Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Hindsight” – Enys LZ

Titolo: Hindsight
Autore: Enys LZ
Genere: Urban Fantasy
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: 
Hindsight

SINOSSI

Sean è una macchina della verità: capisce se qualcuno mente guardandolo negli occhi. Quando Raphael arriva al Rifugio senza alcun ricordo oltre al suo nome, è Sean a dover decidere se accoglierlo e dargli fiducia.
Sean, però, non è infallibile. Ha già commesso un grave errore ed è tormentato dai sensi di colpa. Raphael sembra sincero, ma cosa si nasconde nel suo passato? Perché i suoi incubi lo perseguitano con visioni di fuoco e morte?
Sean sa di dovergli stare lontano… ma non ha fatto i conti con i sentimenti di entrambi e con il ritorno di una spietata nemica.

Tfpeel2

Dopo “Villerouge” di cui attendiamo tutti il seguito, Enys ci porta a conoscere un nuovo nutrito gruppo di persone, coloro che fanno parte di uno dei tanti Rifugi. Un posto dove vengono accolti e dove vivono persone straordinarie, con poteri speciali di qualsiasi genere. Guidato da cinque consiglieri, il Rifugio che andiamo a conoscere molto bene è il posto dove vive Sean, un giovane uomo che dopo un errore di valutazione ha visto i suoi concittadini cambiare atteggiamento nei suoi confronti, da stima e rispetto ad odio e fastidio. Sean nel passato si è fidato di qualcuno che non era chi diceva di essere, qualcuno che lui ha amato moltissimo e che non ha saputo riconoscere come un nemico da cui stare in guardia, quando ha scoperto la verità era troppo tardi e alcuni abitanti sono stati uccisi.
Sean da molti anni è stato adottato da Karen e Stephen, una coppia amata e stimata, con il potere di trasformarsi in lupi che sempre più spesso sono in giro per il mondo per trovare altre persone come loro da portare al Rifugio, in una delle loro missioni hanno trovato il piccolo Sean che aveva appena perso i genitori e non hanno potuto fare altro che portarlo con loro. In seguito Karen ha avuto un bambino, Eliot e i due hanno da subito stabilito un legame forte ed indissolubile, due fratelli nonostante la genetica. Nonostante la popolarità di Sean sia scesa a picco, può contare sulla presenza di Eliot e anche di Blanca,  una giovane donna responsabile della parte tecnologica del rifugio, riesce a dare comandi ed impulsi senza neanche toccare la tastiera.
Al Rifugio Evan arriva uno straniero senza ricordi, Raphael, un giovane sulla trentina che sin sa subito sente un legame con Sean, nonostante il ragazzo cerchi di stabilire dei confini precisi, non si lascerà coinvolgere sentimentalmente di nuovo da qualcuno che potrebbe rivelarsi un nuovo nemico. Raphael soffre moltissimo per la sua condizione, a parte nome e cognome non ha idea di chi sia, che potere abbia e da dove arriva. Con il passare dei giorni e delle settimane, non trovano informazioni neanche nella biblioteca, sembra che i suoi poteri non diano indicazioni in merito ma ha un potere distruttivo e quello scatena il panico nella popolazione compromettendo la sua permanenza.

Tra i quattro scese un pesante silenzio. Sean e Raphael continuavano a lanciarsi sguardi confusi come se, fuori da una stanza per gli interrogatori, non sapessero come comportarsi uno con l’altro. Raphael era… molto attraente. Dopo una notte di riposo e una doccia o due, sembrava rinato. Aveva uno sguardo che risvegliava in Sean desideri accantonati per lungo tempo. Forse avrebbe dovuto iniziare a preoccuparsi della sua attrazione verso 135 persone potenzialmente pericolose.

Ho amato moltissimo Sean, il suo dolore e il suo senso di colpa costanti per la scelta offuscata dal sentimento che ha portato morte nel Rifugio. L’odio e il fastidio dei vari abitanti viene solo mitigato dalla stima e fiducia che hanno per lui Eliot, Blanca, il giovane Alex e Madalyn, una dei cinque consiglieri, una donna che ha vissuto migliaia di anni a partire dall’antichità e che ha sempre difeso le sue scelte. Sentirsi responsabile perché il suo dono ha fatto fiasco nel momento in cui doveva salvare delle vite, lo porta a punirsi, a cercare di mantenere la distanza con quanti più possibile. Fa finta che non si senta ferito ma sapere che quasi tutti gli abitanti lo odiano lo sta lacerando più di quanto voglia dimostrare, solo con Eliot si permette di essere se stesso e di abbassare ogni tanto la guardia. Il suo potere di poter riconoscere la verità negli occhi a scapito di dolorose scosse se il soggetto mente è una cosa che mi ha fatto scattare un’empatia assoluta per il personaggio, il suo dolore per essere stato ingannato e tradito da chi amava è così vivido che il lettore ne è costantemente testimone, mi ha fatto molta tenerezza.
Ho amato anche il personaggio di Raphael, così fiducioso, spontaneo, sente un legame con Sean ma ha difficoltà ad accettare il suo ruolo di amico. Un giovane sensibile e leale, pronto a tutto per quella che sente come la sua nuova casa, i suoi abitanti e la piccola cerchia di gente che dimostra di apprezzare la sua compagnia. Ha buoni rapporti con tutti ma soprattutto il giovane Alex, Eliot e la sua amica Blanca, la stessa Madalyn dimostra simpatia e fiducia. Il passato di Raphael è un mistero per buona parte della lettura, ma proprio per la capacità di tenerlo nascosto più a lungo possibile ho davvero apprezzato la capacità di Enys di seminare piccoli indizi passo passo fino alla verità.

Raphael si passò una mano fra i capelli e si sedette con la schiena appoggiata alla macchina. Gli prese una mano e si trascinò Sean addosso, il quale fu obbligato a mettersi a cavalcioni sulle sue gambe per non rovinare a terra. Sempre con il sorriso sulle labbra, Raphael se lo tirò contro finché le loro erezioni non si sfiorarono in modo quasi doloroso. Sean si rimangiò un gemito. «Forse è solo un capriccio,» riprese Raphael dopo un po’. «Ma vorrei guardarti, Sean. Sei la cosa più bella su cui abbia mai posato lo sguardo.

Questo è però un racconto corale ed io ho amato ogni singolo protagonista secondario, da Eliot a Blanca, il ragazzo che non vuole legami e che passa da una ragazza all’altra e la giovane donna che non vuole dare un’etichetta al loro rapporto ma che diventa ogni giorno più importante. Molto belli anche i personaggi dei consiglieri, chi più chi meno ma la mia preferita è stata Madelyn, ho amato il suo rapporto con Sean ed è impossibile non citare il rapporto tra i genitori di Eliot e Sean, così come ho amato le interazioni tra padre e figlio e madre e figli.
Una storia accattivante, molto curata in ogni dettaglio, ricca di colpi di scena e di personaggi ben definiti, se siete alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito, correte a comprare questo libro, io non posso che assegnare cinque stelle, meraviglioso!

5

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: articoli, brè edizioni, fazi editore, garzanti, lux lab, recensioni, recensioni in anteprima, self publishing, triskell edizioni

Must Read 2020: le migliori letture del blog

Per concludere l’anno in bellezza, abbiamo pensato di chiamare a raccolta tutto lo staff e creare per ognuna delle nostre ragazze, una top 3 dei migliori libri recensiti per il blog quest’anno; quelli che ci sono rimasti nel cuore in modo speciale e che ci hanno emozionato profondamente, a volte fino alle lacrime.
Queste sono le nostre classifiche.
Anche voi ne avete amato qualcuno di questi? Fateci sapere nei commenti!

FRANCESCA

LADY MARMELADE

EVELYNE

SLANIF

ADELESH

HIKARU

TFPEEL

All’anno prossimo con le nuove letture e le nostre recensioni.
Vi ricordiamo che potete trovarci anche sulla nostra Pagina FacebookInstagramTwitter e ovviamente Goodreads!

Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Pride and Knots” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Titolo: Pride and Knots
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Genere: Omegaverse, Storico, Erotico, Retelling
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 3,69€
Link all’acquisto: Pride and Knots

SINOSSI

Quando il ricco e celibe beta signor Bingley si trasferisce a Netherfield, una bella dimora in affitto nelle vicinanze di Longbourn nelle campagne inglesi, la signora Bennet freme affinché i suoi cinque figli omega – John, Elijah, Mary, Lydia e Kitty – gli vengano presentati quanto prima dal marito, il signor Bennet.
La donna ha tutte le intenzioni di dargli in sposə almeno uno dei suoi figli, per salvare l’intera famiglia dalla rovina economica che si abbatterà su di loro nello sfortunato caso della morte del signor Bennet.
ll signor Bingley è giunto a Netherfield in compagnia delle due sorelle e del suo più caro amico, il signor Darcy, un cupo ma affascinante alfa. È subito evidente la grande ammirazione di Bingley per l’angelico John. Al contrario, Darcy non mostra alcun interesse per la compagnia e viene subito etichettato come un uomo orgoglioso e altero il quale, durante il ballo, definisce Elijah come “appena passabile”.
Elijah Bennet è un omega dal temperamento focoso e testardo tanto quanto Darcy è orgoglioso e freddo. Le loro personalità opposte sono destinate a entrare in collisione, creando uno scontro che li porterà a intrecciare le loro esistenze in modi che non credevano possibili.

Una rivisitazione del grande classico di Jane Austen, “Orgoglio e pregiudizio”, in chiave omoerotica e omegaverse.

Tfpeel2

Questa volta il nostro duo preferito, si è cimentata in una versione rivisitata del classico di Jane Austen, protagonisti coppie maschili e anche un ambientazione omegaverse davvero azzeccata.
Elijah e John sono i due figli maschi della numerosa famiglia Bennet, composta dai genitori, tre sorelle minori e i due ragazzi appunto. Mamma Bennet, non vede l’ora di accasare i suoi pargoli, che siano maschi o femmine poco importa. I figli sono tutti omega, ognuno con le sue peculiarità e le sue caratteristiche e a parte Mary che probabilmente dovrebbe farsi suora, ognuno a suo modo sogna di trovare un compagno per la vita.
L’arrivo nel paese del ricco e celibe Charles Bingley, insieme alle due sorelle, al cognato e all’amico Darcy, un alfa altezzoso e ai limini del maleducato che fin da subito dimostra una discreta antipatia per il giovane Elijah il fratello maggiore della famiglia Bennet.
Se John è dolce, gentile ed educato, quasi ingenuo e sembra trovare subito un’intesa con Charles, Elijah ha un carattere testardo, disilluso e combattivo e sembra fare scintille con Darcy. Essere definito come appena passabile per Elijah è un affronto, una questione di orgoglio perché messo in imbarazzo alla festa, è irritato per tanta maleducazione, oltre ad essere consapevole di essere un ragazzo più che piacente.

Ecco cosa aveva toccato lo sguardo di quello straniero. Qualcosa di privato e segreto che neanche Elijah desiderava sfiorare, per quanto sapesse che prima o poi ci si sarebbe avventurato. Ma erano pensieri peregrini e sciocchi, giacché non avrebbe mai più rivisto quell’uomo, con ogni probabilità.

Ho davvero amato questa storia, questa versione riveduta e corretta di un grande classico della Austen. John è davvero la dolcezza e la sensibilità fatta ragazzo, sempre disponibile, educato, gentile e alla ricerca di un compagno da amare e che lo ami senza riserve. La sua storia con Charles è dolce e delicata, forse perché senza volerlo ho amato un po’ di più Elijah, con la sua determinazione, il suo proclamo di non essere alla ricerca dell’amore per la vita, la sua scelta di mettere sempre il fratello minore al primo posto, il profondo affetto che li lega. Non ha peli sulla lingua, sarcastico e pungente tiene testa a Darcy come non è mai riuscito nessuno. Due vite molto più affini di quanto si possa pensare, il classico nemico che diventa amante e una buona dose di passione, cosa volere di più.
Ho apprezzato particolarmente l’ambientazione omegaverse, perfetta per raccontare una storia alla “Orgoglio e pregiudizio”, con un contesto che rappresenta bene le difficoltà dell’epoca storica della versione originale. Molto piacevoli i vari intermezzi tra i due genitori, i battibecchi tra la madre e il padre sono davvero uno spasso, non perdeteveli, così come ho amato molto la chimica e la “tensione” tra Elijah e Darcy contrapposta alla tenerezza della coppia John-Charles.
Molto divertenti anche le tre sorelle minori, Mary con il suo sarcasmo e la fede, Kitty la sedicenne che vuole l’uomo da sposare e Lydia la quindicenne sensuale e provocante nonostante sia la più piccola di casa.

Elijah si lasciò prendere le mani, che vennero subito coperte di baci fervidi e speranzosi. “Credo che la mia risposta a tua zia sarà per parecchio tempo l’argomento preferito con cui intrattenere gli ospiti del suo salotto. Dopotutto sono un giovane omega impertinente che deve stare al suo posto,” disse Elijah, tutto sommato divertito almeno quanto si era sentito insultato da quello scambio. Era un’ambivalenza che lo lasciava pensieroso e pieno di dubbi, ma che allo stesso tempo gli aveva fatto assaggiare un potere che non sapeva di avere.

Oramai non so davvero più cosa dire per elogiare la bravura di queste due autrici. Non sono grande amante degli storici e ammetto la mia poca conoscenza del romanzo originale, ma conosco molto bene la storia e trovo che questa versione omegaverse mm del classico sia davvero una scelta azzeccata. Anche in questo caso ci sono due protagonisti principali e due coprotagonisti intriganti e diversi che rendono le due coppie amabili e davvero equilibrate. Se siete alla ricerca di un romanzo ben scritto, spiritoso, con personaggi brillanti e un bel numero di secondari con il loro giusto spazio, correte a comprare questo gioiello, quattro stelle e mezzo per me!

4.5

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “L’Agenzia: Archivio” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Titolo: L’Agenzia: Archivio
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: Soglie Instabili #3
Genere: Contemporaneo, Suspance
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: 
L’Agenzia: L’Archivio

SINOSSI

L’Archivio non esiste. 
O forse sì, da qualche parte nel Multiverso. 
È proprio lì, all’ingresso dell’Archivio dell’Agenzia Milano che Vittorio Zanella deve riprendere servizio dopo i tragici eventi di Venezia.
Vittorio è un uomo distrutto nello spirito, devastato dal lutto e  persino il suo amato Direttivo Nazionale non lo vuole più tra i piedi e lo spedisce a Milano per recuperare i frammenti della propria mente spezzata.
Dell’Archivio non gli importa proprio nulla, ma quando incontra l’Aiuto Archivista Tiziano Colombo, tutto quello che credeva di sapere sui propri sentimenti, la propria sessualità e le proprie aspettative di vita va a farsi benedire.
Perché Tiziano, con i suoi modi pacati, la voce tranquilla e i tagli sul corpo è tutto il contrario di quello che vorrebbe avere e, allo stesso tempo, è tutto quello che desidera.
Nei meandri di un Archivio fuori controllo, Vittorio e Tiziano dovranno affrontare fluttuazioni della realtà e, con esse, anche le loro più recondite paure.
Ding. Ding. Ding. Diiiiing. Diiiiing. Diiiiing. Ding. Ding. Ding.

Tfpeel2

Ogni volta che leggo un libro del Collettivo, riescono a stupirmi di più, per questo duo non ho davvero più parole per esprimere quanto amo le loro storie!
Avevamo lasciato Vittorio Zanella, l’uomo del Direttivo, un po’ indigesto ai nostri eroi di Milano e Venezia, nel lutto e nella disperazione, perdere una collega che pensava di amare è stato davvero destabilizzante per lui. Passa i giorni ad essere l’ombra di quello che è sempre stato, lo stesso Direttivo non sa più cosa farsene di quel bravo agente diventato inutile. Quando hai un problema, quando stai male dove ti mandano? Esatto all’Agenzia, meglio ancora all’Archivio dell’Agenzia a dare una mano all’Archivista o per meglio dire ai suoi sottoposti.
All’arrivo a Milano, Vittorio è un uomo che non sa più cosa vuole, distrutto dal dolore, continua a sentire nella sua testa la voce dell’amica Rambaldi che cerca di spronarlo a fare qualcosa e a riprendere in mano la sua vita. Magari ammettendo almeno a se stesso che non è mai stato etero ma che gli piace il genere maschile. Dopo un saluto ai genitori che abitano in periferia, si presenta sul nuovo posto di lavoro.
All’Archivio conosce Tiziano Colombo, un trentenne con gli occhi chiari e una cascata di capelli biondo fragola, sensibile, educato e sempre pronto a dare una mano. I nostri Alex e Daniele sanno chi è Vittorio e non fanno proprio i salti di gioia all’arrivo, anzi mettono in guardia l’aiuto archivista sul suo carattere indisponente. Ma l’uomo che ritrovano non è lo stesso che hanno conosciuto e con buona pace di tutti, scoprono che sotto quella scorza acida e rabbiosa c’è un uomo che sta soffrendo molto e che non è poi così odioso.

“Vada per il tè,” rispose, sconfitto. Rifiutare era come prendere a calci un cucciolo di foca, anche se non era ancora sicuro di avere inquadrato bene il suo nuovo collega di lavoro. Magari era uno di quelli gentili ed educati la prima settimana che poi si rivelavano degli stronzi inverecondi. Mica come lui, che era stronzo e basta, come amavano ricordargli i suoi colleghi del Direttivo. Però la curiosità ebbe la meglio per l’ennesima volta, mannaggia a lui. “Perché non sei in servizio attivo?” Tiziano quasi trattenne il fiato e gli parve che il giovane uomo stesse misurando ogni singola parola prima di pronunciarla. “Diciamo che non mi piace uscire dall’Agenzia. Lo faccio il meno possibile.”

Se avete già letto gli altri volumi dell’Agenzia ma anche altri libri scritti dal duo, questo volume vi lascerà stupiti per la profondità dei contenuti unita ad una sempre presente ironia e a dei personaggi che amerete ancora di più una volta conosciuti meglio.
Vittorio nel precedente libro non era certo tra i nostri preferiti, rappresentava l’elemento di disturbo, quello che mette i bastoni tra le ruote ai protagonisti di turno. Dopo gli eventi di Venezia è diventato un altro uomo, si fa fatica a riconoscerlo. Ho amato molto il suo percorso emotivo, è stato un passaggio lento e graduale dall’odio all’amore per questo uomo sorprendente. Leale, determinato e pronto a tutto, deve solo trovare la forza per lasciarsi il lutto alle spalle, aprirsi magari un po’ con chi dimostra di volergli bene e dare retta ai consigli dell’amica che non c’è più. La Rambaldi ha sempre saputo che tra loro non poteva funzionare come coppia, perché lui non è mai stato etero ma era più facile fingere fino a quando lei era comunque nella sua vita. Senza di lei si è sentito perso, si è ritrovato a trent’anni suonati a rimettersi in discussione e a fare pace con i suoi sentimenti.
Tiziano è un personaggio che ami sin da subito, quello gentile e sempre sorridente, quello che non perde mai la calma anche se sulle spalle porta un fardello notevole. Il suo disturbo borderline di personalità l’ha portato in passato ad un passo dalla morte, salvato dall’arrivo all’Agenzia, è un ottimo aiuto Archivista, sa molto bene come muoversi in quel dedalo di corridoi e passaggi, settori che cambiano dalla sera al mattino, li sotto non c’è mai da annoiarsi. Un uomo buono e dolce che merita di trovare qualcuno che lo ami e lo rispetti per come è, se è vero che l’amore non può essere la cura, è anche vero che due uomini spezzati come Tiziano e Vittorio sono perfetti insieme, si capiscono e si fanno forza a vicenda, diventando migliori.

Vittorio gli sorrise e si voltò tra le sue braccia. Subito gli passò una mano sulla guancia, tra i capelli morbidi e spettinati, e si sporse per baciarlo. Quello poteva farlo per tutto il tempo, senza mai stancarsi. Lo avrebbe baciato per sempre se non avesse avuto bisogno di respirare. “Domani, dopodomani, tutti i giorni,” disse, tra un bacio e l’altro, con Tiziano ancora più caldo contro di lui che gli passava le mani sulle braccia e le infilava sotto la sua maglietta. “Non sarebbe stato facile qui… senza di te,” aggiunse Vittorio dopo un po’, col respiro corto e le labbra tutte arrossate. Tiziano gli sorrise tenero e se lo tirò addosso. “Sono qui, qualsiasi cosa succeda.” . Un libro un po’ diverso dai precedenti, più emotivamente impegnativo, se mi passate il termine. Due personaggi feriti e delusi dalla vita, alla ricerca di una felicità che non sono sicuri di meritarsi. Ci sono dei momenti più difficili rispetto al passato e le due autrici nelle note in fondo spiegano anche il motivo, se siete curiose di sapere perché.  Ne è uscito un libro meraviglioso dove temi difficili e impegnativi vengono inframezzati con rivelazioni sconvolgenti, colpi di scena piazzati ad arte, un giusto mix di azione e sentimento con la solita passione che le contraddistingue. Adesso però ragazze mie mi date il prossimo presto vero? Mannaggia al finale…

5

La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Love Boat” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S K Vernet (1)

Titolo: Love Boat
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #5
Genere: Contemporaneo, Erotico, Gap Generazionale
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,69€
Link all’acquisto: Love Boat
Nota: Il quarto volume della serie è un MF, pertanto non è presente la recensione sul blog

SINOSSI

Tom Elliott e Nick Danse vengono messi sotto copertura sulla Rainbow Cruise, una nave da crociera LGBT, per seguire i passi di un truffatore. La loro indagine parte male, senza sufficienti elementi e i due si ritrovano spesso alla deriva delle proprie emozioni.
Fingere di essere una coppia non è facile per i due, i confini si fanno labili anche se ad aspettarli a casa ci sono i rispettivi compagni e le cose non si fanno facili quando una vecchia conoscenza di Tom lo scopre sulla nave e gli fa una proposta a dir poco indecente.

Una storia di amicizia, confini sfumati e accettazione di sé, nel primo romanzo corale della serie di JBI.

Tfpeel2

Dopo la breve pausa con la storia di Stan e Carrie, torniamo a seguire le avventure di Tom, questa volta in una missione sotto copertura con il suo capo, l’integerrimo Nick Danse.
L’uomo è ora felicemente fidanzato con il giovane George, quello scricciolo rosso è stato capace di ridare pace e gioia di vivere a Nick, anche se non lo vede da sei mesi perché è ad un corso all’accademia, ma tornerà a giorni.
Proprio quando sta per riunirsi con il ragazzo, Nick viene informato dalla sezione White Collar del suo amico di vecchia data, di una missione sotto copertura  a bordo di una nave da crociera alla ricerca di un certo Marquez che sta creando non pochi problemi alla comunità LGBT. Naturalmente Nick non ha molto tempo per prepararsi, sceglie di portarsi in missione proprio Tom, il suo agente preferito, nonostante tutto.
I due partono all’oscuro di tanti dettagli della missione stessa e come se non bastasse la loro copertura prevede che siano una coppia innamorata in vacanza, per cercare di attirare l’attenzione del soggetto pericoloso. All’inizio c’è un po’ di imbarazzo perché lo stesso Tom crede di aver oramai superato la sua cotta per il capo ma quando iniziano a passare tante ore insieme e costretti ad atteggiamenti intimi entrambi hanno difficoltà che non pensavano possibili nel rapportarsi uno all’altro. Avere i fidanzati lontani chilometri porta entrambi gli agenti a riflettere sulla relazione che stanno vivendo. Come se non bastasse sulla stessa nave da crociera compare l’odiatissimo CEO che ha rischiato di mandare in pezzi la relazione tra Tom e James e per Tom è la goccia che fa traboccare il vaso.

Tom fece per parlare, ma si bloccò all’improvviso. Il suo volto divenne cereo e Nick non ebbe tempo di chiedergli cosa diavolo stesse succedendo perché l’altro si voltò di scatto verso di lui. «Baciami.» «Scusa?» «Ho detto di baciarmi, adesso,» ringhiò l’altro, a denti stretti. Aveva gli occhi spiritati e il pallore spettrale in cui era caduto non gli donava per niente. Nick non capiva cosa diavolo stesse accadendo, ma appoggiò comunque la matita sul tavolino e si sporse verso Elliott. «Spero ne valga la pena.» «Ne va della mia vita.» Non ebbe il tempo di chiedergli cosa diavolo significassero quelle parole, che si ritrovò con le labbra premute a stampo contro quelle dell’altro. Una mano di Elliott posta abilmente sul suo viso mascherava in maniera efficace il fatto che non gli stesse davvero infilando la lingua in gola, ma si stesse limitando a premerglisi addosso.

Anche in questa storia ho amato molto entrambi i protagonisti. Nick è un uomo migliore o almeno dovrebbe esserlo visto che ha al fianco un fidanzato dolce e amorevole. Ma proprio la presenza di George nella sua vita è fonte di preoccupazione per Nick. Non si spiega come un giovane pieno di vitalità, sorrisi e dolcezza voglia stare con un uomo ombroso, amareggiato e maturo come lui. Nick non capisce perché George si sia innamorato di lui, ha il terrore di perderlo e averlo lontano per sei mesi è stato difficile per l’uomo, ha dovuto reinventarsi tempi e spazi, ha litigato spesso con la tecnologia con buona pace del fidanzato. Partire dopo solo una notte insieme destabilizza l’agente che non trova di meglio che punzecchiare e maltrattare Tom.
Tom è sempre il solito adorabile agente di quartiere che abbiamo conosciuto dal primo volume. Ha un po’ di difficoltà nella missione perché di fondo c’è un discorso sospeso con il suo capo. La sua cotta non è più un problema ora che nella sua vita c’è James ma ritrovarsi tra i piedi proprio Oliver Mount manda un po’ in crisi il nostro amabile eroe. Non ha certo dimenticato il feroce litigio con James a causa di Oliver ed essere addirittura costretto a collaborare con la sua nemesi per agganciare il Marquez non è una cosa che fa bene a Tom. Fingere di avere una relazione con il tuo capo e sentire per un momento il bisogno di andare oltre è una cosa che porta Tom a riflettere sul suo rapporto con James, saperlo lontano e un po’ risentito per la copertura non lo fa stare tranquillo.

Tom gli morse il labbro, lo strinse tra le braccia e lo spinse contro la parete dell’ingresso con forza. Lo baciò con la stessa furia che Danse aveva usato con lui, spietato e senza dargli tempo di prendere fiato. Scese a mordergli il collo e il petto mentre James si tendeva tutto contro di lui. «Togliti questi pantaloni o te li strappo a morsi.» James ridacchiò ma si staccò quanto bastava per scalciare via il resto dei suoi vestiti. Appena fu nudo Tom lo premette addosso alla parete, strusciandosi contro di lui, poi infilò le braccia sotto le sue cosce e lo tirò su di peso, ricompensato dai suoni che uscivano dalla bocca rosa di James. «Oh Cristo,» miagolò il biondo. Si sistemò con i talloni incrociati contro il culo di Tom, e cercò di premersi contro di lui.

Anche questa storia mi è piaciuta molto, nonostante l’ingombrante presenza di Mount e quello che comporta. C’è da dire che ancora una volta questo duo di autrici mi ha messo la curiosità di conoscere un po’ meglio Oliver e il suo amico segretario JJ, un santo che lo sopporta e manda giù ogni volta l’amarezza di non avere quell’uomo enigmatico tra le sue braccia. Come ho già avuto modo di dire, non sono grande fans del BDSM e un po’ sono preoccupata per gli sviluppi futuri, leggo queste storie sempre con grande gioia e spero che anche i prossimi volumi sappiano conquistarmi, non vedo l’ora di leggere il prossimo, mi fido di voi!  Una storia leggera, con la giusta dose di drama e momenti bollenti che non mancano mai, vi suggerisco di leggerla subito!

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: lux lab, recensioni

Recensione “The broken man” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S K Vernet

Titolo: The broken man
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #3
Genere: Contemporaneo, Erotico, Gap Generazionale, Kink
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,69€
Link all’acquisto: The broken man

SINOSSI

Aprire gli occhi, alzarsi, doccia, caffè, sigaretta.
Vestirsi, uscire di casa, raggiungere l’ufficio.
Ripetere ogni giorno della propria fottuta vita e accettare di essere nel proprio personale inferno in terra.
Questa è la vita di Nick Danse, capo della Social Media Terrorism Risk Prevention Task Force nella sezione di New York dell’FBI. Ogni giorno gli stessi movimenti, gli stessi gesti e le stesse incazzature da quando, diversi anni prima, ha perso la gamba sinistra in un’operazione di alta sicurezza mentre era membro dell’Hostage Rescue Team.
Quello che per l’FBI è stata una promozione, per lui è una tortura. Nonostante questo dirige il suo ufficio con il pugno di ferro e vive ogni giorno una depressione alla volta. Questo finché dalla porta non entra il giovane e brillante George Finnegan, fresco di MIT e con in mano una richiesta di stage di sei lunghissimi mesi.
George entrerà a far parte della squadra, con Tom Elliott, Odessa Carrie e Vincent Sten. Quello che Nick non sa è che la sua vita sta per essere completamente ribaltata.

Tfpeel2

In questo terzo volume, mettiamo da parte Tom e il suo adorabile biondino e conosciamo meglio il suo capo, Nick Danse.
L’uomo è sulla quarantina, lineamenti marcati, un fisico di tutto rispetto, qualche capello grigio sulle tempie, un bel moro che da anni convive con un arto bionico, ricordo di bei tempi andati quando faceva parte dell’élite della squadra HRT. Era giovane, forte, un ottimo agente e ai tempi non si preoccupava più di tanto di avere una relazione, bastava trovare un uomo complice e un po’ di sano sesso e tutto andava bene. Poi sono arrivati i momenti difficili, la perdita della gamba dovuta ad una missione finita male, la riabilitazione, il cambio di lavoro e la promozione che per lui ha rappresentato una sconfitta personale più che un premio.
Le giornate sono tutte uguali, una routine che non lo abbandona mai tra lavoro e zero vita privata, non capisce chi potrebbe mai volere un uomo storpio come partner, neanche gli occhi dolci di Tom quando si sono conosciuti hanno smosso qualcosa in lui che lo portasse ad agire.
Un bel mattino arriva un nuovo stagista, gentile dono del suo caro amico a capo della sezione White Collar, il poco più che ventenne George, capelli rossi, occhi verdi, un fisico esile, uno scricciolo d’uomo che nel giro di qualche settimana manderà all’aria tutti i buoni propositi di Nick di non volere una relazione. Un genietto del MIT, una mente analitica, volenteroso e capace di imparare in breve tempo, George si prende una cotta stratosferica per il suo capo, cerca di tenerlo nascosto ma la presenza insistente di un ex ingombrante e il senso di protezione di Nick faranno in modo che i due finalmente finiscano a letto insieme.

A proposito di cubicolo: doveva riuscire a scambiare la propria scrivania con quella di qualcun altro, più vicina all’ufficio di Danse, in modo da essere più presente. Nel complesso comunque la giornata era stata meno orribile del previsto. Doveva imparare a prendere le misure del proprio capo, ma con i colleghi si era trovato bene, in particolare con tre di loro.

In questa storia ho amato entrambi i protagonisti. George è un ragazzo adorabile, dolce e sensibile che va oltre al difetto fisico di Nick che per lui non è un ostacolo. Timido e impacciato è un personaggio che è perfetto per la ruvidità di Danse. Inoltre la sua intelligenza e il suo bel modo di fare lo portano subito a legare con il resto del gruppo, se solo riuscisse anche ad avvicinarsi al suo capo sarebbe perfetto.
Nick è un personaggio che si è sempre dimostrato un cuore ferito, un uomo che ha smesso di sperare in un futuro meno cupo, uno che vive giorno per giorno con la convinzione che la fuori non c’è nessuno per lui a parte forse un po’ di sesso anonimo. Da quando ha perso la gamba nella missione, ha perso ogni speranza di trovare qualcuno che possa amarlo nonostante l’arto mancante. Trovare nella sua vita un ragazzino come George che va oltre le apparenze è la cosa migliore che potesse capitargli. Realizzare che tra loro non è solo passione e attrazione fisica lo destabilizzerà un po’ ma ho amato il modo in cui si fa perdonare per essere stato tanto ottuso per non parlare di quando abbandona la maschera del capo supremo integerrimo e si trasforma in un uomo passionale e coccolone.

Non stava nella pelle. Non sapeva quale sarebbe stato il suo futuro, ma senza ombra di dubbio si vedeva con quell’omone grande e grosso che aveva imparato ad amare più di ogni altra cosa. Certo, non era tutto rose e fiori. Nonostante Danse fosse un uomo forte, tendeva a ricadere nei suoi circoli di depressione dove non esisteva altro che lui e la sua gamba. O meglio, la sua assenza.

Questo duo di autrici per me oramai è una garanzia. I personaggi sono sempre ben caratterizzati, hanno un’evoluzione e una complessità di sentimenti che li rende semplicemente indimenticabili. La storia è avvincente, raccontata dal punto di vista di entrambi, cosa che per quanto mi riguarda è sempre il modo migliore per permettere al lettore di conoscere bene i protagonisti. Una trama leggera, con una giusta dose di dramma, un corollario di comprimari sempre divertenti, si legge in una manciata di paio di ore e una volta finito ne vorresti ancora. Aspetto le prossime avventure di questo gruppetto caro Lux Lab.

4.5

Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Gabbia” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet (2)

Titolo: Gabbia
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Genere: Contemporaneo, Erotico, Gap Generazionale, Kink
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 1,99€
Link all’acquisto: Gabbia

SINOSSI

La vita di Lucio Ferrando, capitano dei carabinieri di una caserma alle porte di Milano, viene stravolta come quella di tutti dalla pandemia in corso. Bloccato a casa in quarantena, la sua vita si divide tra foto erotiche su Onlyfans del suo modello preferito xXUnicornXx e il suo bellissimo quanto insopportabile coinquilino, Raffaele, il quale non smette un attimo di parlare e non ce la fa proprio a lasciarlo stare.
Rinchiusi nel loro appartamento sui Navigli, i due dovranno per forza di cose imparare a convivere gomito a gomito.
Come può Lucio finire la sua quarantena in pace quando l’unica cosa che vuole è scappare dalla propria attrazione nei confronti di Raffaele?

Tfpeel2

Una storia del duo Barisone-Vernet, ambientata nel periodo del lockdown, non aspettavo di meglio. Le due autrici sono riuscite come al solito a unire umorismo, scene erotiche e tanto altro in poche righe ma graditissime, per rispondere alla loro premessa, ben vengano storie leggere ambientate in quei mesi infernali, ne vorrei altre.
Lucio è un capitano dei carabinieri, un uomo fiero del suo lavoro, ha superato da un po’ la trentina, moro dagli occhi blu, decisamente un bell’uomo anche se un po’ rigido ma anche tanto solo. Da quando si è trasferito a Milano, ha trovato un’appartamento in affitto grazie ad alcuni conoscenti, andando a vivere con un ragazzo un po’ più giovane, un artista a prima vista bello ma di poca sostanza. Un terribile chiacchierone ma i loro orari fino a questo momento si sono sempre incrociati di rado, se uno era al lavoro l’altro dormiva e viceversa, qualche momento di sorrisi e frasi di circostanza e poco altro.
Per Lucio non è mai stato un grosso problema la sua sessualità ma chiaramente vista la professione non mette i manifesti. Avere comunque un inquilino come Raffaele non gli permette di portare a casa nessuno, di solito i ragazzi si straniscono dalla sua presenza per svariati motivi d’altronde non ha mai trovato qualcuno che gli interessasse per davvero. Meglio rifugiarsi nei suoi desideri proibiti e sbavare sulle foto di un ragazzo che si fa chiamare  xXUnicornXx, tramite il sito a pagamento OnlyFans, ogni settimana vengono caricate foto o video e Lucio da due anni paga una cifra considerevole al mese per avere accesso a quel ben di dio..

Chiuso nella propria stanza, Lucio aprì il telefono e poté godersi il nuovo set di xXUnicornXx, che ancora non era riuscito a vedere a causa di tutti i casini successi in caserma. Raffaele si era chiuso nel suo studio, metaforicamente visto che la porta era spalancata e poteva sentirlo chiacchierare giulivo con chiunque ci fosse dall’altra parte dello schermo

Lucio è l’unico punto di vista del racconto ma in qualche modo riusciamo a conoscere meglio anche Raffaele. Biondo, pelle chiarissima e occhi azzurri, sempre molto affabile, amichevole e ultimamente troppo presente nella sua vita. Da quando Lucio è obbligato a fermarsi due settimane a casa, le cose tra lui e Raf prendono una piega strana fino ad arrivare ad un punto di non ritorno. Il carabiniere è sempre più attratto dall’inquilino ma cerca di ignorare la situazione e non fa che peggiorare le cose, trattandolo freddamente e tenendolo a distanza.

Raffaele strusciò il viso contro il suo petto. “Mi fa piacere sentirtelo dire. Ma questo cosa vuol dire all’atto pratico? Posso vivere senza saperlo, eh. Ma… è più facile a carte scoperte. Cosa cerchi in me? Un coinquilino con benefici? Un amante? Altro? Niente?” Lucio non ci aveva pensato in tale dettaglio. Era stato impegnatissimo a godere delle grazie del suo culo e della sua bocca e si era divertito come non mai. Non voleva perdere Raffaele, ma cosa voleva effettivamente da lui? Mistero. “Ci devo pensare,” rispose infine.

Un racconto davvero carino, una storia semplice di un uomo che cerca di resistere al ragazzo più giovane solo per non affrontare situazioni spiacevoli se le cose tra loro non dovessero andare bene. Ho provato davvero affetto per quest’uomo ligio al dovere che un po’ si vergogna di aver perso la testa per un personaggio fittizio, quando potrebbe avere un ragazzo in carne ed ossa che lo possa soddisfare e che non ha la minima idea dei sentimenti che prova il suo inquilino. Ho amato molto anche la figura di Raf, di lui sappiamo poco e tramite il pov di Lucio ma abbiamo modo di scoprire quanto oltre ad un bel faccino ci sia molto di più dietro quegli occhioni da bambino. Un ragazzo intelligente e un bravissimo artista, un po’ sfrontato, amante dell’intimo e pronto a sperimentare, che non ha paura di mostrare al mondo chi è ma soprattutto chi vuole, disposto anche ad accontentarsi di quello che Lucio è disposto a dare, pur di averlo ancora nella sua vita alla fine del lockdown. Se avete amato i lavori di questo duo e amate i racconti tipo “La Scommessa”, è la storia che fa per voi.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: la sirena edizioni, lux lab, recensioni

Recensione “Red” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet (1)

Titolo: Red
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: JBI #1.5
Genere: Contemporaneo, Erotico, Antologia
Casa Editrice: Lux Lab & La Sirena Edizioni
Prezzo: Gratis
Link all’acquisto: Red

SINOSSI

“Red” è una raccolta GRATUITA di fanfiction dedicata all’universo narrativo di “JBI – Just beat it!”.
Contiene 10 fanfiction di cui 8 ad altissimo tasso erotico e spaziano da what if? ai missing moments. Tutte queste storie sono SPOILER e prendono come riferimento personaggi attualmente presenti nella saga, ma soprattutto altri che appariranno in futuro.
“Red” è la risposta a tutti coloro che ci hanno chiesto di vedere Tom Elliott con il suo capo Nick Danse e che finalmente avranno giustizia.

Tfpeel2

Con questa raccolta, il duo di autrici che tanto amiamo ha voluto fare un regalo ai fan della saga JBI che ad oggi conta in programma almeno una decina di libri.
Se avete già letto i primi due volumi usciti sapete e conoscete già buona parte dei personaggi che compaiono in questo volume. Sono perlopiù racconti con un alto tasso di eros ma anche momenti di dolcezza da personaggi che sanno spiazzare il lettore.
Con questa lettura ho rivalutato abbastanza persino Anson Mount, il che è tutto dire.
Se non amate gli spoiler vi suggerisco di fermarvi al terzo racconto, se come me qualche anticipazione non vi da noia continuate la lettura di questa recensione vi garantisco che ne vale la pena.
I primi racconti sono dedicati ad una coppia non canon che ammetto mi è piaciuta parecchio ed è una sorpresa perché di solito quando ho già una coppia effettiva non amo vedere uno dei due con un altro soggetto. Nick Danse è un personaggio meraviglioso e questi racconti in cui vediamo come potrebbe essere una relazione con Tom è stato un piacevole diversivo, i due hanno parecchio potenziale. Nick è un uomo determinato, sicuro di se nonostante un problema fisico che non gli ha mai impedito di fare quello che vuole. Nel primo volume scopriamo la cotta di Tom per il suo capo, bello, fiero, di una decina di anni più grande di lui e un sogno proibito, un po’ inavvicinabile e misterioso, cosa accantonata nel momento in cui trova il suo biondino. Ho amato moltissimo queste storie in cui loro diventano una coppia, travolti da un’attrazione incontenibile sul lavoro o in una missione sotto copertura. Mi piace molto come le due autrici hanno mescolato un po’ di azione con risvolti personali e devo dire che se non esistesse Jason vorrei davvero una storia tra loro, con buona pace di quello che diventerà il compagno di Danse ovviamente. Devo ammettere che non mi è dispiaciuto neanche il “gioco della bottiglia” con un risvolto hard e proibito che come nello stile delle autrici non è mai inopportuno.

Tom si ritrovò inchiodato contro il legno e con cento e passa chili di uomo molto arrapato addosso, mentre lui cercava di sfilargli la maglietta con tutte le energie che aveva. “Spogliati, cazzo. Voglio vederti.”
“Impaziente, mh?” Nick si staccò da lui quel tanto da levarsi la t-shirt e lanciarla sul pavimento, poi iniziò a slacciarsi i pantaloni.8

Altra cosa che mi è piaciuta molto è la relazione tra Oliver e Jeremy. Scopriamo il passato di loro due, li conosciamo nel presente dopo che un evento traumatico li porta ad avvicinarsi e li ritroviamo anche con un legame indissolubile qualche anno dopo. Sempre molto passionali ma innamorati profondamente uno dell’altro, Oliver mi ha sorpreso perché devo ammettere che il suo ruolo e la sua professione non ne fanno di lui uno dei miei preferiti. Le autrici hanno saputo mescolare abilmente il lato focoso di entrambi e momenti di dolcezza che se per Jeremy mi sembrano naturali, fatti da Mount mi hanno lasciata piacevolmente stupita, quell’uomo una volta smesso di fare il dominatore BDSM è un personaggio tutto da scoprire e io non vedo l’ora di conoscerlo meglio, le premesse sono ottime.

“Che cosa vedi?” domandò da sotto le ciglia umide. Non si era nemmeno accorto di essersi messo a lacrimare per il desiderio.
Oliver lo guardò meglio e gli tenne le gambe appena sollevate. Il suo sguardo lo bruciò da capo a piedi. “La perfezione.”

Finirei la recensione con quel raccontino breve ma adorabile di una coppia così improbabile che nella sua diversità è perfetta, sto parlando dei due colleghi di Tom, Odessa e Vincent. Due persone totalmente diverse di carattere e aspetto ma un insieme così bello e dolce che spero davvero abbiano la loro storia, credetemi ne vedremo delle belle.
Ancora una volta non posso che fare i complimenti alle autrici, storie di varia lunghezza con vari protagonisti sono state davvero un piacevole diversivo e ho passato pomeriggio davvero rilassante e molto hot.

4

Pubblicato in: lux lab, recensioni

Recensione “La scommessa” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barison & Juls S K Vernet (1)

Titolo: La scommessa
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Genere: Contemporaneo, Erotico, Kink, Gap Generazionale
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: 
La scommessa

SINOSSI

Scott ha tutto quello che potrebbe desiderare: soldi, una bella vita, una considerevole quantità di lingerie e una lunga sfilza di sugar daddies, a cui però non ha mai concesso altro che i favori delle sue labbra.
Il suo nuovo daddy però è Jesse, che dietro l’aspetto da bad boy nasconde un controllo d’acciaio.
Sarà Jesse, con la sua scommessa, a far vacillare le intenzioni di Scott, ma i patti sono chiari: esclusività tra loro e la possibilità di Jesse di convincerlo a fare sesso con lui.
Cosa potrà mai andare storto?

Tfpeel2

In questi giorni difficili, per fortuna il Collettivo sforna un’altra storia sexy e adorabile.
Scott è un ragazzo di nemmeno ventuno anni, sexy, irriverente, un ricciolino moro dagli occhi celesti, sfacciato e amante della biancheria intima, non nasconde certo il suo bisogno di avere un daddy, anche più di uno che gli permettono di vivere nel lusso e nell’ozio fino a quando potrà incassare una cospicua eredità che gli permetterà di vivere agiatamente per il resto della sua vita. Ha un amico, Lance, ricco anche più di lui, che l’ha trascinato ad una festa che per il momento si è rivelata una noia mortale, almeno fino a quando entrambi posano gli occhi su un tipo sulla quarantina, capelli e occhi castani, una massa muscolare che denota lavoro manuale e un fisico che non passa certo inosservato.
Jesse è un uomo che sa cosa vuole, non è certo un tipo anonimo, fisico ben piazzato, tatuaggi e braccia muscolose, già ricco di famiglia, ha fatto fortuna nell’allevamento e ha un ranch tutto suo dove ha bestiame e cavalli. Si lascia coinvolgere da un ragazzino impertinente che dimostra di sapere cosa vuole e dopo un fortuito incontro bollente nei bagni, gli propone una scommessa e un patto, dovranno avere un rapporto esclusivo.

Scott affondò le dita nelle natiche muscolose di Jesse e se lo tirò contro, prendendolo più a fondo e incitandolo a muoversi. L’altro mormorò soddisfatto e non se lo fece dire due volte. Gli accarezzò la guancia in modo anche troppo intimo, quasi a volergli fare cenno di rilassarsi e godersi il giro in giostra, poi iniziò a muovere i fianchi, dondolando pigro ma potente e togliendogli il respiro con ogni affondo.

Scott rimane un po’ spiazzato dalla richiesta di Jesse ma alla fine da il benservito a tutti i suoi sugar daddy e accetta di avere un rapporto esclusivo per sei mesi con Jesse compresa la scommessa. I due legano molto in fretta e l’intesa sessuale è favolosa anche se vivere a centinaia di chilometri di distanza non gli permette di vedersi spesso, ma mentre Jesse punta a vincere la scommessa, Scott si sta innamorando e l’introduzione di un terzo elemento rischia di mandare tutto all’aria.
Due personaggi davvero ben descritti, coerenti dall’inizio alla fine. Scott un ragazzo giovanissimo e disinibito che avrà modo di crescere nel corso della storia. Non ha mai sentito il bisogno di avere un ragazzo fisso, ha sempre cercato uomini ben più grandi di lui che lo potessero soddisfare e che lo mantenessero ma soprattutto che apprezzassero tutte le sue piccole manie. Trovare Jesse lo porterà a capire che sotto quel bell’aspetto da angioletto tentatore, c’è sia un cuore che un cervello.
Jesse è un uomo che ha già avuto la sua profonda delusione per una storia con una donna finita tanti anni prima. La sua ex è una donna intelligente, bellissima e ricca nonché il nuovo interesse di Lance. Un uomo intelligente, gran lavoratore e amante della natura e degli animali che non pensa di trovare un rapporto duraturo soprattutto con un ragazzino che ha quasi la metà dei suoi anni ma lentamente inizia a provare dei sentimenti profondi che lo spaventano. Il suo entusiasmo per questa relazione inusuale lo porta a fare un errore di valutazione che potrebbe rovinargli la felicità ritrovata, in un paio di occasioni l’avrei preso a schiaffi ma saprà farsi perdonare.

Gli mancava e, come il belloccio stupido di ogni singola commedia romantica, era stato capace di capirlo soltanto quando non aveva più potuto averlo con sé. Aveva creato un disastro di proporzioni apocalittiche e si era alienato l’unica persona che l’aveva coinvolto così da quando aveva conosciuto Kayla.

Le storie del Collettivo sono sempre un sapiente mix di passionalità, tenerezza e amicizia. Impossibile non citare i comprimari di questa storia, Lance e Kayla. Uno l’amico sincero e fidato di Scott che sa essere un ottima spalla e un amico pronto ad aiutare nel momento del bisogno. Kayla l’ex moglie di Jesse, una donna sensibile, dolce e la sua migliore amica, sempre pronta a cazziarlo e a riportarlo con i piedi per terra. Una storia leggera e divertente con poco dramma, scorrevole e perfetta per questo periodo, impreziosita dalle illustrazioni di Daniela Barisone. Se cercate una lettura per staccare la spina qualche ora, leggetelo. Io sto già aspettando un nuovo lavoro di questo team, non vedo l’ora.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Pubblicato in: lux lab, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione “L’Agenzia: Venezia” – Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet

Daniela Barisone & Juls S K Vernet

Titolo: L’Agenzia: Venezia
Autore: Daniela Barisone & Juls S. K. Vernet
Serie: Soglie Instabili #2
Genere: Contemporaneo, Suspance
Casa Editrice: Lux Lab
Prezzo: 2,99€
Link all’acquisto: 
L’Agenzia: Venezia

SINOSSI

La cosa interessante dell’Agenzia, nonostante non esista e nessuno sappia cosa sia, è che ha le stesse dinamiche di un qualsiasi ufficio del mondo. Tutto nasce, cresce e muore nell’Agenzia, dalla carriera alle amicizie. E anche le relazioni.
Marco Vianello è il Capo della Sicurezza della serenissima Agenzia Venezia ed è alle prese con il suo particolare rituale di corteggiamento per il Capo Chimico Sebastiano Zanet, fatto di caramelle al miele.
Tra le calli di Venezia, passeggiate sul ponte killer Calatrava, strani alberghi diurni spuntati dal niente e vecchie conoscenze in visita nuziale, la relazione tra Marco e Seba sembra procedere verso il meglio.
Quello che non si aspettano, è che la loro realtà venga ribaltata all’improvviso da un’invasione nemica e distrutta per sempre.
O forse no.
Ding. Ding. Ding. Diiiiing. Diiiiing. Diiiiing. Ding. Ding. Ding.

Tfpeel2

Amo il Collettivo Lux Lab, hanno creato un mondo davvero bello e anche divertente, andiamo a conoscere meglio Marco e Sebastiano dell’Agenzia Venezia!
Marco Vianello è un uomo vicino alla quarantina, con un matrimonio finito per colpa del suo lavoro, papà di un bambino di sei anni, una ex moglie non sempre collaborativa ed è a capo della sicurezza dell’Agenzia della Serenissima. Non sta cercando una storia importante ma la conoscenza del giovane capo del settore chimica lo sta portando a rivalutare il pensiero di divertirsi senza impegno. A differenza di Milano, su Venezia le “soglie” si aprono nei luoghi, la terra è estremamente instabile, un attimo prima sei a casa sul divano, il momento dopo sei in un vecchio albergo con un Custode che non si rivela particolarmente simpatico.
Sebastiano Zanet è un ragazzo poco sopra la ventina, biondo, occhi azzurro chiaro, un fisico sottile e un’aspetto da ragazzino che è allo stesso tempo un pregio e un difetto, rischi che gli altri non ti prendano sul serio. A capo del settore chimico dell’Agenzia da oramai due anni, frequenta l’ambiente da cinque anni, è un ragazzo molto intelligente, perspicace e tanto determinato sul lavoro quanto una frana nelle relazioni personali. E’ stato impegnato per anni a studiare e solo studiare, non ha avuto tempo per uscire con i ragazzi e non si capacita come possa attirare l’attenzione di un bell’uomo come il capo della sicurezza, è convinto che Marco faccia il filo ad una delle sue colleghe, la Vio. Scoprire che l’uomo è interessato a lui lo manda in estasi e nel panico, non sa come comportarsi, non ha mai avuto un ragazzo e non ha neanche mai baciato nessuno.
Marco è elettrizzato nel sapere quanto è ingenuo e dolce Seba, ma ogni volta che la situazione si fa più calda, succede sempre qualche impiccio che li fa rimandare il momento clou in cui finiranno a letto insieme. Mentre si trovano a collaborare con un paio di vecchie conoscenze milanesi, scoprono che esistono alberghi e Custodi, iniziano a sospettare che i componenti del Direttivo Nazionale non sono certo tutti delle brave persone e mentre l’attrazione e l’affetto cresce in entrambi si trovano a dover affrontare un caso urgente che potrebbe distruggere il loro nascente legame e tutto il loro mondo.

Non sapeva per quale congiunzione astrale, ma Sebastiano era così morbido e arrendevole contro di lui che non poté resistere. Si chinò quel tanto da potergli raggiungere la bocca con la propria e lo baciò proprio lì, in mezzo al ponte, con tutta la gente che passava loro intorno senza degnarli neppure di una seconda occhiata e il portantino Mohammed che cercava di investirli col suo carrellino portabagagli, urlando con uno spiccato accento arabo ‘ocio ae gambe!

Anche in questa avventura ho amato e apprezzato entrambi i protagonisti. Marco è un uomo tutto d’un pezzo ma solo all’apparenza, la dolcezza e l’affetto per il giovane Seba lo trasformano in un coccolone passionale e protettivo. Sebastiano è un ragazzo tenero e affettuoso che non ha mai avuto modo di mettersi alla prova sia nel lavoro che nel privato, trovare un uomo come Marco lo porta a superare dei limiti che non sapeva neanche di avere e il rischio di perdere la persona amata spinge entrambi a dare il meglio di loro.
I punti di forza di questa saga sono molteplici. Dalla descrizione dei protagonisti, alla sfaccettatura di ogni personaggio, da quelli più presenti come le due colleghe di Seba o il loro capo, il burbero Gabriele Scarpa, alle comparse. Un mondo ben descritto, con una mitologia ben delineata che per il momento non da segno di buchi di trama. E’ chiaro che le autrici si sono più che ispirate a saghe conosciute ma denotano una originalità non facile da gestire. Sempre molto bello il dialetto locale, alcune espressioni veneziane mi hanno davvero divertita come era successo già nel primo capitolo ambientato a Milano.

Marco gli morse il petto all’altezza della clavicola e scese a suggergli un capezzolo con decisione, mentre con le dita gli torceva l’altro e Seba fu costretto a inarcarsi per la scarica elettrica che gli attraversò il corpo. Adorava quella sensazione, ne aveva sete come se avesse camminato per giorni nel deserto. Il suo corpo aveva ricevuto talmente poche di quelle attenzioni che ogni tocco del suo compagno gli dava nuova vita.

In conclusione un’altra bella storia arricchita dai disegni di Daniela Barisone, con due protagonisti ben gestiti, una trama sempre intrigante e mai banale. Le autrici hanno il dono di arricchire la trama sempre con qualche elemento a sorpresa, in questo caso i due micetti Cigolo e Mika tanto per farvi un esempio.. Una lettura scorrevole e curata nel dettaglio, con elementi sci-fi e un po’ di romance che non guasta mai e che è perfettamente integrato nella trama. Se non avete ancora letto questa saga, iniziatela immediatamente io già non vedo l’ora di scoprire quale città troveremo nella prossima avventura, grazie Lux Lab per la copia in anteprima, vi aspetto al più presto.

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice