Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Sulle tracce della Rosa-Croce” – Abigail Roux

Titolo: Sulle tracce della Rosa-Croce
Autore: Abigail Roux
Serie: Sidewinder #2
Genere: Contemporaneo, Mystery, Suspance
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Sulle tracce della Rosa-Croce

SINOSSI

Quando Nick O’Flaherty raggiunge la scena di un duplice omicidio e ci trova un testimone oculare, pensa che quello sia il suo giorno fortunato. Ma non appena scopre che il testimone soffre di un’amnesia così seria da non riuscire neppure a ricordare il proprio nome, rimpiange di non aver seguito l’istinto e di non essersi preso una vacanza.
Poi il suo fidanzato ed ex componente della squadra di Ricognitori di cui facevano entrambi parte, Kelly Abbott, lo raggiunge a Boston e Nick si ritrova con le mani un po’ piene, mentre il caso e la sua vita privata collidono. Il testimone, che lui stesso ha ribattezzato “JD”, è pedinato da Julian Cross, un ex sicario della CIA. Per complicare ulteriormente le cose, JD sviluppa una sorta di attaccamento verso Nick che lui fatica a non corrispondere, mentre indaga per scoprire la sua vera identità.
Mentre tentano di capire se JD è un amico o un nemico, le indagini sul crimine li portano sulle tracce di un mistero molto più vecchio. Quando qualcuno tenta più volte di eliminarli, Nick è costretto a prendere come alleati alcuni vecchi nemici per risolvere un crimine di cento anni prima ed evitare che lui e Kelly finiscano a loro volta sui libri di storia.

Evelyne2

È impossibile non fare un paragone tra “Sidewinder” e “Armi & Bagagli”. Abigail Roux ha unito le due serie, alternando anche personaggi esterni come Julian e Cameron.
Si nota molto il distacco tra il primo volume della serie e questo secondo. Mentre il primo è incentrato sul rapporto tra Nick e Kelly, dando per la prima volta più importanza a Kelly, qui si torna ad avere Nick come personaggio principale.
Le indagini occupano la gran parte della storia. Intervengono molti personaggi, alcuni già conosciuti nello stand alone “La croce del guerriero” e nella serie in “D’amore & D’accordo”, altri ancora sconosciuti.
Qui, per la prima volta, vediamo Nick in azione. Alle prese con “JD”, un testimone che ha perso la memoria e che è l’unico indizio per poter risolvere il caso di cui si sta occupando. Testimone a cui Nick si lega e che non riesce ad allontanare da sé, neppure quando Kelly torna a Boston, per trascorrere del tempo insieme. A complicare le cose, un ex sicario della CIA e sua vecchia conoscenza, pedina JD.
Il rapporto tra lui e Kelly per la prima volta si incrina, a causa di numerose incomprensioni. Per Nick è davvero difficile riuscire a gestire così tante cose simultaneamente.

«Stai cercando di rompere con me? Perché è quello che sembra.»

Al suo fianco, Kelly sarà un punto di riferimento. L’affetto che li unisce è unico e indistruttibile. A rendere vero il loro rapporto non è tanto il poco tempo trascorso insieme come coppia, ma gli anni passati a proteggersi l’un l’altro. Rispetto al primo volume della serie, vediamo meno scene riguardanti esclusivamente loro due ed il loro rapporto, poiché sono messi in risalto aspetti del carattere di Nick finora sopiti. La complicità che li lega e l’ammirazione di Kelly nei confronti di Nick sono aspetti fondamentali nel loro rapporto, su cui l’autrice pone un’attenzione particolare.

“Kels,” sussurrò, quasi con reverenza. Il modo in cui lo guardò negli occhi, l’amore e la devozione così chiari nel suo sguardo, era qualcosa che notava ogni volta che si toccavano, ogni volta che facevano l’amore. Non l’aveva mai visto guardare qualcun altro allo stesso modo.

Il finale lascia in sospeso numerosi quesiti, che apriranno la strada al terzo volume della serie.
È una storia di avventura e mistero, divertente in alcuni momenti e dolce in altri.

4

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Conseguenze inaspettate” – Abigail Roux

Titolo: Conseguenze Inaspettate
Autore: Abigail Roux
Serie: Sidewinder #1
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Conseguenze inaspettate

SINOSSI

Dopo essere sopravvissuto per un pelo a una sparatoria a New Orleans, l’infermiere militare dei Sidewinder, Kelly Abbott, ha dovuto sopportare un mese di ricovero prima di poter tornare a casa in Colorado. Non si è sorpreso quando un altro Sidewinder, Nick O’Flaherty, gli è rimasto accanto durante la degenza a New Orleans, e neppure quando Nick ha deciso di tornare a casa con lui per aiutarlo a rimettersi in piedi. Dopotutto, anni passati nella stessa squadra delle Forze di Ricognizione dei Marines hanno creato tra loro un legame paragonabile solamente a quello tra fratelli. Si sorprende molto, però, quando Nick asseconda un suo momento di curiosità e lo bacia.
Nick conosce ogni stranezza e ogni capriccio di Kelly, perciò un bacio non rappresenta un rischio… o così crede all’inizio.
Ma quello che sarebbe dovuto essere un semplice momento di curiosità, scatena delle emozioni e dei desideri confusi che nessuno dei due è pronto ad affrontare.
Adesso, Kelly e Nick devono capire cosa sono l’uno per l’altro – amici e commilitoni, o qualcosa di più profondo? – prima che il passato torni per rovinare il loro tenue futuro.

Evelyne2

Rimasto ferito durante una sparatoria a New Orleans, Kelly torna a casa e tenta di rimettersi in piedi il più in fretta possibile. Al suo fianco, Nick cercherà di aiutarlo e non lasciarlo mai solo.
Malgrado si conoscano da tutta la vita, quando trascorrono del tempo da soli, lati sopiti del loro carattere vengono fuori. Accettare un cambiamento importante nella loro relazione potrebbe mettere a rischio non solo il loro rapporto, ma l’equilibrio dell’intera squadra.
Quando però Nick si trova davanti una scelta, non esita ad agire pur di tenere al sicuro il suo amico.

«No, no, se la squadra è stata richiamata in servizio attivo, parto anch’io con i miei uomini,» urlò Kelly. «Kelly Abbott, controllate di nuovo i vostri maledetti ordini!»
Nick si mise di fronte a lui e gli posò una mano sul fianco, impedendogli di scendere le scale e raggiungere i due uomini. «Kelly, fermati. Fermati!»
Lui però lo spintonò, cercando di liberarsi, continuando a urlare ai Marines. «Non potete richiamare la squadra senza di me! Non potete rimandarli laggiù senza di me!»
L’amico lo strinse tra le braccia e si rivolse agli altri due da sopra la spalla. «Andate!» urlò.

Quando ho iniziato questa serie mi sarei aspettata una storia adrenalinica come quella tra Ty e Zane. Nick e Kelly sono presenti nella serie “Armi & Bagagli” e anche se per poco, abbiamo avuto occasione di vedere alcuni aspetti del loro carattere. Nick, a differenza di Kelly, è più centrale, essendo il migliore amico di Ty, per questo lo conosciamo meglio.
In un primo momento ho preso male la lentezza e la semplicità della storia. Mi è sembrata più una piccola novella che un romanzo. Mi sarebbe piaciuto scoprire qualcosa in più su di loro.
Kelly, ancora un mistero per tutti, mi è piaciuto particolarmente. Non so ancora nulla su di lui, ma la sua tranquillità e praticità mi hanno conquistata. Peccato l’autrice non dia abbastanza informazioni su di lui. Malgrado siano entrambi i protagonisti, di Nick sappiamo sempre qualcosa in più. Tutto è dovuto al suo ruolo nella serie principale, ma è una differenza che si nota molto.
Anche se con qualche indecisione, mi è piaciuta la loro storia nel complesso. Dopo aver letto “Toccata & Fuga”, ho desiderato da subito poter leggere di Kelly e la sensazione che tra lui e Nick potesse nascere qualcosa non mi ha mai lasciata. Vedere i due uomini insieme, isolati e uniti, mi è piaciuto molto. Specialmente leggere di Kelly, abituato a prendersi cura dei suoi compagni, costretto a letto e ad accettare di non poter fare tutto da solo.

«Lo so cos’hai fatto,» sussurrò, rilassandosi in quell’abbraccio protettivo. Nick emise un mugolio. «Non mi stavi trattenendo. Mi stavi tenendo in piedi.»
Le braccia attorno a lui lo strinsero più forte.
«Così che non mi mostrassi debole di fronte a un Marine.»
Nick gli posò il mento sulla testa e gli premette le mani sulla schiena. «Non potrai mai sembrare debole. Porti con te la forza di tutta la squadra.»

La fine del romanzo si unisce a quella del settimo volume della serie “Armi & Bagagli”. Sicuramente incontreremo i nostri protagonisti ancor prima del secondo volume della serie “Sidewinder”.

4

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Gioie & Dolori” – Abigail Roux

Titolo: Gioie & Dolori
Autore: Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #8
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 6,99€
Link all’acquisto: Gioie & Dolori

SINOSSI

Tornati a casa dopo l’inatteso richiamo in servizio attivo, i membri della squadra Sidewinder delle Forze di Ricognizione dei Marines si possono finalmente riunire ai loro cari e raccogliere i pezzi delle vite che erano stati costretti a lasciarsi alle spalle. Ty Grady torna da Zane Garrett solo per scoprire che tutto attorno a lui è cambiato… persino gli uomini con cui era andato in guerra. Ha appena il tempo di riabituarsi alla propria vita che suo fratello, Deuce, gli chiede di fargli da testimone al suo matrimonio. Ma non è la sua unica richiesta e Ty è costretto a chiamare aiuto per affrontare i problemi che il futuro suocero del fratello sembra aver attirato.
Nick O’Flaherty e Kelly Abbot accompagnano Ty e Zane al matrimonio, che si svolgerà su un’isola della Scozia, pensando di trovarsi lì solo per assecondare la paranoia di Deuce. Ma quando cominciano a spuntare i primi cadaveri e le barche iniziano ad affondare, i quattro si scoprono più coinvolti nei festeggiamenti di quanto avessero previsto.
Con il tempo che scorre veloce e il killer bloccato sull’isola insieme a loro, Ty e Zane devono attraversare un vero e proprio campo minato di amici, parenti e nemici per impedire che l’intera isola venga distrutta.

Evelyne2

Gli si spezzò il fiato. «Ty.»
«Ciao,» disse quello, sorridendo ancora di più. […]
Zane si mosse verso di lui, fregandosene di chi potesse vederli e delle conseguenze. Ty corse per la distanza rimanente e gli si lanciò tra le braccia. Zane affondò il viso nel collo del compagno, crogiolandosi nel suo calore e nella sua solidità, inspirando il suo odore, anche se non era quello che di solito associava a lui. Era comunque Ty.
«Oh mio Dio,» gemette dopo un po’, aggrappandosi alla sua uniforme e stringendosi a lui con maggiore forza.

Dopo essere tornato dai Marines, Ty affronta una nuova vita insieme a Zane. Quando ancora sta tentando di mettere insieme i pezzi della sua vita, suo fratello Deuce gli chiede di essere il suo testimone al matrimonio e di proteggere la sua famiglia. Alla richiesta del fratello, Ty non può che accettare e chiedere l’aiuto di qualcuno che sicuramente potrebbe sostenerlo.
Nick e Kelly raggiungono Ty e Zane su un’isola della Scozia. Non passa poco prima che i quattro debbano affrontare nuove sfide e fare delle scelte, che cambieranno il loro rapporto per sempre.

Nick serrò la mascella e arretrò di un passo, allontanandosi da Ty. O magari allontanando se stesso da lui. Le parole che pronunciò subito dopo non furono altro che un sussurro: «Sono stanco di rischiare la mia vita per te, Ty.»
Ty barcollò indietro come se l’avesse colpito.

Dopo aver conosciuto Ty e Zane e Kelly e Nick, devo ammettere che tra tutti, questo è forse il libro che ho apprezzato di meno. Malgrado vi sia un evento fondamentale, che metterà le basi per l’ultimo libro della serie, ho percepito un distacco tra questo e gli altri. Mi è sembrato come se ci trovassimo davanti un’altra storia. L’aspetto investigativo rimane, anche se solo accennato in alcuni punti e totalmente assente in altri. Quello sentimentale, invece, prende sicuramente il sopravvento. Siano in un momento molto importante per Ty e Zane. Ty tenta di riacquistare in tutti i modi la fiducia di Zane, ma il suo passato e la sicurezza che vorrebbe fosse la base del loro rapporto non permettono a quest’ultimo di prendere una decisione. La caratterizzazione dei personaggi è buona, come sempre. La nota che mi ha fatto storcere il naso è che i protagonisti di questo volume non sono due, ma quattro. Nick e Kelly diventano molto più importanti, acquistando così un ruolo fondamentale anche nelle indagini.
Come già detto nelle recensioni precedenti, mi piacciono molto i loro personaggi, specialmente Kelly, ma non ho apprezzato a pieno la scelta di focalizzare così tanto l’attenzione su loro due, togliendola di conseguenza a Ty e Zane. Nonostante siano sempre presenti, si nota un distacco considerevole con i volumi precedenti.
Il loro rapporto, in questo frangente, è completamente diverso. Possono amarsi alla luce del sole e non preoccuparsi di essere scoperti. Vivono quella che è a tutti gli effetti una vera relazione. Ma soprattutto, per la prima volta, vediamo la fiducia e la sincerità alla base della loro relazione. Se precedentemente sono sempre stati molto affiatati, ormai raggiunto tutto un altro livello.

Era l’ancora di cui aveva sentito la mancanza nell’ultimo anno, l’unica cosa che riusciva a tenerlo a terra quando cominciava a sentirsi perso.

È una bella lettura, anche se sarebbe stata perfetta nel caso in cui fosse stata una storia a sé. Ma inserita in questa serie ed in questo momento, mi è sembrata più uno “stacco” dalle indagini e dal lavoro, che un continuo vero e proprio.

4

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Toccata & Fuga” – Abigail Roux

Titolo: Toccata & Fuga
Autore: Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #7
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 6,49€
Link all’acquisto: Toccata & Fuga

SINOSSI

Dopo che le loro facce sono comparse su tutti i notiziari a causa di un’indagine ad alto profilo, gli Agenti Speciali dell’FBI Ty Grady e Zane Garrett sono diventati più utili al Bureau come modelli per servizi fotografici piuttosto che come agenti sotto copertura. Proprio quando Zane sta cominciando a considerare l’idea di ritirarsi, Ty riceve una richiesta d’aiuto da parte di un amico, che li porta in una città colma di echi del loro passato.
New Orleans indossa la propria storia sulle sue strade ed è il luogo in cui Ty teme di finire ucciso. Circondati da problemi fin dall’atterraggio, i due agenti si devono confrontare con un passato che Ty non può più nascondere, uno che ha una sorprendente connessione con Zane.
Mentre i pericoli li raggiungono da ogni direzione, entrambi gli uomini dovranno venire a patti con le realtà del loro passato e le bugie che hanno raccontato. Scopriranno presto che non tutti i segreti sono ancora venuti allo scoperto e che niente dura per sempre.

Evelyne2

«Una volta mi hai detto… che io ero la tua bussola. Che ti indicavo la direzione quando ti sentivi perso,» disse Ty, con voce strozzata. Alzò lo sguardo su di lui e la poca luce della stanza si riflesse nei suoi occhi come su un liquido. «Beh, tu eri la mia ancora. Eri qualcosa di solido a cui aggrapparmi. Volevo che te lo ricordasse.»

Tra tutti i volumi della serie “Armi & Bagagli”, questo è sicuramente quello che mi ha messa più in difficoltà per scriverne la recensione. Se negli altri ho sofferto insieme a Ty e Zane, in questo è stato impossibile non farlo. Ho interrotto più volte la lettura, per poi riiniziare da capo e arrivare fino alla fine. Se nei volumi precedenti ho avuto una leggera propensione per Zane… in questo libro ho odiato con tutta me stessa Ty. Nonostante io sia riuscita a sentirmi in sintonia anche con lui in alcuni momenti, con poche parole il suo personaggio mi ha portata a difendere Zane. Mi ha stupito molto come l’autrice sia stata brava a suscitarmi tali emozioni. È raro che io riesca a sentirmi così presa e toccata da una storia, eppure in questo caso è stato davvero difficile arrivare alla fine.
Nella prima parte della storia, il lavoro viene accantonato a causa della loro comparsa su numerosi notiziari, portandoli così a dover affrontare conferenze e diventare “uomini immagine” del Bureau.  Quando Ty riceve una richiesta d’aiuto da parte di un suo amico, entrambi partono per New Orleans. Ad aspettarli però, non ci sono solo i suoi commilitoni, ma tutti i problemi che l’ex- marine ha lasciato dietro di sé anni prima. Costretto ad affrontare un passato che avrebbe voluto tenere lontano il più possibile, Ty si apre davvero con Zane, per la prima volta da quando si sono incontrati.

«Un altro aspetto di Ty Grady.» Erano ormai uno di fronte all’altro, in un silenzio pesante e teso. «Mi chiedo quanti altri ce ne siano che ancora non conosco,» mormorò finalmente Zane, come se stesse parlando con se stesso.

Occuparsi di vecchi nemici da entrambe le parti non è affatto semplice quando non si è più in sintonia come una volta. Quello che è stato detto non può più essere nascosto e per Zane e Ty è arrivato il momento di venire a patti con la realtà, bella o brutta che sia.
Devo ammettere che mi ha molto colpita l’andamento della storia, non me lo sarei mai aspettato. Sentivo che c’era qualcosa di non detto tra i due e che molto probabilmente sarebbe stato Ty a fare qualche danno, ma mai avrei pensato ad una cosa del genere e di tale importanza.

Ty gli premette le dita contro la schiena, stringendolo e sé. Avvicinò le labbra al suo orecchio e sussurrò: «Mi dispiace tanto.»
Sotto le sue mani, i muscoli di Zane si irrigidirono. «Ti avrei scelto sopra ogni altra cosa,» sibilò. Poi si tirò indietro, si liberò dalla sua stretta, gli afferrò la maglia con entrambe le mani e lo attirò a sé. Ty si sentì sollevare da terra e si ritrovarono naso a naso. «Il mio lavoro, la mia famiglia, mia moglie. Avrei dato la vita per te! Ma tu no! Tu non mi hai potuto dare neppure la verità!»

La presenza della sua squadra e di un nuovo personaggio, lo aiutano nelle sue indagini, ma sono anche la ragione che lo costringe ad essere sincero con Zane. Questo forse è stato l’aspetto che più di tutti non mi è piaciuto del suo comportamento. Se non fosse stato costretto da cause esterne a rivelare la verità, l’avrebbe mai fatto? Me lo sono chiesto più volte durante la lettura e sono arrivata alla conclusione che no, non l’avrebbe mai fatto.
Vedere Zane così ferito e nonostante ciò pronto a tutto pur di salvare la vita a Ty, ha reso ai miei occhi ancor più realistico e umano il suo personaggio. La sua forza e la determinazione di seguire le proprie idee nonostante il dolore, lo rendono eccezionale.
Ty, malgrado tutto, rimane un personaggio caratterizzato alla perfezione. Il suo legame con i compagni e il suo amore per Zane sono ben evidenti, anche se il suo mancato pentimento mi ha reso più difficile accettare il tutto.

4.5

Pubblicato in: Recensioni, triskell edizioni

Recensione “Stelle & Strisce” – Abigail Roux

Titolo: Stelle & Strisce
Autore: Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #6
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Stelle & Strisce

SINOSSI

Gli Agenti Speciali Ty Grady e Zane Garrett sono riusciti a fare l’impossibile: vivere alcuni mesi in pace e tranquillità. Dopo quasi un anno di problemi personali e professionali, finalmente vivono insieme senza liti, al lavoro va tutto liscio e sono entrambi felici, in salute e tornano a casa tutte le sere prima che faccia buio. Ma chiunque li conosca sa che una situazione del genere non è destinata a durare.
Quando una telefonata urgente disturba il delicato equilibrio del loro mondo, Ty e Zane dovranno vedersela con un dramma familiare e un crimine sconcertante per salvare una vittima innocente prima che scada il tempo.
Dalle montagne del West Virginia a un remoto ranch del Texas che ospita ben più che bestiame e ricordi d’infanzia, Ty e Zane dovranno fronteggiare le loro paure, e le loro famiglie, per sconfiggere un inaspettato nemico e riportare la pace nelle loro vite.

Evelyne2

Oggi vi parlo di “Stelle & Strisce”, il sesto volume di una delle serie male to male più belle in assoluto a mio parere. La storia di Ty e Zane mi ha conquistata sin dall’inizio e questa lettura non è altro che un’ulteriore conferma di quanto io mi sia invaghita di loro.
Vedere Ty e Zane vivere tranquillamente la loro relazione, anche se ancora in segreto, è qualcosa di nuovo. Non è mai capitato rimanessero lontani dai guai per molto tempo.
Proprio per questo, quando ricevono una telefonata urgente, non sono poi così sorpresi di dover rompere la loro bolla di felicità. A sorprenderli però, è la ragione che li porterà nel West Virginia e successivamente in Texas, nella casa di famiglia di Zane, nella speranza di venire a capo di un nuovo imprevisto.
Chester, il nonno di Ty, è una figura molto importante. Con la sua tranquillità ci mostra quanto alcune persone possano sorprenderci e rendere più semplici determinate situazioni.

«Beh, qualcuno deve guardargli le spalle,» disse, guardando il suo partner.
«Anche quello,» disse Chester, tornando a dondolarsi con le mani unite in grembo.
«Di che stai parlando, papà?» gli chiese Earl con una risata.
«Dico soltanto che l’amore è una benedizione, non importa come sia.»
Ty sollevò la testa di scatto e fissò suo nonno per un momento prima di guardare suo fratello da sopra la spalla. Deuce scosse il capo e gli disse qualcosa muovendo le labbra ma senza parlare, comunicandogli di non aver detto niente a nessuno.

Vedere per la prima volta entrambe le loro famiglie, anche se in momenti diversi, ci aiuta a comprendere meglio le reazioni di Ty e Zane. La famiglia, le tradizioni, le amicizie… tutto in un unico pacchetto e contornato da risvolti inaspettati.
Mi è piaciuto molto questo libro, in particolare per la presenza della famiglia di Zane, che lo porta a mostrare il suo lato “campagnolo” e rude, celato finora. Se in un primo momento ho apprezzato allo stesso modo entrambi i protagonisti, dopo questa lettura posso affermare con certezza che Zane è il mio preferito. Ty è divertente, dolce e sicuramente un personaggio caratterizzato molto bene, ma Zane mi ha rubato il cuore. Anche se in un modo molto più discreto, anche lui ci mostra quanto Ty sia importante per lui e con quei pochi gesti, ci fa anche comprendere quanto per lui sia stato difficile prendere determinate decisioni.

“Sai, alle superiori, se un ragazzo dava alla sua ragazza il proprio Stetson, era piuttosto sicuro che le cose tra loro fossero serie,» disse Zane con un tono morbido e soddisfatto.
I tentativi di flirtare di Zane erano un’inesauribile fonte di divertimento. E maledizione, stavano cominciando a funzionare. «Stai dicendo che sarei una perfetta ragazza texana?»
«Sto dicendo che stai maledettamente bene con il mio cappello,» ringhiò Zane.

Annie lo richiamò. «L’hai fatto capire, lo sai? Se ne sono accorti tutti nel bar.»
Zane si bloccò e si voltò per guardarla. «Cosa? Come?»
Sua sorella sorrise e fece un cenno verso Ty. «Gli hai dato il tuo Stetson.»

Inoltre, vedere il rapporto tra Zane e sua madre mi ha fatto apprezzare molto di più la famiglia di Ty, anche se continuo a non vedere di buon occhio suo padre ed il suo carattere scostante e distaccato nei confronti del figlio. Il padre di Zane invece mi è piaciuto molto, quasi quanto Chester. Anche se… Chester è Chester, è impossibile eguagliarlo.

5

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “D’amore & D’accordo” – Abigail Rous

Titolo: D’amore & D’accordo
Autore: Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #5
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: Attualmente non disponibile in italiano
Link all’acquisto: Attualmente non disponibile in italiano

SINOSSI

Abbandonato a Baltimora dal suo imprevedibile partner, l’agente speciale Zane Garrett non trova di meglio che sfogare la rabbia su qualunque cosa incontri sul proprio cammino – finché non gli viene ordinato di recarsi a Chicago per assistere un collega durante un’operazione sotto copertura. L’ultima cosa che si aspetta è di trovarvi proprio il partner fuggitivo, l’agente speciale Ty Grady. La missione per cui sono stati inviati, ossia recuperare un informatore ed ex-agente della CIA di nome Julian Cross, si prospetta improvvisamente più difficile.
Ex-marine e uomo chiave del Bureau, Ty ha un debole per i tiri mancini – tratto su cui Zane può ampiamente testimoniare. Reduce da un passato tormentato, Zane viveva solo per il lavoro, ma finalmente sta iniziando a comprendere che i lutti di un tempo non devono necessariamente gettare ombra sul futuro. I due uomini sono compagni di squadra, amici, amanti, nonché la scelta perfetta per quel genere di lavoretti insoliti. Ora, con al seguito Cross e quell’ingenuo del suo ragazzo, Cameron Jacobs, dovranno affrontare gli ostacoli di un viaggio attraverso il paese – incluse imbarazzanti perquisizioni aeroportuali, tempeste di neve, prigionieri assai poco collaborativi, squadroni di killer della CIA, carenza estrema di sonno e caffeina… e loro stessi. Ty e Zane sono determinati a scortare Cross fino a Washington, ma cominciano a dubitare di poterne uscire vivi.

Evelyne2

Per un secondo, Ty tacque. “Mi manchi,” disse. Sembrava distrutto, il che non aiutò Zane a sentirsi meglio. “Ma dovevo sparire. Stavolta non mi ha dato scelta.” […]
“Non è certo quello che ti aspetti di trovare al risveglio di quello che in teoria sarebbe il primo giorno della tua nuova vita!”
“Aspetta, che stai dicendo?”
Zane gemette, si girò su un fianco e si lasciò cadere sul materasso. Affondò la testa sotto un cuscino, ma continuò a parlare. Le parole uscirono smorzate e innaturali. “Beaumont. Tyler. Grady.”
“Aspetta aspetta aspetta, cosa sono ’sti insulti? Che diamine dici, Garrett?”
“Ti ho detto che ti amavo, e il giorno dopo tu sei sparito.”

Dopo essere stato lasciato in sospeso da un Ty spaventato, Zane si trova a Baltimora pieno di dubbi. Quando però gli viene ordinato di raggiungere un collega a Chicago, non si aspetta certo di incontrare il suo partner.
Costretti ad avere a che fare con Julian, ex agente della CIA e Cameron, il suo fidanzato, gli agenti dell’FBI dovranno affrontare numerosi imprevisti. Primo tra tutti, il loro temperamento impulsivo, specialmente di Ty, e dell’impatto che questo avrà sulle indagini. Lui e Julian non riescono in alcun modo ad andare d’accordo… che sia perché forse sono più simili di quanto si possa pensare?

“Perché una bussola?” chiese Ty. Continuava a fissarlo. Lui sorrise e passò il pollice sul ciondolo.
“Perché mi hai guidato quando ero perso. Mi hai mostrato la strada.” Sollevò lo sguardo per incontrare i suoi occhi. “Sei la mia bussola personale.”

Con queste poche parole, Zane ci mostra quanto sia cambiato il suo atteggiamento nei confronti della sua relazione con Ty. Inizialmente insicuro e spaventato, Zane prende in mano le sue insicurezze e grazie all’aiuto del suo compagno, le affronta a testa alta.
Sono finalmente una coppia. Si sono confessati i loro sentimenti ed ora, anche se devono fare molta attenzione, possono finalmente essere sinceri con loro stessi ed accettare ciò che li lega.
La comparsa di Nick, Julian, Cameron e Deuce rende ancor più movimentata e adrenalinica questa lettura. Se da una parte vediamo i nostri protagonisti completarsi e creare una nuova affinità tra loro, dall’altra vediamo quanto siano diversi sul campo. Il carattere di Julian, così simile e diverso allo stesso tempo rispetto a quello di Ty, mi hanno fatta sorridere più di una volta.
Non mi aspettavo di ritrovare Julian e Cameron in questo volume e devo ammettere di averli apprezzati molto di più rispetto al libro che è stato dedicato loro. Può sembrare strano, ma conosciamo molto di più su Julian in questo momento, in cui lui non è neanche il protagonista, che nello stand alone “La croce del guerriero” (qui la nostra recensione).
È una storia appassionante, romantica e divertente.

4.5

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Luci & Ombre” – Madeleine Urban & Abigail Roux

Titolo: Luci & Ombre
Autore: Madeleine Urban & Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #4
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: Attualmente non disponibile in italiano
Link all’acquisto: Attualmente non disponibile in italiano

SINOSSI

La città di Baltimora, nel Maryland, è in pieno subbuglio. Un’escalation di violenza ha suscitato polemiche e proteste fra i cittadini, e a farne le spese in termini di popolarità sono le forze dell’ordine, compresa l’FBI. Da qui le ultime trovate del Bureau per migliorare la propria immagine pubblica: un torneo di softball cittadino e una serie di conferenze rivolte ai commercianti e alle scuole. Peccato che per gli agenti speciali Ty Grady e Zane Garrett i nuovi impegni si traducano in meno ore libere da trascorrere insieme – ore che avrebbero volentieri passato ad approfondire la loro relazione.
Finché non esplode – letteralmente – una nuova ondata di crimine, che mette a dura prova non solo la popolazione e l’FBI, ma anche il rapporto incerto e altalenante che unisce Ty e Zane. I due uomini si ritrovano nei guai fino al collo, costretti a brancolare nel buio in cerca dei bombaroli e dei rapinatori, e con un solo modo per raggiungere vivi la luce in fondo al tunnel: chiudere gli occhi e fidarsi l’uno dell’altro.

Evelyne2

Questo quarto volume della serie è sicuramente uno dei miei preferiti. Malgrado in questo momento della storia di Ty e Zane non siano molto importanti le indagini, il legame che hanno instaurato finora diviene il centro di tutto. Conosciamo in parte le loro personalità. Questi personaggi hanno sempre in serbo per noi delle sorprese e non ci resta che goderne a pieno.

“La prima volta che ti ho guardato, dopo che avevo messo di odiarti, sapevo,” disse, facendo eco alle sue parole, “sapevo che mi sarei innamorato di te.”
Ty fu scosso dai brividi, diviso fra il confortante tepore delle parole di Zane e il terrore gelido di finire schiacciato come una sottiletta. Non riusciva a prendere abbastanza fiato da parlare.
“Subito ho riso,” continuò Zane, un accenno di supplica nella voce, “poi l’ho negato, e poi ho fatto tutto quello che potevo per dimostrare a me stesso che sbagliavo, ma non ha funzionato.”
“Lo so, Zane,” sussurrò Ty.

La relazione tra Ty e Zane subisce numerosi cambiamenti, a causa dei disordini che nascono a Baltimora, che li costringono a sacrificare parte del tempo che avrebbero potuto trascorrere insieme in conferenze e tornei cittadini. A peggiorare la situazione, una bomba mettere a dura prova l’FBI e il loro rapporto.
Affidarsi l’uno all’altro è l’unica possibilità che hanno per andare avanti e superare un momento difficile, forse uno dei più difficili finora.
La passione ee i sentimenti sono il fulcro di questa storia. L’adrenalina e le indagini, lasciano spazio all’evoluzione del loro rapporto. L’entrata in scena dei commilitoni di Ty, non farà che peggiorare le cose, o migliorarle, a seconda dei punti di vista.

“Zane, tu non sei il dessert. Sei la portata principale,” lo informò l’altro, la voce bassa e biascicata. “E hai circa cinque secondi per scegliere una superficie orizzontale di tuo gradimento, prima che la scelga io per te.”

Molto importante è il personaggio di Nick, migliore amico di Ty.
Vedere Ty vicino ad un altro uomo, mentre Zane non riesce a gestire la sua vita, è un momento davvero molto forte. Sono sempre stati uomini decisi, sicuri di sé. Adesso, per la prima volta, li vediamo sotto un’altra luce. Zane è in difficoltà ed è molto difficile per lui accettarlo. Ty è distrutto, diviso tra il bisogno di confortare Zane ed essere sempre al suo fianco e la necessità di sentirsi ricambiato.
Nonostante si possa considerare un libro a sé, se consideriamo le indagini generali, questo momento nella storia di Ty e Zane mi è piaciuto particolarmente. Per la prima volta vediamo l’indecisione di Zane venire a galla e le reazioni di Ty, così dolorose e sentite, mi hanno fatto stringere il cuore. C’è un momento in cui è impossibile non odiare Nick, ma con una mente più lucida, anche il suo comportamento risulta chiaro.
Come già detto, questo volume mi ha catturata particolarmente, non che gli altri non mi siano piaciuti, ma questo… ha qualcosa in più.

5

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Bulli & Pupe” – Madeleine Urban & Abigail Roux

Titolo: Bulli & Pupe
Autore: Madeleine Urban & Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #3
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: Attualmente non disponibile in italiano
Link all’acquisto: Attualmente non disponibile in italiano

SINOSSI

Gli agenti speciali Ty Grady e Zane Garrett sono finalmente riusciti a trovare un equilibrio fra il loro rapporto lavorativo, basato sull’istinto di proteggersi a vicenda, e quello personale, dove invece è una lancinante passione a farla da padrona. Reintegrati al lavoro sul campo, vengono assegnati a una missione speciale: raccogliere informazioni su un traffico internazionale di contrabbando d’arte sostituendosi a due dei membri − una coppia gay sposata − per una crociera ai Caraibi. Come dice il loro capo, senz’altro preferiranno darsi qualche bacetto che farsi sparare addosso, no?
Calarsi nel ruolo dei due ricchissimi criminali richiede a entrambi un cambio di atteggiamento, nonché una buona dose di pazienza, visto che la missione è basata sull’attesa. Quando le parti che interpretano cominciano a influenzare anche il loro rapporto privato, Ty e Zane capiscono che essere partner non significa soltanto guardarsi le spalle… finché l’indagine non prende una svolta inaspettata e Ty non rischia la vita. I due si ritroveranno quindi a navigare in acque assai tempestose, fra segreti, bugie, e rivelazioni – alcune delle quali decisamente personali.

Evelyne2

“Oh, cazzo,” mormorò Zane prima di appoggiarsi alla sedia, sfregarsi il viso e muoversi, a disagio. Ty lo fissò senza comprendere.
“Vedo che Garrett ha capito,” disse McCoy, l’entusiasmo nella voce a malapena contenuto. Ty scosse la testa confuso.
“Non ve l’ho detto?” fece l’altro, con finta innocenza. Sfogliò la cartella come per verificare l’informazione. “Signori miei, Corbin e Del Porter non sono fratelli. Sono una coppia, sposati a tutti gli effetti.” Appoggiò due anelli d’argento sulla scrivania e fece un cenno del capo. “Su, metteteveli.”

Tra tutti i volumi della serie “Armi & Bagagli”, questo è sicuramente uno dei pochi in cui il lato poliziesco è equilibrato con quello sentimentale. Sicuramente, ciò è dovuto al loro compito. È in questo momento che conosciamo Ty e Zane anche attraverso il loro lavoro. Non è poi così difficile interpretare dei ruoli che se analizzati con calma corrispondono molto bene alle loro personalità.
Con un inizio lento e misurato, Madeleine Urban e Abigail Roux ci danno modo di prepararci ad un Ty del tutto nuovo. Dal momento in cui la loro “vacanza” ha inizio, i colpi di scena rendono la narrazione più movimentata e adrenalinica, come sempre.
In questo terzo volume della serie, a Ty e Zane viene affidato il compito di interpretare una coppia di ricettatori. Costretti su una nave da crociera, i due devono fingersi una coppia gay e portare a termine il lavoro, senza che nessuno sospetti delle loro vere identità.
Come già appurato nel secondo volume, i nostri protagonisti non hanno alcuna idea del vero significato della parola vacanza. Da un semplice compito, tutto diviene complesso e persino loro non sono più certi di quale fosse la vera identità dei due ricettatori che stanno interpretando.
Se non fosse per il finale leggermente affrettato, avrei apprezzato molto di più questa lettura. Come già affermato, il lato poliziesco e sentimentale sono quasi un’unica cosa, ma dobbiamo fare molta attenzione riguardo un aspetto. Malgrado sia molto presente, l’adrenalina, che ha sempre caratterizzato questa storia, in questo caso specifico è molto più dosata. Ty e Zane vivono insieme un’indagine, rendendo così la narrazione più lineare.

Corbin Porter era uno stronzo arrogante e possessivo, un bastardo senza scrupoli che credeva di avere il mondo ai suoi piedi. L’aveva studiato per una ventina di minuti, ma ci aveva messo pochi secondi a capire quel dettaglio. Quello che lo preoccupava era la facilità con cui quella vena egoista e possessiva di Corbin nei confronti di Del trovava terreno fertile nel desiderio di Zane stesso, straziante e inconfessabile, di tenere Ty tutto per sé… e come avrebbe reagito alla cosa il suo indipendente e testardissimo partner.

I loro sentimenti diventano i protagonisti e la consapevolezza che qualcosa tra loro è cambiata non li lascerà mai andare. In ogni volume della serie vediamo Ty e Zane fare grandi passi avanti, uno più importante dell’altro. Pian piano iniziano ad avere un’idea più chiara delle loro personalità e del sentimento che li lega.

4

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Forza & Coraggio” – Madeleine Urban & Abigail Roux

Titolo: Forza & Coraggio
Autore: Madeleine Urban & Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #2
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: Attualmente non disponibile in italiano
Link all’acquisto: Attualmente non disponibile in italiano

SINOSSI

Sei mesi dopo aver rischiato di finire assassinati da un serial killer a New York, gli agenti speciali dell’FBI Ty Grady e Zane Garrett sono alle prese con una cosa altrettanto spaventosa: la noia del lavoro d’ufficio. Quando, per la sanità mentale loro e di chi li circonda, il capo li invita a prendersi una vacanza, Ty stringe i denti e decide di portare Zane con sé nel West Virginia, nella speranza che la quiete e il silenzio delle montagne diano loro l’occasione di esplorare l’attrazione esplosiva che finora è apparsa inconciliabile con il lavoro di coppia al Bureau.
Insieme al padre e al fratello di Ty, i due agenti si avventurano sugli Appalachi per una bella gita nel profondo dei boschi, dove la pace regna sovrana… e nessuno potrà sentirli gridare. Perché ovviamente la situazione precipita, e il gruppo si ritrova ad affrontare pericoli di ogni tipo: tempo imprevedibile, montagne selvagge, bestie feroci, escursionisti disperati… nonché la sfida più grande: loro stessi.

Evelyne2

In questo secondo volume della serie “Armi & Bagagli” vediamo Ty e Zane alle prese con la loro prima vacanza insieme. Per distanziarsi dal lavoro d’ufficio e rilassarsi insieme in tranquillità, si recano in West Virginia, dalla famiglia di Ty. Considerata l’occasione irripetibile, vorrebbero esplorare l’attrazione tra loro senza doversi preoccupare del Bureau.
Contrariamente a quanto avevano immaginato, una piccola avventura per i boschi si rivela essere molto di più. Niente va come dovrebbe con Ty e Zane e questa è solo una delle tante dimostrazioni.
È in questo momento che conosciamo un nuovo Ty, insieme alla sua famiglia. Questa lettura è sicuramente molto importante per iniziare a conoscere il suo personaggio e avere la possibilità di farsi un’idea. Anche se servirà molto più tempo per avere chiara una figura come quella di Ty. Insieme a lui, anche Zane mostrerà per la prima volta aspetti di sé ancora celati.

Si era reso conto che la cosa di cui aveva paura non erano tanto i luoghi bui, o cadere, o essere sepolto vivo. Le sue paure più grandi, in fin dei conti, erano deludere le persone che amava e pronunciare le parole ‘ti amo’ senza speranza di riceverle in cambio.

Deacon, il fratello di Ty, è un personaggio che ho amato sin da subito. Ricopre un ruolo molto importante e la sua forte influenza porterà Ty e Zane a prendere coscienza di molte cose. Il padre di Ty invece, non sono ancora riuscita ad inquadrarlo bene. Il suo comportamento un po’ mi ha fatta pensare, in particolare il suo modo di approcciarsi a Ty.
A differenza degli altri volumi della serie, in cui la parte investigativa è strettamente legata al loro lavoro, in questo caso assume una sfumatura totalmente differente. Vediamo Ty e Zane alle prese con loro stessi ed il loro rapporto. Quando però il mistero inizia ad infittirsi e poi a svelarsi, la narrazione prende un ritmo più serrato e adrenalinico.

Ty alzò lo sguardo obbediente. La sua mano tremò in quella del suo partner. Era stato addestrato ad affrontare qualsiasi tipo di pericolo, ma evidentemente niente poteva nulla contro la certezza assoluta di essere sul punto di diventare la cena di qualcuno.

Ty e Zane attraversano un viaggio metaforico quanto letterale, che metterà in evidenza le loro diversità e ciò che li lega. Chi più chi meno, ancora non sono del tutto coscienti di cosa potrebbe riservargli il futuro. Vedremo nel prossimo volume quanto la loro visione cambierà.

4.5

Pubblicato in: dreamspinnerpress, Recensioni

Recensione “Armi & Bagagli” – Madeleine Urban & Abigail Roux

Titolo: Armi & Bagagli
Autore: Madeleine Urban & Abigail Roux
Serie: Armi & Bagagli #1
Genere: Poliziesco, Contemporaneo, Suspence
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: Attualmente non disponibile in italiano
Link all’acquisto: Attualmente non disponibile in italiano

SINOSSI

Una serie di omicidi affligge la città di New York. L’FBI e la polizia brancolano nel buio: si sospetta che il killer sia uno solo, ma gli indizi sono talmente scarsi e indecifrabili da non fornire alcuna pista. Quando a rimetterci le penne sono due agenti del Bureau, però, il caso diventa di importanza vitale per l’FBI.
L’agente speciale Ty Grady è reduce da un incarico sotto copertura finito molto male. È arrogante e litigioso, ma è anche il migliore in quello che fa. Quando però lo mettono in coppia con l’agente speciale Zane Garrett, è odio a prima vista. Garrett è l’agente modello: serio, sobrio e devoto − il che rende la loro collaborazione la classica accoppiata ‘sbirro buono-sbirro cattivo’, gli opposti complementari. Entrambi gli agenti capiscono, da subito, che la vera difficoltà del caso non sarà l’assenza di indizi, quanto il dover lavorare insieme.
Appena arrivati sul posto, però, l’assassino colpisce ancora − e questa volta il mirino è puntato su di loro. Costretti a fuggire e a nascondersi, e al tempo stesso decisi a scovare l’uomo che li ha presi di mira, Grady e Garrett devono trovare il modo di lavorare insieme − e alla svelta, se non vogliono diventare altre due tacche sul coltello dell’assassino.

Evelyne2

Ho iniziato questa serie su insistenza dell’admin del blog. Avevo sentito parlare di Ty e Zane e di quanto fossero amati da tutti, ma la lunghezza della serie ed il fatto che vi siamo sempre gli stessi protagonisti mi ha sempre fatto desistere. Dopo l’uscita dell’ultimo volume mi sono decisa ad iniziare e da quel momento non sono più uscita dal tunnel.
Quando a New York si verificano una serie di omicidi, tra cui due agenti federali, l’FBI è interessata a risolvere il caso “personalmente”.
Tyler Grady è un agente speciale, è arrogante, indisponente e impulsivo, ma eccellente nel suo lavoro.
Zane Garrett, d’altro canto, è il perfetto agente federale: vestito di tutto punto, preciso e razionale. Tra loro è odio a prima vista. Le loro personalità si scontrano, le immagini del poliziotto buono e cattivo vengono loro attribuite sin dall’inizio. Sono coscienti delle difficoltà che incontreranno per portare a termine il lavoro, ma l’assassino colpisce ancora, senza dar loro tempo di abituarsi a questa nuova sistemazione.

Zane rimase immobile per un attimo, la bocca socchiusa. Ty Grady era un maleducato, insopportabile, egocentrico e puzzolente figlio puttana, e Zane doveva trovare il modo di ignorarlo. Altrimenti sarebbe esploso e avrebbe ammazzato quel bastardo per il bene dell’umanità.

La prima parte del romanzo è coinvolgente, vediamo i due agenti lavorare alle indagini e al loro rapporto. Le autrici sono riuscite a dare una buona caratterizzazione sia ai personaggi che al caso. Non sono affatto due personalità facili, anzi.
La lettura è un susseguirsi di battute e provocazioni.
Nella seconda parte il racconto cambia e soprattutto cambiano i due protagonisti. Vediamo una trasformazione in loro dovuta agli avvenimenti e scopriamo molte cose sul loro passato (anche se è solo una piccolissima parte rispetto a quanto ancora dobbiamo scoprire). I loro ruoli si invertono, fino a mostrare un Ty ligio alle regole, curato e riflessivo, ancora toccato dalla morte di un suo caro amico. Zane torna alla sua vita sotto copertura, motociclista in giacca di pelle, sobrio dopo tanto tempo e ancora in lutto per la morte di sua moglie.

“Di cosa hai paura?” chiese, dopo quasi un minuto di silenzio.
Zane tacque, lottando con le parole. “Di non esserci,” mormorò infine.
Ty voltò leggermente la testa per guardarsi alle spalle. “Non esserci dove?” chiese, confuso.
Zane aveva l’aria tormentata. “Non c’ero quando Becky è rimasta uccisa. Non c’ero quando il mio primo partner si è bevuto il cervello ed è tornato a casa ubriaco. E li ho persi entrambi.” […] Zane chiuse gli occhi e si strinse appena nelle spalle. “Se fossi stato lì, forse avrei potuto fare qualcosa. Ma non c’ero, e li ho persi.”
“Se fossi stato lì,” disse piano Ty, “io avrei perso te.”

Questo loro cambiamento mi ha coinvolta e sbalordita, non me lo aspettavo.
A confronto con i restanti volumi della serie, questo mi è sembrato molto più concentrato sulla parte poliziesca, forse perché i due protagonisti ancora non si conoscono abbastanza. Il cambiamento nelle loro personalità, i loro spostamenti e poi il ritorno alle indagini mi ha disorientata in un primo momento.
Mi ha incuriosita moltissimo l’ultima parte delle indagini, dal momento in cui iniziamo a vedere la tela invisibile tessuta dall’assassino e comprendere i collegamenti tra i vari omicidi.
Non mi sento di dare di più a questo primo volume, ma sicuramente è una serie che merita tantissimo. Lo stile ed il lato poliziesco della storia sono eccellenti.

4