Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Cuore di Terra Rossa Imago” – N. R. Walker

N R Walker (5)

Titolo: Cuore di Terra Rossa Imago
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #4.5 & Imago #2.5
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa Imago

SINOSSI

Quando a Greg, il vicino di Charlie Sutton, viene notificato dal governo del Queensland l’intenzione di far passare un acquedotto attraverso la sua proprietà, Charlie promette che lo aiuterà a combattere contro questa decisione. Poi Travis si ricorda di aver notato delle farfalle al torrente vicino alla recinzione del loro confine comune, le stesse farfalle che non sono riusciti a trovare in nessun libro di farfalle australiane. Fiduciosi che questa possa essere la loro unica possibilità per fermare lo sviluppo del progetto, cercano l’aiuto di uno specialista.
Lawson riceve una richiesta via e-mail per identificare una farfalla nell’Outback, e scopre che non è affatto una farfalla australiana. Ma non è l’unica scoperta che fa. Jack conosce il nome sulla richiesta. È quello di una sua vecchia conoscenza dell’università, che guarda caso è stato anche un suo scopamico, Charlie Sutton.
Anni prima, i due si erano incontrati all’Università di Sydney. Studiavano entrambi scienze ambientali e agrarie, erano entrambi a miglia di distanza da casa e, scoprendo i loro mondi aperti a nuove esperienze, erano finiti a letto insieme. Rivedersi di nuovo dopo tutto questo tempo, davanti a Lawson e Travis, non sarà affatto imbarazzante, vero?
Il viaggio di Lawson e Jack alla Sutton Station di certo non va secondo i piani, e non riporteranno in Tasmania solo farfalle, ma una serie di possibilità.

Un crossover di Cuore di Terra Rossa e Imago ~ La storia di quando la terra rossa e le farfalle entrano in collisione.

Slanif2

Charlie Sutton e Travis Craig sono ormai felicemente sposati e papà (e papi) di una bellissima bambina di nome Amelia “Milly” Sutton, nonché di un cicciottissimo vombato di nome Nugget che ha la forma e la pesantezza di un mattone.
La loro vita scorre tranquilla in mezzo alla terra rossa del deserto australiano, ed è solo la chiamata del loro vicino di stazione e amico Greg a rompere la quiete che regna nella loro vita.
Infatti, a Greg è arrivata una lettera dal Governo Australiano che lo informa che una buona parte del territorio della sua stazione finirà per ospitare un acquedotto che non solo rovinerà il paesaggio, ma costringerà anche a ridurre drasticamente le dimensioni della fattoria e quindi il lavoro e le entrate dell’uomo.
Charlie, così come Travis, non sono assolutamente disposti a lasciar fare al Governo quello che vuole, pertanto, grazie a un incontro inaspettato di Travis qualche giorno prima con una farfalla grande quasi come un piccolo uccellino, decidono di contattare un esperto che possa aiutarli a valutare se quel tipo di farfalla è protetto, così da riuscire a bloccare la costruzione dell’acquedotto e a salvare la stazione di Greg.
È con questa scusa che N. R. Walker fa entrare in collisione (nonostante ce ne avesse già dato un accenno in “Imagines”) il mondo del Queensland Australiano e quello della Tasmania, dove vivono Jack e Lawson Brighton-Gale.
Riuscirà Greg a salvare la sua stazione? E riuscirà Lawson a scoprire un altro esemplare di farfalla sconosciuta?
Come reagiranno Travis e Lawson di fronte ai loro mariti, che in gioventù, durante l’università, hanno avuto una relazione?

Travis ridacchiò e mi baciò sopra la testa. «Non vedo l’ora di conoscerlo.»
Sollevai la testa per guardarlo in faccia. «Ti scoccia? Che qui ci sarà qualcuno con cui ho avuto… dei benefici?»
Travis scosse la testa e sorrise. «È il mio anello quello che porti al dito. È nostra figlia quella che dorme in fondo al corridoio, e sono io quello che implori e mio il nome che sussurri.» Sospirò, felice e assonnato. Il suo accento era sempre più marcato quando era stanco. «So molto bene a chi appartieni. E anche tu.»

Non mentirò: ho letto il libro avendo tutto il tempo un sorriso sciocco stampato sulla faccia.
Mi erano mancati, questi ragazzi! Soprattutto Charlie e Travis (dalla serie “Cuore di Terra Rossa”), che sono senza ombra di dubbio una delle mie coppie preferite di sempre, nonché quella che amo di più di questa autrice che si dimostra sempre di più una garanzia di qualità.
Ritrovarli di nuovo e ritrovarli soprattutto alla Sutton Station, dove ho lasciato il cuore, è stata un’esperienza emozionante. Mi erano davvero mancati e sono stata entusiasta di poterli virtualmente riabbracciare un’altra volta.
Sono stata contenta di rivedere anche Jack e Lawson (dalla serie “Imago”), ovviamente, che sono una delle coppie che mi sono piaciute di più delle altre serie di questa autrice, anche se, lo ammetto, non ai livelli di Charlie e Travis.
Avere questo ulteriore epilogo per queste due coppie, un altro po’ di uno spaccato delle loro vite, è stato bellissimo.
Mi mancheranno. Tanto. Anche se con la mente sarò sempre nel pieno dell’Outback Austrliano, all’interno dei 2.58 milioni di chilometri quadrati della Sutton Station, a fissare la terra rossa sotto i piedi e il cielo pieno di stelle sopra la testa, seduta intorno a un falò circondata da vecchi amici.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “La storia di Yanni” – N. R. Walker

N R Walker (6)

Titolo: La storia di Yanni
Autore: N. R. Walker
Serie: Spencer Cohen #4
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale, Kink
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: La storia di Yanni

SINOSSI

Quando Yanni Tomaras viene sbattuto fuori di casa, le ultime parole dei suoi genitori sono insulti religiosi e l’ordine di non tornare mai più. Disperato e senza un tetto sopra la testa, viene adescato da Lance – un uomo all’apparenza perfetto, ma con un predatore perverso celato nell’animo – che abusa di lui fino a quando Yanni non trova il coraggio di andarsene.
Yanni dovrebbe sentirsi libero. Ma quando Spencer Cohen lo trova, si rassegna all’idea di essere riportato da Lance e vivere ancora una volta nella paura.
Iniziare il college e un lavoro part-time permette a Yanni di tornare a vivere. Ma è la passione per i film muti a condurlo a Peter Hannikov, una persona dall’animo gentile ma con il doppio dei suoi anni. Un’improbabile amicizia tra i due sboccia in qualcosa di più grande. Nemmeno l’uomo sa cosa vuole, all’inizio. Capirà in seguito che ciò di cui ha bisogno è proprio la storia di Yanni.

“Per anni ho vissuto come un uccellino in trappola con le ali tarpate, torturato e picchiato.
Credevo di essere fuggito, una volta lasciato il mio aguzzino, ma con il senno di poi ho capito di essere ancora prigioniero, stavolta, però, della paura e dell’insicurezza.
Spencer e Andrew, insieme ai suoi genitori, hanno spalancato la porta della gabbia in cui ero rinchiuso.
Ma è stato Peter a insegnarmi a volare.”

Avvertenze: Questo romanzo contiene scene di violenza, suicidio e abusi sessuali. Consigliato a un pubblico consapevole.

Lady Marmelade2

All’epoca della fine del terzo di libro della serie “Spencer Cohen”, quando seppi che l’autrice avrebbe “regalato” un libro anche a Yanni, personaggio che era balzato all’occhio a tutti i lettori, ero al settimo cielo!
Quel ragazzo pelle e ossa, spaventato a morte dopo essere stato rintracciato da Spencer mi aveva colpito molto; avevo intuito che la sua storia fosse dolorosa, credevo di essere preparata al peggio, ma sentirlo raccontare da lui, mi ha spezzato il cuore:

Piansi per tutto il male ricevuto, per quello che avevo perso. Piansi per ciò che mi era stato tolto: la dignità, l’orgoglio, l’autostima. Piansi per la persona che ero, poiché era morta. Per l’innocenza e la gioventù che mi erano state strappate via e mi sentii vecchio. Avevo ventun anni, eppure mi sembravano cento.

Yanni ha solo ventun anni; è giovane, ma ha un’anima antica; ama alla follia recitare, il teatro e i film muti una cosa che lo fa avvicinare da subito a Peter, un altro dei clienti di Spencer, che sta tentando di riconquistare il suo ex.
L’incontro con Spencer ha salvato letteralmente Yanni; il ragazzo stava fuggendo dall’ex violento ed era finito a vivere come senzatetto. Ha sempre cercato di farcela da solo, sin da quando è stato buttato fuori di casa dai genitori dopo il suo coming out.
Yanni è allo stremo delle forze quando viene rintracciato da Spencer, che con la sua innata empatia riesce a capire che il ragazzo ha bisogno del suo aiuto.
La via di Yanni subisce l’ennesimo cambiamento, ma stavolta in positivo, come se la vita finalmente si fosse resa conto di quanto il ragazzo abbia finora sopportato, e fosse pronta a ripagargli tutti i torti subiti.
Lo Yanni che si presenta a inizio libro è un ragazzino terrorizzato a morte, solo, sporco e indifeso, ma ancora puro nell’anima. Una purezza che non riesce a nascondere e che i genitori di Andrew – il compagno di Spencer – riconoscono subito.
I coniugi Landon prendono il ragazzo sotto la loro ala e lo accolgono come se fosse un figlio. Yanni non è abituato a tanta gentilezza e affetto incondizionato da parte di persone che alla fine sono estranei; chi farebbe tanto per qualcuno che non conosce? Per lui è davvero un mistero, è talmente abituato a venire rifiutato, ad essere considerato spazzatura, che tutto questo amore è davvero una sorpresa.
Yanni racconta la sua storia senza peli sulla lingua, non si vuole più nascondere perché vuole vivere appieno la sua vita:

«Rivoglio indietro la mia vita. Voglio riprendermi quello che lui mi ha tolto. Voglio essere chi sarei stato se non avessi mai incontrato lui.»

Davanti a sé ha un percorso lungo e difficile; deve affrontare il suo passato, permettersi di guarire e cercare di affrontare lui…
Dalla sua parte non ha solo Spencer e l’intero clan Landon, ma anche i suoi nuovi coinquilini, tutti ragazzi appartenenti alla comunità LGBTQ che hanno subito violenze, come lui. Un gruppo davvero assortito di ragazzi giovanissimi, che cerca di riprendersi il futuro che qualcuno ha deciso di sottrargli con la violenza fisica o psicologica, trovandosi un lavoro e finire gli studi, perché solo con la conoscenza si può avere un futuro.
Tutti siamo unici e diversi, non esistono due persone uguali al mondo, anche i fratelli gemelli hanno personalità diverse, quindi quello che noi definiamo “diversità” deve andare oltre il concetto di norma, come spiega bene la Signora Landon a Yanni:

«Ma anche gli altri sono fantastici.»
«Sono molto diversi gli uni dagli altri,» ammisi.
«Particolari,» mi corresse lei con gentilezza. «Diversi implica che sono fuori dalla norma.»

Yanni ha ripreso gli studi, ha trovato anche un lavoro part time per prendersi cura di se stesso, senza pesare ulteriormente sui Landon e l’associazione no profit che si occupa di lui.
Sta anche sviluppando un legame profondo con Peter, un’amicizia che non è mai stata solo quello. Il ragazzo da subito ha capito che quell’uomo buono e gentile non sarebbe rimasto per sempre un semplice amico, ma è terrorizzato dall’iniziare una nuova storia con qualcuno. Sa di non essere né emotivamente né psicologicamente pronto, ma sa anche che quando si prova così tanta affinità con qualcuno non bisogna gettarla al vento, bisogna coltivarla, nella speranza che l’altra persona sia disposta ad aspettarci:

«Ma cosa succede quando incontri la persona giusta al momento sbagliato? Aspetti?»
Annuì decisa. «Aspetti. E se non è disposto ad aspettare, allora non è quello giusto.»

Peter e Yanni hanno tanto in comune, anche se ha parecchi anni di differenza, tanto che la maggior parte delle volte, quando escono per andare al cinema o per un caffè, vengono scambiati per padre e figlio!
Peter è sempre stato attratto dai ragazzi più giovani e Yanni dagli uomini più grandi; Peter vive per accudire gli altri, ama prendersi cura delle persone che ama, le difenderebbe a tutti i costi, mentre Yanni è sempre stato alla ricerca di qualcuno che lo amasse dal più profondo del cuore e che si prendesse cura di lui e dei suoi bisogni.
I due sono fatti l’uno per l’altra proprio per questo bisogno di essere il protettore e il protetto l’uno dell’altro:

Peter mi strinse a sé, nel calore delle sue braccia. Mi lasciai andare volentieri, con smania e sollievo. «Sei al sicuro con me,» mi sussurrò accanto alla testa. E lo ero. Non mi ero mai sentito così protetto. Non sapevo spiegarlo. In quel momento, seppi che con lui sarei sempre stato al sicuro.

Yanni e Peter sono anime affini, hanno un intesa che forse la maggior parte delle persone non potrebbe capire, viso come  vivono il loro rapporto di coppia: Peter è quello che si chiama un Daddy, un uomo che vuole a tutti costi proteggere e accudire il suo “bimbo”, che in questo caso è Yanni, che da sempre vuole essere amato da qualcuno che sia un bravo papà.
Si può prendere questo tipo di rapporto e vederlo come un Kink, come un gioco di ruolo per la coppia, ma per Peter e Yanni va oltre, è un modo di essere e nessuno dovrebbe permettersi di giudicare come decidono di vivere il loro rapporto.
Personalmente non so se riuscirei a gestire un rapporto del genere, non fa per me, e a tratti ho arrancato un po’ a capire del tutto questo loro modo di vivere, ma questa non è la mia storia: è la loro.
La storia di Yanni” è un libro corposo, completo, che abbraccia a trecentosessanta gradi tutti i personaggi che hanno contribuito a far rinascere Yanni e conclude in maniera magistrale questa serie, senza tralasciare nessuno, senza lasciare indietro nessuno, perché ora Yanni ha una grande famiglia allargata che lo ha accettato.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Natale di Terra Rossa” – N. R. Walker

N R Walker (5)

Titolo: Natale di Terra Rossa
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #3.5
Genere: Contemporaneo, Cowboy, Festività
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Natale di Terra Rossa 

SINOSSI

In questo racconto natalizio, la Walker immagina come sarebbe potuto essere il primo Natale di Travis alla Sutton Station.
È una sorta di “what if”, qualcosa che tecnicamente non è accaduto, come dice lei stessa nella nota introduttiva. La storia si colloca temporalmente tra il terzo e il quarto romanzo, ma è consigliabile leggerla dopo aver concluso tutta la serie, perché nel presentarla la Walker fa riferimento ad avvenimenti legati all’ultimo libro, per tirare le fila della storia e ricordarci a che punto eravamo.

Travis stava alla Sutton Station da poco più di un anno. Tecnicamente eravamo fidanzati, ma non lo avevamo detto a nessuno.
Lui era felice anche solo di sapere che avevo detto di sì, e io dovevo affrontare alcune cose per schiarirmi le idee.
Sapere di essere all’altezza di Trav era una cosa, ma tutt’altra cosa era chiedermi se ero all’altezza di essere un marito e un padre.
La vita alla Sutton Station non era mai stata più bella di così. Gli affari andavano alla grande. Gracie, la bambina di Trudy e Bacon, non aveva neanche un mese ed era un amore, Ma era in buona salute e il mio rapporto con Laura e Sam procedeva bene.
E Travis? Beh, la vita con lui era ancora praticamente perfetta.
Ma, per lo sgomento di Travis, il Natale alla Stazione era solo un giorno come un altro. Un giorno in cui ci si alzava prima dell’alba, si dava da mangiare agli animali, si aggiustava quello che c’era da aggiustare, e si controllavano gli abbeveratoi mentre si cercava di tenersi al riparo dalla temperatura rovente.
E quell’anno non era molto diverso.
Solo che era il primo Natale di Travis alla Sutton Station.
Il fatto che non ci impegnassimo con le decorazioni e con i festeggiamenti lo confondeva, se devo dire la verità, lo deludeva anche.
Ecco perché dovevo trasformarlo in un Natale speciale.

Evelyne2

Solitamente gli extra mi mettono sempre in difficoltà: gli autori, nella maggior parte dei casi, inseriscono moltissimi dettagli e informazioni in troppe poche pagine e si rischia di esagerare. In questo caso però, ho visto la bravura della Walker, impossibile da non notare.
Le pagine non sono molte, è vero. Si tratta di uno special di Natale ed è ambientato tra il terzo e il quarto volume, quindi il lettore viene portato indietro nel tempo, a quando ancora la storia di Charlie e Travis non ha avuto un finale. Ho scelto di leggere questo racconto dopo il terzo volume, per non avere alcun problema nel collocarlo temporalmente, ma all’interno di esso troverete un’introduzione inserita dall’autrice stessa, per dare un’idea completa degli eventi e riuscire ad inserire il lettore nel modo più opportuno. Vi consiglio quindi di leggerlo una volta completata la serie.
Raccontato dal punto di vista di Charlie, come i primi tre volumi della serie, questo piccolo extra ci dà un’idea di come sarebbe stato il Natale per Travis e Charlie, pur non essendo accaduto realmente.

«Se continua a far venire i nervi a Trav, non lo vedrai più.»
«Chi è che non vedrà più? Me o il vombato malvagio?» chiese Travis dalla porta.
Risi. «Tu chi pensi?»
Lui borbottò mentre entrava e dava una grattata alla testa di Nugget. «A volte me lo chiedo.»

Rivedrete il bellissimo Nuggets, grazie al quale ci sarà un piccolo scontro tra Charlie e Travis davvero esilarante ed il primo Natale, non solo della coppia, ma dell’interna famiglia. L’unione delle tradizioni di Travis e la nuova visione del mondo di Charlie.
Un’ottima lettura, dolce e simpatica, l’ideale per tornare insieme ai due giovani nella Sutton Station.

5

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Cuore di Terra Rossa 4” – N. R. Walker

N R Walker (4)

Titolo: Cuore di Terra Rossa 4
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #4
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa 4 

SINOSSI

Trasferirsi da un ranch in Texas a una stazione dell’Outback australiano è stata una decisione che ha cambiato la vita di Travis Craig. Anche se in effetti non è stata affatto una decisione. Qualcosa dentro di lui gli aveva detto di andarci, sebbene non avesse idea del perché. Almeno fino a quando non ha conosciuto il proprietario della Stazione, Charlie.
Amarlo non avrebbe dovuto essere semplice. Era un uomo cocciuto e pieno di insicurezze. Eppure, in qualche modo, innamorarsi di lui è stata la cosa più semplice del mondo. Così come vivere con lui, insegnargli come ricambiare il suo amore e, cosa ancora più importante, come volere bene a se stesso.
Travis aveva saputo fin dall’inizio che ne sarebbe valsa la pena. Sapeva che quell’uomo dal cuore di terra rossa era destinato a essere suo. Proprio come sapeva che il suo posto era lì, circondato da quella stessa terra rossa.
Nell’ultimo volume della serie, vediamo Charlie attraverso gli occhi di Travis. Vediamo quanto è maturato e quanto amore è in grado di donare. Torniamo in Texas con loro, e vediamo Charlie riuscire a ottenere tutte quelle cose che pensava davvero di non meritarsi.
Cuore di Terra Rossa 4 narra la storia di Travis.
E questa non è la storia di un solo cuore di terra rossa, ma due.

Evelyne2

«Quelli sono per me?» chiese Ma a Charlie, facendo un cenno con la testa ai fiori che teneva in mano.
«Oh, beh…» balbettò lui, spingendo il mazzo in avanti come fosse tossico. «Sì. Certo che sono per te.»
Aveva appena dato i miei fiori a Ma.

Questo quarto e ultimo volume della serie, mi ha commossa e stupita più di quanto abbiano fatto i precedenti. Cosa non facile, eppure è accaduto. Leggere per la prima volta gli avvenimenti dal punto di vista di Travis mi ha disorientata in un primo momento, perché ha reso molto più chiaro quanto Charlie sia cresciuto in tutto questo tempo. Non avere più bisogno di leggere i suoi pensieri per capire cosa sta pensando è un grande passo avanti! Pensavo che avrei avuto difficoltà a sentire empatia nei confronti di Travis, che non era mai stato il primo protagonista. Mi sbagliavo:  una volta allontanati i dubbi è stato del tutto naturale leggere di lui e di come si sia legato alla stazione.
Laura, mamma di Charlie, e Sam, il fratello da poco ritrovato. La famiglia di Travis che per la prima volta incontra Charlie, momento che aspettavo da molto e tanti nuovi personaggi. La Walker ha inserito in questo ultimo volume moltissimi colpi di scena, attesi e non.
Ma, George, Billy e tutti i dipendenti, Greg … i personaggi che hanno accompagnato i due durante la loro crescita sono ancora presenti. Ognuno di loro a suo modo aiuta Charlie e Travis a realizzare i loro sogni. Sogni che mai saremmo stati in grado di collegare a Charlie nel primo volume della serie. Mi ha stupito moltissimo questo aspetto, è impossibile non notare gli enormi passi avanti fatti da questo personaggio.

Soddisfatto. Felice. In pace con il mio posto nel mondo. A casa.

Anche in questo volume è possibile trovare numerosi momenti divertenti. Nugget rimane uno dei miei personaggi preferiti senza ombra di dubbio. Con la sua nonchalance di vombato e i suoi piccoli morsi, appare e scompare con velocità. Ricordando l’affetto che Charlie mostra nei suoi confronti e il rapporto molto particolare con Travis.

Charlie si chinò e lo tirò su. «Piantala di cercare di mordere Travis. Se voglio abbracciarlo, lo abbraccio e basta. Capito, piccoletto?» Nugget sbattè le palpebre con fare innocente e, sul serio, giuro che il vombato gli sorrise. Charlie ridacchiò e lo rimise giù, e lo stronzetto uscì dalla stanza camminando come una papera.

È raro che io sia pienamente soddisfatta dell’ultimo volume di una serie. C’è sempre qualcosa per cui non sono del tutto convinta. Questa volta però, sono davvero contenta di aver deciso di leggere la loro storia, mi ha tenuta compagnia per circa una settimana ed ora non vedo l’ora di leggere altri racconti della Walker. Non c’è niente che cambierei, nulla che non va come dovrebbe. Charlie e Travis sono due personaggi speciali, unici e divertenti. Credo sarà difficile riuscire a trovare altre storie alla loro altezza, ma non smetterò di cercare.

Era una persona totalmente diversa da com’era una volta e pensai che in due anni molto era cambiato.

5

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Cuore di Terra Rossa 3” – N. R. Walker

N R Walker (3)

Titolo: Cuore di Terra Rossa 3
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #3
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa 3 

SINOSSI

La vita per Charlie Sutton non è mai andata meglio, nè è mai stata così tanto piena. Ora che Travis è una presenza fissa alla Sutton Station e al suo fianco, Charlie si è convinto che non riuscirebbe a fare nulla di quello che c’è sulla sua lista di cose da fare, che continua sempre ad allungarsi, senza di lui.
Charlie può gestire un’attività che vale milioni di dollari, conseguire la sua laurea, cercare di portare avanti l’industria della carne bovina, occuparsi dei problemi dello staff, della salute cagionevole di Ma, e di un vombato che pretende attenzioni. Può anche fare i conti con una visitatrice inaspettata e delle notizie sconvolgenti.
Può occuparsi di tutto, finché ha Travis al suo fianco.
Ma cosa succederebbe se lui non fosse più lì?
Cuore di Terra Rossa 3” racconta di come Charlie Sutton si renda finalmente conto di poter essere l’uomo che Travis Craig merita, anche se non lo ha lì con sé. È una storia che parla d’amore, del tenere duro, di lasciar andare e di tornare a casa.

Evelyne2

Prima di iniziare la lettura del terzo volume della serie ero convinta che l’autrice ci avesse fatto soffrire moltissimo nei libri precedenti. Ebbene, mi sbagliavo. Se nel primo (“Cuore di Terra Rossa 1“) e nel secondo volume (“Cuore di Terra Rossa 2“) ci ha fatto soffrire, non è comunque paragonabile a quanto Travis e, in particolare, Charlie dovranno affrontare ora. Ogni cosa viene rivalutata: la ferma e sempre presente Ma, la famiglia di Charlie, la compagnia di Travis, la laurea di Charlie e persino i nuovi legami nati tra i dipendenti.

«Devi essere il miglior capo possibile,» disse. Annuii. «Già, e quello significa aiutarli e fare quello che fanno loro. Non gli sono superiore.»

La vita di Charlie viene sconvolta totalmente. Nuovi personaggi si inseriranno nella sua vita e nulla potrà fare se non affrontare gli ostacoli di petto. Ha moltissimi pensieri nella testa, eppure la sua stazione non può certo andare avanti da sola.
È interessante vedere quanto la Walker si sia dedicata e soffermata sul presentare al meglio l’evoluzione del personaggio di Charlie. Nonostante il suo continuo cambiamento, finora ha sempre affrontato un poco alla volta. Gli eventi si riversano contro di lui e non avrà altra scelta che accettarli e sperare. Sperare fino a quando ogni cosa tornerà con naturalezza dove è sempre dovuta essere.

Tenni Nugget davanti allo schermo. «Di’ ciao a papino,» dissi. Travis fece un sorriso triste. «Oh!» Feci ciao allo schermo con la piccola zampa di Nugget. «Di’ buonanotte. È ora di andare a letto per lui. Volevo solo che lo vedessi.»

L’unica piccola sfumatura, che non riguarda la storia, ma più nello specifico uno dei personaggi, è l’insistenza di Ma nel non voler essere aiutata. Sicuramente una sua caratteristica, ben visibile già nei libri precedenti, ma andando avanti questo aspetto è sempre più marcato. Sicuramente dovuto ad una motivazione più che ragionevole, ma non l’ho apprezzato come negli altri.
Il punto di vista è ancora una volta quello di Charlie, anche se Travis è sempre molto presente. Il loro legame diventa più forte di quanto sia mai stato ed il suo supporto sarà fondamentale affinché il suo ragazzo riesca a diventare l’uomo che sin dal primo momento Travis ha visto in lui.
Devo ammettere che, nonostante io abbia apprezzato moltissimo Charlie e Travis, il personaggio che mi ha rubato il cuore è stato Nugget. Chi ha letto il secondo volume della serie ha una vaga idea di chi sia, ma non sa ancora quanta influenza avrà su Charlie. Il modo in cui il piccolo vombato fa impazzire il cowboy ed il suo compagno è così divertente e dolce!

«Almeno questi giovanotti mi permetteranno di dar loro da mangiare,» disse. «Non come te.» Del tutto noncurante dell’invettiva di Travis, a Nugget non fregò un cazzo. Continuò a ciucciare il suo biberon.
«Non può farne a meno, Trav,» dissi abbastanza piano in modo che solo lui potesse sentirmi. «Pensa che io sia sua madre. O suo padre. O quello che è.»

I colpi di scena non mancheranno ed anche se avrete una vaga idea di cosa potrebbe accadere, l’autrice sarà in grado di stupirvi in ogni caso.

4.5

 

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Cuore di Terra Rossa 2” – N. R. Walker

N R Walker (2)

Titolo: Cuore di Terra Rossa 2
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #2
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa 2 

SINOSSI

Fino a quando Travis non è arrivato sulla porta della sua casa, Charlie ha vissuto una vita solitaria. Si è isolato, circondato da un milione di acri di terra rossa, sotto un sole che spacca le pietre e solitudine.
Dopo sei mesi, l’inverno è arrivato sul deserto e Charlie finalmente ha quella vita che non aveva mai sperato di poter avere.
Ma ciò che comporta il vivere e lavorare insieme ventiquattro ore al giorno, sette giorni a settimana, per sei mesi di fila, inizia in qualche modo a farsi sentire.
Charlie è un uomo molto, molto cocciuto, che tende più a fare conversazioni nella propria testa che non a parlare sul serio, mentre Travis non ha problemi a dire quello che gli passa per la mente. E anche se si sforzano di comunicare, Charlie capisce che sta allontanando Travis, eppure sembra incapace di smettere di farlo.
Quando tutto si ridurrà alla questione se Travis debba andarsene o meno, forse non spetterà a loro prendere questa decisione.

Evelyne2

«Lui è tutto erba verde, e io sono più un tipo da terra rossa.»

Ho scelto questa frase per iniziare la recensione perché penso rispecchi in pieno quello che è il pensiero di Charlie all’interno di questo libro. Ho trovato questo volume molto introspettivo, sicuramente più doloroso del primo, che voleva essere un’introduzione e una presentazione dei due giovani.
C’è stato un momento in particolare che mi ha stretto il cuore. Un dialogo che ha come protagonisti Charlie e Ma, un personaggio che ho amato molto e che mi ha permesso di vedere il lato umano di Charlie, più di quanto fosse visibile all’inizio. Lei e George sono sicuramente i due pilastri di Charlie, senza i quali non sarebbe se stesso. È curioso vedere quanto riesca a far vedere di se e al tempo stesso nascondersi, allontanandosi nel deserto con l’unica compagnia di Shelby, la sua fedele compagna.
Mi ha stupito molto la sua rinnovata sincerità. Un lato di lui che è venuto fuori grazie alla vicinanza di Travis, ma che ha molta difficoltà a mostrare a quest’ultimo.

«Sai, Charlie, adoro che tu riesca a parlarmi di queste cose. Non lo cambierei per nulla al mondo. Ma le stai dicendo alla persona sbagliata. Devi dirle a lui.»
«È più facile dirle a te.»
Ma rise. «Perché?»
«Perché tu non mi spezzerai il cuore.» Era la risposta che volevo dare nella mia mente, ma la dissi a voce alta.

È stato interessante leggere di quanto sia diversa la vita in Australia. Le descrizioni sono uno degli aspetti che ho amato particolarmente di questa lettura. L’autrice ci presenta la Stazione con attenzione, dando molta importanza all’ambiente che li circonda. Dodici ore di lavoro, giornate caldissime in estate e gelide in inverno, moltissimo bestiame da spostare due volte l’anno e più di due milioni e mezzo di acri da gestire. Una situazione che appare impossibile alla gran parte delle persone, motivo per cui le capacità gestionali e manuali di Charlie sono sorprendenti. La lontananza, di circa tre ore, dalla città è solo uno dei motivi per cui vivere nella terza Stazione più grande del paese diviene difficile in caso di necessità.
Charlie deve affrontare una nuova sfida e solo grazie al supporto di Travis riuscirà per la prima volta a non nascondersi dietro le parole di suo padre. Mostrarsi come uomo gay in occasione del raduno degli allevatori non è facile, ma lo è ancora meno tenere stretto al suo fianco il giovane americano.
Mi è piaciuto moltissimo l’inserimento del personaggio di Matilda, dolce piccolo canguro trovato da Travis durante una delle sue uscite nel deserto. Le reazioni di Charlie alla sua presenza sono esilarante e non vedo l’ora di leggere come reagirà nel terzo volume, considerando la “piccola” sorpresa che lo attende.
Ho visto un sostanziale cambiamento per quanto riguarda gli eventi accaduti e sospetto che la Walker ci farà soffrire ancora di più nei libri seguenti.

4.5

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Cuore di Terra Rossa” – N. R. Walker

N R Walker (1)

Titolo: Cuore di Terra Rossa
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #1
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa 

SINOSSI

Benvenuti alla Sutton Station: una delle più grandi fattorie attive nel centro dell’Australia, dove, se gli animali e il caldo non vi uccidono prima, potrebbe farlo il vostro cuore.
Charlie Sutton dirige la Sutton Station nel solo modo che conosce: come faceva suo padre prima di lui. Determinato a tenere la testa bassa e il cuore a freno, Charlie giura che la terra rossa che lo circonda – che lo isola – gli scorre nelle vene.
Lo studente di agronomia americano Travis Craig arriva alla Sutton Station per vedere come gli agricoltori si guadagnano da vivere avendo a che fare con una delle condizioni ambientali più dure sulla terra. Ma non sono i paesaggi aridi, crudeli e davvero bellissimi a conquistarlo in modo così completo: è l’uomo col cuore di terra rossa.

Evelyne2

Avevo fatto un migliaio di cose folli nella mia vita che avevano portato Ma a sgridarmi, ma non ero stato mai– mai– così spaventato come lo ero quando lo guardavo.

Cuore di terra rossa” è il primo volume della serie omonime di N. R. Walker. Mi è stata spesso consigliata, ma non avevo mai avuto il tempo di dedicarmi completamente alla sua lettura prima di questo momento. Avevo molte aspettative, dovute al continuo sentir parlare di Charlie e Travis ed ho iniziato convinta di divorare questo e tutti i seguiti. Non è stato affatto così.
Dopo i primi capitoli, pur avendo il tempo necessario per terminarlo, ho iniziato a leggere tanto lentamente da dovermi interrompere. Non avevo idea del perché, ma la storia mi ha stupita più di quanto immaginassi. Erano del tutto diversi eppure identici al tempo stesso rispetto a come li avevo immaginati. Non ci sono grandi colpi di scena iniziali ne avvenimenti particolari. Tutto è molto semplice, quasi troppo, tanto da domandarmi cosa avesse ammaliato così tanti lettori. Ho impiegato un po’, ma alla fine sono riuscita anch’io a comprendere. Non capivo come Travis, giovane texano, potesse amare così tanto la terra rossa. Una semplice frase mi ha aperto gli occhi:

«Charlie,» bisbigliò.
«Sì?»
«Hai il sapore della terra rossa.»

Strano, vero? È stato in quel momento che ho capito che era proprio la semplicità e l’attenzione riversata in quelle pagine ad avere un’attrazione unica.
Charlie è un personaggio davvero particolare e dopo averlo visto nel suo ambiente è impossibile non amarlo. È testardo, ha un’ironia tutta sua ed è un ottimo capo. Il rapporto con i suoi dipendenti cambia con il passare del tempo. L’arrivo di Travis rivoluziona ogni cosa, eppure un aspetto del suo carattere rimane sempre lo stesso: il rispetto che Charlie prova per ognuno di loro è strabiliante. Potrebbe lavorare meno, scegliere le mansioni più semplici, gestire ogni cosa per sé, ma lui non fa niente di tutto ciò. È silenzioso, alcuni non lo conoscono ancora davvero, ma sanno che li rispetta.

«Alcune persone che lavorano con te da due anni non ti hanno mai sentito ridere!»
«Fanno parte dello staff, ed è diverso.»
«Io faccio parte del tuo staff, e dopo un giorno che ero qui stavi ridendo con me.»
«Stavo ridendo di te. C’è differenza.» Spalancò la bocca, e io balzai in piedi ed entrai in acqua.

Travis appare meno, non essendo la voce narrante, ma nonostante ciò non abbiamo alcun problema ad inquadrare il suo personaggio e ad amarlo.
Anche solo in questo primo volume vediamo quanto lavoro Travis faccia per permettere a Charlie di aprirsi e mostrare davvero l’uomo che è sempre stato. Sono convinta che la sua tenacia porterà a risultati inaspettati. Se Charlie è un personaggio che rimane impresso per la sua testardaggine, Travis non è certo da meno.
Come inizio di questa serie, il mio giudizio è più che positivo.

4.5

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Imagines” – N. R. Walker

N R Walker

Titolo: Imagines
Autore: N. R. Walker
Serie: Imago #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Imagines

SINOSSI

Jack Brighton e Lawson Gale stanno insieme da sei mesi e sono molto innamorati. Il lavoro di Lawson per garantire la sopravvivenza della Tillman Copper è impegnativo come sempre, e quello di Jack con la rigenerazione del parco nazionale distrutto dall’incendio è altrettanto frenetico.
Quando Jack propone di partire per un breve viaggio, Lawson accetta. Poi gli viene offerto un posto di due settimane come ricercatore nel Queensland tropicale per aiutare a scoprire le cause del declino della farfalla Ulysses. Pensando di riuscire a combinare dovere e piacere, Jack e Lawson partono per la loro prima vacanza insieme.
Lavorare accanto al famoso professor Piers Bonfils non è semplice. Divergenze personali e professionali a parte, però, Lawson riceve la proposta di fermarsi in modo permanente nel Queensland. Combattuto tra la sua nuova vita in Tasmania con Jack e una specie di farfalla in via di estinzione che si sente obbligato a salvare, Lawson dovrà decidere qual è il suo destino.
Ma questo cambia spesso le regole. Durante una spedizione di ricerca nel cuore della foresta pluviale, a essere in gioco di colpo non è più soltanto la sopravvivenza delle farfalle.
Il ciclo vitale di una farfalla non cambia mai: da larva a imago, il suo percorso è tracciato fin dall’inizio. Jack e Lawson dovranno decidere da che parte stare, se sopravvivono. Perché l’unica cosa più incredibile di un’imago sono due imagines.

Slanif2

Avevamo conosciuto Jack Brighton e Lawson Gale in “Imago” e ci eravamo innamorate della guardia forestale dal cuore tenero e dal lepidotterologo amante dei farfallini.
Li ritroviamo sei mesi dopo, ancora innamoratissimi e pronti a partire per la loro prima vacanza.
Infatti, Lawson viene contattato da Piers Bonfils, professore nel Queensland, che richiede il suo intervento per aiutarlo a capire cos’è che sta uccidendo le Ulysses (la specie di farfalle che Bonfis studia da anni) e impedisce ai bozzoli di trasformarsi in imago.
Anche se l’idea della loro prima vacanza nei piani originali non coincideva con del lavoro, i due uomini accolgono la scusa per unire l’utile al dilettevole, trascorrendo del tempo insieme e al contempo aiutando a salvare una specie di farfalle che risiedono ormai in pochissime parti del mondo.
Quel che non si aspettano, tuttavia, è di ritrovarsi invischiati in una vacanza che va complicandosi sia per gli interessi tutt’altro che professionali di Bonfils nei confronti di Lawson, sia perché le cose, si sa, non filano mai lisce quando ci sono di mezzo Lawson Gale e le farfalle…
Riusciranno i due ragazzi a godersi la vacanza o finiranno per rischiare molto più di quanto avrebbero mai creduto di dover mettere in gioco?

In quell’istante, eravamo una cosa sola. In senso fisico, emotivo. Sentivo il suo cuore pulsare dentro di me, attraverso il suo petto, e batteva a tempo con il mio. Mi faceva da eco, mi completava, era tutto.
Non avevo mai provato nulla di simile.

Mi è piaciuto ritrovare questi due personaggi, che grazie allo stile semplice ma al contempo potente di N. R. Walker, ci regalano una duologia di tutto rispetto. Nonostante ammetta di aver preferito il primo volume a questo secondo e ultimo della serie, posso affermare senza problemi che entrambi i libri sono assolutamente godibili e ben strutturati.
Jack e Lawson sono diversissimi, eppure insieme funzionano alla grande. Anche se ho una predilezione per Jack, Lawson sa come farsi amare. Tra un cravattino e una risposta saccente, mi fa sempre troppo ridere quando comincia a imprecare durante il sesso! Ogni volta che lo faceva, ridevo con Jack.
Il sentimento che li lega è potente e molto dolce, a volte forse un filino troppo, ma mai in maniera così accentuata da farmi storcere il naso.
La storia è ben cadenzata, con momenti di calma seguiti da altri più agitati, così come da momenti di dolcezza e altri di passione.
È stato bello leggere come si è evoluto il loro sentimento e come sono arrivati al loro lieto fine, nonostante le tante difficoltà e differenze.
In sostanza, un libro e una serie in generale assolutamente godibili e da leggere.

Prese fiato e mi strinse le mani. «In entomologia abbiamo un termine: imagines. È il plurale di imago. E se l’imago è una farfalla che ha raggiunto il suo pieno potenziale, allora noi, insieme, siamo senz’altro imagines.»

Nella scena tagliata… Ho riso. E quando ci arriverete, capirete perché. E riderete pure voi.

Posò la tazza sul piano e poi mi prese tra le braccia, stringendomi forte. Sospirai. «Adoro quando mi abbracci così.»
Spinse il naso contro il mio orecchio. «Così come?»
«Come se ti nutrisse l’anima.»
Ridacchiò, prima di sussurrare con calore: «In effetti…» Si tirò indietro e mi guardò negli occhi. «Lo fa davvero.»

Spero che la Triskell Edizioni porti in Italia anche gli altri libri di Mrs. Walker, perché amo davvero la sua scrittura e il modo incredibile che ha di rabbonire il cuore anche dell’uomo più arido.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Il desiderio di un soldato” – N. R. Walker

N R Walker

Titolo: Il desiderio di un soldato
Autore: N. R. Walker
Serie: The Christmas Angel #5
Genere: Storico, Festività, Militare
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Il desiderio di un soldato

SINOSSI

L’anno è il 1969…
Gary Fairchild è orgoglioso di essere uno studente universitario hippie, e protesta contro la Guerra del Vietnam perché crede nell’amore e nella pace. Per lui non si tratta soltanto di un movimento controculturale: per lui è uno stile di vita. Quando vengono messi in vendita i biglietti per “l’Aquarium Exposition, 3 giorni di Pace & Musica”, meglio conosciuto come Woodstock, vuole andarci assolutamente.
Richard Ronsman è un ragazzo di campagna fuori dal mondo che vive nell’ombra del padre autoritario. Ha nascosto il suo segreto più oscuro per guadagnarsi l’amore dell’uomo, ma nulla è mai abbastanza, neanche offrirsi volontario per la Guerra del Vietnam. E pochi giorni prima della sua partenza, viene invitato da un hippie seducente a unirsi a lui per andare a un festival di musica.
Tre giorni di musica, droghe, pioggia, fango e amore forgiano, tra questi due uomini molto diversi, un legame che influenzerà il resto delle loro vite. Condividono sogni e paure, e quando Richard viene mandato in guerra, si scambiano lettere e amore. Per il suo primo Natale a casa, a Richard viene regalata una decorazione speciale a forma di angelo che potrebbe fare avverare il desiderio di un soldato.

Slanif2

È il 1969 quando Gary Fairchild è in viaggio con i suoi amici, diretti a Woodstock per il famosissimo concerto hippie ormai entrato nella storia. Il tragitto è lungo, ma i suoi compagni di viaggio hanno fame, così decidono di fermarsi in una tavola calda in mezzo al nulla e di mangiare qualcosa.
Sono lì a parlare e a finire di consumare il loro pasto, quando Gary scorge seduto da solo a un tavolo, con i capelli tagliati cortissimi e una sacca militare ai piedi, un giovane ragazzo dallo sguardo tormentato e malinconico.
Spinto non sa bene nemmeno lui da cosa, si avvicina a quel ragazzo – che scopre chiamarsi Richard Ronsman, soldato in partenza per il Vietnam, dove imperversa una guerra sanguinosa e terrorizzante – e cominciano a parlare, finendo poi per invitarlo a unirsi al suo gruppo in quei tre giorni di dissolutezza prima di dover volare a New York per prendere poi un volo per Los Angeles e da lì uno per il Vietnam.
All’inizio Richard non è convinto, ma i pensieri che lo affliggono lo stanno uccidendo, e ha paura di non tornare vivo da quell’inferno, così alla fine accetta e sale in macchina con il gruppo di hippie, concedendosi non solo tre giorni di musica, alcool e droghe, ma anche la possibilità di scavare in quella parte di sé che da sempre cerca di tenere nascosta.
Tuttavia, i tre giorni passano in fretta, e i due ragazzi devono salutarsi. Ma è davvero un addio? Quello che sentono è troppo grande per chiuderla così velocemente, quindi che fare?
Tra una corrispondenza epistolare e momenti difficili, i due ragazzi coltiveranno il loro amore e progetteranno il loro futuro. Almeno fino a quando la guerra non si metterà in mezzo scombinando tutti i piani e gettandoli nel terrore più assoluto…

Ho tanta voglia di vederti. Voglio sentire le tue braccia attorno a me, e voglio sentire il battito del tuo cuore quando mi stringi contro il tuo petto. Ma più di tutto, voglio sentirmi al sicuro. E il posto più sicuro in cui sono stato è accanto a te.

Non vi svelo altro della trama de “Il desiderio di un soldato”, perché è davvero una storia che si dipana in circa otto anni e va assaporata pagina dopo pagina.
Gary e Richard sono due degni personaggi di N. R. Walker: forti ma teneri, capaci di grandi dolcezza e fragilità, ma anche di una straordinaria forza d’animo. Due ragazzi in grado di provare forti sentimenti, di amare intensamente, e di rincorrere con le unghie e con i denti i sogni che piano piano diventano sempre più importanti.
Anche la storia è molto bella, con scene più tese che aumentano l’aspettativa e altre ricche di dolcezza e quotidianità.
Al contrario dei volumi che l’hanno preceduta, questa storia non ha la presenza dell’Angelo di Natale sin dall’inizio, già in possesso di uno dei due protagonisti. L’Angelo arriva successivamente, e anche se ci sono alcune caratteristiche comuni con gli altri libri, qui la sua presenza è più marginale. Mi è dispiaciuto non respirarne la magia che ha caratterizzato soprattutto i primi due volumi (“L’Angelo di Natale” di Eli Easton e “L’Angelo di Summerfield” di Kim Fielding), ma che comunque avevo già trovato carente in “L’Angelo del prestigiatore” di Jordan L. Hawks.
Una cosa che mi ha convinta poco è il finale, gli ultimi due capitoli, dove mi sembra ci fosse un “troppo” circa le vicende, e dove avrei preferito leggere altro, magari in un futuro in cui quella promessa di Natale potesse avverarsi.
Nel complesso, comunque, una storia piacevolissima, molto dolce, e parecchio più lunga e corposa delle altre. Consigliato!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Punto di partenza” – N. R. Walker

N R Walker

Titolo: Punto di partenza
Autore: N. R. Walker
Serie: Turning Point #3
Genere: Contemporaneo, Sportivo, Suspance
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Punto di partenza

SINOSSI

Dopo aver superato il punto di non ritorno e aver raggiunto alla fine quello di rottura, a Matthew Elliott non rimane altro che ricominciare da capo.

Matthew Elliott è un uomo in via di ripresa. Ha un nuovo lavoro nella palestra della comunità locale, dove insegna tecniche di autodifesa e sensibilizza i ragazzini contro la droga, e aver fatto il poliziotto e il lottatore gli torna utile. Il suo nuovo obiettivo di aiutare i ragazzi di strada gli permette di guarire e, con Kira al suo fianco, sta facendo grandi progressi.
Rueben e Claudia, fratello e sorella, sono due ragazzini di strada terribilmente soli. Riescono ad arrivare al cuore di Matt, che fa tutto ciò che è in suo potere per aiutarli.
Ma quando Ruby e Claude hanno bisogno di qualcosa di più dell’aiuto che ha già dato loro, non si tratta più di lavoro ma di una questione personale.
Il giorno in cui ha conosciuto Kira, la vita di Matt ha cambiato direzione, ma soltanto adesso l’uomo si rende conto che tutto ciò che ha passato serviva per condurlo a questo momento. Non si era mai trattato della fine. La sua vita, il suo scopo, era soltanto all’inizio.

Slanif2

Avevamo lasciato Matt e Kira che avevano appena deciso di sposarsi e li ritroviamo poco dopo che devono dare la notizia ai genitori di Kira, che Matt considera anche un po’ suoi visto tutto l’amore con cui l’hanno accolto sin dall’inizio.
Matt, però, ha ancora tanta strada da fare, nonostante nei sei mesi trascorsi a fare terapia con la sua psicologa, abbia fatto grandissimi passi avanti. Si sente ancora in un certo senso colpevole ed è ancora profondamente rammaricato a causa delle menzogne che ha dovuto dire quando era sotto copertura, ma sta lentamente migliorando.
In più, il lavoro al centro sportivo va alla grande, ma la situazione di Claude e suo fratello Ruby lo preoccupano. Si è legato moltissimo a quella piccola bambina supponente, che sembra avere il cervello più grande della sua età, e quando i due si infilano nei casini, anche se aveva promesso a Kira di rimanerne fuori e non agire più come un poliziotto, Matt non può fare a meno di cercare di salvarli.
Ci riuscirà? E come reagirà Kira a tutto questo, mentre entrambi cercano di organizzare il matrimonio e risolvere i problemi che hanno dovuto affrontare e che ancora, non del tutto, si sono lasciati alle spalle?
Con questo volume, chiudiamo le avventure di Matt e Kira con un sorriso. Nonostante tutte le difficoltà affrontate e che affrontano anche in questo volume, in maniera anche pesante e dolorosa, vediamo come riusciranno a raggiungere il loro lieto fine ed essere felici.
Ammetto che questa non è la mia serie preferita della Walker. Probabilmente è quella che mi ha convinta di meno, soprattutto a causa del comportamento di Matt, che a volte mi ha fatto saltare i nervi, ma nel complesso è comunque una bella trilogia scritta da una mano talentuosa e che apprezzo sempre.
Anche Kira a volte mi è parso troppo remissivo, e in generale amo personaggi più audaci e decisi, ma ho apprezzato che sia sempre così presente per Matt, anche quando lo fa arrabbiare o lo ferisce, dimostrando quanto grande sia il suo amore per lui.
Nell’insieme è, come sempre, una bella storia e non vedo l’ora di leggere altro di questa bravissima autrice!

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice