Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Compromessi” – Brigham Vaughn

51O6zxm71mL

Titolo: Compromessi
Autore: Brigham Vaughn
Serie: Equals #1
Genere: Contemporaneo, Gap Generazionale
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 4,00€
Link all’acquisto: Compromessi

SINOSSI

Russell Bishop vuole fare carriera e la sua scelta di non uscire con nessuno, per dedicarsi totalmente al lavoro, viene finalmente ripagata quando ottiene un buon impiego alla Vantage Marketing.
Stephen Parker, responsabile finanziario di quella società si è rassegnato a vivere una vita da single.
Per sei mesi si erano osservati desiderandosi, ma solo quando Russ scivola su del caffè versato da Stephen, che subito corre in suo soccorso, scoprono che quell’attrazione è reciproca.
La differenza d’età tra i due però diventa un problema quando iniziano a frequentarsi. Fiero e indipendente, Russ non crede di potersi impegnare in una relazione a lungo termine, mentre Stephen, spaventato dalle sue precedenti relazioni, ha paura che il passato possa ripetersi. Riusciranno a incontrarsi a metà strada, accettando dei compromessi?

Slanif2

Stephen Parker ha passato da un bel pezzo la quarantina e ormai è il responsabile finanziario di una delle più prestigiose società della città in cui abita. Vive in un bell’appartamento, ha una bella macchina, beve un buon whiskey e di sicuro indossa bei vestiti. Ma, nonostante ciò, si sente incredibilmente solo e incompleto. Gli manca l’amore, e tantissimi anni prima pensava di averlo trovato, ma poi la vita ha mandato tutto all’aria. Così, ormai adulto, torna in una casa vuota e annega nella solitudine che con sempre più fatica cerca di riempire.
Russel Bishop è poco più che ventenne, ancora agli inizi della sua carriera, ma con un carattere deciso abbastanza da riuscire a scalare le vette senza troppa fatica.
Si ritrova subito attratto da Stephen, ma è un suo superiore e poi… Come potrebbe un uomo di quell’età interessarsi a un ragazzino come lui?
Complice una chiazza di liquido a terra e un caffè bollente, i due si ritroveranno a parlarsi per la prima volta.
Che sia l’inizio di qualcosa di più?
Di solito non amo i romanzi col Gap Generazionale. Tendo a pensare continuamente a quanto non funzioni, a mio avviso, quando ci sono vent’anni di differenza come in questo caso. Quanto si sia maturi in modo diverso, si abbiano interessi e voglia di fare cose diverse, si sia a punti diametralmente opposti della vita.
Perciò, quando ho preso in mano questo romanzo, non ero sicura che mi sarebbe piaciuto.
Invece, l’ho trovato uno con il Gap Generazionale meglio gestito in assoluto.
Stephen e Russ sono diversissimi, ovviamente. Sia per carattere che per esperienze di vita. Fanno fatica ad adattarsi l’uno all’altro, e spesso Stephen deve far fronte ai “capricci” di Russell. Questo, però, non implica mai che Stephen prevarichi l’altro, anzi. Cerca di scendere a compromessi e di venirgli incontro, così come (anche se con più difficoltà) cerca di fare Russ verso le esigenze di Stephen.
L’ho trovato davvero un romanzo carino, piacevole, ben scritto e che apre le porte a una serie che sembra parecchio interessante.

4

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...