Pubblicato in: dreamspinner press, recensioni

Recensione “Il secondo raccolto” – Eli Easton

Titolo: Il secondo raccolto
Autore: Eli Easton
Serie: Storie dalla Contea di Lancaster #1
Genere: Contemporaneo, Religione
Casa Editrice: Dreamspinner Press
Prezzo: 5,93€
Link all’acquisto: Il secondo raccolto

SINOSSI

Per tutta la vita David Fisher ha seguito le regole. Nato in una famiglia mennonita, ha sempre obbedito al volere del padre: ha preso in mano la fattoria di famiglia, si è sposato, ha avuto due figli. Ma ora che è rimasto vedovo e che entrambi i figli sono al college, continua a gestire la fattoria tutto solo e senza gioia, contando i giorni di una vita vissuta a metà.
Christie Landon è un graphic designer, nato e cresciuto a Manhattan. È il tipico ragazzo gay che ama far festa, ma sente il bisogno di un cambiamento. Ha ormai trent’anni e ha capito che è il momento di crescere e pensare al futuro. Quando il suo migliore amico va in overdose, Christie decide di prendersi una pausa dalla città. Si trasferisce in una casetta in Pennsylvania, nella contea di Lancaster, per riposare, recuperare le forze e riflettere.
La vita di campagna però è noiosa, nonostante le sbirciatine al muscoloso uomo brizzolato della porta accanto. La creatività di Christie lo porta ad appassionarsi alla cucina, così decide di proporre al vedovo un accordo per condividere i pasti e le spese per i prodotti di prima necessità. David accetta e subito la strana coppia si ritrova ad apprezzare enormemente quei momenti in comune.
Christie mette a dura prova i limiti del piccolo mondo di David e riporta a galla emozioni che l’uomo ha sepolto anni prima. Se David riuscirà a liberarsi del proprio passato, potrà cogliere una seconda occasione per la felicità.

Slanif2

David Fisher fa parte della comunità Mennonita di una piccola contea rurale nello Stato della Pennsylvania. Questo implica che la mancanza mezzi di comunicazione tecnologici, agi dell’era moderna e lavori del ventunesimo secolo. Infatti, secondo la religione Mennonita, l’unico lavoro accettabile è quello della lavorazione della terra con i mezzi di una volta, e questo è quanto. Le regole sono rigide, ci si aspetta che gli uomini si sposino con le donne, facciano qualche figlio, e proseguano in tutto il percorso a portare avanti la propria fattoria vivendo di quello che ne ricavano. David stesso ha fatto tutto questo, perché è stato cresciuto con la convinzione che solo ciò sia corretto. Tuttavia, andando avanti con gli anni, dopo la prematura scomparsa della moglie e quando i figli ormai sono andati fuori di casa e lui ha cominciato a capire davvero se stesso e a smettere di rinnegare quello che è – per quanto possibile – l’uomo ha cominciato ad avvalersi di aiuti come un trattore, un cellulare, il gas in casa, l’App del meteo per sapere quando fare o non fare qualcosa, e così via.
Lo slancio di ribellione di David, però, finisce qui. A quarantadue anni, continua a vivere la vita che ha sempre avuto, viaggiando con la fantasia osservando le foto sulle riviste di viaggio a cui è abbonato. Anche se ha sempre avuto tanti sogni, non ha mai avuto i mezzi o il coraggio di afferrarli, e ormai non riesce nemmeno più a guardarsi allo specchio senza essere deluso dall’immagine che vede riflessa. Pensa che la sua vita non possa cambiare, per quanto lo desideri, e ne è fermamente convinto. Ma che succede quando Christie Landon si trasferisce nella casa di fianco alla sua?
Il giovane uomo trentenne è un graphic designer in fuga dalla Grande Mela, deciso a dare una svolta alla sua vita cogliendo l’opportunità fornitagli dalla deceduta zia che gli ha lasciato la sua casa in mezzo alla campagna. Christie non è davvero tipo da natura, ma vuole dare una raddrizzata alla sua vita, smetterla con alcool, droghe e sesso occasionale, e ricominciare da capo in un posto che spera possa portargli serenità e pace. Gay dichiarato da anni, come fa a resistere al suo affascinante vicino dall’aria vissuta e lo sguardo più dolce che abbia mai visto?
Nonostante, essendo un romance, sappiamo tutti come si concluderà, è bello percorrere insieme a David e Christie, a suon di chiacchiere, confronti e cucina, la lunga strada che li porterà a capire che non sono poi così diversi.
Ho amato moltissimo il personaggio di David, la sua dolcezza, la sua fermezza e la crescita che compie nell’arco di tutto il libro. Meno, invece, mi è piaciuto Christie, che mi è parso un po’ troppo “macchietta” e mi ha disturbato la lettura. Ammetto che i personaggi troppo eccentrici non mi piacciono in generale, ma in questo caso c’era qualcosa nella sua personalità che non mi ha aiutato ad apprezzarlo. Non tanto perché è frivolo, in alcuni momenti, quanto proprio per una sorta di distacco emotivo che non sono riuscita a colmare nonostante la Easton sia esaustiva nel raccontarci i suoi sentimenti.
Nell’insieme, l’ho trovato un libro gradevole sulle secondo possibilità (molto evocativo il titolo a riguardo), che tratta un tema sempre interessante che mi affascina ogni volta.

3.5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...