato libri fisici, perché legge n digitale, non si è arreso: ha stampato e rilegato su book appositi le foto del libro preferito e lo ha fatto firmare, come facevano una volta i cacciatori di autografi delle grandi star del cinema insomma! Vedere queste autrici emozionarsi per il seguito che hanno nel nostro paese mi ha reso davvero felice; ho incontrato amiche vecchie  e aggiunto nuovi contatti, perché anche questa è la magia dei libri: ti spalancano le porte del mondo e, se hai la fortuna di parlare e leggere in lingua originale, il mondo non ha più confini.
Una delle autrici presenti era proprio R. J. Scott! Una donna vulcanica, con al suo attivo una vasta produzione uscita sia in self che con casa editrice.
La signora Scott è stata cordiale, sorridente, disponibile con tutti; facile direte voi, ma R. J, era senza traduttore, affiancata dal fedele marito/assistente fotografo, e ha avuto tempo per tutti.
Non vedevo l’ora di leggere questo secondo libro ambientano nel mondo dello sport; la velocità con cui si legge metterà ulteriormente sotto pressione il povero traduttore designato al prossimo volume: si può avere tipo subito?!
Naturalmente sto scherzando, so benissimo quanto lavoro c’è dietro a una traduzione e rinnovo i complimenti a tutto lo staff per il lavoro che svolge.
Dopo tutta questa tiritera è arrivato il momento di parlavi dei protagonisti di questo volume, ovvero del timido, riservato, ma anche determinato Layton, nuovo acquisto del team di Railers, che dovrà occuparsi di gestire i rapporti con la squadra e i media in vista del coming out di Ten e Jared, e di Adler, il glorioso giocatore di hockey.
Adler apre spesso la bocca a sproposito, non ha filtri, tutto quello che gli passa per la testa gli esce dalla bocca, venendo spesso frainteso. Un gigante tutto muscoli e occhioni da cucciolo, che vuole a tutti i costi farsi una famiglia, bisognoso di affetto visto che la famiglia di origine è sempre stata parca in questo, al limite dela freddezza cronica.
Non tutti sono portati per fare i genitori, che ne dica la biologia, l’avere un utero funzionante non fa di una donna anche una buona o affettuosa madre. Non che la madre di Adler sia cattiva, solo che non sa fare la madre perché troppo occupata a vivere la sua vita da favola, ricca e spensierata, piuttosto che occuparsi di lui:

Avevo passato l’infanzia a essere geloso del tempo che i miei genitori dedicavano al lavoro così come ai loro passatempi, viaggi, amici. Del rapporto tra Apollo e i suoi genitori… ero cresciuto provando gelosia per degli aeroplani perché i miei genitori, Cole e Karrie Anne, passavano più tempo con il loro jet e il pilota personale che con me.

Ad Adler non è mai mancato nulla: è ricco e bello, ma l’unica cosa che ha sempre voluto è essere amato. Il poco affetto ricevuto da bambino l’ha avuto dalla famiglia della sua tata, tanto che le feste comandate le passava con lei, il marito e loro figlio Apollo, divenuto negli anni il suo assistente personale nonché fratello acquisito. I loro scambi di battura sono davvero divertenti e tipici di due ragazzi che si vogliono bene ma che si prendono continuamente in giro. Eccone un esempio:

«Sento il dovere di spiegarti queste cose perché per natura entri nella modalità Adler-bambino-di-quattro-anni nonostante tu sia alto un metro e novanta.»
«Novantacinque,» lo corressi con dolcezza. «Qualsiasi cosa sopra il metro e ottanta non ha rilevanza.»

Adler può sembrare il classico sportivo senza cervello, immaturo e volubile, più occupato a portarsi a letto l’ennesima conquista che impegnarsi in qualcosa di più serio. Ma le apparenze ingannano più spesso di quanto si creda e Adler è solo in cerca di donare il suo cuore a qualcuno. Era naturale che lo sguardo timido Layton attirasse la sua attenzione: dietro a gesti misurati dell’uomo si nasconde qualcosa che ha colpito Adler, che ha risvegliato il suo istinto di protezione nei confronti di Layton; una volta visto come il ragazzo si illumina quando sorride, per Adler è stato un colpo di fulmine:

Gli feci un occhiolino e mi sorrise. E più o meno in quel momento capii che mi ero innamorato di lui. Quando un piccolo sorriso timido di un uomo ti fa sentire come se avessi afferrato il sole? Sei già in caduta libera.

Layton ha più di uno scheletro nell’armadio  che gli impedisce di fidarsi degli altri; vuole a tutti i costi farcela da solo, si è sempre mantenuto da solo durante gli studi e ha lasciato la numerosa famiglia scegliendo un percorso del tutto diverso da quello dei fratelli. Layton ha sofferto davvero molto in passato: si capisce che il ragazzo ha passato brutti momenti in causati da sportivi grandi e grossi, e vederlo cercare di sconfiggere i suoi demoni, in un ambiente così fisico come quello dell’hockey, dimostra solo che Layton ha un grande coraggio.
Adler ce la metterà tutta per conquistarlo e credo che questo ragazzone troppo cresciuto, troppo buono, troppo sincero, troppo bello, ma anche tanto solo, abbia tutte le carte in regola per guarire il cuore ferito di Layton:

«L’unica cosa che ho sempre desiderato era renderti felice, perché il tuo sorriso? Wow. Per me è tutta la bellezza del mondo racchiusa in un unico gesto.»

Chi non vorrebbe un uomo che ti parla così?
Ps: Ten e Jared sono molto presenti anche in questo secondo capitolo, ma non rubano la scena ai nuovi protagonisti: personalmente mi piace molto quando si ha la possibilità di sapere ancora qualcosa sui protagonisti precedenti perché da continuità alla serie e ci offre una visione sul loro futuro, almeno per i curiosoni come me!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Quanto per tutta la notte?” – R. J. Scott

Titolo: Quanto per tutta la notte?
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Erotico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis sul sito dell’autrice
Link all’acquisto: Quanto per tutta la notte?

SINOSSI

Josh è a metà divorzio, in lotta per la custodia di suo figlio e in fuga da un matrimonio basato su bugie. In un bar la sera prima delle udienze finali incontra una prostituta con un corpo fatto di peccato.
Solo una notte di essere fedele a se stesso, una notte di essere trattenuto e fatto sentire? Sicuramente non è chiedere troppo?

Evelyne2

“Quanto,” ripeté, “… per tutta la notte?”
“Non puoi permetterti uno come me,” rispose l’altro, squadrando Josh e sorridendo.

Quanto per tutta la notte?” di R. J. Scott è una novella gratuita che potete trovare sul sito web dell’autrice. Una chicca perfetta se volete svagarvi per qualche minuto e farvi un’idea dello stile della Scott.
Sensuali e molto intriganti, queste pagine raccontano un incontro davvero particolare.
Josh, contabile speranzoso di poter ottenere la custodia esclusiva di suo figlio; ed Ethan, gigolò molto sexy, oltre che estremamente costoso.
È una lettura non troppo impegnativa e per nulla pretenziosa. Mette però le basi per quella che potrebbe essere una bellissima storia. Spero l’autrice deciderà di approfondirla e mostrarci cosa succederà ad Ethan dopo la rivelazione finale e a Josh, dopo l’udienza. Sono molto curiosa di scoprire quali colpi di scena potrebbero presentarsi.

4

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Single” – R. J. Scott

Titolo: Single
Autore: R. J. Scott
Serie: Papà Single #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Single

SINOSSI

Ancora abbattuto per l’abbandono da parte dell’uomo che credeva di amare, cosa farà Ash quando si trova da solo con la figlioletta appena nata?

Determinato a costruirsi una famiglia e a concludere il percorso di gravidanza surrogata che aveva cominciato insieme al suo ex, quando Ash porta a casa la neonata Mia si ripromette di diventare il miglior papà del mondo. Niente può distoglierlo dal suo dovere autoimposto, nemmeno l’improvviso e vivo interesse che sembra nutrire verso il nuovo vicino. Tra la sfida di resistere all’attrazione sempre più forte che lo trascina verso Sean e vecchie e dolorose dispute familiari, Ash dovrà imparare che l’amore è l’unica cosa che davvero conta.
Quando il medico del pronto soccorso Sean si trasferisce insieme ai suoi amici nella villetta accanto a quella di Ash, giovane padre single e molto sexy, l’amore lo investe con una forza tale da lasciarlo senza fiato. Insieme i due uomini trascorrono momenti impregnati di sensualità, ma Ash è chiaro fin dall’inizio: nel suo cuore non c’è spazio per nessuno tranne la figlia. Allora perché Sean sembra essere l’unico che riesce a vedere quanto in realtà l’uomo sia spaventato, e come farà a dimostrargli che il suo unico desiderio è che loro tre diventino una famiglia?

Lady Marmelade2

Quasi a sorpresa sbarca in Italia, a pochi giorni dal Rare, il Romance Author & Reader Avent, che si terrà a Roma la prossima settimana, questa nuovissima serie di R. J. Scott che sarà presente all’evento.
La serie in lingua ha già all’attivo due volumi, da noi spero che arrivi presto il secondo perché la serie ha tutte le carte in regola per entrare nel cuore dei lettori italiani.
Tutta la serie ha per protagonisti dei papà single; in questo primo volume i protagonisti sono Asher, il papà single di turno, alle prese con una bimba di pochissimi mesi, tanto voluta e desiderata, e un affascinante medico specializzato in pronto soccorso, Sean, disposto a tutto per conquistare il giovane papà, nonché vicino di casa!
Sean si è trasferito da poco accanto ad Asher, i due ancora non si sono presentati e, complice una sbornia da paura di uno dei suoi due coinquilini, quella rimediata dal vigile del fuoco Eric, i due non partono proprio con il piede giusto.
Eric ha le sue ragioni per essersi ridotto in quello stato e la sua figuraccia con Ash alla fine sarà l’occasione per una svolta nella vita di tutti.
Ash è allo stremo delle forze: è solo ad occuparsi della piccola Mia, essendo stato abbandonato dal fidanzato. Ogni tanto la sorella gemella viene in suo soccorso, ma è totalmente impreparato davanti ai bisogni un una neonata:

“I libri non dicono quanto possano essere orribili.”
“Nessun libro ti prepara alla vita reale,” cercai di rassicurarlo. “Le cose possono cambiare in un batter d’occhio.”

La presenza di questi vicini di casa, effettivamente un po’ rumorosi, ma sempre pronti ad aiutare il prossimo, perché oltre al medico e al vigile del fuoco c’è anche il taciturno poliziotto Leo e la dolcissima quattro zampe Cap, sembrano davvero la soluzione ideale per dare una mano al neo papà!
All’inizio sarà dura abbattere le difese che Asher ha costruito intorno a sé, ma Sean non ha intenzione di desistere: quel dolcissimo uomo solitario, sempre stanco, sulla perenne soglia di una crisi di panico davanti ai bisogni della sua Mia, gli ha rubato il cuore.
Anche Ash è attratto dal bel dottore, ma crede che mettere i suoi bisogni fisici prima di quelli di Mia sia inappropriato al momento.
Ho adorato la pazienza di Sean: il suo mettersi in disparte e aspettare i tempi di Ash è stata la cosa più dolce che ho letto negli ultimi tempi. Ash ha ragione quando definisce pericoloso Sean, ma ormai è fatta:

Non che non avesse un del fisico, ma era genuino, c’era della sostanza in lui, e proprio per questo rappresentava un pericolo per il mio cuore… All’inizio ero confuso, ma poi lui si mise comodo sul cuscino, mi posò un bacio sulla testa e mi abbracciò più forte.
Fu in quel momento che il muro protettivo che avevo costruito intorno al mio cuore cominciò a sgretolarsi e io seppi che se ne sarebbe impossessato. Quell’uomo era pericoloso.

La storia, come avrete capito dalle citazioni, è narrata in prima persona dai due protagonisti ma anche Eric e Leo sono ben delineati: Eric è grande e grosso, un Vin Diesel con i capelli, come lo definisce Ash al primo incontro, ma ha un cuore d’oro e spesso non viene capito, mentre Leo ha un passato tormentato alle spalle con conflitti non ancora risolti con la sua famiglia molto cattolica…
I tre sono amici da quando erano ragazzini e il loro modo di interagire è davvero toccante, quasi fossero dei fratelli che si sono scelti. Il lavoro che fanno è stancante, logorante, a volte li porta allo stremo delle forze, ma loro non potrebbero fare null’altro. A volte non è facile tornare a casa e parlare di cosa hanno visto, di cosa hanno dovuto affrontare, delle vite che hanno perso, di quelle che hanno salvato:

Era stata una notte all’insegna del dolore: alcuni erano sopravvissuti, altri erano morti. Sarebbe successo ancora, e ancora noi avremmo affrontato quello che la vita ci metteva davanti senza risparmiarci. E poi? Poi non ci restava altro da fare che stare seduti con in mano una birra che non avremmo bevuto, a brindare a coloro che avevamo perso e a coloro che speravamo sarebbero sopravvissuti. Sì, saremmo rimasti lì fino a che uno di noi non avrebbe spezzato di nuovo il silenzio.

Ora quella piccola creatura di pochi mesi che abita alla porta accanto sembra aver riportato nella loro vita la speranza di trovare ognuno il proprio posto nel mondo; Ash e Mia avevano bisogno di aiuto e Sean, Eric e Leo di vedere che per tutti c’è un lieto fine:

La compassione che trapelava dalla sua voce fu quasi la mia rovina e l’emozione mi chiuse la gola, mentre ricambiavo il suo sguardo sincero. Non stava correndo via a gambe levate e non ci respingeva terrorizzato all’idea di ciò che avremmo potuto raccontargli. Invece, capiva che avevamo bisogno di vedere la vita sbocciare, ed era un dono prezioso, sia per Eric che per me.

Inutile dirvi che non vedo l’ora di leggere il libro su Eric, già in questo primo libro si capisce con chi andrà a finire il colosso, ma soprattutto voglio conoscere la storia di Leo…

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Per i pomeriggi di pioggia” – R. J. Scott

Titolo: Per i pomeriggi di pioggia
Autore: R. J. Scott
Serie: Il curioso ricettario di Nonna B #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Per i pomeriggi di pioggia

SINOSSI

Robbie MacIntyre gestisce un piccolo ufficio postale nel vecchio edificio di quella che era una stazione ferroviaria nella periferia della sonnolenta Barton Hartshorn, a nordovest di Londra. Rimane sbalordito quando la proprietaria, Maggie, una sua cara amica, gli lascia in eredità non solo l’ufficio postale, ma anche l’intera stazione.
Il resto dell’eredità va a uno scrittore americano, Jason Young. Quando l’uomo si trasferisce nel paesino, Robbie rimane frastornato dall’attrazione che prova per la persona che avrebbe più diritti di lui sulla stazione.
A quel punto compare una scatola, che contiene varie prime edizioni rare e un ricettario. Tutto inizierà ad avere un senso solo quando gli ingredienti segreti di una particolare ricetta saranno finalmente svelati, portando alla luce un amore che si è interrotto settant’anni prima.

Slanif2

Robbie MacIntyre gestisce ormai da dieci anni l’ufficio postale con annesso piccolo bar per i trecento abitanti totali di Barton Hartshorn, vicino Londra. A dargli quel lavoro – e l’annessa casa in cui vive – è stata la proprietaria, Maggie Simmons, che sfortunatamente, alla veneranda età di novantuno anni, è deceduta appena un mese prima.
Maggie per lui non era soltanto il suo capo, ma era diventata praticamente una nonna, e il dolore per la sua scomparsa è enorme. Non riesce nemmeno a omaggiarla preparando la sua famosa torta di mele e cannella, e questo lo manda letteralmente fuori di testa.
A complicare la situazione, poi, ci pensa Jason Young, arrivato dritto dritto dall’America, che non solo è un lontano parente di Maggie di cui Robbie non sapeva niente, ma ha anche ereditato la casa della donna e, quindi, anche l’ufficio postale?
Robbie non può perdere la sua casa e il suo lavoro tutto in una volta, ed è spaventato da quel che capiterà d’ora in poi.
Ma Maggie gli voleva bene, e insieme a Jason ha fatto recapitare una lettera per lui ricca di sorprese.
Cosa gli avrà lasciato Maggie?
E riusciranno, questi due giovani uomini provenienti dalle due parti opposte del globo e conosciutisi per un evento così triste, a dare fondo all’attrazione che sentono l’uno per l’altro; o la spingeranno da parte per occuparsi di cosa più pratiche come scoprire più cose sul passato della donna?

“C’è qualcosa in te e in questo posto,” mormorò Jason. “Questo potrebbe essere tutto per me.”

Questa, signore, è una seconda edizione del romanzo. Dapprima, infatti, era uscito tempo fa firmato Dreamspinner Press ma (suppongo) essendo scaduti i diritti ed essendo tornati in possesso dell’autrice, quest’ultima ha deciso di ripubblicare il libro con questa nuova veste.
Non avevo mai letto questa serie, anche se guardando nel Kindle ho scoperto di averne un paio, ma dopo questo primo volume provvederò a recuperarla tutta!
La storia di Robbie e Jason è breve (circa novanta pagine), ma molto carina e dolce, in pieno stile R. J. Scott.
Mi è piaciuta l’ambientazione di paese, il ripercorrere la storia con loro, conoscere un po’ di più Maggie e il suo passato. Questa donna piccola e incredibile, con le sue ricette scritte a mano, le mele coltivate e un cuore grande. Sembrava davvero di leggere di una nonna coi suoi nipoti ed è stato bello percepirne il calore attraverso le pagine.
Sono super curiosa di scoprire cosa succederà negli altri volumi della serie, ognuno firmato da una bravissima autrice diversa l’una dall’altra. Corro a recuperarli!

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “La famiglia del Texas” – R. J. Scott

Titolo: La famiglia del Texas
Autore: R. J. Scott
Serie: Texas #4
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: La famiglia del Texas

SINOSSI

Jack e Riley Campbell-Hayes iniziano un viaggio che cambierà le loro vite per sempre.
Sullo sfondo del Double D, il cast della serie Texas affronta cambiamenti tali da non lasciare nessuno indenne.
Jack e Riley vogliono allargare la loro famigliola di tre persone. Per prima cosa, scelgono la gravidanza surrogata, con Jack come padre. Quando tutto comincia ad andare per il verso giusto, i coniugi non possono fare a meno di pensare a quando le cose andranno storte. In fin dei conti, le loro vite sono tutto fuorché normali, e niente va mai liscio.
Aggiungete alla miscela un bambino di quattro anni in affido, e di colpo le cose cominciano a diventare molto più complicate.

Lady Marmelade2

Dopo l’arrivo dei nuovi personaggi, Robbie, Eli e la piccola Hayley del volume precedente, “La Vampa del Texas” (qui la nostra recensione), la vita al Ranch Double D scorre serena ma sempre molto impegnata.
Eden, la sorella di Riley sta vivendo ancora momenti molto difficili con fidanzato repoter di guerra ferito, perché purtroppo la vita ti riserva molte sorprese e non sempre sono felici…
I soldi dicono che non facciano la felicità, ma di certo aiutano molto e la famiglia Campbell-Hayes è fortunata da questo punto di vista: ha tanti soldi è vero, ma anche un cuore molto grande, pronta a fare di tutto per chi si trova ad incontrarli sul proprio cammino.
Molti nuovi arrivi anche in questo quarto capitolo, tanto che diventa sempre più difficile non farvi spoiler e parlarvi di loro.
La sinossi parla chiaro, Riley e Jack hanno deciso di allargare la famiglia: sono pronti, Hayley è ormai una signorina, e ci vuole nuova linfa per riempire il ranch!
I dubbi che assalgono la coppia non riguardano l’allargamento della famiglia, ma più che altro il terrore di trovare ostacoli burocratici e di natura omofoba sul loro cammino.
Una famiglia allargata che accoglie tutti i suoi membri, una fusione totale che nel primo libro sembrava impossibile; un amore che non è mai scemato ma che continua a crescere; scene di ordinario e semplice amore totalizzante:

Riley non doveva fare altro che muovere un braccio e Jack lo avrebbe stretto a sé, lo sapeva. Aveva bisogno di un semplice abbraccio assonnato come di respirare.

Un amore così grande e profondo che fa quasi invidia; due uomini che si rubano le battute di bocca l’un l’altro, tanto si conoscono nel profondo! È come se si leggessero nel pensiero, talmente compatibili che sono un unico essere, sempre pronti a lottare per la loro famiglia. Certo qualche incertezza a turno ce l’hanno anche loro, ma questa è semplicemente quello che capita a tutti noi nella vita reale di tutti i giorni:

«Non è troppo tardi per fermare tutto questo,» suggerì Jack, cauto.
Suo marito scosse il capo. «No. Mai. Lo voglio. Voglio te, me, dei bambini e il ranch. Diavolo, ci serviranno anche dei cani.»
«Cani.»
«Grossi cani.»
«Sei un idiota,» commentò Jack con affetto, prima di premere un bacio sulle sue labbra.
Riley si scostò con un ghigno. «Sì, ma sono il tuo idiota.»

Ridono, piangono, lottano, amano, proprio come tutti noi tutti i giorni, perché la vita è cambiamento, è crescita, anche se la si legge scritta in un libro.
Si prospettano notti in bianco per i nostri due protagonisti, ma devono ricordarsi che dietro le loro spalle hanno una famiglia su cui contare, sempre, in ogni momento, anche se non sempre se lo ricordano. Credono sempre di dover essere loro ad accollarsi i problemi dei loro cari, proteggerli da tutto, arrivando a gestire livelli di stress che rischiano di farli crollare, ma non sono soli e ogni tanto bisogna chiedere aiuto, anche se sei un gran bel pezzo di uomo che fa il cowboy o un manager che amministra affari da milioni di dollari!

Jack respirava in modo strano e a Riley bastò una rapida occhiata per cogliere il riflesso delle proprie emozioni sul suo viso. Era una cosa incredibile. Immensa. Sbalorditiva. Meravigliosa. Stava finendo gli aggettivi per descrivere quanto tutto ciò lo commuovesse. Invece, lasciò che fosse Jack a riassumere il tutto in due parole. «Porca merda.»

Avete notato quante volte ho usato il termine Famiglia?
Non è davvero un caso, perché questo libro è FAMIGLIA a trecentossesanta gradi, sempre!
Un ultima cosa: tenete d’occhio l’ultimo acquisto del Double D: no, non mi riferisco ai cavalli, ma ha un giovane ragazzo abbandonato dalla famiglia, ma che sono sicura ne ha appena trovata un’altra… L’ennesima dimostrazione che il cuore di Jack e Riley ha solo tanto amore da dare!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice