Pubblicato in: dreamspinner press, recensioni, recensioni in anteprima

Recensione in anteprima “Basta un giorno” – Mary Calmes

o-basta-un-giornoTitolo: Basta un giorno
Autore: Mary Calmes
Serie: The Vault #1
Genere: Suspance
Casa Editrice: Dreamspinnerpress
Prezzo: 4,04€
Link all’acquisto: Basta un giorno

SINOSSI

Quando si lavora per la mafia, può capitare di dover uccidere molte persone in tanti modi diversi. Ceaton Mercer ha stivato gli ultimi due cadaveri in un capanno degli attrezzi che appartiene a un adorabile ricercatore marino che abita in un’idilliaca comunità isolana, ma non è poi così cattivo. Con il tempo si è trovato una specie di casa e forse anche un posto nel cuore delle persone con cui lavora, o almeno quanto basta perché non gli piantino un proiettile in testa quando smette di essere utile per il boss.
Ma non ha mai immaginato che un solo giorno potesse cambiargli la vita, ed è sul punto di scoprire quanto si sbaglia.
Gli basta un giorno per incontrare l’uomo che sembra essere quello giusto, l’amore della sua vita. Sembra inconcepibile che un uomo che si occupa di morte possa trovare l’amore, ma è come se fosse destino. Gli basta un giorno, che si fa sempre più strano e in cui i problemi si accumulano, per costringere Ceaton a riflettere sulla sua cupa esistenza e ad accettare che in ventiquattro ore tutto può cambiare, perfino lui stesso. Il suo futuro potrebbe rivelarsi più luminoso di quanto si aspettasse, ma dovrà restare vivo abbastanza a lungo da scoprirlo.

recensionelady

“Quando ero diventato un Marine l’avevo fatto per aiutare il mondo, fare del bene, cambiare vite, ma non c’era modo di portare dei cambiamenti importanti, e io ero un singolo individuo… Lavorare per Grigor era più o meno la stessa cosa. Strappavo via un’erbaccia e un’altra cresceva subito al suo posto. La differenza era che a volte, se scavavo abbastanza a fondo e bruciavo tutte le radici, rimaneva morta.”

Chi si è appena presentato è Ceaton, un ex Marine, il protagonista di questo emozionante libro di Mary Calmes!
Attendo sempre con ansia le pubblicazioni di questa autrice, non me ne perdo una perché so già in precedenza che non rimarrò delusa.
Anche stavolta la Calmes mi ha convinta e con una storia diversa dal solito, nel senso che è meno zuccherosa delle sue serie precedenti, più adrenalinica, impostata più sull’azione e spargimenti di sangue, visto che è ambientata nella malavita originaria dell’Est Europa ma ormai ben radicata sul territorio statunitense. Non mi aspettavo che il suo nuovo protagonista passasse dalla luce all’ombra e si mettesse al servizio di un sanguinoso boss.
Non sono una fanatica del mafia romance, nel senso che preferisco gli eroi ai killer, ma devo dire che questa serie promette davvero bene.
La cosa che mi ha colpita di più del libro è che per i tre quarti al centro dell’attenzione c’è Ceaton, la sua vita all’interno dell’organizzazione malavitosa e i suoi compagni di squadra, nonché famiglia acquisita. La sottostoria romantica viene a galla solo molto tardi per poi seguire il copione tipico della Calmes – che come sempre io adoro alla follia!- fatto di innamoramento istantaneo al primo sguardo e con un secondo protagonista bellissimo, irriverente, irresistibile al quale il povero Ceaton non potrà sfuggire!
Ceaton non ha mai conosciuto l’amore; lui stesso dice:

“Non ero mai rimasto ipnotizzato dal bagliore di un’altra persona. Non che io non volessi trovare un uomo che mi faceva girare per occhieggiarlo una seconda volta. Sognavo di trovare quello giusto, quello a cui sarebbe importato della mia mente quanto del mio corpo.”

Tutto quello che Ceaton aveva evitato, o forse non aveva ancora trovato, sta per piombargli addosso come una scarica elettrica; Ceaton dovrà fare da guardia del corpo a un giovane professore, nonché figlio illegittimo di un giudice invischiato nei traffici del suo boss. Ceaton preparati, perché il giovane Brin è praticamente un uragano di un metro e settanta, tutto riccioli e dolcissimi occhi castani! Non mi piace fare paragoni tra  i personaggi della serie di uno stesso autore, ma devo dire che se fossi stata la Calmes avrei dedicato qualche pagina in più a Brin, perché  quel ragazzo ha davvero una marcia in più: dolce, intelligente, ma anche buffo, divertente, sexy e manipolatore! Povero Ceaton… già cotto dopo cinque minuti:

“Scosse la testa, fissandomi con quello sguardo caldo. Ammaliato, fu questa la parola che mi venne in mente. In qualche modo quell’uomo mi aveva fatto un incantesimo… Ero il re del fatto e finito, ed ero sempre io a iniziare il contatto, senza eccezioni. Succedeva sempre tutto alle mie condizioni. Ero troppo grosso, troppo letale perché le cose andassero in un altro modo. Fino a ora. Fino a questo. Fino a lui…  Era una lotta inutile… Non aveva senso combattere. Non potevo vincere, soprattutto perché non volevo farlo. Sì, mi stava investendo come un uragano, ma io non volevo rinchiudermi al sicuro lontano da lui. Volevo il suo tipo di pazzia nella mia vita.”

Ho scoperto con gioia che questo è solo il primo libro di una serie, è uscito l’anno scorso negli States, quindi mi toccherà pazientare per sapere chi sarà il protagonista del secondo libro, anche se mi piacere molto che fosse Marko.
Che dire poi di Luka e Pravi?
Chissà cosa ci riserverà la Calmes nel futuro, l’unica cosa certa è che un giorno può davvero cambiarti la vita, scombussolarla e farti capire che deve essere vissuta sempre a pieno, in ogni suo singolo istante. Tutti abbiamo diritto alla felicità, anche se non crediamo di esserne degni, Ceaton lo sta imparando un giorno alla volta grazie a Brin:

“Che differenza faceva una giornata… lo avevo sempre sentito dire, e non ci avevo mai creduto. Ma adesso lo sapevo. Adesso non avrei mai dato il tempo per scontato, niente affatto, mai più. Era troppo prezioso, e lo era anche l’uomo nel letto con me. Lui era un dono, e io avrei sfruttato al massimo ogni secondo… Nessuno mi aveva mai voluto come mi voleva quell’uomo: nessuno aveva mai avuto un bisogno di me così feroce, nessuno aveva mai avuto ogni parte di me, corpo e anima, da reclamare. Gli avrei dato qualsiasi cosa mi avesse chiesto.”

emozionante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...