Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Tap Out” – Cat Grant

Titolo: Tap Out
Autore: Cat Grant
Serie: Bannon’s Gym #3
Genere: Contemporaneo, Sportivo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,99€
Link all’acquisto: Tap Out

SINOSSI

Da bambino, Tom Delany aveva fatto del suo meglio per proteggere la madre dalla violenza di suo padre, ma il suicidio di lei l’ha tramutato in un uomo cauto e diffidente che porta ancora sulle spalle il peso della colpa.
Alla Bannon’s Gym, Tom ha imparato a controllare la propria potenza e ha trovato l’amore con il collega di MMA, Travis Callagher. Eppure, Tom non riesce a compiere il passo successivo nella loro relazione. Non se la convivenza implica abbandonare Gloria, per lui una madre adottiva, malata terminale.
Quando il figlio di Gloria, Eddie, assume un infermiere disoccupato per prendersi cura di lei, Tom si trova a corto di scuse, ed è terrorizzato dall’idea che la sua famiglia surrogata lo stia buttando fuori di casa. La paura esplode in una violenta sessione di allenamento che lascia Travis col naso rotto e Tom sul punto di essere cacciato una volta per tutte dalla Bannon’s Gym.
Quando la tragedia lo colpisce, Tom comprende che non basteranno i pugni a soggiogare le sue paure, non ora che rischia di perdere tutto: la sua carriera come lottatore, la sua famiglia e l’uomo che ama.

Evelyne2

Torno a parlarvi della serie di Cat Grant “Bannon’s Gym”, in particolare del terzo libro “Tap Out”. Tornano Eddie, Gloria, Danny, Tom e Travis, con l’aggiunta di Aaron, per la prima volta uno dei protagonisti della storia. L’autrice in questa serie è solita affrontare gli eventi secondo punti di vista differenti e soprattutto secondo diversi protagonisti. Se nei primi due abbiamo avuto una prevalenza della storia di Eddie e Danny, qui li vediamo nello sfondo, sempre fondamentali, specialmente la presenza di Gloria, ma i veri protagonisti sono Tom e Travis. In alcuni momenti Aaron, ex di Travis, diviene il punto focale, per poi lasciare di nuovo a loro il palcoscenico.
Eddie, Danny e Gloria sono personaggi decisi, maturi. La loro presenza è importante per Tom e soprattutto in questo volume si vedrà molto l’incidenza di Gloria nella sua vita. La sua malattia lo devasterà, più di quanto non abbia già fatto e metterà in ginocchio la sua relazione con Travis. Devo dire che questo aspetto non mi ha convinta. Tom è sempre stato un protagonista con cui non sono riuscita a sentirmi in sintonia, sin dal primo volume della serie. È immaturo, lunatico e impulsivo, a volte anche violento. Il suo cambio di umore repentino e le sue azioni, discutibili e incomprensibili nella gran parte della storia, mi hanno convinto ancor di più di quanto Travis sia un santo.

«Gli piaci molto, sai?»
«Mi stai dicendo che ho il permesso di chiedere la tua mano?» Lo aveva detto per scherzo, ma il sorriso di Tom che spariva gli provocò una fitta familiare sotto le costole. Aveva scherzato in quel modo anche con Aaron. E guarda cos’era successo.

Il suo personaggio, a differenza di quello del compagno, mi piace molto, così come quello di Aaron.  Un ragazzo segnato dalla vita, di cui nessuno si fida più se non il suo ex, l’unico che davvero potrebbe provare del risentimento nei suoi confronti. L’aspetto che apprezzo di tutta la storia è l’umanità dei personaggi. Aaron più di tutti ci mostra quanto sia difficile superare una dipendenza e decidere di rimettere in piedi la propria vita, specialmente se le persone di cui siamo circondati non credono in noi.
Anche in questo libro la narrazione non è molto lineare. Il passaggio dalla prima alla terza persona rende pesanti alcuni momenti, considerando la difficoltà che ho avuto nel comprendere chi stesse parlando. Devo ammettere però che rispetto al secondo volume, in questo si è notato molto meno.
Il punto di forza di tutta la storia sono sicuramente i momenti trascorsi all’interno della palestra. Gli incontri, gli allenamenti e le lezioni mostrano la bravura dell’autrice nel descrivere gli eventi.
Mi dispiace non poter dare più di tre stelle, ma il personaggio di Tom, protagonista di questa storia, mi ha lasciato l’amaro in bocca. Il fatto che ogni personaggio non solo ha numerose problematiche mai risolte ma anche continue difficoltà a raggiungere un qualsiasi traguardo, mi ha fatto pensare sia tutto un po’ troppo.
Spero che nel quarto volume i personaggi siano finalmente sicuri delle loro azioni.
Ci tengo ad aggiungere che i vari libri della serie non sono autoconclusivi. Sarebbe impossibile comprendere i personaggi e le loro azioni se prima non avete letto i volumi precedenti.

3


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...