Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “La verità di Sando” – Nora Phoenix

Titolo: La verità di Sando
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #9
Genere: Mutaforma, Paranormal, Erotico, Threesome, Mpreg
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: La verità di Sando

SINOSSI

La verità libererà Sando…

Sando si sente incastrato tra l’incudine e il martello. Vuole stare con Maz e Lucan più di ogni altra cosa, però che fare con suo padre? Come può disonorare l’uomo a cui deve la vita?
Quando viene fuori la verità sulla sua identità, tuttavia, tutto ciò in cui credeva si rivela essere una bugia, e l’unica cosa che riesce a fare è rivolgersi ai due uomini che non l’hanno mai deluso. È troppo tardi o lo vogliono ancora?
Nel frattempo, il branco si è diviso in due, ma entrambi affrontano la stessa minaccia: il generale Armitage. Cosa vuole da loro? Possono coesistere in pace o dovranno sempre temere per le loro vite?
La risposta si trova in una vecchia profezia…

Questo romanzo friends-to-lovers MMM è il decimo e ultimo libro della serie Il Branco Hayes, una serie bestseller mpreg che deve necessariamente essere letta in ordine al fine di godere appieno della sottotrama. Sia questa storia che la serie si concludono con un lieto fine, anche se alcuni personaggi secondari potrebbero avere una loro storia in una serie spin-off riguardante il secondo branco.

Evelyne2

Oggi vi parlo in anteprima del decimo e ultimo volume della serie “Il branco Hayes” di Nora Phoenix, una serie di libri che ho divorato ogni singola volta in pochissime ore. Se amate i lupi mutaforma, le theesome e le omegaverse questa è la serie che fa per voi. È un concentrato di kink, sesso e amore, un mix che ho trovato nuovo e spettacolare al tempo stesso.
Questo volume in particolare ci presenta la seconda parte della storia di Lucan, Maz e Sando. Chi ha letto il nono volume sa già tutto ciò che serve per comprendere al meglio gli avvenimenti e i sentimenti che legano questi tre uomini, in particolare il beta.
Sando è uno di quei personaggi che acquisisce spessore con il passare del tempo e, malgrado non sia uno dei miei preferiti, è riuscito a suscitare in me emozioni che non avrei immaginato. In “L’amore di Lucan” sono il beta e l’Alpha a fare la gran parte del lavoro e la stessa situazione si ripete ancora una volta in “La verità di Sando”, con la differenza però che per la prima volta vediamo uscire di scena (anche se solo in parte) il personaggio che teneva ancorato Sando al passato. Questo è un aspetto che mi è piaciuto, anche se non ho amato particolarmente come il tutto si è svolto tra loro.
Fatta eccezione per questo punto, considerando la quantità di informazioni che l’autrice ha inserito all’interno di questa serie, sono stata molto soddisfatta di come si sia conclusa questa prima parte. La chiamo “prima parte” perché al termine di questo volume Nora Phoenix annuncia l’arrivo prossimo di una serie spin-off riguardante il branco Hightower, e certamente non me la perderò. Ero rimasta dubbiosa dopo il nono volume, perché avevo paura di come il tutto potesse diventare un groviglio di dettagli e avvenimenti inconcludenti, eppure si sono susseguiti con la naturalezza che aveva caratterizzato questa serie sin dall’inizio, facendomi tornare il sorriso.
Lucan e Maz rimangono due dei personaggi che ho amato di più. Vedere la loro storia unita perfettamente a quella dell’intero branco è stato bello e ha chiuso in qualche modo un cerchio che si è aperto ormai anni fa. Non vi parlerò ancora di loro perché Maz e Lucan sono due personaggi che, seppur in minima parte, abbiamo conosciuto bene e hanno avuto modo di mostrarsi in più di un’occasione. Il personaggio che rimaneva sempre fuori era Sando, ma con questo volume è finalmente uscito allo scoperto e ho potuto vedere molto di più della sua personalità finora nascosta e oppressa da quella del padre.

“Non vedete che passare del tempo con voi peggiora solo le cose? Mi ricorda quello che avevo, quello che ho perso… quello che non potrò più ottenere. Stare con voi è pura tortura, perché non può durare. Non lo permetterà mai.”

Ovviamente stiamo parlando di una serie lunga, che non può essere compresa se non si leggono tutti i volumi che ne fanno parte. Gli eventi alla base della formazione del branco e delle threesome sono il filo conduttore di ogni singola opera e sono inoltre la ragione per cui molte delle relazioni iniziano.
Aspetto la serie spin-off, ho grande aspettative per il nuovo e orgoglioso Alpha.

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Hexslayer – Il Distruggincantesimi” – Jordan L. Hawk

Titolo: Hexslayer
Autore: Jordan L. Hawk
Serie: Hexbreaker #3
Genere: Storico, Poliziesco, Mutaforma, Paranormal, Maghi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Hexslayer

SINOSSI

Il mutaforma cavallo Nick ha una regola: mai fidarsi di uno stregone.
Nick ha dedicato la sua vita a rendere il saloon un porto sicuro per i famigli selvatici di New York. Così, quando un serial killer massacra un selvatico sotto la sua protezione, Nick non ha altra scelta che provare a catturare l’assassino. Anche se questo significa legarsi a un affascinante stregone irlandese.
L’agente Jamie MacDougal è tornato dalla guerra di Cuba con un pezzo mancante nella gamba e con il cuore in frantumi. Ma dopo che un suo ex fidanzato diventa una delle vittime del killer, Jamie vuole risolvere il caso a tutti i costi.
Nick va da Jamie con una proposta: dopo aver creato un legame temporaneo, lavoreranno insieme per fermare gli omicidi. Una volta catturato l’assassino, si lasceranno e non si vedranno mai più.
Sembra piuttosto semplice. Ma la passione che esplode tra i due non sarà così facile da spegnere. E se Nick non imparerà a fidarsi del suo mago, potrebbe perdere tutto… inclusa la vita.

In questo terzo volume della serie, ritroviamo i precedenti protagonisti e incontriamo nuovi personaggi, come Jamie MacDougal, assunto dalla PMM (la Polizia Magica Metropolitana) dopo aver partecipato a una guerra all’estero, che lo ha rimandato a casa come un eroe storpio e vittima di continua compassione da parte di tutti: amici, familiari, conoscenti.
La sua gamba di legno è sì un impedimento, ma Jamie è un uomo valoroso, coraggioso, dedito al lavoro e per niente propenso a farsi compatire. Il suo affetto per lo zio che lo ha allevato è grandissimo, al pari del rispetto che nutre per lui. Dato che l’uomo lavora per la polizia umana, è intenzione di Jamie renderlo orgoglioso intraprendendo una carriera nella PMM come mago, anche se non ancora accoppiato con un famiglio, cosa che gli permetterebbe di sfruttare il suo potenziale magico e di progredire di grado.
Quello che Jamie non si aspetta è di avere a che fare con il famiglio Nick, fratello del corvo Rook, che abbiamo già conosciuto in passato.
Nick ce l’ha a morte con i maghi e non si fida di loro. La sua missione di vita è proteggere i famigli, come già sappiamo, gestendo un saloon a cui solo i famigli possono accedere e un dormitorio in cui affitta camere ai suoi simili, aiutandoli in tutti i modi possibili, spesso rimettendoci di tasca propria.
Nick è un cavallo testardo e non si fa scrupoli a manipolare mezze verità e segreti pur di proteggere le persone di cui si sente responsabile, ma è altresì intrepido ed eroico, pronto a rischiare in prima persona.
Quando delle terribili morti di famigli che conosce lo toccano da vicino, Nick vuole porre fine al massacro e si trova costretto a fare un patto e collaborare con lo stregone Jamie, che il destino vuole sia proprio il suo mago – l’unico a piena compatibilità, come una sorta di anima gemella – anche se per poco tempo: proponendo un legame a scadenza che sfrutti i loro poteri per risolvere il caso e poi rompere il sodalizio.
Peccato che Jamie non sia odioso come tutti gli altri stregoni, non lo spinga oltre la sua zona di conforto, non lo giudichi male per le sue scelte… E che sia divertente, intelligente, bello e gentile. Insomma, peccato che Jamie sia perfetto per lui e lui si imponga di non desiderarlo…
Ma l’attrazione c’è, ed è forte. E ci regala qualche momento molto hot e piacevole.
Anche se per motivi diversi, sia Nick sia Jamie hanno un conto sospeso con il killer, ma investigare su di lui li farà cadere in un ginepraio di problemi e pericoli… rischiando più volte la vita.
Ancora una volta, si tocca l’argomento sulla condizione dei famigli, visti da troppe persone come semplici animaletti da compagnia o comunque come esseri inferiori e istintuali, non senzienti davvero e quindi da sfruttare, mai completamente al pari degli umani veri.
Le parole di Nick sono emblematiche sul fatto che l’anima dentro non cambi e meriti rispetto, al di là della forma esteriore:

“Io non sono un cavallo, né un essere umano. Sono un famiglio. Qualsiasi sia la forma che assumo, non mi cambia dentro.”

La trama è decisamente movimentata e ricca di segreti e colpi di scena. I nostri protagonisti hanno una bella gatta da pelare sia a livello professionale sia personale, ed è stato piacevole scoprire la loro complicata storia d’amore, mentre al quadro generale si aggiungono nuovi tasselli e nuovi nemici fanno capolino.
Ho gradito l’intervento di tutti i personaggi che abbiamo già conosciuto, sia famigli sia stregoni, perché mi ci sono affezionata col tempo.
Spero che il prossimo giunga presto e intanto vi invito a godervi questo per continuità.

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Mate” – Piper Scott & Virginia Kelly

Titolo: Mate
Autore: Piper Scott & Virginia Kelly
Serie: Forbidden Desires #3
Genere: Omegaverse, Paranormal, Draghi, Mpreg, Threesome
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 4,49 €
Link all’acquisto: Mate

SINOSSI

La Vergogna Matthieu Boudreaux ha il carattere di un fuoco d’artificio e un solo desiderio: uscire dal Pedigree che tanto disprezza, e poi distruggerlo. Quando rimane solo un anno prima che possa fare il primo passo verso il suo obiettivo, ha finalmente qualche speranza di un futuro indipendente… finché un burbero drago Ametista che risponde al nome di Geoffrey Drake e il suo entourage non si presentano al chiostro di Matthieu e non lo informano che è stato selezionato per far parte di un esperimento.
Geoffrey Drake, rigido e orgoglioso consigliere legale per il clan Ametista, è stato incaricato di rovinare la propria vita. La sua missione? Consegnare un potenziale compagno al figlio del più disprezzato nemico degli Ametista – e l’uomo che ha amato in segreto per gli ultimi cento anni: il drago Topazio Ian Brand. Rifiutare è impossibile. I draghi non prendono come consorti altri draghi, e se lui declinasse l’incarico, rischierebbe di esporli entrambi.
Ian Brand, affascinante pecora nera del clan Topazio, è intrappolato tra il suo amore proibito per un drago Ametista più vecchio di lui di vari secoli, e il suo dovere nei confronti della famiglia. Scelto dal suo squilibrato padre per essere il candidato Topazio degli esperimenti di accoppiamento, si trova davanti una scelta terribile: fuggire con l’uomo che ama e affrontare le letali conseguenze della cosa, oppure accettare il proprio destino, con il cuore spezzato.
Ma la magia dei draghi, come Matthieu, Geoffrey e Ian scopriranno ben presto, opera in modi misteriosi. Quando una circostanza imprevista li unisce tutti e tre e mette a rischio il loro futuro, non hanno altra scelta che mettere da parte le loro divergenze e lavorare assieme per dimostrare una nuova, strabiliante verità…
Quello che il mondo dei draghi sa sui compagni è sempre stato sbagliato, e toccherà proprio a loro tre provarlo.

Premetto che ci ho messo un po’ a decidermi di leggerlo, perché le relazioni threesome e il poliamore (qui il polilegame) non sono fra le mie preferenze, ma adoro le storie m-preg (gravidanza maschile) e ancor più le egg-preg (riproduzione tramite deposizione di uova), che sono rarissime in italiano. Avevo anche messo in conto che questo fosse un volume cardine, ricco di scoperte e informazioni, quindi saltarlo mi avrebbe privata di conoscenze importanti.
Il morale della favola è che avevo ragione: sarebbe stato un peccato non leggerlo, perché è infarcito di novità e curiosità e arricchisce la trama generale con nuovi punti cardine.
Al pari dei precedenti volumi, si conquista 5 stelle perché è bellissimo, pieno di sentimenti e di azione, completo di caratterizzazioni sfaccettate e personaggi che catturano. Persino io, che non amo le storie con threesome e poliamorose, so riconoscere quando una storia è oggettivamente valida e qui lo è, e merita di essere letta.
La relazione threesome fra i tre personaggi principali è ben gestita ed esclusiva, resa ancor più vera dal legame soulbond. Dopo l’inserimento del giovane Matthieu nella coppia di draghi già amanti da un secolo, il trio trova uno stupendo equilibrio che nell’intimità li vede sempre coinvolti tutti e tre, dove interagiscono vicendevolmente fra di loro. Il tutto è bilanciato e ben coordinato, le descrizioni sono molto sensuali e coinvolgenti.
Nel libro è presente anche un rapporto poliamoroso che riguarda dei personaggi secondari ed è stato interessante vedere come tutti loro si rapportassero nella loro famiglia, ma non posso dire di più per non rovinarvi la lettura.
C’è molto da scoprire in questo capitolo che segna la trama generale con tante scoperte nuove e piccole chicche. C’è davvero di tutto ed è completo sia nelle parti introspettive sia in quelle di imprevisti e azione. In più ho amato tutta la parte comica, Harry e il suo entusiasmo, gli strambi pavoni che strappano sorrisi, e tutti i personaggi secondari che ho ritrovato con affetto.
Punto bonus per i cuccioli draghetti, che sono tutti deliziosi e fanno venire voglia di coccolarli uno ad uno!
Lo stile delle autrici è accattivante, il ritmo ti tiene incollato al lettore ebook e la traduzione è davvero piacevole. Restando in attesa del prossimo volume, vi invito a superare eventuali reticenze come ho fatto io, e a dare una possibilità a questo appassionante libro.

5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Una raccolta molto Holland” – Toni Griffin

Titolo: Una raccolta molto Holland
Autore: Toni Griffin
Serie: I fratelli Holland #5
Genere: Paranormal, Mutaforma, Raccolta, Mpreg, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,71€
Link all’acquisto: Una raccolta molto Holland

SINOSSI

Ognuno dei quattro fratelli Holland ha trovato il proprio compagno, ma questo non significa che la vita si fermi per loro come se niente fosse. Nelle storie presenti in questa raccolta, vedremo i nostri ragazzi alle prese con gli uomini assegnati loro dal destino e la ricerca del rispettivo ‘per sempre felici e contenti’.

Un anniversario Holland
Marcus e Brian festeggiano il loro primo anniversario insieme.

Un Natale molto Holland
Tutti gli Holland si riuniscono per le festività natalizie, ma i ragazzi hanno dimenticato un dettaglio molto importante.

Buon compleanno, Alex
Jason fa ad Alex il miglior regalo che un Alfa potrebbe mai desiderare.

Per favore, papà
Hayley ha una richiesta speciale per Simon e Zack.

Cammina con me
Jake e Patrick si ritagliano un momento solo per loro dalla baraonda delle ristrutturazioni di casa.

Un San Valentino molto Holland
L’amore è nell’aria per la famiglia Holland… sperando che la casa sia pronta in tempo per consentire loro di festeggiare il giorno di San Valentino.

Slanif2

Ultimo volume della serie, si tratta più che altro di una raccolta di racconti (quasi tutti ambientati durante le festività), che ci raccontano sostanzialmente quello che succede dopo i quattro romanzi (ognuno con un fratello Holland come protagonista, partendo da Marcus e Brian, passando poi ad Alex e Jason, proseguendo con Simon e Zack e concludendo con Rick e Jake) e l’allargamento delle varie famiglie, con la nascita di uno o più figli per ogni coppia.
Ci sono pressoché tutti i punti di vista (anche quelli dei genitori dei fratelli, Maryanne e Joe) e non ci viene raccontato molto altro se non la nascita, come detto, dei vari bambini.
Sinceramente non ho trovato che questi racconti dessero un grande arricchimento alla storia originale, soprattutto perché praticamente Marcus e Brian (che è il personaggio che trovo meno piacevole in assoluto, per la cronaca) hanno molte più scene di tutti gli altri, specialmente di Simon e Zack, che avevo trovato molto defilati già nel quarto romanzo, seguiti da Alex e Jason (cosa che mi è dispiaciuta molto, in quanto finalmente Jason sembrava aver tirato fuori un po’ di carattere).
Una raccolta, dunque, scritta per far sognare i lettori che volevano una nidiata di cuccioli che sgambettavano in casa Holland e che va presa, appunto, per una serie di storie con il solo scopo di raccontare coppie felici e pronte ad allargare la famiglia.
Un libro molto dolce e romantico, che conclude le vicende di tutti quanti senza tralasciare nessun singolo lieto fine.

3
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un compagno proibito” – Toni Griffin

Titolo: Un compagno proibito
Autore: Toni Griffin
Serie: I fratelli Holland #4
Genere: Paranormal, Mutaforma, lieve Mpreg
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 5,63€
Link all’acquisto: Un compagno proibito

SINOSSI

Il giorno in cui Patrick Holland aveva trovato il suo compagno sarebbe dovuto essere il più bello della sua vita, invece si era trasformato in un incubo grazie a una semplice telefonata. Il suo compagno non lo voleva. Gli si era spezzato il cuore ma, a sedici anni, era stato troppo giovane per poterci fare qualcosa. I seguenti dieci – lunghissimi – anni della sua vita li ha passati lontano dal suo compagno. Separati da forze che non riesce a comprendere e da una lunga lista di fraintendimenti, Patrick dubita che l’uomo che ama e odia allo stesso modo sarà mai suo.
Jake Richmond non si sarebbe mai aspettato di tornare a casa dall’università per scoprire che il più giovane dei fratelli Holland era il suo compagno. Pur sapendo che la notizia avrebbe potuto scioccare suo padre, ancora in lutto per la morte della compagna, Jake l’aveva condivisa con lui, ma l’uomo aveva reagito minacciando il suo compagno. Lui aveva fatto l’unica cosa che aveva ritenuto possibile per proteggere Patrick. I seguenti dieci anni non sono stati altro che una lunga tortura, mentre guardava il suo compagno crescere e diventare un giovane uomo.

Slanif2

Aspettavo questo volume sin da quando lessi il primo, e sono contenta di constatare che, nonostante non mi abbia convinta al cento per cento, sia comunque superiore agli altri, sia come storia e corposità, sia come caratterizzazione e sviluppo.
Certo, non ho particolarmente apprezzato il cambio di idee che mi è parso un po’ troppo repentino e basato sul niente, ma al contempo l’autrice l’aveva tirata anche abbastanza per le lunghe, facendo patire questi due poveretti per oltre dieci anni, quindi era anche ora che avessero il loro lieto fine!
Mi è piaciuto che abbia raccontato tutte le fasi salienti della loro relazione, anche se sono stata un po’ delusa dallo scoprire subito quale fosse il motivo per cui Jake rifiuta Patrick come Compagno Predestinato. Mi sarebbe piaciuta un po’ più di suspense!
Non ho amato nemmeno l’inserimento di altri punti di vista, che è una cosa che non apprezzo mai in nessun caso, in quanto già preferisco un singolo punto di vista, ma al massimo quello dei due protagonisti e non pure delle persone di contorno.
Di sicuro, come detto, la storia è molto meglio strutturata e sviluppata, arrivando alla fine che abbiamo tutte le risposte che cercavamo e una soddisfazione piuttosto buona sul loro percorso.
Mi è piaciuto molto Patrick, che nonostante la sofferenza e i dispiaceri continui, non perde mai la speranza di poter avere una vita felice con il suo Jake. Idem quest’ultimo, che nonostante avrebbe potuto risolvere le cose molti anni prima semplicemente chiedendo aiuto, al contempo si è comportato in maniera molto nobile e romantica cercando di difendere Patrick con tutte le sue forze, anche a costo di farsi odiare ed essere infelice.
Insomma, un quarto e ultimo volume (anche se c’è un quinto di cui vi parlerò presto, ma che è una raccolta di Novelle) carino e superiore agli altri, che conclude le vicende della famiglia Holland con un pizzico di speranza.

3.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un compagno protettivo” – Toni Griffin

Titolo: Un compagno protettivo
Autore: Toni Griffin
Serie: I fratelli Holland #3
Genere: Paranormal, Mutaforma, lieve Mpreg
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,55€
Link all’acquisto: Un compagno protettivo

SINOSSI

La vita non è mai stata facile per Zachary Bennet, ma gli ultimi due anni sono stati un vero e proprio inferno. L’unico raggio di luce è la sua preziosa figlia, Hayley. Sentendo il bisogno di un nuovo inizio, Zack accetta un lavoro in una piccola cittadina chiamata Leyburn, nella speranza di potersi finalmente sistemare e di cominciare un’esistenza tranquilla.
Tra la preoccupazione per il comportamento sempre più scostante di uno dei sui fratelli e il continuo imbattersi negli altri due mentre sono impegnati ad amoreggiare con i loro compagni, Simon Holland è sul punto di strapparsi i capelli. Tutto ciò che ha sempre voluto dalla vita sono un compagno e una famiglia. Quando, con l’arrivo di Zack, il suo desiderio viene finalmente esaudito, Simon scopre sulla sua pelle fin dove l’odio e il bigottismo possano spingere una persona. Ma la vita non è mai semplice e Simon è deciso a proteggere fino alla fine ciò che è suo.

Slanif2

Zachary “Zack” Bennett e sua figlia Hayley, di due anni, non se la stanno passando molto bene.
Dopo la morte della mamma della piccola, i genitori di lei hanno deciso di prendersi la nipote, nonostante abbiano ripudiato la figlia anni prima, solo per toglierla a Zack in quanto gay.
Dopo una battaglia legale, l’uomo riesce a vincere e a tenersi Hayley, ma questo comporta che, stanco ormai della sua vecchia vita che è piena solo di brutti ricordi, Zack imballa tutte le loro cose, lega Hayley sul seggiolino e parte verso una nuova città e un nuovo lavoro, sperando di poter ricominciare.
Non immagina certo che, presentandosi all’Alfa della città, un tale Alex Holland, in un momento in cui neanche ci stava pensando, trovi in uno dei fratelli di questi, Simon, il suo compagno.
Tra i due le cose sono subito esplosive, ma i nonni materni della bambina non sono disposti ad arrendersi tanto velocemente…
Terzo volume della serie, ho trovato un netto miglioramento nella caratterizzazione dei personaggi, in quanto il dislivello che avevo notato nei primi due volumi risulta molto più attenuato, ma al contempo non sono rimasta molto convinta lo stesso. Non so se dalla storia in sé o dalle dinamiche, ma di sicuro l’inserimento della tematica Mpreg – quando prima non se ne era mai nemmeno accennato, e anzi tutti fossero convinti che non fosse possibile – mi è parso forzato e semplicemente un pretesto affinché l’autrice realizzasse il desiderio dei lettori di dare dei bambini ai suoi precedenti protagonisti. Come se adottarne uno non fosse altrettanto significativo. Inoltre, se proprio doveva essere qualcosa col loro DNA Lupino, c’era la maternità surrogata come opzione, che mi sarebbe sembrata più logica visti i ragionamenti a riguardo fatti precedentemente.
Anche se Toni Griffin ha trovato un pretesto per spiegare la cosa, sinceramente trovo assurdo che nemmeno l’Alfa di un Branco come lo è Alex, conosca questa cosa, anche solo per “sentito dire”.
Concludendo, mi fiondo a leggere la storia numero quattro, che è quella che sto aspettando sin dall’inizio. Sperando in un convincimento più sentito.

3
Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Il morso del Vampiro” – Louisa Masters

Titolo: Il morso del Vampiro
Autore: Louisa Masters
Serie: Hidden Species #2
Genere: Paranormal, Vampiri, Mutaforma, Diavoli, Sci-Fi, Urban Fantasy, Maghi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Il morso del Vampiro

SINOSSI

Essere rapito non era uno degli obiettivi della mia vita. Essere salvato mi ha lanciato in un mondo tutto nuovo e completamente pazzesco.
Non è facile essere l’unico umano nel Governo della Comunità delle Creature, specialmente quando sei stato appena salvato da un manipolo di scienziati pazzi. Due anni fa non volevo altro che andare al college, divertirmi, per poi costruirmi una vita normale. Invece sono stato rapito, mi hanno usato come cavia per mesi, mi sono nascosto per quasi un anno e ho scoperto che la mia intera esistenza è un esperimento genetico condotto da terroristi. È decisamente arrivato il momento di rivedere i miei piani.
I miei salvatori del GCC sono stati… perlopiù fantastici. Mi hanno offerto un lavoro e una rete di sostegno. Ma non è facile abituarsi all’esistenza di demoni, vampiri e mutaforma. Soprattutto perché c’è un particolare vampiro che mi fa venir voglia di iniziare una collezione di paletti di legno. Com’è possibile avere più di ottocento anni e la mentalità di un ragazzino ubriaco?
Devo ammettere però che, malgrado il comportamento da adolescente, Andrew è ferocemente protettivo. Ci sono ancora malintenzionati in giro e mi serve qualcuno come lui accanto. Per non parlare del fatto che non è davvero niente male… potrei ammirarlo tutto il giorno, se solo stesse zitto.
Mentre cerchiamo di trovare i miei rapitori prima che loro possano trovare me, la vita mi riserva altre sorprese e il mio mondo finisce di nuovo sottosopra. Questa volta, però, sono pronto: ho un vampiro di ottocento anni che mi guarda le spalle. Cosa mai potrebbe andare storto?

Piccola premessa doverosa: questo secondo volume della serie ha come protagonista una nuova coppia, ma secondo me è necessario aver letto il primo libro per capire la trama generale e i vari personaggi che si incontrano, perché la storia riprende dai fatti accaduti in quel libro.
I nostri eroi del GCC hanno salvato Sam e anche l’unico umano rimasto in quel terribile laboratorio di esperimenti, anche se i cattivi sono riusciti a fuggire, quindi ‘adottano’ Noah e gli offrono un lavoro all’interno dell’organizzazione, mentre cercano di catturare il temibile dottor Tish.
Noah ha appena vent’anni, ma la vita lo ha già messo a dura prova, perciò è diffidente e poco propenso alla socializzazione. Vivere in un mondo di esseri sovrannaturali lo fa sentire ‘il diverso’ e in qualche modo isolato e fuori posto, per questo tende ad innalzare barriere anche se il nostro team di simpatici ‘caciaroni’ cercano di coinvolgerlo.
Un cambio di mansioni e l’affidamento al vampiro Andrew sono l’inizio del cambiamento per lui.
Il nostro Andrew, antico vampiro di ottocento anni, ha la tendenza a comportarsi come un bambino troppo cresciuto, mixando momenti di estrema serietà a uscite puerili che urtano Noah, che ce l’ha con lui fin dal loro primo incontro. Tuttavia, le radici genetiche di Noah parlano di un retaggio vampirico, quindi Andrew deve testare le sue capacità per capire se il gene dormiente è comunque attivabile e lo fa a modo suo, stuzzicando il suo pupillo in varie maniere.

“Noah si trascina vicino, lo sguardo fisso sul polso, anche se, dall’espressione che ha assunto, non credo sia attratto dal sangue. Quando è abbastanza vicino, lo afferro per un braccio e lo tiro a me, portandogli il polso sanguinante sotto il naso.
Si tira indietro.
Mmm. Non è la reazione che ti aspetteresti da un vampiro dormiente.”

Man mano che le prove cambiano, Noah sfodera inattese capacità che lascia tutti sorpresi e desiderosi di scoprire di più. Ma contemporaneamente la possibilità che Tish rivoglia Noah e Sam fa sì che entrambi vengano messi sotto protezione e Noah ed Andrew imparano a convivere, fra odio e attrazione mescolati fra loro.

È passata meno di una giornata e già mi sta salvando la vita, ma se lo scoprisse me lo farebbe pesare fino alla fine dei tempi. Bastardo presuntuoso.

Questa convivenza forzata ci regala dei momenti davvero piacevoli e dà modo a entrambi di dar fondo alle loro pulsioni, di chiarirsi, di far maturare l’attrazione in amore.

Essergli vicino soddisfa qualcosa in me che mancava. Vivo da tanto tempo, ho incontrato tante persone, ho avuto tante relazioni. Con Noah posso essere me stesso in un modo che è davvero raro e voglio che anche lui senta di poter essere se stesso.

Questo secondo libro mi è piaciuto persino un po’ più del primo, ha la giusta dose di avventura, imprevisti, umorismo e sensualità bollente. Avrei preferito che lo sviluppo romantico fosse un po’ più ‘sentito’ che narrato, ma nel complesso è piacevole da leggere e lo consiglio per continuità, mantenendo la mente aperta a questo mondo surreale e un po’ sopra le righe, ma soprattutto alla sua visione alternativa della religione rispetto a quella della nostra consuetudine.

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Scintille” – Aurora R. Corsini

Titolo: Scintille
Autore: Aurora R. Corsini
Serie: I figli di Ish #1.5
Genere: Fantasy, Paranormale, Draghi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Scintille

SINOSSI

Un drago blu che volteggia nel cielo è ormai fonte di gioia per Cameron, che non smetterebbe mai di ammirare il compagno in volo; la situazione però cambia quando i draghi diventano due. È tempo di incontrare la madre di Klaus, circondata dalle scintille del potere primordiale di Ish.

Evelyne2

Anche quest’anno Aurora Corsini ci delizia con una novella della sua serie. “Scintille” è un breve scorcio accaduto dopo gli avvenimenti di “Fuoco blu“, il primo volume della serie “I figli di Ish“. Non è la sua prima serie paranormale mm e chi conosce già “Le luci dell’Eos” lo sa bene, ma prendetevi qualche ora per scoprire Cameron e Klaus, perché questi draghi celano davvero molte sorprese.
È un momento davvero breve, ma molto intenso e coinvolgente. È stato bello rivedere Cameron e Klaus e non mi aspettavo certo di poter conoscere Catra. L’amore di una madre è indescrivibile e Catra, con poche e semplici parole, ci mostra quanto anche un drago possa decidere di mettere da parte la propria felicità pur di vedere sbocciare una nuova vita.
Se non eravate ancora convinti delle buone intenzioni dei draghi, Catra è un personaggio che rimarrà impresso nei vostri cuori.

«Nemmeno io credevo fosse possibile condividere il proprio cuore, finché Ish non mi ha donato te,» disse con voce colma d’affetto, che conservava ancora il tenue sottofondo sibilante del loro linguaggio natio. «In quel momento ho capito di averne perso un pezzo per sempre, perché ormai batteva nel tuo petto.»

Cameron e Klaus ormai sono una coppia e hanno imparato a vivere insieme con armonia, ma l’arrivo di Catra sconvolge l’umano e riporta a galla il suo passato tanto da costringerlo ad allontanarsi per raccogliere le idee. È una scena che molti di noi aspettavano, ma poterla leggere e avere davanti ai miei occhi il drago in tutta la sua magnificenza e fierezza è stato diverso da qualsiasi descrizione Klaus potesse dare di sua madre. Malgrado Klaus sia un drago in tutto e per tutto, era Catra il personaggio che mi incuriosiva davvero, anche se non sapevo cosa aspettarmi.
Spero di incontrare nuovamente Catra e di poter vedere i due ancora uniti e felici.
I draghi sono da sempre i miei personaggi soprannaturali preferiti e vederli in tutta la loro bellezza, descritti per di più da un’autrice che ammiro così tanto, è sempre una forte emozione.

4.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un compagno tenace” – Toni Griffin

Titolo: Un compagno tenace
Autore: Toni Griffin
Serie: I fratelli Holland #2
Genere: Paranormal, Mutaforma
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,55€
Link all’acquisto: Un compagno tenace

SINOSSI

Jason Matthew è un uomo spezzato. Ha attraversato l’inferno ed è sopravvissuto a malapena. Ora l’unica cosa a cui riesce a pensare è raggiungere il suo migliore amico, Brian, ma a parte questo, non sa che ne sarà della sua vita.
Jason è terrorizzato quando, al suo arrivo a Leyburn, ad accoglierlo non c’è solo Brian, ma anche due uomini grossi come montagne. Così fa ciò che gli suggerisce l’istinto: scappa. Uno dei due uomini, però, si rivela essere il suo compagno. Un compagno che Jason non è in condizione di accettare, un compagno che non sembra intenzionato a rinunciare a lui.
Alex Holland è costretto a osservare impotente mentre Jason viene portato in un posto sicuro, troppo terrorizzato per lasciarsi avvicinare da qualcuno che non sia Brian. Alex sa che qualcosa di terribile è capitato al suo compagno e che dovrà far ricorso a tutto l’autocontrollo che si richiede a un Alfa per concedergli il tempo necessario a guarire e ricominciare a vivere.

Slanif2

Jason Matthews sta scappando da un fatto traumatico e tragico successo una settimana prima nel suo vecchio Branco e l’unica idea che gli è venuta per cercare di guarire è di trovare rifugio dal suo migliore amico Brian, che è fuggito a sua volta dal loro vecchio Branco e che ha trovato l’amore in Marcus, il suo Compagno Predestinato.
Jason non ha un’idea precisa di ciò che farà, ma sa che per guarire avrà bisogno di tutto il supporto possibile e Brian è l’unica persona al mondo di cui si fidi, ormai.
Peccato che arrivare nella nuova casa dell’amico finisca solo per destabilizzarlo ancora di più quando Alex Holland, l’Alfa del nuovo Branco di Brian, altri non è che il suo Compagno Predestinato. Jason ne vorrebbe essere felice, ma Alex è gigantesco e lui ferito nel profondo, quindi rifugge il legame, troppo spaventato per gioire di quello che ha sperato di ottenere da tutta una vita…
Secondo volume della serie, avevo grandi aspettative per Alex e Jason, ma purtroppo nemmeno in questo caso sono rimasta molto soddisfatta.
La storia è anche carina, come idea di base, ma la forzatura delle dinamiche tra Alfa e “Omega” (anche se qui non vengono mai nominati) me l’ha resa un po’ pesante. Trovo sempre poco incisivo quando una coppia formata da due uomini finisce per somigliare troppo a una coppia formata da un uomo autoritario e una controparte (che sia uomo o donna poco cambia) che gli fa da domestica e gli scalda il letto contemporaneamente. Questo si evince anche solo, banalmente, dal fatto che i due “Omega”, Brian e Jason, debbano cucinare per i quattro fratelli (oltre a occuparsi della casa) e poi gli tocca pure sparecchiare e lavare i piatti. Una coppia dovrebbe essere paritaria in tutto, non avere un comportamento così squilibrato. Sia che sia formata da una coppia eterosessuale che da una omosessuale.
Inoltre, proprio l’atteggiamento e le caratterizzazioni enfatizzano questi aspetti e ammetto che ciò non rientra per niente nelle mie corde.
In più, Jason mi è risultato un po’ estremo nel suo modo di affrontare i problemi e non amo mai particolarmente quando i protagonisti hanno questo tipo di atteggiamento.
Nel complesso, come detto, la storia non è brutta e Alex è molto paziente e romantico, ma nemmeno questo secondo volume è riuscito particolarmente a convincermi.

3
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “La forza del suo cuore” – Victoria Sue

Titolo: La forza del suo cuore
Autore: Victoria Sue
Serie: Enhanced World #5
Genere: Paranormal, Poliziesco, Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: La forza del suo cuore

SINOSSI

Proteggere e servire… Tutto ciò che Vance Connelly ha sempre desiderato è continuare la tradizione di famiglia ed entrare nel Dipartimento di Polizia di Tampa, ma i suoi sogni si sono infranti il giorno in cui si è svegliato con il marchio da potenziato sul volto. Dopo aver lottato per anni per adattarsi alla vita come potenziato, per un colpo di fortuna ha incontrato Talon Valdez ed è diventato un membro orgoglioso dell’unità Human Enhanced Rescue Organization dell’FBI.
Samuel “Angel” Piper è ansioso di lasciarsi alle spalle il suo lavoro sotto copertura per la DEA e si unisce alla squadra HERO come partner normale di Vance. Ma il passato doloroso di Sam è sempre presente, appena sotto la superficie della vita che si è costruito come giovane agente ambizioso. Quando la squadra indaga sulle voci di una nuova droga che utilizza sangue potenziato, il misterioso collegamento del caso con Sam minaccia non solo la sua vita, ma anche quella di Vance.
La fiducia non è una cosa facile per Sam, ma Vance è disposto a lottare per convincere il suo partner che la forza del suo cuore potrebbe essere la salvezza di cui entrambi hanno bisogno.

Evelyne2

Aspettavo la storia di Vance dalla prima volta in cui questo personaggio è apparso nella serie. Quando ho saputo che avrei potuto leggere “La forza del suo cuore” ero felice di poter vedere di nuovo la squadra in azione.
Abbiamo già conosciuto sia Vance che Angel, la coppia protagonista di questo quinto volume. Vance è uno di quei potenziati che mi ha incuriosita e intrigata. Le sue capacità combinate con la sua personalità lo rendono un gigante gentile, che sicuramente in molti apprezzeranno. Avevo già un’idea di cosa potesse accadere e in parte non ne sono rimasta sorpresa. Ammetto però che mi aspettavo qualcosa in più da questo personaggio, che pur rimanendo allo stesso livello degli altri sento che ha dato molto meno di quanto avrebbe potuto. La sua famiglia, il legame con i membri, il rispetto che tutti mostrano nei suoi confronti… Sono tutti aspetti che rimangono sullo sfondo e che non emergono mai.
A occupare gran parte dello spazio è Angel, il nuovo partner di Vance e l’ultima aggiunta alla squadra. Angel pensa di sapere molto sulla squadra e sul proprio partner, ma capirà ben presto che il Vance di cui tutti parlano ha ferite più profonde di quanto lui possa pensare. Non ho amato questo personaggio in più di un’occasione, lo ammetto. Che fosse per la sua propensione a non condividere le informazioni, per la sua personalità schiva e schietta, o per il modo in cui tratta Vance, non mi è sembrato una buona aggiunta per la squadra né un buon partner. Il suo rapporto con Vance è particolare e altalenante, tanto da avermi più volte fatto riflettere su quanto questa storia si discosti dalle altre. Tutto avviene nell’ultima parte del libro e questo comporta che il lettore non possa vedere effettivamente l’evoluzione della loro coppia e affezionarsi. Un peccato, perché credo che se fosse stato inserito e mostrato in modo diverso anche Angel avrebbe potuto dare tanto quanto ognuno dei personaggi della squadra.
Mi sarebbe piaciuto conoscerli di più come coppia per poter imparare ad apprezzarli, spero accadrà in futuro nei prossimi volumi. Nonostante le varie problematiche con i protagonisti, in particolare Angel, mi è piaciuto poter leggere la loro storia e continuare una serie che mi ha sempre regalato forti emozioni.
Le indagini seguono l’intera vicenda e l’autrice ci mostra tante piccole parti di un’organizzazione che sicuramente tornerà in futuro. Adoro il modo in cui ogni personaggio viene presentato e riesce a far scattare nel lettore l’immaginazione di cui ha bisogno.
È stato bello incontrare di nuovo la squadra e conoscere le nuove reclute. Aspetto di poter leggere le storie degli altri da talmente tanto che quando ne leggo una ho la sensazione di completare un piccolo pezzo del puzzle.

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice