Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Tank” – Nora Phoenix & K. M. Neuhold

Titolo: Tank
Autore: Nora Phoenix & K. M. Neuhold
Serie: Ballsy Boys #2
Genere: Contemporaneo, Erotico, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Tank

SINOSSI

Una finta relazione con il ragazzo che odio più di ogni altra cosa. Uccidetemi subito.

Ragazzo carino e superficiale, figlio di puttana presuntuoso, idiota immaturo. Scegliete voi, sono tutti aggettivi che si applicano tranquillamente a Brewer. Il mondo è il suo buffet, e siamo tutti sul menu.
Non ho mai odiato nessuno quanto odio lui. Ma quando Rebel ci accoppia per girare una scena insieme, devo ammettere che non vedo l’ora di sfogare tutta la mia irritazione sul suo… beh, avete capito. Tuttavia, quando una scena si trasforma in una finta relazione, non sono sicuro che ce la faremo senza spargimenti di sangue.
Poi succede qualcosa di strano. Più tempo passiamo insieme, più vedo un lato diverso di lui… e oso mostrare un lato diverso di me. Che diavolo sta succedendo?

Slanif2

Tank e Brewer sono due pornoattori della Ballsy Boys e sono rinomati non solo per le loro prodezze sullo schermo, ma anche e soprattutto perché non sono capaci di stare nella stessa stanza senza saltarsi alla gola… E non per fare cose divertenti, nossignore. Si odiano in modo viscerale e non c’è un solo argomento su cui vadano d’accordo. Se c’è l’uno, difficilmente troverete anche l’altro; non perdono occasione di punzecchiarsi e di farsi reciprocamente presente i difetti e… Sì, insomma, avete capito il genere.
E, se avete un minimo di esperienza con Romance e Commedie Romantiche su pellicola, avrete intuito pure che tutta questa animosità nasconde mooolto di più… Soprattutto, sentimenti molto più romantici.
Il problema? Ovviamente né Tank né Brewer se ne rendono conto e ci servirà la registrazione di un video e il fingersi fidanzati per capire che, in fondo, Tank non è solo un brontolone che non sa divertirsi e Brewer un rubacuori fin troppo bravo a scatenarsi…

«Perché mi odi così tanto?»
«Perché sì, non prendi niente sul serio. La vita è come un grosso cavolo di scherzo per te,» sbotto.
«No,» controbatte con un sorrisetto sul viso che mi fa infuriare da morire. «Penso che questo sia il perché vuoi odiarmi. Ma non è il motivo per cui mi odi davvero.»
«Ah, sì?» Mi avvicino, facendolo retrocedere contro il muro e intrappolandolo con il mio corpo. «Perché non mi illumini, allora, stronzo. Perché ti odio?»
«Mi odi perché mi vuoi, e questo ti sta facendo impazzire.»

Secondo volume della serie firmata da Nora Phoenix e K. M. Neuhold, devo dire che mi è piaciuto persino più del primo! Lo dimostra il fatto che, non appena avuta la copia ARC dalle autrici, mi ci sono praticamente tuffata a pesce mollando tutto quello che stavo precedentemente leggendo, quindi capite bene che effetto mi ha fatto la storia di Tank e Brewer!
Non solo la storia è molto carina e anche meno erotica del primo volume (cosa che ho apprezzato, benché la storia di Rebel e Troy mi sia piaciuta molto e anche stavolta non è che siano casti e puri, eh. Stiamo pur sempre parlando di attori porno, voglio dire!), ma mi è piaciuto molto l’approfondimento delle vere personalità di Tank e Brewer e di coloro che si nascondono dietro i loro nomi d’arte: rispettivamente Peter e Micah.

«Grazie, Peter. Lo apprezzo molto e non vedo l’ora.»
Il suo ampio sorriso spezza qualcosa dentro di me, qualcosa che è stato duro e congelato per molto tempo. Mi vede. Tra tutte le persone che conosco, è Tank quello che mi vede davvero… e mi vuole lo stesso.
«Anch’io.»

Questo volume si è particolarmente concentrato sulla questione di quante maschere possiamo indossare affinché le persone che ci circondano abbiano una certa visione di noi, ma senza far sì che ci mostriamo per quello che siamo veramente, con tutti i nostri pregi e difetti. Mostriamo ad amici e conoscenti quello che vogliamo che vedano e nascondiamo tutto il resto; ma quanto questo comportamento, poi, ci rende la vita difficile e solitaria? Ecco. La storia di Tank e Brewer serve un po’ a comprendere che, se incontri davvero qualcuno che ti accetta per tutto quello che sei, allora non importa se non piacerai più a tutto il mondo, perché ci sarà qualcuno di davvero importante al tuo fianco che ti ama nonostante tutti i milioni di difetti che puoi avere.
Inoltre, spinge molto anche sul concetto di “aspettative”, ovvero su quanto un certo aspetto o un certo tratto caratteriale possa far pendere l’opinione altrui da una parte rispetto a un’altra, basandosi solo su stereotipi, che difficilmente rappresentano la realtà.

«Sei pronto per me?» gli chiedo.
«Sì.»
Si guarda alle spalle, e la fiducia nei suoi occhi è incredibile. «Ci penso io,» gli ricordo, andando completamente fuori copione.
Tank sorride. Sorride davvero. Davanti alla telecamera. Questo farà impazzire Internet, mi rendo conto come uno stupido.
«Lo so, fuckboy.»

La storia di Brewer e Tank si concentra molto anche sull’aspetto della realizzazione del proprio futuro, a discapito forse un po’ delle questioni famigliari che sono accennate ma non proprio concluse. Se devo trovare un difetto nella lettura è giusto questo, perché mi sarebbe piaciuta una nota conclusiva su questo argomento.
Per tutto il resto, però, ho davvero amato questo volume. Tank e Brewer si innamorano lentamente, ma lo fanno in modo dolce e goffo, regalando a noi lettori una storia davvero emozionante e piena di curiosità anche per gli altri personaggi (personalmente, soprattutto su Campy!).

Non so quando questo sia cambiato. Non so quando si sia trasformato da irritante da morire a… già, a cosa, esattamente? Non lo so, ma è molto di più del mio nemico, del mio collega e persino del mio finto fidanzato. E voglio che sia ancora di più. Voglio che sia tutto, ma come glielo dico?
Quando incontro il suo sguardo vedo riflessa una parte della mia confusione e questo mi calma. Non ho bisogno di avere tutte le risposte adesso. Neanche lui le ha. Ma almeno ci siamo dentro insieme, qualunque cosa sia e ovunque ci porterà.

Non vedo l’ora di leggere il resto dei volumi, anche se ho visto che, al momento, su cinque ne sono previsti solo tre. Arriveranno anche gli altri, vero? Io spero di sì! Intanto, aspetto impaziente la storia di Heart a gennaio… Chissà che sorprese ci regalerà? Non vedo l’ora di scoprirlo!

4.5

La copia ARC è stata fornita dalle Autrici

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “L’amore di Lucan” – Nora Phoenix

Titolo: L’amore di Lucan
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #8
Genere: Mutaforma, Paranormal, Erotico, Threesome, Mpreg
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: L’amore di Lucan

SINOSSI

Lucan sa che Maz e Sando sono i suoi compagni. Allora perché loro non riescono a vederlo?

Il beta Lucan ha visto i membri del branco intorno a sé innamorarsi e trovare la felicità. Tuttavia, la sua strada verso l’amore sembra molto più complicata.
Non è che non sappia chi vuole. Lo sa. La sua chimica con il sexy medico alfa Maz è stata immediata, e l’amicizia con il nerd omega Sando si è trasformata in amore.
Il problema? Maz non vuole una relazione e Sando è perso nel proprio mondo.
Sembra che spetti a Lucan far capire a entrambi che loro tre si appartengono. Ma…
E se non lo vedessero mai? Il suo amore sarà sufficiente?

L’amore di Lucan è il nono libro della serie Il Branco Hayes, una serie bestseller mpreg che deve essere letta necessariamente in ordine per poter godere appieno della trama. Questo romanzo friends-to-lovers MMM mpreg termina con un cliffhanger, ma i tre ragazzi avranno il loro lieto fine nel prossimo libro, La verità di Sando.

Evelyne2

Penultimo volume della serie “Il branco Hayes” di Nora Phoenix, “L’amore di Lucan” ci presenta tre personaggi che i lettori di questa serie già conoscono: Lucan, Maz e Sando.
Mentre leggevo i volumi precedenti ho spesso desiderato scoprire qualcosa in più su di loro. Ero curiosa di ciò che sarebbe potuto succedere, ma allo stesso tempo non sentivo un particolare interesse nei confronti di nessuno dei tre. Questo mi ha stupita, perché i protagonisti di questa serie mi hanno sempre colpita e coinvolta, specialmente quando avevo già un’idea di quale potesse essere la futura threesome.
Lucan era il personaggio che ho avuto modo di scoprire maggiormente, nonostante il punto di vista fosse di tutti e tre i protagonisti. Il beta è il personaggio più accomodante ed espansivo. Un perfetto equilibrio per una relazione che deve ancora iniziare e che non ha alcuna base. È una di quelle persone di cui è davvero semplice innamorarsi e Maz questo lo sa bene. Al contrario dell’alpha, Sando non ha idea di ciò che lo circonda e questo influisce sulla sua vita personale e sull’unica relazione che è riuscito a creare in più di un anno e che conta per lui più di qualunque altra cosa.
La relazione tra Lucan Maz e Sando è complessa, ma Lucan e Maz sanno cosa vogliono e non hanno alcuna intenzione di far passare il tempo senza dire la loro.
È stato facile amare Lucan, il suo tormento è ben chiaro al lettore che tifa per lui e vede quanto la lontananza con i suoi uomini lo faccia stare male.
Maz è il personaggio che ho imparato ad amare con il passare del tempo. Più leggevo di lui e più mi piaceva. Ha così tanto da dare che al fianco di Lucan risulta perfetto. Lo completa e mettere ancora più in mostra tutte le sfumature di entrambi che li rendono dei compagni ideali, malgrado i difetti.
Sando, a mio parere, cozza davvero molto vicino ai due. Ammetto di non aver legato per nulla con lui, forse per il suo carattere scostante e inconsapevole. Mi è sembrato sterile in più di un’occasione e pensarlo al fianco di Maz e Lucan mi fa pensare che il trio risulterebbe squilibrato in più di un momento.
Per quanto riguarda invece la narrazione, tratto che ho sempre amato di questa serie, stavolta mi ha faccio storcere il naso. Non amo leggere gli stessi eventi più di una volta, perché la suspense è totalmente assente e lo spettatore sa già cosa accadrà prima ancora che succeda effettivamente. Negli altri volumi scoprivamo insieme al branco sempre cose nuove, incontravamo personaggi… Qui rileggiamo eventi già accaduti, persino scene già vissute. Non ho compreso perché l’autrice non abbia inserito questo trio insieme agli altri. In questo volume i punti di vista sono solo i loro tre e non quelli di tutti i personaggi più importanti, come è sempre stato in precedenza. Insomma, si discosta molto da quella che è sempre stata la narrazione della serie e che mi aveva portata ad amare tutti i personaggi, perché li vedevo da più angolazioni, senza mai rimanere ferma in punto o essere sbalzata a mesi e mesi di distanza nel giro di una pagina per la prima volta in nove libri.
Nel complesso è una storia degna della serie che sto amando e che mi ha comunque incuriosita nei confronti dell’ultimo volume. Spero mi dia quella sensazione che ho sempre provato ma che stavolta faticavo a raggiungere.

4

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Kríe Captivity” – Kora Knight

Titolo: Kríe Captivity
Autore: Kora Knight
Serie: The Nira Chronicles #1
Genere: Paranormal, Alieni, Threesome, Multipartner, Erotico, lieve BDSM
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Kríe Captivity

SINOSSI

Nira. Il pianeta appena mappato dalla Astrum Industries. Una nuova scoperta. Completamente inesplorato. Ma le cose stanno per cambiare
Una squadra di esploratori guidata dal capitano Alec Hamlin deve fare un atterraggio d’emergenza e viene presto in contatto con gli indigeni di Nira. Un gigantesco maschio Kríe, tutto muscoli, corna e zanne. Per fortuna è amichevole, o così li spinge a credere.
Con l’aiuto del suo branco, il Kríe prende prigioniero il team di Alec con l’intento di venderlo. Ma gli abitanti di Nira non sono solo malvagi, sono anche arroganti e prepotenti. E soprattutto molto, molto sessuali. Il che spiega perché, durante il viaggio per vendere le nuove merci, danno da mangiare ad Alec e ai suoi un potente afrodisiaco. Non c’è niente di meglio che un po’ di divertimento sensuale durante il lavoro, in fin dei conti.
Presto la squadra di esploratori si trova a lottare con il desiderio irrefrenabile di accoppiarsi con i loro rapitori. Ma quando la passione prevale e si vengono a formare legami inattesi, emergono nuove verità. Il tempo stringe: basterà far cambiare idea ai Kríe per mutare il destino del team di Alec?

Slanif2

Quando Alec Hamlin e i suoi colleghi – il copilota Zaden, il mercenario Chet e i tre scenziati Noah, Jamis e Bailey – sono partiti per la loro missione esplorativa per il pianeta Nira, tutto si aspettavano meno tranne che essere attaccati da tre specie di Draghi con la pelliccia e di finire nelle mani dei Kríe, i suoi abitanti alieni.
A capeggiare il gruppo c’è Gesh, insieme a Romi, Naydo, Milos, Finn e Filli. I cinque sono alti tre metri, hanno la pelle viola, indossano solo una specie di gonnellino di pelle e svariati orpelli come bracciali e piercing. La peculiarità? Per i Kríe il sesso è tutto e sarà proprio con questo che terranno soggiogati i nostri impavidi umani (insieme all’aiuto di un piccolo espediente che non vi spoilero)… Ma che succederà quando Gesh prenderà una decisione che condizionerà tutti loro e i sentimenti fragili e nascenti che stanno scoppiando tra i vari componenti del gruppo verranno messi in crisi?
Primo volume della serie, è più una sorta di prologo a quelle che saranno le vere vicende. Cominciamo a conoscere il mondo di Nira, le sue usanze e abitudini, così come la fame insaziabile (e non parlo di quella dello stomaco, per inciso) dei Kríe, che non perdono occasione di soddisfare.
Anche se alcune situazioni sono un po’ sopra le righe, a mio gusto, durante la lettura ho avuto per tutto il tempo la voglia di continuare e andare avanti; scoprire cosa sarebbe successo nella scena successiva e facendomi domandare: quando uscirà il secondo volume? Sì perché, come dicevo, qui c’è solo un primo abbozzo alla vicenda, che si prospetta ben più complessa e che spero vedrà risvolti interessanti nel secondo volume.
Ammetto che il personaggio che mi ha affascinato meno è proprio il nostro protagonista, Alec, che però ha la voce narrante per l’intera vicenda, a discapito di (soprattutto) Zaden, Chet e Noah che mi hanno intrigato di più. Spero che nel secondo volume ci sia un maggiore approfondimento anche sulle loro storie e sulle dinamiche con i rispettivi Kríe, perché altrimenti mi sentirei davvero dispiaciuta!
Insomma, un buon primo volume che apre le porte a quello che si prospetta essere un continuo mooolto interessante e che spero di leggere al più presto, soprattutto ora che il Re è entrato in gioco… Cosa succederà al nostro Team Umani? Non vedo l’ora di scoprirlo!

4
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Le gemme del Re” – Giulia Holm

Titolo: Le gemme del Re
Autore: Giulia Holm
Genere: Storico, Erotico, BDSM, Kink, Dark
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Le gemme del Re

SINOSSI

Il re del Regno del Nord aveva qualsiasi cosa potesse desiderare, ma l’arrivo di un giovane contadino cambiò le carte in tavola. Venduto dalla sua famiglia per risollevarsi economicamente, il re lo prese a corte in qualità di schiavo del piacere da aggiungere al suo harem. Non voleva perdersi l’occasione di godere delle carni di quel fanciullo, che aveva anche scoperto di essere vergine.
Tuttavia, Zenit non aveva nessuna intenzione di diventare il nuovo trastullo del sovrano, piuttosto preferiva continuare a zappare la terra.
Zenit si ritroverà a vivere a corte, a conoscere le pietre preziose del re, soprattutto il favorito, Ginone. Cosa accadrà quando si renderà conto che la sua attrazione per Ginone sarà fin troppo forte per essere elusa?
Il re è molto geloso delle sue gemme, soprattutto della sua perla rara… l’amore che riserva a lui è indistruttibile.

Slanif2

Zenit, un giovane contadino, si vede costretto a essere venduto al Re del Nord dai suoi genitori, che non sanno come tirare avanti senza quell’aiuto economico. La loro idea è di fargli fare le pulizie o il cuoco, ma quando il Re afferma di non avere bisogno né dell’uno né dell’altro, Zenit è convinto che le cose non andranno come previsto. Tuttavia, il Re ha un altro compito per lui, e glielo propone senza indugio davanti ai suoi genitori, dimostrando quanto sia abituato a ottenere tutto quello che vuole: Zenit potrà rimanere a Palazzo se è disposto a entrare a far parte del suo harem di “gemme preziose”, come le chiama lui, riferendosi all’harem di uomini a sua disposizione, con cui indugia di sovente in pratiche sessuali.
Zenit accetta solo per salvare il futuro dei genitori, ma poi si ritrova costretto a pregare il Sovrano di non togliergli la sua dignità e di non umiliarlo, ricevendo la stessa risposta che se l’avesse chiesto a un muro di gomma.
Inizia così la vita di Zenit a Palazzo, tra festini, orge, pratiche più o meno discutibili e gelosie.
Riuscirà il giovane contadino a non perire e a salvare quanto più possibile la sua dignità?
Questa è, in breve, la trama di questo romanzo di esordio di Giulia Holm, che ci racconta un mondo inventato ma ricco di intrighi e personaggi più o meno discutibili. Le caratterizzazioni di cui alcuni, infatti, sono davvero ben fatte, mostrano personaggi crudeli, spesso spinti solo dai propri egoistici desideri e non sempre con quella sufficiente umanità da renderli gradevoli.
La storia di per sé è interessante. Le dinamiche mi hanno ricordato un po’ una serie di romanzi stranieri molto famosa, ma le caratterizzazioni di cui parlavamo prima fanno sì che non sia possibile fare confusione tra l’uno e l’altro.
La trama è ben architettata e nel complesso l’idea è interessante; l’unico problema è la forma del testo, che dovrebbe essere rivisto, in quanto presente di diversi refusi che appesantiscono la lettura. Non che sia scritto in modo incomprensibile, intendiamoci, ma consiglio all’autrice di affinare il testo, magari con l’aiuto di un professionista che renderà di sicuro la lettura molto più pulita e scorrevole.
Concludo dicendo che, già come si evince dalle note iniziali del testo, questo non è esattamente un romanzo “leggero”, perché ci sono tante pratiche sessuali spinte e descritte nei dettagli, quindi se non siete amanti del genere, magari sfruttate l’anteprima su Amazon per farvi un’idea. Se invece amate i romanzi belli caldi… direi che è decisamente la lettura che fa per voi!

3.5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Rebel” – Nora Phoenix & K. M. Neuhold

Titolo: Rebel
Autore: Nora Phoenix & K. M. Neuhold
Serie: Ballsy Boys #1
Genere: Contemporaneo, Erotico, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Rebel

SINOSSI

Sono l’amico di tutti, ma il tutto di nessuno…

Adoro lavorare per i Ballsy Boys, ma quando fai il tipo di video che faccio io, le relazioni sono dannatamente impossibili. I ragazzi mi trovano sexy e vogliono o stare con me o essere me, ma a nessuno è mai importato abbastanza da vedere chi sono davvero.
Fino a quando non incontro Troy… che si presenta alla mia porta vestito da banana. È una lunga storia.
Troy non ha alcun problema con il mio lavoro, ma è determinato a tenermi a distanza. Lo capisco, è stato ferito in passato. Ma per la prima volta, il semplice spassarcela non mi basta. Voglio di più con lui. Diavolo, voglio tutto. Ma resiste a ogni passo finché non sono sul punto di arrendermi.
Cosa devo fare per dimostrargli che quello che abbiamo è reale ed è qualcosa per cui vale la pena combattere?

Slanif2

Troy Kline è uno studente universitario di Programmazione per Videogiochi che ha passato l’infanzia tra famiglie affidatarie e case famiglia. Sua madre l’ha mollato in una stazione di polizia quando aveva sei anni per non farsi mai più vedere, perciò non c’è molto da stupirsi che sia assolutamente cinico in amore e che abbia serie difficoltà a fidarsi.
Rebel è di poco più grande e fa il pornoattore da sei anni. Adora il suo lavoro, ma ultimamente vorrebbe di più e il fatto che tutti i suoi fidanzati lo mollino a causa di ciò che fa, di sicuro non è un incentivo a continuare in eterno per quella strada.
Tuttavia, nessuno dei due aveva messo in conto che l’incontro reciproco mentre Rebel viene scaricato e Troy è vestito da banana (è una lunga storia, come si dice anche nella sinossi, che dovete assolutamente leggere), faccia sì che Troy capisca che c’è qualcuno di cui potersi fidare, dopotutto; e Rebel che c’è chi accetta tutto di lui senza nessun problema…

«Ehi, c’è banana boy!» grida oltre la musica del club, e il mio passo vacilla.
Quella mia fottuta cotta di una pornostar mi ha appena chiamato “banana boy” di fronte a un gruppo di altri pornodivi. Non è reale, vero? Questo è uno di quei sogni imbarazzanti sull’essere nudi in classe, giusto? Perché ho davvero sperato di uscirne da figo per almeno un paio di secondi.
«Banana boy?» chiede l’uomo accanto a Rebel.
«Non posso credere di non avervelo detto: questo tizio si è presentato a casa mia con un costume da banana, spiega Rebel, e tutti ridono.
In tutta onestà ho immaginato questo momento molte volte, ovvero di essere circondato dall’intera banda dei Bellsy Boys, ma mai ho pensato che avrebbero potuto ridacchiare di me… o che saremmo stati tutti vestiti.

Ammetto che, quando ho letto la sinossi e la frase: “Fino a quando non incontro Troy… che si presenta alla mia porta vestito da banana. È una lunga storia”, ho capito che volevo leggere questo libro, perché sono scoppiata a ridere come una matta.
A lettura conclusa, posso dire che il mio intuito non ha fallito nemmeno questa volta, perché ho avuto modo di leggere un romanzo sexy, divertente e con una bella storia e due bei personaggi, che ha saputo coinvolgermi dall’inizio alla fine.
Rebel e Troy sono due protagonisti molto diversi, ma nonostante questo mi sono piaciuti molto entrambi e la loro storia è stata ben sviluppata. Certo, la parte fisica arriva presto, ma lo sviluppo emotivo è lento e graduale e quando si arriva alla fine a pronunciare finalmente la parola con la “A”, non si ha assolutamente l’impressione che sia affrettato o fuori luogo.

«È il tuo ragazzo?» mi chiede gentilmente Pixie.
«No,» dico in fretta. «Siamo amici con benefici, più o meno.»
«È sexy,» osserva lui. «Gli permetterei senza dubbio di scxxxxx.»
La mia testa scatta di lato, poi guardo Pixie dritto negli occhi: sta sorridendo. «Solo amici con benefici, eh? Continua a ripetertelo.»
«È complicato,» rispondo sulla difensiva.
«Lo è sempre.»

Non sono una grande amante delle scene in cui i personaggi vanno a letto con altri, ma vi avverto subito che in questo libro accade a causa del lavoro di Rebel; tuttavia le autrici hanno saputo renderlo bene e distinguere senza sforzo il lavoro di Rebel da quello che fa nella vita privata, dando a ogni scena il giusto peso e coinvolgimento.
Mi sono ritrovata, piuttosto, a non essere minimamente infastidita dalla cosa e, anzi, ho ridacchiato a più riprese con Troy e le sue affermazioni a riguardo; nonché alle sue battute a doppio senso che, vi avverto, abbondano (per sommo divertimento di noi lettori).

«Ehi, meraviglia,» mi saluta.
«Ciao. Comincio a chiedermi se questo non sia una specie di sogno da coma, perché non è possibile che questa sia la vita reale, cioè che possa guardare il mio pornoattore preferito farselo suxxxxx un secondo prima e averlo alla mia porta quello dopo.»
«Devi aver fatto qualcosa di molto buono in una vita passata.»

Un romanzo davvero coinvolgente, con tante scene sexy che tuttavia non appesantiscono la lettura (e ve lo dice una che dopo due scene di sesso in duecento pagine di solito si annoia…) e personaggi di contorno con storie che sembrano mooolto intriganti e che non vedo l’ora di leggere!
Infine, faccio i miei complimenti anche alla traduttrice, perché ho trovato il testo molto preciso e curato.
Assolutamente consigliato!

4

La copia ARC è stata fornita dalle Autrici

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Il potere di Sivney” – Nora Phoenix

Titolo: Il potere di Sivney
Autore: Nora Phoenix
Serie: Il Branco Hayes #7
Genere: Mutaforma, Mpreg, Paranormal, Erotico, Threesome, BDSM, Kink, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Il potere di Sivney

SINOSSI

Quando un ragazzo pieno di bisogni rende impossibile prendere le cose con calma…

Sivney è determinato a concedersi il tempo necessario per conoscere i suoi nuovi amori, Naran e Lev. Dopotutto, ognuno di loro porta con sé un bel bagaglio emotivo, e capire quale sia la maniera giusta di adattarsi l’uno all’altro non è semplice.
Lev, tuttavia, non può aspettare che Sivney sia pronto per qualcosa di più. Ha bisogno che entrambi i compagni si prendano cura di lui subito. Anzi, vorrebbe lo avessero già fatto. Riuscirà Sivney a decidersi e dare più di ciò che è sempre stato disposto a concedere, nel momento in cui Lev ne avrà davvero la necessità?
Il branco nel suo complesso comunque ha preoccupazioni più grandi. La guerra civile è sul punto di scoppiare e, dal momento che la capitale è a poche miglia di distanza da loro, l’incolumità del branco è messa a rischio. Ciononostante, quando uno dei membri della famiglia si ammala gravemente, persino la guerra perde di priorità…

Il Potere di Sivney è l’ottavo libro della serie Il Branco Hayes, una serie bestseller di romance mpreg che deve necessariamente essere letta in ordine affinché sia possibile godere della sua trama complessiva. In questo MMM sono presenti del kink, tantissimo amore e qualche momento di grande angst, ma il lieto fine è assicurato per ognuno dei personaggi presenti!

Evelyne2

Ottavo volume della serie “Il branco Hayes” di Nora Phoenix, “Il potere di Sivney” ci presenta ancora una volta Naran Sivney e Lev, un trio che avevamo già incontrato in “L’obbedienza di Lev“.
Conosciamo già i protagonisti e ancora di più tutti gli altri personaggi, che hanno già avuto la loro storia d’amore e che compaiono nei precedenti volumi.
Se avete già letto questa serie sapete che l’autrice ci ha lasciati in un momento importante per il trio e per l’intero branco.
La storia si infittisce sempre di più, i colpi di scena sono inaspettati e ricchi di suspense. Tutti i membri del branco Hayes avranno un ruolo in questo volume, che tra tutti mi è sembrato quello più corale e completo. Ci riporta i precedenti protagonisti e i nuovi, che non vedo l’ora di conoscere e sapere quali nuove threesome l’autrice creerà.
Lev, Naran e Sivney sono un trio che ho apprezzato dal primo incontro. Hanno avuto un passato difficile e l’inizio della loro storia non è tra i più felici, ma insieme sono una forza della natura. Non si possono non amare, specialmente se si considera quanto le loro personalità si distinguano rispetto agli altri membri e come siano perfetti l’uno per l’altro.
Se nel primo libro a loro dedicato li avevamo conosciuti, qui i loro personaggi vengono approfonditi e acquisiscono più spessore.
Le scene di sesso sono importanti per vedere come Sivney unito ai suoi compagni riesca a crescere e adattarsi. Lev e Naran si conoscono già, ma inserire un nuovo membro nella loro relazione non è certo semplice.
La loro è una di quelle storie che mi ha fatto battere il cuore: dolce, sensuale e intrigante. Una storia che merita di essere letta, perché il loro amore è tangibile e invidiabile.

“Pensava che l’amore sarebbe stato sereno, bellissimo, solenne. E invece era confusionario da morire, disordinato e doloroso. E, nonostante ciò, non dubitava delle parole di Naran, perché lo vedeva nei suoi occhi, quell’amore.”

Questa serie è diventata sin da subito una delle mie preferite. Ogni qualvolta termino uno dei volumi sto già aspettando l’uscita del prossimo, con la speranza che avvenga il prima possibile.
La Phoenix è riuscita a creare una storia complessa e molto articolata, ma dettagliata e strutturata affinché il lettore possa seguirla con facilità e provare a farsi un’idea dei futuri eventi, rimanendo però sempre con il fiato sospeso e sorpreso quando questi vengono presentati.
Se conoscete il branco Hayes non potete perdervi la storia di Lev, Naran e Sivney. Non consiglio la lettura a chi non ha mai letto i volumi precedenti, perché la storia è fitta e ricca di dettagli, impossibili da apprezzare a pieno se non si conoscono tutti i personaggi e le vicende.

5

La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: lux lab, recensioni

Recensione “Adrenalina” – Daniela Barisone & Koorime Yu

Titolo: Adrenalina
Autore: Daniela Barisone & Koorime Yu
Genere: Travel Time, Erotico, Gap Generazionale, BDSM
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Adrenalina

SINOSSI

Quando nel settembre del 2019 vede entrare Davide nel suo locale, Matteo ha un colpo al cuore. Davide è giovane, fin troppo, e i conti non gli tornano.
Perché quel ragazzo è lo stesso che Matteo ha incontrato in una nevosa notte del 1997, nel vicolo di fianco a quello che sarebbe diventato il suo motivo di vita: l’Adrenalina. Ma è impossibile: nel 1997 Davide non era nemmeno nato.
Matteo vive la sua vita in parallelo a quella di Davide, vedendolo cambiare giorno dopo giorno, nella consapevolezza che forse scomparirà di nuovo nel nulla, come ha fatto il suo alter ego di tanti anni prima. Svanito nel nulla, come la neve che si scioglie al sole.

Ho rimandato la lettura di questa storia al momento giusto, perché avevo subodorato un sacco di angst e non mi andava di frignare sotto l’ombrellone in spiaggia. Quindi, beh, ho frignato da sola in camera mia, ma questa è un’altra faccenda… quello che può interessare a voi è che sì, il substrato tormentoso c’è e si dipana lungo tutto il percorso, perché l’economia della trama lo richiede, ma questa storia è molto di più: è una piccola perla che merita una possibilità.
Anche se nei siti di scrittura amatoriale ci sono, le storie m/m pubblicate in Italia che parlano di viaggi nel tempo si contano sulle dita di una mano e già per questo andrebbe letta, spinti dalla curiosità, ma poi sarà l’intreccio fra presente e passato, fra la narrazione alternata di Matteo e Davide, a catturare il desiderio di sapere del lettore fino all’ultima riga.
Adrenalina” è un libro davvero ben architettato e ben realizzato, dove ci si ritrova a sentire sulla pelle i sentimenti e le emozioni dei personaggi. Mi ha colpita particolarmente come, leggendo, mi sia rivista in uno spaccato perfetto del 1997, un tuffo nel passato vero e proprio che ho rivissuto con Davide e mi si è incollato addosso in una carrellata di ricordi: in quel modo di vestirsi, di parlare, delle situazioni non sempre semplici e delle difficoltà vissute dalle persone queer.
Nel presente, Matteo ha quarantacinque anni ed è il proprietario del locale milanese Adrenalina, dove si presenta Davide con la sua band per esibirsi e, col tempo, i due diventano una coppia, felice di esplorare la scena BDSM, trovando il loro equilibrio.
Davide è un ventenne eclettico e soddisfatto nella propria pelle di Generazione Z. Quello che non sa, e che Matteo non gli dice, è che Davide è identico a un altro Davide che ha sconvolto la vita di Matteo nel 1997, rimettendo in discussione convinzioni, tabù e bisogni.
Complice una particolare aurora boreale che rischiara magicamente i cieli di Milano, il lettore ha modo di viaggiare con i due protagonisti fra presente e passato, incastrando tanti piccoli tasselli in un amore a scadenza, un amore imprevisto, totale e assoluto, ma ricco di incognite ed emozioni che travolgono Matteo e Davide, ma anche chi legge.
Non è facile rendere giustizia a una storia così, che va ‘vissuta e sentita sulla pelle’ più che raccontata.
L’age gap è consistente ma è ben bilanciato; è stato interessante, e a tratti commovente, vedere i due Matteo a confronto e ritrovare tenere analogie. Anche le pratiche BSDM hanno parecchio spazio, ma hanno soddisfatto persino me che non sono esattamente una fan.
La caratterizzazione di Davide mi è piaciuta molto, ma è Matteo che mi ha conquistato il cuore con il suo amore che trascende il tempo.
Avrei voluto qualche info in più sulla fantomatica aurora, ma pazienza.
Una menzione a parte per la bellissima copertina, una caduta nel vuoto simbolica e reale che vi invito a fare con Davide in queste pagine.

4.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Incontri di mezzanotte + Scena tagliata Vol. 3 + Scena tagliata Vol. 5” – N. J. Lysk

Titolo: Incontri di mezzanotte + Scena tagliata Vol. 3 + Scena tagliata Vol. 5
Autore: N. J. Lysk
Serie: Le Stelle del Branco #0.1, #3.1. #5.1
Genere #0.1: Paranormal, Mutaforma
Genere #3.1: Paranormal, Mutaforma, Mpreg, Incesto, Kink, Erotico
Genere #5.1: Paranormal, Mutaforma, Erotico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Scaricabili solo per gli iscritti alla Newsletter

SINOSSI

Incontri di mezzanotte
La scena in cui Gabriel invita Alec a unirsi al branco.

Scena tagliata Vol. 3
Il capitolo 3 alternativo di “Un Alpha per il Branco” (un po’ più pesante sul kink)

Scena tagliata Vol. 5
Una scena inedita de “L’Amato dal Branco

Slanif2

A sorpresa, N. J. Lysk ci regala delle storie aggiuntive della sua serie “Le Stelle del Branco”. Alcune sono approfondimenti di scene che nel libro hanno subito tagli e modifiche, un’altra è dedicata a una scena del tutto inedita e ai personaggi di Gabriel e Alec.
Essendo tre racconti brevissimi, ho deciso di recensirli per voi in un’unica occasione, così da potervi dare la possibilità in una sola volta di scaricarli gratis e leggerli, senza doverli andare a pescare nei meandri del blog.
Cominciamo parlando di “Incontri di mezzanotte”, la scena #0.1 che si svolge prima dell’inizio della serie e che è dedicata a come Gabriel invita Alec a prendere parte al loro singolare branco, con così tanti Alpha e un solo Omega, Ray. Alec all’inizio è titubante, ma poi Gabriel riesce a convincerlo, complice anche il fatto che hanno un passato in comune e che qui ci viene accennato. Ammetto che questa coppia mi piaceva molto già dalla serie principale, quindi sono contenta di aver potuto leggere questo loro approfondimento senza che sfociasse in qualcosa di sessuale ma che anzi, parlasse dei loro sentimenti e speranze.
Il secondo speciale è dedicato a una scena approfondita del volume 3, “Un Alpha per il Branco”, dove vediamo la scena di sesso tra Gabriel e Ray in cui Gabriel è fortemente… come dire… ispirato dal seno gonfio per l’allattamento di Ray e ciò diventa il centro del racconto. Ovviamente, se leggete solo questo racconto senza aver letto il secondo volume, avrete le idee un po’ confuse circa certe dinamiche, ma se lo avete letto, allora andate tranquilli che sicuramente vi intrigherà questo kink decisamente insolito. È la prima volta che ne leggo e, sinceramente, sono un po’ perplessa a riguardo, ma so che è un kink che esiste, perciò… Chi sono io per giudicare? A ognuno il suo, della serie.
L’ultima chicca è invece una scena del tutto inedita proveniente dal volume 5, “L’Amato dal Branco”. Come dice l’autrice, contiene spoiler dei primi volumi e, idealmente, è bene leggerla solo dopo aver superato la metà del quinto volume, in quanto racconta della scelta di Josh rispetto alla richiesta che gli fa Ray a un certo punto (e che qui non vi spoilero per ovvi motivi, se tante volte non siete ancora giunt* fino a lì) del libro. Qui assistiamo a come Ray reagisce e come chieda l’aiuto di Sergi (che però io stravedo con Iesu, che è praticamente la mia coppia preferita della serie, lo ammetto!) per superare quel momento terribile. La tematica, infatti, è sofferta e tutt’altro che semplice, ma Sergi è gentile e Ray cerca di fidarsi di lui, anche se non è Josh.
Insomma, tre aggiunte carine e brevissime che ampliano alcuni momenti o riempiono dei vuoti della serie, ideali da leggere per tutti quelli che hanno già goduto della serie e vogliono saperne di più.

3.5
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Per volere dei cieli” – N. J. Lysk

Titolo: Per volere dei cieli
Autore: N. J. Lysk
Genere: Multipartner, Mpreg, Royal, Erotico, Dark
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Fuori catalogo
Link all’acquisto: Fuori catalogo
Nota: Questo libro contiene scene di sesso non consensuale e violenza

SINOSSI

Il principe Hiram di Pradeira è ritenuto inadatto a ricoprire il ruolo di re dopo la morte di suo padre. Essendo però un discendente diretto degli dei, saranno i suoi consanguinei a regnare.
Per scongiurare la guerra civile, Hiram rinuncerà al trono, garantendo la sua discendenza accettando di avere un figlio da ognuno dei principi appartenenti alle altre nobili casate del regno, alla nascita del primogenito il padre che lo avrà concepito salirà al trono in attesa di cederlo al figlio.

Slanif2

Non mi capita mai di avere difficoltà a scrivere una mia opinione su una lettura esprimendo il mio punto di vista e le mie impressioni, ma questo racconto breve di N. J. Lysk (sono appena una cinquantina di pagine) è difficile – se non impossibile – da recensire.
Non perché sia scritto male, ma perché lo scopo ultimo di questa storia non sono riuscita a comprenderlo.
Hiram di Pradeira è un Principe che, alla morte del padre, si trova costretto a prendere una decisione orribile per far sì che il mondo non vada in guerra: dovrà sacrificare il suo corpo e la sua anima e concedersi a tutti i Re degli Regno, così da concepire un figlio per loro e “tenerli buoni”.
Ciò avviene dopo un Giuramento fatto praticamente sotto costrizione e seguito poi da quelli che non si può che descrivere come abusi, in quanto questi Re sono brutali e lo trattano essenzialmente come il primo pezzo di carne disponibile. Noi lettori stessi non conosciamo molti dei loro nomi, come se fossero macchie sfocate sullo sfondo, enfatizzando il distacco tra noi e loro.
Questo racconto non contiene una vera trama (perché Hiram è solo contro il mondo e non interagisce praticamente con nessuno), non c’è erotismo (perché è tutto un brutale accoppiarsi senza alcuno scopo se non la procreazione) e tantomeno il romanticismo (con quello che vi ho sommariamente raccontato, dove lo mettiamo, esattamente? Impossibile). Perciò… Non so bene quale fosse lo scopo ultimo di N. J. Lysk, ma di certo questa è una lettura per pochissimi, e solo se amanti del Dark.

3
Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “In cerca di equilibrio” – Silvia Violet

Titolo: In cerca di equilibrio
Autore: Silvia Violet
Serie: Sentirsi a casa #2
Genere: Contemporaneo, BDSM, Threesome, Erotico
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: 4,43€
Link all’acquisto: In cerca di equilibrio

SINOSSI

Jack, Gray e Mason hanno accettato il fatto che l’amore sia di molti tipi e si sono abituati alla loro relazione a tre. Le cose non sono state facili, e ora che Mason si è rimesso a studiare e Gray è interessato a diventare un detective, Jack si sente solo. I suoi compagni non ci sono più molto spesso, e a lui manca lo starsene stesi a letto insieme, a godersi i benefici di vivere con due uomini sexy.
Ma Jack ha dei segreti. Si sente a disagio ogni volta che indossa l’uniforme. Non si è mai ripreso dall’aver visto Mason tenuto in ostaggio, e non è più sicuro che il suo destino sia essere un poliziotto.
Stressato per il futuro e il dover affrontare le pressioni di Gray e Mason per portare allo scoperto la loro relazione, Jack rimane gravemente ferito nell’adempimento del proprio dovere. La sua guarigione, sia fisica che emotiva, potrebbe essere più di quello che la loro relazione non convenzionale possa sopportare.
Jack avrà bisogno di tutto il coraggio e il supporto che i suoi amanti possono dargli se vuole tornare a vivere e creare la vita che sogna.

Evelyne2

Aspettavo di poterlo leggere per vedere quanto la caratterizzazione del personaggio di Jack fosse migliorato e se ci fosse stato un cambiamento nelle scene di sesso.
Sicuramente, per quanto riguarda il personaggio di Jack, c’è stato un miglioramento. Avere lui come voce narrante dà modo di comprendere dettagli che altrimenti ci saremmo persi per strada e questo è un punto a favore che mi ha fatto continuare la lettura con molto più interesse.
Le scene di sesso hanno avuto alti e bassi. Sono originali e sensuali, ma se a volte si distaccano e mostrano finalmente un coinvolgimento che sia equilibrato tra i tre, altre volte ritornano a mettere sempre e comunque Mason al centro e lasciare indietro persino Gray, che comunque mantiene la sua presenza di dom.
Ho trovato ironico che persino nel “suo” libro Jack venisse messo da parte, ma rispetto al primo volume non posso certo dire di non averlo apprezzato di più!
Gray è migliorato, mentre Mason non mi è dispiaciuto vederlo meno fuori dal letto e Jack spero rimanga così anche nel terzo volume, perché ora che vedo le potenzialità del personaggio mi sembra di aver letto finora solo di una sua imitazione.
Se non avete letto il volume precedente non potrete comprendere le vicende che caratterizzano il cambiamento di Jack e la reazione di Mason e Gray, per cui consiglio la lettura solo a chi li conosce già e non cerca una lettura pretenziosa
La consiglio anche a chi non è particolarmente avvezzo alle scene BDSM, perché anche se è una caratteristica presente è sempre soft e non supera mai limiti che potrebbero infastidire. Se invece amate il BDSM, non avrete certo problemi ad apprezzare i momenti principali di questo volume.

3.5