Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Provocazione” – Joanna Chambers

Titolo: Provocazione
Autore: Joanna Chambers
Serie: Enlightenment #1
Genere: Storico
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 4,49€
Link all’acquisto: Provocazione

SINOSSI

David Lauriston sta facendo di tutto per affermarsi all’interno del facoltoso mondo legale di Edimburgo. Come se non bastassero le sue umili origini a intralciargli la strada, la recente decisione di difendere un gruppo di tessitori accusati di tradimento fa nascere nei colleghi il sospetto che David possa nutrire simpatie radicali. In questo scenario, l’ultima cosa di cui ha bisogno è accettare di aiutare il fratello di uno dei tessitori condannati a trovare l’agente provocatore che ha istigato la rivolta.
La sua vita personale non va molto meglio. Tormentato dai desideri proibiti verso il suo stesso sesso e dai ricordi dolorosi dell’amico d’infanzia di cui una volta era invaghito, David fa di tutto per condurre un’esistenza casta, pentendosi amaramente ogni volta che i suoi propositi vengono meno.
Ma all’improvviso, nella sua esistenza repressa e disciplinata, irrompe Lord Murdo Balfour.
Cinico, edonista e impenitente, Murdo è il contrario di David. Mentre quest’ultimo rifiuta persino l’idea di contrarre un matrimonio privo di amore al solo scopo di preservare le apparenze sociali, Murdo è deciso a sposarsi, un giorno, senza per questo rinunciare alla compagnia degli altri uomini. Per quanto David possa essere inorridito dall’inveterato egoismo del gentiluomo, non riesce tuttavia a resistergli.
Murdo lo tenta e lo irrita allo stesso tempo, distraendolo dalla promessa di trovare l’agente governativo responsabile del triste destino dei tessitori e costringendolo a riconoscere i propri desideri carnali.
Ma potrebbe Murdo essere più che una semplice distrazione?
Magari proprio l’uomo a cui David sta dando la caccia?

Lady Marmelade2

Da sempre leggo qualsiasi tipo di romanzo storico; ho sempre amato studiare storia a scuola, non mi ha mai pesato, soprattutto la nostra storia italiana, che credo sia la più ricca di sempre. Abbiamo un patrimonio artistico e archeologico in ogni luogo che ci circonda, testimonianza del nostro passato, persino nel mio paesino sperduto di appena 7000 anime! Del resto tutto il mondo ci invidia per questo!
Non conosco molto la storia inglese, per nulla quella scozzese, quindi questo romanzo mi pareva proprio l’occasione per stimolare la mia innata curiosità.
La vicenda che viene narrata è ambientata nella Scozia di inizio 1800 e ha come protagonisti un giovane avvocato di umili origini, David, e un misterioso giovane dell’alta società, niente di meno che un Lord, il bellissimo e affascinante Murdo.
Un incontro inaspettato il loro, che si conclude con un veloce amplesso in un vicolo puzzolente e buio, del resto l’omosessualità al loro tempo era considerata un reato punibile con il carcere, oltre che essere considerata riprovevole moralmente.
Un tempo lontano da noi, sono passati duecento anni, eppure in molti paesi è ancora un rischio per la vita “ostentare” l’essere attirato dal proprio stesso sesso…
Murdo e David sono come il giorno e la notte; Murdo è un libertino che non nasconde le sue inclinazioni, nel senso che pur nascondendo di essere attratto dagli uomini invece che dalle donne, non si fa scrupoli e si vede sposato tranquillamente a una donna per salvare le apparenze:

«Non sono mai stato capace di accettare che le cose fossero in un certo modo solo perché me lo diceva qualcuno. Non credo che andare a letto con un uomo sia un peccato mortale. Non faccio male a nessuno, e faccio bene a me stesso.»

David invece non potrebbe mai vivere una situazione simile, non potrebbe mai vivere nella menzogna, e ingannare una povera fanciulla che merita la felicità anche lei…
David non ha solo il problema di nascondere la sua natura, ma anche quella di riuscire a emergere in un modo dominato da avvocati nati in buone famiglie; lui di così umile origini fatica ad arrivare alla fine della giornata con la pancia piena, eppure cerca sempre di aiutare chi ha meno di lui, soprattutto Euan, il fratello minore di uno dei tessitori da lui difeso durante il processo che lo vedeva accusato di tradimento nei confronti della patria.
David vuole emergere, ma non vuole rinnegare il suo vissuto, la sua provenienza, perché altrimenti non sarebbe l’uomo che è diventato:

David era a cavallo di quei due mondi ora. In equilibrio all’estremità di Blair Street, appollaiato sopra lo squallore della Città Vecchia e pronto a spiccare il volo. Ansioso di spiccare il volo. Nonostante il senso di colpa lo costringesse a guardarsi indietro e a chiedersi cosa avrebbe perso una volta lanciato, e se un giorno avrebbe rimpianto quella perdita o se sarebbe semplicemente stato contento di essersi lasciato tutto alle spalle.

Euan coinvolge David nella ricerca di chi ha tradito e venduto al governo il fratello e i suoi compagni; David è restio a credere al ragazzo, ma la cosa che gli permetterà di rincontrare il misterioso Lord Murdo.
Murdo mette a rischio la virtù tanto gelosamente conservata di David, il giovane rifiuta di concedersi in tutto a chiunque, ma le parole di Murdo scavano profonde nella sua anima, tanto da rimanergli impresse nel cuore:

«Ho sbagliato tutto con voi,» mormorò. «Pensavo di dover far appello alla vostra ragione, invece avrei dovuto far appello ai vostri sensi. Se vi si permette di pensare troppo, vi perdete nei meandri della vostra mente.»
«Dio del cielo, ma non volete essere felice?» David seppe, per qualche ragione, che quelle parole gli erano sgorgate direttamente dal cuore. Guardò l’uomo che aveva di fronte e fu come vederlo nudo. L’onnipresente maschera di cinismo era scomparsa e al suo posto c’era desiderio allo stato puro. Si chiese cosa mai potesse desiderare con tanto ardore.

Ho trovato il romanzo davvero molto ben scritto, scorrevole, che non mi ha fatto sentire la distanza temporale dell’ambientazione storica, ma lo considero più un lungo prologo che un romanzo vero e proprio. Certo la serie è ancora lunga ed è stato giusto presentarci bene l’epoca in cui si svolgono i fatti e i personaggi, ma in certi momenti ho trovato un po’ statica la storia: aspettavo che arrivasse una svolta che alla fine non arrivava mai.
Sono molto curiosa di vedere dove David verrà portato dal suo cuore e anche che fine faranno le figlie del suo nuovo datore di lavoro, soprattutto Elizabeth, nonché la bellissima, scostante, caparbia, che vorrebbe tanto andare contro le convenzioni sociali che la vorrebbero relegata in casa a sfornare figli e stare sempre zitta, Bella! Un personaggio femminile davvero accattivante che cerca semplicemente di prendere possesso della sua vita.

3.5


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...