Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Incontri di mezzanotte + Scena tagliata Vol. 3 + Scena tagliata Vol. 5” – N. J. Lysk

Titolo: Incontri di mezzanotte + Scena tagliata Vol. 3 + Scena tagliata Vol. 5
Autore: N. J. Lysk
Serie: Le Stelle del Branco #0.1, #3.1. #5.1
Genere #0.1: Paranormal, Mutaforma
Genere #3.1: Paranormal, Mutaforma, Mpreg, Incesto, Kink, Erotico
Genere #5.1: Paranormal, Mutaforma, Erotico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Scaricabili solo per gli iscritti alla Newsletter

SINOSSI

Incontri di mezzanotte
La scena in cui Gabriel invita Alec a unirsi al branco.

Scena tagliata Vol. 3
Il capitolo 3 alternativo di “Un Alpha per il Branco” (un po’ più pesante sul kink)

Scena tagliata Vol. 5
Una scena inedita de “L’Amato dal Branco

Slanif2

A sorpresa, N. J. Lysk ci regala delle storie aggiuntive della sua serie “Le Stelle del Branco”. Alcune sono approfondimenti di scene che nel libro hanno subito tagli e modifiche, un’altra è dedicata a una scena del tutto inedita e ai personaggi di Gabriel e Alec.
Essendo tre racconti brevissimi, ho deciso di recensirli per voi in un’unica occasione, così da potervi dare la possibilità in una sola volta di scaricarli gratis e leggerli, senza doverli andare a pescare nei meandri del blog.
Cominciamo parlando di “Incontri di mezzanotte”, la scena #0.1 che si svolge prima dell’inizio della serie e che è dedicata a come Gabriel invita Alec a prendere parte al loro singolare branco, con così tanti Alpha e un solo Omega, Ray. Alec all’inizio è titubante, ma poi Gabriel riesce a convincerlo, complice anche il fatto che hanno un passato in comune e che qui ci viene accennato. Ammetto che questa coppia mi piaceva molto già dalla serie principale, quindi sono contenta di aver potuto leggere questo loro approfondimento senza che sfociasse in qualcosa di sessuale ma che anzi, parlasse dei loro sentimenti e speranze.
Il secondo speciale è dedicato a una scena approfondita del volume 3, “Un Alpha per il Branco”, dove vediamo la scena di sesso tra Gabriel e Ray in cui Gabriel è fortemente… come dire… ispirato dal seno gonfio per l’allattamento di Ray e ciò diventa il centro del racconto. Ovviamente, se leggete solo questo racconto senza aver letto il secondo volume, avrete le idee un po’ confuse circa certe dinamiche, ma se lo avete letto, allora andate tranquilli che sicuramente vi intrigherà questo kink decisamente insolito. È la prima volta che ne leggo e, sinceramente, sono un po’ perplessa a riguardo, ma so che è un kink che esiste, perciò… Chi sono io per giudicare? A ognuno il suo, della serie.
L’ultima chicca è invece una scena del tutto inedita proveniente dal volume 5, “L’Amato dal Branco”. Come dice l’autrice, contiene spoiler dei primi volumi e, idealmente, è bene leggerla solo dopo aver superato la metà del quinto volume, in quanto racconta della scelta di Josh rispetto alla richiesta che gli fa Ray a un certo punto (e che qui non vi spoilero per ovvi motivi, se tante volte non siete ancora giunt* fino a lì) del libro. Qui assistiamo a come Ray reagisce e come chieda l’aiuto di Sergi (che però io stravedo con Iesu, che è praticamente la mia coppia preferita della serie, lo ammetto!) per superare quel momento terribile. La tematica, infatti, è sofferta e tutt’altro che semplice, ma Sergi è gentile e Ray cerca di fidarsi di lui, anche se non è Josh.
Insomma, tre aggiunte carine e brevissime che ampliano alcuni momenti o riempiono dei vuoti della serie, ideali da leggere per tutti quelli che hanno già goduto della serie e vogliono saperne di più.

3.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Per volere dei cieli” – N. J. Lysk

Titolo: Per volere dei cieli
Autore: N. J. Lysk
Genere: Multipartner, Mpreg, Royal, Erotico, Dark
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Fuori catalogo
Link all’acquisto: Fuori catalogo
Nota: Questo libro contiene scene di sesso non consensuale e violenza

SINOSSI

Il principe Hiram di Pradeira è ritenuto inadatto a ricoprire il ruolo di re dopo la morte di suo padre. Essendo però un discendente diretto degli dei, saranno i suoi consanguinei a regnare.
Per scongiurare la guerra civile, Hiram rinuncerà al trono, garantendo la sua discendenza accettando di avere un figlio da ognuno dei principi appartenenti alle altre nobili casate del regno, alla nascita del primogenito il padre che lo avrà concepito salirà al trono in attesa di cederlo al figlio.

Slanif2

Non mi capita mai di avere difficoltà a scrivere una mia opinione su una lettura esprimendo il mio punto di vista e le mie impressioni, ma questo racconto breve di N. J. Lysk (sono appena una cinquantina di pagine) è difficile – se non impossibile – da recensire.
Non perché sia scritto male, ma perché lo scopo ultimo di questa storia non sono riuscita a comprenderlo.
Hiram di Pradeira è un Principe che, alla morte del padre, si trova costretto a prendere una decisione orribile per far sì che il mondo non vada in guerra: dovrà sacrificare il suo corpo e la sua anima e concedersi a tutti i Re degli Regno, così da concepire un figlio per loro e “tenerli buoni”.
Ciò avviene dopo un Giuramento fatto praticamente sotto costrizione e seguito poi da quelli che non si può che descrivere come abusi, in quanto questi Re sono brutali e lo trattano essenzialmente come il primo pezzo di carne disponibile. Noi lettori stessi non conosciamo molti dei loro nomi, come se fossero macchie sfocate sullo sfondo, enfatizzando il distacco tra noi e loro.
Questo racconto non contiene una vera trama (perché Hiram è solo contro il mondo e non interagisce praticamente con nessuno), non c’è erotismo (perché è tutto un brutale accoppiarsi senza alcuno scopo se non la procreazione) e tantomeno il romanticismo (con quello che vi ho sommariamente raccontato, dove lo mettiamo, esattamente? Impossibile). Perciò… Non so bene quale fosse lo scopo ultimo di N. J. Lysk, ma di certo questa è una lettura per pochissimi, e solo se amanti del Dark.

3
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un Omega inaspettato” – N. J. Lysk

Titolo: Un Omega inaspettato
Autore: N. J. Lysk
Serie: Percorsi inconsueti #2
Genere: Paranormal, Muraforma, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Un Omega inaspettato

SINOSSI

Un giovane alfa insicuro, un omega più grande determinato a mantenere la sua libertà, e un’ingiustizia che nessuno dei due può permettere che prosegua.
Lyall sta fallendo miseramente nell’essere un alfa – si rivela esserlo, ma è ancora troppo magro e troppo basso, e talmente poco aggressivo da non poter evitare che i membri del suo branco gli ricordassero continuamente che assomiglia molto a un omega. Lo hanno convinto che non varrà mai niente.
Tristan non vuole un alfa: vuole dare agli altri omega quell’occasione di libertà che si è ritagliato anche per sé stesso. Ha trovato sufficienti scappatoie per restare non-legato e libero di farlo, ma è ancora solo una singola persona e c’è molta gente che ha bisogno di seguire il suo insegnamento. Quando conosce Lyall, si rende conto che il giovane alfa sarebbe un assistente ideale.
Il loro incontro è breve ma la loro connessione è innegabile, e mentre lavorano insieme con un oceano a separarli, diventa difficile negare che le loro vite siano cambiate per sempre…
Un racconto di crescita, una storia d’amore tra un giovane alfa e un omega più grande che gli insegna a credere in sé stesso e nel frattempo impara a credere in entrambi.

Evelyne2

Avevo letto il primo volume della serie e non mi era piaciuto molto. Ho voluto tentare con la storia di Lyall e Tristan perché volevo sapere come si fossero conosciuti i due lupi.
Chi conosce Abel e Deryn sa già quale sia la dinamica tra il dottore e il suo compagno. Questa è stata una scelta che non ho apprezzato per nulla. Leggere il primo volume ha significato leggere l’evoluzione di Tristan prima ancora di conoscerlo. Questo ha comportato una dinamica diversa, alcune informazioni già date e un’interesse diverso da parte del lettore. Mi è dispiaciuto non scoprire molti dei dettagli insieme a loro, perché Lyall e Tristan sono di gran lunga meglio caratterizzati e strutturati.
La dinamica tra loro è sicuramente unica: un Alpha insicuro e un omega dominante. Un’accoppiata che lascia anni luce dietro di sé Abel e Deryn.

“E con quello si chinò e prese la bocca di Lyall con la propria, umida e profonda, perché l’alfa si aprì subito per lui, un riflesso nato dalla pratica e coltivato volentieri.”

È stato bello poter conoscere il dottore, il suo personaggio è completo e interessante, originale in ogni sfumatura.
Lyall è un giovane lupo, diverso da tutti i personaggi che abbiamo conosciuto finora, forse anche più di Tristan. Il suo branco ha un ruolo importante nella sua scelta e vederlo crescere al fianco di Tristan è stato bello.
La storia poteva avere una struttura migliore, in particolare per quanto riguarda il legame tra Tristan e Abel. Vengono mostrarti i genitori, ma non i migliori amici. Abel cerca in ogni modo di differenziarsi, ma non riesce a emergere. Mi sarebbe piaciuto vedere quel lato di Tristan che ha fatto innamorare il suo amico tanti anni prima.
Se avete letto il primo, questo secondo volume vale sicuramente la pena di essere letto.

4
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Un Omega in missione” – N. J. Lysk

Titolo: Un Omega in missione
Autore: N. J. Lysk
Genere: Paranormal, Mutaforma
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Un Omega in missione

SINOSSI

Gli omega si prendono cura degli altri, non sono combattenti, e Gabi è felice di prendersi cura del suo alfa. Ma quando si imbatte in un animale in pericolo, il suo istinto protettivo prende il sopravvento. E nessuno vuole ostacolare un omega in missione.

Questa è l’avventura di un omega lupo mannaro che gioca a fare l’eroe riluttante e dell’alfa che lo ama.

Slanif2

Gabriel detto Gabi è un Omega diciannovenne che ha trovato in Liam il suo Alfa.
I due, benché si amino molto, hanno deciso di aspettare almeno il compimento dei vent’anni di Gabi prima di stringere il legame e mettere su famiglia, quindi al momento devono trattenersi, seppure la cosa risulti abbastanza difficile, visto che sembrano gravitare l’uno verso l’altro come magneti (non a caso le scene di sesso presenti sono molto hot).
La loro vita scorre tranquilla, seppur quella di Gabi un po’ piatta, in quanto al momento a causa del lavoro di Liam vivono lontani dal resto del Branco e Gabi è solo tutto il giorno. La noia regna sovrana quando Liam non è in casa, perciò c’è da stupirsi che Gabi si focalizzerà a risolvere il perché un grosso furgone bianco stava scaricando animali a rischio di estinzione in un vicolo malfamato di Londra? Chiaro che no, ecco perché poi le cose si complicano…
Ennesimo libro che leggo di questa autrice, seppur le pagine siano poche (una settantina in totale, ma forse una sessantina contando solo il racconto di per sé, perché il resto è pubblicità di altri lavori di N. J. Lysk), ho trovato un stile migliore rispetto ai precedenti, più affinato e fluido, che mi ha permesso di leggere velocemente questa novella senza interrompermi.
L’unica mia perplessità è la presenza di questa parte di storia “gialla”, che però è abbastanza debole e si risolve in una pagina in totale. Onestamente avrei preferito che l’autrice ci mostrasse la storia di Gabi e Liam e di come evolve fino a stringere il legame (cosa che qui non avviene), piuttosto che concentrarsi su una cosa che non ha abbastanza mordente da risultare intrigante.
Nell’insieme, comunque, è un libro in pieno stile N. J. Lysk, perciò se amate questa autrice, non potete di sicuro farvelo scappare!

3.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Not Gentlemen” – N. Y. Lysk

Titolo: Not Gentlemen
Autore: N. Y. Lysk
Genere: BDSM, Erotico, Kink, Omegaverse
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Not Gentlemen

SINOSSI

Due alfa (sportivi, bulli, bloccati nel ritiro post-stagionale) a cui piace il bondage improvvisato, tappare la bocca mentre scopano, molto eccitati da atti non consensuali, amano darsi man forte.

Avvertenze: consenso negato, il consenso viene negoziato e poi ignorato, bondage, bavaglio, lingerie.

Slanif2

Inizio questa recensione dicendo subito che il consenso all’atto sessuale non è davvero presente, in quanto uno dei due si ritrova costretto dall’altro e sì, alla fine può anche piacergli, ma non è iniziata perché lo voleva. Ci tengo a specificarlo perché è un argomento che a me sta molto a cuore e che, quando so che manca, tendo a evitare certi racconti come la peste. Qui era specificato che non fosse propriamente chiaro tra i due questo specifico punto, quindi ero consapevole di cosa andassi a leggere, ma preferisco comunque essere chiara per i lettori che, come me, hanno difficoltà con questo argomento. Per tutti gli altri, buona lettura!
Cominciando a parlare strettamente del testo in questione, ci troviamo davanti a un racconto di pochissime pagine (forse una ventina? Credo anche meno) che ci accenna la storia di Chalent e Yan, due compagni di squadra nell’hockey che hanno fatto una scommessa e che si ritrovano, entrambi Alpha, ad avere un rapporto sessuale.
La scena erotica è abbastanza soft, in realtà, considerando gli standard di questa autrice (che se anche stavolta si firma N. Y. Lysk, è in realtà N. J. Lysk, che già abbiamo avuto ampiamente modo di conoscere con altre opere), il vero problema di questo racconto è che non è per nulla contestualizzato. “Parliamo di due ragazzi che fanno sesso!”, direte voi. E avete ragione, davvero, ma se nel testo si accenna a una scommessa… Da cosa è partita? E perché tra questi due c’è tutta questa rivalità? Cosa spinge Yan a desiderare Chalent a quel modo, se gli Alpha non fanno sesso con altri Alpha? Ci sono briciole di pane qua e là, ma nessuna è approfondita, e questo è un peccato, perché se ampliato di qualche decina di pagine poteva essere un racconto che risultava più completo e piacevole, invece che far sentire il lettore un po’ confuso, alla fine, di quel che è successo. Non per la dinamica in sé, ripeto (quella è abbastanza semplice), quanto proprio i motivi che li hanno condotti lì e perché ci sia proprio questo scopo tra due Alpha che (in questo caso è ben specificato) non succede mai che vadano a letto con altri che non sono Beta od Omega.
Insomma, un racconto da leggere senza grandi pretese, ma che poteva essere migliore con solo qualche piccolo accorgimento e una contestualizzazione migliore.

3
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Una luce nella tempesta” – N. J. Lysk

Titolo: Una luce nella tempesta
Autore: N. J. Lysk
Genere: Paranormal, Mutaforma, Incesto, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Una luce nella tempesta

SINOSSI

Soli e intrappolati da una pericolosa tempesta artica, due giovani uomini non hanno altra scelta che affrontare i sentimenti che provano l’uno per l’altro.

Sono sempre stati Kotzebue e Selawik contro il mondo. Beh, non il mondo, ma gli anziani conservatori del loro branco e la natura incontaminata dell’Artico.
Per sei mesi suo amico non gli ha detto una sola parola, non da quando la stupidità di Kotze gli è quasi costata la vita. Cercare di domare il proprio lato selvaggio con le faccende del branco gli sembra il minimo per fare ammenda, ma quando gli anziani rifiutano la sua richiesta di unirsi all’annuale caccia alle balene, Kotze ne ha abbastanza.
Quando va nella foresta vuole solo allontanarsi da tutti loro per un po’.
Per Selawik, mantenere le distanze dal suo impulsivo amico più giovane è tanto necessario quanto doloroso. Ma quando Kotze lascia il loro territorio alla vigilia della prima grande tempesta di quell’inverno, la determinazione di Selawik si spezza e lo segue.
Il loro incontro nel duro isolamento dell’inverno potrebbe essere più caldo di quanto si aspettassero, e nell’occhio oscuro della tempesta potrebbero finalmente vedere la luce.

“Una luce nella Tempesta” è un breve romanzo omegaverse su due amici costretti ad affrontare i loro segreti.

Slanif2

Questa brevissima novella (poco più di ottanta pagine, anche se penso siano diverse in meno visto che c’è un primo capitolo di un’altra opera e svariate altre pagine di informazione alla fine) ci racconta la storia di Kotzebue e Selawik.
I due sono amici da sempre, soprattutto perché in realtà sono cugini; e nemmeno la differenza d’età è riuscita a scalfire il loro legame. Tantomeno le grandi differenze caratteriali, che portano Kotze ad essere irruento e combina guai e Sel più calmo e riflessivo.
Il primo, più giovane, è un Beta. Il secondo, più vecchio, è un Omega.
Complice una tormenta di neve che li terrà bloccati in una caverna, i contorni sfumati della loro amicizia si faranno sempre meno definiti, fino a portarli l’uno tra le braccia dell’altro e ad ammettere i loro sentimenti.
C’è solo un problema: Beta e Omega non hanno mai relazioni a lungo termine… Come faranno a dimostrare che il loro è un sentimento vero e duraturo?
Racconto, come dicevo, molto breve, devo dire che l’ho comunque trovato piacevole. Certo, avrei voluto un approfondimento maggiore nel finale per capire bene come andranno avanti le cose e se verranno accettati come coppia, ma nel complesso devo dire che l’ho trovata una lettura scorrevole e ideale se si vuol leggere qualcosa di non troppo corposo o impegnativo.
Ho trovato anche leggibile il discorso dell’incesto (essendo loro cugini), argomento che di solito rifuggo come la peste, quindi un punto a favore della storia.
Le caratterizzazioni sono ben fatte e, anche se diversi, entrambi i protagonisti sanno farsi apprezzare.
Una storia che, come dicevo, forse meritava qualcosina di più, ma che nel complesso non posso che promuovere.

4
Pubblicato in: dietro le quinte con..., recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima di “Cuori di Carta” + intervista all’autric* N. J. Lysk e alla traduttrice Maria Vitrano

Come si evince già dal titolo, il post di oggi sarà un po’ diverso dal solito in quanto vedrà non solo la recensione di “Cuori di Carta“, l’ultimo libro che N. J. Lysk ha fatto tradurre in italiano per noi lettori dello Stivale, ma anche un’intervista all’autric* stess* e alla traduttrice, Maria Vitrano, che hanno risposto ad alcune nostre domande raccontandoci alcuni “Dietro le quinte” di questo libro, ma in generale del loro percorso e del loro lavoro.
Buona lettura!

RECENSIONE

Titolo: Cuori di carta
Autore: N. J. Lysk
Serie: Percorsi inconsueti #1
Genere: Paranormal, Mutaforma, Gap Generazionale, Mpreg, Transgender, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Cuori di Carta

SINOSSI

Un lupo mannaro alfa. Un umano. Un’intera settimana di celebrazioni di San Valentino.

La vita di Abel non sta andando secondo i piani. Subito dopo aver terminato gli studi, ha trovato un omega di cui si è innamorato e hanno avuto una bambina insieme. Ora quell’omega si è appena accoppiato con qualcun altro.
Abel è determinato a godersi di più il tempo con la figlia e a essere felice per il suo ex, ma ha ancora troppo tempo libero, così quando la scuola di Eve organizza un’intera settimana di celebrazioni di San Valentino, si confronta con l’insegnante che se ne occupa.
Se c’è una cosa che Deryn sapeva di volere, era insegnare, ma il lavoro vero e proprio richiede lunghe ore e molte decisioni prese rapidamente. Inoltre, nella sua cittadina natale in Galles, non ci sono molte possibilità di socializzare per un gay che non vuole un incontro anonimo da dimenticare in fretta.
Incontrare l’uomo dei suoi sogni nella propria classe sembra troppo bello per essere vero, e infatti, naturalmente, viene fuori che Abel è il genitore di uno dei suoi studenti.

Slanif2

Abel è un Mutaforma che sta avendo qualche problema a far andare la sua vita come vuole.
Dopo che da ragazzo si è innamorato di un Omega, Tristan, e con lui ha messo al mondo una figlia, Eve, il loro amore è finito e adesso Tristan è innamorato di qualcun altro.
Abel è felice per lui, davvero. Non è più innamorato di Tristan, benché nutra per lui un enorme affetto e abbiano la custodia congiunta della figlia, che vive con loro, ma ciò non toglie che si senta solo e che vedere l’altro così felice lo faccia un po’ soffrire.
Di sicuro non pensava che un Umano, un certo Deryn, oltretutto insegnante di Eve, possa dargli tutto quello che stava cercando e che nemmeno aveva immaginato.
Le cose tra loro iniziano in maniera curiosa, perché Abel si ritrova a criticare (seppur non troppo esplicitamente o con durezza) l’idea di Deryn di dedicare un’intera settimana scolastica alla festa di San Valentino.
Deryn è consapevole che quella sua idea potrebbe incorrere in qualche rimprovero, ma è anche convinto che possa essere utile, quindi perché no? Abel sarà anche un uomo molto sexy, ma è il papà di una sua alunna, quindi off-limits. O no?
Nuovo romanzo di N. J. Lysk tradotto in italiano, stavolta ci discostiamo dalla sua serie più conosciuta e ci addentriamo nel mondo di Abel e Deryn (con annessi personaggi di contorno, che di sicuro non mancano di far sentire la loro presenza), che all’apparenza sembra più semplice ma che al contempo racchiude sfumature importanti e condizioni che entrambi, seppur in modo diverso, devono affrontare e confidare, con la paura di non essere accettati.
Non voglio entrare troppo nei dettagli per non spoilerare cose che magari non volete sapere prima di leggere, ma sappiate che anche stavolta l’autrice sa sorprendere noi lettori con tematiche insolite e personaggi particolari, come è suo stile e consuetudine.
Una storia d’amore dolce perfetta per il periodo di festa in cui è ambientata, ma anche piccante come N. J. Lysk ci ha abituate.
Un romanzo che consiglio se volete una storia diversa dal solito.

4

Adesso vi lascio all’intervista, che di sicuro vi regalerà molte curiosità interessanti!


INTERVISTA

Buongiorno Mx. Lysk e Mrs. Vitrano. Grazie per essere qui con noi oggi!

  1. Partiamo con la prima domanda. Mx. Lysk: quando ha cominciato a scrivere? Mrs. Vitrano: quando ha cominciato a tradurre libri? Raccontateci il percorso che vi ha condott* a questo punto e presentatevi ai nostri lettori! 

Mrs. Vitrano: Sono decisamente una “novellina”, mi sono approcciata al mondo delle traduzioni all’inizio del 2021. Ho sempre avuto la passione per la lingua inglese e l’ho sempre studiata, sia seguendo un percorso di studi, che purtroppo non ho potuto terminare, che facendo dei corsi e tenendomi aggiornata con film, lettura, e canzoni. Ho sempre amato leggere, e dopo essermi appassionata al mondo MM e all’universo LGBTQ+ mi sono detta: “Perché no? Proviamo a scrivere agli autori che mi piacciono e che non sono ancora stati tradotti in italiano, e vediamo che succede!” Credo di aver mandato almeno una cinquantina di email proponendo il mio lavoro, e finalmente, a febbraio ho iniziato a ottenere qualche risposta. Attualmente sono arrivata a collaborare con sei autori che scrivono della comunità o ne fanno parte, ho tradotto 12 libri e ne ho altri in agenda.

Mx Lysk: Io sempre ho scritto, ma non ho finito niente fino al 2009 e non ho pubblicato nulla fino al 2014! Quindi possiamo dire che è stato un periodo di pratica abbastanza lungo. Alcune cose le scrivo da quando ero giovane, come i gemelli! Ma in realtà sono sempre stata nel Team Vampire perché amavo Anne Rice (che angoscia e che dramma!) quindi è stata una sorpresa per me innamorarmi dei lupi mannari e iniziare a scrivere di loro. Ma chi può resistere alla Luna? ;p
Ora sto pensando che voglio scrivere di streghe e di magia astrologica collegata agli elementi.

  1. Mx. Lysk e Mrs. Vitrano: quando avete cominciato a collaborare e come organizzate solitamente il Vostro lavoro?

Mx Lysk: Abbiamo cominciato a collaborare da meno di due mesi! Ma c’è stata una connessione davvero istantanea. Un fan italiano ha letto i sample di tutti i traduttori che ho intervistato per il lavoro e ha decisamente preferito quello di Mary. Adesso ho parlato con lei (un po’ in inglese, un po’ in italiano) del mio piano di collaborare (in questo caso, io leggo la traduzione e le do la mia opinione, questionando scelte di vocabolario, a volte anche troppo, ma Mary è super paziente con me e m’insegna molto 🙂 In termini di logistica, Mary mette la traduzione su Gdocs dove io e il lettore beta possiamo fare commenti 🙂

Mrs. Vitrano: Per me è stato un vero onore essere contattata da N.J., è stata la prima volta che un autore ha richiesto la mia collaborazione e non il contrario, per cui ero molto gasata. Lavorare con lei è molto semplice perché è una persona davvero disponibile, disposta a chiedere quando ha qualche dubbio e ad ascoltare le motivazioni di una determinata scelta, sia grammaticale che lessicale o altro. Ha una mente molto acuta e pragmatica che permette di vedere le cose da un punto di vista a cui magari, presa dal processo di traduzione, inizialmente non avevo pensato.
E’ stata lei a proporre di utilizzare Gdoc e devo dire che mi trovo benissimo. Ogni dubbio viene espresso e chiarito in tempi brevi e ciò permette di essere sempre al passo con le scadenze.

  1. Mx. Lysk: l*i è molto appassionat* del tema Omegaverse. Ci può raccontare com’è nato questo interesse e da dove vengono tutte le idee? Come avranno notato i Suoi lettori, sa creare personaggi, tematiche ed eventi davvero particolari.

Mx Lysk: La cosa interessante è che dieci anni fa io dicevo che l’mpreg non mi piaceva affatto! Prima ho cominciato a leggere fanfiction M/M (Harry Potter, Stargate Atlantis, Supernatural e una dozzina d’altri) e in quel momento ho trovato l’omegaverse e non so bene come mi ha catturato il cuore. Il conflitto sociale, il calore, l’eterna domanda su chi è una persona, quello che pensa o le sensazioni che gli manda il corpo? Quello che la società si aspetta o qualcosa di diverso che solo lui/lei può trovare?
Molte delle mie idee sono fantasie sessuali (“Omega al Chiaro di Luna“, “Un Omega per  il Branco
[nei link trovate le nostre recensioni. n.d.r.]), ma una volte ‘attivate’ tendono a sorgere domande più profonde riguardo alle relazioni interpersonali e intrapersonali. Questi eventi a volte ‘estremi’ mi permettono esplorare la natura umana.

  1. Mrs. Vitrano: quando Le viene proposto un testo da tradurre, su cosa basa la scelta di fare o meno il lavoro? È selettiva rispetto al tema e/o all’autrice, o tiene conto di altri particolari? 

Mrs. Vitrano: Devo dire che sono fortunatissima, essendo specializzata nel tradurre romanzi ambientati nel mondo LGBTQ+, che amo e adoro al punto da non leggere quasi più MF a meno che l’autore non sia uno dei miei preferiti, non mi sono mai trovata nella posizione di rifiutare un testo. Esiste qualcosa che non tradurrei mai? Sinceramente, non credo. E’ normale che da lettrice amante del genere ho le mie preferenze, ma credo che il lavoro è lavoro e vada rispettato indipendentemente dai gusti personali. Mi sono trovata a tradurre sottogeneri che non avevo mai letto e ad amarli; ad esempio, non avrei mai pensato di tradurre “l’omegaverse” eppure è stato il primo sottogenere che mi è stato affidato. Ci tengo a sottolineare che gli autori con cui collaboro sono indipendenti, quindi cerchiamo sempre di venirci incontro sia a livello di tempi di consegna che di costi che di ogni altra esigenza l’uno o l’altra possano avere.

  1. Mx. Lysk e Mrs. Vitrano: come si svolge una Vostra giornata tipo? Raccontatecela!  

Mrs. Vitrano: Essendo “mamma” di un cane e un gatto, non mi sveglio quasi mai dopo le otto: i pelosetti hanno le loro esigenze 🙂 Ho anche un lavoro part-time che mi occupa metà della giornata, pertanto, il resto del tempo è dedicato alle traduzioni. Generalmente lavoro su più progetti contemporaneamente, per cui le ore dedicate alla scrittura le gestisco principalmente in base alle scadenze, ma in linea di massima lavoro su un paio di capitoli al giorno per ogni romanzo. Tra le 19 e le 19.30 termina la mia giornata lavorativa e quello è il tempo riservato alla mia famiglia. Preparo la cena, do da mangiare agli animali, sto un po’ con mio marito, e quando dormono tutti mi dedico alla lettura, per piacere questa volta.

Mx Lysk: Sono una nottambula, quindi tendo a svegliarmi intorno alle 10 del mattino, fare colazione, scrivere nel mio giornale, pulire un po’ tutto e dopo cerco di fare editing, che è la parte più difficile della scrittura per me. Quando scrivo un libro, mi piace sfidare me stessa a scrivere ogni giorno senza fermarmi. Una volta ho scritto ogni giorno per 465 giorni! Faccio una pausa per il pranzo alle 1-2 del pomeriggio, poi dipende dai giorni e dalle settimane. Attualmente prendo lezioni di canto, faccio pole dance e aerial yoga, d’estate mi piace anche andare sui rollerblade in giro per Londra. E leggo, ovvio! Principalmente in inglese ma a volte anche in italiano, spagnolo o francese.

  1. Mx. Lysk: visto che l’intervista è legata alla recensione di “Cuori di carta”, può raccontarci come ha avuto l’idea della storia e se si è ispirat* a qualcosa in particolare?

Mx Lysk: Dopo aver scritto “Un Omega Inaspettato“, mi è venuta l’idea di scrivere un romanzo per Abel, che è l’ex fidanzato dell’omega protagonista di quella storia. Per molto tempo, Abel e Tristan hanno avuto una relazione di amici con benefici per aiutare Tristan con i suoi calori… Ma quando Tristan trova l’amore, quella si interrompe e Abel si trova solo per la prima volta in più di un decennio. E dove può trovare l’amore un alfa con una figlia alle medie? Alla scuola stessa! Ed ecco Deryn che ritagliava cuori di carta ed era pronto a difendere San Valentino! Il resto è… “Cuori di Carta“. ;p

  1. Mrs. Vitrano: sempre parlando di “Cuori di carta”; come si è approcciata alla traduzione? Ha riscontrato qualche difficoltà?

Mrs. Vitrano: Tradurre “Cuori” non è stato affatto difficile, avevo già tradotto il mondo A/B/O [Alfa/Beta/Omega n.d.r.] e torno sempre volentieri dai mutaforma. Lavorare con N.J. è molto stimolante. E’ una persona molto disponibile, aperta al confronto e ai suggerimenti. Abbiamo riso insieme, per esempio quando ho frainteso “Chess” come una parolaccia inventata, quando era semplicemente il club di scacchi… quanto è strana la mente umana; ma abbiamo anche affrontato argomenti più seri, [SPOILER DI UN ARGOMENTO IMPORTANTE NEL LIBRO] ad esempio abbiamo discusso molto riguardo a un personaggio trans e alla sua anatomia successiva al processo di transizione puramente ormonale. [FINE SPOILER]
Quando hai dall’altra parte una persona comprensiva e disposta a spiegare i motivi di una scelta effettuata, raramente si riscontrano difficoltà.

  1. Mx Lysk: quando crea un personaggio, si ispira a qualcuno che conosce o sono tutti basati solo sulla sua fantasia?

Mx Lysk: Tutti i miei personaggi sono basati… su di me! Normalmente si presentano una volta la storia è iniziata. Per me scrivere sempre è un po’ come una terapia, nel senso che posso esplorare qualsiasi cosa stia accadendo nella mia vita, o guardare indietro alla mia vita e alle mie relazioni. A volte lo faccio solo per le parti sexy, naturalmente ;p

Concludiamo l’intervista ringraziando Mx. Lysk e Mrs. Vitrano per il loro tempo. Siete stat* carinissim* e i nostri lettori saranno molto felici di scoprire così tanti retroscena del Vostro lavoro!


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “L’amato dal Branco” – N. J. Lysk

Titolo: L’amato dal Branco
Autore: N. J. Lysk
Serie: Le Stelle del Branco #5
Genere: Mutaforma, Mpreg, Multipartner, Paranormal
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: L’amato dal Branco

SINOSSI

Un omega è essenziale per il suo branco.
Ma un omega è solo un uomo.
E un uomo ha bisogno di essere amato.
Si può concedere il corpo ma non il cuore?

Roy ne ha passate tante da quando ha formato un branco con i suoi cinque alpha. Però ora ha dei beta propri che li supportano nella cura dei figli, una casa fatta e finita, e ha perfino iniziato a dipingere di nuovo.
Eppure il passato non scompare facilmente, e Ray sta affrontando le conseguenze di un trauma orrendo. Per fortuna ha i suoi compagni alpha al suo fianco, a ogni passo di questo processo. Specialmente il suo migliore amico d’infanzia, Josh.
Ma Ray vuole altro da lui, oltre che supporto incondizionato e devozione impareggiabile; vuole che Josh lo ami.
Non come un alpha ama un omega, ma come un uomo ama un altro uomo.
Per Josh, non c’è niente di peggio che vedere Ray soffrire e lo ha visto fin troppo spesso per dimenticarselo in fretta, ma riuscirà a scorgere il ragazzo che ama, sotto le cicatrici che gli ha lasciato il mondo?
Se Ray sarà abbastanza forte da chiedere aiuto e Josh potrà credere in lui, sarà possibile un brillante futuro per il branco… non importa quanto siano vivi gli spettri del passato.

Evelyne2

L’amato del branco“, ultimo volume della serie “Le stelle del branco“, ci mostra l’evoluzione delle tre coppie che sono state le protagoniste di questi sei libri.
I protagonisti, Ray e Josh, si raccontano con chiarezza, dando al lettore nuovi spunti sulla loro coppia e sul passato che li ha da sempre legati e uniti.
Sergei e Iesu, Alec e Gabriel sono sempre presenti, aiutano il loro omega e lo supportano. Ho visto un miglioramento nella presentazione degli Alpha, che finalmente si mostrano in tutta la loro bellezza.

“Amare era l’atto di credere che un’altra persona potesse vedere chi eri davvero e accettarlo. Non c’era modo di correre quel tipo di rischio senza stare un minimo a disagio. Non avrebbe avuto senso. E senza quel rischio folle, non ci sarebbe nemmeno stato l’amore.”

Se penso a tutti i miei dubbi sul primo volume e su tutto ciò che era stato affrontato, ora vedo quanto l’autrice sia migliorata e sia riuscita a mostrarlo attraverso la caratterizzazione dei suoi personaggi. Chi ha letto l’intera serie non può certo dimenticare tutti i temi complessi che sono stati affrontati: stupro, violenza, gravidanza indesiderata… La sofferenza ha fatto da padrone per molto tempo nella vita di Ray, tanto da sembrare eccessiva e fin troppo predominante anche su tutto ciò che la circondava. Arrivata ora a questo punto, continuo a essere dell’idea che ciò sia stato forzato non poco, nascondendo invece la vera bellezza di questa serie, che dopo sei libri è finalmente riuscita a soddisfarmi.
Le riflessioni dei personaggi risultano ancora un po’ ripetitive, raccontano eventi e dettagli che conosciamo già o che era semplice immaginare considerando gli eventi accaduti e spiegati con precisione.
È stato ironico vedere con quanta lentezza e tranquillità sia stata narrata questa storia se la mettiamo a confronto con l’inizio. Due opposti in ogni dettaglio, che mostrano la diversità e lo sviluppo dei sei protagonisti, ma che non creano un equilibrio necessario per godersi sempre la lettura.
Tra tutti questo è sicuramente uno di quelli che mi è piaciuto di più. Ha qualche pecca, ma mostra una conclusione e un quadro di gran lunga migliore. Ho potuto apprezzare le potenzialità di una storia che mi aveva messa spesso in difficoltà e non possono esserne più felice.
Se avete iniziato la lettura dei primi, non fermatevi. Vale la pena arrivare alla fine e godersi queste tre coppie, ben equilibrate e perfette nella loro diversità.

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Omega al chiaro di luna” – N. J. Lysk

Titolo: Omega al chiaro di luna
Autore: N. J. Lysk
Genere: Mutaforma, Threesome, Paranormal
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Omega al chiaro di luna

SINOSSI

La scuola è finita. Per sempre. E Cole è pronto a iniziare la vita reale. Il suo apprendistato come meccanico gli garantisce soldi a sufficienza per un piccolo appartamento in città, vicino al suo branco ma non troppo. E chissà cos’altro potrebbe fare, ora che è libero.Ma per cominciare, ha in programma una gita nei boschi con i suoi migliori amici, TJ e Ari. TJ è suo amico da prima dell’inizio della scuola ed è bravo a tirarsi fuori dai guai tanto quanto a infilarcisi. Ari è arrivato dopo, ma Cole non riesce nemmeno a immaginare la propria vita senza la sua acuta intelligenza e i suoi dolci sorrisi.Per uno a cui piacciono i ragazzi, TJ e Ari sono il meglio che si possa desiderare per rifarsi gli occhi, ma Cole vuole tenere la cosa per sé. Hanno della carne da grigliare, qualche birra e tre notti per dire addio alla loro infanzia.Tutto va a gonfie vele finché Cole non inizia a sentirsi strano. Nel giro di poche ore, tutta la sua vita viene sconvolta: è un omega, è in calore, è da solo nel bosco con due alpha… e succede l’inevitabile.Non si può tornare indietro da quella notte, e Cole non è sicuro che la loro amicizia possa sopravvivere a ciò che hanno condiviso, ma una cosa è certa: un omega non può sottrarsi al proprio destino.

Evelyne2

Ho letto tutte le uscite di N. J. Lysk e “Omega al chiaro di luna” è l’ultima che ancora non conoscevo. Credo che questa storia racchiuda in qualche modo tutte le sue precedenti opere, dove al centro troviamo l’omegaverse e Alpha e Omega alle prese con il calore.
La storia è introdotta perfettamente dalla sinossi, per cui quando iniziamo la lettura sappiamo già cosa ci troveremo davanti. Le scene di sesso sono il punto forte dell’intero racconto: passionali, istintive e ben descritte. Mi è piaciuta l’idea di unire tre amici molto diversi tra loro e vederli alle prese con i loro sentimenti e l’istinto, che li fa agire in maniera sconsiderata.
Mi è piaciuta la caratterizzazione dei tre protagonisti, anche se l’avrei preferita più incisiva e chiara. Credo che questa storia avesse del potenziale, che però non è stato mostrato appieno.
Peccato per la forma, perché la storia in sé non è affatto male, specialmente se si vuole passare qualche ora in relax e non si cerca una lettura troppo pretenziosa. Purtroppo ci sono numerosi errori e ci sarebbe bisogno di una rilettura da parte di chi si è occupato della traduzione o dell’editing.
Nel complesso mi è piaciuto, seppur con i suoi difetti, ma spero in un miglioramento dal punto di vista stilistico, perché ritengo che le sue storie non rendano al meglio per colpa della forma italiana. Il che è un vero peccato e non permette a noi lettori di goderci davvero i suoi scritti.

3

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Un legame indistruttibile” – N. J. Lysk

Titolo: Un legame indistruttibile
Autore: N. J. Lysk
Genere: F/F, Mutaforma
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,69€
Link all’acquisto: Un legame indistruttibile

SINOSSI

Quando Lia si manifesta come un’omega, sa che il suo destino è segnato. Ma se c’è una persona su cui può contare è la sua migliore amica… che si dà il caso sia un’alfa.
Amira farebbe qualsiasi cosa per proteggere la sua migliore amica, ma Lia è innamorata di lei da anni e indipendentemente da ciò che la sua lupa vuole, il suo cuore non può prendere quello che non le viene dato spontaneamente.
Amira può davvero darle ciò di cui ha bisogno? E se lo facesse, dovrebbe rinunciare ai propri sogni?

Slanif2

Romanzo di poco meno di sessanta pagine, ci regala la storia tra Amira e Lia, due amiche da tempo che però si trovano improvvisamente agli opposti della gerarchia Lupina. Amira, infatti, è un’Alpha, mentre Lia si è appena scoperta Omega. Nonostante l’amicizia di lungo corso, questa nuova realtà incide per forza di cose sulla loro relazione, e ad aggiungere il danno alla beffa ci pensano i genitori di Lia, che vogliono che la ragazza trovi un compagno Alpha in tempi brevi per l’accoppiamento e la gestione dei calori.
Riusciranno queste due giovani donne a sbrogliare l’intricata matassa dei loro sentimenti e ad aiutarsi l’un l’altra per più che spirito d’amicizia?
Sono molto contenta di aver potuto leggere un altro racconto F/F, perché nonostante faccia sempre parte dello spettro LGBTQ+, è piuttosto snobbato dai lettori che di solito apprezzano l’M/M, quindi se ne vedono pochissimi in giro.
Quando N. J. Lysk mi ha proposto di leggere questo breve racconto, sono subito stata entusiasta di dire di sì, proprio con la speranza di dare maggior risalto anche a questo filone di letture che meritano senza dubbio una loro considerazione e una loro fetta di pubblico adorante.
E ho fatto bene, perché mi è piaciuto. Certo, magari ampliato sarebbe stato ancora più calzante, ma devo dire che nell’insieme l’ho trovata una bella storia, piacevole, che tratta sia la scoperta di un amore, ma anche un altro argomento poco affrontato: l’asessualità.
È stato molto dolce vedere come Lia e Amira interagiscono a riguardo e complessivamente l’ho trovata una lettura davvero graziosa.
Perciò, se siete curiose di leggere un racconto F/F e farvi un’idea a riguardo, questa è la scusa giusta per cominciare a “masticare” l’argomento!

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice