Pubblicato in: recensioni, self publishing

Recensione “Distacco professionale” – Silvia Violet

518bavbfdvlTitolo: Distacco professionale
Autore: Silvia Violet
Editore: Amazon
Genere: Contemporaneo MM
Prezzo: €3,99 e gratis con KU
Link all’acquisto: Distacco professionale

SINOSSI:

Thornwell Shipton è ricco, conservatore, gay non dichiarato e un incurabile maniaco del lavoro. Una tragica storia d’amore l’ha lasciato terrorizzato riguardo alle relazioni, sul fatto di rischiare il proprio cuore ed essere di nuovo ferito, quindi dice a se stesso che il sesso è meglio se pianificato e a pagamento.

Riley Dashwood è giovane, accomodante e sta bene nella propria pelle. È un fornaio appassionato e un aspirante chef, che lavora come escort risparmiando per la scuola di cucina.

Sono chiaramente fatti l’uno per l’altro.

Quando Thorne ingaggia Dash, è lussuria al primo sguardo. Dopo alcune torride notti insieme, entrambi cominciano a chiedersi se quello che c’è tra loro sia più che fisico, ma la differenza d’età e la resistenza al romanticismo li spaventa, quando si tratta di trasformare la loro relazione da professionale a personale.

Dash spinge Thorne ad ammettere di volere delle cose che si è negato per anni. Cose particolari. Cose tenere, premurose. Cose che lo forzino ad aprire il suo cuore, non solo il suo corpo. Per andare avanti, uno dei due dovrà rischiare e chiedere ciò che vuole davvero.

recensionefra

Era da tantissimo che stavo aspettando questa nuova uscita della Quixote Translation, e finalmente proprio qualche sera fa, ho avuto per le mani “Distacco professionale”, di Silvia Violet. Ammetto che la tematica mi affascinava già molto, adoro il gap generazionale soprattutto quando è ben scritto, quindi le mie aspettative erano davvero molto alte. E sono felice di dirvi che non sono rimasta affatto delusa.
Thorne è un uomo di quarantadue anni che è abituato da tutta la vita ad ottenere quello che vuole. È un uomo di successo, maniaco del controllo sia nell’ambito professionale che in quello personale ed è così dedito al suo lavoro da aver dimenticato totalmente che esiste anche altro nella vita. Nonostante sia uno stacanovista, però, Thorne non riesce a rinunciare ai suoi venerdì, unico giorno in cui si concede un momento per se stesso. Peccato che deve pagare un escort per avere ciò che vuole… E quando alla sua porta si presenta Dash, un giovanissimo escort affascinante e sexy,  Thorne inizierà a rendersi conto che la vita, la sua vita, è finalmente pronta per qualcosa che va oltre il lavoro.
Beh, cosa posso dire di questo libro se non wow? Si, mi è piaciuto e anche molto! Amo particolarmente le storie alla Pretty Woman, lo ammetto, e ne ho lette anche molte all’interno di questo genere ma questa mi ha davvero affascinato.
Partiamo intanto dai personaggi, che sono le mura maestre sulle quali poggia tutta l’impalcatura del palazzo. Thorne e Dash sono due uomini totalmente diversi. Il primo aspetto che li differenzia è l’età: Thorne ha quarantadue anni, Dash ne ha ventidue. E se qualcuno possa pensare che due uomini così distanti anagraficamente possano non avere nulla in comune… Non c’è nulla di più sbagliato. Uno dei punti focali di questo libro, è proprio la diversità che trova un suo equilibrio anche se precario, nei preziosi momenti che i due amanti passano insieme.
Thorne nei momenti che trascorre con Dash, fa cadere gradualmente le sue barriere e fa emergere il suo bisogno di essere preso per mano, condotto, guidato non solo verso il piacere fisico, ma anche verso uno stato mentale privo di costrizioni, doveri, oneri e responsabilità.
Dash è un ragazzo semplice, ma bravissimo nel suo lavoro. Ha una vita privata che custodisce gelosamente, come il suo nome vero che nessuno dei suoi clienti conosce. Ciò che però Dash non si aspetta, è la profonda connessione che si trova a dover gestire con Thorne.
I due uomini, già dal primo incontro, sembrano navigare sulla stessa lunghezza d’onda. Thorne ha dei bisogni che Dash sembra saper gestire in modo perfetto. Questa sintonia… Questo legame è ciò che rende questa storia bella ed emozionante. Complimenti all’autrice per aver costruito a piccoli passi, un rapporto fatto di tante sfumature diverse. Non c’è pietismo, in questo libro, nessuna digressione sua moralità riguardante il lavoro di Dash e questo è un aspetto che ho apprezzato. Ho letto molti libri in cui si parlava di escort, ma questo è il primo dove sono i sentimenti i veri protagonisti, l’introspezione è in primo piano. La crescita di un legame che va oltre il rapporto fisico, la comprensione e la delicatezza con la quale Dash si avvicina a Thorne. Bellissima la dicotomia tra di loro, il continuo cedere e prendere il controllo, il bisogno che entrambi hanno l’uno dell’altro.
Dash e Thorne sono due uomini che sanno quello che vogliono, ma che non hanno ancora capito che la loro ricerca è terminata nel momento in cui i loro sguardi si sono incontrati.

“Distacco professionale” è un libro che apprezzerete per la sua ruvidezza e sensualità ma anche dolcezza e tenerezza. Un libro dove il sesso, che è parte integrante della storia (inutile negarlo), è descritto in modo approfondito, sempre in connessione con i sentimenti dei protagonisti, dove le tinte BDSM si intersecano con il bisogno di sentirsi liberi, desiderati, amati.
Dolcissima la fine, che accontenterà anche gli animi più romantici. Complimenti a Silvia Violet, e spero vivamente di poter leggere anche la storia di Marc, personaggio interessante che mi ha colpito fin da subito!

emozionante

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...