Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Quando tutto crolla” – Charlie Cochet

Titolo: Quando tutto crolla
Autore: Charlie Cochet
Serie: THIRDS #4
Genere: Paranormal, Contemporaneo, Poliziesco
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Quando tutto crolla

SINOSSI

A seguito di un attacco da parte della Coalizione, il team leader dei THIRDS, Sloane Brodie, rimane seriamente ferito, e Dexter J. Daley giura che Beck Hogan pagherà per ciò che ha fatto. Ma i piani di vendetta di Dex hanno vita breve. Con Ash ancora in congedo per via delle ferite riportate, Sloane in ospedale e la Destructive Delta nel mirino della Coalizione, il tenente Sparks non vuole rischiare. La squadra di Dex viene tolta dal caso e le indagini passate a un altro team leader: Sebastian Hobbs.
Dex si rifiuta di farsi da parte mentre un’altra squadra dà la caccia a Hogan, e così decide di mettere a frutto le sue capacità di detective per trovare Hogan prima della Theta Destructive, costi quel che costi.
Con una lunga e dolorosa convalescenza davanti a sé, l’ultima cosa di cui Sloane ha bisogno è che il suo compagno se ne vada in giro a fare ricerche in città, specialmente se le sue bugie – anche se a fin di bene – iniziano a sfuggirgli di mano. Sloane conosce fin troppo bene il desiderio di vendetta, ma ci sono cose più importanti, come l’uomo che ha giurato di stagli accanto.
Quando Dex si avvierà verso un sentiero oscuro, sarà compito di Sloane mostrargli cosa c’è in gioco e dare finalmente un nome a ciò che ha nel proprio cuore.

Evelyne2

Dex placcato al suolo, il respiro strappato a forza dai suoi polmoni. Ash su di lui che lo teneva al sicuro. Pallottole che volavano. Sloane sotto un pezzo di sportello distrutto. Sirene stridenti e uomini in uniforme che accorrevano. Sangue ovunque. Sloane immobile. Una scheggia frastagliata di metallo che gli spuntava dal fianco. Sangue, così tanto sangue. Avrei dovuto essere io.

Sloane rimane ferito a causa di un attacco da parte della Coalizione e Ash è in congedo e ferito. La Destructive Delta è nel centro del mirino dei nemici ed il loro tenente non ha alcuna intenzione di rischiare la vita dei suoi migliori sottoposti. Così, Dex si vede messo da parte, non ha alcuna possibilità di vendicarsi verso chi ha fatto del male al suo uomo, non con l’aiuto dei Thirds. Decide di iniziare da solo la caccia a Beck Hogan e scavalcare Sebastian Hobbs, fratello di Ethan e nuovo leader a capo delle indagini.
Sloane è ferito, solo e stanco della situazione. Tutto ciò che vorrebbe è Dex tra le sue braccia, ma il suo compagno è così focalizzato sul suo compito da perdere di vista le cose più importanti. Dovrà essere lui a mostrarglielo, nessun altro sarebbe in grado di far cambiare idea a Dex.

«Rimani.»
Dex sentì un groppo alla gola.
«Non vado da nessuna parte,» promise.
Sloan mugugnò prima di annuire di nuovo.
«Bene. Ho bisogno di te.» I suoi lineamenti si addolcirono mentre si riaddormentava, ma non prima di pronunciare un’altra parola. «Sempre.»

Questo è ciò che devono affrontare i nostri agenti prima di riuscire a porre fine a tutto. Ad essere attaccata stavolta è direttamente la squadra. Conosciamo nuovi personaggi come Sebastian Hobbs (che io già adoro). Ho un debole per il “piccolo” Hobbs della Destructive Delta e Sebastian ci si avvicina molto: grande e grosso, eppure così gentile e leale. Sono sicura che il suo personaggio mi stupirà ancor di più.
Dex e Sloane sono come sempre al centro dell’attenzione, ma in questo quarto volume li vediamo per la prima volta divisi: Dex impegnato ad eludere ogni tentativo di Sloane per portare a termine la propria vendetta e Sloane in conflitto con se stesso e il desidero di tornare dalla sua squadra, senza poter far nulla. Le bugie di Dex non migliorano la situazione, anche se servirebbe ben altro per allontanarli davvero. L’amore che Sloane mostra nei suoi confronti ci fa rendere conto di quanto questo personaggio sia cambiato da quando lo ha incontrato.
Ash ottiene un ruolo significativo, anche se la sua immagine corrisponde di più ad un grosso leone protettivo che al solito teriano arrabbiato. Cominciamo a conoscere anche gli altri compagni della squadra, che avranno un ruolo fondamentale nei volumi successivi.

Sloane si fece coraggio e gli rispose: «Rimani vicino a Dex.»
«Tutto tranne questo.»
Sloane riuscì a trattenere un sorriso. Sapeva che Ash lo avrebbe fatto ugualmente. Gli fece ritornare in mente quello che aveva fatto per Dex. «Grazie.»
«Per cosa?»
«Per averlo tenuto al sicuro per me.»

Come si può non amare questi ragazzi?

5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...