Pubblicato in: recensioni, triskell edizioni

Recensione “Prime volte” – K. C. Wells

cover500-1Titolo: Prime volte
Autore: K. C. Wells
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Triskell Edizioni
Prezzo: €5,99
Link all’acquisto: Prime volte

SINOSSI

A Tommy Newsome è servito un po’ di tempo prima di rendersi conto di essere gay.
Crescere in una piccola cittadina della Georgia non lo ha preparato alla vita molto più libera da studente dell’università di Athens. Aggiungeteci gli insegnamenti della sua famiglia e della sua chiesa, e avrete un timido ragazzo che si sente un pesce fuor d’acqua. Tommy ha sempre lavorato nella fattoria del padre senza avere la possibilità di crearsi una vita sociale, sicuramente non come quella che i club di Atlanta hanno da offrire. E non si può dire che si senta a proprio agio quando ne ha un assaggio, visto che gli ammonimenti di Mamma risuonano ancora forti e chiari nella sua testa.
Tutto questo cambia quando entra nel suo primo gay bar e posa gli occhi su Mike Scott.
Quando non è al lavoro dietro il bancone del Woofs, Mike è impegnato come entertainer per adulti con il nome di Scott Masters. Vent’anni nel settore e il tempo che passa cominciano però a farsi sentire. Mike non ha mai avuto molta fortuna nel reparto relazioni ma, come sua madre ama ripetergli, se continui a pescare nello stesso stagno, è scontato che tirerai su sempre lo stesso tipo di pesci. Forse è proprio arrivata l’ora di un cambiamento.

ADELESH

È forse la prima volta che leggo un libro e mi rendo conto di essere arrivata alla fine senza aver annotato neanche una parola, troppo presa dalla storia e dai personaggi per interrompere la lettura anche solo per un secondo. Cosa che, in definitiva, non è stata affatto un male, visto che mi ha offerto la scusa perfetta per leggerlo una seconda volta e gustarmelo fino in fondo.
Ho apprezzato tutto di questo libro: i personaggi, la trama, le riflessioni, i dialoghi, perfino il modo in cui viene descritta la disperazione di una famiglia (omofoba) che si trova a dover fronteggiare l’omosessualità di uno dei suoi membri.
Il titolo in questo caso risulta più che azzeccato, visto che questa è la storia di tante prime volte di un ragazzo timido e introverso che non ha mai conosciuto niente fuori dai confini del piccolo paese dal quale proviene e che all’improvviso si trova alle prese con un uomo bello, sexy e interessante che non potrebbe essere più diverso da lui.

Mike lo lasciò andare e fece un passo indietro, col cuore che gli galoppava nel petto. Tommy sollevò lentamente le palpebre e lo fissò.
Mike sorrise. «Adesso sei stato baciato.»
Tommy sembrava del tutto sbalordito. «Wow.» Si toccò le labbra con le dita e sorrise. «Direi proprio di sì.»

Quello che per Mike è scontato e quotidiano (lavorando nel campo dell’intrattenimento per adulti da vent’anni e in un pub gay friendly molte sere a settimana, ci sono ben poche cose in grado di sorprenderlo), per Tommy è tutto una scoperta. Tommy è infatti cresciuto in una famiglia stretta e conservatrice, che ascolta solo (o poco ci manca) le parole del pastore e considera gli omosessuali come abomini, facendo il segno della croce contro tutto ciò che si discosta da quella che per loro è la “normalità”.
C’è però qualcosa di nuovo da scoprire anche per un uomo che è ormai convinto di aver visto tutto quello che la vita poteva offrirgli, e saranno proprio queste prime volte a renderlo un personaggio molto umano.

«È tutto ok. Tutti sono nervosi la prima volta. Tutti hanno paura di fare qualcosa di sbagliato.» Mike sorrise. «E sono d’accordo con te. Finora è stato molto bello. Ma sai una cosa?» Il suo sorriso diventò un ghigno. «Sta per diventare ancora meglio.»

La differenza di età tra i protagonisti c’è, si nota, è rilevante ai fini della storia, tuttavia non disturba affatto. Anzi, ci permette di scoprire due punti di vista completamente diversi: tramite gli occhi di Tommy vediamo il mondo come lo vede un ventenne, le sue scoperte, le cose che lo affascinano, quelle che lo eccitano, quelle che lo spaventano e anche quelle che lo fanno soffrire; allo stesso tempo, attraverso gli occhi di Mike siamo in grado di vedere un mondo totalmente opposto: quello di un uomo ormai adulto che vive la propria omosessualità senza limiti fisici e mentali e che ha fatto del sesso il proprio mestiere.
Altrettanto ben definiti sono i personaggi secondari. Ho sviluppato una sorta di dipendenza sia per il miglior amico di Tommy, Ben, sia per i colleghi di Mike, Kevin e Patrick, simpatici ed estroversi baristi in grado di strappare una risata a Mike anche quando ridere è l’ultimo dei suoi desideri.
Non aggiungo altro se non che è un libro da leggere, perché come sempre la Wells ci regala una storia a tutto tondo fatta di dolcezza, di scoperte, di passione (mai volgare), di amore e di complicità. Una storia che, in definitiva, vorremmo vivere un po’ tutti.

emozionante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...