Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Punto di rottura” – N. R. Walker

Titolo: Punto di rottura
Autore: N. R. Walker
Serie: Turning Point #2
Genere: Contemporaneo, Sportivo, Poliziesco
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Punto di rottura

SINOSSI

Una lotta per ciò che è giusto si trasforma in una lotta per la vita.

Mentre il senso di colpa lo tormenta, il mondo di Matthew Elliott inizia ad andare fuori controllo. Più lui cerca di tenere duro, più tutto gli scivola via tra le dita, senza che riesca a impedirlo.
Dopo essersi introdotto nell’ambiente dei combattimenti clandestini nelle gabbie, Matt inizia a lottare per ciò che è giusto. Più ne resta coinvolto, più il senso di colpa lo consuma – più dolore si fa infliggere per espiare la sua colpa – e presto si ritrova a combattere per qualcosa di più della giustizia.
Lotta per amore.
Lotta per la sua vita.

Slanif2

Avevamo lasciato Matthew Elliott (detective della Narcotici del Dipartimento di Polizia di Los Angeles) e Kira Takeo Franco (istruttore nella palestra di suddetto Dipartimento) a iniziare la loro convivenza nella casa di Matt dopo che Kira era riuscito a scampare al sequestro da parte del pericoloso e senza scrupoli malvivente Tomic, e Matt aveva avuto un coming out forzato al lavoro proprio a causa di questi eventi.
È passato un anno, da allora, e i nostri due protagonisti vivono felici. Almeno fino a quando Matt non rasenta le dimissioni pubbliche dalla Polizia di Los Angeles per darsi ai combattimenti di lotta libera.
Anche se ha giustificato la sua decisione come quella di non essere più desideroso di fare il poliziotto, Kira continua a non crederci e pensa che Matt abbia qualcosa da nascondere.
E fa bene.
Matt ha molte cose da nascondere. Cose che lo corrodono dentro e che lo cambiano, così come cambiano la sua vita.
Riuscirà Matt a venirne fuori a testa alta e a sconfiggere i suoi demoni prima che questi distruggano lui?
Riuscirà Kira a venire incontro a Matt e ad accettare questo nuovo uomo che ha di fronte, che pare essere così lontano dall’uomo di cui si è innamorato tanti mesi prima?
E riusciranno a salvare la loro storia e ad avere il loro lieto fine, o il peso delle bugie sarà tale da distruggere quel futuro che avevano sognato insieme?

Kira aveva sempre pensato che era come se mi fossi allontanato da solo il giorno che avevo lasciato la polizia, e forse, con quella serata, voleva mostrarmi che non dovevo combattere contro il mondo tutto da solo.

Punto di rottura” non poteva avere titolo migliore, secondo me. È proprio il libro dove Matt “si perde”. Perde la sua identità di poliziotto, ma anche quella umana. Perde la gentilezza e diventa rancoroso, affibbiandosi colpe che non ha e sfogando con la fisicità una frustrazione interiore che lo sta dilaniando dentro.
Si rompe nel vero senso della parola, sia fisicamente che emotivamente.
Matt è a dir poco distrutto. È un uomo a pezzi che deve riprendersi, e non ce la sta facendo. Uniteci il fatto che ha un segreto da mantenere e non riesce a parlarne con Kira… Ed ecco che succede il disastro.
Kira, dal canto suo, non sa che pesci pigliare. Vuole aiutare Matt, lo ama e vuole stargli vicino, ma l’altro non sembra davvero intenzionato a fidarsi di lui su questo, quindi come riuscirci? Il fatto che sia triste e frustrato è scontato, e per quanto sia un uomo paziente, quanto a lungo potrà sopportare di non sapere?
Accompagniamo letteralmente Kira e Matt durante tutto il loro travaglio, e anche se ci sono state cose che non mi hanno convinta al cento per cento (e che all’inizio mi avevano fatta scoraggiare circa la lettura, perché mi sembravano poco coerenti), andando avanti e soprattutto verso il finale mi hanno convinta di più, trovandole più “aggiustate” e amalgamate alla storia e alla trama di base; quindi nell’insieme l’ho apprezzato.
Mi è piaciuto come metta alla prova il rapporto tra Matt e Kira, facendoli maturare come individui e come coppia. Nonostante non riescano a capirsi, ci sono sempre l’uno per l’altro, e questo è molto bello.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Annunci
Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Punto di non ritorno” – N. R. Walker

Titolo: Punto di non ritorno
Autore: N. R. Walker
Serie: Turning Point #1
Genere: Contemporaneo, Poliziesco
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Punto di non ritorno

SINOSSI

Matthew Elliot è uno dei più brillanti detective di Los Angeles: forte, intelligente e segretamente gay. Quando si innamora del suo istruttore in palestra, non dovrà preoccuparsi che lo scoprano i suoi colleghi… ma che lo facciano i veri cattivi.
Matthew Elliot è uno dei migliori detective di LA. È stato etichettato come il golden boy dei Fab Four, una squadra di detective che ha messo fine a traffici di droga in tutta la città. È forte, intelligente ed è bravissimo nel suo lavoro.
Ma è anche un gay non dichiarato.
Quando incontra Kira Takeo Franco, il nuovo istruttore di boxe della palestra, Matthew non riesce a negare l’incredibile attrazione che prova per lui, che i suoi colleghi agenti conoscono come Frankie. Ma nel permettersi di innamorarsi di un uomo noto nella sua cerchia, Matthew rischia di rivelare l’omosessualità di entrambi.
Matt e Kira fanno di tutto per mantenere la loro relazione e la loro vita privata lontane da quella molto pubblica di Matt, per paura che possano essere dannose per le loro carriere.
Ma Matthew non dovrebbe preoccuparsi che gli altri agenti scoprano il suo più grande e oscuro segreto… ma che lo facciano i cattivi.

Slanif2

Matthew Elliott è un detective della Narcotici del Dipartimento di Polizia di Los Angeles. Ha un partner, Mitch, che è come un fratello, e altri due colleghi – Tony e Kurt – che sono tra i suoi migliori amici. Il loro gruppo viene chiamato dai media “Fab Four”, perché la percentuale di riuscita dei loro casi è altissima.
Matt è maledettamente bravo nel suo lavoro, sa cavarsela anche nelle situazioni più difficili, e mette anima e corpo ogni giorno per acciuffare i cattivi. Soprattutto il caso che riguarda Pavao Tomic, un trafficante di droga di origini croate, lo tiene parecchio impegnato. C’è qualcosa che non lo convince e sta facendo di tutto per riuscire a venire a capo della matassa, ma c’è ancora qualcosa che gli sfugge.
A fronte di ciò, non ha tempo per l’amore. Soprattutto se consideriamo il fatto che nessuno sa che è gay, nemmeno i suoi tre amici più intimi, nonché colleghi. Matthew non ha mai lasciato trapelare troppo di sé, né parlando di ragazze o altre, ma non ha nemmeno mai smentito quando gli altri gli dicevano qualcosa a riguardo. Ha sempre pensato che “non dire” equivalesse a non mentire. Ma quanto ci metterà la cosa a scoppiargli in faccia?
In special modo quando Kira Takeo Franco entra nella sua vita.
Frankie, come lo chiamano tutti, è uno dei nuovi istruttori alla palestra del Dipartimento e Matthew se ne sente subito ferocemente attratto. Vuole a tutti i costi resistere all’altro uomo, ma come fa a non sentirsi sciogliere di fronte a quel sorriso disarmante con una fossetta sola e i gentili occhi dal taglio leggermente a mandorla?
Pensa di poter resistere, che riuscirà a non cedere, ma cosa ne penserà Kira a riguardo? Il personal trainer non è solo un bel faccino. Ha anche un carattere deciso e sicuro. Sa quello che vuole, e quando posa gli occhi su Matthew Elliot per la prima volta, capisce subito che è proprio Matthew Elliott quello che desidera.
Tuttavia, una relazione tra loro comporterà segretezza, stare sempre nascosti in casa, non farsi vedere mai insieme in pubblico, stare sempre attenti a quel che si dice.
Riusciranno i nostri due beniamini a vivere serenamente il loro amore di fronte a tutte queste regole così restrittive? E riusciranno a superare il tutto quando Tomic deciderà di alzare il tiro e rendere la loro vita un vero e proprio inferno?

Sicurezza. Mi sentivo al sicuro con lui. Quando ero tra le sue braccia, quando lo baciavo e sentivo le sue mani toccarmi ovunque, mi sentivo come se avessi trovato la mia casa.

I libri di N. R. Walker sono una garanzia, ormai è appurato. La sua scrittura semplice e fresca, dolce e introspettiva senza risultare stucchevole nel primo caso o pesante nel secondo, mi regalano sempre delle emozioni incredibili.
Ho amato tutti i personaggi che ho avuto la fortuna di conoscere e che sono nati dalla penna di questa talentuosa autrice, ma ho una predilezione per alcuni di loro e non ho dubbi che Matthew entrerà tra questi senza alcuno sforzo. Ho amato anche Kira, e soprattutto ho amato il fatto che mi ricordassero Charlie e Travis della serie “Cuore di Terra Rossa”, in assoluto la mia serie preferita di quest’autrice. Non perché ci sia qualcosa in comune nelle loro storie, o nelle loro caratterizzazioni – anche se alcuni segni si somigliano – ma soprattutto per il modo di interagire dei due e per la profondità del sentimento che li lega.
Ho amato moltissimo la dichiarazione d’amore di Kira per Matt, fatta in un modo particolare e unico, dolcissimo, che non vi svelerò perché va assaporato parola per parola. Gesto per gesto.

Non fu soltanto passione, ma molto di più. Era emozione. E quando ci separammo per respirare, Kira mi tenne il viso contro il suo, le sue labbra le une contro le altre, e mentre apriva lentamente gli occhi, riuscii a vederlo.
Era amore.

Anche la parte poliziesca è carina, benché sia molto breve e marginale rispetto al resto. Il vero cardine del libro è la storia d’amore, e si percepisce a ogni pagina.
Sono assolutamente impaziente di scoprire cosa succederà a Kira e Matthew e spero che i successivi due volumi della serie arrivino presto in italiano, perché sono seriamente impaziente di leggerli!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Spencer Cohen 1” – N. R. Walker

Titolo: Spencer Cohen 1
Autore: N. R. Walker
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Spencer Cohen 1

SINOSSI

Spencer Cohen è l’uomo giusto per rispondere agli interrogativi che possono sorgere in una relazione. Il suo lavoro consiste nel fingersi una nuova fiamma in modo che l’ex del suo cliente decida una volta per tutte se chiudere il rapporto o andare avanti. In un caso o nell’altro, il cliente avrà la risposta che cerca.
A quel punto, l’ex potrà scusarsi e supplicare, o voltare le spalle e andarsene. Alla fine, però, sarà comunque il cliente di Spencer a vincere, perché la verità – anche se brutta – è sempre meglio del dubbio.
Andrew Landon è stato lasciato senza alcuna spiegazione. Sua sorella, che non riesce a vederlo così distrutto, lo convince suo malgrado ad assumere Spencer affinché faccia finta di essere il suo nuovo ragazzo e lo aiuti a riavere il suo ex.
E Spencer è un professionista: niente emozioni, niente legami, niente complicazioni. Il lavoro è lavoro.
Sì, certo.
Provate a immaginare come finirà questa storia…

Slanif2

Spencer Cohen è un giovane australiano, emigrato negli Stati Uniti, che per vivere si è ritrovato a fare il “finto fidanzato”. Una follia, direte voi. In realtà, Spencer vive dignitosamente grazie al suo originale lavoro, permettendo alle persone che lo assumono di vedere in faccia la realtà. Tutte questi individui che sono stati lasciati, grazie a lui, dovranno volenti o nolenti affrontare la verità sulla loro relazione. Perché sono stati mollati? La controparte non li amava più? Ha un altro? Si è pentito e vorrebbe tornare indietro ma non sa come farlo? Spencer non è un mago, ma con dei trucchetti ormai assodati, fa in modo che i suoi clienti abbiano le loro risposte. D’altronde, con il suo aspetto da hipster, la barba curata, le bretelle e i vestiti alla moda, chi può resistere al suo fascino? Come lo definisce la sua amica Lola, è un “lambersexual hipster” davvero sexy!
Andrew Landon non potrebbe essere più diverso. Aspetto da nerd, è un animatore alla Drewamworks e ama follemente il suo lavoro. Pensava di essere realizzato sia sul piano lavorativo che in quello sentimentale, fino a quando il suo ragazzo lo molla senza nessuna giustificazione valida, mandandolo in depressione.
Sua sorella, non potendolo più vedere così, ingaggia Spencer, sperando di poterlo aiutare. Andrew è assolutamente contrario, all’inizio, ma quando conosce il “fidanzato in affitto”, si accorge di quanto questi sia affascinante e, anche se non è sicuro che potrà servire allo scopo, si ritroverà invischiato con l’altro. D’altronde, è solo un contratto di lavoro, giusto? Sbagliato.
Quel rapporto che parte così diffidente e acerbo, fiorirà fino a mettere tutto in discussione, con i due che si riscopriranno profondamente attratti l’uno dall’altro. Ma la presenza dell’ex fidanzato complica le cose…

Non sapevo perché Andrew fosse diverso. Era interessante, certo. Era intelligente e mi faceva ridere. All’inizio pensavo fosse soltanto modesto riguardo al suo lavoro e al suo talento musicale, ma più lo conoscevo e più capivo che non era modesto per nulla. Era ignaro di tutto. Continuavo a chiedermi cosa cazzo ci fosse di sbagliato in Eli. Cosa diavolo lo avesse spinto ad andarsene.

Adoro N. R. Walker. È un’autrice bravissima, che con frasi semplici riesce sempre a trasmettere tutta l’emozione e i sentimenti dei suoi personaggi. Con il suo stile fluido, condito da battute divertenti e personaggi che rimangono impressi, la Walker ci trascina in un’altra delle sue storie imperdibili, dove è impossibile non innamorarsi dei suoi ragazzi. Perché credetemi, gente: Spencer Cohen vi rimarrà nel cuore.
Un inizio promettente vergato da una penna che ormai è diventata una sicurezza!

4

Pubblicato in: Articoli, dreamspinnerpress, quixote edizioni, Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Must Read 2018: le migliori letture del blog

Per concludere l’anno in bellezza, abbiamo pensato di chiamare a raccolta tutto lo staff e creare per ognuna delle nostre ragazze, una top 3 dei migliori libri letti (e recensiti per il blog) quest’anno. Quelli che ci sono rimasti nel cuore in modo speciale e che ci hanno emozionato profondamente, a volte fino alle lacrime.
Queste sono le nostre classifiche! Enjoy!

FRANCESCA

51qk5pokuzlSpencer Cohen 3” di N. R. Walker
Grazie N. R. Walker, per questa storia d’amore. Per aver creato un personaggio che è un caleidoscopio di emozioni. Passionale, ironico, graffiante, divertente. Profondo.
E ora, che ti ho lasciato andare, Spencer, non mi rimane altro che aspettare. Cosa? Il momento giusto per leggerti di nuovo. Per ritrovare una nuova occasione per innamorarmi di te. Ancora.
Qui la recensione completa

51ihawiyrmlI resti di Billy” di Jamie Fessenden
I resti di Billy” è una storia cruda, straziante, dolorosa. Ma è anche una storia d’amore, di perdono, di devozione. È una storia di guarigione. Ma questo non la rende meno forte, anzi. Fa male, ma il dolore a volte è il catalizzatore che ci spinge verso un sentimento più alto, più nobile, quasi magico. E “I resti di Billy” fa proprio questo. Ci porta giù, in fondo al pozzo, dove ci mostra la cattiveria dell’animo umano, la debolezza, la malattia, il disgusto. Dove ci sbatte in faccia la follia dell’uomo e la sua insanità mentale. Poi, quando tutto ci sembra inutile e rischiamo che l’ansia e l’angoscia ci stiano per soffocare… Ci tende una mano. Per farci tornare su, in superficie, dove ad attenderci c’è l’amore, il perdono, la vita.
Ma certo, non saremo più gli stessi.
Qui la recensione completa

41fmfbqj8blMai un eroe” di Marie Sexton
Con uno stile impeccabile e un ritmo ipnotico che non mi ha fatto staccare gli occhi dalle pagine fino alla fine, “Mai un eroe” svetta nella mia classifica personale dei libri più belli ed emozionanti letti nel 2018. Poche pagine, ma intense e pregne di significato che ti lasciano un senso di pace e di amore che ti accompagna per tutta la giornata.
Qui la recensione completa


LADY MARMALADE

o-la-lunga-strada-tortuosaLa lunga strada tortuosa” di T. J. Klune
La strada per Bear, Otter e Kid di sicuro non è stata facile: spesso in salita e piena di curve, di ostacoli e rallentamenti, ma ce l’hanno fatta e con le unghie e coi denti hanno raggiunto la felicità che gli spettava.
Ragazzi avevo bisogno di voi, talmente tanto che mi avete fatto venire voglia di trovare un amore come il vostro!
Qui la recensione completa

cover500-9Sotto un cielo di cenere” di Brandon Witt
La pubblicazione di gay romance in Italia è in continua crescita; faccio davvero fatica a stare dietro a tutte le uscite, ma ci sono certi autori che sono disposta ad aspettare anche anni perché escano con un nuovo libro. Li leggi per caso e poi vai a cercarli sul web, a seguirli sui social; ti senti partecipe della loro vita e l’attesa per l’uscita del prossimo libro. Finisci per chiederti: “Ma perché non l’ho letto prima?”.
Brandon Witt è questo per me: un autore che so mi farà versare fiumi di lacrime, ma che so già anche che in ogni suo libro arriverà a toccare la mia anima nel profondo.
Qui la recensione completa

o-firmato-il-tuo-agente-spettraleFirmato: il tuo Agente Spettrale” di S. E. Harmon
Il romanzo è un mix fenomenale di amore, poliziesco e paranormal. Non è facile amalgamare così bene questi generi, si potrebbe scadere nel già letto perdendo di originalità ed è qui che entra in gioco la vena ironica della Harmon che dà una marcia in più al libro.
I personaggi che crea sono accattivanti, affascinanti, complessi; adulti con problemi irrisolti alle spalle ma che non si piangono mai addosso. Non sono ragazzini, ma uomini forti e determinati che rimangono impressi al lettore.
Qui la recensione completa


EVELYNE

514wlxxsqolLa guarigione” di Melissa Collins
Profondo, struggente, rimane impresso come pochi libri riescono a fare. Il lettore vive e soffre al fianco dei protagonisti, li vede e li sente come fosse anch’egli parte della storia. “La guarigione” di Melissa Collins è una lettura da non perdere. Non prendetela alla leggera, perché i temi trattati non sono facili da digerire, soprattutto per chi, come me, quando legge si immedesima nei protagonisti e sente il loro dolore come se fosse il proprio.
Qui la recensione completa

51qjqogcuqlIncontrastato” di Aimee Nicole Walker & Nicholas Bella
Questa storia mi è entrata dentro, ho sofferto con i protagonisti ed ho gioito quando le cose per loro hanno iniziato a mettersi bene.
Ciò che caratterizza questa storia e lo differenzia dalle altre, secondo me, è l’amore. Malgrado le difficoltà e la possibilità di andare avanti, se abbiamo sperimentato davvero questo sentimento, non si può dimenticare. La passione e l’eccitazione nascono grazie ad un solo sguardo, a volte, ma l’amore vero ha bisogno di tempo, costanza e perdono per essere coltivato.
Qui la recensione completa

41jogwfooglRock – La mia roccia” di Anyta Sunday
Rock – La mia roccia”, è una piccola perla.
La cura con cui l’autrice ha descritto le rocce, tanto amate da Cooper, mi ha sorpresa. La loro storia e la loro forma, ma in particolare il loro significato. Ogni roccia porta con sé emozioni, colori e ricordi.
L’amicizia, l’amore e l’affetto familiare, è su questi sentimenti che Anyta Sunday ha basato la sua storia. Una storia incredibile, arricchita da momenti struggenti e coinvolgenti, che fanno sentire il lettore parte della storia.
Qui la recensione completa


SLANIF

51ddf0Lv2TLRattlesnake – Serpente a sonagli” di Kim Fielding
Da dove posso iniziare a parlare di un libro che mi ha emozionata fino alle lacrime? “Rattlesnake” non è solo UN romanzo. “Rattlesnake” per me è IL romanzo. Quello che ti emoziona, ti lacera l’anima, ti fa scoprire parti di te stessa che non conoscevi e ti mette di fronte a verità magari dolorose, ma che fanno sì che tu possa maturare.
Ho sempre trovato straordinario che un romanzo possa aiutarti a crescere, e difficilmente ho avuto modo di trovarmi di fronte a questa incredibile opportunità, ma quando succede faccio in modo di assaporare il momento e di godermi ogni pagina, assorbendone il contenuto come una spugna assorbe l’acqua.
Rattlesnake – Serpente a sonagli” è un libro che VA letto. Senza “se” e senza “ma”.
Qui la recensione completa

46073041_1927850163951106_689983442380652544_nQuel che resta” di Garrett Leigh
È il primo libro di Garrett Leigh che leggo e l’ho apprezzato tantissimo. Nonostante all’inizio il prologo mi avesse lasciata un po’ così, andando avanti con la lettura ho amato sempre di più la storia e i suoi personaggi. Ho apprezzato fortemente l’amore indelebile che aleggia in ogni pagina e che accompagna Rupert e Jodi nella loro nuova realtà, ma anche l’aspetto di realismo che ha caratterizzato l’incidente di Jodi, così come la sua riabilitazione e le prospettive di vita futura. Non è tutto rosa e fiori, non ci sono guarigioni Miracolose né niente del genere. È tutto improntato su qualcosa di molto più tangibile e reale, che fa provare un po’ di amarezza nel lettore, ma che al contempo fa apprezzare le scelte della Leigh di non scendere nel sentimentale a tutti i costi e di dare comunque un lieto fine a due personaggi che ne hanno dovute affrontare tante.
Un romanzo delicato, dolce, romantico e sofferto che consiglio assolutamente.
Qui la recensione completa

510-Dt-Rc-Sem-LA casa per Natale” di L. A. Witt
A casa per Natale” è una dolcissima e romantica novella di Natale, piena di amore e speranza, che ci mostra quanto sia difficile per chi torna da situazioni tanto disperate il riambientarsi nella vita da civile. Ci mostra come, con l’aiuto di quelli a cui teniamo e con la forza stessa dell’amore, riusciamo a superare qualsiasi difficoltà e momento, senza mai abbandonare la speranza, anche quando questa pare drammaticamente lontana.
Un romanzo breve ma intenso, ricco di sentimento e malinconia.
Qui la recensione completa


ADELESH

cover500-1Prime volte” di K. C. Wells
È forse la prima volta che leggo un libro e mi rendo conto di essere arrivata alla fine senza aver annotato neanche una parola, troppo presa dalla storia e dai personaggi per interrompere la lettura anche solo per un secondo. Cosa che, in definitiva, non è stata affatto un male, visto che mi ha offerto la scusa perfetta per leggerlo una seconda volta e gustarmelo fino in fondo.
Qui la recensione completa

o-qpid-italianoQ*pid” di Xavier Mayne
Quando ho iniziato questo libro mi aspettavo una storia complicata e difficile da “digerire”. Qualcosa più interessante dal punto di vista sociologico che da quello romantico. Invece la trama è ben costruita e i protagonisti, i personaggi secondari, gli amici dei protagonisti, gli amici degli amici dei protagonisti, perfino i tecnici che lavorano per far funzionare Archer… sono ben caratterizzati, indipendentemente dal ruolo che rivestono all’interno nella storia.
Allo stesso modo, ho apprezzato il viaggio introspettivo di entrambi i protagonisti, i loro timori nel veder crollare quella che all’apparenza era una certezza incrollabile (l’eterosessualità), la loro reticenza a lasciarsi andare con qualcuno dello stesso sesso e sì, perfino il modo in cui alla fine si avvicinano l’uno all’altro da un punto di vista sessuale, cauti e con tanta tanta tanta curiosità.
Qui la recensione completa

solo-per-teSolo per te” di Andrew Grey
Anche se i temi trattati sono importanti e a volte negativi – la religione, il lutto, il rapporto padre-figlio, il primo amore –, il libro non risulta né pesante né difficile da digerire. Al contrario, ho trovato una storia dolce e profonda che permette al lettore di tirare fuori la propria vena romantica e tifare senza sosta affinché i due protagonisti possano ottenere il loro lieto fine.
Qui la recensione completa


All’anno prossimo con le nuove letture e le nostre recensioni a riguardo, così come i “Dietro le quinte” che vi aspettano ogni mercoledì qui sul blog, dove ospitiamo autrici italiane per un’intervista e tantissime curiosità.
Inoltre, vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Pagina FacebookInstagram (dove inseriamo anche citazioni e card di riferimento che non potete perdervi!), Twitter (nuovissimo e aperto da poco!) e ovviamente Goodreads!

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Senso d’appartenenza” – N. R. Walker

cover500-1Titolo: Senso d’appartenenza
Autore: N. R. Walker
Serie: Thomas Elkin #3
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: €3,99
Link all’acquisto: Senso d’appartenenza

SINOSSI

Progettare una casa è semplice. Trovare quella giusta è tutt’altra questione.
Thomas Elkin e Cooper Jones godono finalmente del supporto delle loro famiglie e il loro amore cresce di giorno in giorno. Vivono insieme e pensano che nulla possa mettersi sulla loro strada.
Là fuori, però, c’è chi vuole dividerli.
Cooper incontra un giovane suo coetaneo, amministratore di un’impresa immobiliare, che lo vuole tutto per sé.
Tom, d’altra parte, deve far fronte alle discriminazioni di uno dei partner anziani della sua azienda, che cerca di farlo licenziare.
Che cosa si presenti loro davanti, però, non ha importanza: il rapporto tra Tom e Cooper è forte. Messa da parte la differenza d’età, Tom ha finalmente trovato il suo senso d’appartenenza. L’unico centro della sua vita, la sua vera casa.

Lady Marmelade2

E siamo arrivati anche alla fine delle “avventure” di Tom e Cooper, una delle coppie più adorabili di cui i abbia letto in questo 2018 ricco di uscite!
Una serie molto divertente ma che tra le sue pagine manda un messaggio bene preciso: quando ci si innamora davvero non conta il sesso, non conta il tenore di vita, non contano le apparenze, ma soprattutto non conta la differenza d’età!
Dopo aver fatto un tuffo nell’argomento che accomuna di più Tom e Cooper, l’architettura, mi sento di fare un paragone tra le loro vite e questa loro passione nonché lavoro. Spero che Tom non me ne voglia, ma è come se il nuovo e il vecchio si siano fusi per dare origine a qualcosa di unico e perfetto.
Mi è capitato molte volte di vedere in giro coppie con un divario d’età molto evidente; è inevitabile che si scappi qualche battutina in proposito, soprattutto del tipo più scontato: “Guarda che bella ragazza! Di sicuro starà con lui perché è più attratta dal suo portafoglio che dalla sua avvenenza!”…
La mia non vuol essere cattiveria, ma solo il sottolineare quanto la società di ha sempre  condizionato, nessuno escluso.
Oltre al cospicuo portafoglio di Tom, nel loro caso si aggiunge un altro elemento importante: il fattore lavorativo, il loro tallone d’Achille.
Ora che Tom e Cooper sono usciti allo scoperto con le loro famiglie, più o meno convinte della solidità del loro rapporto, l’ultimo ostacolo da abbattere riguarda proprio la loro carriera.
Tom è un nome di punta dell’architettura e Cooper potrebbe trarre vantaggio da questo in mille modi, ma per lui è semplicemente Tom, non il grande Thomas Elkin genio indiscusso degli interventi di retrofit. Anche perché Cooper ha ancora più talento del suo partner! Non ha bisogno di nessuno per emergere.
Ed ecco che qualcuno trama nell’ombra per infangare il nome di Tom, ma non preoccupatevi, il bel architetto è un osso molto duro e non mollerà facilmente. Tom non è mai stato un tipo rinunciatario, ma negli ultimi anni si è sentito tarpare le ali; non si sente più a suo agio nella compagnia che ha contribuito a far crescere. Devo dire che Cooper l’ha influenzato nella maniera più positiva possibile facendo emergere il suo lato giocoso, impertinente e creativo:

Poi mi girai così da guardarlo in faccia, i nasi che si toccavano appena. «Perché se potessi tornare indietro per cambiare le cose, farei esattamente ciò che ho fatto.»

Anche Cooper è alle prese con qualche gatta da pelare: un affascinate figlio di papà sta cercando un tutti i modi di portarselo a letto, complice un lavoro commissionatogli, ma Cooper ha occhi solo per il suo “solo Tom”. Le scaramucce che hanno luogo tra i due innamorati, proprio a causa della presenza molesta di questo losco individuo, danno origine a siparietti davvero esilaranti, con un Cooper offeso perché Tom non lo rivendica come suo nella maniera più classica e scontata del mondo:

«Non mi tieni nemmeno per mano… Ehi, non mi tieni per mano!»
Alzai gli occhi al cielo, come se lui avesse potuto vedermi. «Eri incazzato con me, ricordi? Perché non mi sono battuto i pugni sul petto e non ti ho riportato nella nostra caverna tirandoti per i capelli.»
Cooper scoppiò a ridere e poi fece l’imitazione di un cavernicolo: «Cooper ride. Tom. Divertente.»

Ho amato davvero questa coppia e tutte le differenze riguardanti l’età tra i due io non le ho mai notate, in nessuno dei tre libri! Non è colpa di Tom se è nato prima e nemmeno di Cooper se è nato dopo! Sono contenta che Tom non abbia mai gettato la spugna perché un altro Cooper non è possibile trovarlo al mondo, anche se il suo fratellino è sulla buona strada per esserlo, del resto hanno in comune un bel po’ di DNA!
Mi sono divertita un mondo anche a leggere i maldestri tentativi di proposta di matrimonio di Tom a Cooper: vuole davvero chiederglielo o no? Non vi svelo il mistero, ma vi posso solo dire che è tutto un piano ben orchestrato da qualcuno che sta nell’ombra… più o meno!
Tom a quarantaquattro anni ha trovato finalmente la sua casa, che sia la volta buona anche per me?

«Sai cosa significa “senso d’appartenenza”?»
Cooper annuì. «È quando l’edificio in cui ti trovi è talmente accogliente da sapere di casa. Quando si è in pace.»
«Sei tu il mio senso d’appartenenza, Cooper.»

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “A chiare linee” – N. R. Walker

cover500-9Titolo: A chiare linee
Autore: N. R. Walker
Serie: Thomas Elink #2
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: A chiare linee

SINOSSI

Quando alcune linee perdono nitidezza, altre diventano cristalline.
Innamorati persi l’uno dell’altro, Thomas Elkin e Cooper Jones decidono finalmente di dare una possibilità alla loro relazione.
Quello a cui non sono preparati, però, è il dover far fronte alla reazione delle loro famiglie, che invece vogliono si separino. Entrambi impareranno presto quali siano le linee guida che ci definiscono. E che, a volte, se alcuni contorni appaiono sfumati, altre linee diventano improvvisamente chiarissime.

recensionelady

Adoro quando i libri di una serie escono a pochissima distanza l’uno dall’altro, il continuo della narrazione non viene spezzato e sono ancora vivide le emozioni che hai provato alla prima lettura, quindi in definitiva: Good Job Triskell!
Il primo libro era stato una piacevole e divertente lettura, la Walker per me era una garanzia di qualità e devo dire che si è riconfermata anche questa volta.
Avevamo lasciato Tom e Cooper cotti a puntino, pronti a dichiarare al mondo il loro rapporto, dopo esser stati beccati in flagrante dal figlio di Tom, ma saranno davvero pronti a dirlo a tutti?
In teoria sono due adulti consenzienti, non devono chiedere il permesso a nessuno per prequentarsi, eppure il timore di non venire accettati aleggia sulla coppia. Chi ne risente di più è Tom, cosa che potrebbe sembrare quasi assurda, visto che è il più maturo tra i due, ma è ancora troppo poco che è uscito allo scoperto, tanto che i suoi genitori non sanno ancora il vero motivo della fine del suo matrimonio.
Nella coppia il più sicuro, pronto ad affrontare il mondo infichiandosene degli altri è proprio il giovane Cooper. Merito della sua giovane età? Potrebbe anche darsi, ma sta di fatto che è cresciuto in un’epoca  più tollerante rispetto a Tom, che ha pur sempre il doppio dei suoi anni:

«Non mi importa cosa pensano gli altri. So che sarà difficile per qualcuno accettare che stiamo insieme, che siamo gay e che c’è una grossa differenza d’età. Ma non mi importa. Sono orgoglioso di poterti chiamare “il mio ragazzo”. Non riuscirò mai a capire perché vuoi stare con me, ma è così, e sono più che felice di camminare ed entrare in casa mano nella mano con te. Solo, non voglio che tu ti senta a disagio.»
«Non mi sento a disagio,» rispose. «E neanch’io capisco perché tu voglia stare con me. Ma è così.»

Cooper è sì giovane, ma sa benissimo quello che vuole e chi vuole e non perde occasione per farlo presente al suo Tom; non c’è via di fuga per il “vecchietto”, è stato accalappiato ben benino.
Tom non era abituato a lasciarsi così andare con qualcuno, a cercarne lo sguardo o un semplice tocco:

Era così aperto, fiero e sincero, così incurante di quel che gli altri pensavano. E anche se aveva la metà dei miei anni, aveva il doppio del coraggio. Me ne stavo al suo fianco, con lui che mi abbracciava e parlava ai suoi amici, meravigliato da tutta la sicurezza e la fiducia in se stesso che dimostrava.

Non aspettatevi la classica sbandata di mezza età: Cooper ha solo fatto uscire allo scoperto il vero io di Tom e quest’ultimo non sta correndo la cavallina! Entrambi hanno le loro passioni, cercano di coinvolgere il parter in esse ma senza strafare. Le loro prese in giro sono a dir poco esilaranti, un continuo sfottò che regala tanto divertimento e rende il libro estremamente godibile:

«Ricordami di nuovo perché il mio ragazzo ha ventidue anni?»
«Perché sono nato ventidue anni dopo di te, mio caro fidanzato di quarantaquattro anni,» rispose, tutto contento. «E perché sono fantastico.»
Alzai gli occhi al cielo, sarcastico. «Oh, giusto. Ora ricordo.»
«L’Alzheimer ti dà proprio tanti problemi, eh?» chiese, ridendo. «Vuoi che guidi io, nonnetto?»
«Piccolo stronzetto che non sei altro,» mormorai. «E non scaricare la colpa sulla Generazione Y, stavolta. Sei proprio tu.»

Tom tra i due è quello che si aspetta più critiche, proprio in virtù della sua età ed esperienza di vita; non ha tutti i torti nel prevedere problemi nel suo futuro con Cooper e la sua ex moglie sembra essere la più ostica ai due.
Mi ha davvero infastidito la sua acredine nei confronti della coppia; l’ho trovata antipatica e sputasentenze, è arrivata quasi a dare del pedofilo a Tom! Proprio lei che è stata sposata con lui per anni, che non è mai stata tradita durante il matrimoni, come è possibile che sia arrivata a certe supposizioni? Tom è una persona più che corretta, sincera, leale.
Cooper è giovane, bello, simpatico, aitante, ma è anche diventato la roccia di Tom, che se ne accorgerà nel suo momento più buio:

Era bello come riuscisse a prendere in mano la situazione, bello sapere che c’era qualcuno che si occupava di tutto, che si prendeva cura di me. Era quello che stava facendo Cooper, come se sapesse esattamente ciò di cui avevo bisogno.

Credo che se al posto di Cooper ci fosse stata una bella bionda di ventidue anni le cose sarebbero state diverse… oppure no, e anche io sono vittima delle apparenze e stereotipi che ci ha dato la società? Voi che ne pensate? Ve lo chiedo perché come dice Tom:

«…Mamma, se davvero esiste un giorno adatto a dirti quanto io ami qualcuno, quello è oggi.»

Forse la società non è pronta davvero, di strada ce né ancora tanta da fare, ma io alla fine ci sono arrivata a quello che conta davvero: L’Amore conta, il resto no!
Ps: mi è capitato quasi sempre di frequentare uomini più giovani di me, anche di dieci anni, quindi Tom, vecchio mio, sono sicura che noi potremmo andare molto d’accordo!

emozionante

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Spencer Cohen 2” – N.R. Walker

512efecsurl-_sy346_Titolo: Spencer Cohen 2
Autore: N.R. Walker
Editore: Triskell Edizioni
Prezzo: € 4,49
Link all’acquisto: Spencer Cohen 2

Sinossi:

Dopo il passaggio da finti fidanzati a una relazione vera e propria, Spencer Cohen e Andrew Landon cercano di non affrettare le cose. Sanno che tra loro potrebbe nascere qualcosa di speciale e non vogliono rovinare tutto, nonostante la terribile tensione sessuale nell’aria.

Spencer sta imparando ad aprirsi, condividendo il suo passato con Andrew, e ha paura di esporsi troppo, anche se non riesce a trattenersi dal farlo. Allo stesso tempo, è ben consapevole che si sta innamorando di Andrew. Quest’ultimo, d’altra parte, non vuole gettarsi di nuovo a capofitto in una relazione, ma andarci piano non fa altro che accrescere fin troppo rapidamente l’affetto reciproco che li lega.

Mentre vivono questa nuova relazione, Spencer teme che Andrew darà di matto nell’apprendere che ha accettato un nuovo incarico. Ben presto, però, scopre non solo che si tratta di un lavoro insolito, ma che le cose non sono nemmeno come sembrano. Quando tutto prende una piega inaspettata, Spencer e Andrew uniscono le forze per aiutare il nuovo cliente e dovranno anche decidere se sono pronti a fare un ulteriore passo avanti.

Recensione

Per tutte noi che non stavamo più nella pelle, beh, l’attesa è finalmente finita e Spencer Cohen è tornato! Con tutto il suo carico di fascino, carisma, sensualità ed ironia, Spencer sta per condurci di nuovo nel suo mondo fatto di tante cose, ma soprattutto, di dolcezza, passione e nuove esperienze. Di cosa sto parlando? Ma è naturale, di “Spencer Cohen 2”, il secondo libro della serie “The Spencer Cohen” , scritto dalla bravissima N.R. Walker ed edito per la versione italiana da Triskell Edizioni.
Per chi si fosse perso il primo capitolo della serie, consiglio un immediato CLICK a questo indirizzo… senza se e senza ma!

Per chi invece non aspettava altro di sapere come sarebbe andata avanti la storia tra Spencer e Andrew, posso solo dirvi che non rimarrete delusi. Il secondo libro inizia proprio dove finisce il primo, come se non si fosse mai interrotto. Andrew e Spencer sono ad un punto di svolta: la loro storia, nata come rapporto lavorativo, si è trasformata lentamente in qualcosa di diverso, più simile all’amore che all’affetto. Ma i nostri due protagonisti ancora non lo sanno, e si trovano per la prima volta di fronte ad una esperienza che li cambierà profondamente. Spencer in special modo, dovrà far fronte ad emozioni e sensazioni che aveva da sempre fuggito.

La trama del libro è molto semplice: la Walker ci prende per mano e ci racconta una favola romantica metropolitana con un pizzico di dramma e tanta, tantissima sensualità. Andrew e Spencer iniziano a frequentarsi, a conoscersi intimamente e non solo a livello fisico. Spencer, per la prima volta nella sua vita, capisce cosa vuol dire aprirsi, confidarsi e lasciare che qualcuno porti insieme a lui il fardello del suo passato. Un passato difficile e doloroso di cui nel primo libro abbiamo avuto solo un accenno, ma che in questa seconda storia e emerge come un iceberg in mezzo al mare. Spencer è un uomo duro, ruvido e sicuro di sè. Ma Andrew con la sua dolcezza e il suo carattere pacato ma presente, farà breccia in quella barriera che ha protetto Spencer per troppo tempo.
Il lavoro di Spencer, però, sappiamo tutti qual è e lui non vuole rinunciarci. Questa volta, però, il nostro affascinante hipster sarà chiamato ad affrontare un cliente diverso dagli altri, e sarà solo grazie alla aiuto di Andrew e della sua stramba comitiva, che riuscirà a concludere il suo incarico nel modo migliore possibile.

Ho amato moltissimo questo secondo libro della serie dedicata a Spencer Cohen. Ne ho amato la trama, ricca nella sua semplicità e costruita quasi esclusivamente da dialoghi brillanti e divertenti. Ne ho amato i personaggi, ancora più perfetti e ben definiti rispetto alla prima storia. E ne ho amato il ritmo, incalzante e movimentato, che ti tiene incollato alle pagine dalla prima a l’ultima.
Sicuramente a far da padrone per tutta la storia è l’altissima tensione sessuale che, chi ha letto il primo libro, si ricorda bene. L’autrice si fa perdonare alla grande e ci regala un libro pregno di sensualità, espressa in scene d’amore toccanti e appassionate. Per tutta la durata della storia, non possiamo non percepire l’elettricità che passa in ogni riga, parola, sillaba. Anche i dialoghi ne sono intrisi. E sono proprio i dialoghi, secondo me, il punto forte di tutta la serie. Sono brillanti, divertenti, sagaci. Ti fanno ridere e commuovere, arrabbiare e riflettere. Anche grazie ad un’ottima traduzione, il secondo libro della serie Spencer Cohen è per me bello ed emozionante , proprio come il primo. La dolcezza, la profondità e i veri sentimenti sono miscelati perfettamente con il divertimento, la sensualità e la leggerezza di un grande Romance. E solo una grande autrice poteva riuscire in questo… quindi brava, N.R Walker, aspettiamo con trepidazione il terzo libro!

banner531

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Spencer Cohen 3” – N.R. Walker

51qk5pokuzlTitolo: Spencer Cohen 3
Autore: N.R. Walker
Editore: Triskell Edizioni
Prezzo: €3,37
Genere: MM Contemporaneo
Link all’acquisto: Spencer Cohen 3

SINOSSI:

Per Spencer è stato semplice abituarsi all’idea di essere in una vera e propria relazione. Fin troppo semplice. Andrew si è adattato perfettamente alla sua vita e, mettendo da parte insicurezze e preoccupazioni, Spencer è riuscito a godersi il corso degli eventi insieme a lui.
Per la prima volta dopo tanti anni, incredibilmente, la vita di Spencer è davvero perfetta. Andrew però tende a farsi prendere dalla paranoia, e quando il suo ragazzo riceve una telefonata dall’Australia è sicuro che Spencer si allontanerà da lui.
Al contrario, forse il loro rapporto potrebbe consolidarsi ancora di più, perché Andrew non si è accorto che Spencer dipende da lui più di quanto creda. Forse la storia di Spencer Cohen è pronta per il finale e forse, ma solo forse, si tratterà del lieto fine che Spencer non avrebbe mai pensato essere possibile.

Recensione “Spencer Cohen 2”

recensionefra

Grazie, Triskell Edizioni, per averci fatto questo regalo meraviglioso. Grazie per averci fatto sognare, arrabbiare, innamorare ed emozionare insieme all’hipster più affascinante, carismatico e – fatemelo dire – gnocco di tutti i tempi.

Spencer. Oh, Spencer. Quanto mi hai fatto arrabbiare nel primo libro! La tua testardaggine, il tuo bisogno di startene per conto tuo, di non far avvicinare nessuno nel tuo spazio vitale mi hanno letteralmente consumato i nervi. Sei un tipo proprio particolare tu, dobbiamo ammetterlo, e fai un lavoro che.. mhm, posso assumerti anche io? Giusto per godermi qualche ora la tua presenza al mio fianco. Sei sagace, affascinante, simpatico, intelligente… Dio, Spencer, tu sei… tutto.

Non puoi negarlo, quando hai incontrato Andrew per la prima volta qualcosa si è incrinato nella tua corazza ben strutturata. Qualcosa nel tuo mondo è cambiato, il tempo ha iniziato a scorrere più lentamente e la tua vita ti è sembrata all’improvviso… vuota? Monotona? Beh, lo posso capire. Andrew è… Andrew. Chiunque rimarrebbe affasciato dalla sua dolcezza e da quanto è adorabile quando arrossisce. Ti è sembrato timido e riservato all’inizio ma poi hai scoperto che nascondeva tutto il suo mondo dentro di sé. E poi la tua vita non è stata più la stessa.

Devo dirtelo, mi sono davvero emozionata come una ragazzina quando hai iniziato a lasciarti andare. Quando hai permesso ad Andrew di entrare, a piccoli passi, nel tuo mondo fatto di dolore e sofferenza. Una sofferenza che ha le radici nel tuo passato e che porti, come uno stemma, incisa sulla tua pelle. E forse è proprio questo a renderti unico. Il tuo amore per te stesso, la forza che trapela nelle tue parole e nei tuoi gesti, il coraggio delle tue scelte e di non rinnegare mai chi sei. Perché sei un uomo meraviglio, Spencer Cohen, ed Andrew lo ha capito. Così, tra situazioni imbarazzanti e momenti di una sensualità senza paragone, arriviamo al capitolo finale della tua storia.

Dio, avevo quasi paura a leggere, lo sai? Paura delle mie emozioni, di ciò che mi avresti fatto provare. Perché è innegabile, Spencer, tu entri dentro il cuore delle persone e non te ne vai più via. Penetri proprio come l’inchiostro sulla pelle, e rimani lì, come una macchia indelebile su un foglio di carta.

Per me sei stato questo, ma anche tanto altro. In questo ultimo capitolo ti troviamo diverso, uno Spencer più consapevole, bisognoso di un amore che ha inseguito per tutta la vita, anche senza saperlo. Perché Andrew è riuscito dove il resto del mondo ha fallito, non è vero? È stato capace di scavarsi un tunnel, passo dopo passo, carezza dopo carezza, bacio dopo bacio, ed è arrivato dritto al tuo cuore. Un cuore che quasi scoppiava dal bisogno di essere amato, coccolato, nutrito di quei sentimenti che ti sono stati negati e dai quali tu stesso sei scappato. Ma credimi, Spencer, lo capisco. Ti capisco. Sei forte, coraggioso, determinato, ironico e altruista. Ma sei anche fragile, amorevole, generoso e incompleto. Almeno fino a quando non hai capito che per essere davvero te stesso, ti serve l’amore di Andrew.
Certo, dirgli che lo ami anche tu è difficile. Far uscire quelle due paroline magiche, mettere sul piatto i tuoi sentimenti, renderti vulnerabile e totalmente scoperto è una cosa quasi impossibile per te.
Ma Andrew è una persona paziente. E, soprattutto, ti conosce così bene da sapere in anticipo cosa stai pensando. Non ti è mai successo, vero? E quanto è bello lasciarsi andare, lasciare che sia qualcun altro a prendersi cura di te, della tua vita, del tuo dolore?
Dio, il dolore. Sembra non volerti lasciare andare. Non hai già sofferto abbastanza? Ma la vita è così, e tu lo sai meglio di chiunque altro. E, malgrado tutto, questo è un dolore nuovo, diverso… e sai perché? Perché non lo devi affrontare da solo. Perché, per la prima volta, hai qualcuno accanto disposto a sobbarcarsi una parte di quel fardello. Una persona che ti ama, che non potrebbe vivere senza di te. E tu? Forse è arrivato il momento di accettarlo, Spencer. Accettare questo amore, questo sentimento che ti lega ad Andrew in modo indissolubile, che vi rende una persona sola, che vi rende completi.

Grazie N.R. Walker, per questa storia d’amore. Per aver creato un personaggio che è un caleidoscopio di emozioni. Passionale, ironico, graffiante, divertente. Profondo.
E ora, che ti ho lasciato andare, Spencer, non mi rimane altro che aspettare. Cosa? Il momento giusto per leggerti di nuovo. Per ritrovare una nuova occasione per innamorarmi di te. Ancora.

DANONPERDERE

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Intervento di Retrofit” – N.R. Walker

51moowbfvzlTitolo: Intervento di Retrofit
Autore: N.R. Walker
Editore: Triskell Edizioni
Genere: Contemporaneo MM
Prezzo: €3,99
Link all’acquisto: Intervento di Retrofit

SINOSSI

Libro Primo della serie Thomas Elkin.
Generazione contro generazione, tradizione contro modernità; due uomini che impareranno molto sull’architettura e sull’amore. Riusciranno, insieme, a dimostrare che il vecchio e il nuovo possono unirsi in un perfetto design?

Thomas Elkin è un architetto di successo di New York e ha tutto ciò che la vita potrebbe offrirgli. All’età di quarant’anni ha fatto coming out e ha finalmente messo un punto al suo matrimonio con l’intenzione di vivere per davvero. Quattro anni dopo, il rapporto con suo figlio è tornato quello di sempre, Thomas si è concesso qualche storia più o meno seria e, in quanto stimatissimo architetto in stile tradizionale, è convinto di conoscere tutto sia sull’architettura che sulla vita.
Cooper Jones ha ventidue anni ed è appena entrato nel mondo dell’architettura. È un ragazzo talentuoso, professionale e con una forte passione per il suo lavoro, oltre a essere terribilmente esasperante. Insomma, la perfetta definizione di Millenial.
Quando viene scelto come tirocinante nell’azienda di Thomas, questi non si aspetta di certo che Cooper sconvolgerà completamente la sua vita. E se Tom insegnerà al ragazzo ogni cosa che sa sull’industria architettonica, Cooper da parte sua gli darà un’enorme lezione di vita.

recensionelady

Credo di avere letto tutto quello che finora è arrivato da noi in Italia della Walker, l’apprezzo molto ma non ero per nulla preparata a questo nuovo romanzo: un primo volume divertentissimo e delicato, che parla di un amore non del tutto convenzionale.

Scagli la prima pietra colui o colei che non ha mai fatto battutine sulla differenza d’età quando un membro della coppia è un “pochino”  più  anzianetto dell’altro?!
La società e la pubblicità ci hanno condizionato troppo secondo me. Da sempre l’uomo maturo ha fascino, se conquista una ventenne è un idolo, un gande, un figo! Se lo fa una donna è una vecchia nave scuola; tutti a darle della ninfomane che si nutre di carne giovane…
Io non mi sono mai fatta troppi problemi, sono uscita anche con uomini di dieci anni più giovani di me! Quindi adoro il gap generazionale!

Devo dire che questo libro è davvero delizioso; fa parte di una trilogia – Santo Google Subito! –  e non vedo l’ora di vedere come proseguirà la storia d’amore appena nata tra Thomas, un architetto di quarantaquattro anni, famoso, ricco e “arrivato”, e Cooper l’ex compagno di classe delle superiori di suo figlio. Eh sì ragazzi: il fascino del capello brizzolato e della mente intelligente di Thomas ha stregato quello “stronzetto” irriverente di Cooper!
Il libro è scritto tutto dal punto di vista di Thomas, scelta molto azzeccata, visto che tra i due è il pesonaggio più tormentato. Un amore a prima vista che riduce Thomas a un fascio di nervi, quasi avesse di fronte la più golosa delle torte:

“Davanti a me non c’era un adolescente smilzo e goffo, ma un giovane uomo dal corpo atletico. Capelli castani corti e disordinati, un largo sorriso e furbi occhi nocciola…”

Per un curioso scherzo del destino, Cooper si rivela essere il più promettente degli stagisti che lavoreranno proprio nella compagnia di Thomas. Lavorare fianco a fianco sarà per entrambi croce e delizia.
Thomas si pone continuamente mille domande, non sa che pesci pigliare; è terrorizzato all’idea di tornare in ufficio e subire un processo per molestie sessuali, se solo si permettesse di mettere in pratica quello che Cooper gli ispira tutte le volte che si lecca le labbra:

Non volevo che pensasse a me come al padre di un suo amico. Non volevo che pensasse che lo consideravo un ragazzino. Non volevo che mi reputasse come un uomo del doppio della sua età, o il suo capo, o… Non lo so cosa cazzo volevo che pensasse”

Cooper invece è tutto irriverenza, linguaccia lunga e giovane età; crede di non avere nulla da perdere e sarà lui a sbloccare la situazione. Ha solo ventidue anni, ma ragazzi che tempra! Sicuramente conquisterà il mondo, visto che per Thomas ormai non c’è più speranza: è cotto di quel ragazzino!

Sono letterlemente morta dalle risate con le loro scaramucce sull’età, ma ho anche temuto che, a casua di austere politiche aziendali e pregiudizzi, Thomas decidesse di reprire i propri sentimenti e rinnegare il legame che ormai non può più nascondere, se ne è accorta pure la sua assistente:

“«Nessuna battuta sull’età?» chiesi, entrando in ascensore con lui. «Ieri sembrava che non avessi fiato per altro.» «Davvero si ricorda di ieri?» ribatté Cooper, con gli occhi spalancati. «Devono averle prescritto delle medicine proprio miracolose.»… «Lui la rende felice. Non l’ho mai vista così felice. Non importa che cosa pensino gli altri o che cosa dicano. Importa soltanto quel che prova lei.»”

Non c’è molto angst in questo libro, non so se arriverà nei seguiti, per me è stata una piacevolissima lettura che mi ha rimesso in pace col mondo. Ogni tanto c’è bisogno di una coccola, questo libro per me lo è stata.
Thomas che è da poco uscito allo scoperto ha l’occasione di vivere alla luce del sole questo amore appena nato, e chi sono gli altri per giudicarlo?

Thomas ricordati che “chi non risica, non rosica”, quindi bando alle ciance e non farti sfuggire questo delizioso “stronzetto” tutto pepe che è fatto apposta per te:

“Davvero mi sarei abituato a uno come lui? Al suo atteggiamento, all’irriverenza, alla sfacciataggine e a quella dannatissima cosa della Generazione Y, che mi stava facendo impazzire?Lo dubitavo, ma di certo mi sarei divertito a scoprirlo.”

emozionante