Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Kríe Captivity” – Kora Knight

Titolo: Kríe Captivity
Autore: Kora Knight
Serie: The Nira Chronicles #1
Genere: Paranormal, Alieni, Threesome, Multipartner, Erotico, lieve BDSM
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Kríe Captivity

SINOSSI

Nira. Il pianeta appena mappato dalla Astrum Industries. Una nuova scoperta. Completamente inesplorato. Ma le cose stanno per cambiare
Una squadra di esploratori guidata dal capitano Alec Hamlin deve fare un atterraggio d’emergenza e viene presto in contatto con gli indigeni di Nira. Un gigantesco maschio Kríe, tutto muscoli, corna e zanne. Per fortuna è amichevole, o così li spinge a credere.
Con l’aiuto del suo branco, il Kríe prende prigioniero il team di Alec con l’intento di venderlo. Ma gli abitanti di Nira non sono solo malvagi, sono anche arroganti e prepotenti. E soprattutto molto, molto sessuali. Il che spiega perché, durante il viaggio per vendere le nuove merci, danno da mangiare ad Alec e ai suoi un potente afrodisiaco. Non c’è niente di meglio che un po’ di divertimento sensuale durante il lavoro, in fin dei conti.
Presto la squadra di esploratori si trova a lottare con il desiderio irrefrenabile di accoppiarsi con i loro rapitori. Ma quando la passione prevale e si vengono a formare legami inattesi, emergono nuove verità. Il tempo stringe: basterà far cambiare idea ai Kríe per mutare il destino del team di Alec?

Slanif2

Quando Alec Hamlin e i suoi colleghi – il copilota Zaden, il mercenario Chet e i tre scenziati Noah, Jamis e Bailey – sono partiti per la loro missione esplorativa per il pianeta Nira, tutto si aspettavano meno tranne che essere attaccati da tre specie di Draghi con la pelliccia e di finire nelle mani dei Kríe, i suoi abitanti alieni.
A capeggiare il gruppo c’è Gesh, insieme a Romi, Naydo, Milos, Finn e Filli. I cinque sono alti tre metri, hanno la pelle viola, indossano solo una specie di gonnellino di pelle e svariati orpelli come bracciali e piercing. La peculiarità? Per i Kríe il sesso è tutto e sarà proprio con questo che terranno soggiogati i nostri impavidi umani (insieme all’aiuto di un piccolo espediente che non vi spoilero)… Ma che succederà quando Gesh prenderà una decisione che condizionerà tutti loro e i sentimenti fragili e nascenti che stanno scoppiando tra i vari componenti del gruppo verranno messi in crisi?
Primo volume della serie, è più una sorta di prologo a quelle che saranno le vere vicende. Cominciamo a conoscere il mondo di Nira, le sue usanze e abitudini, così come la fame insaziabile (e non parlo di quella dello stomaco, per inciso) dei Kríe, che non perdono occasione di soddisfare.
Anche se alcune situazioni sono un po’ sopra le righe, a mio gusto, durante la lettura ho avuto per tutto il tempo la voglia di continuare e andare avanti; scoprire cosa sarebbe successo nella scena successiva e facendomi domandare: quando uscirà il secondo volume? Sì perché, come dicevo, qui c’è solo un primo abbozzo alla vicenda, che si prospetta ben più complessa e che spero vedrà risvolti interessanti nel secondo volume.
Ammetto che il personaggio che mi ha affascinato meno è proprio il nostro protagonista, Alec, che però ha la voce narrante per l’intera vicenda, a discapito di (soprattutto) Zaden, Chet e Noah che mi hanno intrigato di più. Spero che nel secondo volume ci sia un maggiore approfondimento anche sulle loro storie e sulle dinamiche con i rispettivi Kríe, perché altrimenti mi sentirei davvero dispiaciuta!
Insomma, un buon primo volume che apre le porte a quello che si prospetta essere un continuo mooolto interessante e che spero di leggere al più presto, soprattutto ora che il Re è entrato in gioco… Cosa succederà al nostro Team Umani? Non vedo l’ora di scoprirlo!

4
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Per volere dei cieli” – N. J. Lysk

Titolo: Per volere dei cieli
Autore: N. J. Lysk
Genere: Multipartner, Mpreg, Royal, Erotico, Dark
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Fuori catalogo
Link all’acquisto: Fuori catalogo
Nota: Questo libro contiene scene di sesso non consensuale e violenza

SINOSSI

Il principe Hiram di Pradeira è ritenuto inadatto a ricoprire il ruolo di re dopo la morte di suo padre. Essendo però un discendente diretto degli dei, saranno i suoi consanguinei a regnare.
Per scongiurare la guerra civile, Hiram rinuncerà al trono, garantendo la sua discendenza accettando di avere un figlio da ognuno dei principi appartenenti alle altre nobili casate del regno, alla nascita del primogenito il padre che lo avrà concepito salirà al trono in attesa di cederlo al figlio.

Slanif2

Non mi capita mai di avere difficoltà a scrivere una mia opinione su una lettura esprimendo il mio punto di vista e le mie impressioni, ma questo racconto breve di N. J. Lysk (sono appena una cinquantina di pagine) è difficile – se non impossibile – da recensire.
Non perché sia scritto male, ma perché lo scopo ultimo di questa storia non sono riuscita a comprenderlo.
Hiram di Pradeira è un Principe che, alla morte del padre, si trova costretto a prendere una decisione orribile per far sì che il mondo non vada in guerra: dovrà sacrificare il suo corpo e la sua anima e concedersi a tutti i Re degli Regno, così da concepire un figlio per loro e “tenerli buoni”.
Ciò avviene dopo un Giuramento fatto praticamente sotto costrizione e seguito poi da quelli che non si può che descrivere come abusi, in quanto questi Re sono brutali e lo trattano essenzialmente come il primo pezzo di carne disponibile. Noi lettori stessi non conosciamo molti dei loro nomi, come se fossero macchie sfocate sullo sfondo, enfatizzando il distacco tra noi e loro.
Questo racconto non contiene una vera trama (perché Hiram è solo contro il mondo e non interagisce praticamente con nessuno), non c’è erotismo (perché è tutto un brutale accoppiarsi senza alcuno scopo se non la procreazione) e tantomeno il romanticismo (con quello che vi ho sommariamente raccontato, dove lo mettiamo, esattamente? Impossibile). Perciò… Non so bene quale fosse lo scopo ultimo di N. J. Lysk, ma di certo questa è una lettura per pochissimi, e solo se amanti del Dark.

3
Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, uno collettivo

Recensione in anteprima “PRIDE!” – A. A. V. V.

Titolo: PRIDE!
Autore: Emma J. Croft, Lucrezia Luce, Clizia Salvati, A. L. Red, Venda J. Croft, Ezra T. Marshall
Genere: Antologia, Illustrato, MM, FF, Gap Generazionale, Contemporaneo, Threesome, Travel Time, Transgender, Multipartner
Casa Editrice: UNO Collettivo
Prezzo: 0,99€
Link all’acquisto: PRIDE!

SINOSSI

Dalla finta relazione di Lele, al passato tormentato di Lara, passando dalle amicizie di Sergio verso le esplorazioni di Alessandro, per giocare alla lotteria di Edoardo e saltare nel tempo con Zoe… sei racconti, sei connessioni, sei sguardi sul Pride attraverso personaggi che si amano, si conoscono e si incontrano per marciare con orgoglio.

Per chə vive nella comunità LGBTQ+ e per chə è ally, il mese di giugno è sinonimo di “Pride”, una parola inglese che vuol dire “Orgoglio”: l’orgoglio di essere se stessi e di dirlo a tutti, di mostrarlo al mondo intero, facendo sentire la propria voce e sfilando per le vie della città.
UNO Collettivo, con sei dei suoз autorз, ci ha regalato quest’anno sei racconti che parlano di vari personaggi in varie situazioni sentimentali e in diversi momenti della loro vita. Personaggi queer che ci permettono di scoprire pezzetti delle loro esistenze che potrebbero, in qualche modo, rispecchiarsi nelle nostre.
Per apprezzare al meglio la raccolta bisogno approcciarsi con la giusta ottica: si inizia la lettura partendo già in medias res e ci si potrebbe sentire un attimo frastornati, ma presto ci si raccapezza e la si può godere appieno: man mano che si procede, i vari tasselli vanno al loro posto per creare un interessante puzzle.
Ho gradito particolarmente che all’inizio di ogni racconto ci fosse una specie di scheda riassuntiva con il rating di classificazione della storia e i tag principali trattati, perché mi ha permesso di concentrarmi maggiormente sul contenuto di ogni racconto.
La sfilata del Pride è il collante di tutte le storie, dove i vari personaggi di ogni vicenda si incrociano, mescolandosi fra loro, toccando le rispettive vite in un momento, in un gesto, in una frase. Questi incontrarsi sono una ‘causa’ e in qualche modo portano a un ‘effetto’ – temporaneo o permanente, lo dirà solo il tempo. È stato piacevole vedere come dei perfetti sconosciuti riescano a creare una connessione, un cambiamento, nelle vite di altrettanti sconosciuti che, per un frangente producono una connessione preziosa.
I sei racconti sono tutti scorrevoli, si leggono con piacere e mi hanno incuriosita, quindi spero di ritrovare in futuro questi personaggi in altrettanti libri, come accennato a fine volume.
Non posso raccontarvi di più, semplicemente perché rischierei di rovinarvi la lettura con qualche spoiler involontario, quindi concludo consigliandovela!

4

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Incubus: Possessione” – Emma Jaye

Titolo: Incubus: Possessione
Autore: Emma Jaye
Serie: L’Incubus #2
Genere: Dark, Paranormal, Demoni, Fae, Multipartner
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,50€
Link all’acquisto: Incubus: Possessione

SINOSSI

La Lussuria è Vita per un Incubus
Un futuro lussuoso e più azione in camera da letto di mille vite. Cosa potrebbe volere di più un essere umano?
Non essere costretto a essere una batteria di lussuria vivente[1] sembrava essere in cima alla lista di Finn.

Ezra aveva cacciato l’umanità per decenni, e la riluttanza di Finn per la sua nuova vita era un puzzle che sicuramente avrebbe risolto. Finn si sarebbe sistemato nel suo ruolo non appena il legame sarebbe stato stabilito, e si sarebbe lasciato dietro la dannosa morale umana e le ambizioni di carriera.
Fino ad allora, Ezra avrebbe usato le sue abilità per controllare l’eccezionale essere umano, se i buonisti lo avessero lasciato andare avanti. Per Ezra, il futuro brillava di promesse, ma per Finn era finito.
Il legame maturerà in tempo per aiutarli ad imparare a vivere insieme prima che l’ignoranza di Ezra spinga Finn a fuggire nell’unico modo possibile per un vascellum legato finché morte non li separi?
Possessione è il secondo libro della serie paranormale MM, Incubus. Include un incubus diabolicamente sexy senza morale intento a farsi un nome, e un umano che trova difficile accettare che la sua vita è cambiata.
Questo libro è parte di una serie, da leggere di seguito e non da solo.
Sono presenti contenuti riguardanti la costrizione, problemi di salute mentale, arroganza da incubus, un vascellum riempito troppo, una fae invadente, e un mutaforma canino dalla lingua magica.

Evelyne2

Ricordate “Incubus: seduzione”? Chi ha letto la mia recensione sa che ho avuto qualche difficoltà durante la lettura. Come potete immaginare, mi aspettavo qualcosa che mi desse una motivazione per proseguire con la serie. Purtroppo, non ho trovato quello che cercavo.
Non voglio anticipare nulla a chi lo leggerà, perché è giusto farsi una propria idea, ma cercherò di spiegarvi come mi sono sentita durante la lettura.
Il primo dettaglio a cui ho dato attenzione è stata la scritta “include un po’ di violenza e interazione non-consenso/consenso incerta“. Mi sono dunque preparata a una lettura con scene particolari, forti e dubbie. Ebbene, non credo che questo sia il modo corretto di definire le scene inserite in questa serie. Nel primo volume abbiamo visto qualcosa, ma nulla se messo a confronto con le scene di sesso, violenza e stupro che potete leggere qui.
Ho sempre letto queste situazioni riuscendo a gestire le emozioni che mi suscitavano. Se inserite in un buon contesto, motivate e ben descritte, credo siano un ottimo modo per dimostrare la capacità di scrittura di un autore. In questo caso, mi hanno portata a dubitare persino del vero intento che ha portato alla stesura di questa storia.
Desideravo conoscere il mondo in cui il tutto si ambienta e sono contenta di aver avuto qualche informazione in più grazie a un nuovo personaggio. Se devo dare un parere riguardo la parte restante… È un grande no.
Lo stile e la scrittura utilizzati non mi hanno particolarmente affascinata sin dall’inizio, ma è qualcosa su cui non mi soffermo molto, perché ognuno di noi può trovarsi o meno con uno stile, purché la storia sia ben caratterizza e pensata, a me sta bene. Ma la storia, qui, è quasi totalmente assente, a favore di scene molto forti.
C’è un’idea di base che si intravede, ma mi sono chiesta più di una volta se fosse solo un modo per esercitarsi su scene violente, che sembrano create appositamente per indispettire il lettore. Apprezzo scene di questo tipo se ben congegnate, ma queste davvero non lo sono.
Con una caratterizzazione efficiente dei personaggi e delle loro emozioni il lettore avrebbe potuto apprezzare la durezza con cui ogni avvenimento accade.
Con una preparazione di base di questo tipo, non credo riuscirò a proseguire con la lettura della serie.
Sarei curiosa di scoprire cosa l’autrice vorrebbe presentare dopo queste scene, ma non credo di averne il coraggio. Non per il momento, almeno. In futuro? Chissà… Staremo a vedere!

3

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “La forza di Kean” – Nora Phoenix

Titolo: La forza di Kean
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #5
Genere: Mutaforma, Mpreg, Multipartner, Paranormal, Erotico, Threesome
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: La forza di Kean

SINOSSI

Può un alfa orgoglioso cambiare il suo comportamento e diventare l’uomo di cui i suoi compagni hanno bisogno?

Bray ha accettato che lui, Kean, e Ruari sono compagni predestinati, ma sa che il loro “per sempre felici e contenti” è ancora lontano. Ha bisogno di cambiare, ma da dove iniziare? Potrà mai diventare l’alfa che è degno dei suoi compagni e il papà di cui il piccolo Jax ha bisogno?
Il resto del branco è scosso dalla pesante perdita subita. Il sacrificio del membro del branco porterà qualcosa di buono? Le relazioni vengono messe alla prova e i legami si approfondiscono man mano che il branco affronta la sfida più difficile…

La Forza di Kean è un romanzo mpreg MMM e il quinto libro della serie Il Branco Hayes. Tutti i libri devono essere letti in ordine e non sono standalone. La storia d’amore tra Bray, Kean e Ruari ha un lieto fine in questo libro, ma la storia generale del branco continuerà nel successivo.

Evelyne2

Chi di voi conosce i nostri protagonisti sa cosa è accaduto in precedenza e quanto questo capitolo sarà importante per acquisire nuove informazioni e dare l’opportunità al branco Hayes di mettersi in gioco. Lidon e Palani sono ancora una volta alla guida del branco, alle prese con nuove problematiche e relazioni ancora incerte.
Dopo aver letto tutti i volumi, posso affermare con certezza che in questo quinto ho visto un equilibrio prima assente. Tra tutti, è sicuramente il migliore. Ci racconta i progressi tra Lidon, Palani, Enar e Vieni, Grayson Lars e Sven, e Bray Kean e Ruari. Questi ultimi non hanno ancora raggiunto una grande stabilità, poiché la loro relazione è ancora giovane, ma l’Alpha ha messo tutto se stesso in questa storia e sarà dolce e divertente vederlo alle prese con suo figlio e tante responsabilità.
Mi è piaciuto leggere di come ogni personaggio sia cresciuto e abbia finalmente mostrato una caratterizzazione in grado di dare molto di più alla storia e ai suoi compagni.
Ho notato qualche incertezza e pecca nel modo in cui vengono trasmesse le informazioni. Sono davvero molte e non è facile riuscire a dosarle correttamente. Se penso però a “L’offerta di Lidon” vedo un’evoluzione davvero incredibile. Sia per quanto riguarda lo stile e la scrittura dell’autrice, che per i suoi numerosi protagonisti. Un cambiamento notevole, che mi ha soddisfatta e che spero continuerà a farlo nei successivi volumi.
Se amate le threesome, l’m-preg e le storie con multipartner, questa è la serie che fa per voi!

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “L’orgoglio di Bray” – Nora Phoenix

Titolo: L’orgoglio di Bray
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #4
Genere: Mutaforma, Mpreg, Threesome, Paranormal, Erotico, Multipartner, Kink
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: L’orgoglio di Bray

SINOSSI

Possono un beta testardo e un omega impertinente domare il loro alfa orgoglioso?

L’alfa Bray vuole un dolce e arrendevole omega che gli darà un erede alfa. Ma non lo vuole adesso. È troppo giovane per sistemarsi. Ecco perché avere rapporti occasionali con Kean è perfetto.
Kean pensava di poter avere un rapporto informale con Bray, ma quando inizia a desiderare di più, Bray dice chiaramente di non essere interessato. Quando Ruari, un omega padre single, arriva al ranch con il suo bambino, Kean entra istantaneamente in sintonia con lui. Rompe con Bray per poter corteggiare Ruari, lasciando l’alfa confuso e arrabbiato.
Ruari non esita quando a lui e al suo bambino viene offerto un posto sicuro al PTP ranch. Ha un disperato bisogno di supporto, e incontrare Kean gli fa venire voglia di restare. Ma quando Ruari si imbatte nel padre alfa del suo bambino, le cose si complicano velocemente.
E mentre le scintille volano e gli animi si scaldano, Bray, Kean, e Ruari cercano di capire come gestire la loro situazione. Un beta testardo e un omega altrettanto impertinente dimostrano di essere più che adatti per un alfa un po’ arrogante. Nel frattempo, tutti i membri del branco devono prendere posizione contro una minaccia crescente. Quando arrivano i guai, il branco reagisce, ma ne pagherà le conseguenze.

L’orgoglio di Bray è un romanzo MMM mpreg e il quarto libro della serie Il Branco Hayes. Tutti i libri devono essere letti in ordine e non sono standalone. La storia d’amore tra Bray, Kean e Ruari finisce in un leggero cliffhanger e continuerà nel prossimo libro.

Evelyne2

Chi di voi ha letto le mie precedenti recensioni sa che ho apprezzato molto i protagonisti, anche se con piccoli alti e bassi. Chi più chi meno, credo che l’autrice abbia creato personaggi davvero interessanti e più realistici di molti altri. Bray è un esempio perfetto: orgoglioso, scostante, eppure così insicuro e incapace di mostrare le proprie emozioni. Trasporta il letture e mostra un lato del suo carattere che prima sarebbe stato impossibile notare. Non sapevamo abbastanza di lui, anche se Grayson, protagonista di “La resa di Lars“, è suo padre. Le informazioni acquisite qua e là non gli rendevano giustizia. Come lui, anche Kean e Ruari si mostrano sotto diversi aspetti, ognuno in grado di donare qualcosa in più al personaggio e alla storia stessa. Ruari è nuovo al branco e alle sue dinamiche, così come il piccolo Jax, mentre Kean lo abbiamo già incontrato. Un personaggio pacato, determinato, che ci ricorda molto Palano, suo fratello minore.
Vedere finalmente quell’equilibrio che tanto ho cercato mi ha emozionata. Anche se con qualche piccola pecca, questo volume è tra i miei preferiti. Questo secondo trio ha aggiunto qualcosa, pur portando con sé il quartetto da cui è nato tutto e il primo trio, con un Grayson ancora migliore e vero nei suoi sbagli e le sue azioni. Il personaggio di quest’ultimo emerge maggiormente se paragonato agli altri, ma considerando le vicende che hanno portato all’allontanamento di padre e figlio, l’ho trovato più che giusto.
Inizio ad apprezzare molto di più il modo in cui il calore degli omega viene presentato. Probabilmente, aver conosciuto per primo Vieno, per cui non ho mai provato molta simpatia, ha influenzato il mio giudizio su Sven. Grazie a Ruari sono riuscita a vedere anche Sven sotto un altro punto di vista, e l’assurdità della loro situazione è apparsa meno forzata ora che si hanno più dettagli e accorgimenti.

“Ruari lo fissò per qualche secondo, poi scosse la testa lentamente. “Cos’è, un branco o una specie di sex club?””

Ci sono ancora momenti in cui il tutto risulta grottesco, ma è una caratteristica di questa serie che avevo già accettato e amato, per la leggerezza che donava all’intera storia. Al termine di ogni lettura ho sempre il sorriso sulle labbra e tanta voglia di leggere il volume successivo. Aspetterò con ansia febbraio per poter leggere ancora di Bray, Kean e Ruari.

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “La sottomissione di Enar” – Nora Phoenix

Titolo: La sottomissione di Enar
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #2
Genere: Mutaforma, Mpreg, Multipartner, Paranormal, Erotico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: La sottomissione di Enar

SINOSSI

Possono quattro uomini trovare l’amore quando le antiche legende si rivelano reali, e i nemici arrivano da ogni fronte?

Lidon, Vieno, Enar e Palani stanno trovando la loro strada nella loro relazione, ma le cose stanno per farsi molto più complicate. I nuovi arrivati al ranch portano con sé una nuova conoscenza, e Lidon si fa strada in un’identità leggendaria, scoprendo poteri che non sapeva di avere.
Ma lui non è l’unico a conoscere le antiche leggende, e tra i poteri appena scoperti e la cospirazione scoperta da Palani, si stanno facendo nemici a destra e a manca. Quando i suoi compagni e la sua casa vengono minacciati, Lidon prende posizione e giura di proteggere ciò che è suo. Ma sarà sufficiente?

La sottomissione di Enar è un romanzo MMMM mpreg e il secondo libro della serie Il Branco Hayes, che unisce la costruzione di un mondo leggendario con suspence, romanticismo, momenti sexy, e tanto sentimento. Questo non è uno stand-alone, ma continua la storia del primo libro. Termina con un HEA per i nostri quattro uomini, ma la loro storia proseguirà, come personaggi secondari, nei prossimi libri.

Evelyne2

Questo secondo volume si concentra ancora sui quattro protagonisti precedenti: Lidon, Enar, Vieno e Palani. Chi di voi conosce la storia sa come abbiamo lasciato i ragazzi e quanto sarà diversa questa lettura rispetto all’altra.
Come potrete intuire dal titolo, Enar è il personaggio che spicca maggiormente, ma che comunque non prende il sopravvento su nessuno di loro. La presenza dei quattro e le loro interazioni sono equilibrate, molto più del primo volume. Qui possiamo conoscere Palani, giornalista beta acuto e perspicace, Lidon, il poliziotto Alpha di poche parole ma molto dolce e comprensivo, Vieno, unico omega e centro della loro relazione, ed Enar, il medico dolce e sensibile che li ha fatti incontrare.

“Non importava quanto ci provasse, non sarebbe mai stato in grado di conformarsi alle regole, alle aspettative che la società aveva su di lui in quanto alfa.”

Ognuno di loro ha una personalità importante e ben delineata, che finalmente si mostra nella sua interezza e non lascia nessuno indietro.
Unico dettaglio che non mi è piaciuto, e che avrei volentieri evitato di inserire, sono le scene di sesso utilizzate per evolvere i personaggi. Il sesso è il fulcro di tutto, avendo un omega e il suo calore incontrollabile in cima alle loro priorità, ma avrei preferito vedere i personaggi crescere come singoli e come coppie fuori dal letto più spesso di quanto accade. Accade raramente, ma quei momenti mi sono sembrati molto più significativi, perché non influenzati dal calore o dai feromoni. Per quanto il sesso possa essere importante, questi personaggi vanno oltre il mero atto sessuale e avrei amato vederli in più situazioni.
Resta comunque una bellissima storia, che mi ha emozionata e coccolata. L’insicurezza di Enar aveva bisogno di qualche pagina in più per essere finalmente messa a tacere e sono contenta di aver visto in Palani l’uomo di cui aveva bisogno. Vieno è sempre quello con cui faccio più fatica, ma stavolta anche Lidon ha avuto i suoi alti e bassi.
Aspetto con gioia di poter leggere il terzo volume che spero verrà tradotto. Sven, Lars e Grayson hanno molto da darci, specialmente lo scrittore intrigante e dominante. Tifo per lui dal primo momento!
Avete letto “L’offerta di Lidon“? Allora correte a leggere “La sottomissione di Enar“, non siete curiosi di sapere come riusciranno a relazionarsi tra loro?

4.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing, Senza categoria

Recensione in anteprima “L’offerta di Lidon” – Nora Phoenix

Titolo: L’offerta di Lidon
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #1
Genere: Mutaforma, Mpreg, Multipartner, Paranormal, Erotico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: L’offerta di Lidon

SINOSSI

Quattro uomini, uniti dal destino, connessi in maniera più potente di quanto avessero mai immaginato.

Lidon, il possente poliziotto alfa, che aiuta un omega vulnerabile durante il calore, e crea con lui una sintonia che lo lascia sbigottito.

Vieno, l’omega che soffre di una condizione medica che necessita l’aiuto di un alfa. Avrebbe dovuto essere solo sesso, ma l’attrazione immediata verso l’alfa è molto più profonda.

Enar, il medico alfa che lavora fino allo sfinimento, qualsiasi cosa pur di zittire le voci interiori che gli urlano di non essere un vero alfa.

Palani, l’impertinente giornalista beta che farebbe qualsiasi cosa per salvare il suo amico d’infanzia e amato omega, anche se ciò vuol dire guardare un altro uomo reclamarlo.

Tra disordini politici, prove di corruzione e frode, e una questione medica potenzialmente letale, quattro uomini capiscono cosa e chi sono l’uno per l’altro.

L’offerta di Lidon è un romanzo MMMM mpreg, e il primo libro della serie Il Branco Hayes, che unisce la costruzione di un mondo leggendario con suspence, romanticismo, momenti sexy, e tanto sentimento. Allacciate le cinture per un emozionante giro sulle montagne russe che vi lascerà senza fiato! Questo romanzo non è uno stand-alone, e il libro termina con un leggero cliffhanger. Si prega di notare i contenuti offensivi nella parte anteriore del libro.

Evelyne2

Una storia che sicuramente ricorderò grazie alle sue particolarità e alla difficoltà che ho incontrato nel scrivere questa recensione.
Ci sono davvero molti aspetti che ho apprezzato, ma anche altri che invece mi hanno lasciata un po’ dubbiosa e confusa.
Non vi svelerò molto della trama, perché le interazioni tra Lidon, Enar, Vieno e Palano sono alla base dei colpi di scena e dell’intera storia che proseguirà nel secondo volume (di cui presto vi parlerò).

“Tu e Vieno, Vieno ed io, io ed Enar, Enar e te, tutti questi legami e connessioni e relazioni hanno nascosto quello che stava succedendo realmente.”

Posso però dirvi che rimane impressa, perché l’autrice ha creato intrecci che mai mi sarei aspettata. In alcuni casi ho apprezzato queste novità andando avanti e conoscendo meglio i protagonisti, in altri invece ho sempre pensato che non si sarebbe mai potuto raggiungere un livello adeguato rispetto agli altri. Specialmente riguardo il personaggio di Vieno, quello che ho apprezzato meno.
Ci sono state situazioni in cui ho notato incongruenze, soprattutto nella prima parte. I protagonisti sanno di provenire dai loro antenati lupi, ma nessuno aveva capito che l’aggressività e gli istinti animali provenissero da lì. Per quanto questo porti a molti quesiti e dettagli interessanti, lo trovo poco credibile, specialmente se detta da qualcuno di così acuto come Palani. Altro punto che non ho ben capito, e che andando avanti è di gran lunga peggiorato, riguarda invece Vieno. Ci viene detto sin da subito che la sua personalità cambia durante il calore, mentre durante il resto del tempo non è una persona esageratamente focosa. Ecco, questo non è affatto vero. Forse nella prima parte, ma la seconda ci fa già capire che era stata una “spiegazione” senza alcun senso nei suoi confronti. Probabilmente utilizzata per introdurre altri discorsi, ma nel suo caso non vedevo niente di male nel dire che il calore accentuava questo suo tratto, anziché negarlo totalmente.
Incongruenze di questo tipo possono capitare, ma sono troppo importanti per il proseguo della storia.
Vieno è quello per cui sono riuscita a provare meno simpatica. Ho visto il personaggio come una motivazione per inserite moltissime scene di sesso e focalizzare il tutto su un omega che sembra quasi abbia due diverse personalità, che poi però convergono senza alcun problema.
Palani, Lidon ed Enar, al contrario, mi sono piaciuti molto! Specialmente Enar, con la sua dolcezza e insicurezza, mi ha catturato sin dalla sua prima apparizione. Ho sperato che ci fosse un lieto fine per tutti quanti, ma lui era quello per cui speravo davvero.
È una storia molto incentrata sul sesso, poiché l’autrice ha creato un mondo in cui il calore degli omega è sempre presente. Ciò comporta situazioni al quanto particolari e sensuali, forse anche un po’ controverse, ma che sicuramente rimangono impresse e invogliano il lettore ad andare sempre avanti e scoprire cosa succederà tra questi quattro uomini così diversi tra loro. È uno dei punti forti dell’intera serie e che sicuramente vi faranno amare le interazioni tra i quattro e a volte anche ridere per il modo in cui tutto questo viene percepito e spiegato dai personaggi.

“Ha il gene Melloni. Non è stato annodato da tre anni. È in pessima forma e ha bisogno di te, Lidon. Devi scoparlo di brutto o potrebbe morire per le complicazioni del calore soppresso.”

Insomma, non mancano le situazioni serie, ma neanche quelle esilaranti, che ci mostrano una storia al limite.
Mi aspettavo un finale aperto ed ero curiosissima, perché sapevo avrei avuto la possibilità di leggere il seguito.
Ve ne parlerò molto presto!

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “L’amato dal Branco” – N. J. Lysk

Titolo: L’amato dal Branco
Autore: N. J. Lysk
Serie: Le Stelle del Branco #5
Genere: Mutaforma, Mpreg, Multipartner, Paranormal
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: L’amato dal Branco

SINOSSI

Un omega è essenziale per il suo branco.
Ma un omega è solo un uomo.
E un uomo ha bisogno di essere amato.
Si può concedere il corpo ma non il cuore?

Roy ne ha passate tante da quando ha formato un branco con i suoi cinque alpha. Però ora ha dei beta propri che li supportano nella cura dei figli, una casa fatta e finita, e ha perfino iniziato a dipingere di nuovo.
Eppure il passato non scompare facilmente, e Ray sta affrontando le conseguenze di un trauma orrendo. Per fortuna ha i suoi compagni alpha al suo fianco, a ogni passo di questo processo. Specialmente il suo migliore amico d’infanzia, Josh.
Ma Ray vuole altro da lui, oltre che supporto incondizionato e devozione impareggiabile; vuole che Josh lo ami.
Non come un alpha ama un omega, ma come un uomo ama un altro uomo.
Per Josh, non c’è niente di peggio che vedere Ray soffrire e lo ha visto fin troppo spesso per dimenticarselo in fretta, ma riuscirà a scorgere il ragazzo che ama, sotto le cicatrici che gli ha lasciato il mondo?
Se Ray sarà abbastanza forte da chiedere aiuto e Josh potrà credere in lui, sarà possibile un brillante futuro per il branco… non importa quanto siano vivi gli spettri del passato.

Evelyne2

L’amato del branco“, ultimo volume della serie “Le stelle del branco“, ci mostra l’evoluzione delle tre coppie che sono state le protagoniste di questi sei libri.
I protagonisti, Ray e Josh, si raccontano con chiarezza, dando al lettore nuovi spunti sulla loro coppia e sul passato che li ha da sempre legati e uniti.
Sergei e Iesu, Alec e Gabriel sono sempre presenti, aiutano il loro omega e lo supportano. Ho visto un miglioramento nella presentazione degli Alpha, che finalmente si mostrano in tutta la loro bellezza.

“Amare era l’atto di credere che un’altra persona potesse vedere chi eri davvero e accettarlo. Non c’era modo di correre quel tipo di rischio senza stare un minimo a disagio. Non avrebbe avuto senso. E senza quel rischio folle, non ci sarebbe nemmeno stato l’amore.”

Se penso a tutti i miei dubbi sul primo volume e su tutto ciò che era stato affrontato, ora vedo quanto l’autrice sia migliorata e sia riuscita a mostrarlo attraverso la caratterizzazione dei suoi personaggi. Chi ha letto l’intera serie non può certo dimenticare tutti i temi complessi che sono stati affrontati: stupro, violenza, gravidanza indesiderata… La sofferenza ha fatto da padrone per molto tempo nella vita di Ray, tanto da sembrare eccessiva e fin troppo predominante anche su tutto ciò che la circondava. Arrivata ora a questo punto, continuo a essere dell’idea che ciò sia stato forzato non poco, nascondendo invece la vera bellezza di questa serie, che dopo sei libri è finalmente riuscita a soddisfarmi.
Le riflessioni dei personaggi risultano ancora un po’ ripetitive, raccontano eventi e dettagli che conosciamo già o che era semplice immaginare considerando gli eventi accaduti e spiegati con precisione.
È stato ironico vedere con quanta lentezza e tranquillità sia stata narrata questa storia se la mettiamo a confronto con l’inizio. Due opposti in ogni dettaglio, che mostrano la diversità e lo sviluppo dei sei protagonisti, ma che non creano un equilibrio necessario per godersi sempre la lettura.
Tra tutti questo è sicuramente uno di quelli che mi è piaciuto di più. Ha qualche pecca, ma mostra una conclusione e un quadro di gran lunga migliore. Ho potuto apprezzare le potenzialità di una storia che mi aveva messa spesso in difficoltà e non possono esserne più felice.
Se avete iniziato la lettura dei primi, non fermatevi. Vale la pena arrivare alla fine e godersi queste tre coppie, ben equilibrate e perfette nella loro diversità.

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Niente di speciale” – A. E. Via

A E Via

Titolo: Niente di speciale
Autore: A. E. Via
Serie: Nothing Special #1
Genere: Poliziesco, Erotico, Multipartner
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 6,60€
Link all’acquisto: Niente di speciale

SINOSSI

Il detective Cashel “God” Godfrey è enorme, tatuato e perennemente arrabbiato, tanto che di norma la gente lo tiene a distanza. Nessuno vuole essere il partner di quella bestia alta quasi due metri, che ha un’incapacità cronica a fidarsi degli altri. Quando Cash osserva gli agenti appena usciti dall’Accademia, presenti nella sala riunioni, di certo non si aspetta di incontrare un paio di sexy occhi nocciola che lo fissano. Occhi del bellissimo detective Leonidis “Leo” Day.
Leo è affascinate, spiritoso, esilarante, sarcastico ed è l’unico che riesce a far sorridere Cash. È gay dichiarato ed è un detective di tutto rispetto.
Insieme, Cash e Leo diventano i detective della narcotici più venerati e di successo che Atalanta abbia mai avuto. Sono in grado di comunicare e di capirsi l’un l’altro senza dire una parola e molto in fretta si ritroveranno a fare carriera.
Quando Cash salva la vita di Leo durante una retata molto pericolosa, Leo inizia a vedere qualcosa in quell’uomo grande e grosso che nessun altro vede… qualcosa di speciale. La paura più grande di Leo è quella di non riuscire ad abbattere il muro impenetrabile che Cash ha innalzato attorno al suo cuore.

Niente di Speciale” accompagna il lettore a vivere situazioni emozionanti grazie a una trama intrigante e complessa. Desiderio di essere amati, passione, sfide, tribolazioni, spettacolari azioni di polizia e un improvviso cambiamento, che porterà a un finale bellissimo ma imprevedibile.

Evelyne2

Niente di speciale” di A. E. Via è il primo volume di una serie che non vedo l’ora di poter continuare. Cash “God” e “Leo” Day sono i protagonisti, entrambi poliziotti, molto diversi tra loro. Li vediamo inizialmente durante il loro primo incontro, del tutto fuori dagli schemi. È ideale per farci un’idea di quale sarà il loro rapporto e, soprattutto, perché un personaggio in special modo si scontrerà spesso con Day.

Riusciva però anche a percepire la fiducia smisurata che God riponeva in lui. Una fiducia così sconfinata e profonda, più forte della paura.

Passiamo poi a molti anni dopo, quando sono ormai diventati amici. God è quello che può essere facilmente definito il “poliziotto cattivo”. È tatuato, grande e grosso e tiene tutti a distanza, compreso il suo partner. Nonostante Day cerchi in ogni modo di conoscerlo meglio, Cash frappone un muro tra loro. Il suo personaggio mi ha intrigata, ero curiosa di scoprire cosa gli fosse successo per reagire in un modo così deciso e a tratti anche aggressivo. Sono rimasta piuttosto soddisfatta della motivazione fornita, in particolare dall’inserimento della famiglia di God, che per la gran parte del tempo è coperta da una nube di mistero.
Day, al contrario, è il “poliziotto” buono, devoto  e in qualche modo facile da capire. Tra i due, è sicuramente il protagonista con cui è più semplice entrare in sintonia. Anche se in alcuni momenti non ho compreso molto le sue azioni, devo essere sincera. Nella prima della storia i due hanno la completa attenzione del lettore, ma nella seconda parte intervengo altri personaggi. In modo del tutto inaspettato, questi personaggi diventano parte del rapporto tra Day e God. Da un lato mi è piaciuta l’originalità dell’idea, dall’altra sono rimasta basita.

La sua vita era già fin troppo complicata, senza per forza doversi preoccupare anche di mettere un’etichetta alle sue preferenze sessuali.

Le scene di sesso sono un tratto caratteristico di questa lettura. È sensuale, molto sexy e le scene sono coinvolgenti, anche se numerose.
Malgrado i protagonisti siano Leo e Cash, non aspettatevi scene di sesso concentrate esclusivamente su di loro, perché l’autrice vi sorprenderà.
Al termine di questo volume è stato inserito il primo capitolo del secondo libro. Mi ha incuriosita moltissimo e non vedo l’ora venga tradotto il seguito, per scoprire cosa farà il protagonista.

4