Pubblicato in: recensioni, recensioni in anteprima, triskell edizioni

Recensione in anteprima “Tornare a casa” – Cooper Davis

Titolo: Tornare a casa
Autore: Cooper Davis
Serie: Boys of Summer #2
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: 5,99€
Link all’acquisto: Tornare a casa

SINOSSI

L’uomo che gli è accanto fa meno paura di quello che lo fissa dallo specchio.
Le credenziali da vero macho di Hunter Willis sono tutte in regola, come il motore della sua Harley. Da bravo ragazzo del Midwest, ogni giorno si mette in sella a quella moto da vero duro per andare a lavorare in cantiere e magari farsi qualche birra con gli amici. I suoi weekend da single sono ravvivati da hockey e baseball.
Poi però il caldo dell’estate lo ha stregato e lo ha fatto innamorare del suo miglior amico, l’agente di borsa super sexy Maxwell Daniels. L’Harley è al sicuro in garage, ma Hunter ha deciso di scardinare i confini della sua sessualità e uscire allo scoperto.
E ora che si è innamorato, vuole fare le cose per bene. Ha perfino chiesto a Max di sposarlo, e Max ha accettato. Ma prima del loro matrimonio primaverile da sogno nel Vermont, devono vedersela con la minaccia più grande al loro amore.
Le loro famiglie.
E non si tratterà solo di passare sotto l’attento scrutinio del clan Daniels. Vorrà dire anche affrontare paure profonde e represse e segreti che all’improvviso tornano a galla. I due ragazzi saranno costretti a decidere se la loro è stata solo un’avventura estiva… o un amore che potrà fiorire anche nel gelo dell’inverno.
Attenzione: questo romanzo contiene un protagonista profondamente innamorato di una macchina per fare il pane, panico da giorno delle nozze, travestimenti erotici e zero spose isteriche.

Lady Marmelade2

È un uomo, non ci sono dubbi e, anche se non mi sarei mai immaginato di stare con lui fino a un anno fa, c’è una cosa che ora so per certo. Qualche volta trovi l’amore dove meno te lo aspetti e, quando ci riesci, devi essere abbastanza intelligente da non fartelo scappare.

Vi ricordate di Hunter e Max?
Hunter che non era gay e se la faceva sotto al solo pensiero di uscire allo scoperto? E Max fiero di esserlo anche se non era mai stato con un uomo?
Eccoli tornati per raccontarci senza tralasciare più nulla la loro storia d’amore.
Il primo libro, “Boys of Summer” (qui la nostra recensione), era stato solo un assaggio, questo è davvero più corposo e completo e, anche se la voce narrante è solo quella di Hunter, l’autore riesce a rendere molto bene anche la figura di Max.
Il libro è ambientato nel nostro recente passato e copre tutta la gamma di problematiche che deve affrontare una coppia gay che decide di uscire allo scoperto con i famigliari.
Hunter ha chiesto a Max di sposarlo – si tratta però di un unione civile, visto che solo nel 2015 il matrimonio verrà riconosciuto in tutti gli Stati Uniti – e ora viene il bello: andare dai genitori di Max e dare loro la lieta novella. E qui iniziano i problemi, perché la famiglia di Max non è che sia omofoba, ma il padre e la sorella sono molti contrari al suo orientamento sessuale.

Tra i suoi gesti e chiacchiere, mi domando se la sua famiglia intuisca il dettaglio più importante dei quadretti familiari che sta raccontando… mi domando se si siano accorti di quanto è felice… È ironico che, durante la sua infanzia, Max abbia avuto il tipo di famiglia che mi è sempre stata negata, ma che non abbia mai ricevuto l’amore che mi ha donato zia Edna. Strano come vanno le cose: il ragazzino dalla vita difficile che diventa orfano è quello che si sente più apprezzato e accettato.

Da quando Max si è reso conto di non essere il figlio che suo padre si aspettava fosse, il loro rapporto si è incrinato e il ragazzo è rimasto senza una figura di riferimento a cui confidare i suoi timori, i suoi pensieri, compreso il suo sogno di diventare uno chef.
Hunter, l’uomo che fino a un anno prima non riusciva a dire a nessuno di essersi innamorato di un uomo, ora è pronto a difendere ad ogni costo il suo “piccolo” Max, anche dalla sua stessa famiglia. L’uomo tutto Harley e attrezzi da lavoro si è riscoperto un tenerone affamato di contatto fisico, tanto quanto Max:

I giorni in cui a Phillip era concesso di fare del male a Maxwell sono finiti, e se per assicurarmi di questo dovrò scontrarmi con lui, che così sia…
Non mi sorprende che Max si sciolga tra le mie braccia ogni volta che lo stringo. Non mi sorprende che desideri così tanto il mio affetto e che si illumini per tutto l’amore provo per lui. Vorrei solo poterlo amare anche di più, visto come la sua famiglia prende le distanze.

Sembra insomma che i ruoli in questo secondo volume si siano proprio ribaltati.
Anche Hunter ha ancora qualcosa da risolvere con Max, il tutto rende il libro carico di angst che sembra far scivolare il libro in un circolo vizioso di scaramucce, bronci e molte scene passionali sotto le lenzuola per ristabilire l’intesa.

Così sono i segreti. Ti appesantiscono l’anima, ti schiacciano, ti tengono lontano da coloro che ami di più. Mi sento d’improvviso pieno di spirito natalizio al solo pensiero che dirò al mio amore tutto, che ci sarà qualcun altro nella mia vita, oltre Edna, che saprà come sono andate le cose.

All’inizio credevo che il personaggio più ostico e antipatico fosse la sorella intransigente di Max, Leah, con il proseguo della lettura il ruolo è stato preso invece dal padre, che come dicevo all’inizio ha condizionato davvero molto il carattere di Max, causandogli davvero tanta sofferenza:

«Essere gay è quel che sono. Ed è questo che la mia famiglia non capisce. Credono che sia solo una scelta da ribelle che ho fatto per atteggiarmi, o qualcosa del genere.» Si volta e si osserva nel grande specchio attaccato alla porta. Quasi come se si aspettasse di scoprire qualcosa di nuovo nella sua immagine, qualcosa che prima non c’era. Dopo qualche istante torna a guardarmi con gli occhi pieni di lacrime.”

Il libro è scritto molto bene, sono sicura che piacerà molto a chi ha un animo molto romantico, anche io l’ho apprezzato ma forse alcune tematiche sono state troppo stereotipate e poco realistiche, tanto che a tratti la lettura risulta un po’ lenta.
È il tipico romance d’amore con tutti i crismi che naviga verso un lieto fine scontato, ma molto romantico e riappacificatore.

4


La copia ARC è stata fornita dalla Casa Editrice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...