Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Fatto apposta per te” – Anyta Sunday

Anyta Sunday (1)

Titolo: Fatto apposta per te
Autore: Anyta Sunday
Serie: Love and Family #2
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Fatto apposta per te

SINOSSI

Ben vuole trovare una nuova casa.
Il ventiquattrenne Ben McCormick si prende cura di suo fratello Milo dopo la morte dei loro genitori. È passato un anno e ormai ha tutto sotto controllo. Quasi tutto. Più o meno. O per niente?
Abbattuto da una sonora strigliata ricevuta durante i colloqui a scuola, ne esce con il proposito di rimettere finalmente ordine nella propria vita: essere un miglior esempio per suo fratello e vendere la casa dei loro genitori per poter ricominciare da capo.
Prima, però, deve dare una sistemata alla villetta per renderla appetibile sul mercato. Non è bravo con i lavori manuali, ma l’insegnante strafigo del corso di falegnameria di Milo lo è eccome…

Jack vuole ristrutturare una vecchia casa.
Il trentanovenne Jack Passer aspetta l’estate, quando la casa dei suoi sogni sarà finalmente sul mercato. Quale modo migliore di passare il tempo che occuparsi di una piccola ristrutturazione?
L’unico problema è che si tratta della casa dei fratelli McCormick e lavorare a stretto contatto con Ben e i suoi capelli rossi non sarà facile. Non con l’attrazione che rende elettrica l’aria tra loro. Attrazione che Ben non si sforza affatto di nascondere.
Jack però è una persona professionale. Frequentare i genitori degli studenti è caldamente sconsigliato alla Kresley Intermediate, e lui non oltrepasserebbe mai il limite…

Ben e Jack. Due uomini in cerca di una casa…
…una casa che potrebbero trovare seguendo i loro cuori.

Slanif2

Benjamin “Ben” McCormick, ventiquattro anni, da oltre uno si occupa del fratellino undicenne Milo dopo la prematura scomparsa dei loro genitori a causa di un incidente stradale.
I due arrancano con difficoltà, schiacciati dal dolore e dall’improvvisa nuova realtà che devono affrontare. A causa della sofferenza, Milo è diventato indisponente e difficile da gestire, e ciò non aiuta Ben, che già di suo non sa che pesci pigliare nel crescere un adolescente, essendo adulto lui a malapena.
Non aiuta il tutto il fatto che Ben si ostini a non rimettere mai più piede nella casa dove sono cresciuti, preferendo vivere nella dependance. Milo vorrebbe tornare dentro, ricordare i loro genitori, ma Ben ha altri piani: vuole vendere la casa e per farlo ha bisogno che venga ristrutturata.
Dopo una serie di eventi, entra in scena Jack Passer, trentanovenne insegnante di falegnameria di Milo alla scuola media, che si occupa di ristrutturare e vendere case nel tempo libero.
L’uomo va a vivere nella villa dei McCormick mentre i ragazzi continuano a vivere nella dependance e, giorno dopo giorno, tra i tre si instaura un legame che somiglia sempre più a quello di una famiglia. Come se non bastasse, Jack e Ben sono ferocemente consapevoli della reciproca attrazione e fanno di tutto per tenerla a freno, perché comprometterebbe la carriera di Jack e comunque hanno sedici anni di differenza, ma… Per quanto ancora vorranno raccontarsi questa bugia? Il loro incontro era inevitabile, in un certo qual senso. Dovranno solo riuscire a capire come appianare tutto prima di poter stare insieme.

«Stai bene?»
«Chiedi per via delle occhiaie e delle guance pallide?»
«Chiedo perché hai l’aria di uno che sta annegando.»
«Be’, non posso essere sempre uno splendore.»
«Non hai un brutto aspetto,» mi correggo in fretta. «Sembri solo sperduto.»
«Sperduto. No. So benissimo dove dovrei andare, è che…» La sua voce spezzata mi riecheggia nel petto. «Non so come arrivarci. Per niente.»

Quanto mi è piaciuto questo romanzo! L’ho letto in un giorno, perché davvero non riuscivo a staccarmi! Era impossibile smettere di leggere. La storia di Jack e Ben – e Milo – mi ha conquistata!
I fratelli McCormack sono giovani, dipendenti dalla Fanta, sboccati e chiacchieroni. Sono assolutamente incapaci di esprimersi l’un l’altro l’amore che provano ed entrambi si sforzano così tanto di andare avanti che a volte perdono di vista la meta.
Fortunatamente c’è Jack a bilanciare il tutto con la sua solida presenza e a rimettere in prospettiva i fratelli, che altrimenti si perderebbero in un bicchier d’acqua. È un uomo gentile e dal cuore buono, ma che sa farsi rispettare quando serve, soprattutto dall’indisponente undicenne.
Tra i tre si instaura un rapporto che va via via a modificarsi, con i tempi calmi e lenti della Sunday, che tanto me la fanno apprezzare. Nonostante ciò, questo romanzo si discosta un po’ dai suoi soliti perché non solo è in prima persona, ma ha anche i punti di vista alternati e soprattutto sia Jack che Ben capiscono subito cosa sentono l’uno per l’altro, senza avere il prosciutto sugli occhi per il novanta per cento del romanzo. È stata una cosa insolita, associata a questa autrice, ma che non ha minimamente pregiudicato la bellezza di questa storia e la piacevolezza della lettura.
Mi è piaciuto molto anche ritrovare Luke, Sam e Jeremy, i protagonisti del primo volume della serie “Il mio tabù”, e di conoscere Mort e Felix, i protagonisti del terzo e ultimo volume della serie, che non vedo assolutamente l’ora di leggere! Mi hanno incuriosito e sono proprio desiderosa di scoprire come andrà la loro storia e cosa combineranno i quattro tra fratelli e sorelle di Felix. Prevedo sudore su sette camicie per il povero Mort!

«Lo sai.»
«Lo so?» ripeto con voce roca.
«Cosa si prova quando ti strappano via la tua famiglia.»

Un romanzo davvero imperdibile sia per chi ama questa autrice, sia per chi vuole conoscerla (in quanto si può leggere tranquillamente senza aver letto il primo volume, anche se io lo consiglio sempre, essendo una serie).
Nota di merito anche alla traduzione e all’editing, entrambi piuttosto notevoli.
Non lasciatevelo scappare!

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Il mio tabù” – Anyta Sunday

Anyta Sunday (1)

Titolo: Il mio tabù
Autore: Anyta Sunday
Serie: Love & Family #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Il mio tabù

SINOSSI

Sam sta impazzendo. Fra tre settimane compirà 30 anni. E cosa ha concluso negli ultimi dieci anni? Un calcolo piuttosto semplice: niente di interessante. Ma, ehi, ha ancora tre settimane giusto? Magari è abbastanza per mettere qualche spunta alla sua lista di Cose da fare assolutamente prima dei 30 anni…
Luke è spaventato a morte. Ha fatto coming out con la sua famiglia e i suoi amici. Solo una persona ancora non lo sa: il suo vicino di casa da 7 anni. Che è anche il suo migliore amico. È a lui che Luke deve dire la verità, ma lui… non riesce… sembra che…
Jeremy è elettrizzato. Ha iniziato il countdown per il suo quindicesimo compleanno, e il suo scopo è semplice. Non importa chi o cosa, passerà un sacco di tempo con quella peperina di Suzy. Ma prima deve togliersi di dosso i suoi genitori iperprotettivi secondo cui ‘non puoi avere una ragazza alla tua età perché la metterai incinta’. E quale modo migliore se non fare finta di essere gay?
Sam, Luke e Jeremy. Tre ragazzi che hanno un passato importante insieme, ma anche un futuro –
– sempre se riusciranno a risolvere i loro problemi, è ovvio.

Evelyne2

Il mio tabù” è stata una delle prime opere che ho letto di Anyta Sunday. Ho iniziato ad amare quest’autrice dopo aver letto la storia di Sam, Luke e Jeremy, i protagonisti di questo volume. Tutti e tre danno voce all’intero racconto, presentando la loro storia sotto punti di vista differenti.
Al centro troviamo Sam, padre di Jeremy e amico di Luke, alle prese con qualcosa che tra qualche giorno cambierà per sempre la sua vita: il suo trentesimo compleanno. Sam è un personaggio facile da apprezzare. La sua voglia di vivere l’adolescenza che gli è stata sottratta mette in mostra quello che molti genitori provano nella sua situazione. Un aspetto che forse molto spesso viene sottovalutato. È molto ingenuo, soprattutto nei confronti di Luke e di tutti i suoi tentativi di mostrare i suoi sentimenti.
Jeremy è un adolescente, le sue azioni rispecchiano perfettamente la spensieratezza della sua età, ma mettono in mostra anche qualità che sorprendono il lettore. Nonostante appaia egoista e per nulla delicato in alcune situazioni, una in particolare, leggendo gli eventi con i suoi occhi conosciamo le sue vere intenzioni e il cambiamento dei suoi pensieri quando capirà le conseguenze delle sue azioni. Un’evoluzione ben strutturata, che accompagna quella di Sam nel loro rapporto padre-figlio.
Luke, tra tutti, è il protagonista che ho amato sin da subito. È gentile, sempre disponibile, devoto completamente a Sam e alla sua piccola famiglia. Mi è piaciuta moltissimo la delicatezza con cui interviene negli affari di Sam senza davvero renderlo palese. In alcuni momenti però mi sono chiesta quanto possa essere realistico resistere per anni al fianco di qualcuno che non vede quanto si è disposto a dare pur di vederlo felice.

«La persona per cui hai fatto coming out non sa che sei gay? Hmm, perché ho idea che sarà un disastro?»
Mi spingo via con una smorfia e passeggio fra le due file di panche. «Perché è così. È etero, ed è il mio vicino.»

È una lettura piacevole, con una caratterizzazione attenta e una spensieratezza degna delle opere di questa autrice. Tratta temi importanti, ma con leggerezza e semplicità. Ve la consiglio.

4

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Il Pesci mette al tappeto il Toro” – Anyta Sunday

Anyta Sunday

Titolo: Il Pesci mette al tappeto il Toro
Autore: Anyta Sunday
Serie: Segni d’amore #4.5
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 0,99€
Link all’acquisto: Il Pesci mette al tappeto il Toro

SINOSSI

Vi mancano già Zane e Beckett?

In questa novella sexy potrete andare in vacanza in Nuova Zelanda (disavventure comprese), prima di tornare negli Stati Uniti, dove vi attende una grossa sorpresa. Un sacco di Zane e un sacco di Beckett, battute, battibecchi e momenti erotici, il tutto racchiuso in 4500 parole roventi!

Slanif2

Come per tutte le novelle che sono succedute ai romanzi principali, anche questa trentina di pagine ci porta a un indefinito futuro rispetto alla fine del romanzo principale, “Il Pesci prende all’amo il Toro”, che avevo amato moltissimo.
Zane e Becky mi avevano lasciato un ricordo meraviglioso ed è stato bello ritrovarli qui, in questa brevissima novella, più innamorati che mai e pronti a fare il passo successivo e a concretizzare quelle promesse che si erano fatti nel primo libro e che tutte noi lettrici avevamo sperato si rivelassero vere.
In poche decine di pagine abbiamo a che fare con la tenera goffaggine di Zane, la dolcezza di Beckett e un momento piccante ma al contempo molto romantico.
Unica pecca? È stato troppo breve! È finito subito! Ne avrei voluto ancora e ancora!
Questi due mi piacciono proprio tanto, insieme, e spero che la Sunday traduca anche il quinto volume, magari in concomitanza con l’uscita in lingua originale di questo mese, che non lo so se riesco ad aspettare!

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “L’Angelo bisbetico” – Anyta Sunday

Anyta Sunday

Titolo: L’Angelo bisbetico
Autore: Anyta Sunday
Serie: The Christmas Angel #6
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: L’Angelo bisbetico

SINOSSI

Pax Polo è il chitarrista spaccone dei Serenity Free.
O meglio: era il chitarrista spaccone dei Serenity Free.
Al momento sfoggia un occhio nero e i suoi amici l’hanno cacciato dalla band, oltretutto tre settimane prima di Natale. Una bella botta per il suo ego smisurato, ma… pazienza.
Non c’è problema.
Grazie alla sua bravura nell’origliare le conversazioni altrui, a un sorprendente puntale a forma di angelo e a un losco accordo che gli consentirà di aprire un concerto del suo gruppo preferito, Pax riuscirà a rientrare nelle grazie della sua band.
Non deve far altro che diventare amico di Clifford, il bisbetico del quartiere, per la durata delle vacanze. Distrarlo un po’ per consentire alla sorella minore del ragazzo di uscire di nascosto.
Facile come suonare un brano di Beethoven per principianti. Un gioco da ragazzi.
Che ci vuole?
In fondo, Pax è bravissimo a fare amicizia. Ha un mucchio di amici. Il bisbetico non può certo dargli del filo da torcere. O forse sì?

Slanif2

È il Dicembre 1999 quando Patrick “Pax” Polo, chitarrista di una band rock si ritrova… Senza una band. Infatti, si presenta alla porta di Luca, il suo nuovo coinquilino di origini italiane, con un occhio nero a causa della litigata avuta con un membro del gruppo e con in mente il piano di farsi riammettere in suddetto al più presto.
È determinato a ottenere quello che vuole, perciò non è pronto all’interesse che suscitano in lui i suoi nuovi vicini di casa: Bianca e Clifford “Cliff” Wilson, che lo distraggono enormemente. Soprattutto il ragazzo – fratello maggiore della diciassettenne Bianca – è una fonte inesauribile di interesse per il chitarrista. Non appena scopre che Luca ha una cotta per Bianca e che Cliff è chiamato “Il bisbetico” del quartiere, la sua nuova missione che va a sommarsi a quella già esistente è: diventare amico del bisbetico e distrarlo affinché Luca abbia la sua occasione. Facile, no?
Sulla carta, forse; peccato che Cliff non sia come si aspettava e che soprattutto i suoi sentimenti cambino da “interessati” a “innamorati” senza che nemmeno se ne accorga, mentre si rende conto di tante cose circa il suo gruppo e di ciò che vuole dalla vita.
Ma Cliff non è così facile da avvicinare, e sembra aver eretto una barriera tra lui e il mondo dopo la morte dei genitori, avvenuta tre anni prima.
Non sarà facile conquistare il cuore del vicino, ma forse sarà proprio un Angelo di Natale in legno, lanciato per ripicca da Bianca fuori dalla finestra e finito dritto dritto nelle mani di Pax, a guidarlo verso il Vero Amore…

«Ti ho scritto una canzone, quindi adesso devi fare tutto ciò che dico.»
«Non vedo l’ora di essere il tuo burattino, stasera,» ironizzò lui.
Pax gli scoccò un sorriso accattivante. «Perché invece non diciamo che sei la mia chitarra, e sono io che non vedo l’ora di pizzicare le tue corde?»
Cliff rise. «Forse è il caso di riconsiderare quest’analogia, Apollo.» Oltrepassò la soglia e si chiuse la porta alle spalle. «Se fossi la tua chitarra, non potresti vivere senza di me. Mi tireresti fuori ogni notte e ci daresti dentro.»
Pax serrò le dita sull’elsa.
«Inoltre, se fossi la tua chitarra,» continuò Clif, fermandoglisi accanto, «saresti innamorato perso di me.»

L’ho già detto e ripetuto ma lo affermerò ancora: adoro i libri a fuoco lento di Anyta Sunday! I suoi personaggi sono divertenti, irriverenti e assolutamente con il prosciutto sugli occhi. Nonostante questo, succedono così tante cose interessanti e si svolgono così tanti battibecchi esilaranti, che non riesci nemmeno a irritarti di fronte alla loro incapacità di capire l’evidenza.
Pax e Cliff sono due ragazzi diversissimi, eppure capaci di completarsi e di trovare un modo (tutto loro, lasciatemelo dire!) di comunicare e amarsi.
I personaggi di contorno sono presenti e fondamentali e come in ogni libro della Sunday danno un apporto e una spinta in più alla narrazione. L’Angelo stesso, benché non abbia quell’aspetto “magico” dell’inizio della serie, risulta comunque un personaggio fondamentale.
Una storia dolcissima, piena di estivo (sì, estivo, perché siamo a Dunedin, in Nuova Zelanda, e lì le stagioni sono all’opposto delle nostre) Spirito Natalizio!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Il Pesci prende all’amo il Toro” – Anyta Sunday

Anyta Sunday (7)

Titolo: Il Pesci prende all’amo il Toro
Autore: Anyta Sunday
Serie: Segni d’amore #4
Genere: Contemporaneo, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Il Pesci prende all’amo il Toro

SINOSSI

È tempo di cercare e trovare, Pesci: continuate a gettare il vostro amo e la preda a cui puntate abboccherà.

Zane ha un piano ben preciso: un Magico Incontro, innamorarsi e vivere per sempre felici e contenti.
Dovrebbe essere piuttosto semplice, se ci si impegna. Gli basterà usare un po’ di creatività e pensare fuori dagli schemi et voilà, sarà sposato con la donna dei suoi sogni.
Sarà perfetto.
A patto che succeda prima che gli scada il visto.
Ma perché è in balia di un turbine di sentimenti, ora che è sotto pressione? Perché il suo piano perfetto si è tramutato in un’enorme confusione di metafore che non riesce più a decifrare?
Per fortuna ha conosciuto un professore d’Inglese che può aiutarlo. E, nonostante il loro primo incontro sia tutt’altro che magico, quest’insegnante senza grilli per la testa è probabilmente la persona realista di cui Zane ha bisogno per tenere i piedi per terra e, alla fin fine, avere l’occasione di trovare l’amore.

Non lanciate l’amo troppo lontano, Pesci. La vostra preda perfetta potrebbe avere già abboccato.

Slanif2

«Sei esattamente ciò di cui un toro spezzato ha bisogno.»

Zane Penn ha ventitré anni e da tre è in giro per il mondo dopo essere partito dalla Nuova Zelanda in cerca di se stesso. Disegna fumetti, ed è davvero talentuoso, ma si è sempre sentito inferiore rispetto agli altri a causa del fatto che non è molto acculturato (infatti ha mollato la scuola prima di finire il liceo). Vorrebbe ideare un fumetto tutto suo, ma non è granché con le parole, quindi come riuscirci?
Oltretutto, ciò che lo preoccupa davvero adesso è un’altra cosa: tra un mese esatto il suo Visto scadrà e sarà rispedito in Nuova Zelanda in men che non si dica, se non trova qualcuno da sposare entro quella data. Ma non qualcuno qualsiasi, no… Lui cerca il Vero Amore, e credendo nell’amore a prima vista. Infatti è certissimo che, a furia di appuntamenti con ragazze conosciute online, riuscirà a trovare Quella Giusta.
Ma, si sa, i piani non vanno mai come vorremmo e non solo gli appuntamenti vanno tutti male, ma le persone da cui si stava appoggiando in quel momento, lo sbattono fuori di casa senza tante cerimonie e lui si ritrova sul marciapiede. Cosa fare se non chiamare suo fratello Jacob sperando almeno nel suo divano? Sembrerebbe un piano perfetto, peccato che Anne, la moglie, stia per mettere al mondo la loro primogenita e al momento sono un po’ occupati… Nonostante questo, è proprio Anne a suggerirgli di telefonare a Becky, lasciandogli il numero.
Zane, rincuorato, manda subito un messaggio a questa Becky e anche se all’inizio lei pare titubante, lo invita a casa sua dove stanno dando una festicciola, esortandolo a trovare un modo per convincerla a farlo dormire nella sua mansarda.
Quando il ragazzo arriva a casa di Becky, pensa che quest’ultima sia la donna di mezza età in piedi vicino al camino, e niente lo prepara alla verità: “Becky” non è l’abbreviazione di “Rebecca”, no… Ma di “Beckett”, lo stupendo uomo che lo sta fissando come se fosse un complicato puzzle da completare.
Beckett Fisher, professore trentenne di letteratura all’università, quando si trova davanti Zane, si rende conto che il ragazzo è tutto quello che non si sarebbe aspettato. Non solo perché è incredibilmente bello e ha l’accento neozelandese più carino del mondo, ma anche perché confonde Tolstoj con “Toy Story” e, nonostante trovi tutto ciò profondamente assurdo, non può fare a meno di rimanerne affascinato.
Qualcosa dentro di lui si accende subito, ma ha chiuso il cuore all’amore da tanto tempo, dopo la terribile delusione subita qualche anno prima. Non può infilarsi di nuovo in una relazione destinata a finire. Zane è troppo giovane, sta per partire, è completamente diverso da lui e, più di ogni altra cosa, per quanto amichevole e affettuoso, in realtà è etero… O no?

«Era scritto nelle stelle.»
«Non credo in questa roba.»
«Non credevi nemmeno nell’amore a prima vista, eppure eccoci qui.»

Ma quanto è carino questo romanzo? Penso uno dei più carini letti quest’anno, davvero!
Zane e Beckett sono diversissimi, eppure adorabili. Si completano in tutto e per tutto e mi è piaciuto tantissimo il modo in cui la loro “bromance” (come ama chiamarla Zane) si sia evoluta in amore, o in “bromore”, come la chiama il Neozelandese.
Si innamorano pian piano ed entrambi dovranno smussare molti angoli delle loro convinzioni radicate sull’amore, capendo che anche la visione dell’altro potrebbe essere giusta, se applicata sulla persona corretta. È sorprendente come si migliorino a vicenda, e davvero il loro rapporto mi è piaciuto tantissimo. Sono così dolci, insieme! Sicuramente la mia coppia preferita dell’intera serie!
Anche se Zane è un inguaribile romantico che crede nell’amore a prima vista, e io la vedo più come Becky, è stato comunque in grado di convincere anche me che ci sono cose che si sentono a istinto e che sono immediate, a prescindere da quanta razionalità tu voglia infilarci in mezzo.
Due personaggi diversissimi, eppure capaci di comprendersi così profondamente e di venirsi incontro per fare in modo che tutte le tessere del puzzle combacino alla perfezione.
Una storia romantica e dolce, con battute sottili e di spirito. Un degno libro di Anyta Sunday che si conferma una bravissima autrice e una grande amante del fuoco lento come me!

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Il Gemelli si tiene stretto il Capricorno + Il Gemelli gioca con il Capricorno” – Anyta Sunday

 

Titolo: Il Gemelli si tiene stretto il Capricorno + Il Gemelli gioca con il Capricorno
Autore: Anyta Sunday
Serie: Segni d’amore #3 + #3.5
Genere: Contemporaneo, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€ + 0,99€
Link all’acquisto: Il Gemelli si tiene stretto il Capricorno + Il Gemelli gioca con il Capricorno

SINOSSI

A volte basta un Capricorno cocciuto… per spingere Wesley Hidaka a flirtare come se non ci fosse un domani.

Wesley adora infastidire il suo supervisore, Lloyd Reynolds. Non può proprio farne a meno. Lloyd è concentrato, determinato, con i piedi ben piantati per terra. Ha una capacità esilarante di seguire le regole.
Ovvio che Wesley voglia fargliene infrangere una… o trecento.
A volte basta un Gemelli ammiccante… per spingere Lloyd a fissare delle regole e riaccompagnare Wesley dritto nella sua stanza.
Non che questo impedisca a Wesley di stuzzicarlo ancora. E ancora. E ancora…
Al diavolo, Lloyd non cederà facilmente. È un uomo di principi. È irremovibile.
È l’amico perfetto quando Wesley ha bisogno d’aiuto. Come con il fratellino che marina la scuola e il suo vecchio preside delle superiori.

A volte basta una bugia piccola piccola… e Wesley si ritrova fidanzato per finta con il suo supervisore, che per lui dovrebbe essere off-limits.
Che dire? Sul momento sembrava una così buona idea…

Slanif2

Sulla carta, il Gemelli Wesley e il Capricorno Lloyd non dovrebbero andare minimamente d’accordo. I due segni, infatti, sono profondamente opposti ed è quasi impossibile che si riesca a trovare un punto comune tra i due.
Ma, si sa, la realtà è spesso più sfaccettata della scienza e dell’astrologia, pertanto Wesley e Lloyd – nonostante sembri che a quest’ultimo la cosa dispiaccia – sono sempre lì a stuzzicarsi e a flirtare e ad andare, in linea di massima, sommariamente d’accordo.
Certo, sono caratterialmente agli antipodi: Wesley è allegro, chiacchierone, un po’ imbranato e parecchio impulsivo; mentre Lloyd è serio, un po’ scorbutico, un vero studioso e, in generale, un tipo tranquillo.
Eppure, non riescono proprio a fare a meno di ronzarsi intorno!
Possibile che Wesley e Lloyd possano sfatare il mito del Gemelli che odia il Capricorno e viceversa e scoprirsi innamorati?

«Continua a irritarti con me. A litigare con me. Sgridami se esagero o se dico qualcosa di stupido. Fa’ tutto ciò che devi. Non voglio essere tagliato fuori dalla tua vita.»
«Nel nostro futuro ci sono ancora centinaia di litigate, Wesley. E, anche quando le avremo finite, continuerò a volerti attorno.»

Quanto mi sono piaciuti questi due!
Forse sono quelli che mi hanno convinta di più, proprio perché così diversi eppure capaci di innamorarsi così dolcemente.
Wesley, poi, è così irriverente e divertente che seguirlo nella sua testa e nei suoi ragionamenti è uno spasso. Vedere tutti i modi che studia per infastidire e far reagire il compassato Lloyd è comico e ci fa provare una discreta simpatia per quest’ultimo, che dimostra una pazienza incredibile!
Davvero una storia frizzante, energica e piena di lento innamoramento, nel degno stile Sunday!
Non potete perdervelo!

4

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Lo Scorpione odia la Vergine + Scorpio loops Virgo” – Anyta Sunday

 

 

Titolo: Lo Scorpione odia la Vergine + Scorpio loops Virgo
Autore: Anyta Sunday
Serie: Segni d’amore #2 + #2.5
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Lo Scorpione odia la Vergine + Scorpio loops Virgo

SINOSSI

Quest’anno si tratta di guarire il cuore, Scorpione.
È tempo di lasciarsi alle spalle gli atteggiamenti negativi e le facciate stoiche e di permettere agli altri di vedere la tua parte più vera e vulnerabile.

Percy Freedman non è in lutto. Assolutamente no, rimangiatelo subito. No, è assolutamente sicuro che vendere la casa della sua zia defunta e lasciare i vicini che conosce da anni sia la cosa più sensata da fare. Quale persona sana di mente terrebbe una casa che odora di tutti gli abbracci che non riceverà mai più?
Nessuno, ecco chi.
Be’, tranne i vicini che vivono nella sua strada senza uscita. Sembrano tutti convinti che qualche mano di pittura e dei mobili nuovi cancelleranno le emozioni negative. Tutti vogliono che rimanga.
Anche la sua vecchia nemesi, Callaghan Glover.
Soprattutto la sua vecchia nemesi, Callaghan Glover.
Attirato in una partita di Sherlock Gnomes, Percy si ritrova a passare con i vicini più tempo di quanto sarebbe considerato salutare. Oltre a destreggiarsi tra nuove e sorprendenti granate verbali di Cal, e la sua amicizia sempre più stretta con Gnomber9, Percy comincia a chiedersi se, dopo tutto l’idea di vendere poteva essere nata davvero dal dolore…

Esatto, Scorpione. Con un po’ di pazienza, il crepacuore potrebbe diventare solo un ricordo…

Slanif2

Dopo la morte dell’amata zia, l’unica che l’ha accolto in casa dopo essere stato cacciato a causa del suoi coming out, Percy Freedman è a pezzi e sta cercando di fare ordine nella sua vita mentre va a vivere nella casa che la donna gli ha lasciato. Tuttavia, non sono solo quelle quattro mura la sua eredità, ma tutto lo strampalato e vivace vicinato di quella strada chiusa che è un insieme di personaggi sopra le righe e assolutamente impiccioni.
Ma, soprattutto, vicinato che ospita la sua nemesi di sempre: Callaghan Glover.
I due ragazzi non sono mai riusciti ad andare pienamente d’accordo, anche se nessuno dei due è mai stato troppo convinto della sua antipatia nei confronti dell’altro. Hanno avuto un primo incontro terribile, e Percy ha giurato odio eterno a Callaghan per questo, ma è vera antipatia o c’è qualcos’altro?
Sarà proprio questo che scopriremo leggendo, tra dinosauri, magliette imbarazzanti e giochi di vicinato al limite della follia.

Cal l’aveva sollevato da terra e preso in braccio. Le farfalle si sparpagliarono in tutte le direzioni. Percy gli gettò le braccia al collo, si premette contro il suo corpo caldo e dichiarò: «Callaghan Glover, tu sei pazzo. Così il tuo mal di schiena diventerà dieci volte peggio.»
«Vorrà dire che dovrai farmi altri dieci massaggi.»

No, non mi sono sbagliata! In questo caso il #2 e il #2.5 sono in un unico file (ecco perché ho mantenuto titolo e cover originali). La novella è inserita come epilogo del libro, quindi la troverete già all’interno del file.
Tra giochi di quartiere a tema Sherlock Gnomes e battute assolutamente irriverenti, questo secondo romanzo è ancor più piacevole del primo, perché Percy e Callaghan sono adorabili sia presi singolarmente che in coppia! I loro battibecchi mi hanno fatta sorridere più di una volta e la tensione che si crea è incredibile, nel tipico fuoco lento della Sunday che io apprezzo sempre tantissimo.
Questi due mi sono piaciuti più di Theo e Jamie, protagonisti de “Il Leone ama l’Ariete”, e non vedevo l’ora di leggerne di più!
Una coppia giovane, simpatica, irriverente e assolutamente adorabile. Non potete perdervelo!

4

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Il Leone ama l’Ariete + Il Leone mette sotto l’Ariete” – Anyta Sunday

 

Titolo: Il Leone ama l’Ariete + Il Leone ette sotto l’Ariete
Autore: Anyta Sunday
Serie: Segni d’amore #1 + #1.5
Genere: Contemporaneo, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€ + 0,99€
Link all’acquisto: Il Leone ama l’Ariete + Il Leone mette sotto l’Ariete

SINOSSI

Una nuova persona entrerà nella vostra vita all’inizio dell’anno; guardate oltre i momenti di frustrazione e ridete, Leoni: potrebbe sbocciare un’amicizia duratura.

Ogni volta che sua madre gli manda l’oroscopo, Theo Wallace si limita a riderci su. Considerato però che non ha ancora scordato la sua ex ragazza e che è praticamente senza amici, questo oroscopo in particolare rischia di farlo ricredere. Perché l’idea che un’amicizia duratura possa sbocciare e fiorire…
Be’, sarebbe un’ottima ragione per lasciarsi alle spalle i dolori del passato e guardare avanti a uno splendido futuro.
Quando sua sorella Leona lo sfida a trovarle il ragazzo perfetto per un matrimonio in primavera, Theo approfitta dell’occasione per farsi dei nuovi amici. Il suo ex tutor di Economia e nuovo coinquilino, il signor Jamie Cooper, parrebbe il candidato giusto al momento giusto. Nel posto giusto. Così giusto che sembra scritto nelle stelle.
Non deve far altro che assicurarsi che Jamie sia all’altezza di sua sorella. Che possa davvero essere la persona perfetta per lei, e un buon amico per lui.

Ma fate attenzione, Leoni: le stelle hanno in serbo una sorpresa…

Slanif2

Theo Wallace ha una madre che crede fortemente nell’Oroscopo. Pertanto, si ritrova a leggerlo spessissimo, visto che suddetta madre glielo manda per mail ogni volta che ne ha uno nuovo, ma il ragazzo tende a riderci su. Non ci crede, o almeno non come se fosse Vangelo come fa la madre, e pressoché trova solo spiritosa la maggior parte di ciò che ci trova scritto.
Inoltre, Theo al momento ha ben altri problemi, tra cui zittire sua sorella gemella Leona che lo sta facendo impazzire! Non solo deve partecipare a quello stupido matrimonio a cui non vorrebbe mai andare (visto che è la sua ex a starsi per sposare), ma deve pure trovare il ragazzo perfetto per lei in modo tale che la ragazza vada accompagnata al matrimonio.
Il suo ex tutor e nuovo coinquilino Jamie Cooper sembra perfetto per il ruolo. Non solo è un ragazzo posato, studioso e rispettoso, ma è anche praticamente a portata di mano, e Theo pensa che sia una buona idea.
O no?
Sì, perché tutto, quando Theo comincia a notare alcune cose che fanno riferimento all’oroscopo di sua madre, cominciano a cambiare dentro di lui e… E se non fosse Leona quella a dover essere accompagnata da Jamie?

Theo: È destino.
Jamie: Che cosa?
Theo: Noi.
Jamie: Come, scusa?
Theo: È scritto nelle stelle.
Jamie: Cos’è, un altro principio come il KISS? Sono confuso.
Theo: Io e mia sorella abbiamo passato la settimana a cercare un coinquilino. Mi pare evidente: devi cancellare l’appuntamento con quegli studenti e venire da noi a dare un’occhiata.
Jamie: E vivere con te?
Theo: Perché ho l’impressione che tu stia enfatizzando quel “te”? Sono così difficile da sopportare?
Jamie: Parole tue.

Perché ho messo insieme l’#1 e l’#1.5? Perché in realtà la novella ha tipo dieci pagine, quindi ho pensato che tanto valesse fare un’unica recensione, visto anche che comunque è una sorta di piccolo epilogo al volume principale. Quindi, troverete questa soluzione in tutte le recensioni.
Togliendo questo, la storia di Jamie e Theo è in pieno stile Anyta Sunday: frizzante, irriverente, molto divertente e a cottura mooolto lenta! Il che, ovviamente, mi fa felice, perché come sapete apprezzo molto di più gli innamoramenti da Lumaca che i colpi di fulmine da battito d’ali di Colibrì.
Theo e Jamie sono due personaggi molto diversi, e con Theo all’inizio ho avuto qualche difficoltà a ingranare, ma andando avanti ne ho capito il fascino e mi sono piaciuti davvero tanto entrambi! Nonostante siano così diversi, formano una coppia molto carina.
Una storia divertente e piena di humor, basata sull’amore tra le stelle e le compatibilità caratteriali tra di essi. Assolutamente consigliato!

4

Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “I veri colori” – Anyta Sunday

Titolo: I veri colori
Autore: Anyta Sunday
Serie: Il vero amore #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: I veri colori

SINOSSI

Oskar era il migliore amico di Marco. Era tutto per lui. Il suo giallo sole.

Ma quello era prima. Prima che Marco smettesse di essere un ragazzo popolare. Prima che imparasse a convivere con le cicatrici e con il dolore. E prima che Oskar distruggesse la loro amicizia.
Ora il ragazzo della porta accanto è tornato, determinato a riallacciare i rapporti con lui, e Marco ha più paura che mai. Paura di essere ferito. Paura di essere umiliato.
Paura di innamorarsi.
Riuscirà Oskar a farsi strada tra quei timori, fino a raggiungere il suo cuore?

Slanif2

Marco Brandt e Oskar Richter erano migliori amici sin dall’infanzia.
A causa di un comportamento sciocco e vigliacco di Oskar durante l’adolescenza, i due, ormai studenti universitari, non riescono più nemmeno a parlarsi normalmente. Metteteci pure che Oskar si trasferisce in un’altra città per quindici mesi, e troverete la risposta al fatto che Marco non riesca nemmeno più a sopportare la vista del suo ex amico.
Infatti, a causa di un gravissimo incidente dove ha perso anche sua madre, Marco ha riportato delle cicatrici che lo mettono davvero a disagio e che condizionano non solo la sua vita, ma anche i suoi rapporti sociali.
Si era aspettato sostegno dal suo migliore amico, ma Oskar si fa scappare un commento infelice e la loro amicizia implode come una bolla di sapone.
Riusciranno, adesso che Oskar è tornato a Berlino, a riconquistare per lo meno un rapporto civile tra di loro?
E riuscirà Marco a fare coming out e a sconfiggere le sue insicurezze per quanto riguarda il suo aspetto fisico?

Le finestre frontali sono illuminate e la sagoma di Oskar compare dietro i vetri. Guarda all’esterno e, a dispetto dell’imbrunire, mi scorge e mi saluta con la mano.
Nel percorrere il vialetto, il miscuglio tra familiarità ed estraneità mi stordisce. Odora intensamente di fumo e mele cadute, e, sotto sotto, odora di casa.

Come nel primo volume, “La vera fortuna” (qui la nostra recensione), anche stavolta ci troviamo di fronte a una storia dolce, con due amici che devono imparare a conoscere l’altro e loro stessi, sbagliando e cadendo prima di riuscire ad afferrare il loro lieto fine.
Al contrario del primo volume della serie, però, ho avuto qualche difficoltà ad apprezzare il personaggio di Marco. A volte alcuni suoi atteggiamenti mi sono parsi troppo meschini e di sicuro troppo insicuri e tentennanti. Comprendo la difficoltà di accettare un corpo diverso rispetto a quello che viene considerato “normale” e “attraente” nel senso canonico del termine, ma al contempo ho trovato un po’ snervante le sue incertezze, che durano praticamente fino alle ultime dieci pagine del libro. Se avesse dimostrato di avere un po’ più di coraggio e di fegato, probabilmente l’avrei apprezzato di più.
Oskar, d’altro canto, mi è piaciuto. Certo, quel che ha detto a Marco da ragazzo è stato orribile, ma è un errore di gioventù abbastanza capibile, da una donna adulta come me. Ovvio che capisco che abbia ferito Marco, e che chiedere scusa non è facile, oltre ad avere un sacco di questioni personali da risolvere, ma almeno lui alla fine ci prova.
Nel complesso, comunque, l’ho trovato un libro dolce e apprezzabile come tutti quelli di questa talentuosa autrice.

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “La vera fortuna” – Anyta Sunday

Titolo: La vera fortuna
Autore: Anyta Sunday
Serie: Il vero amore #1
Genere: Contemporaneo, Scolastico
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,49€
Link all’acquisto: La vera fortuna

SINOSSI

Benjamin Otto è un estratto di fortuna allo stato puro. Ottimo aspetto. Ottimo cervello. Qualsiasi prova debba affrontare, ottime probabilità di riuscita. Ma che succede quando le cose cambiano?
Il padre di Ben ne ha avuto abbastanza di sborsare quattrini, così gli chiede di trovarsi un lavoro. La sfida è guadagnare abbastanza da finanziare le festività o dover dire al suo fratellino che il Natale è morto.
E poi c’è Sebastian. Il ragazzo del suo corso di Economia Politica che arriva sempre al secondo posto dietro di lui. Il ragazzo che gli ruba l’idea di raccogliere vuoti a rendere per racimolare rapidamente del denaro. Il ragazzo che porta Ben a domandarsi se tutta la sua fortuna gli basterà a vincere il premio che desidera davvero…

Slanif2

Benjamin “Ben” Otto ha sempre avuto tutto dalla vita: una famiglia facoltosa alle spalle, ottime scuole, voti alti presi senza il minimo sforzo e un numero considerevole di amici disposti ad aiutarlo nel momento del bisogno. È, in poche parole, baciato dalla fortuna in tutto e per tutto.
Altrettanto non si può dire del suo compagno di corso di Scienze Politiche, Sebastian, che invece ha una famiglia con difficoltà economiche alle spalle, una nipote di cui prendersi cura e, nonostante il costante e profondo impegno negli studi, finisce per arrivare sempre secondo dopo Ben.
Ben non riesce a rendersi conto della fortuna che ha, almeno fino a quando suo padre decide di tagliarli tutti i fondi per sei mesi, sfidandolo a racimolare cinquemila euro e regalare al fratellino Nico il Natale a cui è da sempre abituato. Ben all’inizio è solo scontento perché i suoi piani per l’estate – fatti di divertimento e sollazzi al sole – sono stati annullati, ma saranno delle bottiglie di birra e un festival all’aperto a cominciare ad aprirgli gli occhi e a spingerlo a cambiare.
Riuscirà Ben a racimolare tutti i soldi necessari? E riuscirà a capire quanto sia privilegiato, aprendo gli occhi di fronte a realtà molto diverse dalla sua? Capirà che a volte è più importante impegnarsi per far felice qualcun altro piuttosto che se stesso?

«Forse a te tocca un po’ di fortuna, e a me un po’ di duro lavoro.»

Questo romanzo è breve (appena una settantina di pagine), ma molto carino. Mi ha ricordato un po’ i film o i libri a tematica Natalizia (visto che comunque è a quello che si arriva a fine libro), con la loro dose di buoni sentimenti e maturazione. Di presa di coscienza dei propri difetti e di redenzione.
La vera fortuna” è un libro sull’incredibile crescita personale di Ben, nonché uno spunto per riflettere su quanto si diano per scontate a volte certe cose, e quanto invece dovremmo fermarci e renderci conto di quanto siamo fortunati ad averle. Uno stimolo ad apprezzare quel che si ha e a cercare di aiutare chi è meno fortunato di noi, senza pietà o fanatismo, ma solo per il semplice piacere di dare una mano a chi ne ha più bisogno.
Un romanzo breve, fresco, con temi importanti ma trattati con la semplicità tipica della Sunday, con due personaggi deliziosi che si fanno amare. Consigliatissimo!

4


La copia ARC è stata fortuna dall’autrice