Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Nuove abitudini” – Andrew Grey

Titolo: Nuove abitudini
Autore: Andrew Grey
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: 6,17€
Link all’acquisto: Nuove abitudini

SINOSSI

Nelle questioni di cuore non esiste l’ordinaria amministrazione.
Thomas Stepford ha impiegato anni per costruire un’azienda di successo e adesso, arrivato alla soglia dei quaranta, desidera una vita più tranquilla e, dato che i suoi genitori hanno bisogno di aiuto, decide di tornare a casa. Non potendo staccarsi del tutto dagli affari, ha bisogno di un assistente, ma la persona che assume non è esattamente il genere di impiegato che aveva in mente…
Brandon Wilson, fresco di laurea, ha bisogno di un lavoro. Grazie all’aiuto della nonna viene assunto come assistente del signor Stepford. Thomas sembra non ricordarlo ma, anni fa, Brandon ha già lavorato per lui: era il ragazzo che gli falciava il prato. L’uomo che era il protagonista delle sue fantasie adolescenziali, così attraente e tanto più grande di lui, adesso è il suo capo.
Entrambi sono decisi a mantenere il loro rapporto su un piano strettamente professionale, ma la vecchia fiamma è ancora viva. Imparano tuttavia a lavorare insieme, anche quando la tensione sessuale raggiunge il punto di ebollizione. Appena decidono di arrendervisi però, Thomas viene richiamato a New York dalla sua vecchia vita. Forse Thomas saprà resistere alla tentazione di tornare indietro, ma riusciranno i due uomini a far sopravvivere la loro neonata storia d’amore quando Brandon riceve la chiamata dei suoi sogni… da Hollywood?

Adelesh2

Nuove abitudini” è un libro che mi ha catturata fin dalle prime pagine. Non è una storia travolgente, passionale o carica di pathos, quanto piuttosto una lettura leggera, dolce e piacevole nella quale immergersi dalla prima all’ultima parola.
Thomas è un quarantenne di successo, con una solida carriera da imprenditore e una vita piena di impegni che lo portano a stare fuori casa per gran parte del giorno, “vivendo” in ufficio e consumando cibi pronti quando non può mangiare al ristorante. È cresciuto in un paese di provincia per trasferirsi a New York all’inizio della propria carriera, ed è proprio a Colorado Springs, la sua città natale, che torna quando capisce che il lavoro sta rischiando di travolgerlo. I suoi genitori infatti vivono lì, e quale posto migliore della casa dove ha trascorso l’adolescenza per staccare la spina e riprendere il controllo della propria vita?

Un tempo non vedeva l’ora di andare in ufficio. Quando era più giovane, gli affari lo appassionavano e lo tenevano sveglio la notte. Aveva sognato di costruire delle torri e di riempirle di affittuari, cambiando lo skyline di New York. E così era stato. Nel corso degli anni aveva lavorato con alcuni dei nomi più grossi e importanti della città e gli era piaciuto da morire. Adesso però quel brivido era svanito, si trattava solo di lavoro, e quella consapevolezza gli aveva fatto capire che aveva bisogno di cambiare vita. Che gli serviva un ritmo diverso, più lento, un’occasione per fare altro a parte lavorare.

Brandon, al contrario, ha venticinque anni ed è appena uscito dall’università, ha tutta la vita davanti e tanti sogni nel cassetto, tra cui quello di lavorare nel settore cinematografico come pubblicitario. I suoi sogni però tardano a realizzarsi e, mentre invia curriculum ad ogni azienda e aspetta il posto di lavoro della sua vita, si trova a fare domanda per diventare l’assistente personale di Thomas a Colorado Springs.
L’intesa tra i due è forte fin da subito ma Thomas avrà non pochi dubbi sulla loro differenza di età e sull’iniziare una relazione con uno dei suoi dipendenti. L’uomo ha infatti avuto una storia con un suo ex collaboratore, una storia che gli ha lasciato cicatrici sia visibili che invisibili, e teme che possa andare nello stesso modo anche con Brandon.

Il ragazzo gli restituiva ciò che, tanti anni prima, gli era stato crudelmente portato via e Thomas lo assorbiva tutto. Non si era reso conto di quanto rinsecchita fosse la sua anima finché Brandon non aveva lentamente iniziato a nutrirla di nuovo.

Nonostante mi siano piaciuti tutti i personaggi, anche quelli secondari come la nonna di Brandon e l’assistente di Thomas a New York, Marjorie, è Thomas stesso il personaggio che mi ha catturata fin da subito. In ogni suo pensiero, azione e parola si legge una solitudine disarmante, unita al bisogno di avere qualcuno sincero e fidato al proprio fianco. L’uomo ha costruito un impero, giungendo addirittura a cambiare lo skyline di New York con le proprie costruzioni, eppure è arrivato a un punto della propria vita in cui si rende conto che non sono le cose materiali ciò che vuole davvero, quanto una persona dalla quale tornare alla fine della giornata e con la quale condividere tutto ciò che ha.

“Qual è il tuo sogno adesso?”
Thomas aprì la bocca, ma non disse niente, rendendosi conto di non averne davvero uno. Aveva gestito la sua impresa per così tanto tempo, e si era talmente immerso nel lavoro, da aver dimenticato tutto il resto. “Non lo so.” Prese di nuovo la forchetta. “In parte credo di essere qui per trovarne un altro.”

Nonostante il libro mi sia piaciuto, non avrei disdegnato un po’ di tensione in più, qualcosa che smuovesse la storia e facesse trattenere un po’ il fiato al lettore. Questo però è un mio gusto personale e “Nuove abitudini” è, in definitiva, un buon romanzo, con la giusta dose di amore e passione, sofferenza e dolcezza.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Annunci
Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Preso all’amo” – Andrew Grey

Titolo: Preso all’amo
Autore: Andrew Grey
Serie: Love’s Charter #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: 5,26€
Link all’acquisto: Preso all’amo

SINOSSI

Potrebbe essere la pesca più importante della loro vita.
Due volte all’anno William Westmoreland fugge dalla sua insoddisfacente vita nel Rhode Island per recarsi in Florida, dove noleggia la barca di Mike Jensen per andare a pescare nel Golfo del Messico. L’acqua cristallina e il paesaggio tropicale non sono gli unici elementi graditi a William, che però non ha mai fatto la prima mossa nei confronti di Mike. Le avventure d’amore durante le vacanze non fanno per lui.
Mike ha avviato il suo servizio di noleggio barche per mantenere la figlia e la madre, mettendo al primo posto il loro benessere rispetto ai bisogni del cuore. Tuttavia, negare l’attrazione per William diventa sempre più difficile.
L’ultima uscita di William e Mike inizia con una bella giornata, ma un uragano improvviso cambia tutto, impedendo a William di lasciare la città. Mentre fuori infuriano vento e pioggia, la passione a cui i due uomini hanno cercato di resistere per anni alla fine divampa, lasciandoli desiderosi di prolungare quello che hanno scoperto. Purtroppo gli obblighi di William lo richiamano alla vita reale. Riusciranno William e Mike a ridurre la distanza tra loro e a trovare un luogo in cui le loro anime possano incontrarsi? La navigazione non sarà tranquilla, ma per il futuro luminoso che li attende vale la pena affrontare il mare agitato.

Adelesh2

Andrew Grey non si smentisce mai, regalandoci ancora una volta una storia che arriva dritta al cuore. Il suo modo di scrivere semplice e diretto ci permette di immergerci nella vicenda con delicatezza, quasi in punta di piedi, seguendo le storie dei protagonisti come se facessimo parte della loro vita.
In questo libro conosciamo Mike e William, due uomini completamente diversi tra loro che, nonostante si vedano solo alcune volte all’anno, provano dei forti sentimenti reciproci, che tuttavia nascondono sia al mondo intero che l’uno all’altro. Il primo è un pescatore che si guadagna da vivere portando i turisti a pescare sulla propria barca, ha una figlia di dieci anni, Carrie, che è tutto il suo mondo, e una madre premurosa con la passione per la meteorologia; il secondo invece ha un lavoro sicuro e remunerativo nell’azienda di famiglia, che tuttavia sente stretto e che gli dà più insoddisfazioni che soddisfazioni.
Una tempesta improvvisa e violenta li costringerà a passare insieme più delle poche ore che avrebbero altrimenti trascorso l’uno con l’altro e sarà proprio allora che il desiderio tra i due esploderà.
Purtroppo, come spesso accade, le cose belle sono destinate a finire e sia William che Mike sanno che ognuno, passata la tempesta, dovrà tornare alla propria vita, forse dimenticandosi dell’altro.

“Questo è stato molto di più di un viaggio per pescare e rilassarsi. È cominciato così, ma è finito in maniera completamente diversa, almeno per me.” William lo avvicinò a sé. “Ma tu hai degli obblighi e delle persone di cui devi prenderti cura, e anch’io.”
Si erano conosciuti in quella maniera così… intima… solo per alcuni giorni. Il tempo trascorso insieme aveva cambiato molte cose in Mike e forse anche per William era stato così. Mike ci sperava, ma ora la realtà stava chiamando sempre più forte.

L’amore tra i due uomini è molto realistico e romantico, non sfocia mai nel volgare e le descrizioni delle scene erotiche sono sempre avvolte dalla dolcezza. I personaggi secondari, inoltre, come la figlia di Mike, e il suo secondo a bordo della barca, Gordon, detto Bubba, rendono ancora più verosimile la storia e creano un’ambientazione interessante.
L’unico appunto che mi sento di fare, e che riguarda solo un mio parere personale, è che alcune scene risultano un po’ piatte, rallentando il ritmo di una storia che mi sarei invece aspettata più movimentata, dato che parla di mare, barche, inclinazioni sessuali tenute nascoste al mondo intero e genitori con opinioni contrastanti rispetto a quelle dei protagonisti.
Tuttavia ne consiglio vivamente la lettura, soprattutto a coloro che cercano una storia d’amore dolce, coinvolgente e senza colpi di scena tormentati, con protagonisti capaci di lottare per ciò che vogliono e con l’amore che riesce a vincere sopra ogni cosa.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: Articoli, dreamspinnerpress, quixote edizioni, Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Must Read 2018: le migliori letture del blog

Per concludere l’anno in bellezza, abbiamo pensato di chiamare a raccolta tutto lo staff e creare per ognuna delle nostre ragazze, una top 3 dei migliori libri letti (e recensiti per il blog) quest’anno. Quelli che ci sono rimasti nel cuore in modo speciale e che ci hanno emozionato profondamente, a volte fino alle lacrime.
Queste sono le nostre classifiche! Enjoy!

FRANCESCA

51qk5pokuzlSpencer Cohen 3” di N. R. Walker
Grazie N. R. Walker, per questa storia d’amore. Per aver creato un personaggio che è un caleidoscopio di emozioni. Passionale, ironico, graffiante, divertente. Profondo.
E ora, che ti ho lasciato andare, Spencer, non mi rimane altro che aspettare. Cosa? Il momento giusto per leggerti di nuovo. Per ritrovare una nuova occasione per innamorarmi di te. Ancora.
Qui la recensione completa

51ihawiyrmlI resti di Billy” di Jamie Fessenden
I resti di Billy” è una storia cruda, straziante, dolorosa. Ma è anche una storia d’amore, di perdono, di devozione. È una storia di guarigione. Ma questo non la rende meno forte, anzi. Fa male, ma il dolore a volte è il catalizzatore che ci spinge verso un sentimento più alto, più nobile, quasi magico. E “I resti di Billy” fa proprio questo. Ci porta giù, in fondo al pozzo, dove ci mostra la cattiveria dell’animo umano, la debolezza, la malattia, il disgusto. Dove ci sbatte in faccia la follia dell’uomo e la sua insanità mentale. Poi, quando tutto ci sembra inutile e rischiamo che l’ansia e l’angoscia ci stiano per soffocare… Ci tende una mano. Per farci tornare su, in superficie, dove ad attenderci c’è l’amore, il perdono, la vita.
Ma certo, non saremo più gli stessi.
Qui la recensione completa

41fmfbqj8blMai un eroe” di Marie Sexton
Con uno stile impeccabile e un ritmo ipnotico che non mi ha fatto staccare gli occhi dalle pagine fino alla fine, “Mai un eroe” svetta nella mia classifica personale dei libri più belli ed emozionanti letti nel 2018. Poche pagine, ma intense e pregne di significato che ti lasciano un senso di pace e di amore che ti accompagna per tutta la giornata.
Qui la recensione completa


LADY MARMALADE

o-la-lunga-strada-tortuosaLa lunga strada tortuosa” di T. J. Klune
La strada per Bear, Otter e Kid di sicuro non è stata facile: spesso in salita e piena di curve, di ostacoli e rallentamenti, ma ce l’hanno fatta e con le unghie e coi denti hanno raggiunto la felicità che gli spettava.
Ragazzi avevo bisogno di voi, talmente tanto che mi avete fatto venire voglia di trovare un amore come il vostro!
Qui la recensione completa

cover500-9Sotto un cielo di cenere” di Brandon Witt
La pubblicazione di gay romance in Italia è in continua crescita; faccio davvero fatica a stare dietro a tutte le uscite, ma ci sono certi autori che sono disposta ad aspettare anche anni perché escano con un nuovo libro. Li leggi per caso e poi vai a cercarli sul web, a seguirli sui social; ti senti partecipe della loro vita e l’attesa per l’uscita del prossimo libro. Finisci per chiederti: “Ma perché non l’ho letto prima?”.
Brandon Witt è questo per me: un autore che so mi farà versare fiumi di lacrime, ma che so già anche che in ogni suo libro arriverà a toccare la mia anima nel profondo.
Qui la recensione completa

o-firmato-il-tuo-agente-spettraleFirmato: il tuo Agente Spettrale” di S. E. Harmon
Il romanzo è un mix fenomenale di amore, poliziesco e paranormal. Non è facile amalgamare così bene questi generi, si potrebbe scadere nel già letto perdendo di originalità ed è qui che entra in gioco la vena ironica della Harmon che dà una marcia in più al libro.
I personaggi che crea sono accattivanti, affascinanti, complessi; adulti con problemi irrisolti alle spalle ma che non si piangono mai addosso. Non sono ragazzini, ma uomini forti e determinati che rimangono impressi al lettore.
Qui la recensione completa


EVELYNE

514wlxxsqolLa guarigione” di Melissa Collins
Profondo, struggente, rimane impresso come pochi libri riescono a fare. Il lettore vive e soffre al fianco dei protagonisti, li vede e li sente come fosse anch’egli parte della storia. “La guarigione” di Melissa Collins è una lettura da non perdere. Non prendetela alla leggera, perché i temi trattati non sono facili da digerire, soprattutto per chi, come me, quando legge si immedesima nei protagonisti e sente il loro dolore come se fosse il proprio.
Qui la recensione completa

51qjqogcuqlIncontrastato” di Aimee Nicole Walker & Nicholas Bella
Questa storia mi è entrata dentro, ho sofferto con i protagonisti ed ho gioito quando le cose per loro hanno iniziato a mettersi bene.
Ciò che caratterizza questa storia e lo differenzia dalle altre, secondo me, è l’amore. Malgrado le difficoltà e la possibilità di andare avanti, se abbiamo sperimentato davvero questo sentimento, non si può dimenticare. La passione e l’eccitazione nascono grazie ad un solo sguardo, a volte, ma l’amore vero ha bisogno di tempo, costanza e perdono per essere coltivato.
Qui la recensione completa

41jogwfooglRock – La mia roccia” di Anyta Sunday
Rock – La mia roccia”, è una piccola perla.
La cura con cui l’autrice ha descritto le rocce, tanto amate da Cooper, mi ha sorpresa. La loro storia e la loro forma, ma in particolare il loro significato. Ogni roccia porta con sé emozioni, colori e ricordi.
L’amicizia, l’amore e l’affetto familiare, è su questi sentimenti che Anyta Sunday ha basato la sua storia. Una storia incredibile, arricchita da momenti struggenti e coinvolgenti, che fanno sentire il lettore parte della storia.
Qui la recensione completa


SLANIF

51ddf0Lv2TLRattlesnake – Serpente a sonagli” di Kim Fielding
Da dove posso iniziare a parlare di un libro che mi ha emozionata fino alle lacrime? “Rattlesnake” non è solo UN romanzo. “Rattlesnake” per me è IL romanzo. Quello che ti emoziona, ti lacera l’anima, ti fa scoprire parti di te stessa che non conoscevi e ti mette di fronte a verità magari dolorose, ma che fanno sì che tu possa maturare.
Ho sempre trovato straordinario che un romanzo possa aiutarti a crescere, e difficilmente ho avuto modo di trovarmi di fronte a questa incredibile opportunità, ma quando succede faccio in modo di assaporare il momento e di godermi ogni pagina, assorbendone il contenuto come una spugna assorbe l’acqua.
Rattlesnake – Serpente a sonagli” è un libro che VA letto. Senza “se” e senza “ma”.
Qui la recensione completa

46073041_1927850163951106_689983442380652544_nQuel che resta” di Garrett Leigh
È il primo libro di Garrett Leigh che leggo e l’ho apprezzato tantissimo. Nonostante all’inizio il prologo mi avesse lasciata un po’ così, andando avanti con la lettura ho amato sempre di più la storia e i suoi personaggi. Ho apprezzato fortemente l’amore indelebile che aleggia in ogni pagina e che accompagna Rupert e Jodi nella loro nuova realtà, ma anche l’aspetto di realismo che ha caratterizzato l’incidente di Jodi, così come la sua riabilitazione e le prospettive di vita futura. Non è tutto rosa e fiori, non ci sono guarigioni Miracolose né niente del genere. È tutto improntato su qualcosa di molto più tangibile e reale, che fa provare un po’ di amarezza nel lettore, ma che al contempo fa apprezzare le scelte della Leigh di non scendere nel sentimentale a tutti i costi e di dare comunque un lieto fine a due personaggi che ne hanno dovute affrontare tante.
Un romanzo delicato, dolce, romantico e sofferto che consiglio assolutamente.
Qui la recensione completa

510-Dt-Rc-Sem-LA casa per Natale” di L. A. Witt
A casa per Natale” è una dolcissima e romantica novella di Natale, piena di amore e speranza, che ci mostra quanto sia difficile per chi torna da situazioni tanto disperate il riambientarsi nella vita da civile. Ci mostra come, con l’aiuto di quelli a cui teniamo e con la forza stessa dell’amore, riusciamo a superare qualsiasi difficoltà e momento, senza mai abbandonare la speranza, anche quando questa pare drammaticamente lontana.
Un romanzo breve ma intenso, ricco di sentimento e malinconia.
Qui la recensione completa


ADELESH

cover500-1Prime volte” di K. C. Wells
È forse la prima volta che leggo un libro e mi rendo conto di essere arrivata alla fine senza aver annotato neanche una parola, troppo presa dalla storia e dai personaggi per interrompere la lettura anche solo per un secondo. Cosa che, in definitiva, non è stata affatto un male, visto che mi ha offerto la scusa perfetta per leggerlo una seconda volta e gustarmelo fino in fondo.
Qui la recensione completa

o-qpid-italianoQ*pid” di Xavier Mayne
Quando ho iniziato questo libro mi aspettavo una storia complicata e difficile da “digerire”. Qualcosa più interessante dal punto di vista sociologico che da quello romantico. Invece la trama è ben costruita e i protagonisti, i personaggi secondari, gli amici dei protagonisti, gli amici degli amici dei protagonisti, perfino i tecnici che lavorano per far funzionare Archer… sono ben caratterizzati, indipendentemente dal ruolo che rivestono all’interno nella storia.
Allo stesso modo, ho apprezzato il viaggio introspettivo di entrambi i protagonisti, i loro timori nel veder crollare quella che all’apparenza era una certezza incrollabile (l’eterosessualità), la loro reticenza a lasciarsi andare con qualcuno dello stesso sesso e sì, perfino il modo in cui alla fine si avvicinano l’uno all’altro da un punto di vista sessuale, cauti e con tanta tanta tanta curiosità.
Qui la recensione completa

solo-per-teSolo per te” di Andrew Grey
Anche se i temi trattati sono importanti e a volte negativi – la religione, il lutto, il rapporto padre-figlio, il primo amore –, il libro non risulta né pesante né difficile da digerire. Al contrario, ho trovato una storia dolce e profonda che permette al lettore di tirare fuori la propria vena romantica e tifare senza sosta affinché i due protagonisti possano ottenere il loro lieto fine.
Qui la recensione completa


All’anno prossimo con le nuove letture e le nostre recensioni a riguardo, così come i “Dietro le quinte” che vi aspettano ogni mercoledì qui sul blog, dove ospitiamo autrici italiane per un’intervista e tantissime curiosità.
Inoltre, vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Pagina FacebookInstagram (dove inseriamo anche citazioni e card di riferimento che non potete perdervi!), Twitter (nuovissimo e aperto da poco!) e ovviamente Goodreads!

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Inseguendo un sogno” – Andrew Grey

o-inseguendo-un-sognoTitolo: Inseguendo un sogno
Autore: Andrew Grey
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: €5,29
Link all’acquisto: Inseguendo un sogno

SINOSSI

Brian Paulson è nato con la camicia e ha sempre vissuto una vita di lusso e agiatezze. Che la famiglia lo abbia trascurato per inseguire la ricchezza e la felicità non gli sembra che un piccolo prezzo da pagare per ciò che lui ritiene la cosa più importante: il denaro.
Per Cade McAllister niente è mai stato facile. Per mantenere se stesso, la madre e il fratello con difficoltà di apprendimento è costretto a fare due lavori. Non hanno molto, ma per Cade l’affetto dei suoi cari e il potersi prendere cura di loro è più importante dei beni materiali. Non può permettersi di perdere quel poco che ha, e il giorno in cui viene derubato in un parco è grato per l’intervento di Brian.
Quando tutti i beni di Brian vengono congelati dopo la morte del nonno, Cade ha la possibilità di sdebitarsi. Gli offre un posto dove stare e lo aiuta a trovare un lavoro, e i due uomini si avvicinano l’uno all’altro mentre scoprono i lati positivi e negativi dei due mondi da cui provengono. E proprio mentre Brian comincia a rendersi conto che nella vita ci sono cose che i soldi non possono comprare, una clausola del testamento del nonno rischia di mandare in fumo la loro relazione.

Adelesh2

A primo impatto potrebbe sembrare la classica storia con un protagonista ricco, snob e abituato ad essere servito e riverito, e l’altro povero in canna, costretto a fare più lavori contemporaneamente senza comunque riuscire a mettere da parte neanche un centesimo e abituato a rimboccarsi le maniche. Qualcosa di visto e rivisto dove il bel Cenerentolo a un certo punto incontra il suo Principe Azzurro e tutti vissero felici e contenti. Se non fosse che la conoscenza tra Cade e Brian, iniziata per puro caso, non sembra affatto una favola.
Dopotutto, se al Principe Azzurro venisse tolto tutto quello che possiede – castello, carrozza e mantello compresi – cosa gli resterebbe da offrire a Cenerentolo?
È proprio questo ciò che Brian deve scoprire: quello che conta davvero, che come capirà presto non è né l’infinita ricchezza materiale che ha posseduto fino a quel momento né una famiglia i cui membri non fanno altro che tramare gli uni alle spalle degli altri. È a questo punto, quando non ha davvero più niente al quale aggrapparsi, che Cade gli offre un posto dove vivere, abiti di seconda mano, l’aiuto che gli serve per andare avanti e una, seppur piccola, speranza.

Sedette su una delle panche, mentre i clienti continuavano ad andare e venire, tutti salutati da Cade con un sorriso o un gesto della mano. Odiava perdere tempo, ma stare lì a guardare il ragazzo era un piacere. Aveva grandi occhi azzurri, un nasino grazioso, labbra rosse e carnose e fossette sulle guance che facevano sempre capolino. Non si fermava mai ed era vestito in maniera ordinata e non eccentrica. Sapeva cosa stava facendo e la sua energia riempiva la stanza.

Cade è un ragazzo semplice, abituato a lavorare e pratico, sa come va il mondo e a differenza di Brian non ha mai avuto la strada spianata davanti a sé. È un ragazzo che non conosce la ricchezza, perlomeno non quella materiale, ma possiede qualcosa che non ha valore: una famiglia unita e indistruttibile, composta da una madre single e un fratello dotato di una gentilezza e una dolcezza incredibili, per i quali nutre un affetto sconfinato.
Il libro si sviluppa con un livello di sensualità medio e, nonostante la presenza di alcune scene descritte in modo dettagliato, non sfocia mai nel volgare, permettendo alla vicenda di mantenere il proprio tono dolce e delicato dalla prima all’ultima parola.
Non aggiungo altro, se non che Grey è riuscito ancora una volta a cogliere nel segno, scrivendo una storia che a un primo sguardo può sembrare scontata ma che si rivela in grado di far riflettere sul vero significato dell’amore, della famiglia, dell’amicizia e sì, forse anche un po’ su quanto sia difficile riscoprire se stessi quando si perde tutto ciò in cui si è sempre creduto.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Solo per te” – Andrew Grey

solo-per-teTitolo: Solo per te
Autore: Andre Grey
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: 6,01€
Link all’acquisto: Solo per te

SINOSSI

L’unica strada che porta alla felicità è la libertà: la libertà di vivere – e amare – seguendo il proprio cuore. Per conquistarla un ragazzo dovrà usare tutto il suo coraggio, ma non si troverà a combattere da solo.
Nella piccola città conservatrice di Sierra Pines, in California, il reverendo Gabriel è la legge. Suo figlio Willy segue i suoi precetti, finché a Sacramento non conosce un uomo. Quando lo incontra di nuovo nella sua città natale, comincia a frequentarlo proprio sotto il naso del padre.
Reggie è il nuovo sceriffo di Sierra Pines. La sua dedizione al lavoro gli impone di non ostentare la propria sessualità; quando rivede Willy, però, non può impedirsi di pensare che loro due siano fatti per stare insieme. Decide comunque di mantenere il segreto di Willy fino al momento in cui il ragazzo non sarà pronto a mostrare al mondo chi è veramente. Oltre all’ostilità della chiesa e degli abitanti della città, Reggie dovrà affrontare anche i pericoli legati al suo lavoro, che rischiano di porre fine alla sua storia d’amore con Willy ancor prima che questa riesca a spiccare il volo.

ADELESH

Nonostante questo libro non appartenga a nessuno dei sottogeneri che prediligo, è stato un vero e proprio piacere leggerlo. Anzi, gustarlo, visto che mi è piaciuto tantissimo. Non è un libro molto lungo, però la storia che viene descritta è chiara e lineare, le vicende realistiche e i personaggi ben caratterizzati. Da una parte abbiamo Reggie, il nuovo sceriffo di Sierra Pines, alle prese con una cittadina chiusa, tradizionalista, conservatrice e molto chiacchierona che non lesina a dare giudizi su tutto e tutti; dall’altra troviamo Willy, un ventiduenne cresciuto in un ambiente rigido grazie all’educazione severa ricevuta dal padre, il reverendo della città, il quale un giorno vorrebbe vederlo ricalcare i suoi passi nonostante il ragazzo non sia affatto della stessa idea.
Il pov alternato permette non solo di capire cosa pensano entrambi i protagonisti, offrendo così la possibilità di farsi un’idea chiara di tutto quello che accade, ma soprattutto di scoprire quello che provano e sentono, compresi i loro sentimenti e le loro emozioni.
Anche se i temi trattati sono importanti e a volte negativi – la religione, il lutto, il rapporto padre-figlio, il primo amore –, il libro non risulta né pesante né difficile da digerire. Al contrario, ho trovato una storia dolce e profonda che permette al lettore di tirare fuori la propria vena romantica e tifare senza sosta affinché i due protagonisti possano ottenere il loro lieto fine.
L’ingenuità sessuale di Willy, se così possiamo chiamarla, è una delle cose che mi sono piaciute di più. Il ragazzo è infatti non solo alle prese con la sua prima esperienza sessuale ma anche del tutto inesperto dal punto di vista delle relazioni. Il suo non sentirsi allo stesso livello di un uomo bello e deciso come Reggie lo rende un personaggio perfetto e molto reale, con tutti i dubbi e i tormenti tipici di un giovane di ventidue anni. Allo stesso modo, Reggie è un personaggio a tutto tondo e in grado di capire perfettamente quello che il ragazzo sta provando, comportandosi come un vero uomo d’onore e mettendo Willy prima dei propri desideri.

Avvertì un dolcissimo dolore al petto. La fiducia e l’amore che vedeva risplendere negli occhi di Willy, uniti al calore che lo circondava, sconvolsero i suoi sensi. Doveva procedere con cautela, anche se si sentiva incitato dall’istinto. Doveva andare piano. Lo faceva per Willy, voleva assicurarsi che fosse felice.

In definitiva, “Solo per te” è una lettura piacevole e coinvolgente, un libro che ti cattura e ti rimane nel cuore.

emozionante

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Cowboy di città” – Andrew Grey

51sf7v8hzxlTitolo: Cowboy di città
Autore: Andrew Grey
Editore: Dreamspinnerpress
Prezzo: €4,70
Genere: Contemporaneo MM
Link all’acquisto: Cowboy di città

SINOSSI:

Brighton McKenzie ha ereditato l’ultimo appezzamento di terra adibito a fattoria alla periferia di Baltimora. Appartiene alla sua famiglia da quando il Maryland era una colonia, ed è rimasto inattivo per anni. Venderlo come area edificabile sarebbe facile, ma Brighton vuole onorare il desiderio di suo nonno e riprendere a farlo fruttare. Sfortunatamente, un incidente lo obbliga a usare un bastone per camminare e ha quindi bisogno di aiuto. Tanner Houghton ha lavorato in un ranch nel Montana fino a quando un ex vendicativo non lo ha fatto licenziare a causa della sua sessualità. Arriva nel Maryland invitato dal cugino ed è entusiasta di tornare a fare il lavoro che ama.

Brighton è immediatamente attratto da Tanner che, alto e bello da togliere il fiato, rappresenta tutto ciò che lo affascina in un uomo. Non se la sente però di fare la prima mossa, innanzitutto perché è un suo dipendente, e poi perché non riesce a capire come un uomo così virile possa essere interessato a lui. Ma quello non è il più grave dei loro problemi. Devono affrontare le macchinazioni della zia di Brighton e dell’ex di Tanner, che all’improvviso lo rivuole con sé, e devono trovare il modo per rendere redditizia la fattoria prima che il patrimonio della famiglia di Brighton sia perduto per sempre.

recensionefra

Oh… finalmente Andrew Grey! Era da tanto, tantissimo tempo, che volevo leggere un romanzo di questo autore. Sì, lo so, è una vergogna che io, amante del genere MM, non abbia ancora letto nulla di Grey e prometto che mi impegnerò per prendere in mano tutte le sue numerose serie! Ma, per ora, vi parlerò di “Cowboy di città”, l’ultimo suo lavoro targato Dreamspinnerpress.

La storia che ci racconta Andrew si svolge a Baltimora. Con la morte del nonno, Brighton McKenzie si trova a dover far fronte non solo al dolore causato dalla perdita di una persona cara, ma anche al fatto di avere ottenuto in eredità la fattoria di famiglia. Brighton è un uomo che ha dovuto imparare a contare su ste stesso molto presto. Rimasto orfano che era poco più di un bambino, Brighton si è dovuto rimboccare le maniche e prendersi cura anche di sua sorella Brianna. Sua zia Vera lo ha aiutato, ma il suo è stato un aiuto doveroso piuttosto che affettivo. Un brutto incidente d’auto, poi, ha messo a dura prova non solo il suo equilibrio psichico, ma anche il suo stato di salute.

Brighton è un uomo forte, ma il costante dolore alla gamba e la paura di non poter essere più davvero autosufficiente, lo fanno cadere costantemente in una depressione dalla quale fa fatica a uscire. Per questo, quando viene a sapere dell’eredità che suo nonno gli ha lasciato, si ritrova a chiedersi più e più volte quale sia la scelta più giusta fa fare. Sua zia Vera, una donna materialista e anaffettiva, spinge Brighton verso l’eventualità di vendere la fattoria… ma è davvero questo che avrebbe voluto suo nonno? Nonostante le pressioni esterne, Brighton sa che il ranch potrebbe essere un’opportunità per ricominciare, per rinascere e per guarire finalmente da ciò che lo affligge. Ovviamente, però, un ranch è difficile da gestire… soprattutto per un uomo solo e fisicamente non al cento per cento. Per questo motivo, Brighton decide di assumere Tanner.

Tanner e Brighton sono due personaggi molto particolari che ho amato sin da subito. Per quanto mi riguarda, provo sempre un’immediata empatia nei confronti di persone che hanno subito un trauma fisico, o psicologico, e che si portano addosso i segni di quelle esperienze disastrose. Come Brighton, anche Tanner deve fare i conti con un passato difficile che gli ha reso la vita non proprio rosa e fiori, costringendolo a chiudersi in se stesso nascondendosi da chiunque volesse anche solo provare a rompere la sua corazza. Per questo Tanner sembra così sfuggente. Il suo balbettare e la sua convinzione di non essere intelligente come gli altri, lo portano a lasciare che nessuno gli si avvicini troppo… perché affezionarsi a qualcuno vorrebbe dire abbassare le barriere e… soffrire.

Come si può facilmente immaginare, Tanner e Brighton hanno due vissuti simili e si ritroveranno a doversi mantenere in equilibrio in un rapporto fatto di passione e tenerezza ma non privo di difficoltà. Brighton deve decidere cosa fare della fattoria, trovare un modo redditizio per gestirla se vuole farla sopravvivere all’espansione economica di quella zona. Tanner, dal canto suo, deve fare i conti con un passato che sembra non volersene andare, ma soprattutto, deve combattere contro le sue insicurezze e contro il bisogno di nascondersi e di sentirsi sempre inadeguato.

Mi è piaciuto molto il rapporto che nasce e si instaura tra questi due uomini. Hanno vissuti diversi, è vero, ma sono entrambi bisognosi d’amore e di affetto. Brighton, soprattutto mi ha fatto una tenerezza infinita con il suo voler dimostrare di essere all’altezza, di non voler dipendere da nessuno, mentre Tanner mi ha spezzato il cuore con le sue insicurezze e la paura di amare e di essere amato.

Insomma, un nuova emozionante storia di Andrew Grey che non mancherà di piccoli colpi di scena, momenti di tenerezza, passione e di condivisone fraterna. Ho amato molto la figura di Brianna e il rapporto, stretto e complice, che ha con suo fratello. Insomma, “Cowboy di città” è un racconto completo che vi riempirà il cuore di tenerezza e amore. In perfetto stile Grey… così mi dicono!

MOLTO BELLO

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni, Recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Fuoco e acqua” – Andrew Grey

41iutsukkolTitolo: Fuoco e acqua
Autore: Andrew Grey
Editore: Dreamspinnerpress
Genere: MM Contemporaneo
Prezzo: €5,67
Link all’acquisto: Fuoco e acqua

DATA DI PUBBLICAZIONE: 17 APRILE 2018

SINOSSI

Serie Carlisle Cops, Libro 1

L’agente Red Markham ha imparato a conoscere le difficoltà della vita da adolescente, quando un incidente d’auto lo ha lasciato sfregiato e orfano di entrambi i genitori. Anche per le strade che pattuglia nella cittadina di Carlisle affronta episodi orribili, come il recente aumento di morti per overdose. Un pomeriggio Red viene mandato in una struttura sportiva per un incidente in piscina e, arrivato sul posto, scopre che il ragazzo coinvolto è stato salvato dal bagnino, Terry Baumgartner. Per Red non è una sorpresa che lo splendido Terry non voglia avere niente a che fare con lui e con il suo brutto muso.

Un commento casuale sulla sua superficialità fa però aprire gli occhi a Terry. Forse non è una persona di buon cuore come ha sempre pensato. La sua amica Julie gli suggerisce allora di aiutare i meno fortunati consegnando pasti agli anziani. Durante il suo giro Terry incontra Margie, una signora molto diretta che dice sempre quello che le passa per la testa e che è anche la zia dell’agente Red Markham.

I mondi di Red e Terry si scontrano. Red cerca di proteggere Terry da un ex che non accetta un no come risposta, intanto indaga per arrivare alla fonte della droga che sta mietendo vittime in città. Inaspettatamente i due uomini scoprono che per loro potrebbe esistere una possibilità, ma dovranno imparare a vedere oltre la superficie per coglierla.

recensionefra

Quante volte ci siamo trovati a giudicare qualcuno solo dal suo aspetto esteriore? Quante volte abbiamo lasciato che l’apparenza e il pregiudizio pilotassero i nostri pensieri e le nostre opinioni? Più spesso di ciò che crediamo, lasciamo che le nostre idee vengano influenzate da ciò che vediamo. Ma la vera bellezza non è sulla superficie, quanto piuttosto nel profondo, nel cuore e nelle azioni. Questo è il significativo messaggio che Andrew Grey vuole comunicarci attraverso la storia narrata in “Fuoco e acqua”, edito da Dreamspinnerpress e disponibile dal 17 aprile 2018.

Ammetto che non ho letto molti libri di Grey, anche se la sua fama lo precede ormai da parecchio tempo. La sensibilità, la dolcezza e la morale che si cela sempre dietro i suoi romanzi, fanno di Grey uno scrittore diverso dal solito, poliedrico e, lasciatemelo dire, anche un po’ filosofico.

Nel suo ultimo lavoro, “Fuoco e acqua”, appunto, ci troviamo di fronte un argomento che è spesso trattato nel genere romance, sia MM che tradizionale, e proprio per questo, si rischia di cadere nel clichè o nella banalità. Non è stato di certo il caso di Grey.

Red è un poliziotto che ha già conosciuto la parte più dolorosa della vita. Quando era solo un ragazzo, infatti, un terribile incidente stradale gli ha strappato i genitori e lo ha lasciato sfregiato in viso e in gran parte del corpo. Col passare del tempo Red è riuscito a costruirsi una vita solitaria e una carriera, ma le sue cicatrici sono ancora lì e non passa giorno in cui non diventino l’unica espressione della sua fisicità. Impossibile non notarle, non giudicare, non cadere nel pietismo. Ed è proprio ciò che sembra accadere quando Red incontra Terry, un bagnino che viene coinvolto in un piccolo incidente nella piscina in cui lavora. Come tutto il resto del mondo, anche Terry sembra colpito in modo negativo dall’aspetto di Red.

Per fortuna, un’aitante vecchietta di nome Zia Margie, ci metterà lo zampino e farà in modo che i due si incontrino di nuovo e per Terry, sarà una vera fortuna. Da qui, si da inizio ad una storia in cui l’Amore è in primo piano, condito con una generosa dose di suspense che ho apprezzato moltissimo. Andrey Grey è riuscito a costruire una trama ricca di colpi di scena ben oliati e credibili, mantenendo sempre l’attenzione su Red e Terry e sull’argomento principale del romanzo: l’amore oltre le apparenze. Ed è qui che, a mio avviso, Grey si è distinto. Terry non è il ragazzo superficiale che ci vuole far credere. Nasconde fin troppi segreti dentro di lui, e paure e insicurezze che solo la dolcezza e la tenerezza di Red saranno in grado di far uscire.

Forse la storia d’amore di Red e Terry è un po’ troppo istalove, ma è così romantica e ricca di significato che ci si può tranquillamente passare sopra. Ho adorato il modo in cui Red si prende cura di Terry, possessivo e devoto come no mai, e come Terry metta tutto in discussione di fronte alla dolcezza e alle cure amorevoli del polizotto.

Un buon ritmo narrativo ci accompagna per tutto il viaggio, forse solo in alcuni punti un po’ troppo lento, e i due pov in terza persona ci danno una visione a tutto tondo dei pensieri dei due protagonisti.

Dieci e lode per le scene d’amore, che non mancano assolutamente. Un alto grado di sensualità ma sempre appassionata e mai volgare, che mi ha fatto venire la pelle d’oca e anche parecchio caldo, sono sincera. Ed sono proprio questi momenti d’intimità i più significativi: attimi in cui i due ragazzi si mettono a nudo, si lasciano andare e si donano completamente l’uno all’altro. In quelle circostanze non c’è spazio per la vergogna, sembra volerci dire l’autore, ma solo per l’amore, quello vero, quello autentico.

emozionante