Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Il palazzo d’estate e altre storie” – C. S. Pacat

Titolo: Il palazzo d’estate e altre storie
Autore: C. S. Pacat
Serie: Captive Prince #3.8
Genere: Storico, Fantasy
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Il palazzo d’estate e altre storie

SINOSSI

In questa raccolta di racconti, C.S. Pacat ci riporta nel mondo di Captive Prince ripresentandoci alcuni dei personaggi secondari già introdotti nei tre volumi principali della serie.
Fugace è l’innocenza segue la nascita della storia tra Jord e Aimeric e presenta entrambi i personaggi sotto una luce inedita velata di malinconia.
Da molti considerato il vero epilogo alla serie, Il palazzo d’estate riprende una conversazione tra Laurent e Damen e li segue durante una breve vacanza a Lentos, dove avranno l’occasione di mettere finalmente a nudo i propri sentimenti… e non solo quelli.
Le avventure di Charls, il mercante di stoffe veriano è il più divertente dei quattro racconti e ci propone una nuova avventura dei due Charls, il Vecchio e il Giovane, durante un viaggio attraverso la provincia di Aegina.
Infine, Il prediletto narra la storia di Ancel e della sua ascesa a corte, presentandocelo sotto una luce del tutto inaspettata.

Evelyne2

Delle terme conservava solamente ricordi frammentari: Nicandros che arrivava da solo e sbiancava. Laurent imbrattato fino ai gomiti del suo sangue. Castor lì vicino, morto. Lui a terra, ferito.

Quando mi sono trovata in procinto di leggere queste novelle, ho avuto paura di non riuscire a collegare gli eventi con i protagonisti. Ero tentata di leggere nuovamente la serie, ma alla fine ho desistito. Non sarei riuscita ad aspettare ancora prima di leggere “Il palazzo d’estate”. Non sapevo ancora quali fossero le altre novelle, ma ho sentito moltissime lettrici parlare di questa ed ero molto curiosa. Ovviamente, (c’è bisogno di specificarlo?) l’ho letteralmente adorata, ma andiamo per gradi.
Il palazzo d’estate e altre storie” è il titolo delle quattro novelle di C. S. Pacat che la Triskell Edizioni ha pubblicato a poco più di un anno dalla pubblicazione del terzo e ultimo volume della serie “Captive Prince”. Uno storico fantasy davvero intrigante. Chi ha letto la serie sa di cosa parlo e come me avrà atteso con ansia di poter scoprire cosa accade “dopo”. Nonostante la Pacat sia un’autrice eccellente nel descrivere eventi e presentare personaggi, alcune situazioni lasciano il lettore in attesa e nella speranza di scoprire “cosa sarebbe accaduto se”.
Ebbene, in queste quattro novelle, troverete alcuni dei protagonisti più importanti come Jord, Aimeric e ovviamente Damen/Damianos e Laurent. Altri secondari e più divertenti come Charls e Guillaime.
Nella prima novella, “Fugace è l’innocenza”, ci viene descritta una panoramica della nascita della Guardia del principe. Oltre ad avere per la prima volta la descrizione del punto di vista di Jord, il lettore ha uno scorcio di Laurent bambino e della sua mente geniale e sadica sin da quando aveva quindici anni. Tra intrighi, allenamenti e passione, un importante personaggio secondario ci mostra quanti siano stati i cambiamenti dall’inizio del suo arruolamento.

Si fermò davanti a Jord e lo guardò negli occhi. «Era un bel cappello,» disse lui.
«Te l’avevo detto che ci avrei pensato io.»

Il palazzo d’estate” è senza dubbio la novella che più di tutte ho amato. Tra i due ho sempre preferito Damianos, ma Laurent ha una dolcezza ben nascosta al mondo che stringe il cuore appena sale in superficie. Vederli insieme, nella terra di Akielos e senza inibizioni, è bellissimo e straziante. Nonostante siano poche pagine (davvero troppo poche purtroppo!), i temi trattati e i numerosi riferimenti fanno emozionare un lettore appassionato della serie.

Il soldato veriano che fece il suo ingresso era un volto nuovo, ma non reagì minimamente nel vedere il proprio principe con ancora addosso i segni di un amplesso. «Vostra Altezza, ci avevate ordinato di avvertirvi quando la delegazione akielonese fosse giunta. Sono venuto a informarvi che sua maestà il re di Akielos è qui.»
«Grazie, credo di essermene accorto.» Damen cominciò a ridere.

Le avventure di Charls, il mercante di stoffe veriano” è la novella che più mi ha fatto ridere e ricordare quanto Damianos e Laurent fossero diversi. Ho una memoria davvero pessima per quanto riguarda i nomi dei personaggi e non avevo una chiara idea di chi fossero i protagonisti. Solitamente sarei andata a controllare immediatamente per avere un’idea più chiara, invece stavolta l’ho letto di slancio. Ebbene, l’ho riletto altre due volte, perché una volta che ho ricordato con precisione i personaggi sono rimasta così esterrefatta da non poter lasciare Charls, Lamen e il principe così presto.

«Occhi belli ma non quanto i miei. Trentacinque anni, piacente e senza moglie, e mi dispiace dire che ha riferito cose davvero brutte su di voi, Charls.»
«I vostri occhi sono molto belli,» disse Lamen. «Ti sono mancato? Ti ho portato una cosa.» Il principe gli lanciò un dolcetto, che Lamen afferrò al volo, divertito.

Tra le novelle, “Il prediletto” è sicuramente quella che mi ha più indispettito. Inizialmente, ero dubbiosa perché non ricordavo assolutamente nessun personaggio di nome Ancel e i primi capitoli non mi permettevano di capire alcunché. Quando però ho capito chi fosse e ho letto una delle scene sicuramente più forti e che tutti voi ricorderete (ma che non vi anticiperò), ho odiato e ammirato Ancel. Vedere Nicaise, Damon e Laurent nei primi incontri è stato coinvolgente e intrigante, quasi come stessi ancora leggendo la serie. La descrizione di un evento che a suo modo è già stato presentato, anche se con un altro punto di vista, la rende ancora più vera.
Ancel è un personaggio discutibile, con i suoi comportamenti altezzosi e scostanti, ma più di tutto imprevedibile.

Il giorno dopo Ancel si recò alle stalle. Superando la sua avversione per la polvere, gli odori sgradevoli e i suoni orribili, e ignorando l’istinto che gli urlava di fuggire, entrò nello stallo del cavallo grigio.

Non posso che dare il massimo voto. Inizialmente ero dubbiosa su quanto potessero catturarmi queste novelle, pensavo fosse difficile interessarsi di nuovo a storie ormai terminate, invece sono molto contenta di averle lette, e rilette, e rilette…

5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...