Pubblicato in: dreamspinner press, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “La lunga strada tortuosa” – T. J. Klune

o-la-lunga-strada-tortuosaTitolo: La lunga strada tortuosa
Autore: T. J. Klune
Serie: Bear, Otter & The Kid #4
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: €6,14
Link all’acquisto: La lunga strada tortuosa

SINOSSI

La famiglia non è sempre definita dal sangue, ma da coloro che ci rendono completi e contribuiscono a costruire la nostra identità.

In questa storia ormai giunta alla fine, Bear e Otter saranno messi alla prova come mai prima.
Una ragazzina che non ha un altro posto dove andare bussa alla loro porta.
Una telefonata improvvisa comunica novità inaspettate.
Un fratello torna finalmente a casa dopo aver imparato a camminare da solo.
E, mentre questi tre elementi convergono, le vite di tutti subiranno una svolta dalla quale sarà impossibile tornare indietro.

Cominciando con Un insolito triangolo e proseguendo con La nostra identità e L’arte di respirare, TJ Klune ci parla di famiglia e affetto fraterno, di amore e sacrificio. In questo capitolo finale, gli eventi del passato servono a lastricare la lunga e tortuosa strada che porta a un futuro che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

recensionelady

A volte pensavo che Otter fosse la ricompensa che era toccata a me e Kid per tutte le schifezze che avevamo dovuto affrontare nelle nostre brevi e complicate vite. E se così fosse stato, non avrei potuto chiedere di meglio. Mi dispiaceva solo che a lui fosse toccata la pagliuzza corta.”

Mio caro Bear…
e se fosse il contrario invece? Ti sei mai fermato a pensare che forse per Otter era la stessa cosa?
È scappato da te, ma poi è tornato e tu ci hai raccontato la vostra meravigliosa storia in quattro libri!
Hai “sussurlato” alle orecchie di TJ Klune – Claudia Milani sei un portento! Monumento subito a te e alla tua traduzione, così che lui trasferisse le vostre tribolazioni su carta, per darci qualcosa di unico e irripetibile.
Klune ha all’attivo molte storie di vario genere negli States, ma per i lettori italiani, me compresa, questa ha un posto d’onore, forse perché è una delle prime giunte a noi.
Quanto mi siete mancati ragazzi!
La vostra strada è ormai giunta al termine, anche se qualcuno spero ci racconterà a breve una nuova storia, mi riferisco a Corey/Kori.
La vostra strada di sicuro non è stata facile: spesso in salita e piena di curve, di ostacoli e rallentamenti,  ma voi ce l’avete fatta e con le unghie e coi denti avete raggiunto la felicità che vi spettava.
Come sempre mi hanno accompagnato durante la lettura lacrime di commozione e di pura gioia, un binomio a cui ero ben preparata ma che mi lascia sempre senza parole!
Tanta era la voglia di leggere il libro che l’ho cominciato al lavoro, nelle pause morte: grande errore! Ho dovuto smettere perché la mia collega mi guardava davvero male: sembravo una pazza bipolare che passava dalle lacrime alle risate allo stesso tempo!
Un autore che ti riduce così merita tutta la stima del mondo.
In questo ultimo capitolo della serie è Bear a raccontarci gli eventi, tutto dal suo punto di vista, con la sola eccezione del finale, dove un sempre innamoratissimo Otter ci da una visione a trecentosessanta gradi sulla sua strampalata famiglia dieci anni dopo.
Quando Bear apre bocca, quindi sempre, non si sa mai dove andrà a parare, lasciare quindi le utlime pagine alla voce di Otter l’ho trovato un regalo bellissimo dell’autore.
Otter è timido, riservato, e spesso è messo in ombra dal marito, anche se Bear non lo fa apposta. Anzi è lui il primo che deve ricordare a Otter cosa rappresenti per lui:

Qualche volta non si rende conto di quanto vale e sono anni che io cerco di fargli capire in tutti i modi che merita il mondo. Può essere timido, specialmente quando incontra gente nuova, perché ha paura di dire la cosa sbagliata… È ostinato e fin troppo altruista. Ha il cuore più grande che abbia mai conosciuto. È buono e gentile. E, per qualche strano motivo, è mio… Anche nelle situazioni più difficili, l’idea che siamo sposati gli strappa sempre un sorriso. Lo conoscevo. Sapevo cosa c’era nel suo cuore. Nel suo coraggioso, delicato e imperscrutabile cuore.”

Otter è la roccia di Bear da sempre, ma anche di Kid; senza di lui probabilmente i due sarebbero ancora faticando a respirare…
Otter è sempre stata una presenza silenziosa accanto ai due, sempre li a sostenere il suo Bear; una presenza calma e pacata che serviva a mitigare la vena esuberante di Bear e la troppa perspicacia e intelligenza di Kid.
Ci sono davvero moltissimi passi in cui Bear declama l’amore infinito per suo marito, uno più bello dell’altro, e non importa quanto la vita ti butti addosso macerie e fango, l’amore, quello vero, è li che ti aspetta:

“La vita può cambiare in un battito di ciglia. Ma se hai qualcuno al tuo fianco che ti sorregge quando le ginocchia cedono, qualcuno che ti bacia ogni volta come se fosse la prima, allora hai la possibilità di farcela… E quando si appoggia sui gomiti e mi percorre con le dita la linea delle sopracciglia, gli dico che lo amo perché merita di sentirlo ogni volta che è possibile…Sono fortunato, perché non capita a tutti. Qualcuno non avrà mai quello che ho io. E sarebbe sciocco pensare che possa durare per sempre. Le persone cambiano. I sentimenti cambiano. Ma io gli credo quando dice che mi amerà per sempre, e nessuna voce nella testa mi convincerà mai del contrario.”

Il libro è diviso in parti: Passato, Presente e Futuro, con l’aggiunta di flashback che attingono anche dai libri precedenti, utilissimi al lettore per accettare la conclusione della serie, per  traghettarlo verso il finale, ma che fa anche venire la voglia di ricominciare tutto da capo!
Personaggi vecchi e nuovi si presentano alla porta della Mostruosità Verde, presenza silenziosa che fa da catalizzatore; è cominciato tutto lì e lì tutto dovrà finire, prima o poi.
Devo dire che non ricordavo alcuni personaggi minori del tutto fuori di testa, uno su tutti: Creed!
Il fratellino di Otter mi ha distrutto dalle risate: lui con JJ e Anna – che minaccia di castrarlo ogni tre per due, ho avuto mal di pancia dal ridere per tutto il tempo!
Ragazzi avevo bisogno di voi, talmente tanto che mi avete fatto venire voglia di trovare un amore come il vostro! Io nel mio essere aromantica semplicemente vi adoro!
Dopo tutto quello che avete passato siete ancora qui, parola di Papà Bear:

“Abbiamo vissuto. Abbiamo amato. Abbiamo perduto. Ma siamo ancora in piedi. Siamo qui e siamo in piedi.”

DANONPERDERE

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...