Pubblicato in: quixote edizioni, Recensioni

Recensione “La musica dell’anima” – Annabella Michaels

Annabella Michaels (2)

Titolo: La musica dell’anima
Autore: Annabella Michaels
Serie: Souls of Chicago #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Quixote Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: La musica dell’anima

SINOSSI

A eccezione della sua famiglia, la musica è sempre stata la cosa più importante nella vita di Carter Greene. Fare carriera in ambito musicale è tutto ciò che ha sempre sognato. Questo almeno fino alla terribile notte in cui ha quasi perso tutto.
Carter non riesce a scacciare dalla sua mente l’immagine di un uomo che ha incontrato nel suo momento più buio. L’uomo che ha rischiato tutto per salvarlo, e che è probabilmente la stessa persona che non vuole più parlargli.
Ryan Marshall ha condotto un’esistenza piuttosto solitaria dopo la morte di suo nonno. Passa molto del suo tempo libero ristrutturando la proprietà che ha ereditato e, nel frattempo, evita gli appuntamenti romantici.
Una notte fatale, una chiamata d’emergenza, fa incrociare le vite di Carter e Ryan e i due avvertono un immediato legame. Incapace di smettere pensare a lui, Ryan cerca di rintracciarlo ma rimane deluso quando scopre che Carter non è come si aspettava. Ryan è deciso ad andare avanti e dimenticare il bellissimo ragazzo che ha salvato ma, quasi subito, realizza che il destino ha altri progetti.

Slanif2

Carter Greene è il fratello gemello di Caleb, il protagonista del primo libro della serie “Souls of Chicago”, “Un’anima da sfamare”, che dopo qualche rocambolesca avventura, trova l’amore con Giovanni Romero, il proprietario del ristorante dove è capo chef e dove Carter lavora come cameriere per arrotondare, visto che la musica – la sua prima e vera passione – ancora stenta a pagare i conti.
È proprio durante un turno di Carter che scoppia un incendio e il ragazzo si trova bloccato in cantina, il braccio schiacciato da una trave e i polmoni pieni di fumo. È convinto di stare per morire, quando all’improvviso si sente chiamare e un pompiere lo trova, prendendolo in braccio e portandolo in salvo.
Carter, stordito dal dolore e dalle inalazioni, ha ricordi confusi di quel momento, perciò quando un bellissimo uomo biondo entra nella sua stanza di ospedale con un mazzo di fiori, la prima cosa che pensa è che sia un qualche suo fan e lo tratta male, prendendolo a male parole e cacciandolo via.
Se ne pente subito, ma aveva appena saputo che la trave aveva compromesso i nervi della mano, e come avrebbe potuto suonare senza una mano funzionante? C’era la terapia, certo, ma avrebbe funzionato? La musica è tutta la sua vita, e cosa farà se dovesse perderla? Questo, tuttavia, non giustifica il modo orribile in cui ha trattato l’uomo e, non appena riconosce il viso del biondino nei suoi ricordi, il giovane musicista si sente ancor più mortificato. Quello non era un groupie qualsiasi, no… Quello era Ryan Marshall, il pompiere che gli ha salvato la vita, l’unico a credere nell’istinto gemellare di Caleb e a tornare dentro il “Romero’s” in fiamme per cercarlo.
Distratto dalla terapia e preda dell’ansia, Carter riesce a evitare per mesi di contattare l’uomo, ma quando cede, alla fine scopre che non solo Ryan è disposto ad accettare le sue scuse, ma che quella scintilla che pensava fosse solo frutto delle sue fantasticherie, è reale.
Riusciranno i due uomini a costruire un rapporto con un Ryan che vuole una famiglia e Carter impegnato a rincorrere i propri sogni di gloria?
Le difficoltà che dovranno affrontare questi due ragazzi sono molteplici, ma anche in questo caso la storia è molto carina. Mi è parsa leggermente superiore al volume precedente, sia come struttura che come caratterizzazione, anche se pure qui ho riscontrato quell’innamoramento repentino che non riesce proprio a convincermi.
Nell’insieme, nonostante queste mie perplessità che non riesco a scacciare, Ryan e Carter mi sono sembrati più maturi di Caleb e Giovanni, anche se pure loro ci faranno sudare parecchio e, diciamocelo, incavolare anche un po’ per le decisioni che prendono.
Un romanzo piacevole e di un gradino superiore al primo volume, come dicevo, che apre la strada alla coppia che davvero mi intrigava fin dall’inizio e di cui non vedo l’ora di leggere: Landon e Micah, che ci aspettano nel terzo volume, “Un’anima da proteggere”. Corro a leggere!

3.5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...