Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Compromessi” – Brigham Vaughn

51O6zxm71mL

Titolo: Compromessi
Autore: Brigham Vaughn
Serie: Equals #1
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,00€
Link all’acquisto: Compromessi

SINOSSI

Russell Bishop vuole fare carriera e la sua scelta di non uscire con nessuno, per dedicarsi totalmente al lavoro, viene finalmente ripagata quando ottiene un buon impiego alla Vantage Marketing.
Stephen Parker, responsabile finanziario di quella società si è rassegnato a vivere una vita da single.
Per sei mesi si erano osservati desiderandosi, ma solo quando Russ scivola su del caffè versato da Stephen, che subito corre in suo soccorso, scoprono che quell’attrazione è reciproca.
La differenza d’età tra i due però diventa un problema quando iniziano a frequentarsi. Fiero e indipendente, Russ non crede di potersi impegnare in una relazione a lungo termine, mentre Stephen, spaventato dalle sue precedenti relazioni, ha paura che il passato possa ripetersi. Riusciranno a incontrarsi a metà strada, accettando dei compromessi?

Slanif2

Stephen Parker ha passato da un bel pezzo la quarantina e ormai è il responsabile finanziario di una delle più prestigiose società della città in cui abita. Vive in un bell’appartamento, ha una bella macchina, beve un buon whiskey e di sicuro indossa bei vestiti. Ma, nonostante ciò, si sente incredibilmente solo e incompleto. Gli manca l’amore, e tantissimi anni prima pensava di averlo trovato, ma poi la vita ha mandato tutto all’aria. Così, ormai adulto, torna in una casa vuota e annega nella solitudine che con sempre più fatica cerca di riempire.
Russel Bishop è poco più che ventenne, ancora agli inizi della sua carriera, ma con un carattere deciso abbastanza da riuscire a scalare le vette senza troppa fatica.
Si ritrova subito attratto da Stephen, ma è un suo superiore e poi… Come potrebbe un uomo di quell’età interessarsi a un ragazzino come lui?
Complice una chiazza di liquido a terra e un caffè bollente, i due si ritroveranno a parlarsi per la prima volta.
Che sia l’inizio di qualcosa di più?
Di solito non amo i romanzi col Gap Generazionale. Tendo a pensare continuamente a quanto non funzioni, a mio avviso, quando ci sono vent’anni di differenza come in questo caso. Quanto si sia maturi in modo diverso, si abbiano interessi e voglia di fare cose diverse, si sia a punti diametralmente opposti della vita.
Perciò, quando ho preso in mano questo romanzo, non ero sicura che mi sarebbe piaciuto.
Invece, l’ho trovato uno con il Gap Generazionale meglio gestito in assoluto.
Stephen e Russ sono diversissimi, ovviamente. Sia per carattere che per esperienze di vita. Fanno fatica ad adattarsi l’uno all’altro, e spesso Stephen deve far fronte ai “capricci” di Russell. Questo, però, non implica mai che Stephen prevarichi l’altro, anzi. Cerca di scendere a compromessi e di venirgli incontro, così come (anche se con più difficoltà) cerca di fare Russ verso le esigenze di Stephen.
L’ho trovato davvero un romanzo carino, piacevole, ben scritto e che apre le porte a una serie che sembra parecchio interessante.

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Gli omicidi di Monet” – Josh Lanyon

Josh Lanyon (4)

Titolo: Gli omicidi di Monet
Autore: Josh Lanyon
Serie: The Art of Murder #2
Genere: Contemporaneo, Poliziesco, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,34€
Link all’acquisto: Gli omicidi di Monet

SINOSSI

L’ultima cosa che Jason West, giovane e ambizioso agente speciale dell’FBI della squadra Crimini Artistici, vuole – o desidera – è la relazione segreta e traballante che ha con il leggendario ma irascibile Sam Kennedy, capo dell’Unità di Analisi Comportamentale.
E sembra che anche Sam non sia elettrizzato all’idea.
Ma i sentimenti personali devono essere messi da parte quando Sam richiede l’aiuto di Jason per catturare un folle serial killer che ha preso di mira dei facoltosi e distinti collezionisti d’arte. Un assassino il cui biglietto da visita è una serie di grotteschi dipinti che raffigurano i delitti stessi.

Slanif2

Avevamo lasciato Jason West e Sam Kennedy con la promessa di un appuntamento in “Gli omicidi della Sirena” e li ritroviamo otto mesi dopo senza aver avuto quell’appuntamento e una relazione unicamente telefonica in quanto gli impegni di Sam lo portano in giro per il paese e mai – sembrerebbe – a Los Angeles da Jason.
Perciò, quando durante una serata di gala della famiglia West, il giovane Jason viene convocato sulla scena di un efferato crimine, tutto si aspetta tranne che di trovarci il suo.. Ragazzo? Amante? Amico? Compagno di letto? Jason non è sicuro di cosa sia Sam per lui, ma sa che non si aspettava quell’accoglienza fredda e distaccata, nonostante la presenza di tutti gli altri poliziotti e agenti dell’FBI. Sarebbe stato così faticoso fare un sorriso?
Ma Jason scoprirà presto perché Sam Kennedy non gli ha sorriso e quanto può spezzarsi un cuore anche quando ci si illude che non si ha una vera connessione con l’altra persona…
In più, quello che sembrava un semplice caso di frode, si intreccia con l’indagine di omicidio che segue Sam, pertanto i due sono costretti ad avere a che fare l’uno con l’altro.
Riusciranno a risolvere le rispettive indagini mentre tenteranno di sbrogliare quello che hanno nel cuore?
Con queste premesse, prosegue la storia di Jason e Sam, narrata sempre dal punto di vista del giovane West, impedendoci di conoscere a pieno molte cose riguardo Kennedy, che a mio avviso è un vero peccato. Sarei molto curiosa di entrare nella testa di questo enigmatico agente federale, perché secondo me ha un bagaglio parecchio interessante! Ce ne viene dato un accenno in questo volume, ma c’è ancora molto da scoprire, a mio avviso.
Di sicuro, l’indagine è più complessa e articolata della precedente, anche se la sovrabbondanza di personaggi me l’ha resa meno gradevole di quella del serial killer di Kingsfield. Non che non sia ben strutturata o altro, ma ci sono davvero tanti dettagli da ricordare e a volte si fa fatica a collocare chi è chi e che ruolo ha nella storia.
Togliendo ciò, in questa serie pare che la storia d’amore rivesta un ruolo più importante rispetto a quella nella serie “Adrien English”, anche se al momento non ho ancora percepito tra Jason e Sam la profonda struggente chimica che si avverte invece tra Adrien e Jake. Tuttavia, pare che le basi siano state piantate, perciò confido che nel terzo volume ci sia qualche interessante sviluppo. Anche se, conoscendo la Lanyon, è probabile che ci sia qualche tranello in agguato… Non vedo l’ora di scoprire cosa ci riserveranno ancora Sam e Jason!

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Gli omicidi della Sirena” – Josh Lanyon

Josh Lanyon (3)

Titolo: Gli omicidi della Sirena
Autore: Josh Lanyon
Serie: The Art of Murder #1
Genere: Contemporaneo, Poliziesco, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,58€
Link all’acquisto: Gli omicidi della Sirena

SINOSSI

L’agente speciale Jason West, distaccato dalla squadra Crimini artistici, viene mandato ad affiancare temporaneamente – e disgraziatamente – il leggendario Sam Kennedy quando si scopre che il caso più famoso di Kennedy, conclusosi con la cattura e la condanna di un serial killer conosciuto come il Cacciatore, potrebbe essere stato invece un fallimento disastroso.
Il Cacciatore è ancora là fuori… e gli omicidi sono ripresi.

Slanif2

Quando l’agente speciale dell’FBI Jason West viene spedito a Kingsfield, nel Massachusetts, per affiancare – e in realtà controllare – il veterano Sam Kennedy, tutto si aspettava meno che di trovarsi davanti un uomo così profondamente antipatico e un caso così complesso e che richiama quelli del serial killer il Cacciatore di dieci anni prima che l’hanno visto coinvolto in prima persona in quanto era amico di una delle vittime.
Jason, abituato a rintracciare quadri e in generale opere d’arte preziose nella sezione di Crimini Artistici, non è abituato a indagare su un caso di omicidio, e per quanto l’esperienza di Kennedy sia di grande aiuto, Jason non ha intenzione di farsi mettere i piedi in testa e di fare la figura del burattino. Vuole aiutare a risolvere il caso e farà qualsiasi cosa in suo potere per riuscirci.
Lo capiamo pagina dopo pagina, essendo suo il punto di vista da cui viene narrato il libro, e sempre tramite i suoi occhi vediamo Sam Kennedy che avanza come un bulldozer facendo quel che vuole perché – sfortunatamente per tutti quelli che gli sono intorno – pare possedere la fastidiosa abitudine di avere sempre ragione.
Infatti, anche se all’apparenza può sembrare un uomo molto chiuso ed egocentrico, in realtà nasconde delle fragilità che non vedo l’ora di indagare nei prossimi volumi!
Kennedy è stato senza dubbio il mio personaggio preferito, anche se ancora non siamo riusciti a conoscerlo a pieno, al contrario del giovane Jason, di cui apprendiamo molte più cose; ma poco importa. Sam Kennedy è incredibilmente affascinante e so che mi regalerà grandi gioie e probabilmente diverse arrabbiature!
Plauso anche all’indagine, molto ben articolata e avvincente. Certo, ho azzeccato abbastanza presto chi era l’assassino, ma è stato comunque divertente rimanere col dubbio fino all’ultimo, essendo la Lanyon stata bravissima a lasciare indizi qua e là e a far sorgere domande al lettore.
Un ottimo volume primo che spero apra le porte a una serie che potrò amare.

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Un fidanzato per Natale” – R. J. Scott

R J Scott

Titolo: Un fidanzato per Natale
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,49€
Link all’acquisto: Un fidanzato per Natale

SINOSSI

Derek sta per affrontare un altro Natale in cui sente la propria vita fuori controllo. Ha un nuovo lavoro che non sente come suo, e dei genitori che vorrebbero solo vederlo sistemato. Tutto ciò che gli serve è una sorta di cuscinetto temporaneo per le feste a cui deve presenziare, e perché i suoi lo lascino in pace.
Ed entra in scena Luke.
A Luke mancano ventimila dollari per concludere la ristrutturazione dell’Halligans, il bar di famiglia nel New York Financial District. Un favore fatto a un amico lo porta a recitare la parte del fidanzato di un tizio con più soldi che buonsenso.
Ma quando lo spirito del Natale fa la sua magia e i due uomini iniziano a innamorarsi davvero, Derek fugge spaventato e Luke sente di aver bisogno di spazio.
Non importa che ostacoli metti sulla strada dell’amore, né quanto scappi nella direzione opposta; quando meno te l’aspetti, che tu lo voglia o no, l’amore arriva comunque.

Slanif2

Derek Henderson è subentrato alla gestione dell’agenzia pubblicitaria che era del padre e ancor prima del nonno dopo una breve gavetta, ritrovandosi però intrappolato nel ruolo di “Capo” e distante da tutto il resto del personale. Odia quella situazione tanto quanto odia che la madre voglia per forza trovargli un fidanzato. Perciò come sopperire a tutto questo? Circa l’azienda non ne ha idea, ma per il fidanzato è facile: basta inventarsene uno, così sua madre non tenterà di organizzargli qualche appuntamento con i figli di qualche sua amica facoltosa.
Tutto facile, giusto? Sbagliato. Perché quando i signori Henderson decidono di venire in città e di conoscere il fantomatico Marcus – il vigile del fuoco salva gattini che Derek si è inventato – il ragazzo si ritrova con le spalle al muro.
La sua soluzione? Affittare un uomo in un’agenzia di escort e fingere per quattro appuntamenti che quella persona sia Marcus.
Il prescelto a ricoprire il ruolo è Luke Davers, che in realtà non lavora per l’agenzia del suo amico Alan, ma che ha un disperato bisogno di soldi per rimettere a posto il bar che gli ha lasciato in eredità suo padre e che spera diventi il suo nuovo lavoro visto che ha dovuto abbandonare il precedente per un infortunio grave che lo ha reso claudicante.
Quella che è iniziata come una finzione, potrà mai trasformarsi in qualcosa di più?
È così che inizia la storia di Derek e Luke, che si dimostrano: il primo qualcuno abituato a ottenere tutto quello che vuole senza il minimo sforzo e ad arrabbiarsi pure per questo, facendo il melodrammatico e accusando gli altri di non tenere veramente in considerazione le sue idee e i suoi desideri, quando lui per primo non si mette mai in gioco e non dice mai come la pensa, usando un atteggiamento passivo-aggressivo con tutti e scaricando sugli altri le sue frustrazioni. Il secondo avrebbe un background molto bello, ma viene in un certo senso soffocato dal bisogno di Derek di essere una prima donna, risultando quasi rilegato sullo sfondo.
L’idea di base sarebbe stata anche carina, ma il problema secondo me è che ci sono tanti argomenti solo accennati e nessuno approfondito. C’è il “La” per tante cose interessanti, ma nessuna viene scavata a fondo. Il passato di Luke e la storia del padre, il rapporto di Derek coi genitori e con i suoi ex, la storia del lavoro precedente di Luke… Ci sono tanti dettagli che, in un romanzo molto più lungo, sarebbero stati ampliati a sufficienza e avrebbero fatto tutta un’altra figura, per così dire. Qui risultano solo accenni che lasciano l’insofferenza di non saperne maggiormente a riguardo.
Anche il rapporto che si forma tra i due è, per quel che l’ho percepito io, freddo. Mi sono parsi distaccati per tutto il tempo, come se finissero insieme perché a Luke fa pena Derek e Derek vede in carne e ossa tutte le sue fantasie, senza preoccuparsi di come sia Luke e senza rendersi davvero conto che non è Marcus. Non hanno niente in comune, né traspare mai che si piacciano abbastanza da giustificare una relazione romantica, a parte la compatibilità sessuale. Onestamente ho letto coinvolgimenti emotivi molto migliori, da parte di questa autrice.
In sostanza, benché io ami sempre i romanzi a tematica Natalizia, questo non è davvero riuscito a convincermi, apparendomi freddo come la neve che cade dal cielo.

3

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Natale a New York” – R. J. Scott

R J Scott (4)

Titolo: Natale a New York
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: Natale a New York

SINOSSI

È passato molto tempo dall’ultima volta in cui Christian Matthews ha visto Daniel Bailey. Si erano incontrati all’università: Chris era all’ultimo anno e, in veste di assistente alla cattedra di letteratura, dava ripetizioni alla matricola Daniel che a tutto pensava meno che allo studio.
Sette anni dopo, Chris sta cercando di restare a galla dopo che la scuola privata per la quale lavorava gli ha chiesto di abbandonare la sua posizione e l’ha minacciato di far scoppiare uno scandalo. Non ha un lavoro, non ha soldi e deve affidarsi al buon cuore dell’amica Amelia per riuscire a sbarcare il lunario e avere un posto dove dormire. Gli servirebbe un vero e proprio miracolo di Natale perché quell’ultimo anno si rivelasse qualcosa di completamente diverso da un totale fallimento.
Poi arriva Daniel e all’improvviso tutto sembra di nuovo possibile. Chris si rende conto che non solo lo desidera ancora con tutto se stesso, ma questa volta potrebbe addirittura trovare il coraggio di confessargli ciò che prova.

Hikaru2

Chi ama i nerd un po’ sfigati alzi la mano. Ecco, voi (noi) amerete tantissimo Chris.
E come potrebbe essere altrimenti? Ha sempre lavorato sodo, è riuscito a trovare il lavoro dei suoi sogni in una delle scuole private più rinomate di tutto lo Stato ed è partito dal basso, senza nessun aggancio. Ah! E poi è innamorato dal college di Daniel, lo studente più bello a cui abbia mai fatto ripetizioni.
Certo, quest’ultimo non ne è esattamente a conoscenza, ma suvvia! Sono dettagli, questi.
Il destino però sembra non essere stato per nulla buono, con Chris. Si è visto portare via tutto.
Ho detto “sembra” con cognizione di causa (fidatevi, io l’ho letto!) perché all’improvviso Daniel ricompare nella sua vita. Ed è ancora più bello, ancora più sexy, oltre a essere un uomo in divisa. Chi resiste alla divisa? Chris no, decisamente no.
Tutto sembra funzionare, finalmente. Tutto sembra tornare al suo posto; quando il passato di Chris torna a farsi vedere! Ma questa volta c’è Daniel. Sarà un bene o no? E forse quello non è nemmeno l’unica prova che dovranno superare, ma Natale è vicino, e a Natale tutto può succedere.
Chris è un personaggio schivo, non crede che le cose belle possono accadere a lui, ha avuto una brutta batosta e non riesce più a fidarsi. Daniel sa quello che vuole e non ha paura di andare a prenderselo. Formano una bella coppia. Anche se presi singolarmente sono molto differenti, c’è un sentimento serio e forte che li lega. Quello, i cupcake di una meravigliosa Amelia e l’amicizia salda di Alex.
Una storia romantica, ma in cui non mancano i colpi di scena. Perfetta per questo periodo, per tutti quelli che aspettano Natale e per coloro convinti che l’amore sia dietro ogni angolo. Romanticoni e romanticone, lo leggerete in un attimo, ve lo assicuro!

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Il Miracolo di Natale” – R. J. Scott

R J Scott (2)

Titolo: Il Miracolo di Natale
Autore: R. J. Scott
Genere: Contemporaneo, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,49€
Link all’acquisto: Il Miracolo di Natale

SINOSSI

Il Natale è il periodo dell’anno in cui tutti dovrebbero essere più generosi. Cosa fare, quindi, quando tutto ciò che si riceve è indifferenza?

Per Zachary Weston Natale significa dormire su una panchina nel sagrato di una chiesa, sotto alla neve e senza nessuna speranza per il futuro. Cacciato di casa a causa della sua omosessualità, Zach si ritrova senza soldi e senza un posto dove andare. Finché uno sconosciuto non gli dimostra che lo spirito del Natale non è morto.
Ben Hamilton è un novellino appena assunto dalla stazione di polizia del paese in cui è cresciuto. La notte della Vigilia, trova un giovane sconosciuto addormentato su una panchina. Sarà capace di compiere per lui un autentico miracolo di Natale?

Hikaru2

A volte rifugiarsi nei sogni sembra l’unica possibilità per sopravvivere a una realtà troppo brutta, per allontanare il dolore mentale e quello fisico.
E poi la realtà torna prepotente, eppure qualcosa sembra che stia cambiando.
Zach non ci vuole credere. Non vuole credere in Ben, non vuole credere nella sua famiglia perfetta, non vuole credere di potersi fidare.
Se la propria famiglia non l’ha voluto, come può volerlo qualcun altro?
Ma a Natale possono succedere piccoli (ma in realtà a volte neanche tanto piccoli) Miracoli.
La vita può cambiare, e se ci si crede davvero, se ci si impegna, allora davvero tutto può avere un lieto fine, anche se si deve passare per un lutto prima.
La novella, di centodue pagine, si legge velocemente. Non mancano i momenti “caldi” ma anche teneri. La famiglia è il nucleo centrale, e del resto se hai una famiglia che ti ama alle spalle, nulla è impossibile. Poco importa se è la famiglia di sangue o meno. A volte la famiglia è quella che ti apre le porte e ti rimette in piedi quando nemmeno tu ti daresti un centesimo di fiducia.
Un romanzo breve ma molto carino e con un bellissimo messaggio di fondo. Consigliato!

4

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Fixer Uppers: Ristrutturazioni” – Devon McCormack

Devon McCormack

Titolo: Fixer Uppers: Ristrutturazioni
Autore: Devon McCormack
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Fixer Uppers: Ristrutturazioni

SINOSSI

Mikey
Non sono mai stato con un ragazzo prima d’ora. Non che non ne sia mai stato attratto. Solo l’opportunità non si è mai presentata.

Mi trovo davanti alla porta principale, nudo. Scott, il coinquilino di mio fratello, è incazzato per il rumore che ho fatto con la ragazza che ho appena scortato fuori dal loro appartamento, ma io pensavo fossimo soli, e non potevo farci niente se a lei piaceva urlare per farmi sapere che si stava divertendo. Proprio come non posso evitare il fatto che l’enorme erezione che ho in questo momento sia per Scott, non per lei. Non so cosa ci sia nel suo sguardo arrabbiato che mi eccita così tanto, ma vorrei solo tirargli i riccioli marroni e sentirlo gridare il mio nome mentre gli faccio fare un giro.
Scott non vuole avere niente a che fare con me. Almeno, era quello che pensavo, ma capisco quanto mi sia sbagliato la notte in cui finiamo per strapparci i vestiti a vicenda e precipitiamo in camera da letto. Mi cambia la vita… e beh, anche me. Passiamo i giorni successivi a fare sesso prima che io torni in California. Quella avrebbe dovuto essere la fine. Ma dopo che mia sorella fa un cattivo investimento comprando una casa fatiscente vicino all’appartamento di mio fratello ad Atlanta, colgo l’opportunità di darle una mano a ristrutturarla. Non voglio che lei debba trasferirsi dai nostri genitori, che ho evitato da quando sono partito per il college.
Anche Scott si offre come volontario per lavorare al progetto, il che ci dà tutto il tempo per divertirci un po’ insieme. Si suppone che dovremmo solo ristrutturare la casa, ma più tempo trascorro con lui, più mi rendo conto che non è l’unica ristrutturazione a cui Scott sta lavorando. Sta cambiando anche me, facendomi diventare migliore. E anche se tornerò a casa quando il lavoro sarà terminato, non voglio che finisca. Perché mi sto innamorando di Scott… così tanto.

Ristrutturazioni è un sensuale romanzo d’amore, senza tradimenti, no cliffhanger, e un adorabile “e vissero per sempre felici e contenti”.

Lady Marmelade2

È il primo libro in assoluto che leggo di Devon McCormack; una lettura ad alto tasso erotico, con una discreta parte drammatica, che però fa fatica a emergere, rimanendo sullo sfondo.
C’erano tutte le premesse per un romanzo corposo e intenso, non disdegno la parte erotica in un libro, ma davvero in questo caso ha preso il sopravvento su tutto. Ed è stato davvero un peccato.
Non fraintendetemi, il libro è ben scritto, è scorrevole, ma mi sono ritrovata spesso e volentieri a saltare le scene di sesso perché molto ripetitive… probabilmente stavolta ho sbagliato lettura.
Il libro mi è piaciuto, Mikey tolta la maschera di gran seduttore ha un bello scheletro nell’armadio, che l’ha reso allergico a qualsiasi rapporto di coppia che vada oltre al sesso.
Mikey ammette senza problemi di essere sempre stato attratto sia dagli uomini che dalle donne, quindi non aspettatevi una sotto trama con il fatidico dilemma di accettarsi all’improvviso attratti da un altro uomo e nemmeno un ambiente omofobo. Mikey ha un appetito sessuale davvero immenso e sembra venuto il momento di dare sfogo al suo interese verso il suo stesso sesso con Scott, il timido e riservato coinquilino di suo fratello:

“Sono io contro il mondo. È sempre stato così. Ma Scott è amichevole e gentile, e ovviamente comprensivo. Ed è un tale sollievo sentire che qualcuno è dalla mia parte in tutto questo…  mi tengo tutto dentro, e c’è tutta questa pressione… che aumenta fino a quando non esplodo. Ma anche dopo, non mi sento libero da ciò che l’ha causata. E mia madre, quello che ha fatto… Il tradimento. Il dolore… Ѐ semplicemente troppo.”

Scott è un ragazzo dolce e riservato, che non approva lo stile di vita così disinibito di Mikey, in genere non va a letto con il primo che passa; non è proprio il tipo da botta e via! Eppure Mikey lo attira come una luce attira una falena, da quando se l’è ritrovato a gironzolare nudo in cucina non riesce a togliersi quel suo fisico statuario dalla testa.
Mikey è uno sciupafemmine, un bellissimo uomo nel fiore degli anni, che sa di piacere, ma non è uno stronzo egoista che approfitta della sua fisicità, e Scott se ne accorge quasi da subito, cedendo alle sue lusinge e mandando a quel paese tutti i suoi buoni propositi; il ragazzo continua a ripetersi che per una volta vuole godersi il momento, poi quando Mikey se ne sarà ritornato a casa, avrà tutto il tempo di piangersi addosso e commiserarsi. Al momento Scott vuole solo godere della attenzioni che Mikey ha tutta intenzione di rivolgergli:

“Dentro il suo corpo fatto di muscoli, c’è una forza che non ha nulla a che vedere con essi. Mi fa ripensare al suo tatuaggio:La forza è dentro di te. Ma c’è anche vulnerabilità. Forse è per questo che lavora così duramente per avere quel fisico; è un guscio che serve a proteggerlo dal resto. Qualunque sia la ragione, tutto quello che so è che più lo conosco, più mi rendo conto che quello che ha dentro è bello almeno quanto il suo incredibile corpo, e comincio a sospettare che più lo conoscerò, più bellezza scoprirò dentro di lui.”

È la prima volta che Scott decide di farsi guidare dal corpo invece che dalla mente, e la prima per Mikey di frequentare solo una persona alla volta. Mikey ha un assaggio di quello che potrebbe essere sempre stato se non fosse stato traumatizzato dal suo passato famigliare. Anche Scott ha qualche problema in famiglia, ma non al livello di Mikey: è amato dal padre e dai fratelli ma nessuno di loro lo conosce davvero.
I due hanno davvero tanto in comune, più di quello che avevano immaginato una volta finiti a letto insieme. Per Mikey è davvero una sorpresa non essersi ancora stufato della chimica che lo lega a Scott e davvero non sa come affrontare il suo imminente ritorno a casa:

“Mi sembra che il tempo ci venga strappato via. Ne abbiamo avuto abbastanza da lasciarmi con il desiderio di averne di più – da farmi pensare che potrebbe esserci qualcosa di speciale tra noi…so cosa vuol dire essere traditi. So com’è quando l’amore, di cui pensavo di essere avvolto, mi viene improvvisamente portato via.”

Se davvero la parte drammatica fosse stata più predominante avrei dato il massimo di valutazione a questo romanzo, ma del resto l’autore non sono io e lui ha tutto il diritto di scrivere quello che vuole e far fare a i suoi personaggi quello che crede più opportuno.
Un buon libro ma che per me non va oltre il tre e mezzo.

3.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autore

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Xposure” – Teodora Kostova

Teodora Kostova

Titolo: Xposure
Autore: Teodora Kostova
Genere: Contemporaneo, Threesome
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: 
Xposure

SINOSSI

Può una notte di passione diventare qualcosa di cui non immaginava nemmeno avesse bisogno?
Il produttore musicale Gavin Ford è abituato a vivere la propria vita al massimo. Non ha tempo per riposarsi, divertirsi e una relazione. Fino al momento in cui collassa nel suo ufficio e il medico gli ordina di andare in vacanza e prendersela comoda.
Dopo aver avuto il tempo di rivalutare le sue priorità, Gavin torna a Londra pronto ad apportare alcuni cambiamenti al suo stile di vita.
Quando gli capita l’occasione di aiutare un amico – e divertirsi un po’ – Gavin decide di approfittarne, anche se significa passare la notte con due magnifici ballerini: Tristan e Maxim.
Quella che sembrava una notte di divertimento, diventa qualcosa di più…
Gavin sarà pronto a dare un’opportunità a quella relazione?

Evelyne2

Quest’anno Teodora Kostova ci ha deliziati con una sorpresa natalizia. Gli amanti del romance mm sicuramente avranno già sentito parlare di lei. Autrice di numerosi romanzi, stavolta ha fatto tradurre per noi un suo racconto, “Xposure”.
Gav, Tristan e Maxim sono i protagonisti di questa storia. Gav è la voce narrante e senza dubbio il personaggio che conosciamo di più. Tristan e Maxim sono due ballerini molto flessibili e sensuali, che faranno di tutto per coinvolgere l’uomo in un loro “lavoro”.

«Quei due,» indicò Tristan e Maxim, che erano insieme sul lato opposto della stanza a parlare a bassa voce. «Vogliono scoparti.»

In poche pagine, l’autrice ci presenta scene sensuali, molto sexy, con protagonista un trio niente affatto male. La flessibilità di Maxim e la sensualità di Tristan attrarranno Gav, senza che quest’ultimo possa fare nulla per riuscire a resistere. Il modo in cui sembra attratto da Tristan dalla prima pagina permette subito al lettore di iniziare ad immaginare quale sarà il finale di questa storia. Cosa vuole Tristan? Perché sembra rivolgere sempre lo sguardo verso Gav? E, soprattutto, l’inserimento di Maxim a cosa è dovuto?
Un semplice racconto che non vi deluderà. Durante la lettura un personaggio vi sembrerà di troppo ed un altro fin troppo coinvolto, ma non vi preoccupate. Con una semplicità strabiliante Teodora Kostova vi presenterà dei personaggi interessanti, su cui spero si concentrerà di nuovo in futuro. Sono molto curiosa di scoprire come diventerebbe il loro rapporto secondo il gusto dell’autrice.
Potete leggere gratuitamente questo racconto grazie all’iscrizione alla sua newsletter. Cosa aspettate?

4

Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, self publishing

Recensione in anteprima “Te Quiero” – Suki Fleet

TeQuiero-f

Titolo: Te Quiero
Autore: Suki Fleet
Serie: Falling for you #1
Genere: Contemporaneo, Scolastico, Festività
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 1,99€
Link all’acquisto: Te Quiero

SINOSSI

Quando Ally scopre una decina di sue foto nude pubblicate online ne è devastato e fa di tutto per risolvere la situazione, nella speranza che non peggiori. C’è un problema però: il suo portatile si è rotto e Levi Francis – un ragazzo a cui Ally sa bene di non piacere – lo ha visto comportarsi in maniera sospetta attorno ai computer del laboratorio della Facoltà di Fisica. Per Ally, quella giornata, non può di certo andar peggio.
Ma dopo che Levi, per sbaglio, lascia cadere una lettera d’amore scritta in lingua spagnola, Ally decide di restituirgliela e scopre così che le sue convinzioni sul ragazzo sono completamente all’opposto. Tradito e umiliato dal suo ex, Ally sa che non c’è momento peggiore per aver fede in qualcuno, eppure ma qualcosa nel timido ma scintillante Levi gli è entrato sotto pelle.
Per salvare Micky, Danny deve rischiare di allargare il suo mondo e affrontare qualcosa che lo spaventa più di qualunque squalo: credere di poter essere accettato per chi è davvero. Questo, ovviamente, se lui e Micky non verranno prima separati da un inverno gelido passato per strada, da un dottore sadico e da quattromila chilometri di distanza.

Evelyne2

L’autrice ci racconta la storia di Alejandro e Levi, due studenti incontratisi anni prima, ma che non sono mai riusciti a legare. Distratto dalla sua relazione con Rob, Ally non si rende conto di quanto Levi sia infatuato di lui. Almeno fino a quando quest’ultimo non lo incontra nel laboratorio di fisica mentre lavora su delle foto di nudo, per poi fuggire e lasciare dietro di sé una lettera.
Mi è piaciuta molto l’impostazione della storia. L’idea della lettera è davvero carina ed i personaggi sono ben caratterizzati.
Nonostante sia un racconto breve, vediamo numerosi dettagli e informazioni. Alcuni di questi vengono descritti e affrontati, altri, invece, sono a volte superati un po’ troppo velocemente. Mi è dispiaciuto vedere tanto potenziale racchiuso in meno pagine di quelle che sarebbero servite per presentarlo al meglio. Mi intriga molto la relazione tra Alejandro e Levi, che inizia nel modo giusto, per poi però capovolgersi e diventare a mio avviso frettolosa.
Tra i due ho sicuramente preferito Levi, con l’immagine da bravo ragazzo e i suoi capelli argentati.
Quei pochi personaggi secondari sono inseriti bene, specialmente Lucy, amica e collega di Ally.
Il rapporto tra quest’ultimo e Rob è particolare, sappiamo ben poco di loro e non vediamo un vero e proprio confronto. Ho apprezzato però l’inserimento del suo personaggio e delle conseguenze che la situazione comporta, soprattutto nella vita di Ally.
Nel complesso mi è piaciuto lo stile dell’autrice, come già accaduto nella sua opera “Volpe“, letta in precedenza.
È una novella carina e leggera, che non entra molto nel dettaglio, ma pur sempre apprezzabile.

3.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Non è ancora finita?” – L. A. Witt

L A Witt

Titolo: Non è ancora finita?
Autore: L. A. Witt
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,53€
Link all’acquisto: Non è ancora finita?

SINOSSI

Rhys Powell e Derek Scott stanno divorziando. Hanno commesso errori, hanno superato limiti, e non si può più tornare indietro. Entrambi sono esausti e pronti ad andare avanti con le loro vite.
Ma la loro figlia sta per sposarsi. Per non rovinarle il matrimonio, Derek e Rhys decidono di tenere nascosto il divorzio e fingere di essere ancora la coppia felice che tutti si immaginano.
E fra un intenso viaggio in auto e l’amore e la gioia del matrimonio… Derek e Rhys potrebbero ricordare perché si erano innamorati l’uno dell’altro.
Si stanno solo illudendo? O riaccendere quella scintilla potrebbe davvero illuminare la via verso il perdono?

Francesca2

Non è ancora finita?” è l’ennesimo lavoro riuscito di L. A. Witt.
Una storia semplice ma di grande impatto emozionale che vede protagonisti due uomini che hanno vissuto insieme per più di dieci anni e che ora sono arrivati ad un punto di non ritorno.
Rhys e Derek sono una coppia da diversi anni. Sposati e con una figlia, Vanessa, stanno però affrontando un momento critico del loro matrimonio. A causa di un errore forse imperdonabile, la loro relazione sembra essere arrivata al capolinea. Non sopportano più l’uno la presenza dell’altro, si evitano e fanno fatica anche a parlare. Il divorzio a questo punto pare l’unica soluzione per mettere fine ad una situazione diventata insostenibile.
Rhys e Derek però non hanno fatto i conti col destino e un viaggio in macchina, unito all’amore per la propria figlia, farà da catalizzatore e smuoverà finalmente le acque. Ma gli errori del passato rimangono, e la fiducia va ricostruita. Ci riusciranno?
Bello questo ultimo lavoro della Witt. Una storia intensa, che parla di amore, fiducia e seconde possibilità. Una storia che si avvicina alla realtà che in molti vivono e che quindi coinvolge il lettore e lo appassiona dall’inizio alla fine.
I due protagonisti sono ben caratterizzati anche grazie alle voci narranti di entrambi. Verosimile la storia, appassionate le scene d’amore. Un romanzo ben scritto che ci farà piangere, emozionare e soprattutto, ci porterà a tifare per questa coppia di uomini che hanno ancora molto da dare a loro stessi.

4.5


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice