Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Cuore di Terra Rossa 2” – N. R. Walker

N R Walker (2)

Titolo: Cuore di Terra Rossa 2
Autore: N. R. Walker
Serie: Cuore di Terra Rossa #2
Genere: Contemporaneo, Cowboy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Cuore di Terra Rossa 2 

SINOSSI

Fino a quando Travis non è arrivato sulla porta della sua casa, Charlie ha vissuto una vita solitaria. Si è isolato, circondato da un milione di acri di terra rossa, sotto un sole che spacca le pietre e solitudine.
Dopo sei mesi, l’inverno è arrivato sul deserto e Charlie finalmente ha quella vita che non aveva mai sperato di poter avere.
Ma ciò che comporta il vivere e lavorare insieme ventiquattro ore al giorno, sette giorni a settimana, per sei mesi di fila, inizia in qualche modo a farsi sentire.
Charlie è un uomo molto, molto cocciuto, che tende più a fare conversazioni nella propria testa che non a parlare sul serio, mentre Travis non ha problemi a dire quello che gli passa per la mente. E anche se si sforzano di comunicare, Charlie capisce che sta allontanando Travis, eppure sembra incapace di smettere di farlo.
Quando tutto si ridurrà alla questione se Travis debba andarsene o meno, forse non spetterà a loro prendere questa decisione.

Evelyne2

«Lui è tutto erba verde, e io sono più un tipo da terra rossa.»

Ho scelto questa frase per iniziare la recensione perché penso rispecchi in pieno quello che è il pensiero di Charlie all’interno di questo libro. Ho trovato questo volume molto introspettivo, sicuramente più doloroso del primo, che voleva essere un’introduzione e una presentazione dei due giovani.
C’è stato un momento in particolare che mi ha stretto il cuore. Un dialogo che ha come protagonisti Charlie e Ma, un personaggio che ho amato molto e che mi ha permesso di vedere il lato umano di Charlie, più di quanto fosse visibile all’inizio. Lei e George sono sicuramente i due pilastri di Charlie, senza i quali non sarebbe se stesso. È curioso vedere quanto riesca a far vedere di se e al tempo stesso nascondersi, allontanandosi nel deserto con l’unica compagnia di Shelby, la sua fedele compagna.
Mi ha stupito molto la sua rinnovata sincerità. Un lato di lui che è venuto fuori grazie alla vicinanza di Travis, ma che ha molta difficoltà a mostrare a quest’ultimo.

«Sai, Charlie, adoro che tu riesca a parlarmi di queste cose. Non lo cambierei per nulla al mondo. Ma le stai dicendo alla persona sbagliata. Devi dirle a lui.»
«È più facile dirle a te.»
Ma rise. «Perché?»
«Perché tu non mi spezzerai il cuore.» Era la risposta che volevo dare nella mia mente, ma la dissi a voce alta.

È stato interessante leggere di quanto sia diversa la vita in Australia. Le descrizioni sono uno degli aspetti che ho amato particolarmente di questa lettura. L’autrice ci presenta la Stazione con attenzione, dando molta importanza all’ambiente che li circonda. Dodici ore di lavoro, giornate caldissime in estate e gelide in inverno, moltissimo bestiame da spostare due volte l’anno e più di due milioni e mezzo di acri da gestire. Una situazione che appare impossibile alla gran parte delle persone, motivo per cui le capacità gestionali e manuali di Charlie sono sorprendenti. La lontananza, di circa tre ore, dalla città è solo uno dei motivi per cui vivere nella terza Stazione più grande del paese diviene difficile in caso di necessità.
Charlie deve affrontare una nuova sfida e solo grazie al supporto di Travis riuscirà per la prima volta a non nascondersi dietro le parole di suo padre. Mostrarsi come uomo gay in occasione del raduno degli allevatori non è facile, ma lo è ancora meno tenere stretto al suo fianco il giovane americano.
Mi è piaciuto moltissimo l’inserimento del personaggio di Matilda, dolce piccolo canguro trovato da Travis durante una delle sue uscite nel deserto. Le reazioni di Charlie alla sua presenza sono esilarante e non vedo l’ora di leggere come reagirà nel terzo volume, considerando la “piccola” sorpresa che lo attende.
Ho visto un sostanziale cambiamento per quanto riguarda gli eventi accaduti e sospetto che la Walker ci farà soffrire ancora di più nei libri seguenti.

4.5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...