Pubblicato in: Delos Digital, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Il mio surfista” – Carlo Lanna

Cover Senza Sfumature 138 - 2

Titolo: Il mio surfista
Autore: Carlo Lanna
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Delos Digital
Prezzo: 3,00€
Link all’acquisto: Il mio surfista

SINOSSI

Un audace gioco di sguardi, una passione sconsiderata, un amore che va ben oltre qualsiasi tipo di immaginazione. In una calda estate californiana, la vita di Carter viene stravolta da un tornado di sensualità che chiama “M”.
M è un surfista solitario, un Dio sceso in Terra, un seduttore dal passato tormentato. Carter è un liceale appena diplomato, che deve ancora assaporare la sua prima esperienza e non ha accettato di essere un ragazzo dai gusti diversi dai suoi coetanei.
Una vibrante passione guidata dai fumi del sesso intreccia i fili del loro destino, sviluppandosi in un amore che lega i cuori in modo indissolubile. La vita, però, continua a mettere i bastoni fra le ruote e per Carter e M non sarà facile prendere in mano le loro vite e scrivere il loro desiderato lieto fine.

Lady Marmelade2

Un racconto piacevole questo ultimo lavoro di Carlo Lanna, ambientato oltre oceano, dove sabbia, onde e mare fanno da sfondo alla scoperta del sesso, e forse dell’amore, al giovane Carter.
Carter si sta per diplomare e non vede l’ora di partire per l’università, per sperimentare quello che ha sempre nascosto a tutti, a quei pochi compagni di scuola con cui va d’accordo, ma soprattutto alla famiglia. Carter sa da molto tempo di essere attratto fisicamente e sentimentalmente dagli uomini, ma l’ambiente famigliare in cui è cresciuto è molto omofobo e, se uscisse allo scoperto, è certo che la famiglia lo rifiuterebbe.
Ha passato tutti gli anni che dovevano essere spensierati, quelli dell’adolescenza, a nascondersi, a rendersi invisibile, in attesa di qualcosa che lo risvegliaste…
A risvegliarlo ci penserà un bellissimo e affascinante surfista, che tutti i giorni osserva dal lungo mare senza avere il coraggio di avvicinarlo. Carter non ha nulla da perdere e la sfacciataggine di Morgan, il surfista in oggetto, penserà a ridurre le distanze al posto del ragazzo.
Morgan è bello come il sole, fisicamente perfetto, sicuro di sé e sembra vivere alla giornata; Morgan è il fusto per antonomasia, il sogno erotico che qualsiasi ragazzo gay vorrebbe avere per perdere la verginità.
Carter è deciso a togliersi il “prurito” con lui, quasi fosse un rito di passaggio per voltare pagina ed entrare nel mondo degli adulti.
Carter sa che rischia di soffrire, perché sa già che quello che prova per Morgan va oltre la pura attrazione fisica.
Morgan dal canto suo potrebbe avere chi vuole, ma appena posato gli occhi su quel ragazzino, ha capito che era la sua occasione per cambiare il corso della sua vita. È abituato ad avere ai suoi piedi chiunque voglia, ma non è una cattiva persona; si è sempre mantenuto con le sue sole forse, senza rendere conto a nessuno, eppure questo ragazzino timido, che lo osserva da lontano, gli è entrato nel cuore e gli ha mostrato come potrebbe essere il suo futuro.
Morgan tiene davvero a Carter e cercherà di fargli capire che vivere alla luce del sole la sua omosessualità è una tappa importante della sua crescita, anche se si rischia di essere cacciati di casa:

“Non è facile accettarsi, vincere la paura di sentirsi diverso dagli altri, ma non è un passo così difficile da compiere. Se ti sei represso, posso solo dirti che hai sbagliato e che ti sei perso il periodo più bello della tua vita… Il giudizio degli altri non deve condizionare le tue scelte. Se hai fatto ciò che hai fatto, se mi hai cercato su quella spiaggia, è perché non riuscivi più a contenere il bisogno del tuo corpo.”

Il racconto è narrato in prima persona da entrambi i protagonisti, un alternarsi che ci mostra i sentimenti di entrambi facendoci entrare in empatia con loro.
Un buon lavoro, un po’ classico forse, ma che sono sicura vi farà ricordare come ci si sente a diciotto anni alle prese con il primo amore, che si spera sempre che duri per tutta la vita…

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Gilgamesh Edizioni, Recensioni, Senza categoria

Recensione “Scegli il nostro Destino” – Carlo Lanna

Titolo: Scegli il nostro Destino
Autore: Carlo Lanna
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Gilgamesh Edizioni
Prezzo: 3,00€
Link all’acquisto: Scegli il nostro Destino

SINOSSI

l mio nome è Dorian e sono un gigolò.
Vendere il mio corpo al miglior offerente in cambio di denaro e potere non è mai stato un problema, finché non è arrivato un cliente che ha preteso qualcosa di più del sesso. Ian Cullen vuole tutto ed è disposto a pagare diecimila dollari per ottenerlo. Sarò suo per un mese e dovrò esaudire ogni suo desiderio. Quando ho firmato il contratto credevo che sarebbe stato solo un lavoro, ma il destino sembra avere piani diversi per noi.
Perché io non sono Dorian. Lui non è Ian Cullen. E in passato siamo stati una cosa sola…

Slanif2

Dorian vende il suo corpo non per un piacere personale, ma perché ha bisogno di soldi per aiutare la sua famiglia. Essendo di bell’aspetto e piacente, non appena ne ha avuto la possibilità, ha deciso di sfruttare la cosa e renderla redditizia.
Ormai, però, è convinto di aver quasi fatto. Di poterne uscire. Di essere finalmente libero da quella vita che non gli piace e che non vede l’ora di lasciarsi alle spalle.
Almeno fino a quando un cliente non gli offre una montagna di soldi per fingersi il suo fidanzato una volta a settimana per un mese.
Anche se i soldi non sono più un gigantesco problema come prima, Dorian non è stupido, e per quattro incontri totali sarebbe davvero uno sciocco a perdere l’occasione. Cosa cambia un mese in più o uno in meno, a quel punto? Niente.
Fatta eccezione per un piccolo particolare: chi è il suo cliente.
Ian Cullen.
Che passato condivideranno questi due uomini? E perché un uomo che si sta per sposare come Ian, ha bisogno di un finto fidanzato per togliersi qualche vizio?
Libro di esordio di Carlo Lanna, dopo alcuni racconti pubblicati in un paio di raccolte, “Scegli il nostro Destino” si è rivelato un romanzo piacevole, ma che denota la poca esperienza.
Mi spiego meglio: la scrittura è buona. Il libro si legge in fretta e nel complesso non ho trovato nessun problema di forma, ma forse ha peccato un po’ nella “spettacolarità” dei dettagli. C’è, a mio avviso, veramente troppa carne al fuoco. Il presente che si mischia col passato che si mischia con i problemi dell’epoca e quelli di adesso.
Se Lanna si fosse concentrato su una cosa piuttosto che un’altra, a mio avviso si sarebbe evitato un effetto “dramma” e si avrebbe avuto un libro più scorrevole e coinvolgente. C’è un eccesso di vicende, come capita spesso con gli autori emergenti. Niente di atroce o irrecuperabile, si intende. C’è solo da affinare un po’ la tecnica e, visto che le basi ci sono tutte, non ho dubbi che Carlo ci regalerà un secondo romanzo ancor più godibile.
Ho apprezzato la parte in cui piano piano i protagonisti arrivano all’accettazione di sé e al messaggio che questo manda al lettore, perché si ha sempre bisogno di messaggi positivi come questo.
Dorian e Ian hanno caratteri difficili. Hanno un background importante e complicato, nonché un presente che li mette a dura prova. Sono due uomini che si nascondono dietro a delle maschere e che hanno solo bisogno che qualcuno gliele tolga e gli dica: “Vai bene così come sei”. Dovranno percorrere una lunga strada tortuosa per arrivarci, e spesso inciamperanno.
Nel complesso, dunque, una lettura piacevole e una scrittura buona per un autore che ha molte potenziale e capacità e che di sicuro ci regalerà belle sorprese da qui in avanti.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice