Pubblicato in: Delos Digital, Recensioni

Recensione “Cento passi” – Danilo Runfolo

Cover senza sfumature 117

Titolo: Cento passi
Autore: Danilo Runfolo
Genere: Contemporaneo, Erotico
Casa Editrice: Delos Digital
Prezzo: 3,00€
Link all’acquisto: Cento passi

SINOSSI

Cento passi sono una distanza, un percorso e un precipizio, ma sono anche il cortile
che il giovane Massimo Santamaria, ventenne siciliano detto l’Americano, deve attraversare per esplorare la sua sessualità, per trovare quel mondo migliore che non ha mai visto, né intorno né dentro di sé.
Massimo cerca la sua America nel modo sbagliato, nei peccati della carne e nei vicoli dei quartieri popolari che il caso, balordo regista, ha voluto fargli scoprire.
Un viaggio sporco, osceno, deviato, obbligato, alla scoperta della sua sessualità; un percorso trasgressivo, agro e piccante, per un giovane che sta ancora cercando se stesso e un mondo che possa appartenergli; un viaggio che al posto di misurare chilometri diventa una distanza da percorrere in appena cento passi: ogni giorno, per anni.
Massimo scopre la sua omosessualità in maniera del tutto inattesa e straordinaria. Sebbene indotta, lo porta ad amare in modo sincero Corrado, chiamato a percorrere un impervio sentiero simile al suo. Quell’intesa sessuale, forte e prepotente, diventa ben presto sentimento che nutre il pallore di giorni noiosi e infiniti, capace di annebbiare i ricordi che lo hanno portato alla sua maturità sessuale.
Massimo torna da quel viaggio come uomo consapevole, rinnovato e finalmente maturo, pronto a cercare e lasciarsi trovare da un nuovo amore.
C’è tutto questo nel corpo e nel cuore di quel ragazzo fragile che tutti chiamano l’Americano, perché c’è sempre un’America da poter scoprire, senza neppur dover viaggiare. Basta avere il coraggio di vivere.

Adelesh2

Massimo è un uomo tormentato, arrabbiato e confuso. È l’Americano. Ma è anche il solitario che vuole tenere tutti a distanza. E allo stesso tempo l’adolescente fragile che desidera avere qualcuno accanto.
Con Massimo che parla in prima persona ci immergiamo nel suo passato, in ciò che lo ha reso l’uomo che è, diventando spettatori di scorci della sua vita così privati e ben descritti da farci sentire quasi degli intrusi. Siamo i giudici delle sue azioni, coloro che lo vedono sporco come si vede lui, incolpandolo per qualcosa che non può cambiare, non può scegliere, qualcosa che può solo vivere.

Ora lo osservo dormire e penso sia lui il più bel regalo che questa vita sbagliata abbia saputo e voluto farmi.

Senza esitazione e senza timore di rivelarci chi è davvero, anzi desideroso di renderci partecipi dello squallore dei suoi comportamenti, Massimo ci prende per mano e ci porta con sé, mostrandoci il bello e il brutto, il giusto e lo sbagliato, il buono e il crudele della sua vita. È nelle scelte volgari, nel sesso squallido dei cinema porno, nelle mani che si spingono sempre più a fondo nella pelle vogliosa, che Massimo scopre se stesso.
È difficile recensire un libro come questo, soprattutto perché il rischio di spoilerare a cosa si riferiscono effettivamente i “cento passi” è molto alto. Finché non lo dice chiaro e tondo lo stesso Massimo, svelando il punto centrale della propria vita e anche quello del libro, nessuno può immaginare cosa nasconde davvero il titolo di un’opera che sembra più un’autobiografia che un semplice racconto.
Cento passi” è un libro che parla di errori irrimediabili, attimi fuggenti non colti e desideri inespressi, il tutto magistralmente scritto da una penna ricercata e a tratti un po’ blasfema, cornice perfetta di una vicenda certamente sui generis.

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...