Pubblicato in: la sirena edizioni, lux lab, recensioni

Recensione “Red” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet (1)

Titolo: Red
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #1.5
Genere: Contemporaneo, Erotico, Antologia
Casa Editrice: Lux Lab & La Sirena Edizioni
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Red

SINOSSI

“Red” è una raccolta GRATUITA di fanfiction dedicata all’universo narrativo di “JBI – Just beat it!”.
Contiene 10 fanfiction di cui 8 ad altissimo tasso erotico e spaziano da what if? ai missing moments. Tutte queste storie sono SPOILER e prendono come riferimento personaggi attualmente presenti nella saga, ma soprattutto altri che appariranno in futuro.
“Red” è la risposta a tutti coloro che ci hanno chiesto di vedere Tom Elliott con il suo capo Nick Danse e che finalmente avranno giustizia.

Tfpeel2

Con questa raccolta, il duo di autrici che tanto amiamo ha voluto fare un regalo ai fan della saga JBI che ad oggi conta in programma almeno una decina di libri.
Se avete già letto i primi due volumi usciti sapete e conoscete già buona parte dei personaggi che compaiono in questo volume. Sono perlopiù racconti con un alto tasso di eros ma anche momenti di dolcezza da personaggi che sanno spiazzare il lettore.
Con questa lettura ho rivalutato abbastanza persino Anson Mount, il che è tutto dire.
Se non amate gli spoiler vi suggerisco di fermarvi al terzo racconto, se come me qualche anticipazione non vi da noia continuate la lettura di questa recensione vi garantisco che ne vale la pena.
I primi racconti sono dedicati ad una coppia non canon che ammetto mi è piaciuta parecchio ed è una sorpresa perché di solito quando ho già una coppia effettiva non amo vedere uno dei due con un altro soggetto. Nick Danse è un personaggio meraviglioso e questi racconti in cui vediamo come potrebbe essere una relazione con Tom è stato un piacevole diversivo, i due hanno parecchio potenziale. Nick è un uomo determinato, sicuro di se nonostante un problema fisico che non gli ha mai impedito di fare quello che vuole. Nel primo volume scopriamo la cotta di Tom per il suo capo, bello, fiero, di una decina di anni più grande di lui e un sogno proibito, un po’ inavvicinabile e misterioso, cosa accantonata nel momento in cui trova il suo biondino. Ho amato moltissimo queste storie in cui loro diventano una coppia, travolti da un’attrazione incontenibile sul lavoro o in una missione sotto copertura. Mi piace molto come le due autrici hanno mescolato un po’ di azione con risvolti personali e devo dire che se non esistesse Jason vorrei davvero una storia tra loro, con buona pace di quello che diventerà il compagno di Danse ovviamente. Devo ammettere che non mi è dispiaciuto neanche il “gioco della bottiglia” con un risvolto hard e proibito che come nello stile delle autrici non è mai inopportuno.

Tom si ritrovò inchiodato contro il legno e con cento e passa chili di uomo molto arrapato addosso, mentre lui cercava di sfilargli la maglietta con tutte le energie che aveva. “Spogliati, cazzo. Voglio vederti.”
“Impaziente, mh?” Nick si staccò da lui quel tanto da levarsi la t-shirt e lanciarla sul pavimento, poi iniziò a slacciarsi i pantaloni.8

Altra cosa che mi è piaciuta molto è la relazione tra Oliver e Jeremy. Scopriamo il passato di loro due, li conosciamo nel presente dopo che un evento traumatico li porta ad avvicinarsi e li ritroviamo anche con un legame indissolubile qualche anno dopo. Sempre molto passionali ma innamorati profondamente uno dell’altro, Oliver mi ha sorpreso perché devo ammettere che il suo ruolo e la sua professione non ne fanno di lui uno dei miei preferiti. Le autrici hanno saputo mescolare abilmente il lato focoso di entrambi e momenti di dolcezza che se per Jeremy mi sembrano naturali, fatti da Mount mi hanno lasciata piacevolmente stupita, quell’uomo una volta smesso di fare il dominatore BDSM è un personaggio tutto da scoprire e io non vedo l’ora di conoscerlo meglio, le premesse sono ottime.

“Che cosa vedi?” domandò da sotto le ciglia umide. Non si era nemmeno accorto di essersi messo a lacrimare per il desiderio.
Oliver lo guardò meglio e gli tenne le gambe appena sollevate. Il suo sguardo lo bruciò da capo a piedi. “La perfezione.”

Finirei la recensione con quel raccontino breve ma adorabile di una coppia così improbabile che nella sua diversità è perfetta, sto parlando dei due colleghi di Tom, Odessa e Vincent. Due persone totalmente diverse di carattere e aspetto ma un insieme così bello e dolce che spero davvero abbiano la loro storia, credetemi ne vedremo delle belle.
Ancora una volta non posso che fare i complimenti alle autrici, storie di varia lunghezza con vari protagonisti sono state davvero un piacevole diversivo e ho passato pomeriggio davvero rilassante e molto hot.

4

Pubblicato in: la sirena edizioni, lux lab, recensioni

Recensione “Between a rock and a hard place” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls SK Vernet

Titolo: Between a rock and a hard place
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #2
Genere: Contemporaneo, Erotico
Casa Editrice: Lux Lab & La Sirena Edizioni
Prezzo: 3,00€
Link all’acquisto: Between a rock and a hard place

SINOSSI

Thomas “Tom” Elliot, il vostro amichevole agente FBI di quartiere, torna in una nuova avventura ad altissimo tasso erotico, con nuovi e vecchi personaggi. Tra le righe ritroverete gli agenti Stan e Carrie, l’affascinante Nick Danse e a loro si aggiungono la bella e disinibita vicina di casa Abigail, il cinico Oliver Mount e il suo inseparabile assistente Jeremy.
La storia tra Tom e James va avanti a meraviglia, almeno fino a quando l’affascinante Oliver Mount, Ceo di una grossa casa di produzione di film per adulti BDSM, non mette gli occhi su Jamie. La cosa non lascia di certo indifferente Tom e, tra tensioni e incomprensioni, il rapporto tra i due viene messo a dura prova. Soprattutto quando, al ritorno da una missione sul campo durata alcuni giorni, Tom scopre che in sua assenza è successo qualcosa di irreparabile e la sua fiducia nei confronti del compagno e del fratello Dave sembra perduta per sempre. Riusciranno l’affetto e l’amore a trionfare sulla menzogna?

Tfpeel2

4
Illustrazione di Daniela Barisone

Continuano le avventure nel nostro amichevole agente FBI di quartiere, oramai da un’anno e mezzo vive la sua storia con James e fino ad ora è andato tutto a gonfie vele tanto che si parla di matrimonio.
Tom ha sempre il suo lavoro di “controllo” di potenziali soggetti a rischio, in questo caso sta seguendo una donna cinquantenne molto impegnata tra la visione di serie tv e cartoni in streaming, qualche ritocchino ai conti della parrocchia e poco altro. Con James hanno girato sotto falso nome e mascherati, altri video per il fratello di Tom ma l’arrivo dell’affascinante Oliver Mount e la sua futura collaborazione con la casa di produzione provoca tra la coppia felice una battuta d’arresto. Tom cerca di chiarire che loro due sono una coppia anche fuori dal lavoro ma Oliver è un uomo astuto e approfitta di una sua assenza per lavoro per fare i suoi comodi, naturalmente Tom non la prenderà affatto bene.
Sulla trama non vi dirò altro, dovete leggere anche voi questo secondo volume e scoprire tutto quello che di buono e meno buono succede.
Tom è sempre il mio adorabile agente innamorato, perché lui davvero ama James e farebbe di tutto per lui. In questo secondo capitolo si inseriscono degli elementi alcuni più apprezzati dalla sottoscritta di altri, ma lui rimane sempre il mio preferito. Passionale, fiero del suo lavoro, sempre pronto ad aiutare gli altri, sia il fratello che i suoi colleghi di lavoro, ha un lato dolce e sensibile che non si può fare altro che amarlo.
James è sempre il solito adorabile biondino che farebbe innamorare di se chiunque. Alcune novità nella trama portanto la relazione tra lui e Tom ad un livello più importante, in fondo James pur agendo in buona fede rischia di mandare a rotoli la sua relazione con Tom ma non si riesce ad odiare per più di qualche minuto, basta guardare quegli occhioni blu tristi e sei fregato!

«Lo so» rispose secco l’altro. Era furioso «ma Dave mi ha già fatto un sacco di favori. Posso tirarmi indietro, certo. Però rovinerei i suoi affari e non se lo merita». James annuì. «Ok, capisco. Ma avevamo detto che non avremmo messo qualcun altro in mezzo a noi».
«LO SO, CAZZO!»  urlò Tom, staccandosi da James con uno spintone. Un silenzio pesante cadde fra i due e James balzò quasi all’indietro, sorpreso dalla reazione dell’agente. «Tom…» Tom sbuffò e abbassò la testa. «Scusami, Jamie. Non volevo urlare. Sono solo incazzato. Non so come fare contenti entrambi. Non voglio litigare con te per questa cosa, ma non voglio nemmeno lasciare mio fratello nella merda. Non se lo merita e…»

Entrambi i protagonisti mettono in gioco se stessi e le volontà e i desideri del compagno perché si amano ed è bello vedere progredire una storia che non era nata con i migliori presupposti. Ho amato molto l’inserimento di Abigail perché il suo personaggio non intacca in alcun modo la felicità della coppia, anzi in qualche modo la esalta e lei si che si comporta da buona amica.
Non posso dire lo stesso del nuovo personaggio, l’ho odiato cordialmente dal momento in cui è comparso, ero certa che portasse guai. Non sono una fan del BDSM e di tutto quel mondo e trovo che la relazione di Tom e James non abbia bisogno di quel genere di rapporto per andare avanti,  quindi spero che anche nei prossimi capitoli le scene siano piuttosto limitate se proprio è necessario continuare ad inserirle.

Non era il momento giusto per discutere con James di quella cosa, però. Avrebbe dovuto farlo più avanti, in tranquillità e soprattutto definire che quella cosa non gli stava bene. Non prometteva premi al suo fidanzato perché gli aveva obbedito o si era lasciato scopare. Il solo pensiero lo nauseava. Tutta la sensazione positiva di aver fatto un buon lavoro che aveva accumulato in precedenza svanì come neve al sole. «Direi che una cena al tuo ristorante preferito è d’obbligo, allora». James sorrise e gli gettò le braccia al collo e Tom lo strinse a sé, mentre progettava tutti i modi più dolorosi in cui avrebbe potuto far male a quell’impiccione.

La storia è trascinante, anche se avrei preferito almeno qualche pov dal punto di vista di Jamie, io trovo che un racconto alternato quando non ci sono motivi chiari per impedirlo, rende la lettura ancora più appassionante. Le autrici sono sempre estremamente brave nel dosare i momenti più impegnativi e più difficili con quelli divertenti e rilassati, hanno introdotto elementi di disturbo più o meno piacevoli e già non vedo l’ora di scoprire cosa succedederà nei prossimi. Forse hanno alzato un po’ il livello di drama e di passione ma sono sempre scene descritte con cura e senza mai risultare volgari oltre ad impreziosire il racconto con i disegni di Daniela Barisone. Se avete letto il primo volume, non potete perdervi questa nuova storia, se non conoscete il Collettivo e questa saga, dovete assolutamente rimediare al più presto!

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: la sirena edizioni, lux lab, recensioni

Recensione “Just Beat It!” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Copertina JBI 1

Titolo: Just Beat It!
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #1
Genere: Contemporaneo, Erotico
Casa Editrice: Lux Lab & La Sirena Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Just Beat It!

SINOSSI

Thomas “Tom” Elliot è il vostro amichevole agente FBI di quartiere. Quello che controlla tutte le cose che fate al computer. Solo che a lui è toccato James Tannebaum, che non riesce nemmeno ad abbassarsi le mutande dopo 57 pagine di video su PornHub.
Dai recessi di una dark room a un’indagine dai risvolti non troppo legali, Tom si ritrova a sospirare per l’inconsapevole James e farà veramente di tutto per raggiungerlo o quanto meno sbloccarlo dalla sua condizione. Compreso darsi al porno.

Tfpeel2

La Lux Lab è un collettivo con all’attivo tre pubblicazioni ad oggi e una quarta in arrivo il 17 dicembre, il volume due di questo “Just beat it! (Guida pratica su come NON indagare su qualcuno)“.
Tom è un agente FBI, uno di quelli che lavorano nella divisione Social Media Terrorism Risk Prevention Task Force insieme ai colleghi Sten e Carrie. Loro si occupano di controllare l’attività in rete di soggetti che in qualche modo finiscono per essere segnalati con attività sospette che vanno al terrorismo alla pedopornografia, esseri disgustosi che meritano di finire in prigione. Dopo un’indagine finita male della collega Carrie, si ritrovano tutti e tre a fare lavoro con soggetti a rischio basso se non nullo, giusto per punizione. A Tom capita James Tannebaum, un biondino che sembra l’antitesi del pericoloso terrorista, scarso nei giochi online e un pessimo frequentatore di PornHub. Da giorni entra nel sito, cerca video solo di un certo tipo ma non si degna una volta di farne partire uno, questo sta rendendo Tom molto frustrato, tanto che una sera finisce in una dark room di un club dove ha un sorprendente incontro con un giovane, Jay, che sembra fuori posto ma che si dimostra estremamente intrigante e passionale, peccato che l’ambiente quasi buio non gli permetta di vedere meglio l’aspetto dello sconosciuto che sicuramente ha lasciato il segno.
L’attività di sorveglianza continua per altri giorni, Tom è sempre più intrigato dal ragazzo della dark room ma ha ancora una cotta per il suo capo Danse e trova che James non sia poi così male a parte l’assoluta mancanza di azione. Più confuso che mai, una sera per caso ritrova Jay e vista la somiglianza con il suo soggetto sotto indagine, inizia ad immaginare che ci sia James al suo posto. Quando cerca di approfondire la conoscenza del misterioso Jay, questi fugge terrorizzato, lasciando Tom deluso. Tornato a casa spera di passare un po’ di tempo a spiare il suo soggetto ma prima non è collegato, poi sembra triste e sconsolato, ha forse pianto?

James e Tom
Illustrazione di Daniela Barisone

Tom decide di fare qualcosa per smuovere le acque e visto che sa perfettamente che video ricerca James e trova una certa somiglianza tra lui e il soggetto attivo delle ricerche di James, quindi contatta Dave, suo fratello che è proprietario di una casa di produzione di film porno e lo convince a riprenderlo mentre si masturba per fare in modo che il video arrivi a James. Il trucco funziona, il suo sospettato dopo settimane di apatia apre il video e lo vede così tante volte prima e dopo aver dato sfogo alle sue pulsioni, tanto da convincere Tom che rischiare la carriera ne è valsa la pena e a scoprire un lato esibizionista di se che non sospettava per niente.

Era quasi tentato di reindirizzare la pagina successiva nella sezione BDSM solo per vedere la faccia sorpresa di James, ma si trattenne. Era in ufficio, con Danse a due metri da lui. Non aveva intenzione di fare stronzate proprio lì, dove l’uomo poteva  accorgersene troppo facilmente. Finalmente Tannebaum si decise e scelse l’ennesimo video con il solito palestrato moro e il twink biondo. «Voglio morire…» sussurrò l’agente, fissando lo schermo con astio.

Tom è un ragazzo bisessuale sulla trentina, di bell’aspetto, con un bel fisico, di solito non cerca avventure ma è un periodo difficile e una serata di relax si rende necessaria. Ha una certa etica che non esita a stravolgere pur di conoscere meglio James, specie quando è chiaro che il soggetto è innocuo e gli viene intimato di smettere la sorveglianza. Ha due genitori che hanno sempre appoggiato i figli, nonostante buona parte della famiglia sia nelle forze dell’ordine. Ha un buon rapporto con il fratello Dave a cui chiede più volte aiuto durante il racconto, una complicità che il lettore percepisce da subito.
James è di un paio di anni più giovane, ha un lavoro estremamente monotono, così come i suoi abiti, ha un padre che cerca di capirlo e una madre fredda e stronza che non fa altro che farlo sentire inadeguato e indegno di affetto. Sotto sotto è un ribelle e vorrebbe fare in modo di vendicarsi della madre ma è troppo buono per fare qualsiasi cosa. Un ragazzo dolce, affettuoso e anche passionale che sente fin da subito un legame con Tom che lascerà stupiti anche i lettori.

Un tempo Tom aveva pensato che dormire abbracciato a qualcuno, anche dopo una scopata memorabile, fosse un po’ imbarazzante. Era a suo agio col suo corpo – e, be’, più di un filo esibizionista – ma pensava sempre che dormire a stella marina valesse più di mille coccole. E invece. Che fine aveva fatto. Tom gli sbaciucchiò i capelli. «Dormi, tesoro» disse «io devo vedere che fa questo cretino».

Le autrici sono state davvero brave nel lasciare qua e là indizi per cercare di confondere le acque, anche se ammetto che io un po’ di segreti li avevo capiti. Una lettura avvincente e appassionante, non riuscivo a mettere via il kindle e l’ho divorato in poche ore anche se avrei apprezzato i pov alternati in prima persona e non un racconto in terza. Se volete un bel poliziesco cercate altrove, nonostante le premesse nella trama in questo caso la parte investigativa è solo un pretesto per far conoscere i due protagonisti, non ci sono scene d’azione o sparatorie. E non preoccupatevi neanche troppo del fattore porno, pensavo di leggere pagine e pagine di giri tra le lenzuola, cosa che vi confesso non mi fa impazzire, ma state tranquilli, anche in questo le autrici hanno dosato bene sesso e sentimenti. Se state cercando una storia divertente con due personaggi ben caratterizzati, non troppo drammatica e che si legge in un baleno prendete questo libro. A presto con le recensioni degli altri.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice