Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Stelle” – Tal Bauer

Titolo: Stelle
Autore: Tal Bauer
Serie: Executive Power #2
Genere: Politico, Suspance, Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Stelle

SINOSSI

Per due anni, Sasha Andreyev è stato addestrato per diventare un astronauta della NASA, il passo finale del sogno della sua vita. Durante quel periodo, lui e il presidente Sergey Puchkov hanno tenuto il loro amore segreto. Ma mentre la fine dell’addestramento si avvicina, i segreti iniziano a sfuggire e Sergey parte per un pericoloso viaggio a Houston per passare il fine settimana con Sasha.
Poco dopo il loro weekend, un satellite sovietico – una reliquia della Guerra Fredda che non avrebbe mai dovuto esistere – torna operativo. La NASA prepara una missione d’emergenza e l’unico astronauta russo reduce dall’addestramento viene scelto per unirsi all’equipaggio: Sasha Andreyev.
Sasha sale tra le stelle, dove lui e il suo equipaggio sono incaricati di neutralizzare l’arma sovietica perduta da tempo, prima che sganci una bomba atomica sugli Stati Uniti. Qualcuno rimasto a Terra, però, sta lavorando contro di loro e vuole recuperare sia il satellite vhe l’arma che contiene.
Ma l’orbita terrestre nasconde più di un segreto di cui la storia ha cercato di disfarsi…
I fantasmi sovietici devono rimanere morti.
Quanto sono disposti a sacrificare Sasha e Sergey per salvare il mondo… un’altra volta?

Slanif2

Dopo le vicende di “Ascensione”, ritroviamo Sasha Andreyev e Sergey Puchkov due anni dopo, il primo in procinto di diventare Astronauta e l’altro ancora Presidente della Federazione Russa, che faticosamente arranca tra crisi economiche e interne. Sono più innamorati che mai, ma ci sono circa novemila chilometri a separarli, quindi non è facile.
Sasha, infatti, sta studiando alla NASA, a Houston, in Texas, negli Stati Uniti d’America. Sta cercando di farsi un nome e di dimostrare che è quello che la NASA vuole, quello di cui hanno bisogno. Ce la sta mettendo tutta per realizzare il suo sogni di volare tra le Stelle.
Di sicuro il suo mentore e insegnante Mark Keating, pensa che lui sia più che pronto e valido per diventare un Astronauta.
L’uomo, infatti, tiene in grande considerazione il ragazzo e ha grandi progetti per lui per il futuro. Inoltre, lo rispetta anche come uomo e infatti nel corso dei due anni di addestramento, hanno stretto una solida amicizia fraterna che sarà un collante importante poi per tutto il libro e che dimostrerà quanto Sasha sia cambiato nel profondo e abbia imparato a fidarsi degli altri.
Il suo rapporto con Mark è uno specchio della sua crescita e mi è piaciuto tantissimo, ricordandomi un po’ quello che c’è tra Sergey e Ilya, o Ethan e Scott.

Aveva dimenticato che anche il sole era una stella, e invece che una freddezza dura come il diamante, il sole aveva portato calore nell’intero sistema solare. Inondava ogni cosa di luce come una calda radiazione che trapassava le ossa. Sergey era il suo sole, la stella più luminosa e calda del suo universo, e aveva acceso come un fuoco la sua esistenza.

Non voglio spoilerarvi troppo cosa succede, ma sappiate che starete quasi sempre con il fiato sospeso, in bilico tra il voler lanciare l’e-reader dall’altra parte della stanza e il sapere cosa succede nella riga successiva.

Nella vasta immensità dell’universo, Sergey Puchkov era innamorato di lui. E Sasha lo ricambiava, il loro era un amore che si estendeva per tutta l’ampiezza e la profondità dello spazio, come la luce del sole che si spinge oltre Plutone.

Se “Ascensione” ci aveva regalato un romanzo più pacato, introspettivo e significativo dal lato “umano”, “Stelle” ci regala una vicenda di quelle a cui Tal Bauer ci ha abituati: adrenalinica, romantica, piena di colpi di scena, ambientazioni spettacolari e fiato sospeso.
Un romanzo che è una nuova certezza e che chiude molte cose ma ne apre tante altre, quindi è inutile che stia qui a dirvi quanto spero che l’autore pubblichi presto anche il terzo volume e che venga altresì tradotto velocemente in italiano, perché non posso rimanere così, senza sapere cosa succederà ancora a questi due e al Mondo intero di conseguenza!

Sergey non aveva capito. Il giorno più felice della sua vita non era quello in cui era andato nello spazio.
Lo viveva tutte le mattine in cui si svegliava tra le sue braccia. Era un pomeriggio passato a ridere, le cene, le notti a letto a fare l’amore o semplicemente tenersi stretti. Il giorno più felice della sua vita era il mattino successivo, e quello dopo ancora, era una vita di giorni perfetti in modo imperfetto, era il loro universo, il loro mondo che orbitava attorno alla pura felicità.

Sergey e Sasha, seppur diversi, sono due personaggi meravigliosi che continuo ad apprezzare di pagina in pagina, di storia in storia. Ne apprezzo l’integrità morale, l’amore che riescono a trasmettersi e in generale l’evoluzione che riescono a compiere, anche se il Mondo intero e persino lo Spazio sembrano remare contro di loro.

«Non mi arrenderò finché il mio corpo non si schianterà a terra. Finché non esalerò il mio ultimo respiro, finché non chiuderò gli occhi per non aprirli mai più. Non c’è niente di certo quassù. Non la prossima orbita, non il nostro prossimo respiro. Se mi arrendo, a quel punto avremo solo una certezza. La certezza che è tutto finito. A quel punto, dovrei accettare di non avere alternative, di non avere speranze di rivedere Sergey.»

È stato bello ritrovare Jack, Ethan, Ilya, Welby e un accenno di Scott. Altrettanto non lo è stato rivedere Elizabeth Wall, l’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America, che ha tenuto un comportamento che onestamente mi ha disturbata. Okay la sua posizione, ma non fare niente e lasciare così le cose a marcire, l’ho trovato davvero orribile come gesto. Anche a fronte del legame affettivo che ha con determinate parti, o comunque la lealtà che ha professato in passato verso altre.
Di sicuro ho amato il rapporto di Sasha e Kilaqqi, che anche stavolta si dimostra un Padre Spirituale per lui, ma soprattutto un Padre nel senso affettivo del termine, come Sasha non ne ha mai avuto. Un uomo che non ha nessun legame con lui, nessun obbligo, eppure è capace di amarlo come nemmeno i suoi genitori biologici sono riusciti a fare.

Per un istante, per la frazione di un secondo, le loro anime sembrarono scivolare via dai loro corpi e fondersi insieme. I loro atomi cominciarono a unirsi, a danzare in orbite gioiose, finalmente riuniti dalla loro separazione. Per la durata di un respiro, Sergey percepì ogni singola parte del corpo di Sasha, particelle, gluoni e protoni. Erano due corpi e una sola anima divisa la notte dei tempi e alla continua ricerca dell’altra metà, di un ricongiungimento, nel tentativo di rendere le loro vite ancora una volta intere.
Per mezzo secondo, furono una cosa sola.

Che dire, dunque, se non “Leggetelo”? Ho amato ogni pagina e non vedo davvero l’ora di scoprire come proseguirà questa meravigliosa storia d’amore, così potente da far risplendere la Terra e tutte le Stelle.

5

La copia ARC è stata fornata dalla Casa Editrice

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Recensione in anteprima “Stelle” – Tal Bauer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...