Pubblicato in: Recensioni, Recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Le ossa sotto la pelle”, T. J. Klune

Titolo: Le ossa sotto la pelle
Autore: T. J. Klune
Genere: Sci-Fi
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Le ossa sotto la pelle

SINOSSI

È la primavera del 1995 e Nate Cartwright ha perso tutto: i suoi genitori sono morti, suo fratello non vuole più avere niente a che fare con lui e, ciliegina sulla torta, è stato licenziato dal suo lavoro di giornalista a Washington DC. Senza più prospettive, decide di trasferirsi nella baita vicino a Roseland, il paesino di montagna dove la sua famiglia era solita trascorrere l’estate quando era piccolo, per provare a dare una nuova direzione alla sua vita.
La piccola costruzione tra i boschi dovrebbe essere vuota.
Così non è.
Dentro ci sono un uomo di nome Alex e un’incredibile ragazzina che si fa chiamare Artemis Darth Vader e che non è esattamente ciò che appare.
Presto diventa chiaro che Nate deve compiere una scelta: annegare nei ricordi del passato o combattere per un futuro che non avrebbe mai creduto possibile.
Perché quella ragazzina è speciale e su di loro stanno calando forze il cui unico scopo è controllarla.

Lady Marmelade2

Se seguite TJ da tempo, come me, saprete benissimo che la sua produzione letteraria è a dir poco variegata!
Ti fa ridere e piangere quasi in contemporanea; ti fa venire il mal di pancia dalle risate e poi ti spezza il cuore in un battito di ciglia… Ha la fissa per Stonehenge, che un paio di anni fa ha pure visitato!
Rispetto a tutti i libri giunti fino ad ora da noi, questo è diverso per molti aspetti.
Innanzi tutto la trama m/m rimane molto in sordina, quasi appena accennata, fa da corollario al resto insomma, ed è giusto così.
Non aspettatevi nemmeno le battute di spirito e situazioni imbarazzanti in stile serie Dimmi che è vero.
Quello che c’è sempre di Klune è il talento; un talento grande e potente che rende credibile anche una trama che parla di fantascienza come se fosse la cosa più normale del mondo.
Al centro della storia c’è una bambina molto speciale, in fuga, che si accompagna a un ex soldato che non ha più nulla al mondo, se non il dolore. A questo duo fuori dagli schemi si aggiunge presto un giovane giornalista senza più lavoro né famiglia, il narratore della storia: Nate.
Nate ha appena fatto naufragare la sua carriera nel WC; i suoi genitori sono appena deceduti in tragiche circostanze, e il fratello lo ignora. Davvero un bel periodo per lui; in più, appena ritornato a casa, nella baita in mezzo ai boschi ricevuta in eredità, si accorge che qualcuno si sta nascondendo proprio lì.
La “piccola” Art e l’arcigno Alex sono un mistero troppo grande per farselo scappare. Chi sono? Da dove vengono? Perché stanno scappando?
All’inizio Nate è terrorizzato dallo strano duo, ma rimane subito affascinato dalla mente di Art e in un secondo momento – cioè da quando smetterà di puntargli una pistola addosso!-  dal portamento fiero e coraggioso di Alex, pronto a dare anche la vita per proteggere la ragazzina:

Avrebbe scommesso che l’uomo non potesse essere altro se non granitico, eppure ora eccolo lì, lo sguardo stralunato mentre lo fissava alla ricerca di qualcosa. Era una dissonanza alla quale Nate non era preparato. Lo aveva visto aggressivo. Lo aveva visto intrecciare i capelli di una bambina come se fosse la cosa più normale del mondo. Non lo aveva mai visto impaurito.

Tutto il romanzo gira intorno al mistero di Art, a chi o cosa lei sia in realtà, e cosa ci faccia insieme ad Alex:

«Voi pensate di essere soli. Vi sentite persi. Volevamo mostrarvi che c’è tanto di più nell’universo. Non siamo venuti per farvi del male. Non siamo venuti per salvarvi. Solo voi potete farlo. Siamo venuti in amicizia. Per dimostrarvi che, alla fine, non siete mai soli.»

Art parla in modo strano, tutta colpa della una fissa per il vecchio west, e possiede doni molto particolari, che però usa solo per salvare dai guai la sua famiglia; già, perché ora Alex e Nate sono diventati questo per lei, una famiglia.
Un trio davvero fuori dagli schemi che mi ha commosso.
La storia forse non sarà del tutto originale, ci sono elementi che ho già visto utilizzati in atri libri, ma è quello che arriva al cuore del lettore attraverso la voce di Art che fa di questo libro un altro successo di Klune.
Art ci analizza, osserva e studia; è venuta in pace per capire cosa siamo, in cosa siamo diversi da lei e perché siamo così unici:

«Quando sorridete è come se il sole sorgesse con voi. Quando piangete è come se foste intrappolati nelle tenebre e non riusciste a trovare una via d’uscita… Vi fate del male a vicenda. Vi amate. Urlate parole che nessuno ascolta. Odiate che gli altri non sono come voi. Vi spaventano, anche se tutto ciò che loro vogliono è essere voi… Mi chiedevo come foste, voi umani… Siete animali. Fieri e selvaggi. Duri e brutali e bellissimi. Non c’è nessun altro come voi nell’universo. Portate in voi il potere della distruzione. E quello della gioia. È una dicotomia che non dovrebbe esistere, ma c’è. Dentro di voi. Dentro tutti voi.»

Art ha ridato uno scopo ad Alex; l’ha tolto dall’apatia, l’ha strappato al dolore che lo stava consumando. Non è stato facile arrivare al suo cuore, per non parlare del fatto di averlo convinto a non sparare a Nate dal primo momento:

«È tutto quello che mi resta,» disse… Aveva sentito il modo in cui lo avvolgeva, alla stregua di uno scudo. Aveva sentito come lui e Art erano intrecciati, quasi fossero una cosa sola. Nate lo capiva più di quanto volesse ammettere.

Ora è giunto il momento di operare la sua magia anche su Nate, perché anche se la piccola Art non sa leggere nel pensiero, riesce però a connettere le anime delle persone:

Non si era mai visto in quel modo. Sembrava libero e coraggioso e pieno di vita. Era troppo e troppo improvviso e Nate si sentì sommergere sotto il peso di quelle rivelazioni. Le immagini erano accompagnate da tutta una serie di emozioni che andavano dalla rabbia, al dolore, a un accenno di fiducia, a una tristezza come Nate non ne aveva mai conosciute in vita sua. Fu travolto dall’immensa solitudine che accompagnava quelle visioni, come se fosse solo da tanto, troppo tempo.

La trama sarà diversa dal solito, ma Klune riesce sempre a lasciarmi senza parole per la profondità dei concetti che esprime.
È riduttivo ritenere questo romanzo una semplice storiella che spazia tra il mistery, il suspense e gli alieni, perché come sempre Klune arriva dritto a sconvolgerti l’anima con il dolore, la gioia e l’amore che descrive tra le sue pagine.
Vi siete davvero mai chiesti se siamo soli nell’universo? Io sì, parecchie volte. Qui urge una confessione: adoro il paranormale, i misteri alieni, le teorie fantascientifiche! Non mi perdevo una puntata di Mistero, Voyager e simili!
Sì, lo so, questo è il mio ennesimo coming out! Ma che ci posso fare?! Sono una personcina dotata di molta immaginazione, che però è convinta che ci sia davvero qualcun altro oltre a noi uomini, vista la vastità dell’universo.
Credo che là fuori ci sia qualcosa e spero con tutto il cuore che sia una piccola Artemis Darth Vader; una principessa che viene da una galassia tanto lontana, tanto diversa ma in fondo simile a noi, che ora ha un cuore proprio come noi, che ama, soffre e si dispera al solo pensiero di lasciarci:

«Almeno finché non senti il cuore batterti nel petto. Finché non senti le ossa sotto la pelle. Non ci assomigliamo. Quasi per niente. Siamo separati dal tempo e dallo spazio. Eppure, in qualche modo, siamo tutti composti della stessa materia, polvere e stelle. Credo che noi l’avessimo dimenticato, e voi forse non l’avete mai capito. Come fate a sentirvi soli quando siamo tutti uguali?»…«Ora so,» sussurrò lei. «Cosa vuol dire essere umani.»
Nate le asciugò il viso. «Cosa?»
«Significa sentire il proprio cuore spezzarsi. Non c’è niente di più umano di un cuore spezzato. Come faccio a lasciarvi?»

Chi ha cambiato chi? È stata Art a cambiare Alex e Nate, o è stato l’amore?
La rivedremo un giorno?
A questo punto vi chiedo di nuovo: Siete davvero sicuri che siamo davvero soli nell’universo? Chissà…

4.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...