Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Bones” – Garrett Leigh

cover500

Titolo: Bones
Autore: Garrett Leigh
Serie: Blue Boy #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Bones

SINOSSI

Cam è un pornodivo veterano del Blue Boy Studio. Noto come il Signor Bravo Ragazzo, è il top con cui ogni bottom principiante vuole fare coppia.
Ma negli ultimi mesi le sue amate scene hardcore sono state sospese. Invece,si ritrova incastrato in una serie di monotone riprese di preliminari. Esprime la propria frustrazione al suo capo, nonché amante eccentrico, se così si può definire, Jon Kellar, ma questi non cederà. Cam è un bene economico e farà quello che gli viene detto di fare… sotto ogni punto di vista.
L’insoddisfazione di Cam cresce, ma l’incontro casuale con un attraente ciclista di BMX lo distrae. Sasha Tate è bellissimo, affabile e meraviglioso; è tutto ciò che Cam ha sempre desiderato. I due costruiscono un legame basato sui loro interessi comuni e sull’eccitante attrazione reciproca. Cam è entusiasta finché il lavoro che ha scelto non diventa un ostacolo.
Sasha fa marcia indietro e Cam, prima di riuscire a rimediare, viene travolto dalle difficoltà della vita. Un’emergenza incombe molto più della relazione con Sasha e, mentre il suo mondo implode, comincia a rendersi conto che la sua esistenza non sarà mai più la stessa.

Evelyne2

Un pornodivo in conflitto con se stesso e la propria carriera, che per anni lo ha reso famoso e felice, o almeno così credeva.
La storia di Cam, intrisa di ovvio sesso eccitante e di una buona dose di amore paterno e amicizia, si unisce con quella di Sonny e Levi. Due amici che come lui hanno affrontato una carriera nel mondo del porno e che ne sono usciti vincitori o quasi, a modo loro.
I loro personaggi, basilari per l’andamento della storia e per il protagonista, appaiono e scompaiono con molta frequenza, non rendendo chiaro il loro scopo.
Levi, al contrario del suo ragazzo, l’ho apprezzato di più. Ho avuto modo di farmi un’idea su di lui e, forse, vederlo in situazioni compromettenti insieme a Sonny e Cam mi ha fatto un po’ storcere il naso. Nonostante questo però, mi è piaciuto il modo in cui reagisce alle avversità. La loro amicizia è davvero singolare. Nei momenti di bisogno sono lontani e mai reperibili, ma subito dopo intervengono in modi inaspettati per risollevare il morale a Cam.

Era facile riscivolare in quel ruolo quando il tempo si fermava e nulla contava al mondo  e non il piacere carnale scatenato da un’altra persona che aveva il controllo.

Cam è il protagonista indiscusso di questa storia. Mi è piaciuto poter leggere di lui e del modo in cui affronta il proprio lavoro a testa alta, mostrando al contempo una debolezza evidente. Le sue insicurezze, inaspettate in un personaggio di questo tipo, lo rendono molto più comprensibile e umano. Il suo bisogno di amore e di essere accettato per le proprie peculiarità, lo avvicina ancor di più a quello che è un personaggio sicuramente intrigante.
Sasha, secondo protagonista di questo secondo volume, è un ragazzo molto dolce e facile da amare. La naturalezza con cui inizia una relazione con un pornodivo, dimostrando di non avere alcun pregiudizi nei confronti del suo lavoro, è stata del tutto inattesa.
I suoi comportamenti, però, cambiano a seconda del momento, senza dare alcuna spiegazione, per poi tornare e portare il protagonista su un livello completamente diverso, dimostrandosi molto più di quello che immaginavamo e mostrando una profondità prima assente.

Poteva anche essere un pornodivo ma nella vita c’era altro oltre il sesso. Doveva esserci, perché, il Signore lo sapeva, lui non aveva niente. Almeno, niente che contasse.

Se nel complesso questo libro mi ha soddisfatta, da un lato ho trovato l’apparizione dei personaggi ed il loro intervento del tutto saltuario.
Non sono riuscita a comprendere molto l’amicizia tra Cam e Sonny, ne il vero rapporto che quest’ultimo ha con Levi.
Mi è piaciuto molto, però, il modo in cui Garrett Leigh espone quella che è una problematiche davvero attuale e che spesso colpisce molti giovani. La semplicità con cui la presenta rende più facile, per il lettore, la comprensione della tematica generali, senza dover sentire quel groppo in gola che molto spesso caratterizza gran parte delle storie di questo tipo.
Mi ha fatto affrontare la lettura con molta più tranquillità, ma anche attenzione, non focalizzandomi solo sul lavoro (discutibile per alcuni) di Cam.
Se avete letto “Bullett“, vi consiglio di continuare la lettura di questa serie e attendere insieme a me il terzo volume.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Baciato dalle tenebre” – Garrett Leigh

Titolo: Baciato dalle tenebre
Autore: Garrett Leigh
Genere: Paranormal, Mutaforma, Vampiri, Fantasy
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis sul sito dell’autrice
Link all’acquisto: Baciato dalle tenebre

SINOSSI

Spezzato e sanguinante sul suolo della foresta, un guerriero ferito deve scegliere tra la fine della sua esistenza soprannaturale e un innegabile legame con le mani curative di un nemico.

Dopo una terribile battaglia con un branco di rabbiosi lupi mannari, il vampiro ferito Luca viene abbandonato dalla sua congrega. Le sue ferite sono molte e, con lo squarcio spalancato di un morso di lupo mannaro che lo avvelena da dentro, non ha speranze di guarire.
Giace sul terreno della foresta, osservando la sua forma disintegrarsi. Accecato dal dolore, la sua mente vaga, i suoi sensi iniziano a non funzionare. È a quel punto che uno sconosciuto appare nella radura, proiettando una nuova luce su Luca, una luce che lo riscalda dall’interno verso l’esterno.
Dashiel offre a Luca la possibilità di sopravvivere… un’opportunità per vivere, ma, prima di tutto, Luca deve decidere se il suo cuore fragile è pronto per la vita che Dashiel offre.

Evelyne2

Uno scorcio davvero intrigante di due esseri soprannaturali.
Luca, protagonista di queste poche pagine, è un vampiro di cui conosciamo molto poco, ma che riusciamo a comprendere e amare facilmente.
Il secondo protagonista, invece… è un misterioso vero e proprio e lo rimarrà, fino alla fine.
Non vi svelo altro, perché rischierei di rovinarvi la sorpresa e sarebbe un vero peccato.
È un storia con sfumature fantasy, in cui l’amore viene rappresentato in una visione del tutto nuova.
Avevo letto solo “Misfits” (qui la nostra recensione) di Garrett Leigh e devo dire che anche questa novella mi ha soddisfatta.
Spero tanto che l’autrice decida di scrivere una storia su di loro, sarei la prima a leggerla. In poche pagine ha inserito tutti gli aspetti del fantasy che amo, con caratteristiche davvero singolari.

4.5

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Misfits” – Garrett Leigh

Titolo: Misfits
Autore: Garrett Leigh
Serie: Urban Soul #1
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Misfits

SINOSSI

Il ristoratore Tom Fearnes ama il suo compagno Cass da una vita, ma spesso il lavoro li tiene lontani l’uno dall’altro. Quando conosce un sorprendente ragazzo di nome Jake nel vivace quartiere di Camden Town, il loro primo e inebriante incontro prende una piega inaspettata.
Il giorno in cui si risveglia nel letto di Tom, Jake Thompson non riesce a credere di essere stato così fortunato. Tom è splendido, gentile e… impegnato. Scoprire che l’uomo vive una relazione aperta lo sconvolge, ma lui è una tentazione troppo forte e, quando le difficoltà lo spingono a dover accettare l’aiuto di Tom, Jake si ritrova in mezzo a due uomini che hanno smarrito la loro strada.
Cass Pearson è un’anima inquieta. Ama Tom con tutto se stesso, ma a volte pensa di non avere nulla da offrirgli. Jake gli appare, dunque, come la soluzione perfetta. Rischia tutto ciò che ha pur di far mettere Jake e Tom assieme, ma il ragazzo resiste, scettico, fino a quando l’oscurità del passato di Cass torna a farsi viva.
A quel punto, Jake capirà di essere lui quello forte, e di dover combattere per riportare la luce nelle vite dei due uomini che ha imparato ad amare.

Evelyne2

Quando ho letto per la prima volta la sinossi di “Misfits” di Garrett Leigh ero un po’ dubbiosa. Nonostante io ami le Threesome, nella maggior parte dei casi faccio molta fatica ad entrare in sintonia con la storia, ma soprattutto con i protagonisti. Questo è uno di quei casi in cui, inizialmente, è stato proprio così. Il personaggio di Tom mi ha dato del filo da torcere e riuscire ad inserire Jake nella coppia già formata di Cass e Tom è stato difficile.
Storie in cui tre protagonisti si conoscono e innamorano, fino a diventare un trio ben consolidato o quasi. È in casi come questi che la capacità dell’autrice è fondamentale per mostrare il realismo e la concreta possibilità che ciò possa avvenire. È stato proprio questo a farmi amare pian piano i protagonisti e accettare la loro relazione.

«Ma ora vivete assieme?»
«Sì, ma di tanto in tanto rimorchiamo altri uomini. A volte anche assieme, ma è raro.»
«Perché?»
«Non troviamo spesso qualcuno che piaccia a tutti e due.»

Inizialmente ero esitante, non riuscivo a comprendere come Tom e Cass potessero amarsi e allo stesso tempo accettare di andare a letto o avere relazioni con altri uomini. Mi ha sorpresa come l’autrice sia stata in grado di evidenziare l’amore tra i due e consolidare ancor di più il loro legame anche dopo che Tom va a letto con Jake. L’inserimento graduale di Cass nella relazione ed il fatto che sia proprio il suo personaggio a creare un trio che nessuno di loro avrebbe mai sospettato mi ha sorpresa. Io per prima, leggendo, non avrei mai saputo dire come questi tre personaggi potessero legare tanto, eppure l’autrice mi ha fatto ricredere e mi ha donato una storia entusiasmante e intrigante sotto molteplici aspetti.

L’uomo interruppe il bacio e gli prese il mento. «Non devi fare nulla che non ti vada, intesi? Questa cosa tra noi due… mi basta questo per stanotte. Ti voglio, ma posso aspettare. Aspetterò. Con Tom… […] Con Tom puoi fare ciò che ti piace. Non preoccuparti per me… o di ciò che penso, ciò che provo. Siate tu e Tom, assieme, come deve essere.»

Tom è un personaggio intrigante, anche se forse tra i tre è il più semplice da inquadrare ed è anche stato quello che ho apprezzato meno. Non perché non sia interessante, tutt’altro. Semplicemente, mi ha sempre lasciato in un limbo. È dolce e farebbe di tutto per l’uomo che ama, ma il suo allontanamento da Cass e successivamente da Jake in alcuni momenti, lo ha reso più umano anche se più distante.
Cass è senza dubbio quello che ho amato sin da subito. Anche se in un primo momento non avevo idea di quale potesse essere il suo passato ed il suo personaggio rimane in disparte per quasi metà libro, sapevo che lo avrei adorato qualsiasi cosa fosse accaduta. Il suo dolore, la sua passione per la cucina e la sua empatia mi hanno intrigata e coinvolta. Ho tifato e pianto per lui, in particolare nell’ultima parte della storia.

Per il resto del tempo, appariva stanco e triste, come se portasse sulle spalle il peso di tutto il mondo, e Jake lo aveva anche sentito blaterale nel sonno, di notte. Non diceva parole comprensibili, ma la sofferenza in quel borbottio feriva il suo cuore. Qualcosa stava facendo a pezzi Cass.

Jake… è impossibile non apprezzate un personaggio come lui. Non mi aspettavo l’inserimento di un disturbo così incisivo nella storia e che fosse proprio questo personaggio a rivelarsi poi la colonna portante della loro relazione. Mi ha sorpresa molto e mi ha fatto accettare ancor di più il legame che si viene a creare tra i protagonisti. Specialmente il modo in cui Cass riesce a comprenderlo senza neanche averlo mai conosciuto e l’accettazione istantanea di Tom ad ogni sua frase.

«Idiota. Mi piace il tuo fondoschiena. Merda.» Jake si schiaffeggiò la bocca.
Tom rise. «Gentile da parte tua.»
Jake rimase immobile per alcuni secondi, quindi lasciò cadere la mano. «Scusa. Però hai sul serio un bel culo.»

Tra tutti i libri che ho letto, questo è senz’altro uno di quelli che difficilmente si dimentica. Il modo in cui l’autrice affronta la sindrome di Jake, lascia un segno profondo in chi si immedesima nei personaggi tanto da sentire su di sé le difficoltà di un giovane alle prese con gli ostacoli della vita. Per non parlare del passato di Cass e dell’amore di Tom, descritti magnificamente.
Consiglio a tutti la lettura di questo libro, ma vi avverto. Preparatevi ad affrontare una storia fuori dagli schemi e forte, così come lo sono i tre protagonisti. Se avete intenzione di leggerla a cuor leggerlo e non dare peso all’attenzione con cui l’autrice tratta un tema così particolare e delicato, allora non è la lettura per voi.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Bullet” – Garrett Leigh

Titolo: Bullet
Autore: Garrett Leigh
Serie: Blue Boy #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Bullet

SINOSSI

Levi Ramone era entrato nel mercato del porno gay per un motivo e uno soltanto: gli servivano soldi per pagare i vertiginosi debiti di gioco di sua madre.
Sette anni più tardi è diventato un veterano e ha la reputazione di essere uno dei top più spietati del Blue Boy Studio. Quando il suo capo lo avverte che è tempo di cambiamenti, però, Levi si ritrova a fissare la pistola dalla parte della canna. Per modo di dire, almeno.
Ed ecco Sonny Valentine, ballerino di lap dance al Silver, locale gemello della casa di produzione. Sono anni che Levi lo ammira da lontano e in segreto. C’è un unico problema però: non riesce a sopportarlo e il sentimento è chiaramente reciproco. Levi comincia a pensare che le cose non possano mettersi peggio, quando viene a sapere che Sonny parteciperà a un video a tre che lui considera il suo peggiore incubo.
Tuttavia, quando i preparativi per il video infernale si scontrano con i tragici eventi della sua vita personale, Levi scopre che la sua crescente, torrida attrazione per Sonny è l’unica cosa in grado di salvarlo.

Slanif2

Levi Ramone ha ventisei anni e da un bel po’ di tempo svolge due lavori per riuscire a coprire tutti i debiti che sua madre, alcolizzata, continua ad accumulare. Questi due impieghi, però, non potrebbero essere più diversi tra di loro.
Se da una parte fa il rispettabile meccanico di motociclette insieme al suo socio AJ, dall’altra è ormai qualche anno che è uno dei porno divi di punta del Blue Boy Studio. La cosa curiosa? Riesce a essere molto bravo in entrambi, mandando avanti la sua officina con successo ed essendosi ormai fatto un nome tra gli amanti del porno, nonché finendo per essere uno degli uomini di punta del Blue Boy.
Impegnato com’è a barcamenarsi tra i vari impegni e a far quadrare i conti, Levi non ha tempo da perdere, tantomento dietro a Sonny Valentine, che non fa altro che infastidirlo e irritarlo ogni volta che si vedono.
Il giovane non ha idea del perché il ventiduenne lo infastidisca tanto, ma è così che stanno le cose. Esteticamente lo trova incredibilmente attraente, ma caratterialmente… Diciamo che non hanno molta compatibilità.
Cosa potrebbe venirne fuori da una loro collaborazione, quando il loro capo, Jon, gliela propone? Sonny è nuovo della casa di produzione, ma lavora da tempo come ballerino nel locale associato, il Silver, e ha già fatto video con altri attori. Riusciranno a far funzionare la cosa o si salteranno prima alla gola?
Levi è già abbastanza stressato. Ci mancava solo questa, e la richiesta sconcertante che Jon gli fa per l’ennesima volta, trovandolo con le difese abbassate a tal punto da finire per accettare.
Sembra proprio la ricetta per un disastro. O forse no?

«Perché qualcuno vorrebbe mai darsi la ponto?»
«Dillo tu a me,» replicò l’altro. «Io ci sono entrato per pagarmi il college e continuo a farlo perché mi piace. A te, amico mio, no. Lo fai perché credi di esserci costretto. Penso che qualche volta ti piaccia, ma quello è per la tua parte primitiva, il tuo lato animale. Una grossa fetta di te, nel tuo profondo, detesta quello che facciamo.»

Avevo letto solo un altro libro di Garrett Leigh: “Quel che resta” (qui la nostra recensione), e lo avevo amato a tal punto che era finito nella mia Must Read 2018 (qui il nostro articolo). Tuttavia, nonostante lo stile dell’autrice abbia saputo catturarmi come nel precedente, ho trovato “Bullet” meno incisivo e forse più approssimativo.
Ci sono, a mio avviso e a mio gusto, troppe cose in pentola e poche trattate nella maniera più approfondita possibile. Con un centinaio di pagine in più, sarebbe stato sicuramente un romanzo degno di questa bravissima e talentuosa autrice che ho scoperto di amare.
Avrei voluto leggere del passato di Levi, magari dei flash-back, capire molte cose, avere più risposte sulla storia del padre e su quanto ne sapesse la madre, così come Jon l’abbia convinto a passare da barman al Silver a porno attore, sia sul perché non abbia mai sperimentato a letto determinate situazioni. Comprendo che si possa avere una preferenza, ma che in quasi trent’anni di vita non abbia mai nemmeno pensato di provare, lo trovo strano. Così come il tumulto di indifferenza e freddezza che Sonny riesce a scalfire… Da cosa deriva? Si capisce da vari accenni, ma non c’è la sostanza che avrei voluto e che mi ero ritrovata ad apprezzare tanto in “Quel che resta”.
Avrei voluto anche molto più Sonny, entrare di più nella sua testa, conoscerlo più a fondo. Con le interazioni che hanno e con le poche cose che dice, lo conosciamo in maniera molto superficiale, lasciando parecchi vuoti che sarebbe stato bello colmare. Onestamente non mi sento molto legata al personaggio, perché appunto mi è parso quasi una figura di contorno alla storia di Levi, senza avere la sua parte e la giusta importanza.
Un po’ come il finale, che è molto vago, e anche se ci sono due altri volumi della serie, da quel che mi sono informata, parlano di altri personaggi, perciò non vedremo ancora Levi e Sonny, se non in maniera marginale.

«Mi piace anche leggere fra le righe. Ogni video ha una sua storia, Levi, perfino i tuoi. Soprattutto i tuoi. Sei tutto silenzioso e stoico finché non cominci a scoparti qualcuno. Poi, è come se un velo ti calasse sugli ochi, come se cercassi sollievo o roba del genere.»
«Sollievo da cosa?»
L’altro fece spallucce. «Soltanto tu lo sai ed è questo il punto. La maggior parte di noi diventa qualcun altro sullo schermo, perfino nelle scene non scritte, ma tu no. Tu reciti le battute, ma l’unica persona da cui ti nascondi è te stesso.»

Non so. Mi sarei aspettata qualcosa di più “completo” dalla Leigh, tenendo comunque conto che la storia funziona, le caratterizzazioni sono agli albori (perché appunto mancano i vari determinati approfondimenti di cui parlavo poco sopra) ma buone e la trama mi ha tenuta incollata alle pagine, facendomelo leggere in un pomeriggio.
Confido veramente che il seguito sia più “ricco” e che vedremo di nuovo Levi e Sonny, magari con qualche accenno al loro futuro insieme, completando un quadro che al momento appare un po’ troppo nebuloso.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Articoli, dreamspinnerpress, quixote edizioni, Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Must Read 2018: le migliori letture del blog

Per concludere l’anno in bellezza, abbiamo pensato di chiamare a raccolta tutto lo staff e creare per ognuna delle nostre ragazze, una top 3 dei migliori libri letti (e recensiti per il blog) quest’anno. Quelli che ci sono rimasti nel cuore in modo speciale e che ci hanno emozionato profondamente, a volte fino alle lacrime.
Queste sono le nostre classifiche! Enjoy!

FRANCESCA

51qk5pokuzlSpencer Cohen 3” di N. R. Walker
Grazie N. R. Walker, per questa storia d’amore. Per aver creato un personaggio che è un caleidoscopio di emozioni. Passionale, ironico, graffiante, divertente. Profondo.
E ora, che ti ho lasciato andare, Spencer, non mi rimane altro che aspettare. Cosa? Il momento giusto per leggerti di nuovo. Per ritrovare una nuova occasione per innamorarmi di te. Ancora.
Qui la recensione completa

51ihawiyrmlI resti di Billy” di Jamie Fessenden
I resti di Billy” è una storia cruda, straziante, dolorosa. Ma è anche una storia d’amore, di perdono, di devozione. È una storia di guarigione. Ma questo non la rende meno forte, anzi. Fa male, ma il dolore a volte è il catalizzatore che ci spinge verso un sentimento più alto, più nobile, quasi magico. E “I resti di Billy” fa proprio questo. Ci porta giù, in fondo al pozzo, dove ci mostra la cattiveria dell’animo umano, la debolezza, la malattia, il disgusto. Dove ci sbatte in faccia la follia dell’uomo e la sua insanità mentale. Poi, quando tutto ci sembra inutile e rischiamo che l’ansia e l’angoscia ci stiano per soffocare… Ci tende una mano. Per farci tornare su, in superficie, dove ad attenderci c’è l’amore, il perdono, la vita.
Ma certo, non saremo più gli stessi.
Qui la recensione completa

41fmfbqj8blMai un eroe” di Marie Sexton
Con uno stile impeccabile e un ritmo ipnotico che non mi ha fatto staccare gli occhi dalle pagine fino alla fine, “Mai un eroe” svetta nella mia classifica personale dei libri più belli ed emozionanti letti nel 2018. Poche pagine, ma intense e pregne di significato che ti lasciano un senso di pace e di amore che ti accompagna per tutta la giornata.
Qui la recensione completa


LADY MARMALADE

o-la-lunga-strada-tortuosaLa lunga strada tortuosa” di T. J. Klune
La strada per Bear, Otter e Kid di sicuro non è stata facile: spesso in salita e piena di curve, di ostacoli e rallentamenti, ma ce l’hanno fatta e con le unghie e coi denti hanno raggiunto la felicità che gli spettava.
Ragazzi avevo bisogno di voi, talmente tanto che mi avete fatto venire voglia di trovare un amore come il vostro!
Qui la recensione completa

cover500-9Sotto un cielo di cenere” di Brandon Witt
La pubblicazione di gay romance in Italia è in continua crescita; faccio davvero fatica a stare dietro a tutte le uscite, ma ci sono certi autori che sono disposta ad aspettare anche anni perché escano con un nuovo libro. Li leggi per caso e poi vai a cercarli sul web, a seguirli sui social; ti senti partecipe della loro vita e l’attesa per l’uscita del prossimo libro. Finisci per chiederti: “Ma perché non l’ho letto prima?”.
Brandon Witt è questo per me: un autore che so mi farà versare fiumi di lacrime, ma che so già anche che in ogni suo libro arriverà a toccare la mia anima nel profondo.
Qui la recensione completa

o-firmato-il-tuo-agente-spettraleFirmato: il tuo Agente Spettrale” di S. E. Harmon
Il romanzo è un mix fenomenale di amore, poliziesco e paranormal. Non è facile amalgamare così bene questi generi, si potrebbe scadere nel già letto perdendo di originalità ed è qui che entra in gioco la vena ironica della Harmon che dà una marcia in più al libro.
I personaggi che crea sono accattivanti, affascinanti, complessi; adulti con problemi irrisolti alle spalle ma che non si piangono mai addosso. Non sono ragazzini, ma uomini forti e determinati che rimangono impressi al lettore.
Qui la recensione completa


EVELYNE

514wlxxsqolLa guarigione” di Melissa Collins
Profondo, struggente, rimane impresso come pochi libri riescono a fare. Il lettore vive e soffre al fianco dei protagonisti, li vede e li sente come fosse anch’egli parte della storia. “La guarigione” di Melissa Collins è una lettura da non perdere. Non prendetela alla leggera, perché i temi trattati non sono facili da digerire, soprattutto per chi, come me, quando legge si immedesima nei protagonisti e sente il loro dolore come se fosse il proprio.
Qui la recensione completa

51qjqogcuqlIncontrastato” di Aimee Nicole Walker & Nicholas Bella
Questa storia mi è entrata dentro, ho sofferto con i protagonisti ed ho gioito quando le cose per loro hanno iniziato a mettersi bene.
Ciò che caratterizza questa storia e lo differenzia dalle altre, secondo me, è l’amore. Malgrado le difficoltà e la possibilità di andare avanti, se abbiamo sperimentato davvero questo sentimento, non si può dimenticare. La passione e l’eccitazione nascono grazie ad un solo sguardo, a volte, ma l’amore vero ha bisogno di tempo, costanza e perdono per essere coltivato.
Qui la recensione completa

41jogwfooglRock – La mia roccia” di Anyta Sunday
Rock – La mia roccia”, è una piccola perla.
La cura con cui l’autrice ha descritto le rocce, tanto amate da Cooper, mi ha sorpresa. La loro storia e la loro forma, ma in particolare il loro significato. Ogni roccia porta con sé emozioni, colori e ricordi.
L’amicizia, l’amore e l’affetto familiare, è su questi sentimenti che Anyta Sunday ha basato la sua storia. Una storia incredibile, arricchita da momenti struggenti e coinvolgenti, che fanno sentire il lettore parte della storia.
Qui la recensione completa


SLANIF

51ddf0Lv2TLRattlesnake – Serpente a sonagli” di Kim Fielding
Da dove posso iniziare a parlare di un libro che mi ha emozionata fino alle lacrime? “Rattlesnake” non è solo UN romanzo. “Rattlesnake” per me è IL romanzo. Quello che ti emoziona, ti lacera l’anima, ti fa scoprire parti di te stessa che non conoscevi e ti mette di fronte a verità magari dolorose, ma che fanno sì che tu possa maturare.
Ho sempre trovato straordinario che un romanzo possa aiutarti a crescere, e difficilmente ho avuto modo di trovarmi di fronte a questa incredibile opportunità, ma quando succede faccio in modo di assaporare il momento e di godermi ogni pagina, assorbendone il contenuto come una spugna assorbe l’acqua.
Rattlesnake – Serpente a sonagli” è un libro che VA letto. Senza “se” e senza “ma”.
Qui la recensione completa

46073041_1927850163951106_689983442380652544_nQuel che resta” di Garrett Leigh
È il primo libro di Garrett Leigh che leggo e l’ho apprezzato tantissimo. Nonostante all’inizio il prologo mi avesse lasciata un po’ così, andando avanti con la lettura ho amato sempre di più la storia e i suoi personaggi. Ho apprezzato fortemente l’amore indelebile che aleggia in ogni pagina e che accompagna Rupert e Jodi nella loro nuova realtà, ma anche l’aspetto di realismo che ha caratterizzato l’incidente di Jodi, così come la sua riabilitazione e le prospettive di vita futura. Non è tutto rosa e fiori, non ci sono guarigioni Miracolose né niente del genere. È tutto improntato su qualcosa di molto più tangibile e reale, che fa provare un po’ di amarezza nel lettore, ma che al contempo fa apprezzare le scelte della Leigh di non scendere nel sentimentale a tutti i costi e di dare comunque un lieto fine a due personaggi che ne hanno dovute affrontare tante.
Un romanzo delicato, dolce, romantico e sofferto che consiglio assolutamente.
Qui la recensione completa

510-Dt-Rc-Sem-LA casa per Natale” di L. A. Witt
A casa per Natale” è una dolcissima e romantica novella di Natale, piena di amore e speranza, che ci mostra quanto sia difficile per chi torna da situazioni tanto disperate il riambientarsi nella vita da civile. Ci mostra come, con l’aiuto di quelli a cui teniamo e con la forza stessa dell’amore, riusciamo a superare qualsiasi difficoltà e momento, senza mai abbandonare la speranza, anche quando questa pare drammaticamente lontana.
Un romanzo breve ma intenso, ricco di sentimento e malinconia.
Qui la recensione completa


ADELESH

cover500-1Prime volte” di K. C. Wells
È forse la prima volta che leggo un libro e mi rendo conto di essere arrivata alla fine senza aver annotato neanche una parola, troppo presa dalla storia e dai personaggi per interrompere la lettura anche solo per un secondo. Cosa che, in definitiva, non è stata affatto un male, visto che mi ha offerto la scusa perfetta per leggerlo una seconda volta e gustarmelo fino in fondo.
Qui la recensione completa

o-qpid-italianoQ*pid” di Xavier Mayne
Quando ho iniziato questo libro mi aspettavo una storia complicata e difficile da “digerire”. Qualcosa più interessante dal punto di vista sociologico che da quello romantico. Invece la trama è ben costruita e i protagonisti, i personaggi secondari, gli amici dei protagonisti, gli amici degli amici dei protagonisti, perfino i tecnici che lavorano per far funzionare Archer… sono ben caratterizzati, indipendentemente dal ruolo che rivestono all’interno nella storia.
Allo stesso modo, ho apprezzato il viaggio introspettivo di entrambi i protagonisti, i loro timori nel veder crollare quella che all’apparenza era una certezza incrollabile (l’eterosessualità), la loro reticenza a lasciarsi andare con qualcuno dello stesso sesso e sì, perfino il modo in cui alla fine si avvicinano l’uno all’altro da un punto di vista sessuale, cauti e con tanta tanta tanta curiosità.
Qui la recensione completa

solo-per-teSolo per te” di Andrew Grey
Anche se i temi trattati sono importanti e a volte negativi – la religione, il lutto, il rapporto padre-figlio, il primo amore –, il libro non risulta né pesante né difficile da digerire. Al contrario, ho trovato una storia dolce e profonda che permette al lettore di tirare fuori la propria vena romantica e tifare senza sosta affinché i due protagonisti possano ottenere il loro lieto fine.
Qui la recensione completa


All’anno prossimo con le nuove letture e le nostre recensioni a riguardo, così come i “Dietro le quinte” che vi aspettano ogni mercoledì qui sul blog, dove ospitiamo autrici italiane per un’intervista e tantissime curiosità.
Inoltre, vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Pagina FacebookInstagram (dove inseriamo anche citazioni e card di riferimento che non potete perdervi!), Twitter (nuovissimo e aperto da poco!) e ovviamente Goodreads!

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Quel che resta” – Garrett Leigh

46073041_1927850163951106_689983442380652544_nTitolo: Quel che resta
Autore: Garrett Leigh
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: €5,99
Link all’acquisto: Quel che resta

SINOSSI

Il web designer Jodi Peters è una creatura solitaria. Pranzare due volte a settimana con la sua ex fidanzata, diventata la sua migliore amica, e qualche occasionale avventura superficiale in un malfamato bar gay gli forniscono tutta la compagnia di cui ha bisogno, giusto?
Poi una notte si imbatte nel pompiere neodivorziato Rupert O’Neil. Rupert è confuso e solo, ma è il ragazzo più dolce che abbia mai conosciuto. Aggiungeteci l’elettricità inebriante tra loro, e Jodi non può fare a meno di innamorarsi perdutamente. Offre a Rupert un luogo in cui vivere tra le mura del suo accogliente appartamento a Tottenham – un rifugio dove costruire la loro famiglia ideale – e per quattro meravigliosi anni, la loro vita non può essere più felice.
Fino a quando un crudele scherzo del destino porta via tutto. Un momento di distrazione lascia Jodi a lottare per una vita che non riesce a ricordare e spezza il cuore di Rupert. Jodi non lo riconosce, o non vuole farlo. È rimasto poco dell’uomo che adora, e Rupert deve aggrapparsi a quel che resta della sua fede vacillante e pregare affinché Jodi impari ad amarlo di nuovo.

slanifrecensioni

I resti dei loro sogni infranti erano sparsi ovunque… ma quello che rimaneva era qualcosa di meraviglioso.

Jodi Peters e Rupert O’Neil si amano da quattro anni quando la loro vita viene sconvolta per sempre.
A causa di un incidente che lo riduce in fin di vita, Jodi dimentica gli ultimi cinque anni della sua vita, nonché la sua stessa identità. Non ricorda di essere un web designer, non ricorda che quella è casa sua e non ricorda nemmeno di essere bisessuale. Ma, più di tutto, non si ricorda minimamente di Rupert, l’uomo che aveva amato follemente fino a quando una macchina rubata lanciata a folle velocità non l’aveva fatto volare sull’asfalto e mandato in coma.
Il vigile del fuoco ne è devastato e anche se non sa cosa fare, è tutto fuorché deciso ad arrendersi. La vita non è stata molto generosa con Rupert, irlandese d’origine e papà di una bellissima bambina di nome Indie, ma una cosa la sa con certezza da quella notte di quattro anni prima quando accompagnò il suo “boyo” a casa in piena notte e affrontò per la prima volta la sua omosessualità: Jodi è l’amore della sua vita e lui se ne prenderà cura qualunque cosa accada.

«Devi ricordare. Per favore. Devi ricordare.»
«Ricordare cosa?»
«Chi sei, Jodi. Devi ricordare chi sei.»

Perché non è dell’amore tra questi due che dovete preoccuparvi. So che sembra assurdo da dire, visto che Jodi perde la memoria e non ricorda l’amore che sente per Rupe, ma in fondo al suo cuore c’è ancora quella consapevolezza. Solo che è offuscata da dolore corporeo e psicologico, frustrazione, rabbia, amarezza e un milione di altri sentimenti che lo sopraffanno. E Rupert è a dir poco incrollabile nei suoi sentimenti verso il suo boyo.
Questo non vuol dire che la strada per la felicità non sia ripida, anzi.

Una nube di tristezza schiacciante scese su Jodi, come l’oscurità improvvisa prima di un temporale. E con essa, arrivò la certezza che l’incidente non aveva rubato la vita solo a lui. Jodi non ricordava la vita che aveva perso, ma Rupert sì. Ricordava tutto, e la perdita nei suoi occhi tormentati feriva Jodi molto più di quanto avesse mai fatto qualsiasi dolore fisico.

Jodi ha perso la memoria, nonché la persona che era prima dell’incidente; ma anche Rupert ha perso tutto. L’uomo che amava non c’è più e deve non solo aiutare Jodi a ricostruirsi una vita, ma deve anche capire qual è il suo posto in tutto questo e far sì che il web designer voglia stare ancora con lui nonostante non lo riconosca.
Riusciranno queste due anime perdute a ritrovare la strada verso casa?

«Ascoltami,» disse Rupert. «Ti… ci è successo qualcosa di terribile, e ci ha portato via tutto quello che avevamo. Questo,» indicò la cucina fiocamente illuminata, «tutto questo, ne sono solo i resti, ma è abbastanza per noi per costruire qualcosa di nuovo. Voglio farlo, Jodi, perché ti voglio, perché ti amo. So che non puoi dire lo stesso ora, ma forse, se ricominciamo dall’inizio, potrai imparare ad amarmi di nuovo.»

È il primo libro di Garrett Leigh che leggo e l’ho apprezzato tantissimo. Nonostante all’inizio il prologo mi avesse lasciata un po’ così, andando avanti con la lettura ho amato sempre di più la storia e i suoi personaggi. Ho apprezzato fortemente l’amore indelebile che aleggia in ogni pagina e che accompagna Rupert e Jodi nella loro nuova realtà, ma anche l’aspetto di realismo che ha caratterizzato l’incidente di Jodi, così come la sua riabilitazione e le prospettive di vita futura. Non è tutto rosa e fiori, non ci sono guarigioni Miracolose né niente del genere. È tutto improntato su qualcosa di molto più tangibile e reale, che fa provare un po’ di amarezza nel lettore, ma che al contempo fa apprezzare le scelte della Leigh di non scendere nel sentimentale a tutti i costi e di dare comunque un lieto fine a due personaggi che ne hanno dovute affrontare tante.
Non ha reso Jodi immediatamente attratto da Rupert, ma bensì all’inizio è egoista e concentrato su se stesso, sulla sua guarigione, sullo stare bene. Come è giusto che sia.
Non ha reso Rupert il suo zerbino, ma gli ha conferito amarezze e desideri che lo dilaniano e lo rendono umano.

«Non volevo che il fatto che ti amassi fosse il motivo per cui non miglioravi.»
«Penso di essere migliorato perché tu mi amavi ancora, anche se me ne ero andato.»

Questa storia è tutt’altro che semplice per i nostri ragazzi, ma non scade mai nel melodrammatico o nel tragico, così come nello scadente. Nonostante i temi trattati, rimane sempre piacevole da leggere e incredibilmente scorrevole, tanto che ho divorato le quasi trecento pagine in neanche due giornate.
Un romanzo delicato, dolce, romantico e sofferto che consiglio assolutamente. Uno dei migliori letti quest’anno.

Aveva amato Rupert allora e l’amava anche in quel momento. I resti dei loro sogni infranti erano sparsi tutti intorno, ed erano messi a nudo sulle pagine patinate dell’album di fotografie, ma ciò che rimaneva era qualcosa di meraviglioso e, per la prima volta che riusciva a ricordare, si sentì orgoglioso di chi erano stati allora e di chi erano adesso.

DANONPERDERE