Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Assaporare l’oscurità” – Tibby Armstrong

Tibby Armstrong

Titolo: Assaporare l’oscurità
Autore: Tibby Armstrong
Serie: The Dark #2
Genere: Paranormal, Fantasy, Vampiri
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Assaporare l’oscurità

SINOSSI

Quando si incontra qualcosa per cui vale la pena morire, averne un assaggio non basta. Un’anima sperduta varca la soglia della morte e viene accolta da un principe vampiro che diventa il mentore di cui ha bisogno, e l’amante che ha sempre desiderato.

Mezzo umano e mezzo vampiro, Akito James vuole solo essere un eroe. Ma dopo aver deciso di attaccare una pericolosa congrega di streghe, viene esiliato per la sua iniziativa e abbandonato anche dai suoi migliori amici. Tormentato dalle voci nella sua testa, Akito si butta nel fiume Charles di Boston. Quando riprende conoscenza, scopre che a vegliarlo c’è uno spettro solitario che solo lui riesce a vedere: un vampiro alto, moro e vestito di pelle, che lo accoglie con calore nel regno delle ombre.
In una città tanto antica, persino i morti devono fare attenzione di notte. Nessuno lo sa meglio di Lyandros Dragoumanos, fratello del Signore della Guerra, condannato a vagare da solo per le strade di Boston, senza poter essere visto né sentito, fino a quando tra lui e uno sconosciuto tormentato dagli occhi lucenti e i capelli neri come l’inchiostro non scatta una scintilla. Dopo aver assistito al suicidio del giovane, Lyandros coglie al volo quell’occasione imperdibile. Akito potrebbe essere la chiave della sua salvezza… e il suo tocco la promessa di piaceri inenarrabili.

Evelyne2

Secondo volume della serie “The Dark”, “Assaporare l’oscurità” riprende la narrazione da dove ci siamo interrotti con la storia di Ben e Tzadkiel.
Akito e Lyandros sono due personaggi che avevamo già conosciuto. Akito lo avevamo visto in azione, al fianco di Ben, con il suo desiderio di aiutare ed essere per una volta al centro dell’attenzione. Al contrario, Lyandros era stato solo nominato alcune volte, senza mai darci informazioni precise su di lui.
Nonostante siano entrambi protagonisti della storia, il tutto ruota intorno ad Akito, con piccolissime eccezioni.
Sappiamo meno di Lyandros, eppure ho apprezzato maggiormente il suo personaggio, in particolare nella prima parte della storia. Successivamente mi è sembrato cedesse in qualche modo la sua personalità, divenendo un po’ altalenante e non mostrando più quel lato del suo carattere che mi aveva attratta in un primo momento.
Non mi sarei aspettata ci fosse un rapporto sub/dom tra i due, anche se non credo si possano inserire completamente in questa idea. Possiamo però rivederne alcuni comportamenti, questo è certo.
L’ambientazione è molto tenebrosa, oserei dire persino lugubre a volte. La disperazione di Akito aleggia costantemente nell’aria, anche nei momenti più belli e dolci.

Povero Akito. Una risata gli spedì un brivido lungo la schiena. Tu non sei un vampiro. Sei a malapena un uomo.

Trovo che l’autrice sia riuscita a rendere molto bene il bisogno di Akito di essere un eroe. Forse esasperandolo un po’ in alcuni momenti, ma se ricordate il suo personaggio nel primo volume, “Abbandonare l’oscurità“, riuscirete ad immaginare quanto possa essere complessa la sua mente.

Akito alzò di scatto la testa e avanzò sotto i suoi riflettori interiori per affrontare e scacciare la malvagità da dentro di sé. «Io. Sono. Tutto.»

Ho apprezzato un po’ meno Benjamin e Tzadkiel.
Ben viene eclissato del tutto, nonostante sia il migliore amico del protagonista, e Tzad, che precedentemente avevo apprezzato, qui ricopre quasi il ruolo di “nemico”. Per nulla coerente con le sue scelte passate, nega ad Akito una possibilità senza chiedere alcuna informazione, data invece al suo compagno.
Purtroppo, questa, è una tendenza che ho riscontrato anche negli altri personaggi. I loro comportamenti, così come le loro parole, mi sono sembrati spesso contraddittori. Sono state inserite figure che ritengo interessanti, ma che, coperte da un velo di mistero, risultano confuse. In particolarmente quelli che credo saranno i protagonisti del terzo volume della serie.
Il lato fantasy che guida ogni storia di Tibby Armstrong è sicuramente la motivazione per cui, nonostante tutto, non posso non continuare a leggere le sue storie. Se avete letto il primo volume della serie, vi consiglio la lettura di “Assaporare l’oscurità”, che risulta comunque godibile e di facile lettura.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...