Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “La notte perfetta” – Lisa Henry

Lisa Henry (1)

Titolo: La notte perfetta
Autore: Lisa Henry
Genere: Storico, Gap Generazionale, Militare
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 1,49€
Link all’acquisto: La notte perfetta

SINOSSI

Townsville, Australia, 1943.
Tanner è un capitano dell’esercito americano in servizio presso un avamposto radio dislocato nel mezzo del nulla.
Nick è un guardiacoste e Tanner ha sempre e solo sentito la sua voce alla radio.
I due uomini si incontrano all’apice della guerra, quando non esiste nulla di certo se non il fatto che Tanner e Nick meritano di vivere una notte perfetta.

Slanif2

È il settembre del 1943 e siamo in Australia nel pieno della Seconda Guerra Mondiale.
Gli uomini sono stanchi, provati, sfiduciati e molto soli. Ed è su questa solitudine che si basa l’incontro tra John Tanner (militare americano ed ex insegnate di letteratura alle superiori) e Nick (guardiacoste australiano). Due uomini che non sembrano avere nulla in comune, e che invece condividono il più oscuro dei segreti.
Sarà proprio quel tabù, compreso grazie a uno sguardo e a qualche parola mirata, a far sì che una notte che poteva essere solitaria e banale, si trasformi invece nella notte perfetta. In un susseguirsi di ore magiche, quasi irreali, in cui pare di essere in un sogno profondamente malinconico. Sembra di guardare due figuranti che, pieni fino all’orlo di paura e angoscia, fingono per una notte che tutto non sia com’è e che anche per loro – anche in quella situazione, anche in quell’angolo sperduto di mondo – possa esserci della felicità nascosta.

«E così,» disse Tanner, «devi ripartire domani.»
«Domani,» echeggiò Nick, girandosi verso di lui.
«Che piani hai fino ad allora?» gli chiese Tanner con il cuore che gli batteva più forte.
Nick lo guardò dritto negli occhi. «Voglio soltanto passare una notte perfetta prima di ripartire.»

Una storia dolce-amara che comincia con John Tanner in fila per consegnare dei documenti militari e alle spalle una voce: quella di “Cielo Blu”, il guardiacoste che in maniera regolare aggiorna lui e i suoi compagni su ciò che succede lì in Australia. Tanner lo chiama così perché il ragazzo è solito dire sempre qualcosa a riguardo di quanto il cielo sia blu quel giorno, e quando si avvicina per offrirgli una birra come ringraziamento per il suo lavoro e la capacità di quella voce gracchiante alla radio di farli sentire meno soli e isolati dal resto del mondo, si trasforma nella notte perfetta. In quella indimenticabile. In quella in cui si diranno addio, ma in cui mai si dimenticheranno.
Una storia brevissima (neanche trenta pagine) ma molto toccante, che spero preveda un seguito, perché il finale mi ha lasciata sul filo del rasoio e piena di profonda tristezza verso il destino riservato a questi due uomini.
È il primo romanzo che leggo di Lisa Henry e devo dire che mi è davvero piaciuto il suo stile. Semplice, ma al contempo preciso e catalizzante, mi ha tenuta incollata alle pagine. Consigliato!

4


La copia ARC è stata fornita dall’Autrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...