Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “La storia di Yanni” – N. R. Walker

N R Walker (6)

Titolo: La storia di Yanni
Autore: N. R. Walker
Serie: Spencer Cohen #4
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale, Kink
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: La storia di Yanni

SINOSSI

Quando Yanni Tomaras viene sbattuto fuori di casa, le ultime parole dei suoi genitori sono insulti religiosi e l’ordine di non tornare mai più. Disperato e senza un tetto sopra la testa, viene adescato da Lance – un uomo all’apparenza perfetto, ma con un predatore perverso celato nell’animo – che abusa di lui fino a quando Yanni non trova il coraggio di andarsene.
Yanni dovrebbe sentirsi libero. Ma quando Spencer Cohen lo trova, si rassegna all’idea di essere riportato da Lance e vivere ancora una volta nella paura.
Iniziare il college e un lavoro part-time permette a Yanni di tornare a vivere. Ma è la passione per i film muti a condurlo a Peter Hannikov, una persona dall’animo gentile ma con il doppio dei suoi anni. Un’improbabile amicizia tra i due sboccia in qualcosa di più grande. Nemmeno l’uomo sa cosa vuole, all’inizio. Capirà in seguito che ciò di cui ha bisogno è proprio la storia di Yanni.

“Per anni ho vissuto come un uccellino in trappola con le ali tarpate, torturato e picchiato.
Credevo di essere fuggito, una volta lasciato il mio aguzzino, ma con il senno di poi ho capito di essere ancora prigioniero, stavolta, però, della paura e dell’insicurezza.
Spencer e Andrew, insieme ai suoi genitori, hanno spalancato la porta della gabbia in cui ero rinchiuso.
Ma è stato Peter a insegnarmi a volare.”

Avvertenze: Questo romanzo contiene scene di violenza, suicidio e abusi sessuali. Consigliato a un pubblico consapevole.

Lady Marmelade2

All’epoca della fine del terzo di libro della serie “Spencer Cohen”, quando seppi che l’autrice avrebbe “regalato” un libro anche a Yanni, personaggio che era balzato all’occhio a tutti i lettori, ero al settimo cielo!
Quel ragazzo pelle e ossa, spaventato a morte dopo essere stato rintracciato da Spencer mi aveva colpito molto; avevo intuito che la sua storia fosse dolorosa, credevo di essere preparata al peggio, ma sentirlo raccontare da lui, mi ha spezzato il cuore:

Piansi per tutto il male ricevuto, per quello che avevo perso. Piansi per ciò che mi era stato tolto: la dignità, l’orgoglio, l’autostima. Piansi per la persona che ero, poiché era morta. Per l’innocenza e la gioventù che mi erano state strappate via e mi sentii vecchio. Avevo ventun anni, eppure mi sembravano cento.

Yanni ha solo ventun anni; è giovane, ma ha un’anima antica; ama alla follia recitare, il teatro e i film muti una cosa che lo fa avvicinare da subito a Peter, un altro dei clienti di Spencer, che sta tentando di riconquistare il suo ex.
L’incontro con Spencer ha salvato letteralmente Yanni; il ragazzo stava fuggendo dall’ex violento ed era finito a vivere come senzatetto. Ha sempre cercato di farcela da solo, sin da quando è stato buttato fuori di casa dai genitori dopo il suo coming out.
Yanni è allo stremo delle forze quando viene rintracciato da Spencer, che con la sua innata empatia riesce a capire che il ragazzo ha bisogno del suo aiuto.
La via di Yanni subisce l’ennesimo cambiamento, ma stavolta in positivo, come se la vita finalmente si fosse resa conto di quanto il ragazzo abbia finora sopportato, e fosse pronta a ripagargli tutti i torti subiti.
Lo Yanni che si presenta a inizio libro è un ragazzino terrorizzato a morte, solo, sporco e indifeso, ma ancora puro nell’anima. Una purezza che non riesce a nascondere e che i genitori di Andrew – il compagno di Spencer – riconoscono subito.
I coniugi Landon prendono il ragazzo sotto la loro ala e lo accolgono come se fosse un figlio. Yanni non è abituato a tanta gentilezza e affetto incondizionato da parte di persone che alla fine sono estranei; chi farebbe tanto per qualcuno che non conosce? Per lui è davvero un mistero, è talmente abituato a venire rifiutato, ad essere considerato spazzatura, che tutto questo amore è davvero una sorpresa.
Yanni racconta la sua storia senza peli sulla lingua, non si vuole più nascondere perché vuole vivere appieno la sua vita:

«Rivoglio indietro la mia vita. Voglio riprendermi quello che lui mi ha tolto. Voglio essere chi sarei stato se non avessi mai incontrato lui.»

Davanti a sé ha un percorso lungo e difficile; deve affrontare il suo passato, permettersi di guarire e cercare di affrontare lui…
Dalla sua parte non ha solo Spencer e l’intero clan Landon, ma anche i suoi nuovi coinquilini, tutti ragazzi appartenenti alla comunità LGBTQ che hanno subito violenze, come lui. Un gruppo davvero assortito di ragazzi giovanissimi, che cerca di riprendersi il futuro che qualcuno ha deciso di sottrargli con la violenza fisica o psicologica, trovandosi un lavoro e finire gli studi, perché solo con la conoscenza si può avere un futuro.
Tutti siamo unici e diversi, non esistono due persone uguali al mondo, anche i fratelli gemelli hanno personalità diverse, quindi quello che noi definiamo “diversità” deve andare oltre il concetto di norma, come spiega bene la Signora Landon a Yanni:

«Ma anche gli altri sono fantastici.»
«Sono molto diversi gli uni dagli altri,» ammisi.
«Particolari,» mi corresse lei con gentilezza. «Diversi implica che sono fuori dalla norma.»

Yanni ha ripreso gli studi, ha trovato anche un lavoro part time per prendersi cura di se stesso, senza pesare ulteriormente sui Landon e l’associazione no profit che si occupa di lui.
Sta anche sviluppando un legame profondo con Peter, un’amicizia che non è mai stata solo quello. Il ragazzo da subito ha capito che quell’uomo buono e gentile non sarebbe rimasto per sempre un semplice amico, ma è terrorizzato dall’iniziare una nuova storia con qualcuno. Sa di non essere né emotivamente né psicologicamente pronto, ma sa anche che quando si prova così tanta affinità con qualcuno non bisogna gettarla al vento, bisogna coltivarla, nella speranza che l’altra persona sia disposta ad aspettarci:

«Ma cosa succede quando incontri la persona giusta al momento sbagliato? Aspetti?»
Annuì decisa. «Aspetti. E se non è disposto ad aspettare, allora non è quello giusto.»

Peter e Yanni hanno tanto in comune, anche se ha parecchi anni di differenza, tanto che la maggior parte delle volte, quando escono per andare al cinema o per un caffè, vengono scambiati per padre e figlio!
Peter è sempre stato attratto dai ragazzi più giovani e Yanni dagli uomini più grandi; Peter vive per accudire gli altri, ama prendersi cura delle persone che ama, le difenderebbe a tutti i costi, mentre Yanni è sempre stato alla ricerca di qualcuno che lo amasse dal più profondo del cuore e che si prendesse cura di lui e dei suoi bisogni.
I due sono fatti l’uno per l’altra proprio per questo bisogno di essere il protettore e il protetto l’uno dell’altro:

Peter mi strinse a sé, nel calore delle sue braccia. Mi lasciai andare volentieri, con smania e sollievo. «Sei al sicuro con me,» mi sussurrò accanto alla testa. E lo ero. Non mi ero mai sentito così protetto. Non sapevo spiegarlo. In quel momento, seppi che con lui sarei sempre stato al sicuro.

Yanni e Peter sono anime affini, hanno un intesa che forse la maggior parte delle persone non potrebbe capire, viso come  vivono il loro rapporto di coppia: Peter è quello che si chiama un Daddy, un uomo che vuole a tutti costi proteggere e accudire il suo “bimbo”, che in questo caso è Yanni, che da sempre vuole essere amato da qualcuno che sia un bravo papà.
Si può prendere questo tipo di rapporto e vederlo come un Kink, come un gioco di ruolo per la coppia, ma per Peter e Yanni va oltre, è un modo di essere e nessuno dovrebbe permettersi di giudicare come decidono di vivere il loro rapporto.
Personalmente non so se riuscirei a gestire un rapporto del genere, non fa per me, e a tratti ho arrancato un po’ a capire del tutto questo loro modo di vivere, ma questa non è la mia storia: è la loro.
La storia di Yanni” è un libro corposo, completo, che abbraccia a trecentosessanta gradi tutti i personaggi che hanno contribuito a far rinascere Yanni e conclude in maniera magistrale questa serie, senza tralasciare nessuno, senza lasciare indietro nessuno, perché ora Yanni ha una grande famiglia allargata che lo ha accettato.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...