Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Il suono del domani” – Sara Santinato

Sara Santinato (1)

Titolo: Il suono del domani
Autore: Sara Santinato
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Il suono del domani

SINOSSI

Alan Mars è un sedicenne prodigio del violino, ma poco prima del suo debutto, sua madre perde la vita in maniera tragica. Alan si sente in colpa per l’accaduto, e dopo quattro anni porta ancora con sé le cicatrici di quel giorno. Tormentato da incubi e fobie, non riesce a lasciare andare il passato e a condurre una vita normale.
A incrinare la sua già fragile quotidianità interviene la dichiarazione del padre, che decide di accogliere in casa la sua nuova compagna con il figlio venticinquenne: Jay Dunst.
La convivenza con Jay si dimostra da subito impossibile: Alan cerca di nascondere le proprie fobie per non essere preso di mira e nello stesso tempo dichiara guerra a Jay per allontanarlo da casa. Interviene Roy, migliore amico di Jay, che si avvicina sempre di più ad Alan. Jay è turbato dalla loro improvvisa e immotivata vicinanza e per qualche ragione vederli insieme lo sconvolge.
Alan nasconde le sue paure, Jay sembra avere un segreto che non vuole confessare.
Uno di loro deve fare un passo indietro lasciando l’altro libero di vivere la propria vita serenamente, oppure entrambi finiranno per distruggersi a vicenda.

Tfpeel2

Alan è la sola voce narrante, un ragazzo di sedici anni, prodigio musicale che potrebbe fare della sua passione una carriera ma sopravvive ad un incidente in cui perde la vita la madre e da quel momento abbandona sogni di gloria e il suo amato violino che finisce chiuso in uno scatolone. Dopo il prologo ritroviamo Alan come un ventenne che è malapena riuscito a diplomarsi, un ragazzo arrabbiato, con tante problematiche e tanti incubi e fobie che non lo lasciano libero di vivere la sua vita.
Un giorno il padre gli fa sapere di essere andato avanti con la sua vita, da due anni frequenta una donna che ha conosciuto sul lavoro, si è innamorato e vuole che lei e il figlio Jay vivano con loro. Per Alan è un trauma ulteriore, fa una terribile scenata al ristorante prima e a casa sua il giorno dopo quando scopre che sono andati a vivere con loro. Insulta la donna, urla e da di matto, poi avviene una delle sue crisi, panico e respiro accelerato e dopo aver rimediato un pugno da Jay decide che quei due intrusi devono sparire da casa sua al più presto. Con l’aiuto di Dave, il suo migliore amico, cerca di scoprire i segreti della donna che si è permessa di prendere il posto di sua madre nel cuore del padre. Quando pensa di avere in pugno i due estranei capisce che la realtà è ben diversa da quanto immaginava. Ma mentre accetta Maggie, detesta il figlio e siccome ha paura di essere deriso e preso in giro da quel ragazzo più grande di lui, passa le notti nella casa sull’albero. Quello che non immagina è che Jay sa già tutto quello che deve sapere di lui e non farebbe mai nulla per ferirlo o deriderlo anzi è seriamente preoccupato dalle urla di terrore che tengono sveglio Alan quasi tutte le notti e che vuole tenere nascoste anche al padre per non tornare in terapia.

Non gli risposi. Ero confuso su Jay, non riuscivo a capirlo. A volte sembrava crudele, come quando mi aveva accusato di aver ucciso mia madre, altre volte gentile, come il giorno in cui aveva cercato di darmi un passaggio in macchina, altre ancora indifeso, come quando si agitava nel sapermi con Roy e nell’immaginarci intenti a parlare di lui e della sua famiglia.

Ho fatto difficoltà ad entrare in sintonia con Alan, spesso e volentieri la sua boccaccia dice solo cose adatte a ferire le persone. Non capisce mai quando è il momento di farsi da parte. Per buona parte della storia è solo un ragazzino egoista, testardo, troppo orgoglioso per chiedere aiuto e talmente arrabbiato con la vita da non trovare pace. Lui è infelice, non ha più uno scopo, non sa cosa fare da grande, non vuole che il padre si rifaccia una vita e fa di tutto per cacciare di casa Maggie e Jay.
Un ragazzo ferito, spaventato e con un peso sulla coscienza che fa fatica a lasciare andare. Si ritiene responsabile della morte dell’amata madre che si è sacrificata per salvargli la vita, in fondo è tutta colpa delle sue prove con l’orchestra, se non fosse andata ad ascoltarlo non avrebbero avuto l’incidente e lei non sarebbe morta. Ha lasciato la sua passione quasi come una punizione perché lui è sopravvissuto, inoltre crede che anche il padre lo colpevolizzi. Per sua fortuna accanto a lui è rimasto Dave, il suo migliore amico, quasi pronto a tutto per farlo stare meglio. Lavorano insieme la sera nel pub della madre di Dave, grande amica della mamma di Alan. Una donna dolce e determinata che ignora che il figlio e l’amico siano gay ma che dimostra di essere una persona importante per Alan, sempre pronta ad appoggiarlo ma anche a dargli una strigliata quando la merita, visto che il padre sembra incapace di essergli accanto, troppo impaurito delle sue reazioni.
Jay è un personaggio che conosciamo solo per voce di Alan, capisco il motivo per il quale non ci sono suoi pov e un po’ mi è dispiaciuto perché è un personaggio bello e ben caratterizzato ma alcune volte avrei sentito il bisogno di ascoltare la sua voce, capire cosa sente e cosa prova, quando la storia con Alan si fa importante e profonda rimane sempre un velo di mistero sulle sue azioni. Nonostante questo è un personaggio che ho amato sin da subito, leale, sensibile, legato a sua madre ma ahime anche ad un padre davvero pessimo, un uomo fallito e miserabile che fino all’ultimo cerca di tenere legato a se dimostrando molto egoismo. Ho amato il modo in cui non si arrende con Alan, gli sta vicino e si fa anche un po’ maltrattare, ho apprezzato anche quando perde la pazienza, giuro gli avrei fatto un applauso anche se dal suo momento di rabbia inizia il vero avvicinamento con Alan. Pur amando il personaggio ammetto che ad un certo punto gli avrei dato quattro schiaffi per come si è comportato, pur convinto di fare la scelta migliore ha davvero rischiato di mandare tutto all’aria.

Tutta l’ansia che avevo provato dopo che Jay ci aveva fatti scoprire era finalmente scomparsa. Mi sentivo bene. Amavo stare in compagnia di Dave e Roy. Adoravo parlare con Amy e lavorare nel suo locale. Avevo creato con fatica quel mio piccolo mondo e mi ero affezionato a quelle persone, mi fidavo di loro e la sola idea di perderle mi faceva male. Avevo bisogno di avere la loro approvazione, sapere che era tutto come prima. Avevo ricominciato a fidarmi di chi mi stava accanto. Stavo cambiando anche in quello.

Un’altra storia molto bella anche se non semplicissima come nello stile dell’autrice. Alan e Jay sono due personaggi che hanno molto da dire, che fanno errori, che si fanno del male a vicenda ma il sentimento che c’è tra loro forse è più importante di tutto il resto. Un buon numero di personaggi secondari che non sono messi li per fare scena, come non citare il buon Roy, l’amico di Jay che ignora la realtà sotto il suo naso, Dave e sua madre che cercano di stare vicini ad Alan e non vogliono che rimanga chiuso nel suo passato. Ho apprezzato un po’ meno il papà di Alan, alcune sue scelte non le ho ne capite ne accettate ma anche lui trova modo di riscattarsi un po’. Una storia di dolore e riscatto che ancora una volta mi ha conquistata, ma ho una piccola rimostranza, perché non dare un epilogo, mi hai fatto soffrire fino alla fine! Se ci fosse in programma la storia con Dave e Roy io sarei felice e non penso di essere la sola.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...