Pubblicato in: quixote edizioni, recensioni

Recensione “Aftershock” – Tanya Chris

Titolo: Aftershock
Autore: Tanya Chris
Serie: Ever After #2
Genere: BDSM, Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Aftershock

SINOSSI

Venire assolto per l’omicidio di Jamie non lo riporterà indietro. Syed può anche essere libero, ma ha perso il suo amante e il suo sub, insieme al suo senso del controllo, alla sua libido, ai suoi amici e al coraggio di infliggere il tipo di dolore grazie al quale Jamie fioriva. Perfino il suo appartamento altolocato non gli si addice più.
Dashiell è attratto dall’uomo affascinante che ha rappresentato in tribunale, ma si è ripromesso di non iniziare mai più una relazione con un altro playboy troppo sicuro di sé. Il suo prossimo fidanzato, se mai troverà qualcosa del genere, lo vedrà come qualcosa di più di un piano di riserva. E come potrebbe dare a un uomo come Syed ciò che vuole, in ogni caso?
Dashiell teme il giorno in cui Syed gli chiederà di sopportare più dolore di quanto lui possa gestire, mentre Syed si sforza di conciliare i nuovi sentimenti che prova verso Dashiell con quelli che ancora serba per Jamie. La loro relazione appena nata potrà sopravvivere alla scoperta che il nuovo sub di Syed potrebbe essere l’avvocato difensore dell’uomo che ha ucciso il suo precedente amante?
Jamie merita giustizia, Dashiell merita amore e Syed vuole essere colui che darà a entrambi questi uomini esattamente ciò di cui hanno bisogno.

Lady Marmelade2

Ora che è stato prosciolto da ogni accusa di aver ucciso il suo compagno, Syed ha finalmente il tempo di piangerlo: Jamie gli mancherà sempre e ora è venuto il momento di dirgli addio.
Ognuno di noi reagisce diversamente al dolore per la perdita; non c’è una “maniera” giusta di soffrire, né di piangere per qualcuno; la persona che non c’è più ha condizionato la nostra vita, l’ha cambiata e quando viene a mancare il nostro equilibrio ne esce compromesso.
Syed, Dom oscuro, pacato, silenzioso, non fa eccezione e ora non sa come andare avanti senza la gioia che il giovane e solare Jamie portava nella sua vita.
Jamie era il Sub perfetto per un Dom come lui, aveva arredato la loro casa in funzione della loro vita di coppia, ma ora gli è aliena e distante.
Syed non si sente più a suo agio in quella grande casa così minimalista e monocromatica, soprattutto da quando nella sua vita è entrato Dashiell, l’aiuto avvocato che ha contribuito a farlo assolvere da quell’accusa infamante.
Dashiell è sempre più attratto da questo uomo che solo con uno sguardo riesce a dominarlo; non ha mai avuto interesse per le pratiche del BDSM, ha una soglia del dolore bassissima, ma non riesce a resister al richiamo della voce di Syed, anche quando gli chiede di fare le cose più semplici, come mettersi in ginocchio per lui:

“La sua coscienza era andata da qualche parte al di fuori del tempo, in un luogo dove da lui non era richiesto nulla tranne mantenere quella posizione contro il muro.”

Dashiell è stupito dal fatto di voler compiacere a tutti i costi quell’uomo così silenzioso, dalle movenze eleganti pari a quelle di un felino aggraziato, ma ha il terrore che l’uomo si stanchi alla svelta di lui, appunto perché sa di non poter competere con il defunto Jamie in materia di resistenza al dolore.
Essendo un neofita del genere non sa che ognuno cerca qualcosa di diverso nel BDSM: che chi brama il dolore attraverso strumenti diversi, chi pratica giochi di sangue che coinvolgono Jamie, chi gioca con le candele, ma c’è anche chi vuole solo obbedire al suo Dom per compiacerlo. Sono tutte variazioni sul tema, nulla va dato per scontato e nulla è dato per scontato. Ognuno è libero di testare quello che sente più vicino al suo essere, anche perché Syed sembra molto interessato a testare i limiti del bel avvocato:

“…tutti cercando qualcosa di diverso… sono fortunato ad averti Dashiell, o maledetto ad aver perso Jamie? Mi sento entrambe le cose, ma com’è possibile?”

Syed si trova a un bivio: non è più il Dom di un tempo, quello perfetto per un sub come lo era Jamie, ma la sua natura è pur sempre quella di un dominatore e Dashiell sembra pronto a compiacerlo.
Syed non dimenticherà mai Jamie e le circostanze che glielo hanno strappato, ma si rende anche conto che Jamie non vorrebbe che si annullasse nel suo ricordo e passasse la vita a piangerlo senza viverla. Dashiell non sarà mai Jamie, ma va bene così perché ora Syed è una persona diversa, nuova, pronta a essere l’uomo giusto per il giovane avvocato:

“Aveva trovato Dashiell nell’oscurità che Jamie si era lasciato dietro, un’anima più profonda che si appoggiava in modo più silenzioso contro la sua, un uomo per l’uomo che lui era divenuto.”

Dashiell non vive in competizione con la memoria di Jamie, sa che nel cuore di Syed ci sarà sempre posto per lui, e si rendono conto entrambi che senza la sua morte le cose tra di loro non sarebbero mai potute diventare quello che sono. La vita del resto è questa: si nasce, scresce, se h a fortuna si ama e si è amati, ma non ci è dato conoscere il tempo che trascorreremo sulla terra, quindi si dovrebbe cercare di vivere il nostro tempo in maniera piena…
Non fa parte dell’animo umano dimenticare chi si ha amato, sarebbe contro la natura stessa che ci rende umani, che ci rende empatici – più o meno tutti!, e che ci spinge ad essere felici accanto ai nostri simili.
Un libro che parla di dolore, perdita, sofferenza ma anche di rinascita e dei diversi modi di vivere una relazione amorosa senza che per forza si debba essere giudicati per quello che si fa in camera da letto. Un libro toccate sì, ma anche con il giusto punto di piccante quando Dashiell sperimenta la nuova dimensione della sua sessualità.

Ps: l’indagine sulla morte di Jamie è stata riaperta e in questo libro conosceremo il nome dell’assassino che lo ha strappato a Syed e che cambierà ancora una volta la vita dei protagonisti.

4.5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...