Pubblicato in: Recensioni, self publishing

Recensione “Tight End” – Devon McCormack

Titolo: Tight End
Autore: Devon McCormack
Genere: Contemporaneo, Sportivo, Suspance
Casa Editrice: Self Publisher
Prezzo: 3,99€
Link all’acquisto: Tight End

SINOSSI

«Non ho bisogno di un cazzo di babysitter.»
La star del football americano nel ruolo di tight end, Tad Roarke, gay dichiarato, ha successo, soldi e fama: più o meno tutto, eccetto una buona reputazione. Dopo essere stato dipinto dai media come un fedifrago privo di scrupoli, si ritrova abbandonato da uno sponsor dopo l’altro. A peggiorare le cose, è stato indicato come prossima vittima di un serial killer di celebrità omosessuali. L’FBI lavora con la sua squadra per proteggerlo, assegnandogli l’agente Bryce Finnegan come guardia del corpo sotto copertura. Ma, sin dall’inizio, Bryce non gli piace: il poliziotto pensa che lui sia solo un ragazzino viziato. Forse ha ragione, ma in ogni caso Tad non ha intenzione di provargli il contrario: farà qualsiasi cosa per rendergli il lavoro ancora più difficile. Tuttavia, per quanto lo odi, non può negare che sia attraente da morire… e non gli dispiacerebbe giocare un po’ con lui tra le coperte.

«Non mi pagano abbastanza.»
L’agente Bryce Finnegan non è estraneo agli incarichi sotto copertura. Essendosi occupato in passato di cartelli della droga, è abituato a mettere a rischio la propria vita. Ciò a cui non è abituato è avere a che fare con ragazzini viziati e ricchi, che non si rendono conto di quanta fortuna abbiano: quando incontra Tad Roarke si aspetta che sia un cretino, e scopre di avere ragione. Ma più tempo passa con lui, più si rende conto che tutti gli atteggiamenti di Tad sono poco più che una recita da spaccone: non è uno stronzo e i media hanno distorto più di qualche fatto per infangare la sua reputazione. Ora, Bryce non deve preoccuparsi solo di proteggere il ragazzo da un serial killer, ma anche di non innamorarsi di lui nel frattempo.

Slanif2

Tad Roarke è una stella della NFL (la Lega Nazionale di Football) e gioca con i Cowboys di Dallas. L’anno precedente ha vinto addirittura il Super Bowl, e tutti lo trattano come una star. Tuttavia, l’interesse nei suoi confronti non è solo per le sue prodezze sportive, ma anche e soprattutto per quelle sentimentali e sessuali, che riempiono le pagine dei tabloid scandalistici. Infatti, Tad non solo è gay dichiarato, ma è anche conosciuto per essere un traditore seriale e un gran libertino.
A fronte di ciò, non c’è molto da stupirsi che un serial killer fuori di testa, che ha già fatto due vittime nella comunità LGBTQ+ del mondo dello spettacolo, lo abbia preso di mira e lo abbia selezionato come vittima numero tre del loro piano assurdo di ripulire il mondo dalla Sodomia e dai peccatori.
È a questo punto che entra in gioco Bryce Finnegan, agente dell’FBI appena uscito da un’operazione sotto copertura che gli ha portato via il partner, che viene assunto come guardia del corpo di Tad, incaricato non solo di difenderlo, ma anche di scoprire chi si nasconda dietro a queste minacce.
Il problema è che Tad non solo è un grandissimo stronzo, ma non sembra nemmeno intenzionato a prendere sul serio tutta la situazione.
Riuscirà Bryce a fargli capire che è per il suo bene, e che qui tutti stanno lavorando per tenerlo al sicuro?
E riusciranno a non cedere alla cocente attrazione che li fa gravitare l’uno verso l’altro, nonostante non riescano a tollerarsi se non per pochi minuti?

«È una pessima idea,» dice.
«E allora speriamo che ne valga la pena.»

È in assoluto il primo romanzo di Devon McCormack che leggo, e per quanto non sia scritto male, onestamente non posso nemmeno affermare che mi abbia davvero convinta del tutto. Ho alternato momenti, in tutta la lettura, tra il desiderio di sapere come andava avanti e quello di smettere di leggere.
La storia, di per sé, poteva essere anche interessante. Abbiamo un giocatore di football affermato che si innamora della sua guardia del corpo mentre questa cerca di difenderlo da un crudele e spietato assassino. Il collegamento con film famosi e fantasie adolescenziali è piuttosto breve, e la sinossi aveva subito scatenato in me la voglia di avere tra le mani questo libro. Tuttavia, il vero problema di questo romanzo, secondo me, è lo sviluppo di suddetta trama e del comportamento che i due protagonisti hanno sia l’un l’altro che verso gli altri e la vita.
Nel primo punto, a mio avviso, c’è un mix troppo corposo di cose che succedono, eventi che si accavallano, e cose che alla fine vengono trattate come meteore senza approfondirne nessuna, lasciando molto sul vago la maggior parte delle situazioni e delle relazioni interpersonali.
Se McCormack si fosse concentrato su meno cose, ma in modo più approfondito e significativo, secondo me il romanzo ne avrebbe acquistato in valore e convinzione.
Entrambi i protagonisti hanno un passato complicato, che unito a un presente complicato, rendono la lettura in alcuni punti fin troppo complessa e piena di problemi.
Nel secondo punto, invece, la cosa che veramente mi ha convinta poco è il fatto che Bryce e Tad si comportino come se fossero due automi che si fanno guidare solo dai loro istinti; e questi istinti sono sessuali. Anche quando in teoria il rapporto tra di loro dovrebbe evolversi, secondo me non lo fa. Arrivano a dichiararsi senza aver avuto un vero e proprio cambiamento nei loro atteggiamenti l’un l’altro, trattandosi alla stregua di due persone che usano l’altro per sfogare la frustrazione e basta.
Anche nelle decisioni che prendono, e nei comportamenti che hanno, dimostrano di essere molto propensi a prendere decisioni avventate, basate solo sugli istinti più primordiali, senza davvero fermarsi a riflettere sulle conseguenze delle loro azioni e di ciò che queste comportano.
Mi dispiace dire queste cose, ma davvero mi è dispiaciuto vedere una bella trama compromessa da tutte queste decisioni. Se ci si fosse limitati ad approfondire l’evoluzione del loro rapporto, di come gestire il loro futuro e i loro diversissimi stili di vita, la presenza di un serial killer e la pressione mediatica, secondo me sarebbe stato davvero un romanzo bellissimo.
Nel complesso, comunque, ci troviamo di fronte a un romanzo piacevole, non troppo pesante non tanto per i temi quanto per il poco approfondimento, e che si legge piuttosto in fretta.

3


La copia ARC è stata fornita dall’Autore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...